Infermiera gentile/Infermiera cattiva

661Report
Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon.

Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di "Nurse Nasty" per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento.

Anche la mia storia "Reluctant Kidnapper" è in preparazione per essere terminata e pubblicata presto. Cercalo su Amazon con lo pseudonimo di ZondarTheBear.




Infermiera gentile/Infermiera cattiva
Di ZondarL'Orso
(Un pezzo di accompagnamento a "The Nerd With The Footlong Dong"


La storia di come è iniziata...


Avrebbe potuto posare lo straccio e prendere la brocca di plastica per la pipì che era sicura nascondesse in uno dei cassetti vicini, ma il suo cazzo era così carino e così incredibilmente moooolto lungo che dovette lasciarlo scivolare tra di lei labbra morbide quando iniziò a urinare inaspettatamente.

Il povero ragazzo era rimasto in coma per quasi tre mesi dopo essere stato investito da una vecchietta che non avrebbe dovuto guidare. Quando è entrato per la prima volta, sembrava un inferno, rotto e sanguinante, ma ora, dopo undici settimane di permanenza nel letto d'ospedale, lentamente guarendo dalle ferite, sembrava davvero dannatamente bello, anche se un po' giovane.

Sapeva che in realtà aveva diciotto anni, nonostante l'aspetto giovanile che presentava mentre giaceva con gli occhi chiusi nella stanza dell'ospedale privato.
Avevano tolto il respiratore il pomeriggio precedente e ora non c'era niente che dicesse 'coma' nel povero ragazzo; sembrava solo che stesse dormendo.

Mancava meno di un mese al diploma della scuola per infermiere e passava i fine settimana ad aiutare all'ospedale locale, facendo quel lavoro scarso che le vere infermiere non avevano il tempo di fare.

Funziona come fare un bagno di spugna a un giovane paziente in coma.

Era abbastanza brava nel suo lavoro, non importa quale fosse quel lavoro. Aveva già spugnato questo particolare paziente e non vedeva l'ora di fare un altro giro con il suo cazzo gigante. In realtà non aveva fatto niente di sbagliato in passato, al massimo si era trattenuta solo un po', lasciando che la salvietta calda vagasse sui suoi undici pollici per qualche secondo in più del necessario, ma questa volta le cose si sono un po' complicate. di controllo.

Lo aveva perfettamente pulito dalla testa alla vita e dalle cosce alle dita dei piedi in meno di un minuto, ma la sua figa iniziò a gocciolare mentre le sue dita cercavano la sua carne molle per far scorrere il panno caldo sulla sua lunga, lunga superficie.

Anche completamente morbido, il suo cazzo era il miglior esempio di carne maschile che lei avesse mai visto. Se fosse stato di dimensioni normali, circa quindici centimetri, sarebbe stato considerato "grosso", ma la sua lunghezza da serpente lo faceva sembrare magro e grazioso, con un nocciolo rosso scuro, quasi viola, attaccato all'estremità.

Le mani di lei, coperte dal panno fradicio e pieno di schiuma, corsero su e giù per tutta la sua lunghezza, insaponandogli il sacco di noci e lasciando una pozzanghera di bolle sui radi peli pubici.

Scivolò sulla sua pelle morbida per un bel po' di tempo, sforzandosi di impedire alle dita di scivolare sotto la gonna e giocare con la sua figa che perdeva.

Finché non iniziò a rassodarsi sotto la sua mano.

Nei due mesi in cui era stata in ospedale lui era stato agganciato a un'incredibile pletora di macchinari che sostenevano la vita, e non si era mai mosso sotto le sue dita, ma ora si stava contorcendo. Altro che spasmi. Il suo cazzo floscio non era più così floscio e stava crescendo. Crescente. CRESCENTE.
In pochi secondi, il suo cazzo era di ben due pollici più lungo di quanto lei l'avesse mai visto, per un totale di almeno tredici pollici e gli si appiccicò dritto lungo lo stomaco, sembrando tremare sotto l'asciugamano.

Si sedette sul bordo del letto, attenta a non spingere il paziente, e fissò la sua carne, la bocca aperta per lo shock. Il suo desiderio di affondare tutta la sua lunghezza nella sua bocca era quasi travolgente, ma si trattenne, sapendo che sarebbe stato sbagliato.

Poi ha iniziato a fare pipì.

Aveva mostrato tutti i classici segni di una persona in procinto di svegliarsi da uno stato comatoso prolungato e il medico aveva recentemente ordinato la rimozione del suo catetere insieme al ventilatore che aveva mantenuto i suoi polmoni funzionanti per tutti quei mesi.

