Katlin e Missy: Capitolo 1 - Rapimento

444Report
Katlin e Missy: Capitolo 1 - Rapimento

Cathy: Questa è la riscrittura di una storia che ho pensato diversi anni fa.


Katlin e Missy: Capitolo 1 - Rapimento

----------------------

Un forte dolore al collo mi svegliò. Non riuscivo a concentrarmi, riuscivo a malapena a ricordare il mio nome, e mi ci è voluto un po' per rendermi conto che ero ammanettato mani e piedi e attaccato a faccia in giù su un grande letto, nudo. Una quindicenne ha tante fantasie di perdere la verginità. Alcuni avevano incluso la schiavitù. Nessuno aveva incluso il dolore che sentivo ai polsi e alle caviglie. I polsini erano imbottiti. Ma non erano comodi. L'imbottitura era pessima. Implicava che la persona che mi aveva messo lì intendesse mantenermi così per un po'.

Essere legato a gambe aperte era solo una delle mie fantasie, e tutt'altro che la mia preferita, anche senza il dolore che provavo. Sentivo un dolore al culo. In realtà è più un dolore. Ma era costante, non andava via. Il dolore al collo, probabilmente causato dal collare che indossavo, era stato acuto, improvviso e di breve durata. Era stato così brutto che il solo ricordo era molto peggio del semplice disagio che provava il mio sedere.

Avevo provato a urlare. Ma avevo una palla in bocca, trattenuta dentro da una cinghia. Urlando in una ball gag non è molto soddisfacente. Ho pensato alla mia figa. I miei ragazzi mi chiamano "pezzo di culo", anche se non in faccia. Mi sono spesso chiesto come sarebbe il sesso anale. Ma prima vorrei farlo nel modo normale. Non che non sia stata toccata da un ragazzo. Due in realtà. Entrambe le volte ho fatto una sorta di "resistenza" e avevo ancora le mutandine addosso. Ma in privato ho fatto molto di più a me stesso. Secondo Annie, il dildo che mi ha regalato è nella media per un uomo. Sicuramente più grande delle dita dei fidanzati. E ho avuto il dildo completamente dentro di me. Immagino di essere vergine solo tecnicamente. Ho pensato di provarlo nel marsupio. Ma questo è tutto quello che ho fatto. Ci ho pensato.

Beh, c'era qualcosa nella mia figa. Se fosse stato un fallo non avrebbe avuto la forma del mio perché era incastrato dentro di me. Il mio è un semplice cilindro a forma di uomo e sarebbe scivolato fuori. Qualunque cosa fosse, la sentivo grande nel mio retto. O era così oppure ero pieno di merda. Forse entrambi. Quanto tempo era passato dall'ultima volta che avevo avuto un BM? Del resto, da quanto tempo ero legato lì? Non ricordavo di essere stato rapito. I miei ultimi ricordi erano confusi. Ricordo che ero in classe e pensavo di tornare a casa dopo. Alla mamma non piaceva che tornassi a casa da sola. Ma tornavo sempre direttamente a casa per la stessa strada. Ero stato rapito! Sono stata una vittima casuale? Mio padre era moderatamente ricco. Ma il modo in cui ero legato aveva sfumature sessuali e sadiche.

All'improvviso la cosa nella mia borsa ha iniziato a vibrare! Sembrava... beh, non potrei descriverlo. Dopo pochi secondi ho deciso che mi sentivo bene. In effetti cominciavo a sentirmi molto bene. Il piacere stava decisamente superando il leggero disagio di essere distesi. Ho sentito i passi di qualcuno che entrava nella stanza. Erano i passi leggeri di una donna. Una voce femminile ostile iniziò a parlarmi a bassa voce.

"Allora, tesoro mio. Hai sentito il mio dolore e il mio piacere. Posso darti molto di più dell'uno e dell'altro. Ti dà fastidio il bavaglio? Lo toglierò dopo che avrai imparato un po' di disciplina. La prima regola è non urlare mai. Anche se ti uccido, morirai tranquillamente. Perché se urli ti garantisco che posso rendere la tua morte molto, molto peggiore. Se sei una brava ragazza forse non dovrò ucciderti. Sono non dovrebbe farlo a meno che non sia necessario.

"La seconda regola è rispondere solo alle domande. Se ti do il permesso potresti farmi una domanda. Ma non ti ho dato il permesso. Capito?"

Mentre lo diceva, improvvisamente sentii un altro dolore acuto ma molto rapido al collo. Era un collare per cani e lei aveva un radiocomando. Ho provato ad annuire con la testa. Ero spaventato a morte. Avrei fatto qualsiasi cosa avesse chiesto.

