Fidanzata trofeo parte 5

511Report
Fidanzata trofeo parte 5

Fidanzata trofeo

di Vanessa Evans

Parte 5

VENERDÌ

Il venerdì sera Caleb uscì con i suoi amici, presumibilmente a casa di uno dei ragazzi. Cora pensava che avrebbero giocato e che Caleb si sarebbe scopato Emily, Lucy o Willow. Non era preoccupata perché sapeva che sarebbe tornato a casa più tardi e avrebbe voluto scoparla.

Cora è uscita con le sue amiche e hanno passato una bella serata tra ragazze. Cora ha ripetuto l'invito al barbecue e Wendy, Carol, Liz e Mary hanno detto che stavano ancora bene per la domenica.

Quando Cora e Liz andarono in bagno, Liz chiese a Cora se sarebbe stata nuda al barbecue.

“Dove diavolo ti è venuta questa idea, Liz. Probabilmente, ma non l'ho ancora chiesto a Caleb.»

"Perché hai invitato Wendy, sai quanto è ipocrita."

"Sì, ma volevo che ci fossero 4 miei amici e lei era l'unica altra libera domenica."

"Beh, se inizia a parlare apertamente o ad accusarti di qualcosa, possiamo sempre metterla in un angolo e spogliarla."

“Grazie Liz ma penso di poterla gestire. Inoltre, non ho particolarmente voglia di vedere le sue mutandine e la sua foresta da nonna.

Comunque le ragazze hanno passato una bella serata e quando Cora è tornata a casa si è spogliata e ha aspettato Caleb. Come al solito non chiese a Caleb come fosse andata la notte, ma fu contenta quando lui la tirò sul letto e la scopò prima che entrambi andassero a dormire.

*****

SABATO

Gran parte del sabato è stato dedicato a preparare le cose per il barbecue e Cora si è divertita molto al supermercato a caricare casse di bevande dentro e fuori dal carrello e nel retro dell'auto, dovendo chinarsi per farlo. e senza guardare davvero dietro di sé per vedere chi si stava godendo lo spettacolo.

Quella sera Caleb portò Cora a mangiare in un pub di campagna. Come al solito in questi giorni, il vestito di Cora era ultra corto e mentre entravano nel pub Cora poteva vedere molte teste girarsi per guardarla, alcune ovviamente speravano che il vestito si alzasse un po' in modo da poter vedere se indossava delle mutandine. .

Presero un tavolo contro il muro e Caleb fece sedere Cora con le spalle al muro e lui si sedette accanto a lei. Caleb aveva visto che i tavoli non avevano tovaglie, quindi chiunque avesse guardato nella loro direzione avrebbe potuto vedere le sue gambe nude fino all'inguine.

"Non incrociare le gambe Cora, lascia che l'aria arrivi a quella figa calda o alla tua."

Felice di accontentarlo, Cora non accavallò le gambe ma non si rese conto del vero motivo per cui Caleb le aveva detto di non accavallarle. In realtà era contenta che l'avesse detto perché la sua figa era calda e bagnata. Caleb aveva guidato con una mano giocando con la sua figa e l'aveva fatta eccitare parecchio.

Il gioco della figa di Caleb è continuato non appena si sono seduti, facendo sì che le ginocchia di Cora si allontanassero per dargli un migliore accesso.

Lessero il menu poi Caleb si alzò e andò al bar per ordinare il loro cibo e procurargli da bere. Mentre era in piedi al bar si voltò a guardare Cora e fu contento di vedere che non aveva chiuso le ginocchia e poteva vedere la sua fessura. Caleb avrebbe voluto dire a tutti gli uomini al bar cosa avrebbero potuto vedere se avessero girato la testa, ma non lo fece.

Tornati al tavolo, la mano di Caleb tornò alla figa di Cora e non ci volle molto perché Cora facesse del suo meglio per non far sapere a tutti nel pub che stava avendo un orgasmo.

In questo pub, come in molti pub, le panche lungo le pareti sono profonde e fino a quel momento Cora era rimasta seduta dritta davanti alla sedia ma quando l'orgasmo prese il controllo del suo corpo si sdraiò per sostenerla. indietro ma questo lasciava il vestito alzato intorno alla vita con tutto sotto scoperto, a parte la mano di Caleb.

Quando Caleb mosse la mano, la figa pulsante di Cora era in mostra affinché tutti potessero vederla, e i suoi tentativi di soffocare i rumori di piacere che cercavano di uscire dalla sua bocca non avevano avuto successo al 100% e alcune persone avevano guardato dalla sua parte. Una manciata di persone davanti a loro hanno potuto osservare bene la sua figa bagnata e gonfia, anche se Cora non se ne era accorta perché il suo cervello era un po' preoccupato.

