Un tranquillo interludio

102Report
Un tranquillo interludio

Sto ai piedi del tavolo e ti guardo intensamente. Il silenzio sta provocando il caos sui tuoi sensi già sovraeccitati. I miei occhi viaggiano sul tuo viso prendendo nota della leggera apertura delle tue labbra, del solco tra le tue sopracciglia e del dilatarsi delle tue narici, tutti segni della tua consapevolezza accresciuta. Il mio sguardo si interroga sui muscoli della parte superiore delle tue braccia, serrati e tesi, sui polsini di pelle attorno a ciascun polso, collegati tra loro e tenuti sopra la tua testa con un unico laccio. Anche se posso seguire il cavo solo fino al bordo del tavolo, so che dopo essere scomparso dalla mia vista, la spessa corda nera si avvolge per viaggiare sotto la lunghezza del tavolo e si separa in doppi cavi che alla fine legano ogni piede a un tavolo gamba.

Mentre ti guardo sdraiato lì, nudo e tremante davanti a me, non posso fare a meno di eccitarmi alla vista di te. Anche se ti sei sottoposto volontariamente alle restrizioni, la benda che ora ti tiene in uno stato di costante consapevolezza è stato un bonus che non ti aspettavi. So che ne eri eccitato però; il gemito sommesso che è sfuggito alle tue labbra mentre l'ho fatto scivolare sui tuoi occhi come un regalo morto. Conosco il tuo corpo come conosco il mio; ogni contorno, ogni difetto mi è familiare come il mio stesso viso. So che sei eccitato e so che sei nervoso.

Dopo aver infilato la pesante benda di pelle, mi sono spostato nel punto in cui ora sto a guardare e aspettare. Ho visto i tuoi capezzoli indurirsi per il freddo e per i nervi. Ho visto il tuo respiro passare da lento e costante a superficiale e veloce. Ora guardo mentre la tensione nei tuoi muscoli si accumula e il tuo corpo si stringe in trepidante anticipazione. C'è un sottile strato di umidità sulla pelle e il polso nel collo è visibile mentre il cuore batte all'impazzata nel petto. Non posso credere che tu sia stato in silenzio. Ho chiesto il tuo silenzio, ma ho dubitato a fondo della tua capacità di darmelo. Questa piccola misura di obbedienza fa salire le mie speranze. Fino a che punto mi lascerai andare? Quanto sopporterai prima di pronunciare le parole che richiederanno la tua liberazione? Ho questi piani per noi se solo ti fidi di me, ti arrendi.

Sono consapevole del momento esatto in cui raggiungi il tuo limite. Le tue labbra si schiudono e fai un unico respiro profondo per prepararti a parlare. Appoggio saldamente un palmo sul tuo ginocchio sinistro. Espiri di sollievo. Non sono sicuro che tu sia sollevato dal fatto che io sia ancora qui o che il gioco sia iniziato. Non importa il motivo, il tuo corpo si rilassa di nuovo sul tavolo, quiescente e immobile. Comincio a preparare la stanza intorno a te in modo che i miei piani vadano bene. I suoni stessi del mio travaglio sembrano calmarti e il tuo respiro torna alla normalità. Un sorriso da predatore solleva gli angoli delle mie labbra mentre immagino tutti i modi in cui ho intenzione di interrompere la tua calma attuale.

Il primo oggetto che attira la mia attenzione è un set di forbici da toelettatura. Di recente ti avevo chiesto di smettere di raderti la zona pubica, anticipando il giorno in cui ti saresti messo saldamente nelle mie mani. Raccogliendoli, torno a stare in piedi tra le tue cosce aperte. Fissando il tuo viso, sono curioso di sapere quale sarà la tua reazione al prossimo suono. La mia attenzione viene ricompensata quando tutto il tuo corpo sobbalza contro le restrizioni mentre le forbici si animano. Appoggio i regolabarba vibranti contro la pelle dell'interno coscia e ti irrigidisci. Il tuo petto si solleva mentre il tuo respiro diventa irregolare. Non hai idea esattamente di cosa stia inviando le minuscole vibrazioni attraverso le tue aree più sensibili, solo che le sensazioni sono lì. Con la mano libera, afferro i peli pubici che stai sfoggiando e li tiro via con decisione dalla pelle. Mentre le forbici si muovono sotto le mie dita e si avvicinano alla tua pelle, ti sfugge un lamento, abbastanza forte da poter essere udito sopra il ronzio dei tagliasiepi. In un riflesso di difesa automatico, il tuo ventre piatto si ripiega su se stesso, diventando concavo mentre il tuo corpo si prepara a fuggire o combattere. Ci vuole solo un momento perché la comprensione appaia e la posizione difensiva si rilassi un po'.

