Mamma torna in forma

903Report
Mamma torna in forma

"Possiamo parlare un secondo?" mi chiese mia madre mentre guardavo la partita di football. "Ho bisogno di un favore da te."

I miei occhi erano ancora incollati alla TV. "Certo, ma può aspettare fino a tardi? Questo gioco è quasi finito."

Prese il telecomando e spense la tv.

"Ehi! Lo stavo guardando!"

"Puoi leggere i risultati online o vedere il replay al telegiornale, comunque non vedo davvero quale sia la differenza", ha risposto severamente.

"Bene, cosa posso fare per te mamma?"

Sollevò il fondo della sua maglietta per rivelare uno stomaco morbido e sinuoso. Aveva partorito un anno prima che l'aveva lasciata con una forma decisamente femminile. All'epoca avevo 18 anni e suo figlio maggiore. Lei, a 42 anni, era ancora splendida come sempre, nonostante quello che pensava del suo nuovo tronco.

Essere in forma ha sempre significato molto per lei. Aveva ancora un corpo in forma, costruito con la corsa su lunghe distanze e tanto yoga nella sua camera da letto. Le sue braccia e le sue gambe sembravano ancora toniche per una donna della sua età, o di qualsiasi età. Il peso extra che ha messo su la infastidiva davvero mentre lo toccava.

"Questo è quello che puoi fare per me," replicò lei, punzecchiandosi la pancia ancora un paio di volte. "Ho ripreso le mie energie dal parto e desidero disperatamente tornare in forma. Non è facile alla mia età. Pensi di poter aiutare tua madre a spingere tua madre con una buona routine di allenamento e un po' di motivazione? Abbiamo ancora Ho un sacco di vecchie attrezzature da palestra in garage che potremmo usare."

"Mamma, sei troppo dura con te stessa. Stai benissimo così come sei. Dico sul serio."

"Grazie, ma amo ancora essere in forma finché posso ancora farlo. È una sana ossessione, direi."

Le ho rivolto uno sguardo scettico. "Sarebbe un po' imbarazzante, non credi? Sai, con me che ti devo guardare mentre fai ripetizioni con i pesi e tutto il resto. Perché invece non vai in palestra? Hanno tutte le migliori attrezzature , senza contare che hanno personal trainer abituati a trattare con donne della tua età... senza offesa mamma."

"Le palestre oggi sono così affollate", ha schernito. "Inoltre, sai quanto sono un maniaco della pulizia. Tutte le macchine e gli armadietti devono essere ricoperti di germi e batteri; l'ho letto al telegiornale."

"Sul serio? Sono passato davanti alla palestra del centro commerciale ed era pieno meno della metà. Inoltre sembrava immacolato. Al giorno d'oggi ci sono anche molte normative sulla pulizia. C'è gel antibatterico dappertutto."

Sospirò. "Se vuoi il vero motivo per cui non voglio più andare in palestra, è perché è piena di miei studenti, e l'ultima cosa di cui ho bisogno è che mi vedano allenarmi. E soprattutto non voglio nessuna delle mie future o ex studentesse che mi vedono nuda mentre sono negli spogliatoi".

"Credo che abbia senso."

"Allora cosa succederà, signore?"

"Beh, sembra che io non sia in grado di discutere con te", ho risposto.

"No, non lo sei di certo," disse con le braccia incrociate e uno sguardo severo.

"Okay, inizieremo quando sarai pronto. Cercherò di pensare a una routine che sarebbe perfetta per te. Non troppo facile. Non troppo difficile. Giusto."

Un grande sorriso è apparso sul suo viso e si è chinata per abbracciarmi. "Grazie! Sapevo che l'avresti vista a modo mio. Inizieremo domani dopo che avrò comprato qualcosa di adatto da indossare."

***

E così iniziò; ogni tanto io e mia madre ci incontravamo nell'area all'aperto del nostro garage per allenarci. È iniziato abbastanza semplice, con lei che indossava pantaloni della tuta e un maglione sottile. Le ho fatto fare esercizi di base per cominciare, come un riscaldamento sulla cyclette, seguito da sollevamento pesi e stretching. Oppure passeremmo l'intera sessione a fare rigorosamente cardio.

E col passare del tempo, mesi e mesi, la sua forma fisica è progredita con disinvoltura e così anche la fiducia che aveva nel suo già bel corpo. Ha iniziato a indossare pantaloni stretti di spandex insieme a maglioni più aderenti sopra. E le ho fatto fare più esercizi intermedi per andare avanti con tutto questo.

Ha sempre voluto ringraziarmi con tutto il cuore dopo ogni allenamento perché aveva ancora pensato che essere il suo "personal trainer" fosse ancora un vero freno per il mio tempo. Ma quello che non sapeva, e quello che ovviamente non volevo dirle, era che stavo iniziando a godermi le nostre sessioni molto più di quanto non lasciassi credere. È una di quelle cose in cui non sai come succede, ma semplicemente succede. Forse aveva a che fare con il fatto che ci siamo avvicinati ancora di più con il tempo extra che abbiamo passato insieme. O forse aveva a che fare con quanto fosse bella e vivace ogni volta.

