L'innocenza della grazia

429Report
L'innocenza della grazia

L'INNOCENZA DELLA GRAZIA

Max Dexler sedeva sul bordo della scrivania sfogliando pigramente una raccolta di CV. "È questo il lotto, Sue"

"Sì, papà", disse Sue tornando con due caffè. "Sono un gruppo piuttosto dispiaciuto, ma ce n'è uno che potrebbe piacerti"

"E il suo nome è..."

“Grace Halifax papà. Il meno qualificato ma stranamente il più appropriato”

"Grace... Grace... Grace... ah eccola qui" disse Max sfogliando il curriculum. “22 anni ed è una studentessa universitaria che studia Farmacia. Potrebbe essere interessante. È stata un'istruzione totale per la nostra Gracie. Nessuna reale esperienza lavorativa di alcun tipo. Cosa ti fa pensare che sarà adatta?

Sue sorrise consapevolmente. "La manderò da papà"

Si sentì bussare alla porta. "Il signor Dexler, il suo primo richiedente, Grace Halifax", disse Sue. Max si alzò per darle il benvenuto e Grace entrò nella stanza cercando disperatamente di emanare un'aria di fiducia e professionalità.

"Benvenuta Grace", disse Max mentre stringeva la mano offerta. "per favore prendi posto". Palmi sudati, pensò Max, buon segno.

Max lo capì immediatamente. Lunghi capelli castani raccolti in una coda di cavallo, occhi azzurri, una bocca ampia e piena e il paio di tette più magnifiche che Max avesse visto da molto tempo. Sì, pensò Max. Se la caverà davvero molto bene.

"Grace, posso offrirti da bere?" disse Sue indugiando vicino alla porta.

"Sì, tè per favore, senza zucchero", disse Grace sorridendo a Sue.

Ha la voce di un angelo, pensò Max. Non vedo l'ora.

“Ora Grace” disse Max riprendendo il suo posto. “Immagino che tu conosca qualcosa del lavoro per il quale ti candidi.

Grace fece un respiro profondo. "Si signore. “Stai cercando un tutore residente per tuo figlio. È un incarico di 1 anno e vivi all'estero. "

“Sì, Grace, molto bene. Viviamo su un'isola privata nei Caraibi chiamata Sousos. L'isola è di proprietà della mia famiglia e ci troviamo a circa 5 miglia a est delle Barbados. Vivo lì da solo con mio figlio Jason, di 18 anni, e mia figlia Sue, che hai appena conosciuto.

Anche se devo dire che Sue trascorre la maggior parte del suo tempo alle Barbados, dove ho interessi commerciali. Abbiamo una vasta cerchia di amici che ci visitano costantemente e vorremmo che tu facessi parte di quella cerchia.

"Grazie, signore, è molto gentile."

Si udì bussare forte alla porta e Sue entrò all'indietro con tè e biscotti. "Ecco qua Grace, spero che sia così che ti piaccia"

"Grazie" disse Grace.

“Per favore, siediti, Sue. "disse Max" Apprezzerei il tuo contributo. Sue si sedette dietro la scrivania accanto a Max e aspettò che continuasse. “Ho in mente di mandare mio figlio in una delle università migliori, preferibilmente negli Stati Uniti. Il ragazzo, tuttavia, è pigro, ostinato e si distrae facilmente.

“Soprattutto da parte del sesso opposto”, ha aggiunto Sue.

“Sì” disse Max, “come è normale per tutti i ragazzi della sua età, non ne dubito. Ti do comunque il mio pieno permesso di castigare il ragazzo come ritieni opportuno"

Grace sentì il calore salire nelle sue guance e si maledisse per aver indossato un maglione così pesante. "Intendi bastonarlo o dargli uno schiaffo?" chiese Grace nervosamente.

Max e Sue risero entrambi. "Se questo è ciò che ti piace, Grace", disse Max, "Ma una semplice detenzione e la perdita dei privilegi potrebbero essere sufficienti"

Grace era arrossita adesso e fu contenta quando Max cambiò argomento. «Ora Grace, parla di te. Vedo dal tuo CV che sei estremamente istruito, ottieni il massimo dei voti in tutte le materie e la tua laurea sta procedendo bene. E vedo che sei un nuotatore."

"Sì signore" disse Grace ritrovando la calma. “Gli ultimi anni sono stati davvero intensi e ho solo bisogno di un anno sabbatico per ricaricare le batterie prima di iniziare l’ultimo anno e gli esami. E adoro nuotare. Nuoto quasi tutte le mattine.

"E ovviamente hai bisogno di lavoro." Aggiunto massimo

"SÌ. Continuerei a studiare mentre lavoro per te, signor Dexler, finché hai una connessione Internet ragionevole, dovrei stare bene.

"Abbiamo la migliore Grace", ha detto Sue. "Mio padre ne ha bisogno per il suo lavoro."

Max sembrava perplesso. “Vedo sul tuo CV che hai notato una condizione medica. Sindrome da insensibilità agli androgeni. Sembra piuttosto serio, ti dispiace spiegarlo?"

Grace fece un respiro profondo. "Significa cose diverse per persone diverse, ma per me fondamentalmente significa che la pubertà non è mai avvenuta."

Max rise di questo. “Stai scherzando, vero? Ti sei vista nuda allo specchio?»

"Papà, per favore" rimproverò Sue. “Non è carino”

"Mi dispiace, Grace", disse Max. “Quel commento era fuori luogo”

“Va bene” disse Grace “Ci sono abituata. Immagino che tutti quegli ormoni debbano andare da qualche parte” Grace alzò le mani e si prese a coppa consapevolmente il seno. Un'azione che non è sfuggita a Max. “Il mio utero non si è mai sviluppato completamente insieme alle mie ovaie, quindi non posso avere figli e non ho mai avuto il ciclo mestruale. Inoltre non ho peli sul corpo dal collo in giù. Semplicemente non è mai cresciuto.

"Wow" disse Max. "Sembri così... normale."

“Oh, sono il signor Dexler. Non prendo alcun farmaco e questo non influenzerà in alcun modo il lavoro che svolgo per te.

«Ti credo, Grace. E il sesso?" Ha chiesto a Max.

Grace tossì leggermente. Pensiero adorabile, Max.

“Le scansioni indicano che la mia... sai, la vagina, è di lunghezza normale ma forse un po' più stretta della media, quindi il sesso non dovrebbe essere un problema e il mio... clitoride è leggermente più lungo e più sensibile del normale. Ma in fondo è tutto ok”.

“Dici che il sesso non dovrebbe essere un problema. Sicuramente ormai lo saprai."

«Non proprio signor Dexler. Non ho mai fatto sesso. Una relazione è qualcosa che non mi interessa. Inoltre, i miei studi sono incredibilmente importanti per me. C’è poco tempo per socializzare.”

"Mio Dio, sei vergine!" Ha detto Massimo. "E quanti anni hai....22."

"Puoi fare sesso solo per divertimento, lo sai", ha detto Sue.

Grace si spostò a disagio sul sedile. "So che. E so che la gente lo fa. Non fa per me, immagino."

Max stava per parlare ma è stato fermato da Sue. "Lascia stare, papà."

"Ok signorina Halifax," disse Max. "Se desideri sederti fuori, saremo da te a breve."

“Ok, grazie signor Dexler”

"Nessun problema. Sue ti accompagnerà fuori.

"La stiamo prendendo, cazzo" disse Max quando Sue tornò. “Lei è assolutamente perfetta. Puoi crederci. Una vergine a 22 anni?"

"Pensavo che ti sarebbe piaciuta", disse Sue riprendendo il suo posto. “Ma anch’io sono rimasto sorpreso da quella piccola confessione. Jason la amerà”

"Jason adorerà scoparla" rise Max. «Anche Lavinia. Alla fine, ovviamente."

“Sì, papà. Tieni Lavinia lontana da lei. Non è pronta per questo.

"Le farò iniziare il farmaco non appena atterra." Disse Max improvvisamente emozionato. "Quanto tempo pensi che ci vorrà per trasformare la puttana repressa in una ninfomane impazzita dal sesso?"

"Circa una settimana dovrei pensarci" disse Sue "supponendo che funzioni."

“Funzionerà. Adesso è pronto” disse Max camminando su e giù per il pavimento.

"Meno male che ha preso la prima dose, non è vero?"

"Nel suo tè?" Disse Max fermandosi nel suo ritmo.

"Sì"

"SÌ! Stupenda, fottuta stronza!"

