Chiamami Tom

222Report
Chiamami Tom

Quella sera la sera d'estate era fresca, molto meno umida di quanto lo fosse stata la settimana precedente, e sembrava una buona notte per salire sulla veranda e godersi una sigaretta. Era abbastanza tardi per sapere che non avrei disturbato nessuno, anche se quello era il prezzo che si paga per vivere in appartamento, e rimasi in mezzo alla passerella, espirando dopo ogni lunga boccata. Gli insetti scricchiolavano e cinguettavano al chiaro di luna e, mentre stavo lì, ascoltavo attentamente il canto della notte. Mentre guardavo fuori dal balcone, potevo vedere che tutti i miei vicini avevano chiuso per la notte e non una sola luce filtrava dalle finestre. Se non fosse stato per tutte le creature che si muovevano, tutto sarebbe stato calmo e silenzioso come ci si potrebbe aspettare nell'isolato complesso di appartamenti.

Certamente non era una vita di lusso, ma il posto si adattava alle mie esigenze. Ogni edificio era a due piani, con scale da salire alle due estremità, e un'ampia passerella sormontava le porte del piano sottostante, dando accesso agli appartamenti del secondo livello. Mi ricordava un motel economico, la parte peggiore era che la gente passava mentre si trascinavano verso le loro destinazioni. Stasera il vialetto era vuoto e l'ho sfruttato a mio vantaggio, gettando la sigaretta di lato e nel prato sottostante. Mentre mi voltavo verso la porta del mio appartamento, sono rimasto sorpreso dal lampo luminoso che ha attraversato le persiane della finestra del mio vicino, e il mio cuore ha cominciato a battere forte all'inizio della luce improvvisa. Speravo che non stessero cercando me, dato che stavo solo cercando di godermi la piccola area assegnatami nel contratto di locazione.

Ero pronto a concludere la serata e rientrare dalla porta, quando ho sentito il grido soffocato del mio vicino "E adesso, Vaffanculo!"

Avevo incontrato il vicino una o due volte. Era una giovane donna, forse sulla trentina. Aveva i capelli lunghi, ma erano tinti e sembrava che cambiassero colore ogni volta che la vedevo. Anche se non posso dire di conoscerla bene, sapevo di non averla mai sentita urlare prima, e questo mi ha dato la possibilità di fermarmi. Ammetto che ho fatto il vicino ficcanaso e invece di entrare ho tirato fuori un'altra sigaretta accendendola con un semplice movimento del polso. Questa volta ho fatto un passo indietro e sono rimasto vicino alla mia porta. Ho aspettato per vedere se la luce si sarebbe spenta di nuovo, o se la discussione sarebbe continuata. Con mio grande sgomento, nessuna delle due cose ebbe luogo e, quando arrivai alla fine della mia seconda sigaretta, la mia storia di copertura era letteralmente andata in fumo.

Ho lanciato un'ultima occhiata alla finestra, sperando che qualcosa mi impedisse di entrare, ed è stato allora che ho notato la fessura tra la tenda e il bordo della finestra. C'era abbastanza luce da farmi pensare che avrei potuto dare un'occhiata all'interno, ma mi chiedevo se valesse la pena di essere catturato. Immagino di essere solo un deviante nel cuore, e sono strisciato fino al bordo, sperando in una vista all'interno.

Le persiane erano di serie, niente di personalizzato, e la mancanza di copertura mi ha dato mezzo pollice di apertura. Con mio grande disprezzo, ho dovuto ringraziare il padrone di casa per essere stato tirchio, e la donna all'interno per non aver avuto la previdenza di montare le decorazioni per le vetrine. Ho sbirciato nella fessura, portando in vista l'interno. Mentre esaminavo la stanza, ho potuto distinguere la televisione sulla parete opposta. Sotto c'era un centro di intrattenimento in legno scuro, qualcosa che potresti comprare al grande magazzino discount locale. Era ricoperto di dispositivi elettronici e cianfrusaglie, ma erano tutti sistemati lì con cura. Spostai di più lo sguardo attraverso la stanza. Al centro c'era un tavolino da caffè in stile vimini di bambù, che sembrava essere un vero scarto delle importazioni del Molo 1, ma vendono quelle cose a qualcuno. A quanto pare avevo trovato uno dei loro destinatari. Ho dovuto ridere del disegno, non avevo mai capito come si potesse mettere sopra una tazza di caffè, il che rendeva la costruzione inutile ai miei occhi.