Finito l'orgasmo, Cora si sedette dritta e chiuse le ginocchia. Il suo vestito le cade sulla pancia e le copre il pube. Mentre Cora riprendeva fiato, una cameriera si avvicinò con 2 drink in mano. Mentre la ragazza li metteva sul tavolo, fece 2 cose, in primo luogo guardò in grembo a Cora e vide che poteva vedere la parte anteriore della fessura di Cora, e in secondo luogo, disse,

"Questi vengono dai ragazzi del bar."



Caleb e Cora si guardarono poi verso il bar dove videro 4 uomini che li guardavano e alzavano i bicchieri, Caleb capì cosa stava succedendo e fece 2 cose, in primo luogo alzò il bicchiere agli uomini per riconoscere il loro gesto, e in secondo luogo disse a Cora di sdraiarsi e allargare le ginocchia.

Cora non era a conoscenza della comunicazione tra Caleb e gli uomini, non aveva nemmeno notato gli uomini, quindi ha fatto quello che le aveva detto Caleb facendo sì che gli uomini alzassero di nuovo i bicchieri.

La figa di Cora era stata in bella mostra solo per circa un minuto quando Caleb vide una giovane donna camminare verso di loro portando 2 piatti di cibo.

"Siediti Cora, il nostro cibo è qui."

Cora lo fece e Caleb guardò la giovane donna per vedere qualche indicazione che stesse guardando il grembo di Cora. Non ha visto alcuna indicazione del genere.

Mangiarono con Cora che teneva le ginocchia non del tutto unite ma abbastanza vicine da permettere agli uomini al bar di vedere solo un po' del pube calvo di Cora.

Non appena Caleb ebbe finito di mangiare, la sua mano tornò alla figa di Cora e lei allargò automaticamente le ginocchia per dare a Caleb un migliore accesso. Prima che Cora finisse di mangiare il suo livello di eccitazione era aumentato al punto che le era difficile finire il pasto.

Cora in realtà non finì di mangiare perché dovette lottare per restare di nuovo in silenzio mentre un altro orgasmo la travolgeva lentamente.

Naturalmente Caleb aveva tolto la mano e gli uomini avevano osservato Cora lottare per controllare il proprio orgasmo. Caleb alzò di nuovo il bicchiere verso gli uomini, ma la maggior parte di loro non colse il gesto perché i loro occhi erano tra le gambe di Cora.

Poco dopo che Cora riprese il controllo del suo corpo, si rivolse a Caleb e disse:

"Possiamo andarcene adesso, ho bisogno del tuo cazzo dentro di me il prima possibile."

Caleb non rispose verbalmente, si alzò e si rivolse a Cora che sorrise e si alzò in piedi. L'orlo del suo vestito non è stato troppo veloce a sistemarsi e gli uomini al bar hanno potuto dare una rapida occhiata alle sue gambe nude fino alla pancia prima che il vestito cadesse a posto ponendo fine al suo spettacolo inosservato per gli uomini.

Caleb tenne la mano di Cora mentre la conduceva fuori dal pub e nell'area boscosa sul retro del parcheggio dove la appoggiò contro un albero, le tirò il vestito fino alle ascelle e la scopò finché entrambi non raggiunsero l'orgasmo.

Entrambi sazi, Caleb cercò la sua macchina e poi fece tutto il giro per vedere se c'era qualcun altro in giro, poi sollevò e tolse il vestito di Cora e la condusse alla macchina.

Cora rimase nuda per tutto il viaggio verso casa e per metà di esso la sua testa era in grembo a Caleb con il suo cazzo in bocca.

*****

DOMENICA

Caleb e Cora avevano lavorato duro il sabato per preparare tutto per il barbecue, così la domenica mattina avevano un po' di tempo libero. E questo dopo aver soddisfatto i reciproci desideri carnali prima di alzarsi dal letto.

Quindi, dopo che finalmente si alzarono e fecero le loro cose in bagno, Cora chiese a Caleb se poteva sculacciarla.

“Ehi, Cora, ho capito bene, vuoi che ti sculacci? Stamattina con 20 persone che verranno qui questo pomeriggio? Non vorrai indossare un vestito questo pomeriggio, vero?"

“No, no, è solo che mi è piaciuto essere sculacciato lo scorso fine settimana, beh l'ultima parte e dato che abbiamo un po' di tempo libero, volevo provare di nuovo quella sensazione. E no, non ho dimenticato questo pomeriggio e non indosserò niente. Ti ho promesso che sarò nudo qui tutto il tempo e mantengo le mie promesse. L’altra cosa è che l’ultima volta che sono stati George, Jack e Harry a sculacciarmi, tu ti sei perso l’occasione, quindi ho pensato che avresti dovuto sculacciarmi”.

“Bene Cora, se ti rendi conto che questo pomeriggio la gente ti chiederà perché hai il sedere rosso, e non mi aspetto che tu menta, allora suppongo che potrei sculacciarti. Potrei anche fare qualche foto del tuo sedere rosso per ricordartelo, magari anche un video. E il tuo vibratore telecomandato, lo vorresti dentro di te quando ti sculaccio?"