Durante i primi passaggi, le forbici non toccano mai la tua pelle, togliendo solo le estremità del cespuglio che hai cresciuto. Quando l'eccesso è stato tagliato via, poso un palmo caldo sulla tua coscia, ordinandoti silenziosamente di rimanere fermo. Appoggio la testa del tagliacapelli contro la tua pelle e comincio a radere i peli rimanenti. Sebbene le forbici siano nuove di zecca, so che spesso si prendono un pelo e si tirano. Sono ansioso di vedere la reazione del tuo corpo a questi forti strattoni di dolore. Muovendomi lentamente, trascino i trimmer su ogni contorno, ogni angolo. Il tuo corpo risponde con evidente eccitazione, le vibrazioni delle forbici strimpellano le tue terminazioni nervose più sensibili. Mi alzo e mi separo, colpisco e accarezzo, rassicurandomi che il lavoro è stato fatto. Quando il tuo inguine è il più liscio possibile con lo strumento a portata di mano, prendo un grosso pennello per il trucco dalla mia scorta. Le sue setole sono morbide e consumate. Lo sfioro delicatamente su tutto il tuo inguine, ogni colpo un sussurro di tocco che spinge il tuo corpo più a fondo nella fantasia.

Mi senti mentre mi allontano da te ancora una volta. Ora c'è il suono dell'acqua che scorre e la tua mente vaglia freneticamente tra le centinaia di possibilità. I suoni del mio ritorno non fanno nulla per calmare i tuoi pensieri in corsa. C'è il minimo movimento d'aria attraverso il tuo petto e prevedi il mio tocco lì. Rimani sorpreso quando invece si avverte la sensazione di tepore umido sul tuo centro ormai glabro. Un asciugamano caldo drappeggiato con cura sull'area rasata di recente ammorbidirà le setole rimaste. Il calore ti calma ancora una volta e aspetto che il tuo corpo sia completamente rilassato prima di posizionare un cubetto di ghiaccio modellato direttamente sul capezzolo sinistro. Quando il nocciolo si indurisce in rivolta, si modella in una minuscola fessura nel cubo e serve solo a tenerlo in posizione. Un altro gemito viene forzato dalle tue labbra e le onde sonore sembrano viaggiare dritte verso la mia fica. Riesco a sentire il mio stesso corpo pronto per l'orgasmo.

Percepisci un nuovo cambiamento nella mia posizione, ma le sensazioni in conflitto nel tuo capezzolo e nell'inguine ti distraggono dal concentrarti troppo su di me. All'improvviso l'asciugamano viene rimosso e il vento di un singolo ventilatore a soffitto sopra la tua testa manda i brividi sulla pelle calda. Identifica rapidamente il suono successivo come il sibilo della crema da barba che viene espulsa dalla lattina. Immediatamente sulla scia di quel pensiero c'è la sensazione della schiuma fresca mentre viene applicata sulla pelle. Poi, il solletico dell'acqua ghiacciata che gocciola lungo il lato del petto. Più movimento e poi calore, il glorioso calore della mia bocca mentre copro il cubo che si scioglie e il tuo capezzolo in un unico movimento. Spostando il cubo da parte con la lingua, succhio energicamente il nocciolo duro, riscaldando l'area fredda con l'attrito e con il mio stesso calore. Mentre il sangue e la sensazione ritornano in quest'area, vieni nuovamente preso alla sprovvista mentre applico un altro cubo al capezzolo destro trascurato. Prima di staccare la bocca da sinistra, mordo dolcemente con i denti, solo per sentirti contrarsi sotto le mie mani e la mia bocca. Il tuo corpo si inarca per incontrare la mia bocca e la tua eccitazione cresce.

