Colpire la curva (Capitolo 1)

131Report
Colpire la curva (Capitolo 1)

Nota prima di leggere: se stai cercando una lettura veloce senza trama e sesso immediato, questo non fa per te e ti incoraggio ad andartene. Se ti piace una storia con una trama e non hai bisogno di sesso subito e in ogni momento, allora ti incoraggio a restare.

..................................................

Se hai critiche o commenti, non esitare a lasciarli nella sezione dei commenti. Cercherò di rispondere a qualsiasi commento che contenga domande, suggerimenti o qualsiasi altra cosa che susciti il ​​mio interesse.

Grazie e spero che ti piaccia il mio primo tentativo di scrivere su questo sito.

E così iniziamo.

-KWAR14

8/6/14

.................................................. ......

.................................................. ......

.................................................. ......

Colpire la curva (Capitolo 1)



Il sole picchia sulla mia schiena, irradiando calore attraverso il mio corpo. Sono appoggiato al fondo della torretta del bagnino dove il legno è caldo contro il mio braccio. In realtà dovrei essere lassù in servizio, ma ho lasciato il mio posto in modo che Hannah possa parlare con Kara. Loro due sono sedute lassù e parlano in quel modo che fanno le ragazze quando sono unite per fare qualcosa - e quel qualcosa al momento mi sta disprezzando, lanciandomi sguardi ostili con le braccia incrociate e le labbra serrate. Non che non me lo meritassi dopo quello che avevo fatto a Kara la scorsa notte. Quindi stringo i denti e accetto, è il minimo che posso fare.

Mi gira la testa, in parte perché ho i postumi di una sbornia, ma anche perché non riesco a scrollarmi di dosso la sensazione che questa volta non sarò in grado di sistemare la mia relazione. Ho fatto una cazzata. Sì, forse sono andato un po' fuori di testa quando Kara mi ha detto di nuovo "Sono innamorato", ma ripensandoci, uscire con quella ragazza al falò ieri sera dopo aver bevuto qualche birra non era il modo giusto per affrontare. Quando Kara ci ha visti insieme, le bocche intrecciate, le lingue che danzavano l'una intorno all'altra e la sua mano nei miei pantaloncini, si è scatenato l'inferno sulla terra. Non ricordo di essermi mai sentito così in colpa e spaventato allo stesso tempo come quando è venuta a urlarmi contro con una bottiglia di birra in mano sollevata come se stesse per colpirmi. Avevo fatto scivolare con grazia la ragazza con cui stavo facendo amicizia, che io sia dannato se ricordo il suo nome, dalle mie ginocchia e mi sono alzato, le mani alzate in segno di resa e ho detto: "Aspetta, Kara posso spiegare!" Sappiamo tutti che non potevo farlo. Kara mi fissò con occhi ardenti e disse con voce rotta: "Come hai potuto?" prima che mi rovesciasse la birra in testa.

Una risata aspra interrompe i miei ricordi e alzo lo sguardo per vedere Kara che mi spara con gli occhi mentre Hannah, la mia migliore amica, guarda con disapprovazione. Lo prendo come spunto per chiamarlo un giorno.

"Ehi ragazzi, vado a casa." Dico mentre prendo la mia maglietta e i sandali, "Spero che voi due abbiate passato una bella giornata, e Kara, mi dispiace davvero per ieri sera." In cambio ricevo uno sguardo fisso da Kara e uno scuotimento della testa da parte di Hannah. Almeno questo è meglio che essere sgridato. Sfortunatamente, dovrò occuparmene domani, e probabilmente ancora per un bel po', dato che oggi è anche l'ultimo giorno prima che la scuola ricominci per l'anno.

Mi infilo la maglietta e comincio a tornare verso l'ufficio del bagnino, sperando di vedere il mio capo Mike così posso ritirare il mio ultimo stipendio e ringraziarlo per la buona estate di lavoro. Mentre arrivo, sento Mike che parla al telefono all'interno, la sua voce profonda assume quel tono calmo a cui sono così abituato mentre spiega a sua moglie che, no, non ha dimenticato il loro anniversario, e che lui volevo solo sorprenderla con un appuntamento speciale stasera. Soffoco una risatina mentre sospira sonoramente e riattacca il telefono.

"Come va Ryan?" Mi chiede.

"Bene capo, a quanto pare, la mia giornata non è stata molto diversa dalla tua." Rispondo.

"Gesù, Ryan, hai 16 anni! Non dovresti avere problemi con le ragazze! Soprattutto non d'estate!" Afferma Mike, gesticolando selvaggiamente con le mani.

Prendendo in considerazione tutti i movimenti della mano e combinandoli con il suo forte accento italiano e l'aspetto generale di Mario, non posso fare a meno di ridere. "Sì, beh, ieri ho fatto delle scelte stupide." gli dico mentre raggiungo il bancone e prendo il mio stipendio dalla pila in attesa di essere distribuito. "Ma hey, volevo solo ringraziarla per la fantastica estate, signor Pazzini, è stata una grande esperienza e apprezzo molto che mi abbia assunto."

Mike si limita a sorridermi e scuotendo la testa, prende in giro il mio modo corretto di rivolgermi a lui quando dice: "Il piacere è stato tutto mio, signor Harlow".

Mi prende la mano e mi dice: "Ora prenditi cura di te e vai bene a scuola quest'anno".

Scuotendogli la mano gli dico: "Sempre Mike". Nella mia migliore imitazione di papà Harlow, allora dico: "Come mi dice sempre mio padre, 'Il baseball potrebbe essere il motivo per cui vai in una certa scuola, ma prima di tutto ricorda perché ci sei. La tua educazione ti farà guadagnare un posto, figliolo, non un gioco.'"

Mike mi sorride mentre esco dalla porta nel caldo torrido della Florida. Salto in macchina, la mia fidata Chevy Tahoe, e torno a casa con, si spera, il tempo sufficiente per finire tutti i miei compiti estivi prima di dovermi svegliare per andare a scuola domani. La procrastinazione potrebbe essere un male per te, ma dannazione ero bravo a farlo.