***

"Ecco, un'altra ripetizione!" Ho urlato di incoraggiamento mentre mia madre finiva le sue file di manubri.

Quando ebbe finito lasciò cadere i pesi e strinse le braccia come le avevo insegnato, per alleviare la tensione.

"Uff!" sospirò, respirando pesantemente. "Ultimamente hai davvero intensificato questi allenamenti. Dio, sono esausto, ma mi sento benissimo. Non credo di essermi allenato così tanto anche quando facevo sport al college".

"Beh, è ​​solo perché stai migliorando così velocemente e la tua resistenza continua a migliorare. Sei un vero naturale in questo."

Sorrise e sollevò il braccio per flettere il bicipite attraverso i vestiti. "Grazie. Immagino che la nostra famiglia abbia dei buoni geni."

"Se è così, faremo meglio a sbrigarci e finire quest'ultima parte del tuo circuito mentre il tuo battito cardiaco è ancora alto", dissi, indicando la panca da allenamento per farle fare le sue distensioni con i manubri. "In questo modo ottieni risultati migliori".

"Aspetta un attimo, questo maglione mi sta uccidendo."

Mia madre si voltò casualmente per togliersi il maglione sottile e lo mise ordinatamente su un tavolo vicino. Rimase in piedi nel suo reggiseno sportivo e bevve un sorso dalla sua bottiglia d'acqua, completamente ignara del fatto che fossi in soggezione davanti al suo corpo scolpito. I miei occhi si guardarono rapidamente intorno ai rivoli di sudore che luccicavano sulla sua parte inferiore e superiore della schiena, sulle spalle e sulle braccia. E dopo aver finito il suo drink, si è girata di nuovo per concentrarsi di nuovo sul suo sollevamento pesi e ho spostato gli occhi più velocemente che potevo.

"Oh, scusa l'abbigliamento", ha detto mia madre, alludendo al fatto che mi ha sorpreso a guardarla. "Mi sento un po' surriscaldato. Inoltre mi sento più sicuro di indossare qualcosa di simile, ora che sono più in forma".

"Lo vedo. Stai benissimo! Voglio dire, non mi dispiacevano quelle curve di prima; le curve sono sexy. Ma il tuo corpo sembra così diverso ora."

"Grazie!" sorrise, guardando in basso e accarezzandosi lo stomaco. "Devo tutto a te."

"Puoi ringraziarmi colpendo questi pesi."

Non avevo più bisogno di darle molte istruzioni mentre si piegava per prendere un set più pesante di pesi liberi e si sdraiava sulla panca per fare le sue distensioni con i manubri. Come al solito, ho contato le ripetizioni per lei e mi sono assicurato che la sua forma fosse perfetta.

Ma per la prima volta, la vedevo fare un esercizio così faticoso con lei che indossava un piccolo top. I miei occhi erano affascinati dalla vista dei suoi tricipiti e delle sue spalle che si flettevano. Ma più di ogni altra cosa, vedere i muscoli del suo petto iniziare a flettersi mi stava eccitando molto. E vedere i suoi seni spremuti nel suo reggiseno sportivo wow.

Quando ebbe finito, si mise a sedere per mettere i pesi sulle cosce, fece un respiro veloce e poi posò i pesi in modo da poter prendere più acqua. I miei occhi sembravano avere una mente propria mentre vagavano per il suo corpo sudato. E ancora una volta, ero troppo lento per distogliere lo sguardo mentre mia madre mi guardava.

Si mise le mani sui fianchi e sorrise. "Mi stavi solo controllando?"

"Cosa?! Certo che no! Non so perché diresti una cosa del genere."

"Sei sempre stato un terribile bugiardo", disse con un sorrisetto. "Dai, da quando mi sono tolto quel maglione ho notato che controllavi il mio corpo. Ho anche notato che mi fissavi il petto mentre stavo facendo l'ultimo set."

"Mi sono offeso", dissi con coraggio, ma in modo mezzo scherzoso. "Mi hai chiesto di aiutarti ad allenarti e quando controllo i tuoi progressi vengo accusato di essere inappropriato."

"Buon punto. Ma che dire di quello sguardo che ti ho visto lanciarmi quando mi sono voltato dopo aver bevuto quel sorso d'acqua, o che mi fissavi il petto mentre facevo quelle pressioni, o..."

"Bene... mi hai beccato," risposi, sentendomi un po' imbarazzato. "Stai davvero bene con quel top. Ecco, l'ho detto. Felice ora?"

Le sue sopracciglia si alzarono e stava chiaramente trattenendo le risate. "Sai, è esattamente quello di cui avevo paura. Non volevo farti distrarre dalle cose. Ecco perché ho sempre tenuto quel maglione addosso, non importa quanto mi sentissi caldo. Inoltre, ho appena comprato questo reggiseno sportivo di recente, e prima avevo solo una t-shirt sotto. I miei capezzoli sarebbero stati una distrazione incredibile, dato che dopotutto sono ancora una donna che allatta".