2

Grace Halifax si sedette sul suo letto singolo e sospirò. La sua grande valigia giaceva aperta sul letto accanto a lei e piena di tutti i suoi beni terreni. Tre paia di pantaloni neri, cinque camicette, due paia di scarpe da ginnastica, tre gonne di varia lunghezza, due maglioni, biancheria intima e un vestito nero con scarpe abbinate, per quelle rarissime occasioni in cui partecipava alle riunioni sociali all'Università. E per quelle volte in cui è stata costretta a uscire la sera con il bullismo.

Nella valigia c'erano anche i suoi libri e materiali di studio, e i suoi beni più preziosi, una vecchia bambola di stoffa e le foto dei suoi genitori.

Le lacrime vennero facilmente quando guardò le foto. Non essendo mai riuscita a metterli in una cornice o in un album, Grace li tenne liberamente tra le mani e li sfogliò. Ha ritrovato quello di se stessa e di sua madre a Natale, quando aveva quattro anni, tra loro c'era la bambola che aveva ancora oggi, con carta da regalo scintillante sparsa tutt'intorno. Entrambi sembravano così eccitati. Sua madre morì poche settimane dopo.

Ha trovato le foto di suo padre. Quell'uomo gentile, gentile e amorevole. Come si sedeva sul tappeto e giocava alle bambole con lei o sedeva pazientemente mentre lei preparava il tè finto con il suo piccolo servizio da tè di plastica. "Oh, papà, vorrei che tu fossi qui adesso", gridò dolcemente. "Mi manchi". Guardando la foto poteva vedere il dolore dietro i sorrisi. Non ha mai superato la morte di sua madre. Quando l’Alzheimer lo ha finalmente preso, poco più di tre anni fa, Grace è rimasta sola. Nessun fratello o sorella o famiglia stretta di alcun tipo.

Grace si ritirò. Evitando i pochi amici che aveva, si dedicò ai suoi studi, lavorando giorno e notte per ottenere il massimo dei voti ed entrare all'Università di Oxford dove ora studia. "L'ho fatto papà" disse dolcemente. "Ce l'ho fatta. Ora troverò una cura per l’Alzheimer. Troverò una cura per il cancro che ha portato via anche la mamma. Farò tutto. Ti renderò fiero di me."

Grace ha posizionato con cura le foto tra i vestiti per evitare che si danneggiassero e ha chiuso la custodia. Questo è tutto allora. Una valigia. Non c'è molto da mostrare in 22 anni di vita, ma è bastato.

Si guardò attorno nel suo scarno monolocale. Era compatto, ma economico. Sarebbe stato ancora più economico condividere una proprietà con altre ragazze, ma il pensiero di condividere il bagno e la cucina con altri era odioso per Grace. Preferirebbe lottare finanziariamente e avere il proprio spazio. Era assolutamente ordinata.

I suoi pensieri andarono a Max Dexler. Erano trascorse poco più di 48 ore dal colloquio e le avevano offerto subito il lavoro. Gli altri 6 candidati non sono stati nemmeno intervistati, cosa che Grace ha trovato un po' strana, ma di certo non si stava lamentando. È stata una decisione facile da prendere. Naturalmente accetterò il lavoro. Certo che posso partire subito. Un gioco da ragazzi.

Ma Max era strano. Non somigliava affatto all'uomo d'affari di successo che lei si aspettava. Alto sui cinquantacinque anni, il suo abito sembrava una taglia troppo grande e quasi largo sulla sua corporatura snella. Il primo bottone della camicia era slacciato e la cravatta gli pendeva allentata intorno al collo. Il suo comportamento generale era scuro e trasandato, e aveva questi penetranti occhi azzurri, che sembravano perforarle l'anima. Non aveva intenzione di rivelare così tante informazioni sulla sua condizione medica, ma non pensava di poter nascondere nulla a quest'uomo.

I suoi occhi osservarono ogni centimetro di lei, spogliandola mentalmente, e quando lei gli raccontò della sua verginità, sembrava assolutamente felice. Semplicemente squallido. Poi le aveva portato il tè nella sala d'attesa. Strano e squallido.

Ma Sue è stata gentile. Piacevole e amichevole. Sarebbe bello avere un'amica là fuori, essendo così lontana da casa, e potrebbe benissimo fare al caso suo. Sue aveva organizzato tutti i voli e i trasferimenti per Grace, quindi tutto ciò che doveva fare era arrivare e promettere che sarebbe stata lì ad accoglierla. Che bello.

3

Il volo per le Barbados si è svolto senza incidenti per Grace, ed è rimasta sorpresa quando Sue l'ha chiamata per dirle che le aveva prenotato un trasferimento in idrovolante per l'isola. È stato poco più di un trasferimento, poiché il pilota ha fatto un giro completo dell'isola, offrendo a Grace una vista perfetta dell'isola dall'alto, prima di atterrare vicino allo stretto molo che conduce alla casa.

Grace dovette ammettere che era un'isola bellissima. La casa stessa era appollaiata in cima a un'altura all'estremità nord dell'isola, mentre una strada sterrata correva verso sud per circa due miglia, prima di terminare bruscamente alle scogliere sul lato sud. Lunghe spiagge sabbiose si trovavano a est e a ovest, mentre l'interno era costituito da campi verdi e spazi aperti.

La casa in sé era impressionante e ricordava a Grace una dimora signorile che aveva visitato una volta. Quadrato, con cortile interno, dominava l'isola, con quelle che sembravano delle scuderie sul retro, con una lunga veranda, dal disegno quasi coloniale, e una grande fontana sul davanti. "Per Dio, mi piacerà tantissimo stare qui" pensò Grace.

Fedele alla sua parola, Sue era lì ad accogliere l'aereo mentre rullava dolcemente verso il molo. È stata realizzata una passerella estensibile che consente a Grace di camminare instabile sul molo, per essere immediatamente abbracciata da Sue.

"Adornare! L'hai fatta!"

“Oh, Sue, che bella isola. Mi sento come se fossi morto e andato in paradiso "

“È adorabile, non è vero? Ed è tutto tuo da esplorare durante il tuo tempo libero. Ho detto tutto a Jason di te e non vede l'ora di incontrarti. Ti portiamo dentro."

Il viaggio verso la casa fu breve e Grace oltrepassò le grandi porte di quercia per entrare in un enorme salone con pannelli di legno e un'ampia scala ricoperta di moquette che conduceva al primo piano. Grace era nel suo elemento. “Questa è meravigliosa, Sue. Costruirlo deve essere costato una fortuna."

"Rinnovare" ha corretto Sue. Fu costruito da un francese circa cento anni fa e utilizzato come albergo fino agli anni '50, da qui le 35 camere da letto.»

"Wow" disse Grace, osservando l'enorme lampadario appeso al soffitto.

“L’hotel è fallito ed è caduto in rovina finché la mia famiglia non ha acquistato l’isola. La ristrutturazione è costata una piccola fortuna, ma ce l'abbiamo fatta. E abbiamo cercato di incorporare il maggior numero possibile di funzionalità originali. Non volevamo perdere il carattere originale dell’hotel.”

"Hai fatto un lavoro straordinario", ha detto Grace.

"Grazie." Ha detto Sue. “Ora, se vuoi lasciare la tua valigia qui, chiederò a Jason di portarla nella tua stanza. Sono sicuro che mio padre vorrebbe salutarti.

Grace bussò timidamente alla porta dello studio rivestita di pannelli di quercia. "Un momento." Disse la voce. Poi, poco dopo, “Entra”.

Grace entrò nello studio per confrontarsi non con una, ma con due persone. Max era seduto dietro una grande scrivania di quercia e in piedi accanto a lui c'era una donna alta e statuaria con un abito da sera argentato che sembrava aderire ad ogni curva del suo corpo. Indossava una collana d'argento con orecchini abbinati e teneva in mano un bicchiere di quello che Grace pensò fosse champagne. Aveva i capelli biondi pettinati in stile anni '40, con rossetto rosso e unghie abbinate. Trasudava decisamente l'eleganza degli anni '40 e guardava Grace con un certo divertimento.

"Ah, Grace, benvenuta, benvenuta" disse Max sembrando un po' agitato e mescolando distrattamente alcune carte sulla sua scrivania.

“Posso presentarvi la mia amica Lavinia Bowen-Hargreaves, resterà con noi per qualche giorno.”

“Assolutamente affascinato!” Disse Lavinia Scivolando attorno alla scrivania per mettersi accanto a Grace. “Avevi ragione Max, è davvero fantastica! “E che bel seno! Max, ha le tette di un angelo!”

"Lavinia per favore" disse Max, "non mettere in imbarazzo quella povera ragazza"

"Sciocchezze, non sei imbarazzata, vero ragazza?"

