La nostra vacanza liberatoria - parte 1

430Report
La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire.

Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa stanza condividendo il bagno, eravamo entrambi sui trentacinque anni ed eravamo in giro per il mondo abbastanza a lungo da sentirci a nostro agio con noi stessi. Normalmente cercavamo un appartamento con angolo cottura in stile europeo, la solita area lounge, WC/bagno combinato con una grande camera da letto con due letti singoli. Durante le vacanze, soprattutto in Grecia, gli appartamenti erano semplici e puliti, la nostra normale routine era la colazione, prendere il sole in topless sulla spiaggia tutto il giorno, una cena in un ristorante locale, tornare all'appartamento per leggere i nostri libri e poi a letto per iniziare la giornata. routine il giorno successivo come prima.

Quest'anno abbiamo deciso di provare un'isola diversa, questa ci sembrava meno commerciale, avevo letto da qualche parte che era rinomata per le sue spiagge per nudisti, all'epoca avevo pensato tra me che potesse essere divertente provarla. L'ho venuta a prendere a casa sua e abbiamo chiacchierato e chiacchierato insieme fino all'aeroporto, al volo e al taxi fino al resort. Avevamo un'amicizia molto semplice e godevamo della reciproca compagnia. Il caldo ci colpì mentre scendevamo dall'aereo, quella meravigliosa temperatura mite che era un cambiamento rinfrescante dall'inizio dell'estate umida dell'Inghilterra che ci eravamo lasciati alle spalle. Siamo arrivati ​​al nostro appartamento la sera tardi, un appartamento carino e pulito con un ampio bagno con doccia a pianta aperta e una grande camera da letto completa di due letti matrimoniali.

Abbiamo disfatto le valigie, ci siamo avventurati nel ristorante più vicino per consumare un pasto veloce e poi siamo tornati all'appartamento per spogliarci e sdraiarci sotto la copertura di fresche lenzuola di cotone in attesa del nostro primo giorno di vacanza completo e presto ci siamo addormentati .La mattina dopo non vedevo l'ora di andare e siccome Alice sembrava ancora addormentata, mi sono tuffata in bagno per farmi una doccia e radermi tutte le parti perché non avevo avuto il tempo di fare il trattamento completo con la ceretta prima di partire a causa di impegni di lavoro . Ero occupato nella zona della doccia a radere la piccola quantità di peli che erano cresciuti sulla mia figa quando Alice entrò chiacchierando. Ho continuato a far scorrere il rasoio verso l'alto, sopra l'interno alto delle cosce, le labbra e l'area dell'osso pubico, con la gamba alternativamente sullo sgabello della doccia per avere un migliore accesso a quei punti difficili da raggiungere.

Le battute di Alice che ho notato sembravano fermarsi gradualmente, quindi ho alzato lo sguardo per capire perché e l'ho trovata che fissava intensamente la mia figa che ora era priva di stoppia. All'improvviso si rese conto che l'avevo sorpresa a guardarla, arrossì e poi mi chiese sottovoce:

«Perché ti radi laggiù?»

Ho spiegato: "Normalmente faccio la ceretta ma non avevo tempo, quindi mi stavo radendo".

"Non dico sul serio, mi chiedevo perché ti piacesse davvero essere calvo laggiù."

Sono sempre stata una ragazza diretta, quindi le ho detto:

"Mi piace senza peli ed è più sensibile."

Ha abbassato nuovamente lo sguardo sulla mia figa e non ho potuto resistere a chiederle o forse volevo sfidarla,

"Volevi sentirlo?"

Si fece avanti e toccò dolcemente la mia zona pubica con la punta delle dita, ci volle tutta la mia concentrazione per non sussultare per la scossa elettrica che mi attraversò quando le sue dita entrarono in contatto con la mia pelle. Con la gamba ancora sullo sgabello, mi ha scioccato ulteriormente facendo scivolare la punta delle dita tra le mie gambe toccando la pelle all'esterno delle mie labbra. Crikey, sono quasi arrivato sul posto con le deliziose sensazioni che le sue azioni creavano!nLei ritirò la mano poi disse in un sussurro,

«Mi piacerebbe radermi i miei.»