Ora il suo cazzo perdeva piscio. Non molto, quanto basta per farle perdere il suo autocontrollo duramente combattuto. Era una segugia. Una dea dell'urina. Una donna che amava assolutamente i fluidi dorati. Non solo desiderava che uomini e donne pisciassero sulla sua pelle morbida e bella, ma ne soffriva assolutamente.

Amava la sensazione di un cazzo duro che spingeva in profondità nel suo buco del culo e rilasciava un torrente di fluidi gialli nel suo retto, quasi quanto amava la sensazione di un flusso di piscio caldo e zampillante che le riempiva la figa.

L'unica cosa che amava di più di tutto ciò era prendere un cazzo pisciato in bocca e bere, bere, BERE, finché non c'era più urina da ingoiare.

La sua mente sembrò spegnersi quando vide le prime gocce d'oro giallo formarsi una pozzanghera nel suo ombelico. Aveva quasi finito di lavare a lungo il suo lungo cazzo, il risciacquo della schiuma era quasi finito, e ora stava per infrangere ogni regola che l'ospedale aveva in atto, e forse qualche legge allo stesso tempo.

Lei abbassò la testa e la sua bocca scivolò sulla grossa punta viola del suo cazzo. La sua pipì era salata e meravigliosa. Il sapore le si riversò in bocca e sulle papille gustative.

Questo povero ragazzo aveva seguito una dieta liquida continua per quasi tre mesi e la sua urina era diventata una meraviglia; non avrebbe saputo descriverne il sapore sublime, anche se ci fosse stato qualcuno disposto ad ascoltare il suo racconto illecito.

Nel corso del tempo, il suo corpo si era abituato a lasciare che la sua pipì colasse nel tubo che sporgeva dal suo cazzo, quindi all'inizio non ha davvero lasciato andare con un flusso di piscio, ha solo gocciolato e gocciolato dentro di lei bocca.

Le sue labbra lavoravano sulla testa del suo cazzo, succhiando dolcemente, mentre la sua lingua scivolava intorno alla sua protuberanza viola. Non aveva mai sperimentato niente di simile a quello che stava accadendo, un continuo gocciolio di piscio che le bagnava la lingua con sapori salati, un'urina che non finiva mai di scorrerle in bocca. Era in paradiso, persa in un mare di piacere.

Prima che se ne rendesse conto, le sue dita erano sotto la gonna, spingendosi nelle sue mutandine e scivolando tra le labbra grasse della sua figa. Era bagnata fradicia, il suo succo fuoriusciva dalla sua fica calda. La sua clitoride che si contraeva era inondata dai suoi liquidi caldi di lava, schiacciando rumorosamente mentre le sue dita lavoravano per portarla a quello che sapeva sarebbe stato un orgasmo travolgente.

Mentre il suo dribbling iniziava lentamente a trasformarsi in un morbido ruscello, non le importava se il mondo intero entrava nella stanza, niente le avrebbe impedito di porre fine alla sua carriera se era quello che serviva per continuare a bere la sua pipì calda.

Succhiò più forte, la sua bocca si riempì lentamente della sua pipì. In poco tempo fu piena fino ai denti e dovette deglutire per fare spazio a altro del suo meraviglioso liquido dorato.

La sua bocca si mosse velocemente e la sua pipì le scivolò giù per la gola. L'odore della sua urina fresca che le esplodeva nella parte posteriore del naso mentre scorreva nello stomaco le fece girare la testa.

I suoi occhi si chiusero e la sua testa iniziò a oscillare su e giù, prendendo la maggior parte della sua punta grassa in bocca. La sua pipì iniziò a fluire più forte e lei deglutì una seconda volta.

Le sue dita iniziarono davvero a lavorare sulla sua figa soffice, inviando scariche elettriche lungo le sue gambe e lungo la sua spina dorsale. Gemette sommessamente mentre un fiotto di fluidi densi scivolava lungo la sua coscia sinistra.

Era vicina...così vicina...

Ha ingoiato la sua pipì una terza volta, poi una quarta. Il suo flusso si stava trasformando in una fontana che sparava forte che la stava rapidamente riempiendo ancora e ancora. Lei leccò e mosse la testa, succhiando sempre più forte.

L'urina si interruppe bruscamente e lei gemette delusa, finché una goccia di sperma sputò fuori dal suo cazzo e le coprì la lingua. In pochi secondi, la sua bocca era completamente piena del suo denso sperma caldo. Un getto dopo l'altro di una sostanza appiccicosa dolce e salata esplose sulle sue papille gustative, mescolandosi con il sapore della sua urina e mandandola in un orgasmo convulso che la fece tremare e gemere nel letto accanto a lui.