"Beh, forse un po'" disse Grace imbarazzata, sentendo il calore salire sul suo viso. “Fa piuttosto caldo qui”

"Non mi sorprende che tu sia sexy con addosso quello stupido maglione," disse Lavinia. "Toglitelo immediatamente!"

Grace alzò le spalle con noncuranza, sentendosi completamente fuori dalla sua portata con quella donna. "Non posso davvero, è tutto quello che ho addosso."

"Ragazza spazzatura, indossi un reggiseno, vero?"

"Ebbene sì", balbettò Grace.

Lavinia si è rivolta a Max.” Max, dì a questa ragazza di togliersi immediatamente il maglione!"

«Non farò nulla del genere, Lavinia. Ora, per favore, lascia in pace la ragazzina. Per favore, perdona Lavinia, Grace", disse Max in tono di scusa. “Sta semplicemente giocando con te. Spesso si dimentica di se stessa. Max lanciò uno sguardo fulminante a Lavinia e ne ricevette uno in cambio.

"Va bene, signor Dexler", disse Grace, ricompondosi. “Piacere di conoscerti Lavinia”

"Anche" disse Lavinia un po' freddamente.

Max tossì un po' imbarazzato e disse: “Sue ti mostrerà la tua stanza. Forse vorresti rinfrescarti un po' e unirti a noi per cena."

"Sarebbe fantastico, grazie signor Dexler" disse Grace dirigendosi verso la porta.

“Max, dove sono le tue buone maniere” disse Lavinia con una punta di divertimento “Porta fuori la ragazza”

"Non ce n'è davvero bisogno che io-" cominciò Grace

“Insisto” disse Lavinia con forza, con un lieve sorriso sulle labbra.

“Addio Grace” disse infine Max, rimanendo seduto. Ci vediamo più tardi."

Grace sorrise e lasciò velocemente la stanza.

"Quella fottuta stronza non vedeva l'ora di uscire!" Lavinia rise scherzosamente.

“Puoi biasimarla?” Disse Max, allontanandosi dalla scrivania. "Ma si sarebbe mossa molto più velocemente se avesse visto questo" disse Max, indicando il suo inguine.

Max era nudo dalla vita in giù, la sua enorme erezione puntava verso il cielo. Lavinia si inginocchiò tra le sue gambe e fece scorrere la lingua dalle sue palle alla punta del cazzo. “L’ho visto contrarsi e gonfiarsi quando le ho chiesto di togliersi il maglione. E ho visto rotolare quelle enormi palle. Ti piacerebbe scopare quelle tette, vero, Max?" Disse Lavinia leccandolo ancora.

“Sì, lo farei. Lo farei davvero." Disse Max con voce roca, le sue cosce tremanti mentre la sua lingua gli accarezzava il pomello. "Ma è qui per insegnare a mio figlio"

"Sappiamo entrambi perché è davvero qui, Max." Disse Lavinia. "E non è uno più uno fa due" Max si irrigidì mentre Lavinia si inginocchiava in avanti e prendeva in bocca il suo grosso pomello gonfio.

4

"Allora ti piace Lavinia?" Chiese Sue mentre apriva la porta della stanza di Grace.

"Orribile" disse Grace. "Voleva che mi togliessi il top"

Già. Pensò Sue. “Ci vuole un po' per abituarsi a Grace. Ti rispetterà se le tieni testa, ma cerca di non farla incazzare troppo. Può essere crudele."

La stanza era perfetta, pensò Grace. Grande quasi il doppio del suo monolocale a Oxford, aveva un grande letto matrimoniale, una cassettiera, un armadio, una scrivania per il portatile e i libri, e porte finestre che conducevano a un balcone privato che si affacciava sul retro della casa. con una visione chiara dell'oceano.

“È fantastico, Sue, grazie. Vostro padre... ehm, signor Dexler, ha detto che avrei dovuto unirmi a voi per cena. Cosa dovrei indossare?

“Hai un vestito? Indossalo e basta, dovrebbe andare bene. Poi Sue fece una pausa, come se si fosse improvvisamente ricordata di qualcosa. "C'è solo un'altra cosa di cui devo parlarti" Sue si sedette sul letto vicino a Grace. “Mio padre darà una delle sue feste questo fine settimana. E sarà un grosso problema. Gli ospiti cominceranno ad arrivare domani, e i festeggiamenti potrebbero protrarsi anche la prossima settimana, visto che gli ospiti vanno e vengono."

"Va bene, mi piacciono le feste", ha detto Grace.

"Bene Grace", disse Sue. “Non troverai molto in termini di gelatina e gelato in questo. Mio padre è membro di un club molto esclusivo. Gli ospiti arriveranno da tutti i Caraibi e persino dagli Stati Uniti. Vedi, è il suo compleanno.

"Devo ricevere un regalo?" chiese Grace.

“No Grazia un dono non sarà necessario. Quello che intendo dire è che è probabile che questa festa avrà luogo, come posso dirla? Altamente sessuale.

"Vuoi dire come un'orgia?" Ha detto Grazia.

“Sì, è esattamente quello che intendo. Ed è probabile che duri diversi giorni poiché le persone vanno e vengono. Se vuoi puoi unirti a noi, oppure..."

“No, va bene” disse Grace, “resto nella mia stanza. Posso studiare e guardare la TV”

Pensavo che potresti, pensò Sue. "Ancora una cosa" disse Sue alzandosi per andarsene. “Non troverai una serratura alla tua porta. Non ci sono serrature su nessuna delle porte di questa casa. Era un'eccentricità di mio nonno. Diceva sempre che le chiuse nascondono segreti. Mi piaci, Grace, quindi te lo dirò. Di notte metti qualcosa di pesante dietro la porta. Come quella cassettiera. E non rispondere a nessuno alla tua porta. Fallo e potresti rimanere vergine ancora per un po'. Cerca anche di rimanere sempre vestito. Non girare per casa in camicia da notte."

«Non farò causa, grazie. Ci sarai alla festa?"

"No" disse Sue. “Parto per la terraferma questo pomeriggio. Queste feste non fanno più proprio per me. Ma tornerò la prossima settimana, quindi ci vediamo allora. Abbi cura di te, Grace.

“Ok, ciao Sue. E grazie."

Come un agnello al macello, cazzo. pensò Sue mentre si allontanava.

5

Grace si sedette sul letto e pensò a quello che Sue le aveva detto. Un'orgia di una settimana? È possibile? E aveva davvero bisogno di barricare la porta? Osservò criticamente la cassettiera. Certamente sembrava abbastanza pesante per svolgere il lavoro, ma sarebbe riuscita a spostarlo? Grace spinse e tirò la cassettiera, ma per quanto ci provasse, riuscì a spostarla solo di pochi centimetri. Era davvero troppo pesante.

Grace prese la sedia da sotto la scrivania, la incastrò sotto la maniglia e provò ad aprire. Ha resistito. Ci ha provato ancora e ancora. Teneva ancora. Grace sorrise. Basterebbe.

Mentre andava in camera sua, Sue si era scusata per la mancanza di bagno privato, ma le aveva raccontato di un bagno con doccia direttamente di fronte alla sua stanza, che era a suo uso esclusivo quando non erano presenti gli altri ospiti. Grace lo trovò subito e, con asciugamano e gel doccia in mano, andò a rinfrescarsi in vista della cena di stasera. Prese anche la sedia per incastrarla sotto la maniglia della porta.

Grace era nervosamente fuori dalla sala da pranzo. Poteva sentire le voci all'interno e sapeva che Lavinia era presente. Si guardò allo specchio e si assicurò che tutti i bottoni sul davanti del vestito fossero allacciati. L'unico reggiseno che doveva indossare con questo vestito era andato perduto o abbandonato, quindi per la prima volta nella sua vita Grace era diventata senza reggiseno. Il vestito le stava bene e la sosteneva, e il suo seno semplicemente non si afflosciava con o senza reggiseno. L'abito era tradizionale e mostrava un minimo di scollatura. Si era guardata allo specchio della sua stanza, da ogni angolazione e con ogni luce, ed era soddisfatta del risultato.

"Eccola, Grace", sussurrò a se stessa. "Puoi farlo." E facendo un respiro profondo, Grace aprì la porta.

C'era un grande tavolo ovale disposto ordinatamente al centro della stanza, con quattro coperti. Tre di questi posti erano occupati. Tutti si alzarono quando Grace entrò nella stanza. "Adornare!" Disse Max, venendo a salutarla. "Sei... delizioso"

"Grazie" disse Grace arrossendo graziosamente, incerta sulla scelta delle parole.

