Qualcosa in più Parte 2_(1)

434Report
Qualcosa in più Parte 2_(1)

Questo è il secondo capitolo di una serie. Assicurati di leggere prima la prima parte!


Dopo il disastro con Matt ero indeciso su chi uscire dopo. Volevo ancora un vero uomo dentro di me nonostante quanto fosse brava Tina con il vibratore. D'altra parte, avevo superato la fase passiva e volevo inculare qualcuno. Non mi importava a chi appartenesse...

La settimana è volata e ho pensato che sabato sera sarei andato all'"Eric's", uno dei miei club preferiti, e avrei incontrato chiunque potessi. A questo punto semplicemente non mi importava. Ero arrapato, i miei ormoni erano in tempesta e non vedevo l'ora di scatenare tutto su qualche ignaro ragazzo o tizio.

Sabato sera finalmente è arrivato! Sono arrivato presto al club e mi sono seduto con una splendida vista sulla pista da ballo. Ho visto una coppia gay davvero carina ballare insieme, con altri ragazzi e anche con alcune donne. Nel corso della serata sono diventati sempre più coraggiosi finché uno di loro non ha oltrepassato un confine. Sembrava che quello carino avesse lasciato che una ragazza gli mettesse la mano nei pantaloni, ma a quanto pare questo avrebbe dovuto essere vietato. Il suo compagno lo ha insultato in continuazione e se n'è andato. Rimase lì in mezzo al pavimento con tutti che lo fissavano. Catturai la sua attenzione e gli feci cenno di avvicinarsi. Era alto circa un metro e settanta e aveva un fisico esile e aveva lineamenti incredibilmente delicati per un ragazzo. Sono stato subito attratto da lui. E lo avrei ucciso per le sue scarpe. L'unico problema nel vestirmi sia da uomo che da donna è che devo dimezzare i soldi del mio guardaroba. Questo ragazzo sapeva come vestirsi! La sua barba incolta di due giorni era super sexy e i suoi capelli erano ordinatamente incasinati proprio COSÌ.

«Vi ho osservati tutta la notte. Dannazione amico, sei proprio bravo", dissi con un sorriso. "A proposito, sono Chris."

"Ciao Chris", disse con una voce sorprendentemente profonda. "Sono Jake."

Stasera indossavo un cappotto nero da ragazzo, una camicia elegante da ragazzo e pantaloni neri. Con il cappello abbassato su un occhio pensavo di avere un bell'aspetto.

“Allora cosa ti succede? Sei qui da solo o con la tua ragazza?"

Ho pensato di seguire il suo piano e ho detto “Sì, si è comportata un po' come il tuo ragazzo. Mi sono sentito minacciato da tutta la figa calda di questo club. Gli ho fatto l'occhiolino.

"Ehi, terrorizzano da morire anche me", ha detto con una risata. "Non sono sicuro di cosa avrei mai fatto con uno di quelli. Ma sono sempre stato curioso."

“Dovresti provarne uno! Sono molto divertenti!”

Lui rise e mi guardò come se fossi pazzo, ma io lasciai perdere. Abbiamo chiacchierato per un po' ed era assolutamente affascinante. Mi sono reso conto che pensava ancora che fossi un ragazzo, quindi ho deciso di non deluderlo. Stavo facendo scorrere la mano su e giù per la sua coscia e alla fine gli ho afferrato il cazzo mentre lo guardavo negli occhi. Potevo vedere la mia lussuria riecheggiare in me attraverso le sue sfere grigio acciaio. È ora di fare la mia mossa!

Di sopra da Eric

“Ci vediamo di sopra in quell'angolo buio con lo stand tra 5 minuti. Devo fare pipì." E detto questo mi sono alzato e l'ho lasciato lì con la bocca aperta. Abbastanza sicuro, in 5 minuti è tornato vagando da me. L'ho baciato profondamente e ho infilato la mano nei suoi pantaloni.