"Ci sono molti modi in cui posso farti del male. Il collare al collo è semplicemente il più comodo. È stato chiuso con resina epossidica e può essere rimosso solo tagliando la cinghia con cesoie pesanti. Quindi, se e quando ti libererò le mani, non preoccuparti di provare per rimuoverlo. Inoltre, ti punirò anche se ci proverai. Ecco un altro dei tanti modi in cui posso farti del male.

All'improvviso ho sentito un dolore acuto nel retto. La vibrazione non si è mai fermata. Ma per molti minuti non riuscii più a sentire le buone vibrazioni. Questo dolore al culo era terribile. Anche peggio del dolore al collo.

"Il nostro piccolo giocattolo anale è un vero oggetto speciale. Viene usato così con un prigioniero. Gli uomini lo trovano davvero intimidatorio. Un colpo di solito li mette fuori combattimento. Le ragazze lo tollerano meglio. È commercializzato per l'uso da parte di donne masochiste . Non riesci nemmeno a immaginare che alcune donne possano davvero provare quel tipo di dolore? Alla fine lo farai. "

Non potevo immaginare che nessuno, maschio, femmina, omosessuale, imparasse ad apprezzare la scossa elettrica. Ma per qualche ragione, quando il dolore si è attenuato, ho scoperto che mi piaceva molto di più il vibratore anale. Dio! Non ero mai riuscito a procurarmi un orgasmo. Non sarei mai arrivato così vicino. Potevo sentire il clitoride e i capezzoli indurirsi e gonfiarsi. Il mio carceriere, o amante come più tardi insistette che la chiamassi, non fu sorpreso dalla mia reazione. Se lo aspettava.

"Se continuo così posso farti venire. Non sei mai venuto, vero? Fisicamente non sei vergine. Ho controllato. Ma forse non hai mai avuto veramente un uomo. Sii brava e forse lo farai." vivere abbastanza a lungo per averne la possibilità."

Immagino sia per questo che la mia figa era un po' dolorante. Non proprio dolorante, semplicemente usato come quando avevo appena giocato con me stesso.

"In realtà posso farti venire molto più facilmente. Il plug anale serve più per punizione. Allora!"

Si era sporta in avanti dalla sedia su cui era seduta e mi aveva spinto sul sedere. Non sono mai stato ribelle, ho sempre obbedito ai miei genitori, cose del genere. Non ero della stoffa di cui sono fatti i martiri. Ho seguito le sue indicazioni come meglio potevo. C'era un grande cuscino sotto il mio stomaco. Con le caviglie fissate agli angoli del letto, le mie gambe erano divaricate. Anche se avessi avuto la volontà di provare a resisterle, non avrei potuto fare nulla per proteggere il mio inguine da ulteriori invasioni. Le vibrazioni nella mia borsa hanno persino distrutto il mio interesse nel farlo. Il mio corpo voleva che lei gli facesse delle cose, cose che il mio corpo capiva istintivamente anche se potevo solo immaginarle.

Seguendo le sue istruzioni tattili, ho rilassato i muscoli delle cosce e ho provato a ruotare il bacino rendendomi il più accessibile possibile, come un gatto in calore, in postura. Un tocco delle sue dita nelle labbra della mia figa e una goccia di lubrificante. Non c'era niente di gentile o amichevole nel suo tocco. Ma sapevo già cosa stava per farmi ed ero grato per la preparazione anche se la stimolazione anale mi stava già facendo bagnare addosso.

L'impalamento è stato improvviso, intimidatorio e mi ha tolto il fiato. Mi sono subito sentito spiacevolmente pieno. L'asta sembrava più grande del mio dildo. Avevo sempre inserito le mie lentamente, godendomi la deliziosa apertura delle labbra della mia figa, lo stiramento delle mie viscere. Né avevo mai avuto un ripieno anale nel mio retto. La pressione tra i due inserti era strana, sconcertante. Mi sono sentito violato. Deliziosamente così.

"Quindi nessun problema. Ti è davvero piaciuto, vero?"

Mi sono persa la domanda e la mia mancanza di risposta mi ha causato un breve dolore al collo. Era colpa mia se ero troppo distratto? Non avevo mai subito una penetrazione anale prima e non avevo mai subito una doppia penetrazione. Ma il dolore era un perfetto promemoria. Ho annuito vigorosamente con la testa non potendo rispondere verbalmente con il bavaglio in bocca.

"L'ho già fatto in passato. Sono bravo, quindi ottengo dei contratti. Ho scoperto che gli uomini reagiscono meglio quando temono di subire danni ai testicoli. Ma le donne sono abituate a subire abusi sui genitali. Spesso ci divertiamo anche . Il semplice dolore non funziona altrettanto bene con le donne, specialmente con quelle più grandi di te. Invece, io do alle ragazze un piacere così doloroso da farle perdere ogni rispetto per se stesse. Posso e farò di te un dipendente dal dolore sessuale. E pregherai affinché il la polizia non mi prende mai perché la morte sembrerà migliore che far sapere ai tuoi amici e alla tua famiglia in cosa ti ho trasformato. In questo momento hai solo paura di me. Presto mi odierai. Ma imparerai anche ad amarmi, o almeno amo quello che ti faccio. Ecco perché mi odierai."