"Ovviamente hai già incontrato Lavinia, e questo è mio figlio Jason." Lavinia alzò il bicchiere a Grace con uno sguardo freddo, e Jason si avvicinò e le strinse la mano. “Ciao signorina Halifax”

"Ciao Jason" rispose Grace. “È bello incontrarti finalmente. E per favore chiamami Grace"

"Per te è Miss Grace, giovanotto" disse Max, dandogli scherzosamente una pacca sulla testa. “Per favore, Grace, siediti”

Si sedettero tutti. Jason era alto e magro come suo padre, con capelli castano sabbia e un sorriso pronto. Trasudava una certa sicurezza e modi disinvolti che Grace trovava un po' strani in una persona così giovane. La conversazione scorreva liberamente durante il pasto, tra Max, Grace e Jason, con solo qualche commento occasionale da parte di Lavinia. Grace pensava che sembrasse un po' ubriaca.

Dopo il pasto, Max avvicinò un po' la sedia a Grace e le riempì il bicchiere con altro champagne. “Ora Grace, mettiamoci al lavoro. Cosa sai di me?"

"Beh, molto poco in realtà" disse Grace. “Sei un uomo d'affari di grande successo e possiedi quest'isola. Hai interessi commerciali a terra di cui Sue si prende cura. Oh, e sei membro di un club molto esclusivo.

A questo punto Lavinia sbuffò nel suo champagne e Jason rise.

“Non è una cosa così esclusiva, Miss Grace. Infatti. Ci sei già.” Disse Jason cercando di non ridere. Jason e Lavinia si guardarono come se stessero condividendo uno scherzo privato, ma Max rimase impassibile.

“Lascia che ti parli di me, Grace. Hai sentito parlare di una società chiamata Dexchem?"

“Dexchem. Sì, naturalmente. Sono uno dei più grandi produttori di farmaci negli Stati Uniti. Ho scritto un pezzo su di loro durante il mio primo anno. Fanno molta ricerca e sviluppo, che è un’area che mi interessa davvero”.

“Sì, beh, mio ​​​​nonno ha avviato quest'attività molti anni fa e ha guadagnato molto denaro molto rapidamente. La nostra sede principale è ancora ufficialmente nell'Oxfordshire, motivo per cui ero lì quando ci siamo incontrati. Ma hai ragione, dato che la maggior parte della nostra produzione e della nostra ricerca e sviluppo avviene negli Stati Uniti. Il fatto è che, Grace, abbiamo sviluppato una cura per l'impotenza maschile."

"È fantastico!" grazia sgorgata. "Questo cambierà così tante vite."

Max alzò la mano." Non così in fretta, Grace. Ci sono stati alcuni effetti collaterali interessanti. Deformità e altri problemi di salute. Avrei voluto proseguire con la ricerca, ma il consiglio mi ha rifiutato e il progetto è stato accantonato. Quindi mi sono dimesso. Ho reclutato alcune persone molto intelligenti e ho aperto un laboratorio alle Barbados proprio di fronte al mare, ben lontano da Dexchem, e ho continuato la mia ricerca. Abbiamo perfezionato il farmaco e ora abbiamo una cura per l’impotenza. Ma sono stati gli effetti collaterali a interessarci di più e a portare la nostra ricerca in una direzione completamente nuova. I nostri test sugli animali hanno rivelato un miglioramento degli organi sessuali maschili. Il pene è diventato più lungo e più spesso”

“Cazzo” disse Lavinia, ormai chiaramente ubriaca.

“E i testicoli divennero-”

“Palle” gridò Lavinia.

“Basta!” Disse Max improvvisamente arrabbiato. "Se non vuoi essere qui, sentiti libero di andartene." Nessuno si è mosso.

Max continuò. “I testicoli si ingrandirono notevolmente, così come la prostata e la ghiandola seminale. La produzione di sperma è quintuplicata. Ma avevo bisogno di un soggetto umano. Qualcuno di cui potevo fidarmi. Quindi ho scelto…me”.

"Mio Dio" disse Grace, mettendosi una mano sulla bocca. "Hai testato questo farmaco su te stesso?"

"SÌ." Ha detto Massimo. "Vuoi sapere cosa è successo?" Grace annuì in silenzio, con un'espressione di orrore sul viso.

"La lunghezza del mio cazzo è cresciuta di 2,5 pollici e la circonferenza è aumentata di più di un pollice." Max studiò attentamente il volto di Grace. “Le mie palle sono quasi raddoppiate di dimensioni. I miei orgasmi sono aumentati di intensità e sono durati più a lungo. La quantità di sperma che ho eiaculato era circa quattro volte quella prodotta da un uomo medio. Il periodo di riposo tra gli orgasmi è sceso a pochi minuti. Grace, posso fare sesso 7 o 8 volte al giorno con il minimo sforzo.

"Mio Dio" disse di nuovo Grace. "Il signor Dexler..."

"È Max" disse Max avvicinandosi un po' di più e divorando visibilmente i suoi seni.

"Scusa. Non è questo l'oggetto della ricerca di Max. Dovresti curare le malattie e aiutare le persone, non incoraggiarle a fare più sesso”.

Max ignorò il suo commento. “Sai dove ho trovato i risultati più impressionanti? Nei giovani. Quelli che erano ancora in via di sviluppo. Porta qui il giovane Jason.

“Max, per favore, no. Non Jason. Per favore, non dirmi che glielo hai dato. Disse Grace, con il panico che cominciava a insinuarsi nella sua voce.

"Jason vieni qui e abbassati i pantaloni." Max andò a mettersi dietro Grace, le mise le mani sulle spalle e iniziò un delicato massaggio. Tenendola effettivamente sulla sedia.

“Max, non ho davvero bisogno di vederlo. Per favore lasciami andare." Grace fece per alzarsi, ma fu spinta di nuovo dolcemente verso il basso.

"Rimani ferma, Grace", disse Max. "Questo è importante." Grace fece come le era stato detto. Mentre Max la massaggiava, Grace sentì qualcosa di duro premerle tra le scapole.

Quello è il suo cazzo. Pensò Grace, con crescente orrore. Sta premendo il suo cazzo contro di me, sorprendendo lei stessa con la scelta delle parole. Ma questo non era un pene, pensò. Questo era un cazzo grosso e grosso.

Grace tremò visibilmente. Jason rimase sorridente e, senza la minima esitazione, lasciò cadere i pantaloni.

Grace chiuse gli occhi e respirò profondamente dal naso, cercando disperatamente di rallentare il battito cardiaco. Ma tutto ciò che fece chiudendo gli occhi fu renderla più consapevole del cazzo che le sfregava lungo la spina dorsale.

"Apri gli occhi, stupida ragazza." disse Lavinia. “O aprirai gli occhi oppure lo avrai in bocca”.

Grace aprì gli occhi. Lavinia si era spostata per mettersi accanto a Max, ma l'attenzione di Grace era fissata saldamente sull'enorme organo che le era stato presentato. Morbido, sembrava lungo almeno 6 pollici, con un prepuzio che copriva completamente la protuberanza grassa ben visibile con pelle in eccesso. Le palline pendevano liberamente, a metà strada fino alle ginocchia dei ragazzi nella loro sacca carnosa, grandi vene e vasi sanguigni chiaramente visibili, cercando disperatamente di fornire a quelle enormi uova il sangue e le sostanze nutritive necessarie. Il fisico snello dei ragazzi faceva sembrare gli organi ancora più grandi. Era come se gli stessero succhiando via la vita.

Grace si sentiva come se fosse caduta nelle profondità dell'inferno.

"Non è una bellezza, Grace?" - sussurrò Lavinia vicino al suo orecchio. "È questo il primo che tu abbia mai visto, caro?"

"Sì" gracchiò Grace. "C'è della melma" sussurrò. Guardando velocemente Lavinia.

"Quella è Grace precum." Ha detto Massimo. “Jason lo fa trapelare quasi costantemente al momento. Credo che sia un segno della sua adolescenza. Mi aspetterei che si fermasse entro un anno circa”.

“Dammi una lezione. “Disse Lavinia avvicinandosi a Jason. "Lascia che ti mostri cosa facciamo con il precum." Chinandosi, prese il cazzo in mano e lo succhiò in bocca. Chiudendo strettamente le labbra attorno ad esso, tirò con forza, attirando il precum lungo l'asta e nella sua bocca, finché non venne finalmente liberato.

Grace si prese il viso tra le mani. “Mio Dio, è disgustoso. Come hai potuto Lavinia? È solo un ragazzo.

"Come potrei?" sorrise Lavinia. “È delizioso. Un po' salato, ma per niente sgradevole. E per quanto riguarda il fatto che fosse solo un ragazzo. Quante donne hai scopato adesso, Jason?"