"Oh cavolo, è così dannatamente bello Chris," mi sussurrò all'orecchio.

"Mi vuoi? Vuoi che ti scopi? Giusto qui?"

"Oh mio Dio, sì", annuì con entusiasmo. "Fanculo il mio culo proprio qui!"

“Non possiamo proprio qui. Ma seguimi." Mi alzai e girai a sinistra in fondo al corridoio, aprendo la prima porta a sinistra. Era una piccola sala riunioni, ma una parete aveva finestre che si aprivano sulla pista da ballo sottostante. Ho avvicinato un tavolino davanti alla finestra e l'ho spinto a pancia in giù. Ho camminato dall'altra parte davanti alla sua faccia. Mi sono abbassato i pantaloni e ho tirato fuori il cazzo attraverso la patta.

“Succhialo. Rendi tutto difficile e scivoloso per il tuo culo. Gli ho afferrato i capelli e gli ho infilato il cazzo in bocca. La mia larghezza gli ha reso difficile prendere più della metà di me senza vomitare, quindi gli ho dato da mangiare quello che poteva prendere. Non sarei stato così facile dall'altra parte. Ha sbavato su tutta la mia lunghezza, bagnandola gocciolante. Anch'io ero bagnato! Camminando dietro di lui ho infilato le dita nelle mutandine e mi sono spalmato il cazzo con i succhi della mia stessa figa prima di appoggiare la punta sul suo bocciolo di rosa. La mia punta è piuttosto piccola, ma si allarga rapidamente in una larghezza enorme appena dietro la testa, quindi inserire la punta è abbastanza semplice. Poi è solo questione di dare al destinatario il tempo di abituarsi alla larghezza crescente man mano che scorre. La lubrificazione è la chiave! Ho inserito la punta e Jake ha gemito profondamente. Si spinse indietro verso di me, impalandosi un po' alla volta. Si guardò indietro e i suoi occhi si spalancarono mentre tutta la mia larghezza gli allungava il sedere al limite. Mentre la parte più ampia gli scivolava accanto, gemette a lungo e in modo sommesso.

“Fuuuuuck, è così bello! Battimi il culo. Dai, dammi quel grosso cazzo!
Ho costruito un ritmo e presto gli ho dato tutto quello che valevo. Il tavolo dondolava in modo allarmante sul pavimento e per un momento pensai che stesse per crollare. Alla fine ho potuto sentire il mio sollievo crescere e poi ho superato il limite in tutta fretta, svuotandomi nelle sue viscere. Mi sono sdraiato sopra di lui mentre scendevamo e all'improvviso ho avuto un piano...

Proprio in quel momento abbiamo sentito delle coppie ubriache salire le scale, quindi ci siamo vestiti velocemente e siamo corsi di nuovo al piano di sotto. Le coppie ci guardavano e potevo dire che sapevano cosa stavamo facendo, ma a quel punto non mi importava. Ho trascinato Jake fuori per una pausa e ci siamo seduti su una panchina a bere alcune birre fredde che avevo preso al bar.

"Grazie per questo", dissi sinceramente. “Ma ti devo un favore! Che ne dici di tornare a casa mia e permetterti di ricambiare il favore?"

“Non lo so”, balbettò.

"Oh andiamo. Ti svelerò un piccolo segreto e potrai fare a modo mio con me. Voglio dire, fai come vuoi con me. Aspetta, sono le stesse cose", dissi biascicando leggermente le parole. La lussuria ritornò sul suo volto. Non c'è niente come un appuntamento arrapato con un ubriaco per aumentare la tua libido! Gli ho preso la mano e ho iniziato a camminare lungo il marciapiede verso casa mia.

“Il tuo ragazzo è uno stronzo. Ho visto tutto e non penso che tu abbia fatto niente di male. Sei un grande ballerino e sei affascinato dai corpi delle donne. WTF è sbagliato in questo?