Occupando l'angolo a forma di L del resto della mia visuale c'era un divano componibile standard, i tre posti che venivano verso di me verso la finestra e la parte del divanetto che correva lungo la parete posteriore dell'insignificante disposizione con stampino per biscotti. Il tessuto dell'enorme mobile cercava di imitare la pelle, ma la bassa qualità tradiva nelle aree usurate e non c'era lo spessore che ci si aspetterebbe da quello reale. Infine, nascosta nell'angolo più vicino alla finestra, un'alta lampada a palo di metallo si estendeva verso il soffitto, ed era ciò che dava alle persiane un fascio di luce così brillante. La stanza non era un set coordinato, ma frammentario nel modo in cui era messo insieme. Non era molto diverso dal mio appartamento, nel quale non avevo mai investito molto, quindi non potevo criticare la disposizione, ma era tutto utilitaristico.

L'unica parte della scena che volevo davvero vedere non era in vista, e dovevo chiedermi cosa fosse successo alla donna urlante che aveva attirato la mia attenzione in primo luogo. Mi sono guardato intorno ancora una volta nella stanza, la televisione era accesa e ho pensato che prima o poi sarebbe tornata. Senza nulla che mi impedisse di vedere, la mia paranoia mi fece distogliere lo sguardo e guardai oltre le porte e la finestra dietro di me, assicurandomi che nessuno potesse vedermi come un guardone. Mi sono rilassato un po' quando ho avuto la certezza di non essere visto.

Rivolsi nuovamente lo sguardo all'apertura, aspettando quella che speravo fosse una donna nuda, ignara dei miei occhi indiscreti. Il pensiero di ciò che potevo vedere mi faceva crescere il cazzo e, in assenza di qualcosa su cui attirare la mia attenzione, la mia mente era velocemente al lavoro, rivedendo tutti quei video pornografici che avevo così febbrilmente consumato nel corso degli anni. È stato solo quando è tornata in soggiorno che la mia mente ha smesso di ballare, ma sono stata ricompensata per i miei pensieri corrotti. Entrò dalla zona cucina e, con mio malevolo piacere, saltellava in giro con indosso minuscoli pantaloncini e solo un reggiseno di pizzo nero che le copriva la parte superiore.

Iniziò a lisciare il divano, sollevando il cuscino dello schienale e spingendo sul fondo, voltando le spalle alla mia mentre si avviava verso il divanetto. I suoi capelli meravigliosamente lunghi le scendevano lungo la schiena, tenuti all'altezza delle spalle da una fascia per capelli, e ondeggiavano avanti e indietro mentre spingeva i cuscini nella posizione corretta. Uno dopo l'altro percorse la fila e, mentre alzava la parte del divano, il suo profilo apparve. Era leggermente alta, aveva la pelle bianca pallida e le spalline del reggiseno si allungavano mentre svolgeva il suo compito. Era grassoccia, non riuscivo a distinguere le ossa del suo busto e, mentre si piegava, la sua figura si ribaltava, più simile a un vero asse per lavare che a uno qualsiasi di quegli addominali duri che potresti vedere nelle pubblicità di biancheria intima. Non mi importava che non fosse una ragazza molto magra, il suo corpo paffuto si prestava solo alla sinuosità della sua figura, e l'elastico del reggiseno era costretto a fare il suo lavoro mentre faceva rimbalzare le tette verso il basso, per poi rialzarsi con ogni sezione del divano.

Mentre si piegava in ogni posizione, i suoi minuscoli pantaloncini blu scivolavano più stretti sul suo ampio culo, e ogni volta che lavorava su un cuscino, il tessuto scompariva un po' di più tra le sue guance. Aveva dei fianchi che volevi afferrare mentre la penetravi, e il suo culo a forma di cuore si prestava solo alla sua bellezza, dando abbastanza imbottitura per sopportare un martellamento vigoroso. Quando il lavoro di sistemare i sedili finì, il mio uccello premeva saldamente nel cotone dei miei boxer, e ho scoperto che la mia mano si muoveva lentamente verso i pantaloncini nel tentativo sia di alleviare la tensione, ma anche di dargli il calore che sembrava essere alla ricerca.