------------------------------------------



La sveglia che suona nel mio orecchio mi sveglia e mi mette subito di cattivo umore. Schiaccio la mano sul pulsante snooze e spingo con rabbia la faccia contro il cuscino. Persona mattiniera, non lo sono. Sbadiglio mentre mi stendo sul letto e contemplo il giorno davanti a me, passandomi le mani tra i capelli castani ondulati. Il primo giorno del mio anno Junior. L'anno più importante della mia carriera liceale sia dal punto di vista scolastico che sportivo. I miei pensieri vengono interrotti dalla mia porta che viene spalancata dalla mia sorellina chiaramente infastidita. In realtà, ho solo 11 mesi più di lei, il che ci rende entrambi piuttosto vecchi per i nostri rispettivi voti, ma anche se non siamo così distanti per età, a volte la penso ancora come una bambina. Dio sa che può comportarsi come tale.

"Ryan tira fuori il tuo culo pigro dal letto. Non c'è modo che tu mi faccia fare tardi il mio primo giorno di Senior High." gridò. Il liceo qui dove viviamo in Florida è un po' diverso. Abbiamo la nona elementare (anno da matricola) nello stesso edificio della nostra scuola media (5a-8a elementare) e non è fino al tuo secondo anno che puoi trasferirti nell'edificio più recente della Senior High per la 10a-12a elementare. Quindi Claire, mia sorella, essendo una decima elementare ora verrà a scuola con me. Gemevo dentro di me quando mi resi conto che avrei dovuto affrontare la sua merda ogni mattina mentre la accompagnavo a scuola. Tra quella realizzazione e il ricordare che non solo avevo appena distrutto la mia relazione con la mia ormai ex ragazza, ma anche messo a dura prova la mia relazione con la mia migliore amica, ho pensato che per il prossimo futuro, quest'anno avrebbe fatto schifo .

Cerco di impedire a questi pensieri negativi di ribollire nella mia testa mentre vado ad alzarmi dal letto e poi mi rendo conto che Claire è ancora in piedi sulla soglia con uno sguardo strano sul viso.

"Cosa stai fissando un.... Che cazzo, Claire? Vattene!" Balbetto mentre mi rendo conto che il mio legno mattutino sta formando un'enorme tenda tra le mie lenzuola e che mia sorella di 16 anni sta fissando il mio cazzo coperto. Mi aggiusto frettolosamente in modo che la mia erezione non sia così visibile mentre Claire arrossisce e indietreggia fuori dalla stanza ridacchiando "Mi dispiace, Ry... Ma sembra che dopo tutto qualcuno sia sveglio."

Raggiungo il comodino e prendo la palla da baseball. Lanciandolo alla porta che si sta chiudendo, urlo "Vattene e basta!" La mia mente vacilla, la mia sorellina praticamente ha appena visto il mio cazzo - quanto è imbarazzante? Non fraintendermi, la mia "sorellina", sebbene possa comportarsi in modo infantile, non è più una bambina, almeno fisicamente. I suoi seni ben sviluppati, il corpo tonico grazie a tutti i suoi balli e il culo dannatamente carino lo dimostrano. Combinalo con i suoi lunghi capelli castani e quegli occhi verdi penetranti che tutti nella mia famiglia tranne me (ho un noioso vecchio marrone) condividono e lei non è affatto una ragazza poco attraente. Ma non andateci nemmeno, pervertiti. Lei è mia sorella.

"Che cazzo succede stamattina?" Penso tra me e me mentre mi alzo e comincio a esaminare i miei vestiti alla ricerca di qualcosa di rispettabile da indossare il mio primo giorno di ritorno a scuola.



Ho finito di scegliere i miei vestiti, decidendo di andare con la classica maglietta firmata e un paio di jeans sbiaditi. Li indosso velocemente, do un'occhiata allo specchio per assicurarmi che sia tutto in ordine e corro giù per le scale al profumo meraviglioso della cucina di mia madre. Svoltai l'angolo e andai in cucina dove mio padre e mia sorella stavano già facendo colazione al tavolo e mia madre mi stava preparando un piatto colmo di frittelle con gocce di cioccolato, le mie preferite.

"Accidenti mamma, non sapevo che fosse il mio giorno fortunato oggi!" dico mentre le do un bacio veloce sulla guancia e mi siedo al tavolo.

"Buongiorno anche a te, e non aspettarti che questo diventi un appuntamento fisso adesso." Rispose, posando il mio piatto insieme a un bicchiere di latte al cioccolato.

Trangugiavo il cibo come un affamato, ficcandomi in bocca frittelle e mandandole giù con grandi sorsi di latte al cioccolato. Quella è la colazione dei campioni proprio lì. Nel frattempo, Claire mi sta fissando come se fossi un animale e mio padre mi sta guardando da sopra il suo giornale con le sopracciglia alzate in un "Dici sul serio?" espressione.

"Che cosa?" chiedo con la bocca piena di cibo.

"Sei disgustoso. Come puoi metterti tutto questo in bocca in una volta sola?" dice Claire con la bocca leggermente aperta. Beh, almeno si comporta normalmente insultandomi. Spero di cercare di dimenticare l'intera scena dell'erezione mattutina tanto quanto me.

"Stai zitto." Borbotto mentre finisco la mia colazione a tempo di record. Mio padre scuote la testa e torna a leggere il giornale. È il tipo silenzioso e intenso. Quando parla, il che non accade molto spesso, ascolti e ascolti bene. Francamente, è l'opposto di mia madre. È il tipo frizzante, parla sempre, si agita, sorride e ride come se non avesse proprio niente per cui essere triste. Ma hey, dicono che gli opposti si attraggono.

Mi alzo e pulisco il mio piatto dal tavolo e, essendo il fantastico fratello e figlio che sono, prendo anche i piatti di Claire e di mio padre. Questo ovviamente suscita un altro alzare le sopracciglia di papà e un commento sarcastico di Claire che dice: "Wow. Ryan? Essere un gentiluomo? Papà, non lo so, potrebbe essere un segno dell'apocalisse".