Gemiti di delusione mentre la mia bocca ti lascia e di nuovo, eccitata mentre le mie dita accarezzano le tue parti più sensibili. Il delicato sondaggio delle mie dita ti stuzzica, creando un dolore profondo nel tuo intestino. Le diverse sensazioni stanno arrivando velocemente e duramente e il tuo corpo risponde rapidamente a ciascuna nuova. Il graffio di un rasoio sul tuo inguine, la morbidezza della mia mano che si trascina sulla sua scia e il delicato soffio d'aria servono tutti ad aumentare l'eccitazione che non riesci a controllare. Quando sono soddisfatto della levigatezza della tua pelle, pulisco l'area con l'asciugamano che avevo messo da parte prima, quindi mi allontano per aspettare ancora.

Questi lunghi momenti di silenzio e di incertezza ti rendono sempre più ansioso. Guardo, affascinato, mentre combatti l'impulso di contorcerti. I tuoi muscoli si tendono lentamente e le tue natiche si spostano leggermente contro il legno liscio del piano del tavolo. Muovendomi il più silenziosamente possibile, recupero una lunga candela che avevo acceso mentre cercavo di creare l'atmosfera per la serata. Quando la prima goccia calda colpisce il tuo stomaco teso, il tuo respiro sibila tra i denti e il tuo corpo si ritrae sorpreso. Diverse altre gocce vengono rilasciate in rapida successione mentre sposto la candela a sud, verso i tuoi piedi. Una singola goccia trova il suo segno nel tuo stesso centro e sono stupito dai fluidi che iniziano a fuoriuscire da dentro di te. Sapendo che sei eccitato quanto me, lascio andare ogni ansia che ancora nutrivo e comincio a giocare sul serio.

Salgo sul tavolo in modo che la mia fica sia direttamente sopra la tua bocca aperta. Voglio sentire il respiro uscire dalle tue labbra mentre continuo a torturarti con la cera fusa. L'improvviso dardo della tua lingua contro la mia fessura bagnata mi coglie di sorpresa e un gemito sfugge prima che possa fermarlo. In rappresaglia per il tuo improvviso coraggio, mi abbasso sulla tua bocca e macino la mia figa gonfia sulla tua bocca. Senza esitazione o rimorso, inizi a succhiare il mio clitoride. Mentre i miei fianchi iniziano a girare e l'orgasmo che bramo si avvicina, tu rilasci il mio clitoride e usi la lingua per scavare nel profondo del mio centro dolorante, scopandomi lentamente con l'unica appendice che puoi. Incapace di controllarmi, comincio a gobbarti il ​​viso sul serio, raggiungendo…..raggiungendo l'orgasmo che è così vicino ora. Quando la tensione dentro di me raggiunge il picco, la mia fica si stringe intorno alla tua lingua e un flusso di liquidi ti inonda la bocca. Un gemito acuto non lascia dubbi sui risultati della frustata della lingua.

Cado in avanti, le mani all'esterno dei tuoi fianchi, senza fiato. Mentre cerco di riprendermi dal violento climax, sento la tua lingua che bagna dolcemente lo sperma dalla mia fica. La tua lingua cade dolcemente nelle pieghe, salta leggermente sui picchi gonfi e pulisce ogni traccia dell'orgasmo che mi hai dato. In pura gratitudine, comincio a usare la mia lingua sul tuo corpo, tracciando i contorni del tuo addome, immergendomi leggermente nella fessura del tuo ombelico, e infine sistemandomi per circondare e stuzzicare i tuoi capezzoli duri. Amo il sapore della tua pelle, l'odore della tua eccitazione, la consistenza del tuo corpo.

Assecondando per un momento i miei bisogni, esploro semplicemente con le mani e la bocca, non più distratto dal compiacerti. Le mie mani vagano su di te in un massaggio sensuale che crea tensione piuttosto che alleviarla. La mia bocca assaggia ogni centimetro di te che può raggiungere, succhiando e assaporando, implacabile nella sua fame. Uso sensualmente la mia pelle per testare la morbidezza della tua, strofinando il mio corpo sul tuo in una danza antica quanto il tempo stesso. I miei capezzoli sfiorano il tuo inguine, i miei polpacci poggiano leggermente sulle tue guance, il mio ventre poggia sul tuo petto. Non riesco ad avvicinarmi abbastanza, il mio bisogno di te è così grande che mi modellerei nella tua pelle se potessi.