Adesso era all'estremità del divano e temevo che potesse vedermi, e sembrava che guardasse verso la finestra come se potesse. Non potevo muovermi ed ero come un cervo alla luce dei fari, ma lei si è limitata ad allontanarsi, non sorpresa dall'uomo in piedi alla sua finestra a godersi il panorama. Mi è venuto in mente che non poteva vedermi, la fessura nella finestra doveva essere troppo piccola e la luce sul vetro interno avrebbe creato un effetto unidirezionale. Mi sono calmato mentre la fisica dell'ambiente si svolgeva in il mio pensiero. Dopo essere stato così vicino senza accorgermene, sapevo che dovevo essere al sicuro. Mentre ero coperto ero schermato dalla luce della stanza, sentii il bisogno di guardarmi nuovamente alle spalle, assicurandomi che nessuno stesse spiando la spia.

Quando il mio sguardo tornò sulla stanza, lei era di nuovo sul tappeto, appoggiando il telefono sul cuscino vicino al muro. Fece una virata per allontanarsi e affondò nell'angolo del sezionale, esattamente il punto in cui avrei preso io senza un ospite da accogliere. Si spostò nell'angolo e si sedette di traverso, di fronte alla televisione, sollevando i piedi e usando il cuscino successivo per sostenere leggermente le ginocchia verso l'alto. La fissavo continuamente, la mia mente rifletteva su cosa avrei fatto al suo corpo meraviglioso, e ancora una volta il mio cazzo cominciò ad espandersi per la gioia.

Prese il telecomando e cominciò a scorrere i canali, fermandosi di rado su qualcosa che attirava la sua attenzione. In poco tempo sembrò annoiarsi dell'intero esercizio, quindi prese il telefono e iniziò a scorrere su questo e a toccare quello per passare il tempo. Quel tempo sembrava passare lentamente, ma non potevo trattenermi dal guardare. La scena era ovviamente migliore di qualsiasi cosa avrei trovato in televisione, quindi fissai la stanza, osservando il banale con totale stupore. Presto riprese in mano il telecomando, per nulla distratta dal suo impegno attuale. Sono riuscito a cogliere l'ora mentre passava davanti al canale delle informazioni e mi sono sentito in imbarazzo per aver passato più di un'ora a guardarla non fare praticamente nulla. Ma cosa avrei fatto? Smettere di guardare qualcosa che forse non avrei mai più avuto la possibilità di rivedere.

Sembrava che fosse passato di nuovo così tanto tempo che le mie gambe cominciarono a farmi male mentre stavo lì a guardare lo spettacolo. È stato solo quando è passata a un canale di film che ho notato che qualcosa catturava il suo interesse e ho guardato lo schermo per vedere cosa l'aveva stuzzicata. Sullo schermo un uomo giaceva sopra una donna, si muovevano nel normale stile cinematografico del fare l'amore, girandosi in quel modo incredibile che ti faceva capire che non c'era una vera penetrazione. Baciava la donna sulle labbra, poi sul collo, lentamente approfittava del suo corpo, e più in basso la stuzzicava accarezzandola falsamente. La scena era tipica e non particolarmente eccitante, ma ho potuto vedere dalla sua reazione che era sufficiente per metterle dei pensieri nella mente.

Mentre la scena andava avanti, la mia vicina cominciò ad agitarsi sul posto, allentando il sostegno contro i cuscini del divano, e lo sguardo nei suoi occhi mi mostrò che si era messa lì. Quando la scena stava per finire, aveva inconsapevolmente posizionato il palmo della mano sulla coscia, che era scivolata quasi diritta, e le sue dita sfioravano dolcemente la cucitura dei pantaloncini di stoffa che le fasciavano la gamba. Il dolore alle gambe è scomparso e ho potuto vedere chiaramente che si stava eccitando per la recitazione. Avrei potuto trovare la capacità di staccarmi e tornare al mio appartamento prima, ma ora non sarei andato da nessuna parte finché non fossi stato sicuro che lei non fosse stata alla mia vista per la notte.

Quando la sessualità del film è ritornata nella storia, ho potuto vedere chiaramente che non aveva ottenuto il piacere che sperava, e ha giocato con la parte inferiore dei pantaloncini molto più a lungo di quanto la lussuria nel film le permettesse. Ben presto distolse completamente la sua attenzione e si tirò fuori dal cuscino d'angolo. Non si alzò dal divano, ma si spostò solo quanto bastava per sostenerle la parte inferiore delle cosce. Si sporse verso il tavolino, estraendo il cassetto dalla sezione inferiore. Ne esaminò brevemente il contenuto e poi tirò fuori rapidamente la custodia di un CD dagli strati inferiori.