“Ok, quindi hai ragione. Voglio dire, adoro essere gay. Io faccio. Ma mi sono sempre chiesto..." e la sua voce si spegne nel nulla.

"Che cosa?" Chiedo. “Ti chiedi che aspetto hanno? Ti va? Sa di?"

“Beh, ne ho visti molti su riviste e porno. Ma sì, mi sono sempre chiesto come ci si sente ad affondare il mio cazzo in uno di essi.

“È dannatamente fantastico! Una figa è molto più morbida di uno stronzo. Non ci sono tanti muscoli e la sensazione include lo scivolamento lungo le pareti. Un sedere non sembra affatto così. Una volta dentro, non c'è niente, sai?" Potrei dire che ci stava pensando intensamente.

Tappeto erboso domestico

Entrammo nel mio appartamento e aprii una bottiglia di vino. Presto ci sedemmo sul divano e ridemmo come se fossimo amiche di una confraternita. Alla fine ho riportato la conversazione sul club.

“Penso che, se ricordo bene, ti devo il culo. Visto che ti ho scopato al club. Sei pronto a ritirare, Jake?»

"Oh sì, sono pronto", ringhiò.

Mi sono tolto i pantaloni e mi sono chinato a quattro zampe, agitando il sedere verso di lui.

“Accidenti, hai una vita davvero stretta! O fianchi molto larghi", ha detto con aria interrogativa.
Ho abbassato i boxer finché non è stato scoperto solo il mio buco stretto, ho preso una bottiglia di lubrificante e me ne ho spruzzato un po' sul culo.

“Vorresti che fossi una ragazza? Solo per giocare?" dico alle mie spalle.

"Oh, sarebbe così caldo!" disse mentre si inginocchiava tra i miei polpacci.

“Jake? Ricordi quel segreto che avevo detto di voler condividere con te?"

"Sì", disse esitante.

"Guarda dritto nel mio buco del culo."

"Va bene…"

Ho abbassato lentamente i boxer, esponendo la mia fica gocciolante.

"Che cazzo?" disse tranquillamente. Ma non era spaventato. Era ipnotizzato.

“Ma mi hai fregato. Ti ho succhiato il cazzo. Com'è possibile?"

“Sono davvero una ragazza. Ma anch'io sono nato con un pene. Posso venire in ogni caso. E ora tu
avere una scelta. Puoi fottermi il culo. Oppure puoi scoparmi la figa. Ma mi piacerebbe se facessi entrambe le cose!”

Penso che Jake pensasse di vincere alla lotteria. “Posso toccarti?” chiese con entusiasmo.
"Posso toccarti?"

“Sì, per favore, toccami la figa. E il mio culo,” imploro.

Mi strofinò lentamente un dito attorno al mio sfintere stretto, facendomi venire i brividi. Scrutò più a fondo finché il suo dito non scivolò all'interno. Ben presto ebbe due dita nel mio culo e le sensazioni mi fecero impazzire.

"Posso fare questo al tuo... al tuo..."

«Per l'amor di Dio, Jake. Dillo. Di' "Figa".

"Va bene. Posso toccarti la figa?"

"Sì, ma usa l'altra mano."

"Oh," disse, pensando che non volevo le sue dita nel culo nella mia figa. Iniziò a tirarli fuori.
“No, no! Voglio dire, lasciami le dita nel culo e usa l'altra mano. In questo modo puoi davvero sentire la differenza."