“Sono tutte buone idee, Caleb. Quindi lo farai?"

"Vai a prendere i nostri telefoni e il tuo vibratore."

Cora lo ha fatto. Dato che il tempo era bello, decisero di farlo sul retro. Decisero di fare l'impresa con Cora piegata sullo schienale di una delle sedie da giardino che avevano preso in garage per il barbecue, poi passarono qualche minuto a sistemare i telefoni nella posizione migliore per registrare il sedere di Cora come ha cambiato colore. Alla fine Caleb ha inserito il vibratore nella vagina di Cora, quindi ha utilizzato il telefono di Caleb per impostare le vibrazioni a circa la metà del massimo.

Mentre Caleb lo faceva, disse:

"Che ne dici di indossare questa atmosfera al lavoro e lasciarmi controllare dal mio posto di lavoro?"

“Sembra divertente, ma non sono sicuro di avere l’antenna rosa che pende tra le mie gambe. Con i miei micro abiti le persone vedranno l’antenna abbastanza facilmente.”

“Ottima osservazione Cora, pensiamoci, sei pronta per iniziare? Dimmi quando vuoi fermarti."

"Fermati quando il mio orgasmo inizia ad andarsene."

"E se non raggiungi l'orgasmo?"

“Allora immagino che il mio sedere sarà MOLTO rosso. Non trattenerti perché mi ami Caleb, sculacciami come se fossi Lucy, Emily o Willow.

Cora andò allo schienale della sedia e si chinò su di essa, Caleb notò che aveva allargato molto le gambe. Poi è andato ai due telefoni e ha controllato che il sedere di Cora fosse al centro dello schermo e ha sorriso quando si è reso conto che con le gambe di Cora così larghe la fotocamera avrebbe catturato anche la sua figa. Ha ingrandito una telecamera proprio sulla sua figa e sullo schermo poteva già vedere i suoi succhi fuoriuscire dalla sua vagina insieme all'antenna rosa che sporgeva.

Successivamente andò dall'altra parte di Cora e si fermò di fronte a lei, si chinò e le afferrò entrambe le tette, Mentre le faceva rotolare i capezzoli tra i pollici e il medio disse,

"Cora, ultima possibilità per fermare tutto questo, sei sicura di volere che ti sculacci?"

"Caleb caro, se non vai d'accordo presto ti farò venire prima ancora che tu abbia iniziato."

Caleb lasciò andare i suoi capezzoli poi si girò sul lato sinistro. Avrebbe potuto farlo con il sedere un po' più alto, ma avrebbe potuto facilmente arrangiarsi.

"Crepa."

"Ahi, uno, grazie maestro."

"Sono il tuo padrone adesso, vero?"

"Crepa."

“Sì maestro, due, grazie maestro.”

"E come dovrebbe trattarti il ​​tuo padrone, Cora?"

"Crepa."

“Dovresti mostrare il mio corpo nudo al mondo intero. Tre, grazie maestro.

"Vuoi che mostri questi video a tutti qui questo pomeriggio, Cora?"

"Crepa."

“Sì, maestro, mostra loro quanto ti amo. Quattro, grazie maestro.

“E le persone che lavorano al tuo lavoro, Cora? Vuoi che invii uno dei video al tuo capo, Hope, vero?"

"Crepa."

“Sì, padrone, lo sto prendendo in giro e lui ha il diritto di vedermi sculacciato. Cinque, grazie maestro.

Caleb rimase senza domande ma continuò a sculacciare Cora. Quando ha potuto vedere che stava iniziando a piangere dopo lo schiacciamento 13, Caleb ha quasi fermato tutto. Le chiese se voleva smettere. Un altro paio di schiaffi dopo, Cora disse:

“No, continua così. Quindici, grazie maestro.

Quando Cora aveva detto,

"Venticinque, grazie maestro." Caleb notò un cambiamento nel tono della sua voce. Non sembrava più che stesse parlando tra le lacrime. Pensò di aver percepito un po', oserei dire, di piacere, ma scacciò il pensiero, non poteva avere ragione.

Dopo lo schiacciamento 35, Cora ha detto:

"Oh Caleb, sto per venire, trentacinque, grazie maestro."

Nel corso dei successivi due schiaffi Caleb notò che la figa di Cora si stava contraendo e poi rilassando, ancora e ancora, poi dopo il numero dello schiaffo Cora smise di contare, fece un lungo sospiro poi iniziò a tremare con lo strano sussulto incluso, poi disse,

"Oooooooooohhhhhhhhhhh Caleb, ti amo."

Caleb guardò il suo corpo tremare per anni. Osservò anche la sua figa mentre le convulsioni sembravano diventare più forti e il flusso dei suoi succhi aumentava e gocciolava sull'erba.