Il dildo vaginale aveva un attacco, un cappuccio che si estendeva davanti a me, riempiendo l'apertura della mia fica e avvolgendo a coppa il mio clitoride. C'era una cinghia attaccata a questa estensione che lei ha agganciato a una corda già intorno alla mia vita. Mi ero a malapena accorto della corda in vita perché non era né stretta né scomoda. Altre cinghie dalla base del dildo erano attaccate alla corda in vita dietro di me, una passando su ciascun lato dell'inserto anale. Strinse tutte e tre le cinghie. Potevo sentire la cosa premere nella mia vagina. Ma soprattutto ero consapevole della pressione sul mio clitoride. Anche quello era inquietante. Quando ha acceso il vibratore, ho semplicemente perso la testa.

Il mio primo orgasmo in assoluto è stato molto forte e molto doloroso. Né ho avuto alcun avvertimento. Questa donna potrebbe semplicemente premere un pulsante e trasformarmi in una troia in calore incapace di pensiero cosciente. Nella mia giovane vita non avevo mai sentito parlare di un apparecchio del genere. Ho perso la memoria in pochi secondi.

"Troppa eccitazione, tesoro?"

Appena cosciente, eppure non ho avuto difficoltà a riconoscere la sua imitazione della strega nel film di Oz. Ma quella donna era davvero una schifosa. Le cose a cui ha accennato, anche quelle che mi aveva già fatto, non avrebbero mai potuto essere menzionate in un film PG. Né ti era permesso parlare ai bambini della dominazione sessuale. Sono stato vittima di un sadico professionista.

"Ok, lo faremo un po' più lentamente questa volta."

La sonda, entrambe le sonde, erano ancora dentro di me, quella dietro di me vibrava ancora quando ho ripreso conoscenza. Avevo sicuramente raggiunto l'orgasmo. Il mio clitoride era felice e dolorante e il lenzuolo sotto il mio inguine era fradicio. Il solletico nel mio ano mi stava eccitando e sapevo che se non avesse fatto altro, solo quello mi avrebbe mandato di nuovo oltre il limite, ora che ero stato lì una volta. In realtà è stato molto piacevole sentire che il mio secondo climax stava lentamente crescendo. Forse questa volta rimarrò cosciente e mi godrò tutto.

Ma un'eccitazione così pacifica non doveva esserci. Ancora una volta ho sentito il mio clitoride manipolato meccanicamente. Questa volta il livello di vibrazione era molto meno intenso, ma comunque molto più che sufficiente. Forse stavo diventando più sensibile. All'improvviso ho sentito i miei capezzoli vergini schizzare il latte, anche se più tardi ho scoperto che ciò non era realmente accaduto. Mi sentivo solo come se all'improvviso stessi allattando. Non ero abituato al modo in cui si gonfiavano fino a scoppiare poco prima dell'orgasmo. Anche il mio clitoride sembrava rompersi sotto la pressione in risposta alla terribile stimolazione erotica. Ci sono battute sulle macchine del cazzo. A quanto pare esistono davvero.

Stavo già cominciando a capire i suoi commenti sul fatto di rendermi dipendente dal dolore sessuale. Non oserei mai raccontare ai miei genitori di questi orgasmi. Era vergognoso essere così troia, anche se non avevo avuto il controllo sulla mia trasformazione.

"Bene, per ora è tutto. Tornerò prima o poi. Mi chiedo cosa vorrai prima, un bicchiere d'acqua o un'altra iniezione al clitoride? Presto mi pregherai per entrambi."

---------------------------------

Il vibratore clitorideo era stato spento. Ma il cappuccio ancora avvolgeva e avvolgeva quella parte privata della mia anatomia, e il vibratore era ancora nel profondo di me. Peggio ancora, il plug anale vibrava ancora. Essere lasciato solo era un altro tipo di tortura. I macchinari mi facevano cose senza la supervisione umana. Potevo sentire l'ennesimo orgasmo che si stava lentamente sviluppando. Alla fine il mio terzo climax mi colpì, spinto fuori da me da un vibratore anale. Ho perso il conto dei miei orgasmi. Il vibratore continuava a fare la sua cosa e io facevo la mia in risposta circa ogni venti minuti. Doveva funzionare a batteria, ma la batteria non sembrava mai scaricarsi. Nessuno dei miei flussi era grande come il primo, ma nessuno era piccolo. La pozzanghera sotto il mio inguine continuava a diventare sempre più grande. C'era una protezione di plastica sotto il lenzuolo in modo che il materasso non assorbisse i miei succhi d'amore. Rimasero in cima e alla fine stavo nuotando nel mio stesso sperma. Ma a causa delle continue vibrazioni e delle mie risposte orgasmiche, quasi non mi rendevo conto di quel pasticcio appiccicoso.