Immediatamente ho riso, volendo allontanarmi dall'intensità della situazione e ho detto:

'Perché no? Serviti del mio rasoio e del mio gel, sono felice di condividerlo.'

Mordendosi il labbro inferiore, mi disse.

«Voglio che tu lo faccia.»

La mia pelle si è immediatamente drizzata e mi è venuta la pelle d'oca. Sebbene felicemente sposata, avevo molte fantasie tra ragazze, mi sentivo facilmente eccitata dal porno lesbico e non potevo negare di essermi masturbata in più di un'occasione immaginando che fosse Alice a portarmi all'orgasmo. Beh, ogni ragazza ha bisogno di fantasie fuori dal comune a volte, no? Ho annuito che lo avrei fatto per lei, non volendo spaventarla apparendo troppo appassionato,

«Spogliati la veste.»

Si spogliò, appoggiò la vestaglia sul mobiletto del lavabo e si fermò a circa trenta centimetri davanti a me. Oh Dio, era così vicina, ho piegato le dita lungo i fianchi quasi sopraffatto dal bisogno di accarezzarle le tette, le mie stesse tette si sono strette e si sono trasformate in nodi duri che mi urlavano di pizzicarle e girarle tra le mie dita. Cadendo rapidamente in ginocchio come ho detto,

'Diamo un'occhiata.'

Evitando disperatamente il contatto visivo, mi sono trovato di fronte alla sua figa ricoperta da una leggera spolverata di peli biondi, non ho potuto fare a meno di accarezzarla con il dorso delle dita e mormorare dolcemente,

"Non hai molto da raderti, ma se è quello che vuoi..."

Ho preso il gel da barba e ho spiegato:

"Questo è un gel trasparente non schiumoso che preferisco usare, poiché mi permette di vedere dove mi sto radendo ma permette al rasoio di scivolare su aree sensibili senza alcun fastidio per la pelle."

Schizzandomene un po' nella mano, l'ho applicato prima sulla zona pubica e poi ne ho applicato un altro tra le gambe, lasciando scivolare le dita tra le labbra della sua figa. Anche se ho sempre avuto fantasie femminili, non avevo mai veramente toccato la figa di un'altra donna, era così morbida, il gel lasciava che le mie dita scivolassero avanti e indietro sulle sue pieghe. Anche se la stavo accarezzando da poco tempo, le mie dita hanno sentito il suo clitoride contrarsi in risposta alle mie dita, ho alzato brevemente lo sguardo e Alice aveva gli occhi chiusi mordendosi il labbro inferiore, il suo petto si alzava e si abbassava mentre faceva respiri profondi .

Volevo così tanto continuare ad accarezzarla ma non ero ancora sicura se osare andare oltre con lei, era una così buona amica, non volevo perdere quell'amicizia. Quindi mi sono fermato, ho preso il rasoio e ho iniziato a radermi, usando l'altra mano per manovrare le pieghe per rimuovere i peli. Una volta finito ho aperto il soffione della doccia e usando le mani anziché una salvietta (qualsiasi scusa lo so!) ho lavato il gel e le ho rasato i capelli dalla figa godendomi l'opportunità di toccarla di nuovo.

Avevo bisogno di essere sicuro che il gel non fosse entrato nella sua fica, quindi le ho spiegato mentre le aprivo le pieghe con una mano e dirigevo il soffione della doccia direttamente nella sua figa cosa stavo facendo. Ad un certo punto non ho potuto trattenermi e ho infilato un po' un dito nella sua fica. Era sicuramente scivolosa lassù e sono certo che il gel da barba non sia arrivato fino a quel punto ed ero sicuro di aver sentito un suo leggero gemito, eccitato mi chiedevo tra me e me se le mie fantasie potessero diventare realtà.