"Oh... sentirti dire che mi fa desiderare che tu fossi invece con la tua t-shirt."

"Uomini... siete tutti così prevedibili", disse con una risatina. "Spero solo che il tuo piccolo fascino per le mie tette non ti distragga dai nostri allenamenti in futuro. È molto più comodo indossare un reggiseno sportivo".

"Se continui a indossare vestiti del genere, non posso dare alcuna garanzia", ​​ho risposto con umorismo.

Avvolse le dita intorno all'estremità inferiore del reggiseno sportivo e lo tirò rapidamente verso l'alto per espormi i suoi seni nudi. E intendo tutto. Le sue tette e capezzoli sudati erano in bella mostra.

"Ecco, puoi smettere di chiederti che aspetto hanno ora", ha detto, come per dimostrare che ero totalmente immatura sulle parti del suo corpo. "E spero che tu possa dare una buona occhiata perché non li vedrai più. Quindi toglilo dal tuo sistema."

Stavo decisamente riempiendo gli occhi, guardando ed esaminando i suoi seni mentre erano fuori. Erano rotonde sul fondo, pendule e pendevano un po'. Non stava scherzando quando ha menzionato la parte dell'allattamento perché i suoi capezzoli e le sue areole erano gonfie.

Sembrava anche che ci fossero liquidi extra intorno ai suoi capezzoli, e non era sudore. Era sempre una leggera sfumatura di bianco.

Quando ha sentito che ne avevo abbastanza di uno sguardo, ha tirato giù il suo top per coprirsi ancora una volta.

"Dio... hai appena fatto la mia settimana," le dissi, quasi senza parole.

"Sono contento."

"Era, ummm, il latte che gocciolava?"

Lei annuì. "Tutte le spinte e le tirate che ho fatto hanno fatto sì che il mio seno esprima un po' di latte. È stato così da quando abbiamo iniziato a sollevare pesi maggiori. Non volevo menzionarlo prima. Ed è il motivo per cui ho comprato il reggiseno sportivo , così i miei vestiti non si macchiano intorno al seno durante l'esercizio."

"Sarebbe piuttosto distratto."

"È qualcosa di cui si occupano segretamente le donne che allattano. Non parlarne più e non parlarne a tuo padre. Ora, se non è troppo imbarazzante, ho ancora bisogno del tuo aiuto per lo stretching post-allenamento".

Si è sistemata la parte superiore ed è tornata al lavoro.

***

Per quanto sia stato difficile, non ho mai sollevato il fatto che mi ha mostrato brevemente il suo seno per "ricompensarmi" per averla aiutata a causa di quanto fosse severo il suo avvertimento. Non volevo rischiare di farla arrabbiare e far finire il nostro tempo privato insieme.

Ma allo stesso tempo, non era ignara del fatto che ammiravo il suo corpo. Quando abbiamo cenato quella sera, indossava una maglietta molto più piccola di quella che indossava normalmente e sembrava un po' più civettuola del solito, quasi per stuzzicarmi perché ero attratta dal corpo di mia madre. Quindi quella notte, prima di andare a letto, ho fatto l'unica cosa che potevo fare a quel punto: fantasticare su di lei.

***

Erano passati due giorni ed era giunto il momento per il nostro prossimo allenamento pomeridiano insieme usando i pesi. Era martedì, il che significava che insegnava solo la mattina presto e di solito usava il suo tempo extra per fare le faccende domestiche o per seguire i suoi programmi televisivi preferiti.

Ma quel giorno, sono tornato a casa da scuola e ho notato una nuova borsa della spesa seduta sul suo letto mentre camminavo nella sua stanza.

"Oh... non ti aspettavo a casa così presto," disse mia madre uscendo dal bagno completamente vestita, con aria sorpresa di vedermi.

"Sì, beh, ho fatto un test oggi e sono andato via prima", ho risposto. "Quindi sei appena andato a fare shopping?"

"Ho comprato alcune cose. È una sorpresa per tuo padre stasera."

"Sembra carino."

"Penso di sì", disse mia madre con un sorriso. "Non volevo dire nulla su questo prima, ma il motivo principale per cui volevo rimettermi in forma era per stasera. Con la mia recente gravidanza e l'intensa carriera di tuo padre, la nostra vita amorosa ha davvero sofferto, e speravo di ancora una volta le cose tra noi ravvivano davvero. E questo è quanto ho intenzione di dirti..."

Sentire mia madre dire che aveva intenzione di fare qualcosa di sexy stasera mi ha subito colpito.

"Mamma, a giudicare da come eri ieri, sono sicuro che sarai un vero schianto con qualunque cosa tu abbia intenzione di indossare."