Jason alzò le spalle. "Non so. Forse cinquanta, cento. Non so."

Lavinia teneva le mani sui fianchi. “Ok Jason. Quante volte mi hai scopato."

«Venti o più.» Disse Jason sorridendo.

“Vedi Grazia. Non è un ragazzo del genere. Ti scoperà anche se glielo permetti. Immaginalo, Grazia. - sussurrò Lavinia vicino al suo orecchio. “Quel grosso cazzo grosso che si tuffa in profondità nella tua fica desiderosa. Guidandoti verso il più grande orgasmo della tua fottuta vita. Immaginalo, Grace.

Grace se lo stava immaginando e questo la riempiva di terrore. Era troppo grande. Poteva solo immaginare come sarebbe stato in piena erezione, ma sapeva che non sarebbe mai andato bene. Ci aveva infilato un dito, le poche volte in cui si era masturbata, e aveva sentito le pareti strette attaccarle al dito. E poi c'era il suo imene. Non avendo mai avuto il ciclo, il suo imene si era notevolmente ispessito e aveva sigillato completamente l'ingresso nella sua fica. Non stava succedendo niente, pensò Grace.

"Se non fosse Jason, allora forse potrei fare il lavoro." Ha detto Massimo. Strofina, strofina, strofina.

"Perché non tutti e due!" Lavinia rise, girandosi e battendo le mani. "Potresti avere un buco ciascuno!"

"Devo andare." Disse Grace saltando improvvisamente in piedi. "Si sta facendo tardi." Grace corse fuori dalla stanza al suono della risata di Lavinia. Gettandosi sul letto, Grace singhiozzò nel cuscino. "Cosa ho fatto papà, cosa ho fatto."



6

"Pensi che abbia sentito il tuo cazzo sulla schiena?" disse Lavinia dopo che Grace se ne fu andata.

"Lo so." Ha detto Massimo. "Ma deve aver pensato che fosse ancora nei miei pantaloni."

«Avresti dovuto darle addosso, Max. Servi bene la piccola puttana.

Max rise. “Ha un po' di sperma tra i capelli, è abbastanza per il primo giorno. Inoltre, un'altra dose del farmaco. Ora possiamo davvero metterci al lavoro su di lei. Il farmaco da uomo era buono, ma la versione da donna è ancora più raffinata”.

"Non dovrebbe volerci molto, Max." Disse Lavinia. "È roba piuttosto potente."

Max sospirò e si sedette. “Non conosco Lavinia. Stiamo cercando di trasformare una vergine repressa e professionale in una puttana impazzita dal sesso. Combatterà tutto questo fino in fondo.

“Ma pensaci, Max. Quale donna non lo vorrà? E quale uomo non vorrà darlo a sua moglie?

“Conosco Lavinia, lo so. Quando lo commercializzeremo, faremo una vera fortuna."

7

La mattina dopo Grace si svegliò presto e si sentiva intontita e un po' fragile. Ho davvero bevuto così tanto vino, pensò, mentre si rialzava faticosamente in piedi, e poi si accasciava subito sul letto. "Perché mai sono venuta qui?" sussurrò Grace a se stessa, ricordando gli eventi della notte precedente. Queste persone erano pervertiti. Devianti sessuali. Grace aveva letto di queste persone sulle riviste, ma non aveva mai creduto veramente che esistessero. Finora. E quegli esperimenti!

Grace abbassò lo sguardo e all'improvviso notò un biglietto infilato sotto la porta. Grande. Lei ha pensato. Incontriamo Max nello studio alle 10.30. Meraviglioso. Guardando l'orologio, vide che aveva meno di un'ora per prepararsi. Decidendo di rinunciare alla doccia stamattina, si guardò nuda, nello specchio a figura intera. "Sei sexy oggi, Grace." Si disse, come ogni mattina, senza mai pensarlo veramente. Ma oggi era diverso. "Cavolo, sei davvero sexy." Ha detto, adottando una serie di pose modello. Ma cosa c'era di diverso? I suoi capezzoli e cresciuti fastidiosamente eretti. No, non eretto, gonfio. E spingendo fuori dalle sue tette come se avesse richiesto attenzione. E le sue tette sembravano più solide. È possibile? Lei a coppa le tette e le spinse insieme, le dita inavvertitamente sfiorando i capezzoli. Un brivido di gioia attraversò il suo corpo causando la grazia a sussultare per sorpresa. "Wow, voi ragazzi siete sensibili oggi."

Fissandosi allo specchio, Grace considerava la sua figa. Era molto orgogliosa della sua figa e la considerava una delle sue migliori caratteristiche. Plump e alto avevano una divisione profonda tra labbra grassi e senza una traccia di capelli.

Afondando uno sguardo più attento, spostò lo specchio ai piedi del letto e si sdraiò con la sua figa di fronte allo specchio. Sollevando le ginocchia sul petto, permise loro di cadere a pezzi. Le labbra della sua fica si separarono solo modestamente, non mostrando nulla degli interni, ma permettendole di intravedere il suo clitoride, mentre si incastrava dolcemente tra le labbra arrotolate. Da quanto tempo da quando mi sono masturbato l'ultima volta? Grazia pensato. Accidenti, devono essere settimane. "Sono decisamente dovuto", sussurrò a se stessa, mentre iniziava a girare delicatamente il clitoride. Prendendo un po 'di crema per le mani dal suo comodino, Grace iniziò a massaggiare delicatamente il clitoride, portandolo rapidamente alla piena erezione. "Mio Dio Yesss", respirò, strofinandosi più forte.

In un raro impeto di passione, una volta Grace era riuscita a spingere il suo clitoride allungato nella sua fica e ritorno, sentendolo in realtà toccarla l'imene, ma questo aveva fatto male, e ne aveva avuto poco piacere, quindi non lo aveva mai più fatto più . Ma lo ha fatto ora, guidandolo in profondità tra le labbra della sua fica, rotolandola nell'umidità che ha trovato lì. Questa volta è stato più facile, sorprendente, mentre si strofinava ancora più forte, avvicinandosi sempre più all'orgasmo. Grace le afferrò il seno con una mano, tirando forte sul suo capezzolo mentre lei si scopava freneticamente.

"Sta arrivando, sta arrivando, sta arrivando" gridò grazia, mentre l'orgasmo si strappava attraverso il suo corpo. Inarcò la schiena e spinse le dita dolorosamente nella sua fica di spasmo, le gambe avvolte attorno allo specchio, tirandolo verso di lei, mentre urlava la sua estasi in un cuscino.

"Mio Dio, quello era Mega", alla fine disse Grace, il suo respiro inizia a tornare alla normalità. Sostenendosi sui gomiti, ha permesso allo specchio di tornare alla sua posizione originale, notando un enorme imbrattato di succo di fica sul vetro. Mio Dio, ho schizzato? Ho davvero schizzato! Grace rise e saltò giù dal letto. La prima volta in assoluto! Accidenti, ce n'era un sacco. Grace afferrò un tessuto e iniziò a pulire il vetro "Ugh Gross". Mormorò, pur essendo segretamente molto contento di se stessa.

Max la stava aspettando quando bussò alla porta. “Ah, grazia. Vieni dentro ", ha detto Max Rising per salutarla. “Mi dispiace davvero per ieri sera. Spero che non ti abbiamo scioccato troppo. Mi rendo conto che questo può essere molto da prendere. "

"Ero un po 'scioccato" rispose Grace in verità. Molto scioccato, pensò tra sé. Decise di non menzionarlo sfregandosi contro di lei.

"Ho capito. Per favore prendi posto." Fece un cenno alla sedia davanti alla scrivania e Grace si sedette. “Ora Grace. Ci sono due cose che volevo discutere con te oggi. Il primo di questi sono i tuoi piani per mio figlio ”.

"Bene", iniziò Grace. “Pensavo che avrei iniziato venerdì, intendo domani, e iniziare mettendolo una serie di test per avere un'idea della sua capacità. Una volta che so dove si trova accademicamente, posso personalizzare un programma educativo, per portarlo all'Università di sua scelta. "

"La mia scelta. Grace, la mia scelta. " Max corretto. “Voglio che prenda il mio posto nel consiglio di amministrazione di Dexchem. Questo mi permetterà di perseguire i miei interessi sulla terraferma e tenere d'occhio il mio business dei bisnonni. Avrà bisogno di buoni voti grazia. "

"Conosco Max", disse Grace. “Ha la mia piena attenzione. Sono sicuro di poterlo portare lì. "

"Ho ogni fiducia in te." Continua max. “Lo avevo mandato in una scuola privata sulla terraferma, ma dovevo ritirarlo alla fine dell'ultimo periodo. Aveva, come posso dirlo? Un'indiscrezione con una delle insegnanti femminili. Mi è costato un sacco di soldi per tenerla tranquilla. "

Santo cielo. Grazia pensato.