Si alzò dal sedile, dirigendosi rapidamente al centro di intrattenimento. Azionò i pulsanti di una delle macchinette e inserì il disco, e una volta finito, tornò al suo posto sul divano, andando direttamente nell'angolo con un flop. Mentre premeva i pulsanti del telecomando, un sorriso mi si dipinse sul viso mentre un'immagine pornografica di una donna che ne prendeva in giro un'altra incollata sullo schermo, solo il testo elaborato del titolo si spostava per oscurare la vista. Avevo aspettato lì pazientemente per così tanto tempo, e ora lei mi stava dando lo spettacolo che speravo venisse da tutto questo. Senza troppi stimoli, il mio cazzo gonfio premette contro la fasciatura dei miei slip, e la punta del mio cazzo si sentiva abrasa dal costante su e giù della mia eccitazione.

Apparve il menu di selezione dei contenuti e lei spostò il selettore su quello che doveva essere il suo preferito, come se lo avesse fatto mille volte prima, e presto lo schermo fu ricoperto dalla normale dissolvenza di una scena che si spostava Prossimo. A differenza di molti film che avevo visto in passato, non c'era una trama importante da togliersi di mezzo prima e si apriva con una donna completamente nuda che faceva la doccia. La ragazza si sistemò nell'angolo dei cuscini e la sua mano tornò alla coscia come prima.

I suoi occhi erano fissi sul film e lo guardava con desiderio mentre la donna sullo schermo lavava via le bolle e faceva scivolare le mani sul suo corpo come se fosse già nel bel mezzo di una lunga pulizia. Mentre la donna sullo schermo muoveva le mani sul corpo, prendendosi le tette a coppa e passando lentamente sulla sua fica, la mia vicina ha iniziato a far scivolare dolcemente le mani sulla sua coscia.

La vista di lei che guardava quest'altra donna mi dava le vertigini, e le mie viscere tremavano mentre provava piacere nell'amor proprio di un'altra donna. Era intensamente erotico e il mio cazzo premeva sempre più forte, desiderando essere liberato. Ho esitato a lasciarlo fuori, temendo non solo la possibilità di essere catturato, ma costruendo l'anticipazione della donna dall'altra parte del vetro aggiungendo alla mia fantasia dell'osservatore sconosciuto. Ancora una volta non ho avuto altra scelta che toccare il mio cazzo, toccando la parte inferiore della punta, mandandomi un altro battito attraverso mentre guardavo.

Ben presto il film andò avanti e divenne più chiaro dove fosse diretta la trama, e un'altra donna fece il gioco della spia, sbirciando nella porta del bagno e osservando l'esibizione bollente. Mentre guardava, cominciò a imitare l'altra donna, accarezzandole il corpo attraverso i vestiti. L'argomento tabù sembrava incuriosire il mio vicino sul divano. Ormai era passata a massaggiarsi la coscia, il palmo della mano che scivolava sulla parte superiore della pelle pallida, fino al ginocchio e poi sempre più vicino alla curva della vita.

Più guardava, più sembrava eccitarsi, e presto le donne nel film si accorsero l'una dell'altra mentre cominciavano a baciarsi, bagnando quella completamente vestita con gli spruzzi della doccia nebulizzata. La mia vicina era completamente assorta e osservava con intenzione, come se volesse esserne parte. Ben presto l'altra mano si spostò sul petto, posandosi sull'ampio seno, e cominciò a stringere delicatamente quella manciata. Le attrici recitavano le loro parti e la donna che faceva la doccia cominciò a spogliare il voyeur, togliendosi i vestiti bagnati mentre si strofinava contro il suo corpo liscio. In risposta, i pantaloncini del vicino si sollevavano a ogni trazione contro il tessuto, e presto i minuscoli pantaloncini blu assumevano l’aspetto di un perizoma di flanella.

Mentre le attrici progredivano nel loro amore lesbico, leccandosi i capezzoli a vicenda e accarezzando le loro tette abbronzate e dorate. La mia vicina si stava godendo l'azione e la mia attenzione fu attirata maggiormente da lei mentre la sua mano si muoveva sui pantaloncini. Lavorò lungo il lato della coscia e l'altra mano scese dal seno, unendosi alla gamba opposta con movimenti delicati. Sembrava posseduta dallo spirito delle donne del film, e le sue mani non erano più le sue, ma le morbide carezze di una delle volpi immaginarie.