Ridacchiando, le do un colpetto all'orecchio mentre le passo accanto mentre vado al lavandino per lavare i piatti. Finito, prendo lo strofinaccio e mi asciugo velocemente le mani. Guardo l'orologio, 7:56. Mancano solo 19 miseri minuti alla fine dell'estate. Ho sempre odiato questo periodo dell'anno. Sì, vedo amici che non vedo dall'anno scorso, seguo lezioni nuove e interessanti e rimetto gli occhi sul titolo di baseball statale che la Kennedy High (la mia scuola) vincerà sicuramente quest'anno. Ma, sì, so che tutti i miei insegnanti di inglese rimarrebbero delusi da questo inizio di frase, segna anche la fine della mia libertà da tutte le pressioni per fare bene a scuola, giocare bene sul campo e ricevere un'offerta per andare in una scuola dannatamente buona. Vedi, il baseball è la mia passione. Sto bene. Veramente buono. Recluta numero uno nello stato della Florida, brava... e niente di tutto questo ha importanza. Quando gli scout vengono a chiamare e iniziano a presentarsi alle partite in primavera, devo preformarmi. Se non lo faccio, quel numero uno in classifica non significherà nulla. Non preoccuparti, in bassa stagione (che è ora) cerco di limitare i miei discorsi sul baseball e mentre mi alleno per mantenermi in ottima forma, la mia vita non ruota quasi attorno ad esso come accadrà nel corso dell'anno.

Prendo le mie chiavi dal bancone e dico a Claire di prepararsi per andare. Mia madre torna in cucina e mi guarda con gli occhi, apparentemente approvando come mi sono vestita per il primo giorno di scuola. "Sono contenta che tu abbia optato per il convenzionale quest'anno, tesoro." lei dice. (Vedi, l'anno scorso uno dei miei amici ho avuto questa grande idea di vestirmi come... In realtà una storia troppo lunga. Forse te lo dirò più tardi.)

Le faccio il mio miglior sorriso e le dico che la amo prima di correre fuori dalla porta della mia macchina. Salgo a bordo, accendo il motore e abbasso tutti i finestrini lasciando entrare in macchina l'aria fresca del mattino. La portiera del passeggero si apre e Claire sale a bordo. Esco dal vialetto in retromarcia e inizio a guidare verso la scuola.

"Ehi Ry, la scuola media non è poi così diversa dalla scuola media, vero?" mi chiede Claire preoccupata.

"Non preoccuparti Clairebear, sii te stessa e starai bene. I tuoi amici saranno lì con te, e se non lo sono, avrai sempre me!" dico, guardandola.

Mi lancia un'occhiata, probabilmente perché l'ho chiamata Clairebear--, il vezzeggiativo che la mia famiglia usava per lei da quando era molto piccola--, ma mi sorride in un modo che dice "Grazie".

Entriamo nel parcheggio alle 8:10. Cinque minuti prima che dobbiamo essere in classe. Scendiamo dall'auto e iniziamo a camminare verso la scuola quando Claire vede uno dei suoi amici, emette uno strillo da ragazzina e corre verso di lei, dimenticandosi già completamente di me. Tanto per aver bisogno del mio aiuto per adattarmi. "Sì, arrivederci anche a te!" le urlo. Ricevo un dito medio alzato in risposta. Classico. Da adorabile ragazzina preoccupata a bambina diabolica in pochi secondi. Scuoto la testa e sospiro quando sento un peso enorme saltarmi sulla schiena. Barcollando in avanti, mi raddrizzo e scrollo di dosso il colpevole. Girandomi, so già che è il mio amico Nick Dillon che ha fatto la piccola acrobazia cercando di fare l'autostop per un passaggio sulle spalle. Tutti 6'0, 190 libbre di lui. Non che fossi stato costruito in modo molto diverso. A 5'11 e 175 libbre di quasi tutti i muscoli dei miei allenamenti, ero in perfetta forma.

Mi sorride e io non posso fare a meno di sorridere di rimando mentre ci battiamo le mani nel nostro consueto saluto. "Amico! Cos'è questa storia che ho sentito che l'altra sera te la sei cavata con una mora sfacciata?"

Mi sorride e io non posso fare a meno di sorridere di rimando mentre ci battiamo le mani nel nostro consueto saluto. "Amico! Cos'è questa storia che ho sentito che l'altra sera te la sei cavata con una mora sfacciata?"



"Come fai a saperlo?" gemo.



“Tutti lo sanno. Kara si è lamentata con tutti quelli che ascolteranno quanto sei stronzo, amico.



"Fanculo. Voglio dire, merita di lamentarsi con me, l'ho tradita, ma cazzo. Pensi che ci sia qualche possibilità che lasci perdere presto?" gli chiedo mentre attraversiamo le porte principali e ci dirigiamo verso la nostra classe.



«Ryan, amico. Stiamo parlando di Kara. La regina del dramma. Onestamente ti aspettavi qualcosa di diverso, voglio dire cosa stavi pensando? Andiamo amico, è come...”



"Stavo pensando che Kara mi avesse detto che mi amava e che non ero quasi pronto per quel tipo di impegno." lo interrompo con.



"Ha detto cosa?"



"Ha detto che era innamorata di me."



“Amico, ti frequenti da una settimana, che cazzo? Sono contento che tu non sia rimasto nei paraggi dopo, è una roba inquietante. Voglio dire, la tua metodologia non era l'ideale per interromperla, ma va bene per te amico.



"Sì, beh, sto solo cercando di dimenticarmene." gli dico mentre entriamo nella nostra aula già affollata e scegliamo due posti in fondo che sono ancora vuoti.



"Dimenticare cosa?" dice una voce che conosco troppo bene da dietro di me.



“A proposito di come si è unito a quella ragazza per rompere con la pazza Kara. Buon per lui, vero Hannah? Nick interviene in modo utile.