Le dita dell'altra mano scivolavano su e giù sulla mia pelle bagnata mentre esplorava lentamente le mie labbra. Potevo dire che non assomigliavano a nulla che avesse mai provato prima. Ed ero felice di lasciargli esplorarmi in quel modo. Il suo sorriso mi diceva che si stava divertendo, quindi gli ho lasciato prendersi un po' di tempo. Alla fine ha iniziato a muovere le dita attorno all'ingresso della mia figa e quando ha fatto scivolare i suoi due medi all'interno ho pensato che sarei venuto proprio in quel momento. Dio, era così bello! Non so esattamente cosa stesse facendo, ma ha premuto ogni pulsante, punto e zona del mio corpo. Ho urlato che stavo per venire ed sono esploso, stringendo entrambe le serie di dita mentre gli spasmi del mio corpo mi devastavano la figa e il culo.
Continuava a giocherellare dolcemente con me mentre mi calmavo trasmettendomi deliziose scosse di assestamento.

"Wow, è stato dannatamente FAVOLOSO", ho detto con aria sognante. "Ma voglio davvero il tuo cazzo dentro di me. Perché non provi prima la mia figa e poi puoi finire nel mio culo, se vuoi?"

Jake perde la verginità - di nuovo

"Uh, ok." Non ti farà del male o qualcosa del genere? disse imbarazzato.

"Oh diamine no, lo adoro in tutti i miei buchi!" E con ciò allineò il suo cazzo irrigidito contro di me e per la prima volta nella sua vita entrò in una donna. Ho sentito il suo cazzo scivolare dentro di me. Ero così commosso che quasi piangevo.

"Gesù", ho pensato mentre lui accarezzava lentamente dentro e fuori. Era CRESCUTO dai tempi del club? Ero completamente sazio e le sue deliziose palline penzolavano contro il mio culo. Non vedevo l’ora di sentirli schiaffeggiarmi.

"Oh wow, è BELLO", gemette. "Dannazione, sei così sfuggente! È sempre così?"
"Beh, sì e no", ho detto. “Se non fossi eccitato, dovresti usare il lubrificante proprio come sul mio sedere. Ma se ci sono dentro, sono sempre un fradicio. Anche se non tutte le donne sono così bagnate.

Per un po' accarezzò dentro e fuori le mie pieghe doloranti, godendosi la nuova sensazione. Poi tirò fuori e appoggiò il suo strumento duro come la roccia sul mio sfintere rugoso. Ansimavo per l'attesa. Strofinare lentamente la sua punta contro di me mi ha fatto impazzire di desiderio e il mio buco si è rilassato abbastanza da far quasi spingere la sua punta dentro di me ad ogni passaggio. Alla fine la testa scivolò dentro e gemetti con quella sensazione unica di qualcosa di pieno e di vivo nelle viscere. Adoro il sesso nella mia figa. Davvero. Ma c'è qualcosa di così intimo nel sesso anale che nulla è paragonabile. È sporco, cattivo, intimo, privato tutto in uno.
Dio, lo adoro! Jake aggiunse un po' più di pressione e presto fu dentro di me fino alle palle. Ho raggiunto il comodino e ho tirato fuori uno dei miei giocattoli preferiti: un bel cazzo grosso da 8 pollici che era abbastanza realistico nel peso e nella sensazione. Ne ho passato la punta tra le labbra e con un gemito l'ho spinto lentamente per tutta la sua lunghezza nella mia figa fradicia. Jake poteva sentirlo mentre si tuffava dentro e fuori dal mio culo. Con una spalla sul pavimento potevo infilare il mio giocattolo nella figa con una mano e accarezzare il mio cazzo pronto ad esplodere con l'altra.

"Cazzo, è fantastico", ho gridato.

"Sì, ma ho un'idea", disse Jake con un sorriso malvagio. Detto questo si è tirato fuori dal mio culo, mi ha strappato il vibratore dalle mani ed è andato in bagno per pulirmelo. Tornando, si sdraiò tra le mie cosce e mi guardò.

"Non avrei mai immaginato niente del genere", disse tranquillamente. “Voglio dire, sei perfetto. Hai tutto ciò che un ragazzo o una ragazza potrebbe desiderare! Perchè sei single? Penso che potresti avere chiunque, in qualsiasi momento.