Non ho alcuna conoscenza reale di quanto tempo sono rimasto ammanettato sul letto con l'aquila distesa o per quanto tempo sono stato in cattività. Quasi un anno dopo, la poliziotta che mi stava interrogando espresse la sua opinione che probabilmente mi avevano drogata in diversi modi, una semplice droga stordente durante il rapimento, poi una cosa chiamata stupro che rende una ragazza molto docile e causa anche brevi perdita di memoria a termine. Questo è probabilmente il motivo per cui ancora non riesco a ricordare il rapimento stesso. "Molto professionale" è stata la sua valutazione. I miei rapitori si sono assicurati che non potessi fornire alla polizia praticamente alcuna informazione utile. Gli effetti del secondo farmaco potrebbero aver parzialmente spiegato il motivo per cui inizialmente ero così ricettivo all’abuso sessuale. Più tardi, però, è stato semplicemente il fatto che avevo imparato ad amarlo.

Ricordo un ultimo orgasmo, estremamente dolce e intenso. Apparentemente la mia padrona aveva trasmesso un segnale via radio al mio eccitatore vaginale e gli orgasmi che quella cosa mi dava mi lasciavano sempre incapace di pensiero cosciente. Probabilmente non era il livello massimo perché sono riuscito a godermi consapevolmente l'intero climax. Pochi secondi dopo entrambi i vibratori si fermarono e quasi istantaneamente caddi in un sonno profondo. Ho sognato che ero andata in paradiso e San Pietro mi aveva assegnato alla casa dei piaceri dove dovevo compiacere gli angoli con la mia vagina e i diavoli con la mia fica. Amavo il signor Peter per essere stato così gentile con me. Mi sono svegliato ancora nudo, con le gambe divaricate, ma i polsini non erano più attaccati alla testiera. I polsini non erano scomodi quando erano semplicemente attaccati ai miei polsi. Potrei far finta che fossero braccialetti.

Durante quella prima settimana, che trascorsi per lo più da sola su quel letto, la padrona mi faceva spesso addormentare con un'overdose di piacere. L'ho adorato la prima volta e ogni volta. Immagino di essere una troia nata per natura.

Quando mi sono svegliato il mio cervello non era incapace come la prima volta. Ricordo chiaramente di essere andato a dormire con i vibratori dentro di me. Potevo ricordare l'intenso piacere. Quando mi sono mosso, ho sentito una voce tranquilla, apparentemente quella della padrona, ma leggermente distorta dagli altoparlanti. Non c'era nessun altro nella stanza. Ma c'erano quattro videocamere e nella stanza non c'era nessun posto dove si potesse fare qualcosa senza essere visti.

"Puoi usare il bagno. Togli uno o entrambi i falli secondo necessità, ma non più del necessario. C'è un bicchiere. Se lo fai con attenzione scoprirai che puoi bere lentamente senza togliere il bavaglio. Non togliere il bavaglio . Quando avrai dimostrato di saper stare zitto ti lasceremo bere normalmente senza bavaglio."

Mi guardai intorno per la prima volta. Le telecamere erano in ogni angolo contro il soffitto. C'era una finestra in alto su una parete, e piccola, come quelle che mettono negli scantinati. La vista era bloccata da un pannello traslucido all'esterno. Stava entrando la luce, quindi sapevo che era giorno ma le luci sul soffitto erano accese come sempre. C'erano due porte, una chiusa, probabilmente bloccata. E un'altra leggermente socchiusa che entrava in un bagno. Visto che avevo il permesso sono entrato.

Il bagno aveva anche un assortimento di telecamere monitor. Ma non mi importava più se qualcuno mi guardava mentre mi pulivo. Non mi importava più di nulla di così banale come la modestia. Stavo diventando una troia del dolore. Forse sarei diventato anche un esibizionista. Forse lo sono sempre stato, ma non lo sapevo mai prima. Ho pensato alla padrona che osservava ogni mia mossa. All'improvviso ho capito che quello che volevo veramente era sfilare nudo in questo modo davanti a uomini, non solo a una carceriera. Non c’era limite al mio degrado?