“Piccola, per favore….?” Le tue parole rompono la nebbia di sensazioni che ho creato e mi riportano al presente. La mia faccia a pochi centimetri dalla tua eccitazione mi concentro ora sulla copiosa quantità di fluido che scivola dal tuo corpo. Usando solo la punta della lingua, comincio a lavare via l'evidenza della tua eccitazione come avevi fatto per me solo pochi minuti prima. Al primo tocco, il tuo corpo sobbalza contro le restrizioni. Mentre premo saldamente contro la tua pelle, arricciando la lingua per leccare i tuoi succhi, un basso gemito vibra dentro di te. Il tuo corpo si tende sotto di me e i tuoi fianchi si muovono irrequieti mentre cerchi di manovrare la mia bocca sul tuo sesso in modo più completo. Un gemito frustrato urla la tua delusione mentre scivoli via dal tuo corpo per stare di nuovo accanto a te.

Facendo cadere leggermente una mano sul tuo basso ventre, comincio a tracciare piccoli cerchi appena sopra la tua zona pubica. “Shh, non ancora piccola. Sii paziente e ti ricompenserò", prometto. Passando di nuovo alla mia borsa, ti lascio in un'eccitazione confusa. La fase successiva della mia seduzione è fondamentale per i miei obiettivi finali. So che dovrò suscitarti oltre ogni ragionevole pensiero o non mi permetterai mai di realizzare la mia fantasia più segreta. Tornando a mettermi in piedi all'estremità del tavolo, tra le tue cosce, comincio a versare olio caldo sulla pelle della tua parte inferiore del corpo. Partendo dalle tue cosce, massaggio lentamente verso l'alto. Faccio scorrere le mani sulle tue gambe muscolose, dal ginocchio all'anca, ruotando lentamente e premendo profondamente. Mentre mi avvicino al tuo centro, riesco a sentirti teso sotto le mie mani. Evito quell'area sensibile che brama così tanto il mio tocco e ti sento rilassata in una frustrata delusione. Ancora e ancora, le mie mani viaggiano dalle tue ginocchia verso l'alto, ogni viaggio diventa leggermente più lungo del precedente. Massaggio la parte superiore delle cosce, l'interno, l'esterno e infine faccio scorrere le mani lungo la parte posteriore delle cosce facendoti alzare leggermente dal tavolo per darmi spazio di manovra. I tuoi fianchi sono in costante movimento ora, si alzano e si abbassano lentamente in relazione alla posizione delle mie mani. Inconsciamente, gemi senza sosta mentre il dolore dentro di te aumenta. Sei eccitato come non ti ho mai visto.

Lentamente, per non spaventarti, ti allontano dolcemente le natiche, facendo scorrere la punta delle dita sulla fessura, scavando solo leggermente tra di loro. Non c'è cambiamento nel tuo comportamento. Impastando le tue guance con le mie mani, sposto le mie dita sempre più a fondo tra le tue chiappe. Dopo lunghi istanti, ti sfioro il buco del culo con una sola cifra. I tuoi fianchi sussultano spasticamente, spingendo verso il basso e poi sussultando verso l'alto come se all'ultimo momento la tua mente avesse lottato per esercitare un po' di sanità mentale nel nostro interludio. Incoraggiato dalla tua reazione, ripeto il colpo. I risultati sono gli stessi, solo che questa volta i fianchi premono verso il basso con molto più entusiasmo e si spostano verso l'alto con molta meno convinzione. Estatico dei miei progressi, muovo un solo dito per sedermi leggermente contro la tua rosa, aspettando... volendo che tu faccia la prima mossa. Senza esitazione o pensiero ovvio, premi contro il mio dito e apri per la mia invasione. Mentre guardo la cifra scomparire dentro di te, sono sopraffatto dal bisogno di fotterti e faccio fatica a mantenere il controllo.