"Grazie. E niente di tutto questo sarebbe possibile senza il tuo aiuto. Ho provato gli abiti nel camerino del negozio e non riuscivo quasi a riconoscermi. Tuo padre avrà una vera sorpresa."

C'era ancora un altro tono suggestivo nella sua voce, e per ragioni sconosciute, non potevo fare a meno di sentirmi eccitato per la questione. Soprattutto perché stava lì con un bell'aspetto.

"Sono sicuro che lo è," ho risposto, sentendo che qualcosa si impossessava di me. "A proposito...che ne dici di una seconda opinione? Sai, forse potresti modellarla per me e ti darò i miei pensieri su quale potrebbe preferire un papà. Voglio dire, ho già visto parti di te così non sarà così strano".

Si mise le mani sui fianchi e mi rivolse uno sguardo severo materno che solo lei poteva dare.

"Non ho detto di non parlarne mai più?"

Immediatamente ho esercitato il mio fascino. "Lo so. Ma ti riferivi solo a quello che mi hai mostrato nel garage. Questo non ha assolutamente nulla a che fare con questo. E per quanto mi riguarda, questo è un argomento completamente diverso."

"Oh, sei così intelligente. Ma non posso davvero biasimarti per questo dato che sono allo stesso modo. Girati, ti farò sapere quando sarò pronto."

Seguii il suo ordine e mi voltai verso il corridoio, ascoltando attentamente i suoni del suo spogliarsi. Il mio cuore batteva forte e la mia immaginazione si scatenava ascoltando ogni capo dei suoi vestiti che colpiva il letto mentre lo lanciava, e mentre tirava fuori il suo nuovo vestito dalla borsa della spesa e se lo infilava.

"Va bene, sono pronta", disse esitante.

Quando mi sono voltato a guardare, sono rimasto stupito da ciò che ho visto. La mia madre di classe e rispettabile non indossava altro che un succinto negligé che serviva principalmente a coprirle il seno e l'inguine. Era il massimo che avessi mai visto del suo corpo, e ne ho approfittato appieno; con i miei occhi che vagavano rapidamente attraverso i suoi piedi nudi, le sue cosce atletiche, la sua parte centrale che era coperta da un tessuto trasparente e le sue spalle e braccia nude.

Le sue mani tornarono sui fianchi, ma questa volta il suo viso aveva un sorriso orgoglioso.

"Allora, cosa ne pensate?"

"Penso che tu sia assolutamente stupendo. Papà non potrebbe essere un ragazzo più fortunato stasera. Seriamente mamma, sei fantastica. E per quanto mi riguarda, potresti competere con qualsiasi modello di lingerie là fuori."

"Dubbio, ma grazie", rispose con una ritrovata sicurezza. "Come ho detto, devo tutto a te."

Alzò scherzosamente le braccia per flettere i bicipiti, nello stesso modo in cui lo farebbe un bodybuilder. E quando ebbe finito, sollevò la parte inferiore della vestaglia e fece la stessa cosa con le cosce; inclinando ciascuna gamba in avanti, una alla volta, e flettendole per me.

"Il tuo corpo e le tue gambe sono stupende. Quegli squat hanno davvero dato i loro frutti."

"Certo che l'hanno fatto", ha risposto con orgoglio. "A proposito, lo spettacolo è finito. Fammi passare ai miei vestiti da allenamento e ci vediamo al piano di sotto per ancora più di quegli squat."

"Certo... ma prima, che mi dici dell'altro vestito?" Ho chiesto.

"Quello non fa per te. È trasparente."

Il pensiero di mia madre che indossava un vestito trasparente mi fece venire un brivido lungo la schiena.

"...Oh..."

"Mi dispiace di aver fatto esplodere la tua bolla. E spero che quella cosa nei tuoi pantaloncini non sia quello che penso che sia", ha detto, con gli occhi che guardavano il mio rigonfiamento crescente.

"...Certo che no. È..."

"Allora se non è quello che penso, tiralo fuori e mostramelo", ha detto con un sopracciglio alzato.

Mi fermai per un momento, con il mio silenzio che rispondeva alla sua domanda, ammettendo che ero effettivamente eccitato.

Mi ha fatto un sorrisetto comprensivo e sembrava che stesse discutendo con se stessa. "Ti dirò una cosa; mi sei stato di grande aiuto nel modo in cui hai sacrificato il tuo tempo in modo che potessi avere questi risultati. Quindi... se sei interessante, sarei disposto ad aiutarti con quello."

"Vuoi dire..."

Lei annuì. "Se vuoi che mi occupi di quell'erezione per te, lo farò. Promettimi solo che sarai rispettoso al riguardo."

"Prometto."

Fece qualche passo avanti e si inginocchiò davanti a me. Mi sono bloccato, e tutto quello che potevo fare era guardare la mia rispettabile e di classe madre mettersi al lavoro slacciandomi i pantaloni, mentre indossava nient'altro che un succinto pezzo di lingerie.