Non appena ho tirato fuori i falli ho capito che dovevo svuotarmi in entrambe le direzioni. La pressione sia nel retto che nella vescica era probabilmente il peggior disagio che avessi provato, il mio corpo maltrattato era così confuso che non me ne rendevo conto. Il plug anale aveva della merda sopra ma prima che potessi fare qualsiasi cosa dovevo sedermi velocemente. Sono esploso immediatamente in entrambi i posti. Il sollievo fu doloroso. Dopo un po' mi sono alzato, mi sono asciugato, ho tirato l'acqua e ho cominciato a pulire il dildo anale nel water. C'erano del lubrificante disponibile e una pompa per la doccia. Avevo appena capito di cosa si trattava quando la voce si fece sentire di nuovo, a dimostrazione che anche lì dentro ogni mio movimento veniva osservato.

"Non c'è bisogno che ti lavi il sedere prima di rimettere la spina. Certamente non importa. Ma quando ti stai preparando per un uomo probabilmente vorrai offrirgli un retto pulito. Anche una ragazza che si fa violentata preferisce non farsi scopare a sangue, nonostante si dica."

L'idea che alla fine avrei potuto incontrare un vero uomo era eccitante. Ormai ero una troia. Almeno dovrei divertirmi ad esserlo. Diavolo, in teoria ero ancora vergine, anche se probabilmente avevo avuto più orgasmi in due giorni di quanti ne avessero avute alcune donne sposate in un anno. Sembrava divertente asciugarmi, finire, lavarmi e non vestirmi. Stavo solo seguendo le indicazioni. Ma la cooperazione attiva mi ha costretto a superare una sorta di linea immaginaria. Mi sentivo come la ragazza che era stata violentata e sperava che il suo aggressore lo facesse di nuovo.

Ci è voluto molto tempo per bere un bicchiere d'acqua con la palla in bocca. Avevo molta sete e ho bevuto diversi bicchieri. Quando ebbi finito con i miei articoli da toilette, la voce tranquilla mi disse di tornare sul letto e riattaccare le caviglie alle cinghie. Poiché era più facile, l'ho fatto seduto. Il che mi ha lasciato aprire l'aquila, ma questa volta a faccia in su. Un improvviso e intenso dolore al clitoride mi ha dato solo un secondo di piacere cosciente prima di spedirmi verso l'isola che non c'è.

Quando mi svegliai ero girato, di nuovo a faccia in giù, legato ai quattro angoli del letto. L'amante era lì nella stanza con me. La mia figa si sentiva strana, il mio retto quasi vuoto, il mio buco del culo allargato. Il dildo era grande quanto quello nella mia figa, ma a forma di cilindro. Non era una spina. Quello che avevo rimosso per svuotare l'intestino e poi rimesso a posto, era a forma di proiettile, una massa rotonda e appuntita spessa due pollici e lunga circa cinque pollici. Tra la massa e la base la cosa si è abbassata di circa un pollice. Per gran parte della settimana il mio sfintere sarebbe rimasto parcheggiato attorno a questo collo, abituandosi infine a essere tenuto aperto di un centimetro. Prima della fine della settimana era bello avere quella cosa dentro di me.

Probabilmente la padrona mi ha svegliato staccando la spina. Questo non fa mai male quanto inserire la cosa. Il nuovo dildo avrebbe potuto essere leggermente più sottile, ma non si assottigliava. Non ci sarebbe stato alcun sollievo particolare quando l'avesse infilato fino in fondo. Non avendo mai fatto sesso anale con un uomo, potevo solo supporre che il pene avrebbe avuto questa sensazione. Il plug, tuttavia, non aveva certamente nulla a che vedere con un'erezione maschile.

Essere fregati era diverso. Se questo nuovo vibratore conteneva un vibratore, la donna non lo ha attivato. Mi ha semplicemente scopato il culo come farebbe un uomo. O almeno come pensavo facesse un uomo. Alla fine avrei scoperto che un uomo che infilava il suo pene nel mio sedere era molto più piacevole che sentire questa cosa dura e fredda che mi colpiva lentamente e ripetutamente il sedere. Non sono sicuro del motivo per cui fosse lì a farlo. Era intimidatorio e non proprio piacevole il modo in cui era la spina quando accendeva il vibratore. Non ero né soddisfatto né punito. Forse mi era stato semplicemente insegnato ad accettare prontamente l'inserimento anale di qualsiasi forma. Non avrei osato chiedere anche se non avessi avuto il bavaglio in bocca. Ho una teoria secondo cui a volte mi faceva delle cose per noia. Durante questo tempo non disse nulla. Quando ebbe finito, reinseriva la spina.