Quella che sembrava un'eternità per entrambi giunse al termine e Cora iniziò ad alzarsi. Caleb la afferrò e l'abbracciò, facendo attenzione a non afferrarle il sedere.

Quando Cora si raddrizzò e disse che stava bene, Caleb la lasciò andare. Poi la condusse al lettino più vicino e l'aiutò a sdraiarsi, a pancia in giù.

"Resta lì, Cora." disse Caleb, poi cominciò ad andare a prendere una crema idratante. Stava attraversando la porta sul retro quando si ricordò dei telefoni e del vibratore. Voltandosi andò a fermarli tutti, poi andò a prendere la crema idratante.

Strofinandolo delicatamente sul sedere di Cora sembrava che stesse dormendo, quindi non disse nulla. Non disse nulla nemmeno quando lui le infilò una mano tra le gambe e le toccò il clitoride. Non volendo approfittare del suo stato, tornò ai telefoni e guardò uno dei video. Gli è piaciuto il video ma si è sentito in colpa per aver inflitto il dolore, anche se lei lo aveva letteralmente chiesto.

Il video stava finendo quando sentì Cora dire:

"Fammi dare un'occhiata."

Caleb ha iniziato a giocarci dall'inizio.

"Wow, guarda il mio sedere e la mia figa, wow, devo aver perso un litro di liquido."

"Stai bene Cora?"

“A parte il sedere che mi fa molto male, sì, mi sento benissimo. Pensi che potresti scoparmi sotto la doccia Caleb, sono un po' sudato ma ho bisogno del tuo cazzo dentro di me."

"Questo ti impedirà di pensare al sesso quando i nostri ospiti saranno qui?"

"Se sono nudo e tutti gli altri indossano vestiti, cosa ne pensi?"

"Se?"

“No, QUANDO. Non indosserò nessun vestito finché non andrò a lavorare domani. Manderai davvero uno di quei video al signor Hope?

"Vuoi che vada da Cora?"

"Beh, l'ho preso in giro molto, mostrandogli il mio sedere e la mia figa."

«Immagino che fosse un sì?»

"SÌ."

“Va bene, lo farò. Penso di poter indovinare il suo indirizzo email. Adesso forza Cora, è ora della doccia e poi dobbiamo prepararci per i nostri ospiti.

Caleb ha scopato Cora sotto la doccia, in piedi, faccia a faccia con Caleb evitando di afferrare il sedere di Cora su cui batteva la doccia fresca.

Poi si sono dati da fare con gli ultimi preparativi per il barbecue.

Il campanello suonò e una Cora nuda e leggermente apprensiva aprì la porta a uno degli amici di Caleb e alla sua ragazza.

"Oh mio Dio", disse la ragazza, "Harry aveva ragione, Caleb ha una ragazza nudista."

"Ciao, sono Cora, ma non mi definirei una nudista, solo una ragazza a cui piaceva essere nuda tutte le volte che poteva."

«Bene, allora, io sono Rose e questo è Henry, quando gli tornano gli occhi nelle orbite. Henry, smettila di fissare quella povera ragazza.

“Va tutto bene, sono abituato a fissarlo. Entra, Caleb sta accendendo il barbecue.

Cora condusse Henry e Rose attraverso la casa e una volta fuori, nella luce brillante, Rose disse:

"Il tuo sedere Cora, stai bene?"

“Sì, va bene, stamattina ho chiesto a Caleb di sculacciarmi e questo è il risultato. Una buona sculacciata è un ottimo afrodisiaco, dovresti provarlo prima o poi.

Rose rimase un po' sbalordita, ma dopo un paio di secondi disse:

"Henry, smettila di fissarmi e presentami."

"Tu sei Rose, immagino", disse Caleb, "Ovviamente non dà fastidio a Henry Cora essere così, ma a te va bene, Rose?"

"Immagino di sì, Henry mi ha detto che avevi una ragazza nudista e se mi avesse dato fastidio non sarei venuto qui."

"Bene, cosa posso offrirti da bere?"

Caleb portò Rose in cucina, poi Cora disse:

"Henry, terra a Henry, oh bene, da dove conosci Caleb?"

“Oh sì, università. Fa male?"

"Presumo che tu stia parlando del mio sedere, e sì, fa male ma non così tanto come un paio d'ore fa."

Il campanello suonò di nuovo.

"Torno tra un po'." disse Cora e lasciò Henry a fissarle il sedere mentre entrava in casa.

Questa volta è stata Carol, una delle amiche di Cora e il suo ragazzo.

La mascella del ragazzo è caduta non appena ha visto Cora e come ha detto Carol,

“Lo stai facendo davvero, Cora. So che hai detto che eri sempre così qui, e ti ho creduto, ma vederti nudo davvero. Beh, buon per te, sicuramente sembri felice essendo così.

"Non sono mai stato più felice, entra."

"A proposito, questo è Pete."