“La seconda cosa che volevo discutere è la mia prossima festa. Prendo che Sue ti abbia menzionato. "

"Sì, è una festa sessuale", ha detto Grace senza mezzi termini.

Max tossito, sorpreso dalla sua onestà. "SÌ. Ci saranno bere e ballare, ovviamente, per lo più una sera, e ho diverse attività ed escursioni in programma per il giorno per coloro che desiderano partecipare. Ovviamente sei il benvenuto per essere coinvolto tanto o quanto vuoi, ma sospetto che le attività serali non siano per te. "

"No non per me Max, ma sarò felice di socializzare con i tuoi ospiti altre volte."

“Questa sarà una grande grazia. Mi aspetto circa 150 ospiti in totale e andranno e andranno tra ora e martedì. Ci saranno nudità e scene di natura sessuale, come si dice nei film. Potenzialmente in qualsiasi momento. I vestiti sono sempre opzionali in questi incontri. Jason si unirà a noi questa sera, ma mi assicurerò che sia disponibile per te domani mattina. "

Sono caduto nei box dell'inferno, ho pensato alla grazia.

"Inoltre, grazia." Continua max. “Tutti gli uomini che saranno presenti, sono membri del mio cosiddetto club e hanno preso la mia droga. Ciò significa che saranno piuttosto ben dotati e avranno appetiti sessuali grandi ed espansivi, quindi per favore non essere troppo scioccato da ciò che potresti vedere. "

Grace arrossì graziosamente a questo, qualcosa che non passò inosservato a Max. Max decise di alzare un po 'l'ante. “Hai una fantastica grazia del corpo. Un corpo che è assolutamente costruito per il sesso. Lo sapevi? Qualcuno te lo ha mai detto prima?"

Grace tossì, sentendo il calore che si alza nelle sue guance. "No certo che no. Tendo a indossare cose larghe, sai, a nasconderle. " Grace le indicò il seno. Grace sentì i suoi capezzoli crescere fastidiosamente mentre la conversazione divenne sessuale. Cosa diavolo non va in me? Lei ha pensato.

“Mai e poi mai nascondere la grazia. Tira indietro le spalle. Spingerli fuori. Ora coppa le tue mani, enfatizzali. "

Grace ha fatto esattamente come le è stato detto, poi improvvisamente realizzando cosa stava facendo, ha immediatamente lasciato cadere le mani in grembo.

“Grace che quelle tette dovevano essere fottute. Fatto per gli uomini per lo spunk. Avrai un momento molto migliore qui se imparerai ad allentare un po '. "

"Sto perfettamente bene come lo sono, il signor Dexler." Disse Grace improvvisamente indigna. Non mi sono mai prostituito a un uomo, e sicuramente non lo farò questo fine settimana. Non ho molta esperienza sessualmente, ma so abbastanza per sapere che i seni non possono essere fottuti. "

"Non sei assolutamente adorabile." Sorrise Max rilassandosi sulla sedia. Grace si agitò a disagio sulla sedia. Max continuò. “Le persone a questo evento, maschio e femmina che potrei aggiungere, saranno abbastanza interessate a te come non ti hanno visto prima. Alcuni quasi sicuramente ti colpiranno. Lo prendo, puoi prenderti cura di te stesso. "

Max la stava osservando con un po 'di divertimento. Sta giocando con me. Pensò la grazia, sentendosi arrabbiarsi. "Max, l'ultimo ragazzo che l'ha provato, portava le palle in tasca per una settimana." Una bugia. L'ultimo ragazzo che l'aveva provato, lei era scappato.

"Eccellente!" Rise max. “Sapevo che avevi Spunk. Ma temo che non sia un'opzione grazia. Vedete, queste persone sono la mia famiglia, amici e soci in affari. Sentiti libero di rifiutarli, ma sarai sempre cortese, educato e rispettoso. Capisci?"

«Certo, Max. E se desidero camminare in topless, allora posso. "

Max rise di nuovo. “Fammi sapere se lo fai e comprerò un biglietto. Potrei prenderne uno anche per Jason. "

"Mi dispiace se ne sono andati tutti" disse Grace sorridendo.

8

Il resto del pomeriggio è stato senza incidenti per la grazia. Ha fatto la doccia e ha trascorso gran parte del tempo nella sua stanza preparando domande per Jason il giorno seguente. La gente era arrivata quasi tutto il pomeriggio, in barca e in elicottero, e Grace era spesso disturbata dalle persone che venivano mostrate rumorosamente nelle loro stanze. La casa era diventata viva, con il suono delle passi costantemente fuori dalla sua porta. Grace ha messo le cuffie e si è concentrata sul suo lavoro.

Max e Lavinia erano a disposizione per salutare i loro ospiti quando arrivavano. "Hai drogato la cagna oggi Max?" Chiese Lavinia.

Max sorrise. “Avevo cuoco messo un po 'nel suo pranzo. È fantastico quando puoi semplicemente aggiungerlo alle cose, non è. Penso che Jason potrebbe essere in una giornata molto interessante domani. "

“Insapore e inodore. È il droga perfetto Max. La darai a Jason, pensi? "

"Penso di sì." Ha detto Massimo. “Non ha mai avuto vergine. Sarà un'esperienza interessante per lui.

"Tutti e tre i buchi?"

"SÌ. In ogni ordine sceglie. Quindi dovrò seguirlo e allungarla un po ', prima di darla ai nostri ospiti. "

“Delizioso.” Disse Lavinia. “Sai che se avessi avuto il mio massimo, avrei preso a calci la porta e la trascinavo urlando giù per le scale, prima di gettarla ai lupi. Lascerei che scopi tutti i suoi buchi contemporaneamente. "

“So che vorresti Lavinia. Ecco perché sto gestendo questo e non te. Lo prendo, ricordi ancora cosa è successo all'ultima ragazza che abbiamo avuto qui? "

"Silly Bitch si è uccisa."

“Non si è uccisa. Annegò cercando di nuotare sulla terraferma. Sono 5 miglia di acqua aperta. E perché ha fatto quella lavinia? "

“Il farmaco non era giusto Max e tu lo sai. Le mandò noci. Non poteva affrontarlo. "

“Era il fottuto banda di gang con cui non riusciva a far fronte. Che cazzo ti ha fatto pensare che fosse una buona idea? "

“Dai Max, sai come era solito flirtare. Ho pensato che una volta che è iniziata ci sarebbe entrata. "

"L'hai completamente fottuta Lavinia." Ha detto Massimo. “Fortunatamente il suo corpo è stato troppo gravemente decomposto perché la polizia scoprisse cosa le era successo prima della sua morte. Siamo stati dannatamente fortunati lì. "

"Che eravamo." Concordò con cura Lavinia.

Grace ha partecipato al buffet di sera con trepidazione. La metà si aspettava di combatterli con un bastone, Grace è stata sollevata nel ritrovarsi in gran parte ignorato. Max e Lavinia erano i padroni di casa perfetti, slittando da ospite a ospite, mentre Jason non si vedeva da nessuna parte. Ci sono certamente soldi qui pensavano che la grazia guardasse nella stanza. Gli uomini erano immacolati in abiti da cena, mentre le donne indossavano una varietà di abiti, tutti costosi e tutti mostravano una certa scissione. Grace sapeva di essere di gran lunga la donna più dowddy nella stanza, indossando lo stesso abito conservatore che aveva indossato la sera precedente. Sembrava esserci un surplus di donne, la grazia del pensiero, sorpresa. Pensava strano che Max avrebbe saputo più donne degli uomini, e perché una donna dovrebbe arrivare a un evento come questo non accompagnato?

"Ah, grazia." Disse Max camminando verso di lei. “È contento che tu possa farcela. Pensavo che avresti potuto essere un po 'impegnato stanotte preparare le cose per domani. "

"Ero un po 'max" confessò Grace, "ma avevo fatto la maggior parte della mia preparazione sull'aereo e avevo un po' affamato." Grazie la curiosità ha avuto la meglio su di lei. “Spero che non ti dispiaccia che io chieda a Max ma chi sono tutte queste donne. Ragazzi, sembrate essere un po 'più numerosi. "

Max rise, "Questa è la grazia di intrattenimento".

"Vuoi dire che sono ballerini." Chiese Grace confuso.