---------------------------------------------

Ad un certo punto un'altra ragazza è stata trascinata nella stanza e attaccata al muro. Questi erano disposti in modo che anche lei fosse distesa come un'aquila, ma appesa ai polsi con i piedi divaricati. Speravo per il suo bene che le sue cinghie per i polsi fossero imbottite meglio delle mie. La ragazza sembrava demolita. Intorno alla sua vita aveva una corda, come quella che indossavo io. Ha assicurato uno o due dildo. Dato che mi stavo avvicinando a un altro orgasmo e la vedevo male, potevo distinguere pochi dettagli. Ho potuto vedere che anche lei indossava un bavaglio e aveva un bel culetto. Dato che era rivolta verso il muro non potevo vedere le clip attaccate ai suoi capezzoli. Non era quasi consapevole dell'abuso che le sue tette stavano subendo. Pochi minuti dopo il mio climax successivo, il mio vibratore anale si è spento. Quasi subito mi sono addormentato. Forse mi dispiaceva per la ragazza legata al muro, ma non potevo farci niente. Con il bavaglio in bocca non potevo nemmeno dirle parole di simpatia. Né avrei osato.

Quando mi svegliai, l'altra ragazza era seduta sul pavimento, con le caviglie ancora ben distanziate. Le sue braccia erano ora fissate dietro di lei, i polsi contro i gomiti opposti. I falli erano ancora lì, il suo peso premeva ancora più forte quello vaginale dentro di lei. Questa volta potevo vedere chiaramente perché le mie braccia erano state rilasciate e potevo sollevarmi un po'.

"Puoi liberare te stesso e poi il tuo amico. Ma non tentare di rimuovere né i collari né i falli. Puoi solo sussurrare. Non farmi domande. Non ti avvertirò più. Sarai punito se non lo fai esattamente quello che dico."

Come al solito, non è stato facile raggiungere gli sganci della caviglia. Non soffrivo particolarmente, ma potevo vedere che l'altra ragazza soffriva. Per il suo bene ho lavorato il più velocemente possibile.

Era molto peggio di me. L'ho riconosciuta ma alla fine ho dovuto dirle chi ero. Le avevano fatto qualcosa agli occhi e doveva tenerli quasi chiusi. Il suo nome era Missy. Normalmente era una ragazzina molto carina, qualche mese più giovane di me, e molto minuta. In quel momento era inzaccherata e nuda. L'ho trovato molto erotico. Se fossi maschio e libero di fare ciò che volevo, l'avrei violentata. Immagino che quello che stava succedendo nella mia figa e nel mio retto mi avesse cambiato, spero non in modo permanente. Non ero sicuro che mi piacesse il fatto che la vista delle sue piccole tette impertinenti, della sua figa maltrattata, dell'ano imbottito, dell'impotenza generale e del suo corpo sexy mi eccitassero.

Eravamo amici per quanto sua madre lo permettesse. I nostri padri erano amici intimi al liceo, compagni fin dal college. Sfortunatamente la madre di Missy odiava la mia per principio perché Kara, mia madre, e Larry, suo padre, erano stati amanti al college. Maria era contraria al sesso extraconiugale e anche prematrimoniale, soprattutto per le donne. Tutti i precedenti amanti di suo marito erano, per definizione, troie. Il fatto che la mamma avesse finito per sposare l'amico di Larry era un peccato. Sarebbe stato molto più semplice per Mary semplicemente liquidare mia madre come un'altra puttana senza volto invece che come qualcuno che doveva vedere periodicamente alle funzioni aziendali. La mamma di Missy aveva pochi amici al di fuori del gruppo della chiesa. Ho avuto modo di vedere Missy un paio di volte all'anno. Sembrava una brava persona nonostante sua madre. La mia impressione era che fosse molto protetta. Frequentò quella che probabilmente era l'unica scuola superiore femminile della città.

La voce dall'altoparlante non ha detto nulla sui fermagli per i capezzoli, quindi ho pensato che avrei dovuto toglierli. Questa è stata in realtà la prima cosa che ho fatto dopo essermi liberato. I capezzoli di Missy erano diventati insensibili. Ma quando il sangue rifluì, improvvisamente fu in una terribile agonia e cercò di urlare. Ero felice di non averle ancora tolto il bavaglio, ricordando il divieto di fare qualsiasi rumore al di sopra di un sussurro. Non volevo essere punito, anche se ciò significava lasciarla soffrire. Ma questa non era ancora una scelta che dovevo fare.

Successivamente ho lasciato le sue braccia, che riusciva a malapena a muoversi. Ho dovuto liberarle le caviglie, che sarebbe stato difficile per lei raggiungere anche se le sue braccia avessero funzionato. Era difficile azionare il rilascio del suo bavaglio anche quando lo avevo proprio di fronte. A quel punto aveva smesso di provare a urlare. O il dolore ai capezzoli era diminuito oppure si era abituata. A quanto pare aveva dovuto abituarsi a molto dolore. Lei non ha fatto alcun tentativo di dire nulla e sembrava ignara anche del fatto che era ancora seduta sul vibratore vaginale. Forse era rimasto lì dentro per così tanto tempo che lei non se ne era più accorta. Quasi non ho notato il mio, anche se ho evitato di sedermi sopra. La voce mi ha dato una ragione per lasciarla dentro. Sapevo che se fosse stato rimosso adesso, dopo tutti quegli orgasmi, avrei avuto sentimenti contrastanti. Alla mia fica potrebbe servire il resto. Ma come quello nella mia marsupio, cominciava a sentirmi come un vecchio amico dentro di me.