"Ah!" Ho riso. “Sei gay. Sai quanto sono incredibilmente chiuse le persone. Quanto sono maleducate, giudicanti e semplicemente fottutamente MENTALI! Sono fregato da TUTTI. I ragazzi non riescono a sopportare il fatto che io sia più dotato di loro, e hanno tutta questa faccenda omofobica, come puoi capire. Le donne semplicemente non sanno come comportarsi con me. Alcuni giorni mi sento mascolino. Altri giorni piango senza alcun motivo e poi vorrei prendere a calci qualcuno per niente. Davvero non mi adatto a nessun posto. Sono più solo di quanto tu possa immaginare..."

"È così triste", disse Jake con vero sentimento. Era la cosa più bella che qualcuno mi avesse detto da molto, molto tempo.

“Vediamo se riusciamo a migliorare il tuo umore!” Detto questo ha fatto girare il vibratore su e giù per le mie pieghe sciatte. Si avvicinò e fece scorrere la punta contro il mio sfintere. Nel giro di pochi minuti ne aveva circa la metà nel mio culo felice. All'improvviso si è alzato in ginocchio e mi ha trafitto la figa con la sua asta. Quando arrivò un po' più della punta nell'osso pubico, colpì la parte posteriore del vibratore, da cui pendevano un paio di palle realistiche. Mentre si appoggiava a me, il suo cazzo scivolava più in profondità nella mia figa e il vibratore veniva spinto ulteriormente nel mio culo. Santo cielo, ero pieno! Colpi lunghi e determinati mi hanno spinto il resto del cazzo di gomma nel culo. Ogni spinta colpiva la base mandandomi brividi di gioia nel profondo delle mie viscere. Mi afferrò per i fianchi e cominciò davvero a lasciarmi prendere con lunghe spinte selvagge. Le sue palle schiaffeggiavano il mio clitoride e potevo sentire un enorme orgasmo avvicinarsi. Il suo respiro era diventato affannoso per lo sforzo, quindi non mi importava che si sporgesse in avanti finché non si è sdraiato sopra di me. Quello che non mi aspettavo era la sua mano che serpeggiava sotto di noi per afferrarmi il cazzo! L'aveva lubrificato senza che me ne accorgessi e quando la sua presa si strinse attorno a me e iniziò a pompare, persi completamente il controllo.
Ho urlato, mi sono rivoltato contro di lui e ho infilato il mio cazzo nel suo pugno stretto. Quando l'orgasmo mi colpì, venni così forte, così violento che pensai di aver strappato qualcosa dentro di me. Jake ha urlato e mi ha fatto esplodere un enorme carico nel culo. Non riuscivo a respirare, non vedevo e sono svenuta sul pavimento, con Jake e il vibratore ancora nel profondo di me.

"Dio mio!" Jake urlò. "Chris! Chris! Stai bene?"

Ripresi lentamente i sensi con la testa sul suo grembo. Mi aveva fatto girare e mi teneva la testa tra le mani. "Gesù Cristo, mi hai spaventato a morte!"

"Sì? Beh, mi hai letteralmente fottuto! Non sono mai arrivato così forte prima in vita mia! Come diavolo hai fatto?"

"Immagino che siamo davvero compatibili, eh?"

"Sì, potresti dirlo." Ho alzato la testa e l'ho baciato anche se ero a testa in giù. “Sono davvero distrutto. Perché non facciamo una pausa e ci rilassiamo nel mio letto?" Mi alzai e tornai tremante nella mia stanza, con Jake al seguito. Mi sono addormentato prima ancora che la mia testa toccasse il cuscino.