Sono in grado di far scivolare tutto il mio dito dentro di te al primo colpo. Una volta sepolto dentro di te, tengo ancora il dito volendo darti il ​​tempo di adattarti. Apparentemente non ce n'è bisogno, mentre inizi a muovere i fianchi su e giù sul tavolo, fottendoti con il mio dito. Verso altro olio caldo sul tuo inguine e sulla mia mano. Presto, tenterò un secondo dito. I tuoi movimenti frenetici mi dicono che non mi fermerai oggi. Alla fine prenderò il tuo buco del culo vergine.

Pochi istanti dopo, ho due dita che scivolano dentro e fuori dal tuo bocciolo. Il tuo anello si stringe intorno a me mentre continui a fottere l'aria. Ogni colpo sembra spingerti più vicino al bordo. Un terzo dito scivola dentro di te e la tua gobba rallenta. L'ustione è diventata abbastanza calda da distrarti dal tuo desiderio. Per riaccendere i fuochi dentro di te e spegnere il dubbio che si sta lentamente insinuando nella tua mente, mi chino in avanti e ti prendo nella mia bocca, succhiando dolcemente la fonte del tuo bisogno. Passa un solo secondo prima che tu riprenda la danza erotica che avevi abbandonato. Riesco a sentire il tuo anello anale rilassarsi e allentarsi, e la mia fica gonfiarsi e stringersi. È ora.

Recuperando un tappo di medie dimensioni dal pavimento accanto a me, applico l'olio dalla mia mano libera per tutta la sua lunghezza. Velocemente, tolgo le mie dita dal tuo corpo e lo sostituisco con la spina. Non voglio che ti irrigidisci prima di poterti preparare per la presa. Gemi in gola mentre la spina lentamente scompare dentro di te. Sperimentalmente, ruoti e incurvi i fianchi. I tuoi fianchi iniziano a muoversi rapidamente, su e giù, premendo con forza contro il piano del tavolo. Guardo il tuo corpo stringersi e pronto per l'orgasmo. Allungandomi, pizzico e torco rapidamente il tuo capezzolo destro abbastanza forte da distrarti dall'orgasmo incombente. "Ho detto non ancora, piccola", lo ammonisco con fermezza. "Ora sdraiati." In risposta, i tuoi movimenti cessano, ma posso dire che è difficile per te. C'è un flusso costante di liquido che scorre dal tuo sesso ora. Eri più vicino di quanto pensassi.

Spostandomi vicino alla tua testa, mi chino in avanti e infilo il mio capezzolo sinistro nella tua bocca. Avidamente inizi a succhiare. Le mie mani vagano per il tuo corpo, pizzicando i capezzoli e muovendosi più in basso per sfiorare il tuo centro. Massaggio, strofino, tiro e colpisco, esplorando il tuo corpo come se non conoscessi ogni suo contorno. Le sensazioni nel mio seno sembrano tradursi direttamente nella mia figa, come se fossero collegate da un filo sotto tensione. Ogni tiro della tua bocca risuona nel profondo delle mie mura. I fluidi fluiscono anche dal mio stesso corpo ora, preparandolo per ciò che verrà. Tirandomi fuori dalla tua bocca, mi chino per baciarti appassionatamente. Per un momento, esiti prima di perderti nel mio bacio. Sai che questa è la mia forma preferita di preliminari e dai il massimo. Le nostre lingue si intrecciano l'una nella bocca dell'altra, assaporando e stuzzicando; i tuoi denti si attaccano leggermente al mio labbro inferiore sapendo che questo è un punto caldo per me.

Piccole contrazioni mi attraversano la fica mentre le nostre bocche si accoppiano, ma sono semplici preludi a ciò che verrà presto. Sono lucido di desiderio e dolorante per il bisogno, ma voglio che questo sia un bene anche per te. No, voglio che sia straordinario, la cosa più eccitante che abbiamo mai fatto. Dopo oggi, non sono sicuro che abbandonerò mai questo controllo che mi hai dato. Se non ti piace questo, potrei non avere un'altra possibilità. Mi allontano dal tuo corpo, dalla tua bocca. Devo calmarmi e tu sei una distrazione troppo grande.