Per quanto ne sapevo, il mio dildo vaginale aveva solo uno scopo di piacere e nessun circuito di elettroshock. Alla fine la padrona mi avrebbe condizionato a tal punto che sarei stato davvero grato al circuito del dolore anale che era sempre pronto a castigarmi. Il dolore al collo non è mai stato direttamente erotico. Ma durante i miei tanti, tanti orgasmi la padrona a volte mi dava un rapido sussulto nel retto che sembrava puro piacere. Altre volte faceva solo male, ma poiché me lo meritavo ero felice di essere punita. Quando dovevo rimuovere temporaneamente il tappo per svuotare l'intestino, lo rimettevo sempre al suo posto il più rapidamente possibile.

Ho provato a sussurrare qualcosa a Missy e mi sono reso conto che avevo ancora il bavaglio a posto. Quando ho provato a slacciarlo ho scoperto che non potevo. Avrebbe dovuto essere possibile e sembrava lo stesso meccanismo. Ma usare le mani dietro la testa non funzionava. Dovrei aspettare che Missy si riprenda abbastanza per farlo.

Aiutandola ad alzarsi, guidai la mia graziosa amichetta verso il letto, dove si sdraiò volentieri sulla morbida superficie. Ancora una volta il lenzuolo era stato cambiato mentre dormivo.

Missy obbedì alle mie istruzioni con la stessa fedeltà con cui avrebbe fatto con la nostra amante. Ho deciso che non si era ancora resa conto che ero un'altra vittima e che stavo solo cercando di aiutarla. Si sdraiò sul letto, a faccia in su, con le braccia abbandonate su ciascun lato. Ormai poteva almeno sollevarli, ma niente di più. Per quanto mi sarebbe piaciuto succhiare i suoi bei capezzoli, in realtà non avevano bisogno di attenzioni. Passavo il tempo a massaggiarle le braccia e ad ammirare il suo corpo. Per qualche motivo ha tenuto le gambe divaricate dandomi una visione perfetta del suo inguine pieno di vibratore. Quello nella sua vagina, come la mia, includeva il cappuccio per la stimolazione del clitoride. A causa dell'angolazione e dell'assenza di uno specchio, non potevo vedere il mio inguine così bene. Il cappuccio si inserì nelle labbra di Missy, allargandole ma senza nasconderle. La corda anteriore che reggeva la cosa dentro di lei e ferma contro il clitoride, sarebbe scomparsa dentro di lei se il cappuccio fosse stato più piccolo e le sue labbra avessero potuto chiudersi.

Continuavo a massaggiarle le braccia, ma non riuscivo a staccare gli occhi dalle sue labbra verginali. Missy è bionda e ha peli pubici chiari. È anche molto scarno, probabilmente a causa della sua giovane età. Da lontano sembra che non abbia ancora peli pubici. Non potei trattenermi e mi chinai in avanti toccandole le labbra il più delicatamente possibile, volendo sentire i suoi capelli fini, ma non volendo che lei sentisse che lo facevo. Come se! Mi sentiva bene. Un forte sospiro le uscì dalle labbra. Non osò dire nulla. Ma chiaramente il suo corpo, come il mio, era stato condizionato a volerlo. Solo che per lei il condizionamento deve aver causato molto più dolore. Anche se tecnicamente ero vergine, probabilmente ero una puttana in calore quando sono arrivata rispetto al mio piccolo amico timorato di Dio.

Tuttavia non le ho dato ciò che evidentemente il suo corpo voleva. Per diverse ragioni. Non sapevo se la nostra padrona lo voleva e non avevo intenzione di fare nulla senza il suo permesso! Sicuramente non avevo intenzione di tirare fuori il vibratore contro gli ordini, e non potevo immaginare cosa avrei potuto fare per aiutare Missy a farlo ancora in mezzo. Volevo disperatamente leccarle la figa e avevo ancora quel dannato bavaglio in bocca. Allora tornai a comportarmi da brava e continuai a massaggiare le braccia di Missy. Alla fine notai che stava dormendo e probabilmente lo era anche quando le avevo toccato le labbra. Anche nel sonno non osava chiudere le gambe. Questo forte comando era unico per il suo "addomesticamento". Avevo mostrato poco desiderio di nascondere i miei genitali e non era stato fatto nessuno sforzo particolare per liberarmi da tale abitudine. Quasi fin dall'inizio avevo dimostrato il desiderio di assumere posizioni vulnerabili, come immaginavo facesse una ragazza con il suo amante. Se uno dei miei ragazzi avesse insistito, avrei rinunciato volentieri alla mia verginità.