Era sempre stata una squirter. La primissima volta che aveva usato le dita per raggiungere l'orgasmo, aveva completamente inzuppato le lenzuola. Sua madre era rimasta sorpresa fino allo shock quando aveva saputo che sua figlia aveva fatto il bucato senza essere infastidita per tutto il giorno.

Quando il suo giovane paziente le riempì bruscamente la bocca con più di una dozzina di grosse corde del suo dolce, dolce sperma, lei perse completamente la sua merda. Le sue cosce si chiusero sulla sua mano e un brivido la mandò in un mondo di piacere come non aveva mai provato prima, e non avrebbe mai voluto andarsene.

I suoi stessi liquidi erano diventati più densi nel corso degli anni. La prima volta che erano usciti dalla sua figa stretta, erano stati poco più che acqua meravigliosamente profumata. Ora, dopo anni di incontri sessuali meravigliosamente sporchi, erano densi quasi quanto lo sperma che le riempiva la bocca e le scorreva in gola.

Trasudavano dalla sua figa come un lento fiume di sostanza appiccicosa, inzuppandole le mutandine e le dita, prima di scivolarle fittamente lungo la gamba per schizzare sul pavimento di piastrelle accanto al letto d'ospedale.

Sua sorella minore aveva condiviso una stanza con lei per tutta la sua infanzia, quindi era diventata piuttosto esperta nel venire in silenzio, non importa quanto volesse urlare e dimenarsi.

L'orgasmo del suo paziente alla fine pulsò fino a una fine tranquilla e lei inghiottì l'ultimo dei suoi fluidi densi, facendo scorrere la lingua intorno e intorno alla sua testa. Lei sobbalzò e gemette quando la sua pipì cominciò improvvisamente a riempirle di nuovo la bocca. Sospirò di piacere quando un pensiero vagante sull'acquisto di un biglietto della lotteria attraversò il suo cervello confuso dal sesso.

Il suo stomaco era pieno fino a scoppiare quando lui finalmente si fermò caldo e umido nella sua bocca. Sobbalzò, terrorizzata, e si bloccò quando sentì una mano toccarle la nuca.

I suoi occhi si alzarono e si fissarono su quelli del paziente. Erano aperti per la prima volta da mesi, e il suo sguardo spalancato le fece pensare che avesse capito perfettamente cosa gli stava succedendo. Il suo cuore iniziò a martellarle nel petto, facendo sobbalzare leggermente i suoi grossi seni sotto il camice viola da studentessa-infermiera.

Il suo cazzo si contrasse nella sua bocca e lei lo lasciò scivolare tra le sue morbide labbra rosse. Gli cadde sulla pancia e lei si sedette lentamente, lasciando che la sua mano scivolasse dalla sua testa, lungo la sua spalla e giù sulla sua coscia, sicura che avrebbe iniziato a urlare 'stupro' a squarciagola.

Il suo viso si contrasse e un'espressione di confusione apparve sui suoi giovani lineamenti. Si voltò bruscamente e iniziò a vomitare oltre il bordo del letto. Si rimise rapidamente a posto il suo camice paziente, gli spianò le coperte sulle gambe, raccolse le scorte di spugna da bagno e uscì dalla stanza.

La postazione delle infermiere era a pochi metri lungo il corridoio e lei si affrettò a dire all'infermiera responsabile, una donna gentile e corpulenta, che la paziente era sveglia e aveva bisogno di un aiuto che andava oltre i suoi limitati doveri. Proprio mentre si fermava, il pulsante di aiuto dalla stanza del suo paziente si illuminò e l'infermiera responsabile si allontanò in fretta dalla scrivania.

***

"Sembra che il nostro paziente sia finalmente sveglio." Disse l'infermiera responsabile mentre salpava accanto a Regina, la studentessa infermiera assegnata al piano come tracciatrice di caramelle.

Regina sospirò e andò allo sgabuzzino per occuparsi della sua attrezzatura per il bagno di spugna. Era sicura che il paziente avrebbe raccontato all'infermiera capo quello che gli era successo e sarebbe stata licenziata prima che il pomeriggio fosse finito.

Si sedette e aspettò, contemplando il suo futuro. Pochi minuti dopo l'infermiere capo sgattaiolò fuori dalla stanza e aggredì uno degli inservienti di passaggio. Lo guidò nella stanza e tornò alla postazione delle infermiere con un sorriso sul viso.