Ho dovuto trattenermi prima di lasciarmi trasportare, la mia stessa figa batteva forte e urlava per essere accarezzata, parla di sentirsi come una donna affamata di sesso! Ho chiuso l'acqua e ho detto brillantemente

'Tutto finito!'

Presi un asciugamano per me e ne passai uno ad Alice, scappando dal bagno prima di esagerare. Mi sono asciugato frettolosamente e non ho potuto resistere alla tentazione di strofinare vigorosamente la mia figa con l'asciugamano nel debole tentativo di soddisfare le sue grida silenziose affinché le mie dita raggiungessero un rapido orgasmo. Non potevo nemmeno infilarmi in bagno con il mio vibratore che era nascosto nella borsa, lo portavo sempre con me e scappavo di notte quando lei dormiva e mi scatenavo mordendo un asciugamano per far tacere i miei gemiti di soddisfazione , avrei dovuto aspettare fino a quella notte.

Abbiamo fatto colazione e siamo andati in spiaggia, ci siamo oliati, abbiamo preso il sole e abbiamo dormito per il resto della giornata senza dirci molto. Questo non andava comunque oltre la norma, dato che nei primi giorni delle nostre vacanze dormivamo entrambi praticamente tutto il tempo, svegliandoci di tanto in tanto per applicare più crema solare o per bere, e ci prendevamo sempre un po' di tempo per rilassarci dal lavoro.

Quella sera abbiamo mangiato bene, chiacchierando tra noi e i camerieri, fortunatamente niente sembrava essere diverso nonostante quello che era successo in bagno, così ho cominciato a pensare che la mia fantasia fosse unilaterale e ho provato a metterla da parte della mia mente. Tornammo al nostro appartamento e ci ritirammo nei nostri letti per leggere e alla fine addormentarci.

Mi sono svegliato la mattina presto esausto. Avevo fatto un sogno molto erotico su Alice e mi ero svegliato proprio mentre lei stava per succhiarmi e toccarmi per quello che sarebbe stato un climax strabiliante, ne sono certo. Le lenzuola erano state tolte, la mia pelle era ricoperta da un velo di sudore e le mie dita accarezzavano la mia figa molto bagnata. Nel disperato bisogno di liberarmi, sperando che Alice stesse ancora dormendo, mi voltai rapidamente per trovarla di fronte a me, appoggiata su un braccio, che mi osservava. Mortificato, tolsi in fretta la mano e cercai a fatica di coprirmi con il lenzuolo. ho borbottato

'Scusa.'

e non disse altro. Poi chiese:

"Stavi facendo un bel sogno?"

Ho sospirato e ho detto.

'SÌ.'

Era inutile negarlo. Poi ha continuato spiegando:

"Mi è chiaro che stavi parlando nel sonno, che era molto erotico e ti ho visto tirare e stringere i tuoi capezzoli e poi spostare una delle tue mani sulla figa per accarezzarti il ​​clitoride. Gemevi in ​​estasi e l'ho trovato molto eccitante. Cosa stavi sognando?'

A questo punto era seduta sul lato del letto, nuda e di fronte a me. Mi ha chiesto ancora una volta:

"Cosa stavi sognando?"

A questo punto avevo pensato al fallimento, quindi le ho detto:

"Sognavo che ero a letto con un'altra donna, che lei baciava, leccava e succhiava lungo il mio corpo, attirando ciascuno dei miei capezzoli nella sua bocca, leccandoli con la lingua e facendo scorrere i denti sulla carne. Mi sono abbassato per sdraiarmi tra le mie gambe e succhiarmi il clitoride, toccandomi con due dita piegate verso l'alto e massaggiando il mio punto G e stavo per esplodere quando mi sono svegliato in modo frustrante.'