---------------------------------

Uscii dal bagno e scoprii che Missy era sveglia e aveva un aspetto un po' meglio.

Mi sono seduto accanto a lei mentre lei si alzava. Indicai la mia bocca e mi voltai offrendole la parte posteriore della testa. Sembrava che si fosse accorta per la prima volta che indossavo un bavaglio e cominciò subito a cercare di slacciarlo. Alla fine lo fece. Ma a lei ci è voluto ancora più tempo per togliere il mio che a me per togliere il suo.

"Ciao Missy."

"Sai chi sono?"

"Sono Katkin, Kate Lane. I tuoi occhi non funzionano?"

"No. Ma credo che stiano migliorando. Hanno fatto qualcosa con le gocce. Non so perché e non oso chiederlo. Non mi è permesso chiedere niente."

"Lo so. Dolore al collo, vero?"

"Di solito. A volte in canottiera. Possiamo parlare?"

"Solo se sussurriamo. Probabilmente possono sentirci anche se parliamo a bassa voce, quindi immagino che preferiscano che non parliamo ad alta voce. Possono vederci ovunque in questa stanza e nel bagno."

"C'è un bagno? Possiamo usarlo? Mi ha messo il vasino. Sono qui forse da una settimana e questa è la prima volta che ho le braccia libere. Lei tira fuori i falli, mi dà qualche minuto per farlo, poi li rimette dentro. C'è sempre della merda su quello anale, ma immagino non abbia molta importanza visto che torna dritto nello stesso posto. Li togliamo noi stessi? Pulire?"

"Sì. Fai attenzione quando togli i tappi. Tieni pronto il water. Sono esploso in pochi secondi la prima volta che l'ho usato. Dopo aver pulito devi rimetterli dentro."

"Certamente. Sai, sono rimasto scioccato così tante volte che penso che mi sentirei divertente se finisse. Ti ha fatto piacere, vero? Mi ha trasformato in una troia che soffre di dolori anali. Queste erano le sue parole, e ora so esattamente cosa intendeva. Se viviamo abbastanza a lungo mi piacerebbe provare il sesso normale. Ma penso che probabilmente mi ha rovinato. Tutto quello a cui riesco a pensare è desiderare quella cosa nella mia figa e desiderare che lei lo accenda . Non voglio nemmeno farlo da solo. Voglio che lo faccia lei. Voglio che mi controlli. Penso che mi piaccia essere controllato quasi quanto amo gli orgasmi. Abbastanza malato, eh?"

Non c'era bisogno di risposta. Eravamo entrambi sulla stessa barca, o bordello, o qualunque cosa fosse. La guardai andare in bagno. Missy era così andata che non si prese nemmeno la briga di chiudere la porta. Forse non le importava nemmeno se la guardavo svuotarsi, sapendo che l'avrebbe fatto la nostra padrona. Quando ebbe finito uscì, con i falli rimessi a posto, e si sedette accanto a me sul letto.

"Ha spiegato dell'attrezzatura per la doccia anale?"

"NO."

"Oh. Beh, a quanto pare quando ci prepariamo a ricevere un vero pene nell'heinie dovremmo pulirci dentro."

Mi guardò con gli occhi spalancati. Potrei dire che l'idea le interessava. La maggior parte delle vergini quindicenni avrebbero sentimenti contrastanti riguardo alla prospettiva di essere violentate. Chiaramente ciò che la nostra padrona aveva in mente includeva lo scoppio di ciliegie anali e vaginali. Ma dopo essere state violentate fino a diventare troie con dei vibratori meccanici, sia io che Missy sentivamo che ci era stato negato uno dei vantaggi dell'essere deflorate: condividere il nostro status con un maschio. Dopotutto, che senso ha avere entrambi i buchi dell'amore allargati come è stato il nostro, soffrendo fino all'orgasmo fino a diventarne completamente dipendenti e non aver sentito un uomo dentro di te? Sapevo che il mio corpo desiderava la vera carne maschile, la gioia di essere penetrato da un fallo che avrebbe goduto di essere dentro di me tanto quanto a me piaceva essere impalato.

Come me, Missy non vedeva l'ora di provare il piacere di sentire un vero pene nei suoi buchi d'amore. Naturalmente sapevamo entrambi che un padrone maschio sarebbe stato ancora più crudele della nostra padrona. Ci userebbe e ci abuserebbe e dopo una settimana di indottrinamento nessuno di noi poteva immaginare di non divertirsi. Si è scoperto che uno dei nostri presupposti era morto.


Prossimo capitolo - Il loro amante casuale

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

430 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.