Erezione mattutina

La mattina dopo mi sono svegliato dalla mia parte, con Jake rannicchiato dietro di me. Appoggiai lentamente i miei fianchi contro di lui facendolo gemere nel sonno. Il suo legno mattutino aveva una mente propria e scivolava felicemente tra le mie cosce. Ho oscillato i fianchi avanti e indietro diffondendo la mia umidità lungo tutta la sua lunghezza. Ho inclinato il bacino all'indietro e l'ho centrato contro la mia figa e l'ho fatto scivolare dentro. La sua mente era addormentata ma il suo corpo sapeva cosa fare. Ha iniziato a penetrarmi dolcemente e io ho risposto a ogni spinta con una rotazione dei fianchi. All'improvviso si svegliò del tutto. Gli ci volle un attimo per capire cosa stesse accadendo. Un paio di spinte dei miei fianchi non gli lasciarono dubbi su ciò che volevo. Ha iniziato a scoparmi sul serio e in men che non si dica ho potuto sentirlo avvicinarsi. Ho sbattuto contro di lui affondando ogni centimetro nel mio corpo. Il suo ultimo affondo è stato appena un centimetro troppo indietro. Il suo cazzo scivolò fuori e scivolò lungo le mie labbra. Il suo sperma uscì da lui e atterrò sulle lenzuola, sulle mie cosce, sui nostri cuscini e sui miei capelli. Abbiamo riso entrambi mentre cercavo di pulire il disordine con dei fazzoletti.

"Merda, amico, hai dovuto spruzzare mezzo litro di sperma dappertutto?"

“Non è stata colpa mia! Hai iniziato tu!"

Gli presi il viso e lo baciai leggermente. “Diamoci una ripulita e poi torniamo a letto. Non ho ancora ricevuto il mio."

Jake mi guardò come se stessi scherzando. Quando si rese conto che non ero, un sorriso enorme si allargò sul suo viso.

“Sai cosa, Chris? Mi piaci. Mi piaci molto! Penso che morirò di una morte orribile disidratata, ma sono disposto a rischiare!"

La doccia è andata come previsto. Nessuno di noi riusciva a rimanere terribilmente pulito a lungo. Non eravamo lì nemmeno 30 secondi prima che Jake si insaponasse le mani e poi me le passasse sul seno. I miei capezzoli sono super sensibili e in pochissimo tempo sono diventato duro come la roccia e ansimavo pesantemente. L'ho fatto girare e gli ho insaponato il petto, poi ho lavorato sulle sue spalle lasciando scorrere abbondante sapone tra di noi. Dopo averlo risciacquato, ho preso una manciata di balsamo e l'ho strofinato su tutto il culo e le palle. Lui gemette e si sporse ancora di più in avanti, spingendo il sedere contro di me.

Mi sono spalmato un po' di balsamo sul cazzo e ho fatto scorrere la punta su e giù per la fessura. Era completamente eccitato e la mia punta affondò volentieri nel suo sedere stretto.

"Cazzo, che bello", gemetti al suo orecchio.

“Sì, lo fa. Avanti tesoro, dammelo come dici sul serio." Detto questo mi spinse indietro toccandomi dentro di lui.

L'ho afferrato per i fianchi e l'ho picchiato sul serio, costruendo rapidamente il mio bisogno finché non sono riuscito più a trattenermi. Gli ho scaricato il mio sperma in profondità nel culo e poi l'ho schiaffeggiato forte.
"Ahia! Che punto", disse massaggiandosi la guancia. "Vediamo come ti piace!"

Jake mi fece girare e mi allargò i piedi, allargandoli. "Afferrati le caviglie, stronza!" Con la sua furiosa erezione in mano, si guidò tra le mie pieghe. Con un colpo solo si seppellì nella mia figa e senza una pausa di un millisecondo iniziò a martellarmi furiosamente. La mia vista era offuscata dalla potenza del suo assalto. Non so se sono prostrato o meno o se stava colpendo il mio punto G. Tutto quello che so è che ho sentito un calore insolito nella pancia e il mio cazzo è risorto magicamente dalla morte pochi minuti dopo un enorme orgasmo nel culo di Jake. Ma c'era, che si alzava lentamente finché non puntava verso la mia pancia e ondeggiava ad ogni spinta di Jake. Mi presi in mano la mia mano scivolosa e cominciai a strattonare la mia carne in tempo con il battito che stavo ricevendo. Con le gambe aperte e una sola mano sul pavimento ero piuttosto traballante. Jake mi afferrò con forza i fianchi e continuò il suo assalto. Potevo sentire il cambiamento nel suo respiro e sapevo che stava per soffiare.
Ho aumentato la velocità della mia mano sperando di recuperare. Proprio mentre io andavo oltre il limite, anche Jake lo fece. Ha pompato un'ultima volta e ha vomitato dentro di me.