Una volta che il mio cazzo in continua crescita è stato liberato, non ha perso tempo a prenderselo in bocca per succhiarlo. Le sue labbra formavano un stretto O-ring attorno al mio albero e la sua testa si muoveva rapidamente avanti e indietro mentre mi stava facilmente facendo il miglior pompino della mia vita.

La stanza si riempì del suono volgare di mia madre che succhiava e succhiava il mio cazzo. Potevo vedere la sua saliva brillare sulla mia erezione ogni volta che la sua testa si tirava indietro, solo che la sua testa si spingeva di nuovo in avanti per succhiarlo tutto con la sua bocca simile a un vuoto. E con ogni movimento della sua testa, le sue labbra sarebbero andate un po' più in profondità, portandomi più dentro la sua bocca.

Prima che me ne rendessi conto, mia madre mi aveva fatto una gola completamente profonda con le sue labbra che quasi toccavano il mio inguine, prendendo tutto il mio cazzo dentro la sua bocca. Lei mi guardò e gemette le parole, 'ta DA,' come per mostrare il suo talento eccezionale nel succhiare il cazzo.

La sua bocca iniziò a tornare indietro dopo avermi preso una gola profonda. Ma dove una volta c'erano le sue labbra, si è coperta con la mano e ha cominciato a masturbarmi allo stesso tempo; dandomi il piacere sia della sua bocca che delle sue dita.

"Mamma... sto per venire..." ho avvertito.

Nel bene e nel male, mia madre ignorò il mio avvertimento e continuò. Semmai, sembrava solo incoraggiarla mentre iniziava ad accarezzare e succhiare più forte. Il piacere che stavo ricevendo ha raggiunto il suo inevitabile culmine e ho sparato un'enorme quantità di sperma nella bocca di mia madre. Ho continuato a eiaculare ad ogni carezza che mia madre mi dava, e tutto è stato inviato direttamente al suo stomaco con le sue labbra serrate che nascondevano tutto combinato con la potente aspirazione della sua bocca.

Mi ci è voluta ogni grammo di forza per non cadere mentre venivo. E quando ho finito e sono diventato di nuovo flaccido, mia madre si è assicurata di succhiare OGNI ultima goccia di sperma prima di rilasciare le labbra e usare il dorso della mano per pulirsi la bocca.

"Hai lo stesso sapore di tuo padre," disse casualmente, guardandomi mentre era ancora in ginocchio.

"Dio mamma... è stato fottutamente incredibile," ansimai.

Si è alzata e mi ha strizzato l'occhio mentre eravamo faccia a faccia. "Sono contento che ti sia piaciuto. E puoi considerarci anche adesso. Ora, se vuoi scusarmi, sono dell'umore giusto per un bagno caldo. Quello era il mio allenamento per la giornata. Continueremo la nostra prossima sessione Domani."

***

I miei occhi erano incollati alle gambe di mia madre durante il nostro allenamento. Dopotutto, indossava un nuovo paio di pantaloncini di spandex per le donne che le abbracciavano perfettamente le cosce. E l'allenamento della giornata consisteva in una lunga routine di riscaldamento e cardio sulla cyclette, seguita da alcune serie di squat con pesi.

"La tua mente sembra così preoccupata," stuzzicò mia madre, sapendo già cosa avevo in mente. "C'è qualcosa che ti preoccupa?"

"Penso che tu sappia..." risposi con un sorriso. "E so che non ti piace che parli di queste cose, ma dal momento che me l'hai chiesto, volevo solo dirti quanto ho pensato a quello che hai fatto per me ieri. È stato davvero fantastico."

Lei mi sorrise. "Grazie. E per la cronaca, questo ha reso la mia serata ancora più speciale di quanto mi aspettassi."

"Veramente come?"

"Beh, tuo padre è rimasto molto impressionato dal modo in cui apparivo con l'abito di lingerie e dalle diverse pose che ho fatto. Gli ho detto che era tutto grazie a te, e ha iniziato a suscitare il suo interesse su come stavamo spendendo alcuni dei nostri pomeriggi insieme. Alla fine gli ho raccontato dell'altro giorno in cui ho notato che guardavi il mio corpo, e di come ti ho mostrato la bontà per tutti i tuoi problemi. Avresti dovuto vedere la sua faccia."

"Era pazzo?" Ho chiesto.

"No", ha risposto lei. "In effetti, era l'opposto dell'essere arrabbiato; i suoi occhi si sono illuminati in un modo che non vedevo da molto tempo. Ho continuato a raccontargli di come ho indossato un vestito sexy per te e di come ti sei eccitato. ..e... potrei essermi lasciato sfuggire che ho finito per farti un pompino dopo. A quel punto, era duro come una roccia."

Potrebbe essere? Sono rimasto scioccato, e in senso positivo.

"Non avrei mai pensato che papà sarebbe stato interessato a una cosa del genere."