Cora allungò la mano affinché Pete la stringesse, ma lui era ancora troppo scioccato per dire qualcosa.

È stato più o meno lo stesso con tutti gli ospiti, fino all'arrivo di Wendy. Era sola e quando Cora le aprì la porta sembrò scioccata e poi disse:

«Speravo che mi stavi solo prendendo in giro, Cora, ma ora vedo che non è così. Penso che sia disgustoso farti comportare così. Ti ha persino fatto radere i peli pubici. Va oltre il canualismo, devi uscire di qui il più velocemente possibile.

"Adoro la mia nuova vita Wendy, non sono mai stato più felice e potrei anche mostrartelo adesso."

Cora fece un lento 360 poi prima di poter dire qualcosa, Wendy disse:

"Vieni Cora, puoi stare con me finché non troverai un posto tutto tuo."

Proprio in quel momento arrivò Caleb.

“Wendy, questo è Caleb, il mio ragazzo, il mio amante, la mia anima gemella e il mio migliore amico. Caleb, questa è Wendy.

“Cora”, disse Wendy, “devi soffrire di una specie di sindrome di Stoccolma, e Caleb, dovresti vergognarti di te stesso. Non dovresti rendere la povera Cora così. Andiamo, Cora."

«Wendy», disse Caleb, «piacere di conoscerti. Non farò fare nulla a Cora. Fin dal primo giorno Cora ha sempre saputo che poteva andarsene quando voleva. Sa anche che può indossare tutto ciò che vuole, ovunque si trovi. Non la sto controllando in alcun modo. E prima che tu dica qualcosa sul suo sedere, è stata Cora a chiedermi di sculacciarla.

"Buon dolore Cora, devi venire con me e scappare da questo mostro."

“No Wendy, non andrò da nessuna parte. Ora puoi restare e vedere quanto mi sto godendo la vita oppure puoi andartene, dipende da te.

"BENE. ……………”

"Carol, Liz e Mary sono qui, perché non fai una chiacchierata con loro e scopri cosa pensano della mia nuova vita?"

"Beh, immagino."

"Quella è la ragazza che conosco, andiamo." disse Cora mentre prendeva a braccetto Wendy e la tirava dentro.

Proprio quando Cora pensò che tutti quelli che sarebbero venuti fossero arrivati, sentì di nuovo il campanello. Aprendo la porta fu la volta di Cora di rimanere sorpresa. L'ultimo ospite ad arrivare altri non era che suo fratello minore.

"Oh mio Dio, Rick, cosa ci fai qui?" Disse Cora mentre il suo viso cominciava a diventare rosso e le sue mani si spostavano nella classica posizione per coprire le tette e la fica.

“E ciao anche a te sorellina, vedo che stamattina ti sei dimenticata di vestirti.”

"Merda, cosa ci fai qui?"

"Ho ricevuto una telefonata da qualcuno che chiamava Caleb, ha detto che era giunto il momento di incontrare alcuni membri della famiglia della sua ragazza."

"Merda, non verranno anche mamma e papà, vero?"

“Tranquilla sorella, non ne sanno nulla. Allora come mai sei nudo? Devo dire che hai un aspetto molto migliore rispetto all'ultima volta che ti ho visto."

"Uff", disse Cora e iniziò ad abbassare le mani.

“Vestiti Cora? Hai perso una scommessa o qualcosa del genere?"

“No, oh cavolo, immagino che ormai sia uscito, devi promettermi che non dirai niente a mamma, papà e a nessun altro nostro parente”.

"Che cosa?"

"Che ho deciso di smettere di indossare vestiti quando non devo."

"Non sarai costretto a farlo, vero?"

“No, decisamente no, adoro stare così, è così liberatorio, quindi…….. beh diciamo che la mia vita sessuale è fuori dal mondo.”

"Il cazzo di questo Caleb è lungo trenta centimetri o qualcosa del genere?"

"No, proprio della taglia giusta."

“Non è nudo anche lui, vero? Ci sono anche altre persone nude qui?"

"No, no, solo io, sono l'unico nudo qui."

"Allora chi sono tutte le altre persone che riesco a sentire?"

“Amici di Caleb e miei amici, andiamo, vi presenterò Caleb e chiunque altro con cui volete parlare, ma a buon intenditore, state lontani da una ragazza chiamata Wendy, pensa che io abbia bisogno di essere salvata e che Caleb è una sorta di psicopatia controllante.

"Sei sicuro che non lo sia, voglio dire, riconosco la tua faccia ma non sei mai stato così quando eravamo piccoli."

"Beh, sono cresciuto e ora mi rendo conto che tutte quelle stronzate di cui diceva mamma sono proprio queste, stronzate."

"Okay sorella, il tuo segreto è al sicuro con me, e devo dire che hai un bell'aspetto."

"Grazie fratello, andiamo."

Erano arrivati ​​solo a metà della casa quando Rick disse:

"Dannazione sorella, sei stata sculacciata?"