Lei non ha detto nulla in risposta, quindi l'ho guardata e che spettacolo ho visto. Si sedette con le gambe divaricate, un piede sul pavimento e l'altro appoggiato sul materasso, esponendomi completamente la sua figa rosa, accarezzandosi con le dita, le labbra rosa e le dita coperte dei suoi succhi. Aprì gli occhi e guardandomi direttamente, mi chiese:

«Chi era il sogno?»

Quindi le ho detto,

"Riguardava te e da quando ieri mattina ti ho rasato la figa, non sono riuscito a pensare ad altro!" Sono rimasto in un costante stato di eccitazione e non ho avuto l'opportunità di fare nulla al riguardo.'

Ha borbottato qualcosa, ero sicuro che avesse detto sulla falsariga di, facciamo qualcosa adesso, ma immagino perché non mi aspettavo che dicesse una cosa del genere. ho affermato,

"Non ti ho sentito, cosa hai detto?"

Al che ha detto esattamente quello che pensavo avesse fatto, ovvero:

"Bene, fai qualcosa adesso..."

Ero in un tale stato, non sapevo cosa fare, come reagire, dovevo semplicemente sdraiarmi lì e masturbarmi accarezzando il mio clitoride gonfio fino all'orgasmo davanti a lei mentre lei guardava o dovevo dirle di sdraiarsi accanto a me e rendere la mia fantasia una realtà. Inutile dire che ho represso quest'ultima cosa e mi sono seduto, spostandomi sul bordo del letto per copiare la sua posa, esponendole il mio io bagnato ed eccitato. Continuò a toccarsi ma guardò il mio nucleo umido, i suoi respiri diventavano sempre più veloci. Ero così eccitato dal nostro confronto e dalla vista sexy della sua umidità, che ho spostato la mano sulla parte superiore delle cosce e ho fatto scivolare le dita sulla mia figa, rispecchiando ciò che stava facendo a se stessa.

Ormai stavo davvero ansimando anch'io, mentre lei cominciava a strofinarsi più forte, le sue dita accarezzavano sempre meno le sue labbra bagnate e iniziavano a massaggiarle il clitoride con piccoli colpi circolari. L'ho imitata, iniziando a sentire la pressione aumentare, il formicolio più intenso e le dita dei piedi hanno iniziato ad arricciarsi. Guardando Alice, la sua fica che secerneva una crema bianca, potevo sentire l'odore del suo sesso e volevo disperatamente assaggiarla, ma non volevo rovinare il momento e spaventarla.
I suoi gemiti divennero sempre più forti, stringeva ciascuno dei suoi capezzoli tra le dita, torcendoli e tirandoli con più forza mentre le sue dita danzavano sul suo bottone stretto di carne sensibile. Mi sono reso conto che anche lei si stava avvicinando e ho aumentato l'attrito e la pressione sul mio clitoride nel disperato tentativo di venire allo stesso tempo. Chiuse gli occhi mentre veniva e gettò la testa all'indietro, gemendo mentre l'orgasmo la attraversava, copiosi succhi fuoriuscivano da lei e correvano giù tra le sue natiche.

Il mio stesso orgasmo mi ha scioccato, ho avuto orgasmi in abbondanza con il mio partner ma non in questo modo, la mia vista si è annebbiata e gli spasmi hanno devastato il mio corpo ancora e ancora, lasciandomi stordito e sazio. Mi sono alzata su gambe tremanti e sono andata in cucina a prendere un bicchiere d'acqua, poi sono andata in bagno per lavarmi le mani, quando sono tornata Alice si era coperta ed era tornata a dormire. Avrei voluto tenerla e accarezzare il suo corpo, ma con malinconia mi sono reso conto che non sarebbe stato così. Speravo tanto che il nostro intermezzo non fosse stato unico, solo il tempo lo avrebbe detto.