Ignorò la confusa Regina e cominciò a comporre il numero del telefono. Si infilò il ricevitore nella spalla e guardò la sua studentessa infermiera.

«È sveglio. Sembrava un po' spaventato finché non gli ho dato i suoi occhiali; la povera cosa è cieca come un pipistrello senza di loro. Una volta che gli ho spiegato quello che potevo, mi è sembrato molto meglio...”

Lei sobbalzò mentre la chiamata veniva presa dall'altra parte e cominciò a vomitare istruzioni nel telefono. Regina sospirò di nuovo quando si rese conto che avrebbe potuto farcela con il suo lavoro intatto e giurò che non avrebbe mai più fatto niente del genere.

FINE

Storie simili

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.7K I più visti

Likes 0

Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore: Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato. Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me...

529 I più visti

Likes 0

Sesso telefonico con Patricia

Mentre di recente guidavo verso la mia prossima destinazione per un viaggio di lavoro, ho pensato alla calda lettera che la mia bellissima moglie aveva inviato alla mia ultima posizione. Mia moglie Patricia è una splendida mora con bellissimi seni 35D, un culo caldo e cosce da abbinare! La lettera diceva: Mio carissimo amante, Sto pensando così tanto a te in questo momento... Mi fanno male i lombi. Ho appena fatto qualcosa di cattivo e sexy... spero ti piaccia! Mi sono rasato TUTTI i peli dalla figa. Oh, piccola! Poi sono andato sotto la doccia e mi sono insaponato. Faceva caldo!!...

411 I più visti

Likes 0

Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla! capitolo 3 «Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. Chi era? Qualcuno che conosciamo? «No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.» «Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi? Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake. Com'è il suo ragazzo? chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile...

307 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

307 I più visti

Likes 0

Orario alternativo

Sono il direttore di un complesso carcerario speciale nell'America centrale del Sud e i miei prigionieri appartengono a una categoria unica a causa della natura dei loro crimini. Le prigioniere qui sono tutte donne attraenti... e hanno avuto la possibilità di scontare tre mesi qui girando video porno sporchi... o scontare dieci anni nelle prigioni governative... un'alternativa spiacevole nella migliore delle ipotesi. Le carceri governative sono sovraffollate... e mal gestite, e corrotte... e le donne che scontano lì sono inevitabilmente danneggiate fisicamente e mentalmente per tutta la vita... sempre che siano abbastanza fortunate da sopravvivere alla dura prova. Le donne che...

286 I più visti

Likes 0

La settimana in cui ho tradito - parte 1

Non avevo molta voglia di uscire, ma era meglio che restare sola e annoiata a morte in caserma quel venerdì sera. Essendo il ragazzo più anziano del plotone e l’unico sposato, ho pensato che non ci sarebbe stato molto da fare per me al club della base. Se non altro, ho pensato che avrei semplicemente preso un paio di birre e giocato un po' a biliardo mentre i miei amici facevano le loro mosse e provavano a ballare un po' con le donne del posto. Per lo meno, avrei potuto assistere a una discreta rissa da bar, una delle quali era...

186 I più visti

Likes 0

Primo timer_(0)

**questa è una fantasia. Sì. una fantasia. Uh Huh.** sono andato al Walmart e stavo dando un'occhiata ai nuovi DVD e ai giochi. mentre ero lì un bambino si avvicinò e iniziò a giocare. aveva circa 11 o 12 anni. Non sono sempre attratto dai ragazzi molto più giovani di me, ma questo ragazzo era dannatamente sexy. sembrava un ragazzino skater con i suoi pantaloncini larghi. era un po' più basso di me, biondo con gli occhi castani. mentre lo guardavo continuava ad aggiustarsi l'inguine. stavo diventando duro. Volevo avvicinarmi a lui, ma avevo paura perché era così giovane. guardò oltre...

160 I più visti

Likes 0

Qualcosa in più Parte 2_(1)

Questo è il secondo capitolo di una serie. Assicurati di leggere prima la prima parte! Dopo il disastro con Matt ero indeciso su chi uscire dopo. Volevo ancora un vero uomo dentro di me nonostante quanto fosse brava Tina con il vibratore. D'altra parte, avevo superato la fase passiva e volevo inculare qualcuno. Non mi importava a chi appartenesse... La settimana è volata e ho pensato che sabato sera sarei andato all'Eric's, uno dei miei club preferiti, e avrei incontrato chiunque potessi. A questo punto semplicemente non mi importava. Ero arrapato, i miei ormoni erano in tempesta e non vedevo l'ora...

140 I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

137 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.