"È già abbastanza brutto che l'abbia fatto, l'ultima cosa di cui ha bisogno in questo momento è che tu aumenti il ​​​​suo ego per questo, gigantesco stronzo." Dice Hannah mentre si siede accanto a me. Questa è la cosa che amo di lei. Può essere arrabbiata da morire con me, ma rimarrà comunque al suo fianco nella buona e nella cattiva sorte, la mia Hannah. Hannah Reynolds e io siamo migliori amiche dal giorno in cui mi ha trovato a costruire un castello di sabbia nella sabbiera all'asilo e ha proceduto ad aiutarmi a dare gli ultimi ritocchi prima che uno dei bambini più grandi si avvicinasse e lo buttasse a terra. Ricordo ancora come si è alzata e ha iniziato a urlare al ragazzo per essere stato stupido. È cresciuta molto da allora. È perfidamente intelligente e ha un corpo per cui la maggior parte delle ragazze ucciderebbe. In piedi a 5'7 con capelli castano scuro e occhi che sembrano cioccolato fuso, è una calamita per ragazzi. Faccio del mio meglio per tenerli tutti lontani da lei però.



"Sì, beh, penso che quella ragazza sia pazza e Ryan sia un uomo intelligente per essersi tirato fuori da quella situazione." dice Nick, inimicandosi ulteriormente Hannah.



"La ragazza 'pazza' gli ha solo detto cosa provava per lui, come giustifica il suo tradimento con qualche scherzo casuale alla festa del falò?"



Mi ritraggo al mio posto e cerco di starne fuori mentre vanno avanti e indietro. È una discussione che nessuno dei due vincerà, sono entrambi testardi. Mentre mi guardo intorno vedo volti familiari a destra ea sinistra con l'eccezione di una ragazza nell'angolo anteriore sinistro della stanza. Mi sposto sul sedile cercando di avere una visuale migliore. All'improvviso il mio braccio riceve un forte pugno e sussulto per il dolore.



"Ahi, a cosa serviva?" chiedo ad Hannah mentre mi strofino teneramente il braccio. Colpisce forte per una ragazza.



"Dopo tutti i tuoi problemi con la ragazza di recente, pensi che fissare la nuova ragazza con la bava che ti esce dalla bocca sia una buona idea?" Hannah dice con disapprovazione.



"Non la sto controllando o altro, è solo strano vedere qualcuno di nuovo, sai?"



"Nah amico, la stavi controllando totalmente." esclama Nick di aiuto, con uno stupido sorriso stampato in faccia. Sa che Hannah si attaccherà a me per questo.



«Non fare il porco, Ryan. La situazione è già abbastanza grave così com'è. Non fare nulla per peggiorare le cose e per l'amor di Dio, per favore, non coinvolgere la povera nuova ragazza in questo spettacolo di merda. dice Anna.



"Sì amico, non alimentare il fuoco." aggiunge Nick.



Sospirando, appoggio la testa sulla scrivania. Ovviamente ora possono essere d'accordo su qualcosa. Non la stavo nemmeno controllando... non proprio. Voglio dire, tutto quello che riuscivo a vedere erano i suoi capelli biondo scuro che le scendevano sulla schiena. Il resto potevo solo fantasticare. Decido però che Hannah aveva ragione. C'è un tempo e un luogo per ogni cosa e in questo momento non dovrei provarci con nessuno. Devo lasciare che l'intera situazione di Kara si risolva da sola prima di voltare pagina. Potrei averla tradita, ma non sono una totale testa di cazzo. Non voglio sbatterle niente in faccia.

Gli annunci mattutini arrivano intorno alle 8:30 e il nostro insegnante prende parte poco dopo. Guardo il mio programma e ricordo che ho il primo periodo di AP Calculus. Esattamente quello di cui ho bisogno. Alcuni difficili problemi di matematica per distrarmi dalla vita reale in questo momento. Il resto del mio programma è abbastanza facile, almeno per i miei standard, AP Economics, AP Psychology, US History, Italian, AP English e Public Speaking completano la mia formazione. Anche il mio periodo di pranzo è il momento perfetto, proprio a mezzogiorno, dividendo le mie lezioni quasi a metà.



La campanella suona per la prima ora e io raccolgo le mie cose e mi dirigo verso Calculus, Hannah al seguito. Nick saluta mentre percorre un corridoio diverso verso la sua prima lezione d'epoca. Lo rivedremo a pranzo. Hannah e io condividiamo esattamente lo stesso programma quest'anno, qualcosa che è inaudito nella nostra scuola di 1.500 studenti. Non mi lamento però, penso che sarà fantastico. Diavolo, forse posso anche convincerla a fare alcuni dei miei compiti! (Nei miei sogni forse.)



Entriamo in classe e prendiamo posto in fondo come al solito. Il nostro insegnante, il signor Hammond, è un duro. Questa lezione non sarà affatto facile. Entra nella stanza e subito il chiacchiericcio della classe si spegne.



“Benvenuto in AP Calcolo. Questa non è una classe per i deboli di cuore. Se pensi di non riuscire a dare il 100% qui e passare, ripensaci. Se questo non ti sta bene, ti consiglio di uscire da questa stanza ora. Fissa ogni membro della classe uno per uno, incontrando gli occhi di ogni singolo bambino. “Non vedo acquirenti. Molto bene, cominciamo. dice accendendo la Smartboard. “Puoi trovare il mio programma online se ne hai bisogno, non mi piace uccidere alberi, quindi la maggior parte del lavoro di quest'anno sarà svolto attraverso la pagina web Moodle della scuola. Se non ti piace, è un peccato. Con questo, si tuffa nella classe a capofitto, senza perdere un solo secondo. Quando il campanello suona 45 minuti dopo, la mia mano è dolorante per aver preso appunti e la scuoto con veemenza.



"Ottimo modo di iniziare la nostra giornata per il resto dell'anno, eh?" chiede Hannah mentre usciamo dalla stanza e ci dirigiamo verso l'ala ovest dove si trova la nostra classe economica.



"Sì, amo la mia matematica con un lato di insegnante duro." dico sarcasticamente. “Almeno Econ dovrebbe essere facile. Tutti i ragazzi che conosco che l'hanno preso l'anno scorso l'hanno detto come una torta e che l'insegnante è un tipo davvero in gamba.