"Era più che solo interessato. Mi ha fatto dire a lui ogni succoso dettaglio di quello che ti ho fatto con la mia bocca e la mia mano. E dopo, ho persino lasciato che si allattasse da me prima che facessimo l'amore appassionato. Direi che ha un serio feticcio dell'incesto."

"Ha allattato da te? Come in..."

La mamma annuì. "Mi ha succhiato i capezzoli e ha bevuto il mio latte. È un feticcio che hanno molti adulti".

"Sembra davvero eccitante, specialmente con uno come te."

Mia madre ridacchiò mentre tratteneva la sua risata. "Siete così simili. È adorabile."

"Nessuno può resisterti, mamma."

Mi strizzò l'occhio e mi diede un pizzicotto sulla guancia. "Dai, aiutami a finire con lo stretching, poi ho bisogno di una doccia. Forse puoi unirti a me e daremo a tuo padre storie ancora più erotiche a cui pensare."

Lo sguardo nei suoi occhi mostrava che era interessata a qualcosa di più di una semplice doccia. E i suoi capezzoli sembravano sporgere attraverso il materiale sottile della sua parte superiore.

***

Ho seguito mia madre su per le scale e ci siamo diretti verso il bagno principale.

Una volta lì, ha alzato le braccia e ha chiesto: "Ti va di fare gli onori?"

"Mi piacerebbe", ho risposto, mentre le infilavo il reggiseno sportivo sopra la testa, lasciandola in topless.

Si chinò e fece il resto, togliendosi i pantaloncini e le mutandine di spandex, e rimase completamente nuda davanti a me. Ero ipnotizzato dalla vista della sua figura matura. Il suo corpo sembrava perfettamente proporzionato, con la giusta quantità di tono muscolare, pur mantenendo gran parte delle sue curve femminili che la facevano sembrare femminile. Anche vedere il suo intero tronco nudo per la prima volta è stato un vero piacere. I suoi fianchi e le sue cosce erano piuttosto spessi, e il suo cavallo era ben rasato, con una bella linea di abbronzatura del bikini.

"Sei bellissima mamma", le ho detto onestamente.

"Grazie. Adesso tocca a te spogliarti. Mi rifiuto di essere l'unico qui nudo."

Detto questo, non ha perso tempo a togliermi la maglietta e a togliermi i pantaloncini e la biancheria intima dal mio corpo. Certo, era imbarazzante stare nuda di fronte a mia madre, ma allo stesso tempo, dire che "ne valeva la pena" è un enorme eufemismo.

I suoi occhi mi guardavano nello stesso modo in cui avevo fatto con lei. E una volta che ha visto quello che voleva vedere, mi ha trascinato nella doccia per continuare i nostri atti di incesto.

"Puoi iniziare pulendomi il sedere", disse mentre mi porgeva una saponetta.

Ho preso il sapone in mano e ho iniziato a strofinarlo sulla parte superiore della schiena mentre si lavava i capelli con lo shampoo. Le mie dita sfiorarono la sua pelle mentre insaponavo il suo corpo scolpito. Centimetro dopo centimetro mi sono fatto strada verso il suo didietro voluttuoso, ed ero più che felice di lavare anche quello per lei.

Una volta che si è lavata via lo shampoo dai capelli, si è voltata per lavare il sapone dalla schiena e mi ha guardato in modo semplice, dicendomi che andava bene lavare la parte anteriore del suo corpo.

"Ti piace quello che vedi?" chiese mia madre con un'espressione sorniona.

"Certo che lo faccio", le ho detto. "Amo il tuo seno mamma, specialmente quei tuoi capezzoli. Sono perfetti."

"Grazie," sorrise. "Immagino che sia uno dei benefici extra della gravidanza. Ora inizia a pulire."

Ho iniziato dalla parte superiore del suo petto, premendo la saponetta contro di lei. E mentre scendevo, potevo sentire i suoi seni pieni di latte contro le mie dita. Erano morbidi e golosi. Ed era uno spettacolo erotico vederli sussultare ad ogni movimento. Poi, quando ho premuto un po' più forte la mano contro il lato del suo seno sinistro, il latte è fuoriuscito dal suo capezzolo gonfio, dandomi un vero occhio pieno da guardare.

"Sembra che tu abbia trovato qualcos'altro che ti piace", disse mia madre scherzosamente.

"Cosa posso dire? Non l'ho mai visto accadere prima."

"Ti piace?" chiese, conoscendo la risposta.

"È sexy."

Lei sorrise. "Beh, le tette hanno più significato che essere solo oggetti sessuali. Ti cibavi da loro ricordi? Il latte materno aiuta a sostenere la vita. E se sei interessato a farlo di nuovo, a questo punto, non mi dispiacerebbe."

"Sei sicuro?"

"Perché no? Ti ho già succhiato il cazzo e ti ho assaggiato. Potresti anche bere il latte dai miei capezzoli."

"In tal caso, spero che tu abbia abbastanza latte", dissi scherzosamente.

"Aspetta un secondo..."