“Sì, l’ho chiesto, letteralmente. È fantastico per la mia vita sessuale.

"Lo sai che hai un bel sedere, Cora."

"Smettila Rick, sei mio fratello."

"Questo non mi impedisce di ammirare il tuo corpo perfetto, vero?"

"Immagino di no, ma non hai mai fatto commenti del genere."

"Questo perché a casa non eri mai nudo, sempre coperto di abiti informi."

"Vieni, Rick."

Cora condusse suo fratello al barbecue dove Caleb stava mettendo delle salsicce e degli hamburger e lo presentò. Poi li lasciò a parlare mentre faceva il giro dei suoi amici, con qualche sosta presso gli amici di Caleb.

Naturalmente, il primo argomento di conversazione era quasi sempre la sua nudità, con le stesse domande e commenti ad ogni gruppo a cui andava,

"Perché stai facendo questo, Cora?"

«Caleb ti sta costringendo a comportarti così?»

"Com'è essere l'unica persona nuda qui?"

"Non lo trovi molto imbarazzante?"

"La faccia della maggior parte delle persone diventa rossa quando è imbarazzata, ma vedo che per te è il tuo sedere."

«Caleb ti ha davvero sculacciato?»

"Non ti fa male il sedere?"

"Essendo l'unico nudo, ti eccita?"

"Una bella sculacciata ti eccita davvero?"

"Il fatto di essere nudi deve eccitarti, guarda i tuoi capezzoli."

E da una delle sue amiche,

"Forse dovresti entrare e usare dei fazzoletti, Cora, hai l'interno delle cosce un po' umido."

Quando Cora arrivò dove si trovava Wendy, gli unici commenti di Wendy furono dispregiativi, anche se per ogni commento dispregiativo fatto da Wendy un'altra sua amica usciva con un commento in difesa di Cora. Un paio di suoi amici in realtà dicevano di essere gelosi di lei.

Inoltre, Cora credeva che Liz si sarebbe spogliata se ne avesse avuto la possibilità. Cora pensò di dirle che avrebbe potuto spogliarsi se avesse voluto, ma qualcosa la trattenne. Non si rendeva conto di cosa, ma se ci avesse pensato si sarebbe resa conto che era molto felice di essere l'unica nuda e che se qualcun altro si fosse spogliato avrebbe portato via un po' della magia.

Quella magia è il formicolio costante nella sua figa derivante dall'attenzione che stava ricevendo il suo corpo nudo.

Caleb iniziò a servire il cibo e presto tutti si sedettero a mangiare con molte meno chiacchiere. Non c'erano abbastanza sedie per tutti e Caleb e Cora erano tra i pochi seduti sull'erba, Cora con Liz e Mary e Caleb con Rick che non conosceva nessun altro lì. Non che Caleb lo conoscesse, ma Rick era il fratello di Cora e Caleb voleva conoscerlo.

Mentre Liz e Mary erano sedute con le gambe unite e i piedi spostati da un lato, Cora era seduta in stile indiano un po' come se stesse meditando nello yoga. Ciò ha lasciato in mostra un bel po' della sua figa bagnata, un fatto che Liz ha fatto notare a Cora dicendo:

"Questo essere l'unico nudo ti eccita davvero, non è vero Cora?"

"È ovvio, vero, Liz?"

"È la vulva bagnata e gonfia a tradirlo."

"Non posso farci niente, inoltre mi sta rendendo tutto affettuoso e amorevole."

"Immagino che presto ti masturberai per tutti."

"No, sarebbe semplicemente troppo imbarazzante."

Continuarono a chiacchierare e a mangiare.

Nel frattempo Caleb stava chiedendo a Rick com'era Cora quando era più giovane.

“Di sicuro non era così, era tutta timida e non l'avevo mai vista nuda prima. Che diavolo le hai fatto, Caleb, non che mi lamenti, non avevo mai realizzato che bel corpo avesse, okay, le farebbero delle tette più grandi per i miei gusti, ma a parte questo è molto sexy.

"Non le ho fatto davvero nulla, nessuna forza, nessun ipnotismo, nessun ricatto, le ho solo fatto sapere che sembrava davvero sexy quando non indossava molto e ha deciso che non voleva indossare molto addosso sua, va a lavorare anche con la microgonna e senza mutande.

"Scommetto che ci sono molti ragazzi felici sul posto di lavoro."

"Come sono Rick i tuoi genitori?"

"Okay, immagino, ma se hai intenzione di incontrarli assicurati che Cora indossi una gonna che non sia più corta di metà coscia, mamma farebbe un vero traballamento."



"Non so se avrò mai la possibilità di incontrarli, Cora non li menziona mai, solo tu Rick."

"Andavamo d'accordo da bambini, immagino, per qualche strana ragione mi sono sempre preso cura di lei."

"Grazie per quello Rick, si è rivelata bene."