"Speriamo di sì, avremo bisogno di qualcosa con cui rimbalzare dopo Calc, lo sento solo". Dice Hannah mentre giriamo un angolo e mi imbatto nell'unica persona che non volevo vedere oggi, Kara. I suoi libri volano ovunque lungo il corridoio e io la prendo a malapena per un braccio in tempo per impedirle di seguirli a terra. "Merda", penso "e pensare che questa giornata non potrebbe andare peggio".



“Attento a dove vai, stronzo. Avresti potuto..” alza lo sguardo e si rende conto che sono stata io a farla cadere ”TU! L'hai fatto apposta?" mi urla.



"NO. No. No. Mi dispiace davvero Kara, non stavo guardando dove stavo andando, è stata totalmente colpa mia. Balbetto mentre mi chino rapidamente per aiutarla a raccogliere i suoi libri.



"Sì Harlow, mostra il suo uomo!" dice qualcuno che passa nel corridoio come se cercassi di buttarla giù. Questo era esattamente ciò di cui non avevo bisogno in questo momento.

Kara, ovviamente, la prende come una conferma che l'ho incontrata apposta. Diventa rossa come la barbabietola in faccia e posso vedere le lacrime formarsi agli angoli dei suoi occhi. “Ti odio Ryan Harlow” sussurra prima di girarsi e correre nel bagno delle ragazze, lasciandomi lì in piedi con i suoi libri in mezzo al corridoio con uno sguardo sconcertato sul viso.



Hannah mi dà un colpetto sulla spalla, mi prende i libri e dice: "Ho questo Ry, non preoccuparti troppo, le parlerò". Va nel bagno delle ragazze e mi lancia un'ultima occhiata di compassione alle sue spalle prima di calmare presumibilmente la sua amica. Ho già detto che è una santa? Perché lo è davvero. Mi sento malissimo, ma non posso fare niente, quindi mi ricompongo e vado in classe.



Il resto della mattinata passa molto meno movimentato e ne sono incredibilmente grato. Quando arriva il pranzo, ho quasi dimenticato il piccolo incidente nel corridoio, ma ovviamente Nick riesce a tirarlo fuori di nuovo nel momento in cui mi vede in mensa. Il ragazzo è un grande amico, brutalmente onesto e leale fino all'eccesso ma l'empatia non è il suo forte.



“Ehi Ryan! Ho sentito che stamattina hai investito Kara nel corridoio, amico? Non per sembrare un coglione, ma non pensi che sia solo un po' esagerato?"



"Non l'ho fatto apposta testa di cazzo, semplicemente non stavo guardando dove stavo andando e lei è capitata dietro l'angolo nello stesso momento in cui l'ho fatto." dico, mettendomi dietro di lui nella fila del cibo.



"Va bene, va bene, ti crederò, solo per questa volta." dice Nick, dandomi una pacca sulla schiena.



Scelgo un cheeseburger e un'insalata confezionata insieme all'acqua in bottiglia per il mio pranzo, pago tutto e mi dirigo verso il mio tavolo dove Hannah e alcuni dei miei compagni di squadra di baseball sono già seduti. Il pranzo passa velocemente mentre ricado nelle normali battute dei miei amici mentre ricordiamo le nostre estati e parliamo del prossimo anno. Quando suona la campanella per segnalare la fine del periodo, sono finalmente di buon umore.



I due periodi successivi passano in fretta. Nella lezione di italiano, l'insegnante cerca fondamentalmente di capire dove la classe è saggia in modo da poter capire da dove iniziare nel libro di testo. In inglese, l'insegnante, un giovane laureato che ha assolutamente affascinato i ragazzi della classe, ci offre la lettura di quest'anno e inizia la nostra discussione di classe sul nostro libro di lettura estivo, A Thousand Splendid Suns. Dopo che l'inglese è finito, Hannah ed io andiamo ai nostri rispettivi armadietti e poi ci incontriamo di nuovo per andare a piedi alla lezione di Public Speaking, l'ultima della giornata.



Mentre entriamo nella stanza, noto che Kara è in classe e cerco di sedermi il più lontano possibile da lei anche se mi rendo conto che sto mettendo Hannah in una situazione in cui deve scegliere tra me e Kara. Hannah si morde il labbro inferiore in un modo che mi fa battere forte il cuore e fa un passo verso di me. Il cuore mi batte forte nel petto e non ho idea del perché. E poi si gira e va a sedersi accanto a Kara. Tutto il mio corpo sembra sgonfiarsi. Il mio petto si stringe ed è difficile respirare. Per qualche inspiegabile motivo sono bloccato lì a voler fare qualcosa, qualsiasi cosa pur di farle cambiare idea. Anche se so che è la cosa giusta da fare per lei e che non ho il diritto di volere che lei scelga me al posto di Kara, non posso fare a meno di sentirmi gelosa e mi odio per questo. Questa è Anna. La mia migliore amica Anna. Eppure in questo momento, vorrei che fosse qualcosa di più per me di un'amica. Ho bisogno di riprendermi. Trova una distrazione. Percorrere questa strada non può portare altro che problemi di cui non ho bisogno in questo momento.

Quindi, mi sono spento. È qualcosa in cui sono abbastanza bravo quando ho bisogno di esserlo. Mi escludo.

Sento a malapena il signor Resch mentre dice che per iniziare la lezione dobbiamo fare una presentazione di un compagno di classe e che assegnerà i compagni. Comincia a scorrere l'elenco e il nome è sfocato.



"Hannah Richards e Carly Campagna". lo sento dire. Non riconosco il secondo nome. Mi guardo intorno e i miei occhi si posano sulla ragazza nuova, quella della classe. A pensarci bene, penso che abbia frequentato tutti i miei corsi tranne l'italiano, il che è sorprendente visto che il suo cognome suona italiano. Sono stato troppo distratto tutto il giorno per accorgermene. D'altra parte questo significa anche che non riuscirò a stare con Hannah, oscurando ulteriormente il mio umore.



«Ryan Harlow e Kara Stephens.» attraversa i miei pensieri. Sì, è appena successo. Non riesco nemmeno a guardarla. Quindi, invece, ho lasciato cadere la testa sulla scrivania con un tonfo udibile.