Mia madre poi si risciacquava il corpo, spegneva la doccia e uscì dalla vasca per asciugarsi con un asciugamano. Quando ha finito con il suo rapido massaggio, mi ha passato un altro asciugamano e ho fatto la stessa cosa.

Usava entrambe le mani per sollevare i seni, come per modellarmeli. "Va bene, ora sono tutti tuoi."

Ho lottato contro i miei impulsi naturali di seppellire la mia faccia tra i seni rotondi di mia madre. Invece, li ho semplicemente presi in mano e ci ho giocato, massaggiandoli. Si sentivano morbidi e sodi. E quando li ho strizzati un po' più forte, i miei occhi si sono spalancati alla vista del latte che cola dai suoi lunghi capezzoli marroni.

"Non abbiate paura, è perfettamente naturale", ha detto. "Prometto che è sano e ha un ottimo sapore."

Su insistenza di mia madre, mi chinai a leccare il latte che usciva dalla sua tetta. Aveva un sapore sorprendentemente dolce e ho bevuto ancora di più prendendo il suo grosso capezzolo dentro la mia bocca e ho iniziato a succhiarlo e a farlo rotolare nella mia bocca. Emise un piccolo sussulto e mi strofinò la nuca per mostrare la sua approvazione per il mio allattamento al seno.

Ho succhiato e tirato ogni capezzolo con la bocca. Ogni volta faceva un piccolo rumore che esprimeva la sua eccitazione. Usciva altro latte mentre succhiavo e strizzavo i suoi seni, e ingoiavo tutto con gioia.

"Che bello..." sussurrò.

"Posso chiederti una cosa?" chiesi a mia madre dopo avermi tolto il capezzolo dalla bocca.

"Puoi chiedermi quello che vuoi."

"Ti piace farmi fare questo? Voglio dire, lo stai facendo solo per far eccitare papà?"

Un'espressione di calore apparve sul viso di mia madre. "Voi due siete gli uomini più importanti della mia vita, e vi amo entrambi molto. E se ci vuole un po' di incesto per rendervi entrambi felici, allora così sia. Inoltre, ho bisogni come chiunque altro. Cosa donna non vorrebbe che due uomini la servissero sotto la stessa famiglia?"

Le ho baciato il capezzolo. "Ora c'è un modo interessante di vedere le cose."

"Beh, ora che l'abbiamo tolto di mezzo, ti piace il sesso anale?" chiese mia madre senza mezzi termini con un sopracciglio alzato.

"Lo adoro. E spero davvero che tu non stia solo prendendo in giro qui perché non riuscivo a staccare gli occhi dal tuo culo mentre eravamo sotto la doccia."

"Sai che non farei mai qualcosa di così crudele da stuzzicarti in quel modo", rispose scherzosamente. "Ora andiamo in camera da letto e puoi mostrarmi quanto mi ami."

***

Mi prese per mano e mi condusse in camera da letto.

Una volta che ci siamo fermati vicino al suo letto, si è subito messa in ginocchio e ha iniziato a succhiarmi il cazzo con lo stesso zelo ed entusiasmo che si vede in un film porno - solo che non era un'attrice porno, era mia madre!

Dopo aver mosso la testa diverse volte sulla mia virilità, è riuscita a farmi erigere completamente e poi si è fermata.

"Ora che ti ho preso bene e duro, sono sicura che sai cosa fare dopo", ha detto.

Mia madre è salita sul letto e si è messa a quattro zampe, poi ha abbassato la testa in modo che il suo culo fosse dritto verso di me. Era un brivido vedere il fondo delle sue cosce così nudo. I suoi polpacci e piedi erano appiattiti sul letto. E quelle guance grosse e aperte sembravano deliziose.

Il suo piccolo ano marrone sembrava incredibilmente invitante, e non ho osato sprecare un altro secondo prima di sporgermi in avanti per baciare la carne morbida del suo didietro. Ho dato un'altra occhiata al suo buchetto stretto e l'ho allargato con le dita. Gli ho dato un lungo bacio, piantando le mie labbra sulle sue zone più intime, prima di tirare fuori la lingua per iniziare a leccarlo.

Tremava e ansimava un po' mentre usavo la lingua sul suo buco del culo. E questo mi ha solo incoraggiato ad andare ancora oltre, spingendo la mia lingua attraverso la piccola apertura del suo ano e dentro il suo retto. Ha emesso un guaito immediato nel momento in cui sono entrato nella sua piccola apertura. Poi ho mosso la lingua nel suo retto, sondandola e assaporandola il più lontano possibile. Ho persino sentito le sue gambe iniziare a tremare mentre le tenevo strette.

"Proprio così," gemette. "Continua a girare in tondo".

A quel punto, sapevo che avrei potuto portarla all'orgasmo con solo pochi minuti in più. Ma perché fermarsi qui? Ovviamente entrambi volevamo di più.