Incredibile. Pensiero Max. “Sono puttane grazia. Prostitute. Signore della notte. "

"Santo cielo." Disse Grace sorseggiando il suo drink. "Sembrano così normali."

“Queste non sono le tue puttane medie, grazia. Non troverai nessuna di queste ragazze che camminano per le strade. Mi hanno costato una fortuna assoluta per portarli qui, ma queste persone devono essere intrattenute. Oh, e ciao la strada. " Disse Max come ripensamento. "Potresti voler ritrovare Lavinia, ha qualcosa per te."

Se Lavinia mi vuole, può essere dannatamente ben trovarmi. Pensava grazia amaramente.

Grace rimase abbastanza a lungo da essere educata, poi la fece tornare nella sua stanza.

Grace era appena arrivata in cima alla scala, quando sentì Lavinia chiamarla dal basso.

"Adornare! Grace Darling! " Grace trasformò la sua smorfia in un sorriso e si voltò per affrontarla. "Grace, ho un pacco per te." Gushed Lavinia, arrampicandosi le scale per incontrarla. “Alcuni vestiti nuovi cari. Hai seriamente bisogno di un aggiornamento. Se parteciperai alle nostre piccole feste, devi guardare la parte. I vestiti che hai, sono piuttosto sfortunati. "

Grace sospirò pazientemente. “Lavinia, ho tutti i vestiti di cui ho bisogno. Non ho davvero bisogno che tu acquisti vestiti per me. "

“Ragazza senza senso. Quel vestito è positivamente pre-arco. Dove diavolo l'hai preso. Una vendita di jumble? Avrò inviato il pacco nella tua stanza. "

Grace guardò mentre Lavinia si abbassava di nuovo giù per le scale per unirsi alla folla. Stanca di preoccuparsi di chiedere da dove avesse ottenuto le sue dimensioni, Grace tornò nella sua stanza e fece scivolare un accappatoio per una doccia, portando con sé la sedia.

Dopo la sua doccia, Grace tornò nella sua stanza per trovare un pacco grande, pesantemente registrato sul suo letto. Incuriosito, la grazia ha tagliato il nastro e versato il contenuto sul letto. "Mi stai prendendo in giro." Disse Grace scioccato. "Mi stai assolutamente prendendo in giro."

9

Grace si precipitò giù per la scala nel nulla, ma un accappatoio si legava strettamente intorno alla vita. Ignorando gli sguardi dagli ospiti assemblati, Grace si diresse dritto per Max. Max, vedendo Grace, la incontrò a metà strada. “Grace, che cazzo indossi. Questo è difficilmente appropriato. "

“Sono vestito così per un fottuto motivo Max. Dove è lavinia. " Disse Grace rabbiosamente.

Max guardò nervosamente nella stanza. “Err, non sono sicuro. La troverò. " Max prese la grazia dal gomito e la introdusse rapidamente nella direzione dello studio. “Grace per favore, aspetta qui. Tornerò. "

Grazia di arrabbiarsi per sedersi, camminò nella stanza. Pochi istanti dopo Max entrò con Lavinia.

"Ok Grace", iniziò Max. "Ciò che è così importante che hai sentito il bisogno di mettermi in imbarazzo davanti ai miei ospiti."

"Imbarazzati!" Disse Grace incredulo: "Dove sono le mie fottute cose Max! Cosa hai fatto con i miei vestiti! "

"Sono nell'inceneritore, riscaldando la casa." Disse Lavinia Icly. “Erano dowdy e semplici. Dovresti essere felice di liberarti di loro. "

"Come osi!" Gridò grazia, facendo alcuni passi minacciosi verso di lei. "Erano le mie cose." Le lacrime stavano arrivando prontamente ora.

Max si mosse per stare tra loro, creando una zona cuscinetto tra Grace e Lavinia. "Grace, mi dispiace così tanto." Teneva le mani davanti a Grace placamente. "Onestamente, non ne sapevo nulla." Quindi rivolgendosi a Lavinia. "Lavinia che cazzo?"

"Mi dispiace Max." Disse Lavinia apologicamente. “Ma i suoi vestiti erano una vergogna. Ora ha un bel nuovo set di vestiti. Molto di più in linea con quello che facciamo qui. "

"Sono disgustosi Max", ha detto Grace che si asciugò le lacrime sulla manica. “Sono osceni. Sono come qualcosa da un negozio fetish. Non posso indossarli. "

"Va bene la grazia calmarsi." Disse delicatamente Max. “Non possono essere così male. Perché non li provi e vieni a mostrarmi. "

"Non potresti venire nella mia stanza e vederli." Grace supplicata. “Non voglio che qualcuno mi veda in loro. E non c'è biancheria intima. Niente reggiseni, mutandine, niente. " L'ultimo commento è stato diretto a Lavinia, che ha scrollato le spalle con nonchalance.

"Devono essere sulla prossima barca."

"Mi dispiace grazia." Non potrei lasciare il pavimento adesso. " Ha detto Massimo. “Le cose stanno appena iniziando a diventare interessanti e i miei ospiti si aspetteranno che io sia lì. Se vuoi che li veda, allora indossali. E un'altra cosa." Disse dirigendosi verso la porta. "Perdi la veste."

Grace quasi tornò nella sua stanza e spinse rapidamente la sedia sotto la maniglia della porta. Max aveva ragione, le cose stavano diventando interessanti. Grandi materassi erano stati gettati sul pavimento, insieme a tappeti e cuscini. La maggior parte delle donne erano ora in vari stati di spogliarsi, con uomini che accarezzavano apertamente il seno. Una donna in abito da sera era in ginocchio di fronte a un uomo, ma Grace non poteva vedere cosa stava facendo. Un uomo prese una grazia mentre passava, ma si distorceva rapidamente e le risate dell'uomo la seguirono la lunga scala.

Grace sapeva che non poteva mai tornare indietro indossando ciò che Lavinia aveva acquistato per lei. Le cose stavano sfuggendo di mano laggiù e sapeva che sarebbe stata sicuramente aggredita se non violentata dagli uomini in quella stanza. Decise di provare a risolverlo domani e iniziò a esaminare i vestiti in modo più dettagliato, per cercare di trovare qualcosa di remoto adatto per insegnare a Jason al mattino.

Max e Lavinia sono rimasti nello studio un po 'più a lungo. “Seriamente, Lavinia. Era davvero necessario bruciare i suoi vestiti?

“Era Max. Se li avesse tenuti, avrebbe continuato a indossarli, e questo è inaccettabile. Ora non ha altra scelta che indossare ciò che ho comprato per lei. "

"E la biancheria intima mancante?" Max interrogato.

Lavinia rise. “Non esiste una biancheria intima mancante Max. Non ne ho ordinato nessuno. Le sue tette sono alte e sode e si siedono splendidamente sul petto. Non ha bisogno di un reggiseno. E per quanto riguarda le mutandine, riesce a farne senza di loro per alcuni giorni. "

Max sorrise. "E i suoi vestiti sono osceni come dice?"

“Sì, Massimo. Se sembra calda, si sentirà sexy. E non è così perché siamo qui? " Sorrise lavinia.

10

La mattina arrivò troppo in fretta per Grace e si allontanò dal letto dopo un sonno irrequieto. La festa proseguì fino alle prime ore con molte risate e l'urlo occasionale, facendo eco al corridoio fuori dalla sua stanza. Dopo una rapida doccia, Grace ha selezionato una minigonna rossa con una certa larga sul retro e un bordo pieghevole. Coprendo a malapena il suo cavallo, Grace notò che se allungava le braccia sopra la testa, la gonna si sollevò sulla parte posteriore esponendo le tratti inferiori del suo culo.

La camicetta era un po 'migliore. Bianco con maniche lunghe, aveva solo tre bottoni con il più alto fissaggio appena sotto la gabbia toracica, lasciando in mostra un'enorme distesa di carne di tit. Il suo seno contenuto solo dal tessuto puro.

Esaminandosi allo specchio, Grace sapeva che aveva un bell'aspetto. Gambe lunghe ben muscolose, portando a fianchi larghi e vita stretta, e poi quelle tette. Oscene come i suoi vestiti, ha dovuto ammettere che hanno mostrato il suo corpo al massimo effetto, e con un paio di scarpe con tacco alto con un cinturino avvolgente, per completare l'aspetto, sembrava una troia completa. Notò con improvviso allarme che i suoi capezzoli erano diventati eretti e stavano spingendo contro il sottile materiale della sua camicetta, chiaramente visibile. Merda, merda, merda, pensiero grazia, cercando invano, per respingerli, solo per trovarli gonfiabili più grandi e più arrabbiati di prima. Non c'è tempo, ha pensato di afferrare le sue cose. Entrò con cautela nel corridoio, prima di farsi strada rapidamente verso la stanza assegnata a lei per l'insegnamento.