La sua mano destra dominava e si portava oltre il materiale di flanella della barriera, l'altra mano scorreva lungo il busto, sopra il braciere di pizzo e poi ulteriormente sulle spalle. Chiuse leggermente le spalle mentre la sua mano si posava sulle sue labbra intrappolate, e inarcò la schiena verso l'alto, portando avanti la madre per le tenere carezze. Appoggiò la testa contro il cuscino del divano, seppellendola più profondamente mentre si accarezzava la figa attraverso i vestiti. Era più di quanto avrei mai potuto chiedere, e mentre lei faceva scorrere le dita sul suo clitoride, inconsciamente ho iniziato ad accarezzarmi attraverso i miei pantaloncini, imitando i suoi movimenti mentre rimanevo lì ipnotizzato.

Le donne sullo schermo non erano così lente nel fare l'amore, e ormai una delle donne aveva già mosso le labbra sulla fica dell'altra, e la mia vicina guardò solo brevemente l'azione, concentrandosi più sul proprio corpo che sul pornostar che si esibiscono dal . Mosse la mano sulla fica, afferrandola completamente e premendo il tessuto tra le pieghe. Non poteva sopportare a lungo la tensione crescente e la sua mano iniziò a spostarsi verso la parte superiore della cintura, desiderando un abbraccio più aperto.

Sembrava che non riuscisse più a resistere, poi afferrò ciascun lato dei pantaloni e li tirò fuori da sotto. Gettò a terra la fascia arrotolata e nel farlo rivelò di non indossare mutandine. Mentre stavo lì in piena vista della sua splendida passera paffuta, sono stato costretto a infilare la mano nei pantaloncini, afferrando la base del mio cazzo mentre iniziavo a tirare dolcemente verso la punta. La ragazza era magnifica, e qualunque punizione potesse essere in serbo per me, valeva ogni momento, poiché non potevo nascondere il corpo che giaceva davanti a me.

Con la stessa facilità con cui si era tolta i pantaloncini, era tornata ad accarezzarsi, le sue mani si muovevano sul suo corpo perché non le sarebbe stato più negato. Si prese a coppa la figa ancora una volta e il suo viso mostrò puro sollievo mentre la sua mano sfiorava la parte superiore. Passò il dito medio al centro e, mentre la lampada brillava attraverso la stanza, le sue labbra brillavano di lubrificante mentre aumentava la sua eccitazione. Non ha continuato ad accarezzare il suo gattino, ma mi ha fatto venire un brivido lungo la schiena, mentre si infilava il dito in bocca, assaporando il nettare del suo travaglio. Era migliore di qualsiasi porno che avrei potuto guardare, e la vista di lei che si divertiva così a fondo non faceva altro che farmi palpitare più forte mentre la guardavo.

Scese di nuovo lungo il corpo con la mano, lasciando una scia superficiale di saliva sulla pancia mentre cercava lo squarcio. Ancora una volta spinse il dito medio in mezzo, questa volta più in profondità, e potevi vedere la scossa mentre passava sul clitoride. Con una lentezza straziante, giocò con le pieghe, lavando i suoi succhi in ogni fessura e dandole la scivolata di cui aveva bisogno per tornare indietro per averne di più. Cavalcò ancora e ancora, sussultando man mano che l'attesa cresceva, e la tensione nei suoi muscoli urlava in risposta. La sua testa era reclinata all'indietro, gli occhi chiusi mentre proiettava il tocco di una donna contro la sua fessura, e le sue agitazioni aumentavano in rapidità e intensità. Ben presto si concentrò sul bottone che univa le sue pieghe, e lavorò rapidamente la sua figa, pattinandoci sopra ripetutamente.

Ha agitato i fianchi perché non voleva cedere all'attenzione. Più a lungo e con più forza ad ogni colpo che sollevava, premendo più forte contro una lingua illusoria mentre le dita dei piedi cominciavano ad arricciarsi sotto. Alla fine cominciò a mantenere la posizione e non lasciò andare la porta. Mentre muoveva i fianchi come una ballerina seducente, premette forte il suo clitoride e spaslò in un'estasi a cui stentavo a credere. Lei spinse dentro con forza, sbattendo contro il suo clitoride gonfio, ed esplose al rilascio, rinunciando ad un prolungato gemito soffocato che potevo sentire attraverso il vetro.