Il ragazzo accanto a me si china e dice: “Ehi amico, quello è il tuo ex giusto? Accidenti che schifo!
che penso sia l'eufemismo dell'anno finora.



Il signor Resch dice alla classe che abbiamo il resto del tempo per iniziare a lavorare sulle nostre presentazioni e per usare il tempo per conoscere il nostro partner, le sue simpatie, antipatie, background, hobby e qualsiasi altra cosa vogliamo usare nei nostri discorsi. La classe inizia ad accoppiarsi e mettersi al lavoro. Mi alzo lentamente e mi avvicino a dove si siede Kara, e mi siedo sul sedile accanto al suo.



“Senti,” dico, “so che non vuoi parlarmi, e nemmeno vedermi, quindi starò fuori dai tuoi piedi. Per fortuna sappiamo già tutta questa merda l'uno dell'altro, quindi scriverlo non dovrebbe essere troppo difficile.



Kara non risponde.



“Kara...” comincio.



“Ryan, non farlo. Non voglio più sentire le tue stupide scuse. Lasciami in pace e spero che non decida di indicare che strumento completo sei nel mio discorso, ok? dice stancamente prima di voltarmi le spalle e tirare fuori un pezzo di carta su cui iniziare a scrivere il suo discorso.



In qualche modo, la sua delusione e la sua tristezza sono peggiori della sua rabbia furiosa con me. Se potessi tornare indietro e cambiare quello che ho fatto, lo farei in un batter d'occhio. Ma non posso. Sospirando, tiro fuori un pezzo di carta e decido che forse se le faccio la migliore introduzione nella storia di un corso di Public Speaking, potrebbe effettivamente essere in grado di tollerare la mia presenza anche se non può ancora perdonarmi.



Trenta minuti dopo ho finito circa la metà del mio discorso e mi sento abbastanza bene. Suona la campanella e il signor Resch ci ricorda di finire i nostri discorsi a casa e di essere pronti a presentare le nostre presentazioni domani.



Mi precipito fuori dalla porta dell'aula, non aspettando di parlare con Hannah o con chiunque altro e vado dritto al mio armadietto per prendere i libri che devo portare a casa stasera. Faccio velocemente le valigie e vado in macchina ad aspettare Claire. Vedo Nick che esce dal parcheggio e mi suona il clacson per salutarmi mentre gli faccio un piccolo cenno di saluto. Apro la macchina, getto la borsa sul sedile posteriore ed entro. Accendo la radio, mi appoggio allo schienale e chiudo gli occhi, i giorni in cui molti eventi mi stanno raggiungendo.



La prossima cosa che so, Claire sta aprendo la portiera e salendo in macchina. Mi guarda e la follia della giornata deve essere stampata su tutta la mia faccia da quando mi chiede: “Cosa ti è successo, fratellone? Brutto primo giorno?



Uscendo dal parcheggio, scuoto la testa e rispondo: “Sì, questo è un modo per dirlo. Ma chiedere come è andata la giornata è il mio lavoro, quindi, com'è andata la tua giornata, sorellina?



“Oh, è stato fantastico! Gli insegnanti sono molto più fighi qui e...” continua a raccontarmi tutto della sua giornata passando attraverso tutte le sue classi una per una e lodando tutte le esperienze che la scuola superiore offre che la scuola media non ha. Sembra così felice, perfettamente soddisfatta. Vorrei che mi colpisse.



Notando che ho smesso di prestare attenzione e sembravo arrabbiata, mi mette una mano sul braccio e dice con voce consolante: "Se hai bisogno di parlare di qualcosa, sono qui per te Ry". Per qualche ragione, questo mi colpisce davvero e sono così grato di avere una sorella così adorabile ed empatica. Prima che me ne renda conto, le ho raccontato l'intera storia a partire da quando Kara mi ha detto che mi amava, al tradimento di lei, all'incidente nel corridoio di oggi e infine alla lezione di parlare in pubblico dove siamo diventati soci. L'unica parte che tralascio è quella piccola parte confusa su Hannah in cui ho lasciato scivolare la guardia e quasi mi sono permesso di desiderarla come qualcosa di più di un'amica. Togliermi tutto dal petto mi fa sentire bene e Claire dimostra di essere un'ottima ascoltatrice.



“Beh, tradirla è stata una mossa del cazzo, ma mi dispiace per te, Ryan. Sembra davvero che tu abbia avuto una giornata difficile. dice Claire quando ho finito con la mia storia.



"Lo so. Ma hey grazie per avermi ascoltato Claire, significa molto. Le dico mentre guardo oltre per farle sapere con i miei occhi quanto apprezzo che sia qui per me.



"Ovviamente. A cos'altro servono le sorelle? mi chiede con un sorriso che le si insinua sul viso.



"Un sacco di cose... come fare il bucato, pulire i piatti, portare a spasso il cane, essere una spina nel fianco" scherzo mentre entriamo nel vialetto.



Mi dà un leggero pugno sul braccio e ride quando dice: “Oh stai zitto. Hai dovuto rovinare il momento di legame, vero?



"Non ho potuto resistere sorellina, lo rendi così facile." le dico mentre entriamo in casa.

Salgo le scale in camera mia per fare i compiti, ma finisco per sdraiarmi sul letto. La prossima cosa che sento è una calda sensazione sulla punta del mio cazzo che sembra quasi... oh merda. Una bocca. Qualcuno mi sta facendo un pompino. Abbasso lo sguardo e vedo la sua testa oscillare su e giù su di me mentre gemo e mi spingo leggermente nella sua bocca. Sta succhiando come una professionista, chiunque sia. Prendendo circa tre quarti del mio cazzo da 7 pollici in bocca, lei geme intorno al mio cazzo, mandando brividi attraverso il mio corpo. La sua mano prende le mie palle e inizia a farle rotolare leggermente tra le dita. Lascia che il mio cazzo duro come la roccia cada fuori dalla sua bocca calda e bagnata e poi inizia a leccarmi le palle fino alla punta, dove fa roteare la lingua come se stesse leccando un cono gelato. Mi sta facendo diventare pazzo.