Mi giro e chiudo gli occhi, perché anche la sola vista di te legato ed eccitato è più di quanto possa sopportare in questo momento. Inevitabilmente, la mia mente si rivolge a te. Passo ancora una volta alla mia borsa di trucchi. Tiro fuori l'unico giocattolo rimasto e comincio ad applicare il lubrificante su entrambe le estremità. Il morbido gel del cinturino si piegherà e si adatterà ai tuoi contorni. L'estremità a forma di uovo opposta al dildo lo terrà saldamente in posizione una volta inserito nella mia fica. Potrò scoparti come farebbe un uomo, le mani che vagano sul tuo corpo mentre il fallo artificiale si spinge dentro e fuori dal tuo corpo.

Torno al mio posto tra le tue ginocchia, piegandomi per liberare i tuoi piedi dai loro legami. Tirando leggermente i tuoi fianchi, ti muovo finché il tuo culo non si trova appena oltre il bordo del tavolo. Alzando le ginocchia, le spingo indietro verso il petto. Usando una mano, ti tolgo il plug dal culo e lo sostituisco con la testa del dildo. Spinta lentamente, sono ipnotizzato mentre scompare lentamente dentro di te. Un gemito basso sfugge alle tue labbra mentre la tua verginità rimanente è presa. Muovendomi scrupolosamente lentamente, tengo sotto controllo i miei bisogni per darti il ​​tempo di adattarti all'intrusione. Mentre mi muovo dentro di te, l'uovo nella mia figa preme forte contro il mio punto g.

Una volta che l'intera lunghezza dell'asta è sepolta dentro di te, mi fermo, in attesa di valutare le tue reazioni. La tua espressione è di dolore misto a piacere. Il flusso costante di liquido dal tuo sesso mi dice che il piacere ha il sopravvento sul dolore. Guardo la frustrazione per la mia immobilità che ti spinge a dire: "Per favore, piccola... fottimi ora...". sussurri.

Le parole, così dolcemente pronunciate, rompono il tenue controllo su cui mi sono tenuto fino ad ora. Ritirandomi lentamente, sono ulteriormente eccitato dal piccolo gemito di delusione da parte tua. Comincio a scoparti lentamente, ma in poco tempo i tuoi miagolii di piacere si combinano con la stimolazione del mio stesso sesso per mandarmi dentro di te con passione e velocità. Posso dire che il tuo climax è vicino mentre i tuoi fianchi si piegano sotto di me, cercando di guidare il dildo sempre più in profondità nel tuo culo. Non sei più in silenzio, invece mi implori di scoparti più forte, più velocemente e più a fondo. Guardandoti involontariamente scoparti contro il dildo e ascoltando le tue suppliche urlate, il mio climax si sta avvicinando alla velocità della luce.

Mentre i primi spasmi dell'orgasmo fluiscono attraverso la mia fica, guardo anche lo sperma schizzare liberamente dal tuo corpo. Gridi il mio nome e io conficco le mie unghie corte nei tuoi fianchi mentre mi spingo in avanti un'ultima volta. Crollando sul tuo petto, il mio petto si solleva per lo sforzo. Sento che ti muovi sotto di me, lasciando cadere le gambe oltre il bordo del tavolo ancora una volta e tirando giù le mani da sopra la testa per riposare leggermente tra i miei capelli. Quando il tuo respiro si è calmato abbastanza da permetterti di parlare, solo 3 parole passano dalle tue labbra: "Grazie, padrona".

Storie simili

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

314 I più visti

Likes 0

Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto Cattivo se capisci cosa intendo. Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi? Ho chiesto. Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio...

304 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

356 I più visti

Likes 1

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

316 I più visti

Likes 0

Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna...

276 I più visti

Likes 1

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

306 I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

314 I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

245 I più visti

Likes 0

Che cosa hai fatto a Jessica?

Ho aperto lentamente gli occhi e ho visto una bella ragazza che dormiva accanto a me. La sua pelle morbida e pallida, gli occhi adorabili, le labbra succose, i capezzoli morbidi, i capezzoli succosi mi stavano facendo sentire quanto sono fortunato ad averla. Ricordo ancora la nostra relazione di allora prima che lei lasciata la casa. Non abbiamo mai avuto un rapporto fratello-sorella. Non parlavamo mai molto. Lei era impegnata nel suo mondo e io nel mio mondo. Aveva 8 anni più di me. Quindi non mi piaceva l'idea di stare a casa di mia sorella quando mia madre decise di...

313 I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

122 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.