“Certamente lo ha fatto. Non avrei mai immaginato che l'avrei vista nuda quando sono venuta qui oggi.

"Beh, sono felice che tu l'abbia fatto, è stato un piacere conoscere un membro della sua famiglia."

Mentre Rick e Caleb parlavano e osservavano Cora, Rick disse:

"Hai notato che continua a pizzicare i capezzoli, l'ho notato prima ma lo fa ancora."

“È una cosa da ragazze quando hanno le tette fuori. Ho notato che anche altre ragazze lo fanno, penso che sia una cosa inconscia, loro vogliono che appaiano al meglio per tutti.

"Beh, per me funziona, pensavo che le tette grandi fossero le migliori ma vedendo mia sorella oggi comincio a pensare che quelle piccole siano le migliori, guardale, una bella manciata seduta così orgogliosa in alto sul suo petto, nemmeno il minimo accenno di cedimento, e quei capezzoli, potrei appenderci il cappotto.

Caleb stava ascoltando e si sentiva orgoglioso di Cora. Non solo aveva un corpo fantastico, ma sembrava molto felice di lasciarlo vedere a tutti, proprio quello che lui voleva da una ragazza.

Finito il cibo, Cora e Caleb iniziarono a pulire e a distribuire altre bevande. Caleb ha messo un po' di musica e alcune persone hanno iniziato a ballare o almeno a dondolarsi al ritmo della musica. Cora e Caleb si unirono a loro, Cora non era affatto preoccupata del fatto che alcuni dei ragazzi fossero ancora seduti sull'erba e la loro testa fosse alla stessa altezza della sua figa mentre ballava, spesso con le gambe divaricate.

Quando suonavano alcuni brani lenti, Caleb teneva Cora e le sue mani vagavano su tutto il suo corpo. Non reagì esternamente quando le sue mani scivolarono leggermente sul suo sedere, sulle tette e sul pube, ma internamente il livello di eccitazione di Cora stava aumentando.

Decidendo che stava trascurando un po' i suoi ospiti, Cora passò un po' di tempo a parlare con alcuni di loro e a procurare loro altri drink, quando arrivò da Rick lo condusse dove la gente stava ballando e quasi lo costrinse a ballare con lei.

Forse la quantità di alcol che Cora aveva bevuto aveva qualcosa a che fare con questo, ma quando iniziò a suonare un numero lento, Cora mise le braccia attorno al collo di Rick e strofinò le tette e i capezzoli duri sul davanti della sua maglietta di cotone sottile. La resistenza di Rick svanì e abbracciò la sua sorella maggiore.

Cora attirò Rick a sé e sentì il suo cazzo duro premerle sullo stomaco.

"Rick", disse Cora e si strinse ancora di più contro di lui, "non sapevo che ti prendessi così tanto cura di me."

"Mi sei sempre piaciuta, Cora, ma sei mia sorella."

"Lo sono anch'io, ma prendo la pillola quindi non importa."

Ballarono ancora un po' con Rick che si chiedeva cosa diavolo volesse dire Cora. Stava davvero dicendo che per loro andava bene fare sesso? Voleva davvero che lui la scopasse? Cosa penserebbe Caleb?

Il povero Rick era confuso, e non aiutò quando suonò un altro numero lento e Cora premette di nuovo lo stomaco contro il suo cazzo ancora duro prima di smettere di ballare e dire che non poteva monopolizzare il suo fratellino tutto il tempo.

Cora continuò il suo giro tra gli ospiti incontrandosi occasionalmente con Caleb mentre anche lui stava circolando. Quando si incontravano, Caleb l'abbracciava e la baciava lasciando che le sue mani le stringessero dolcemente il sedere nudo.

Alla fine alcuni degli ospiti iniziarono ad andarsene e di nuovo Cora ricevette alcuni commenti complimenti sulla sua nudità. Ben presto rimasero solo pochi ospiti, inclusa, sorprendentemente, Wendy che aveva trascorso gran parte del pomeriggio con Liz e Mary.

Rick, ancora confuso, era uno di quelli rimasti e quando Cora e Caleb tornarono dopo aver accompagnato alcuni ospiti alla porta, Cora tirò su Rick per ballare e quando partì un numero lento si premette contro la sua parte anteriore e sussurrò,

"Se stai indietro, posso aiutarti."

Poi Cora spinse via Rick e iniziò a ballare da sola. In qualche modo, è partita la famosa sigla di Stripper e sebbene Cora fosse già nuda, probabilmente/probabilmente provocata dall'alcol che aveva bevuto, Cora ha iniziato a ballare un po' come fanno le spogliarelliste, massaggiandosi le mani su tutto il corpo.

Dopo circa un minuto Cora guardò Caleb che stava sorridendo e quando la vide guardare fece dei cerchi con la mano indicando a Cora di andare avanti.