Grace arrivò un po 'presto e fu contenta di essere soli nella stanza. Ha esposto i documenti di prova nell'ordine in cui desiderava che fossero completati e li metteva ordinatamente sulla scrivania di Jason insieme a penne, matite e gli altri accessori che avrebbe richiesto. C'era una grande lavagna, carta e libri di esercizi, sparsi per la grande stanza e Grace si chiedeva se fosse stata preceduta da un altro insegnante.

Muoversi nella stanza Grace era immensamente consapevole del fatto che i suoi capezzoli si stavano sfregando liberamente contro il materiale grossolana della sua camicetta, e i suoi capezzoli erano ora punti sensibili di prelibatezza, inviando un brivido quasi costante attraverso il suo corpo. In realtà sono bagnato la grazia del pensiero. Sapeva che se questo livello di stimolazione alle sue tette continuasse, avrebbe raggiunto l'orgasmo proprio lì in classe. Fuzzi profondi, grazia con respiri profondi, pensò a se stessa, volendo rilassarsi.

I suoi capezzoli erano diventati sempre più sensibili negli ultimi giorni con il gonfiore e la sensibilità che ora si diffondono al tessuto circostante. Il suo clitoride, aveva notato, appariva un po 'più ampio e più spesso, e ora stava sbirciando senza vergogna tra le labbra grasse e arrotolate del suo sesso. Non ha mai fatto prima, ha pensato a se stessa.

Grace si agitava intorno alla lavagna, quando un dolce bussare alla porta attirò la sua attenzione.

"Ciao Grace." Disse Max lasciandosi entrare. "Volevo solo vedere come stavi andando avanti."

Grace sorrise, immediatamente autocosciente. “Oh, sto bene max. Sto solo preparando. "

Il mio dio pensava Max. È assolutamente fottutamente sbalorditiva.

"Mi dispiace davvero per questo massimo." Disse Grace indicando i suoi vestiti. “È il meglio che potrei fare. Questo è il tipo di roba che Lavinia pensa che dovrei indossare. È orribile. Domani andrò sulla terraferma e comprerò un po 'di usura rispettabile. "

"Penso che non Grace" disse Max appoggiandosi casualmente contro la sua scrivania. “Non puoi andare sulla terraferma. Ci sono alcune persone molto cattive. "

Accidenti, Think Grace. Non ci avevo pensato.

"E inoltre." Continua max. "Penso che sembri perfetto così come sei." Gli occhi di Max la divorarono completamente. E Grace era un po 'entusiasta conoscendo l'effetto che aveva su di lui.

"Beh, forse se ho dato un po 'di denaro

"Non ne sentirò la grazia. Adesso abbastanza di questa assurdità. " Max interrotto.

"Per favore, Max." Grace supplicata. “Non riesco a indossarlo. Tutti mi fissano. "

“Ma questo è il punto. Gli uomini dovrebbero fissarti. E dovresti voler mostrarti a loro. Fai loro desiderare la grazia. "

Max si era mosso per stare direttamente dietro Grace. Poteva sentire l'odore della sua colonia e sentire il respiro sulla parte posteriore del collo.

"Ma non voglio che mi vogliano max." Ha detto in modo poco convincente.

"Certo che lo fai." Respirò, vicino all'orecchio.

Grace si è bloccato. Le stava toccando la parte posteriore della gamba? Le sue dita trascinavano delicatamente la parte posteriore delle cosce, un dito che si muoveva verso l'interno toccando la sua coscia interna a pochi centimetri dalla sua fica fissata.

"Per favore, Max, non." si sentì dire. Le sue cosce tremavano mentre sentiva che le dita si muovevano sempre fino a quando non si stavano prendendo a coppa la guancia del suo culo. Grace non potrebbe muoversi. Stava affrontando la lavagna e ogni tentativo di girarsi avrebbe portato le dita di Max a diretto contatto con la sua fica.

“Vuoi questa grazia. Lo so." Sussurrato max.

"Voglio rimanere vergine." Disse Grace, improvvisamente paura.

"Ma non voglio che tu rimanga una grazia vergine." Ha detto Max piano. Voglio sentire la tua fica stretta avvolta attorno al mio cazzo. Voglio sentire che ti prego di scoparti. "

"Voglio rimanere vergine." Grazia ripetuta.

Un dito viaggiò insidiosamente lungo la fessura del suo culo. Spingendo verso l'interno con la pressione più delicata. In basso e inferiore andò, passando il suo buco del culo e Max fu felice di trovare un po 'di umidità tra le labbra della sua fica. “Non ci credo. Sei fottutamente gocciolante. " Mormorò.

"Questo è abbastanza max!" Gridò grazia, tornando con rabbia. Potrei essere vestito come una delle tue troie, ma non apprezzo essere trattato come uno. "

Max sorrise. "Addio grazia." Disse, mentre lasciava la stanza.

Grace ebbe poco tempo per comporre se stessa, perché poco dopo che Max era partito, Jason entrò nella stanza.

"Ciao Miss Grace." Disse allegramente e poi si fermò sulle sue tracce. "Wow, mi manchi sembrare ..."

"Nudo, fottutamente, una troia!" Che è Jason! " Scattò la grazia improvvisamente.

"NO. Voglio dire, come davvero carino. " Jason si incastrava nel suo posto come un cane montato e Grace si pentiva all'istante che gli sfuggì. Non era colpa sua se aveva un pervertito per un papà.

“Mi dispiace Jason. Finora ho avuto una mattina piuttosto povera. E nel caso ti stavi chiedendo, normalmente non mi vesto così. Questi non sono i miei vestiti. "

“Conosco Grace. Voglio dire, signorina Grace. È lavinia non è? "

“Sì Jason. E puoi lasciare la signorina. Grace sta bene. "

“Penso che ci sia qualcosa che non va nella sua signorina Grace. Lei è pervertita o qualcosa del genere. Penso che sembri davvero carino nelle tue cose normali. " Grace si voltò rapidamente sulla lavagna, le lacrime le pungevano gli angoli degli occhi.

"Grazie Jason, penso anche io."

"Hai davvero max?" Chiese Lavinia nello studio. "Hai davvero accusato la sua fica?"

"Bene un po '." Ha detto Massimo. “Avevo un dito intorno alle labbra. Ma ti dico questo Lav, era decisamente bagnata. E le sue punture erano come proiettili. "

"Funziona Max." Disse Lavinia eccitato. “La stiamo trasformando. Ho mandato Jason su un incantesimo offensivo. Le sta dando il ragazzino perso. "

"Brillante." Ha detto Massimo. "E quante coppie di mutande si è fatto strada con quel piccolo atto?"

"Bene, il mio per cominciare." Disse Lavinia. “E molti altri. Quando ha finito con lei, penserà che sia la migliore amica che abbia mai avuto. "

"Sì, è intelligente, glielo darò." Max concordato.

“Massimo. Ho pensato. Perché non la scopi? Jason può sicuramente fare il lavoro. Ma voglio vederla strappata al massimo. Jason è bravo, ma gli manca di finezza. "

"Divertente, ma ho pensato alla stessa cosa." Aggiunto Max. "Ma voglio che mi preghi per primo."

La mattina passò rapidamente per Grace e Jason. Jason era studioso e lavorava sodo per i suoi test e fece tutte le domande giuste, e dopo una volta Grace si ritrovò a rilassarsi in sua compagnia, dimenticandosi persino della gonna che cavalcava quando doveva raggiungere la gomma della lavagna. Jason se ne andò a notare il seno ma era abbastanza educato da distogliere lo sguardo quando lo prese a sbirciare. E nonostante se stessa, si è trovata molto a piacerlo. Aveva un'ovvia antipatia per Lavinia, sentendo che lo usava solo per il sesso, tra le feste, e sembrava disperato di uscire dalle droghe che suo padre gli stava dando. Non vedeva l'ora di entrare all'università e iniziare una nuova vita, e Grace ha promesso di aiutarlo in ogni modo che potesse. Fu anche veloce con un complimento e lei lo trovò molto gentile e rispettoso.

E così, ha scioccato la grazia e la ha congelato al centro, quando le ha chiesto di masturbarlo.

“Per favore, grazia ne ho davvero bisogno. Sono le mie palle. " Gridò, tenendosi tra le gambe.

"Giasone." Disse Grace sembra preoccupata. "Vai da qualche parte e, sai, allevia te stesso."

"Non riesco a perdere." Pianse Jason ora i

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.