Rimase lì seduta ansimante, esacerbata dall'intensità dello sperma, e mentre il suo corpo si apriva, continuava a lavorare lentamente ogni cresta del terreno tra le sue dita. L'ho guardato con subdolo piacere, e la mia presa sul cazzo era come una morsa mentre lei le veniva sulla mano. Non potevo distogliere lo sguardo da lei e ho studiato la bellezza e l'emozione di ogni tocco nel suo amore per se stessa. Il mio cazzo non avrebbe potuto essere più duro, e lo spazio concesso dai pantaloncini ingombranti non era abbastanza ampio per continuare. Senza pensare o preoccuparmi di chi potesse vedere, ho tirato fuori il cazzo dai pantaloni, accarezzandomelo mentre il freddo dell'aria notturna mi faceva venire la pelle d'oca sulla punta.

La mia vicina era sdraiata sul divano, completamente assorbita dalla funzione della sua masterbation, e ho sentito un profondo legame con lei mentre suonava. Non volevo altro che sfondare quella porta e mostrarle che c'era qualcuno pronto, disposto e in grado di darle l'amore che era costretta a dare a se stessa. Continuò a guardare le donne sullo schermo, ora più in grado di prestare loro la sua attenzione, poiché non era più completamente concentrata su se stessa. Osservò una donna leccare la figa dell'altra, mentre l'acqua scendeva dalle sue tette e schizzava indietro, costringendola a continuare a respirare mentre faceva snorkeling nella sua dolce vagina. Più li guardava, più giocava con il suo clitoride ormai fragile, e casualmente ci passava sopra troppo velocemente, e si allontanava per la sensibilità. Non potevo fare a meno di continuare a tirarmi il cazzo, sapendo che la capacità di guardare non sarebbe durata per sempre.

La mia vicina si è fermata all'improvviso e si è accarezzata la figa come se stesse sculacciando il suo stesso gatto perché era dispettoso. Si tirò su dall'angolo ancora una volta e rimasi sgomento che lo spettacolo fosse finito. Mentre rimase seduta lì per un momento, prese il telecomando, ma invece di spegnere la pellicola, tornò al menu e selezionò rapidamente un'altra voce. Mentre la macchina avviava il filmato, raggiunse ancora una volta l'ultimo cassetto del tavolino, questa volta emergendo con un dildo gelatinoso rigido fatto di plastica trasparente a coste.

Non potevo credere che non fosse finita e ho inviato i miei ringraziamenti all'universo per avermi dato un'opportunità così fantastica. Mi sentivo come se dovessi essere lì, in questo momento, e questo era tutto per me e solo per il mio piacere. Prima che questa pallida divinità, questa Afrodite, finisse, allungò una mano dietro la schiena, slacciando il reggiseno che la ostacolava, e scatenò le sue favolose tette, scintillanti e traslucide come il resto del suo corpo.

Si rimise in posizione, nell'angolo del divano, ora era completamente nuda, solo il rosa incantevole dei suoi capezzoli e il rosso acceso della sua figa gonfia risaltavano sulla sua maestosa figura di marmo bianco. Ha aggiustato la sua posa, e ha fatto scivolare un po' il culo fuori da sotto di sé, e ora la sua figa era aperta al mondo, e non volevo altro che far scivolare dentro il mio cazzo dolorante, ma lei mi ha preceduto. Spostò la punta del fallo sopra le creste della fessura, inumidendo la punta e molestando ancora una volta il suo clitoride.

Il movimento mi ha affascinato, perché avrei bagnato il mio cazzo allo stesso modo prima di infilarlo dolcemente dentro di lei, e lei ha suonato come una maestra del mio strumento. Continuò a tribolare contro il suo squarcio, spingendolo sempre più in profondità mentre le creste si aprivano per l'intrusione voluta. Alla fine non poté andare più in profondità e la punta fu inghiottita come se la sua figa volesse succhiarla. Lo spostò più in basso, pronta a intromettersi, ma esitò in quel momento e sembrò trarre un profondo piacere dall'anticipazione.

Alla fine il momento finì, e lei spinse dentro il cazzo, questa volta venne da lei un altro gemito, più debole di prima, ma mi fece comunque venire un brivido lungo la schiena. Lo spinse dentro lentamente, permettendo ai suoi succhi di lubrificare ogni centimetro, e fece una smorfia quando raggiunse le profondità della sua vagina. Si fermò un attimo mentre permetteva ai suoi muscoli di ritrarsi dalla penetrazione, e poi la spostò di nuovo fuori, con la stessa lentezza con cui era entrata. I suoi occhi rotearono all'indietro mentre la stimolazione pulsava attraverso il suo corpo ad ogni battito cardiaco, e posò il suo tornate sul cuscino, accogliendo le sensazioni come se fosse la prima volta.