Mentre roteava il suo corpo, Cora giocava con i suoi capezzoli con entrambe le mani, poi spostava la mano destra verso la figa. Allargando le gambe si guardò intorno e vide che quasi tutti ora la stavano guardando e tifavano per lei.

Cora cominciò subito a massaggiarsi il clitoride. È rimasta nuda di fronte a persone sia amiche che sconosciute per alcune ore e per questo motivo è stata sempre arrapata quindi non ci è voluto molto perché la sua eccitazione e le sue dita la portassero a un climax intenso a causa delle persone che la guardavano.

Quando Cora cominciò a rendersi conto di nuovo di dove si trovava, vide e sentì applausi e applausi, soprattutto da parte di Caleb che era in piedi al suo fianco e le tendeva la mano per aiutarla ad alzarsi in piedi. Una volta in piedi, Caleb abbracciò Cora e le sussurrò che era fiero di lei. La risposta sussurrata di Cora sorprese e impressionò Caleb quando sussurrò:

"Posso scopare Rick?"

"Certo che puoi." Caleb rispose.

Cora non diede seguito subito al suo desiderio, voleva aspettare che tutti gli altri se ne fossero andati, il che non era molto lungo, Caleb sospettava che il resto degli ospiti volesse andare da qualche parte dove poter godersi i corpi dei loro partner.

Quando Rick si avvicinò a Cora e le disse che sarebbe dovuto andare, lei rispose con voce molto severa,

"Non pensare nemmeno di andartene finché non ci saremo occupati di qualcosa che avremmo dovuto fare anni fa."

Mentre Liz, Mary e Wendy se ne andavano, sia Liz che Mary abbracciarono Cora e le dissero che era coraggiosa e straordinaria. Wendy, d'altro canto, disse a Cora che Caleb l'aveva trasformata in una sgualdrina sfrenata e che aveva davvero bisogno di andare a trovare uno psichiatra.

Non appena Rick fu l'unico ospite rimasto, Cora gli si avvicinò, lo baciò sulle labbra e poi iniziò a spogliarlo.

“Cosa stai facendo Cora? Non è giusto, non dovremmo, che dire di Caleb. "

Ma Cora non ne aveva nulla. Non appena i jeans e le mutande di Rick erano intorno alle caviglie, Cora lo spinse sull'erba e lo montò.

Caleb guardò con un grande sorriso sul viso mentre Cora cavalcava suo fratello fino a reciproco climax.

Quando l'orgasmo di Cora era passato, si sedette lì, aspettando che il cazzo di Rick si ammorbidisse e si guardò in faccia mentre si riprendeva.

"Mi dispiace sorella, non avrebbe mai dovuto accadere."



"Perché non Rick, nessun danno è stato fatto e inoltre, ho sempre voluto sapere come sarebbe stato farmi scopare."



"Non avrebbe ancora dovuto accadere."

"Beh, ha e nessuno di noi si lamenta." Caleb ha detto.

"Mi dispiace Caleb, non ho mai nemmeno considerato che sarebbe successo quando ho detto che sarei venuto qui."

"Smettila di scusa Rick", ha detto Caleb, "sembra che Cora sembra abbia qualche rimpianto? Perché sono sicuro che l'inferno non lo ha fatto. "

A quel punto il cazzo di Rick era morbido e iniziava a restringere da Cora, quindi si alzò e, con i piedi ancora su entrambi i lati dei fianchi di Rick, e un po 'di sperma che gocciola su di lui. Cora ha detto,

"Rick, è positivo che tu abbia scoperto quanto sono felice ed è bello che tu abbia promesso di non dire a mamma e papà. Voglio che sappiano che sono felice, più che felice, sono delirantemente felice. È solo che non voglio che sappiano esattamente cosa mi rende così felice, tranne per il fatto che è colpa di Caleb. E, fino a quando non ti procurerai una ragazza, sei il benvenuto per venire qui per alleviare eventuali frustrazioni che potresti avere. "

"Sì Rick", ha aggiunto Caleb, "Non sono il tipo geloso, in effetti mi piace guardare Cora rendere felici se stessa e gli altri."

"Beh, grazie, entrambi, potrei solo prenderti su questo, ma dovrei davvero andare ora, è stato davvero bello conoscerti Caleb e, un piacere rivedervi Sis, tutti voi. Non riesco ancora a capire come hai cambiato Cora. ​​"

"È colpa di Caleb, ma sono sicuro che non mi lamenti."

Con quella Rick rimasta, promettendo di rimanere in contatto.

Caleb e Cora avevano le braccia l'una attorno all'altra mentre guardavano Rick andarsene e mentre chiudevano la porta Caleb diede a Cora una lunga lingua che cercava bacio prima che uscissero dalla schiena e iniziarono a ripulire dopo il barbecue.

Quella notte hanno fatto l'amore per oltre 2 ore prima di andare finalmente a dormire con il cazzo di Caleb ancora all'interno di Cora.

*****

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.