Abbiamo dormito un po' fino a tarda mattinata, Alice sembrava stare bene con me e abbiamo fatto colazione e siamo andati in spiaggia a oziare tutta la giornata. Come di consueto nel pomeriggio tornammo all'appartamento, facemmo la doccia, ci cambiammo e uscimmo nella mite serata per mangiare qualcosa. Alice ha continuato a essere la sua normale personalità frizzante, non è stata fatta menzione dell'incidente di prima mattina e ho iniziato a sentirmi come se avessi sognato tutto, anche se volevo di più!

Durante la notte sognavo nuovamente Alice, era nel mio letto, sdraiata accanto a me, chinata su di me e succhiandomi i seni alternativamente. Era divino, attirare i miei capezzoli di carne doloranti e stretti nella sua bocca, succhiare e rastrellare i suoi denti facendomi gemere. Le sue labbra lasciarono le mie tette lasciandomi privo finché non cominciò a leccarmi e mordicchiarmi le costole, la pancia e l'osso pubico. Ha leccato l'inizio della mia fessura, la sua lingua ha sondato il solco delle mie labbra, ho aperto automaticamente le gambe desiderando la sua lingua per avventurarsi oltre. Ancora appoggiata sui miei fianchi, spinse la lingua contro il mio clitoride, leccandolo, la sensazione era così strabiliante che inconsciamente dovevo aver spostato la mano verso il basso per toccarmi e imitare le visioni del mio sogno.

Mi sono quasi fatta addosso quando il mio subconscio si è trasformato in realtà quando ho realizzato che la mia mano non stava toccando la mia figa ma una chioma di capelli molto morbidi, i capelli di Alice! Non volendo disturbarla o fermare le gloriose scosse elettriche di sentimenti che si irradiavano dalla mia figa, ho iniziato a farle scorrere delicatamente le dita tra i capelli, esercitando una leggera pressione sulla parte posteriore della sua testa mentre i miei fianchi si sollevavano per salutare la sua bocca esploratrice. Mantenevo i miei gemiti molto piano, volendo urlare a dirotto però, i miei respiri aumentavano quando sentivo la sua mano strisciare lungo la mia coscia e iniziare a sondare ulteriormente la mia apertura.

Non riuscivo a controllare il volume del mio gemito mentre faceva scivolare una delle sue dita sottili nella mia fica, scivolò dentro senza resistenza ma non fu una sorpresa dato che ero così bagnata. Non soddisfatta di sentire con un dito le mie profondità setose, ha spinto dentro un secondo dito e poi un terzo, iniziando a pompare e circondare il polso, mentre succhiava più forte il mio clitoride. Ormai ansimavo in modo irregolare e spingevo la sua testa nel mio clitoride più forte che potevo, spingendo i fianchi nella sua bocca mentre mi avvicinavo sempre di più al climax.

Un altro orgasmo strabiliante balbettò attraverso il mio corpo, sussulti di shock che si irradiavano dalle dita dei piedi e dalla testa, sembrava andare avanti all'infinito. Ho urlato mentre lei continuava a attirare il mio clitoride in bocca anche dopo che l'orgasmo si era calmato, il mio clitoride è diventato così sensibile e ho cercato di allontanare la sua testa, trovando la pressione insopportabile. Lei si rifiutò di muoversi e continuò a succhiare e a pompare le sue dita dentro di me, mentre la sensibilità insopportabile sembrava placarsi, sentivo che stavo raggiungendo un secondo orgasmo, qualcosa che avevo sperimentato solo una volta prima di usare il mio fidato vibratore.

Quando il climax successivo mi ha colpito, ha continuato il suo assalto, continuando a stringere il mio clitoride tra i denti e spingendo le dita nella mia fica, ancora una volta ho tentato di allontanarmi ma ero così svuotato, ho lottato per trovare la forza. Mi ha stuzzicato più in alto, poi si è allontanato, poi ancora più in alto finché il mio corpo non ha iniziato a contrarsi per un ulteriore orgasmo, vedevo le stelle e ansimavo per le sensazioni. Ancora una volta ho raggiunto l'orgasmo, ma questa volta ho sentito il fluido schizzare da me, non sperma denso ma liquido con la consistenza dell'acqua, potevo vederlo schizzarle sul viso, Alice deglutì avidamente e lo asciugò, succhiandomi ogni traccia con la bocca.
Alla fine il suo vorace succhiare il mio clitoride cessò e lei leccò dolcemente la mia figa calmando la mia carne estremamente sensibile. Una volta che il mio respiro si fu calmato, lei si avvicinò furtivamente al letto e si sdraiò sulla schiena accanto a me dicendo:

'Mio Dio! Non hai idea di quanto sia eccitante trovare qualcuno che possa squirtare durante l'orgasmo!'