La vista di questa splendida, paffuta e tettona Venere, che si violentava con il vibratore, mi ha fatto tendere le chiappe, e ho tirato più forte il mio cazzo, e avrei desiderato essere io dentro di lei, a mungere il mio carico per farle venire la crema nella sua figa. Entrò di nuovo, un po' più velocemente di prima, poi tornò indietro, e cercò di prendere un ritmo mentre si avvicinava al climax. Entrò e la sua schiena si inarcò per l'intrusione, poi uscì di nuovo e prese velocità. Ancora e ancora fece scivolare il cazzo finto dentro di lei, dentro e fuori, e iniziò a produrre un gemito basso ogni volta che la punta le colpiva la cervice.

Trovò un ritmo costante e bramò sempre di più il cazzo, amando le sensazioni rigide che riusciva a malapena a cedere sotto la presa della sua fica. Ha lavorato su e giù, indulgendo ogni volta che le note suonavano contro i suoi punti A, B e G. Accarezzava con la disinvoltura di un rematore, e la circonferenza del gallo allungava le sue pareti sempre in tensione, premendo sia a favore che contro di esso mentre il motore tendeva di più. Mentre sondava le sue profondità, il contraccolpo rivelava il gel scintillante della sua fica sbavante, e mentre giocava nella ripetizione, guadagnava ancora di più.

Ben presto il suo ritmo cominciò a prendere ritmo, e ancora e ancora sbatté contro la sua fessura. Si contorse in estasi mentre il pompaggio martellava la sua fessura già scoppiabile. Afferrò l'estremità del dildo, stringendo il pugno attorno all'estremità, e lo prese profondamente dentro fino a quando anche la sua mano fu bagnata. Potevo vedere sul suo viso, mentre si toccava le viscere, che era così vicina all'esplosione, ma ha rallentato il passo per contenere la salita. Il suo gemito continuò, e sebbene fosse attutito dal vetro, aumentò di volume man mano che lei si avvicinava sempre di più per riuscire a penetrare il suo buco.

Il ritmo dei suoi grugniti corrispondeva ai colpi contro la sua figa, e i suoi piedi cominciarono ad afferrare il cuscino, mentre i suoi fianchi prendevano il controllo del movimento della cavalcata. Spinse dentro di nuovo e si fermò per un attimo, giusto il tempo per afferrarne l'estremità con entrambe le mani, e poi fu di nuovo dentro. Le sue mani sembravano fluttuare lì, mentre i suoi fianchi facevano tutto il lavoro, e lei scopava quel cazzo di plastica con tutta la sua forza. Gli applausi aumentarono di intensità, e ancora e ancora lei lo cavalcava con piacere. Tutto quello che potevo fare era guardare e implorare di non essere scoperto.

Proprio quando pensavo che sarebbe svenuta per il pestaggio, ha alzato le gambe e si è sdraiata sulla schiena. Afferrò il cazzo ancora una volta e lo fece scivolare di nuovo nel suo zenzero, senza alcuna perdita, era di nuovo da dove si era interrotta. Ho potuto vedere che era pronta per il gran finale, e questa volta il suo ritmo era come quello dei pistoni di una Corvette. Sempre più velocemente lo fece scivolare dentro e fuori, e si mosse spingendo e tirando il cazzo, sciogliendo il lubrificante mentre aggrediva il suo buco con la frizione. Sbatté sempre più profondamente, sbattendo la sua scatola con precisione millimetrica e spingendo la sua cervice sempre più all'interno.

I suoi gemiti divennero ininterrotti e lei lo fece funzionare come un orologio svizzero, senza mai perdere un secondo di piacere. Poiché sembrava che il calore lo avrebbe sciolto o che la sua fica lo avrebbe ingoiato intero, lo spingeva costantemente, senza mai perdere un colpo. Alla fine il suo tono divenne un lamento e mentre si scopava incessantemente la figa, ebbe degli spasmi nella presa e ogni muscolo del suo corpo si tese. Non ha mai ceduto all'intensità e ha spinto oltre il vizio cremoso mentre penetrava dentro se stessa ripetutamente, angosciandosi per l'euforia totale, fino a quando, come se nemmeno lei se lo aspettasse, ha sparato sperma sul cuscino ed è sgorgato come una troia. geyser. Non potevo credere ai miei occhi e la guardavo con stupore mentre scorreva tutta su se stessa. Proprio come se mi avesse accarezzato ogni grammo, esplosi su tutta la finestra di fronte a me, espellendola con tale forza che la finestra emise un tonfo.