"Ooh, piccola, per favore, non fermarti." gemo.



Sento una risatina e poi quella bocca gloriosa torna a lavorare. Non riesco ancora a dire chi sia, ma sono sicuro che non mi lamenterò. I lose myself in feelings of absolute bliss as my manhood is treated like royalty by the sensuous tongue of this amazing girl. She stops sucking and licking and then I feel her start kissing her way up my stomach and chest, head down and brown hair spilling over her face. gemo. She looks up. My heart stops.



“Ryan, wake up.” Hannah says. Then something weird happens and her face shifts into Kara’s who says the same thing. Then Kara becomes my sister Claire. Claire becomes my English teacher (the hot college grad one). My mind reels. I have no idea what is happening to me right now.



“Ryan! Time for dinner!” I hear my mom yell from downstairs.



It was a dream. Thank god it was a dream. I must have fallen asleep as soon as I lay down on my bed and the crazy day I had transcended into a crazy dream. What was even up with the changing faces? And why were two of them Hannah and Claire? I don’t have any romantic feelings towards those two. I cannot figure it out.



Head still spinning, I try to compose myself and head into the kitchen to get dinner where my whole family is already seated and waiting for me.



Dinner, spaghetti and meatballs, is exquisite. My family and I make small talk throughout, talking about how our first day of school was, the upcoming year, all that stuff. After dinner, I decide to get in a quick workout before doing my homework that never got done earlier since I feel asleep. I head down to the basement and into our own little workout room. I start playing some workout tunes, real pump up type music, and get to work. I push myself hard in an attempt to clear my head, and it works. I hit my chest, core, arms, legs, and back and by the time I’m finished an hour and a half later, all of my muscles are on fire.



I walk back upstairs and pass my sister on her way into the media room who tells me, “You smell. That’s nasty.” in passing.



Taking a whiff of my body odor, I agree. I decide to take a hot shower, clean up and let the water soothe my tired body. I walk upstairs, grab a towel and head into the bathroom. I turn the shower on and get under the stream of hot water. Letting it run down my body, I turn my thoughts to the speech I have to give about Kara tomorrow. The more I think about it, the more confident I am that I’ll be able to deliver one hell of an introduction (you guys will hear the whole speech soon but not quite yet).



After my shower, I dry off, change, and get down to business... homework. By the time I’m finished everything it’s just past 9:00. I decide to see what’s on TV and go downstairs to the media room. My sister is lying on the couch watching some movie on HBO and my Dad is sitting in his reclining chair doing work on his laptop.



“This any good?” I ask Claire as I pick up her feet, move them off the couch and sit down in their spot.



“Not really, but better than that reality show about singing that Mom and Dad want to watch.”
she answers, placing her feet over my legs to get comfortable again.



“I heard that young lady, better watch that mouth or that singing show will be on before you know it.” My dad says from his chair.

“Sorry Dad!” says Claire, rolling her eyes at me. I cant help but laugh at her eye roll.



Without looking up from his laptop my dad says, “And if you roll your eyes at me again, you’ll really be sorry.”



“How does he do that?” she asks me animatedly, “That shouldn't be possible, he wasn't even looking!”



“Must be some psychic power you get when you get old.” sussurro in risposta.



Claire chuckles, saying, “Of course he doesn't hear that one!”



“What can I say? I’m just too sly.” I tell her.



We settle in and watch the movie, none of talking for a while. The only sound besides the movie come from my Dad softly typing away on his laptop. Then he gets up, looks at me asks, “son, can you come with me into the kitchen? I need some help with something.”



“Sure Dad, no problem.” I answer, getting up and following him out of the room.



“Do you remember what I always tell you about hitting a curveball son?” he asks.



“Of course, dad. You tell me before most games.” I say, wondering where he is going with this.



“Tell me. Repeat it back to me.” he says, gripping my shoulder and looking at me intensely.



“The thing about a curveball is that its only hard to hit when you don’t expect it. If you’re on the lookout for one, it’s easy. Just a matter of timing. But, if you do get caught off guard by it, fight it off, stay alive, don’t freeze up, and sure as hell don't go down without swinging if its near the strike zone.” I say in my best impression of him, still confused by what this has to do with anything.



"Bene. I want you to always remember that. And remember it’s not just a pitcher who can throw you curveballs, son. Life can too. Remember that.” he tells me intensely, gripping my shoulder even harder.



“Alright, sure, dad. What’s this all about?” I ask him, taking a small step backwards.



“Don’t worry about it. Nothing that concerns you right now. Just promise me you’ll keep that in your mind from now on.” He says, not quite meeting my eyes.



Before I can question him further, since I can tell he’s not telling me something, he turns his back on me and walks out of the kitchen and up the stairs to his room.



“Well that was odd.”, I think. I wonder what it was all about, I can’t remember my dad acting that weird ever before. I mean that was intense. Really intense. And the look in eyes had scared me, I don’t even know how to describe it but it was not normal.



I realize how exhausted I am, say goodnight to Claire and get ready for bed. As I turn my lights off, I think back on my the day. While it certainly wasn’t the best day ever, it was up there for the most memorable one. I close my eyes and everything fades away. My girl problems, my dad’s strangeness, it all goes black except for one thing-- the words my dad made me repeat about hitting a curve. I fall asleep with them ringing in my head and make a decision that from now on, I would try to take my dad’s advice and try to apply to life just like he asked me to. Hopefully tomorrow will prove to be a better day. Pulling the soft covers over my body and sinking into the softness of my mattress, I slowly fade into sleep.



-------------------------------------



End of Part 1: I know this was mainly an intro chapter that just managed to set up a bunch of different storylines and ideas, but I hope you enjoyed it nonetheless. The next chapter will both be longer, and contain more sex, actual sex this time not some dream. You may be surprised at what happens, maybe you see it coming already, but this series is sure to take you for a ride if you can manage to bear with me. Thanks again and, please, don't hesitate to comment, good or bad, I read every one and try to take them all into account.