Ho risposto,

«Non sapevo di poterlo fare!» Ma è stato fantastico lo stesso.'

Rotolai sul fianco di fronte a lei, mi appoggiai sulla sua spalla e la baciai dolcemente, poi, con maggiore sicurezza, sondai la mia lingua nella sua bocca mentre lei apriva le labbra. Sembrava accogliere la mia lingua, duellando la sua con la mia, esplorando la mia bocca con sempre più urgenza, permettendomi di assaporarmi. Ho messo la mano sulla sua pancia, massaggiandola dolcemente in circolo, sempre più in alto fino ad accarezzare la parte inferiore del suo seno, accarezzando leggermente le mie dita fino a sentire il suo capezzolo. Si è stretto sotto le mie cure, quindi l'ho pizzicato tra il pollice e l'indice, strofinando la carne tesa avanti e indietro. Lei gemette nella mia bocca, così sentendomi incoraggiato mi trasferii nell'altra, pizzicando e avvitando la carne dandole piacere con un po' di dolore. Lei gemette di nuovo, inarcando la schiena e spingendo il suo seno nella mia mano.

Mi staccai dal nostro bacio, mordicchiandole e leccandole il collo, fino alla clavicola, assaporando la sua carne sopra la collinetta del seno fino a raggiungere il capezzolo. Stringendo il nodo stretto nella mia bocca, facendo scorrere i denti sulla carne raggrinzita, distendendo il capezzolo prima di rilasciarlo mentre usciva dalla mia bocca. Ho ripetuto il processo più volte prima di passare all'altro, rendendo la carne rossa e lucida con la mia saliva. Scivolando più in basso sul suo corpicino, leccandole la gabbia toracica, dando piccoli morsi alla pelle tesa sui fianchi, spostandomi verso il suo tumulo ora nudo e liscio. Ho stuzzicato la piega della sua figa, succhiando ogni labbro esterno di carne nella mia bocca, lei ha messo la sua mano sulla parte posteriore del mio collo, esercitando pressione e spingendo i suoi fianchi verso di me, gemendo,

'Per favore.'

Sentendomi incoraggiato, le ho chiesto:

'Cosa vuoi?'

Continuando a stuzzicare leggermente le labbra della sua figa con la mia bocca e la mia lingua, lei rispose di nuovo,

'Per favore.'

Allontanai la bocca e le chiesi con fermezza:

"Alice, dimmi, cosa vuoi?"

"Per favore, fallo!"

Fu la sua risposta disperata,

'Fare?'

Le ho chiesto con forza,

"Spiegamelo!"

"Per favore, fammi venire!"

Lei gemette,

"Come vuoi che ti faccia venire?"

Ho spinto di nuovo,

"Dimmi, spiegamelo e chiedi quello che vuoi!"

L'ho spinta oltre.

'I-I-I-ho bisogno che tu mi succhi il clitoride, h-h-forte, c-f-f-scopami la fica dolorante con le tue lunghe dita, forte, ho bisogno che tu mi faccia venire così tanto!'