Con mia totale gioia e incredulità, non mi aveva sentito eiaculare attraverso la sua finestra, ed entrambi eravamo seduti lì con gioia inaspettata per la completa completezza del momento. Anche se ora non volevo altro che sdraiarmi accanto a lei e coccolarla nell'euforia post coitale, lei era dall'altra parte del vetro e io non ero altro che il degenerato della porta accanto.

Storie simili

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.7K I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 7)

Erano passati alcuni giorni da quando papà e io potevamo scherzare. Ero così eccitata per lui che volevo violentarlo ogni volta che lo vedevo, ma la mamma di solito era in giro e so che sarebbe andata fuori di testa come minimo se avesse saputo cosa abbiamo fatto. Tuttavia, ho colto ogni occasione per prenderlo in giro. Un giorno stavamo preparando la cena tutti insieme e mi assicuravo di strofinarlo un po' contro ogni volta che ci incrociavamo e un paio di volte gli strofinavo l'inguine con la mano quando ero sicuro che la mamma non stesse guardando. Un giorno mentre...

1.1K I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

882 I più visti

Likes 0

Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore: Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato. Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me...

529 I più visti

Likes 0

Potrei aiutarti... Parte I

Io e la mia ragazza siamo sdraiati nel suo letto. Aveva 23 anni in quel momento, il suo nome è Tanya. Io ero nudo, lei indossava un top bianco attillato e una sottoveste di seta, anch'essa bianca. Adoravo il modo in cui i suoi grandi seni le riempivano la maglietta, i suoi capezzoli erano duri e spingevano ulteriormente la mia eccitazione. Come molte volte prima che guardassimo un film porno. Ma qualcosa di molto speciale era diverso quel giorno. Non eravamo soli... Mi chiamo Tomas, sono un ragazzo di 27 anni con i capelli biondi e gli occhi blu verdastri. Sono...

452 I più visti

Likes 0

Sesso telefonico con Patricia

Mentre di recente guidavo verso la mia prossima destinazione per un viaggio di lavoro, ho pensato alla calda lettera che la mia bellissima moglie aveva inviato alla mia ultima posizione. Mia moglie Patricia è una splendida mora con bellissimi seni 35D, un culo caldo e cosce da abbinare! La lettera diceva: Mio carissimo amante, Sto pensando così tanto a te in questo momento... Mi fanno male i lombi. Ho appena fatto qualcosa di cattivo e sexy... spero ti piaccia! Mi sono rasato TUTTI i peli dalla figa. Oh, piccola! Poi sono andato sotto la doccia e mi sono insaponato. Faceva caldo!!...

411 I più visti

Likes 0

Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla! capitolo 3 «Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. Chi era? Qualcuno che conosciamo? «No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.» «Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi? Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake. Com'è il suo ragazzo? chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile...

307 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

307 I più visti

Likes 0

Orario alternativo

Sono il direttore di un complesso carcerario speciale nell'America centrale del Sud e i miei prigionieri appartengono a una categoria unica a causa della natura dei loro crimini. Le prigioniere qui sono tutte donne attraenti... e hanno avuto la possibilità di scontare tre mesi qui girando video porno sporchi... o scontare dieci anni nelle prigioni governative... un'alternativa spiacevole nella migliore delle ipotesi. Le carceri governative sono sovraffollate... e mal gestite, e corrotte... e le donne che scontano lì sono inevitabilmente danneggiate fisicamente e mentalmente per tutta la vita... sempre che siano abbastanza fortunate da sopravvivere alla dura prova. Le donne che...

286 I più visti

Likes 0

La settimana in cui ho tradito - parte 1

Non avevo molta voglia di uscire, ma era meglio che restare sola e annoiata a morte in caserma quel venerdì sera. Essendo il ragazzo più anziano del plotone e l’unico sposato, ho pensato che non ci sarebbe stato molto da fare per me al club della base. Se non altro, ho pensato che avrei semplicemente preso un paio di birre e giocato un po' a biliardo mentre i miei amici facevano le loro mosse e provavano a ballare un po' con le donne del posto. Per lo meno, avrei potuto assistere a una discreta rissa da bar, una delle quali era...

186 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.