KWAR14

Storie simili

Le Cronache di Craigslist: Capitolo 1:

Disclaimer: In questa serie non troverai incesto, stupro, droga, coercizione, violenza grave, fantascienza, fantasia, bestialità, scat, necrofilia o qualsiasi cosa di natura molto offensiva, incluso il sesso minorile. Il focus di questa serie è sui personaggi, le trame, l'umorismo e sembra essere ambientato in un ambiente sessuale. Per favore goditelo in questo contesto. Se hai familiarità con il mio lavoro precedente, sei pronto per più o meno lo stesso. Nota sul formato: questi capitoli saranno interconnessi, ma ci saranno molti personaggi diversi, alcuni potrebbero riapparire. All'inizio di ogni capitolo ci sarà una breve introduzione e descrizione del personaggio, e poi salterà...

177 I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.2K I più visti

Likes 0

Kelly matura

La sveglia suona alle 6:00 e si spegne rapidamente. Sento la sensazione familiare di una bocca calda e umida avvolta attorno al mio cazzo. I miei occhi e il mio corpo sono ancora assonnati, ma il mio cazzo è completamente attento mentre ricevo il mio pompino al risveglio mattutino. La mia schiava è molto ben addestrata e le sue abilità orali sono sorprendenti. Nei fine settimana potevo lasciare che il mio schiavo mi succhiasse il cazzo per venti minuti prima di svegliarmi. È una sensazione meravigliosa essere in un bel letto caldo e accogliente, ancora mezzo addormentato mentre una bella donna...

224 I più visti

Likes 0

L'impiegato

È venerdì sera! Tecnicamente è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi tiene libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le sere in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte... Non passo le mie notti libere a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia di distanza per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado alle feste, né mi ubriaco con la faccia di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi solleva da terra...

138 I più visti

Likes 0

L'amante abbandonato

Era l'altro matrimonio che stava preparando stasera. Dall'altra parte della stanza suo fratello stava sistemando la composizione floreale e stava cercando di sistemare i posti a sedere. Avevano iniziato la loro nuova attività circa 6 mesi fa e all'improvviso le prenotazioni del matrimonio avevano iniziato a piovere. È stato molto frenetico e ha avuto un impatto maggiore su suo fratello maggiore perché era sposato e sua moglie e i suoi figli volevano più tempo da trascorrere con lui. Lui invece no, quindi non gli dispiaceva lavorare con orari più lunghi perché i soldi erano buoni. Inoltre erano affari suoi. Tutto era...

1.1K I più visti

Likes 0

Gli elettricisti

Questo è uno dei primi sogni che ricordo di aver scritto. Stavo ancora frequentando le lezioni all'Università e guadagnavo soldi extra facendo il lavoro temporaneo nel reparto di pronto soccorso. Erano soldi migliori che essere assistente infermiera e ho potuto utilizzare immediatamente l'esperienza come parte del mio studio. Fu nel reparto di pronto soccorso che incontrai Poul, mio ​​marito, che era già un medico esperto. Ci conoscevamo solo da alcuni mesi, e anche se avevo quasi deciso di aver trovato l'uomo per il resto della mia vita, ho avuto difficoltà a lasciare andare la vita libera che avevo vissuto al massimo...

844 I più visti

Likes 0

Zia Ruth 2

Ruth 2/la cognata La mattina seguente riuscivo a malapena a fare colazione in previsione di quel pomeriggio con Edith, la cognata di mia zia. Mia zia Ruth aveva un aspetto orribile seduta dall'altra parte del tavolo. Ho chiesto: Come sta Al? Non bene, non credo che durerà ancora a lungo, ha detto. I suoi occhi si riempirono di lacrime. I bambini erano piuttosto tranquilli tanto per cambiare. Nessuna discussione o piagnucolio. Le girai intorno e cominciai a massaggiarle il collo e le spalle. Erano stretti come un tamburo. Zia Ruth ha detto: “Oh, è così bello, hai un bel tocco. Non...

454 I più visti

Likes 0

Pura invidia parte 2 e 3

Mi ci erano volute ore per addormentarmi dopo quello che avevo visto quella notte. La mia mente stava vacillando, una tempesta vorticosa di emozioni. Avevo visto il padre del mio amico - un uomo che avevo segretamente ammirato per anni - entrare nella nostra stanza di notte durante il nostro pigiama settimanale e molestare l'altra nostra amica priva di sensi mentre dormiva. Avevo visto il mio primo vero cazzo. Avevo assistito alla mia prima violenza sessuale. Avevo visto lo sperma per la prima volta, guardando come il suo grosso cazzo l'aveva schizzato sul viso privo di sensi del mio amico. Ho...

266 I più visti

Likes 0

Il marine di Becky, parte 4

Capitolo 4 Erano passati quasi 2 mesi dal mio appuntamento con Becky, che si è rivelata probabilmente la notte più incredibile della mia vita. Mi sono seduto nella baracca del fumo al lavoro, godendomi una pausa dal trambusto di un turno di mercoledì quando il mio telefono ha squillato. Ho controllato l'ID chiamato e ho visto che era Becky. Ciao Ei, tu Che cosa succede? Niente, stavo solo dando una mano in una fattoria di amici e ho pensato di fare una pausa e chiamarti. Come va il lavoro? Sta andando. Sono stato un po' occupato oggi, ma niente che non...

80 I più visti

Likes 0

CLUB SEX 2 – Il 20enne

CLUB SEX 2 – Il 20enne Ebbene eccomi di nuovo qui, al club in attesa dell'inizio dello spettacolo. Puoi sentire l'anticipazione di tutti mentre si preparano per quello che sperava sarebbe stato un altro grande spettacolo. Mi sono assicurato di guardarmi intorno e prendere nota di qualsiasi ragazza che guardasse nella mia direzione. C'erano delle dannatamente sexy donne qui. È stata anche una grande affluenza, dovevano esserci circa 50 persone qui. Dal momento che hanno creato un posto abbastanza grande da ospitare 4 volte quella quantità, c'è sempre molto spazio. Lo spettacolo di stasera era una ventenne molto bella, capelli rosso...

73 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.