Alla fine era riuscita a gridare ciò di cui aveva bisogno. Mi sono spostato tra le sue gambe, le ho allargate, spingendole le ginocchia verso il petto, sollevandole il sedere più in alto e afferrando un cuscino e posizionandolo sotto il suo sedere in modo che fosse completamente esposta. La sua figa era così bagnata, i succhi bianchi le colava dalla fica. Mi sono accovacciato sulla sua apertura e ho appiattito la lingua, leccandole dal basso fino al clitoride con movimenti lunghi e ampi, assaporando la sua crema e realizzando un'incredibile fantasia. Ho allontanato ulteriormente le sue labbra e ho inserito il mio dito più lungo dentro di lei, le pareti della sua fica sembravano così morbide e vellutate, stringendosi contro il mio dito mentre lo ruotavo per consentire alla punta del dito di trovare il suo punto g.

"Oh cazzo!"

Lei respirava,

"Ancora... ancora, spingi più dita dentro di me!"

Ho inserito il mio indice, allontanando le due dita dentro di lei, allargandola ancora di più. Aggiungendo un altro dito ho iniziato a scivolare dentro e fuori, senza sentire resistenza dalla sua setosa umidità, stringendo il pugno e avvitando le dita a destra e a sinistra più forte che potevo mentre lei sollevava i fianchi per incontrare le mie spinte.
Ho messo la bocca sul suo clitoride e ho succhiato la piccola protuberanza più che potevo, stringendo i denti anteriori sulla carne estesa e facendo scorrere la lingua sul bocciolo. Mentre le mie dita pompavano sempre più velocemente nella sua fica, la mia lingua strofinava il suo clitoride sempre più forte finché non sentivo i suoi gemiti trasformarsi in ansiti veloci, i suoi fianchi si piegavano verso la mia bocca e i suoi muscoli si tendevano. I pantaloni si trasformarono in grida mentre i muscoli della sua fica si stringevano sulle mie dita ancora e ancora mentre lei raggiungeva l'orgasmo.

Una volta che le sue pareti vaginali hanno smesso di afferrarmi le dita, ho rallentato il movimento delle dita e ho rilasciato delicatamente il suo clitoride dai denti. Guardandola, il suo viso era un'immagine di beatitudine soddisfatta ed entrambe le mani le stringevano i capezzoli e li tiravano mentre giaceva in un riposo sazio. Mi sono sdraiato accanto a lei e ci siamo addormentati entrambi.

Al mattino, mi sono svegliato e mi sono ritrovato messo dietro di lei, con un braccio sotto l'incavo del collo e l'altra mano che le teneva il seno. Cercai di non disturbarla mentre liberavo il braccio e lasciavo il letto per andare in bagno. Mi sono seduto sul water, immerso nei miei pensieri, ricordando gli eventi della prima mattina. Mi asciugai e arrossai, lavandomi le mani e spruzzandomi l'acqua sul viso, sporgendomi sul lavandino e fissandomi allo specchio, i ricordi mi distraevano ancora. Alice entrò nel bagno, nuda, si appoggiò sulla mia schiena, baciandomi la schiena e le spalle mentre le sue mani serpeggiavano intorno e mi prendevano a coppa il seno.

I suoi capezzoli si muovevano contro la mia schiena mentre strofinava delicatamente la sua morbida pelle contro la mia, provocando un formicolio immediato nella mia figa in risposta. Mi raddrizzai e mi voltai verso di lei, mettendo le mani sulle sue spalle, accarezzandole il collo finché le mie mani non le afferrarono il viso e la baciai amorevolmente sulle labbra. Si alzò in punta di piedi per incontrarmi, i suoi capezzoli duri che si sfregavano contro i miei mentre trasformava il bacio gentile in uno più urgente. Alla fine ci separammo e ci avventurammo insieme sotto la doccia, lavandoci i capelli a vicenda, massaggiando sapone e dita scivolose in tutti i nostri luoghi intimi, portandoci a vicenda verso orgasmi brevi ma soddisfacenti.

Durante la colazione, Alice ci ha suggerito di provare una delle spiagge per nudisti, non avevo idea da dove venisse la sua ritrovata sicurezza ma non ho esitato e abbiamo deciso di andare ad esplorare.

Parte 2 a seguire......

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.