Dannazione, potrebbe quel tizio scaricare un carico! Lo sentivo uscire dalla mia figa e scendere lungo le cosce. Ho spruzzato il mio carico in lunghe corde rotanti su tutto il pavimento. L'acqua che ci scorreva addosso scaricava lentamente grossi grumi nello scarico mentre cercavamo di riprendere fiato.

“Ok”, ansimò aiutandomi ad alzarmi di nuovo. Con tutto quel sangue che mi scorreva alla testa mentre ero piegato, la stanza girava piuttosto forte. "È stato fantastico! Adoro essere gay, ma dannazione, la figa è favolosa! Ho riso di lui e ho scosso la testa mentre chiudevo l'acqua e recuperavo un paio di asciugamani.

"Sì. Adoro averne uno e anche poterli scopare!”

“Va bene ragazza. Devo scappare, ma possiamo farlo di nuovo? Presto?" Mi ha guardato come se avesse paura che sarebbe stato un affare una tantum.

"Oh diavolo sì", risposi con entusiasmo. Cosa fai questo fine settimana?"

"Niente in realtà," disse lentamente. "Cosa stavi pensando?"

Ho sorriso maliziosamente. È un bene che non sia riuscito a leggermi nel pensiero...


-------------------------------------------------- ----------------------------------

Altre storie di J. J. Krause

10 Minuti - Un'antologia erotica di 9 racconti. Cosa faresti con 10 minuti?

Road to Darlon - Ambientato in un lontano futuro, due amici cercano nella Galassia i Mulae, il miglior sesso dell'intera galassia. Ma un amico ha un segreto che potrebbe farli uccidere entrambi... Fino a che punto ti spingeresti per trovare il miglior sesso di sempre?

Torna spesso per vedere l'uscita di 'Triple Play'! Adam, proprietario di un'autofficina e pilota automobilistico part-time, incontra due adorabili donne. Può sceglierne solo uno?


Circa l'autore

J.J. è cresciuto nel nord dell'Indiana, ma ha vissuto in tutti gli Stati Uniti, compreso trascorrere accidentalmente un anno a Las Vegas. (Storia lunga. Magari un altro libro?) Ha anche trascorso 6 mesi in Belize, America Centrale, lavorando con gli studenti delle scuole elementari. Per oltre 25 anni ha insegnato guida ad alte prestazioni per BMW, Porsche, Ferrari e altri gruppi di auto e motociclette esotiche e sportive. Normalmente lo si può trovare sulla corsia di sinistra, viaggiando "Mach Schnell". Guarda i tuoi specchi e saluta amichevolmente...

Scrivo sotto jjkrause quindi assicurati di cercare tutte le mie storie!

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Incontro il mio nuovo vicino e WOW

La mia famiglia si era appena trasferita in questo quartiere in una nuova casa, ed è molto carina. La nostra nuova casa ha una piscina ed è alta due piani con le camere da letto in cima. Il motivo principale per me è stato quello di frequentare l'università locale, che è molto apprezzata nella materia che sto studiando. Non ci è voluto molto per incontrare i nostri vicini perché erano molto amichevoli. I nostri vicini hanno circa 30 anni. Io ho 18 anni. Sembra un vero fusto e sua moglie è un'assistente di volo, molto attraente ed è spesso fuori casa...

698 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.