Così mi sono alzato e mi sono posizionato dietro il sedere ben fatto di mia madre. Entrambe le nostre aree sessuali erano già ricoperte da ampie quantità della nostra saliva umida, e ho delicatamente premuto la testa dell'erezione furiosa contro l'ingresso del suo ano. Nonostante il suo culo fosse rivolto verso l'alto in aria, entrare nel suo buco stretto non era un'impresa facile. E lei lo sapeva e si allungò indietro con entrambe le mani per allargare le sue guance per me.

"Ora prova," disse, tenendosi aperta. "Sono piccolo là dietro, ma è questo che mi fa sentire così bene".

Mia madre ha emesso un sussulto udibile una volta che ho spinto più forte e il mio cazzo è entrato in lei da dietro. Il suo corpo tremò leggermente e rimise le mani sul lenzuolo, stringendolo con tutta la sua presa. Il suo ano era incredibilmente stretto, e si sentiva più stretto solo quando mi sono fatto strada lungo il suo canale rettale. E più andavo avanti, più potevo sentire il corpo di mia madre iniziare ad adattarsi, e più piacere provavamo.

Era solo questione di tempo prima che entrassi fino in fondo. Il mio inguine era premuto contro la sua parte posteriore tonica, e la mia erezione palpitante era sepolta nel profondo del suo retto. Potevo sentire le pareti del suo ano allungate e costrette ad adattarsi a questo atto sessuale. E presto, mia madre volitiva e rispettabile ha ceduto ai piaceri del suo ano che viene scopato, mentre lentamente ho iniziato a farmi strada dentro e fuori dal suo corpo.

"Fa male?" chiesi, tenendo fermo il mio cazzo.

"No, no. Lascia che me ne occupi io. Se lo fa te lo dirò io. Vai avanti, fottimi già."

Per la prima volta nella mia vita, ho sentito la vera depravazione nella voce di mia madre. Era arrapata ed eccitata. Aveva bisogno di essere scopata nel culo. Ed era diventata mia responsabilità darglielo. Quindi ho scosso i fianchi e le ho scopato il buco più velocemente.

I suoi sussulti e gemiti diventavano sempre più forti a ogni spinta. Con le mie mani avvolte strettamente sui suoi fianchi e il suo retto che si rilassava, sono stato in grado di scopare mia madre nel culo con la forza consentita dal suo corpo. Era incredibile. E dopo diversi minuti di sesso con lei, mia madre voleva di più.

"Raggiungi... giù..." ansimò, con il viso affondato nel lenzuolo. "Gioca con il mio clitoride... oh cazzo... sono vicino a venire!"

Ho fatto quello che mi ha chiesto, toccando quella sua figa bagnata e giocando con il suo clitoride, strofinandolo in cerchi veloci.

Presto, i suoi gemiti e suoni verbali rasentarono il diventare urla. Un flusso di liquidi scorreva tra le mie dita dalla sua vagina mentre stava avendo un orgasmo. Her body became tense and the muscles in the lower half of her body clenched tightly, which was more than enough for me to have a powerful orgasm of my own.

"Cum inside me! Cum inside me!" my mother shouted while I shot load after load of cum inside her rectum.

Soon, we both went limp after reaching an incredible climax. I laid beside her body and we were both breathing heavily. She was face down, and I got to feel (and examine) the muscle tone of her back and ass. It was a sight to behold, especially as she breathed heavily, causing her back to heave up and down.

"That was the best thing I've ever felt in my life," I said to my mother.

When she had the energy, she turned over to lie on her back, and she pulled me down to kiss her on the mouth for a brief moment.

"You know," she said between kisses. "If I had known that having sex with my own son was that much fun, I would have done it earlier. You were terrific."

"Beats lifting weights and doing cardio, doesn't it?" I joked. "I only wish I had the courage to recommend this earlier."

She smiled. "Well, I think we've found the latest addition to my fitness routine. We'll start off with a warm up, workout, and then we'll come back to the bedroom and fuck. Perfect for a cool down, and it provides additional cardio."

"Exactly."

"And don't forget the post-workout nutrition."

There was a lustful expression in her eyes, along with a slight grin which had formed on her lips.

While laying on her side, she lifted one of her breasts and brought it to her mouth, sucking on her large brown nipple. She looked me in the eyes as she sucked on herself. Her hand squeezed her breast as her mouth sucked, and instantly, she was drinking her own breast milk. Her cheeks caved in with every suck.

When she unlatched her lips from her nipple, there was milk on her tit, and around her mouth, and she smiled.

"Your turn," she offered, with her lips still wet with milk.

She sat up on the bed, moving nearer to me, and held out her other tit. The nipple was rock hard and begging to be sucked, so I bent forward and sucked on it. I did the same thing she did, sucking hard, and using my hand to squeeze on it. Milk entered my mouth and I drank it.

"Like I said," she moaned, enjoying the breastfeeding experience. "It's perfect for our post-workout nutrition. Healthy in every way."

No one could argue with that....

Storie simili

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

10 I più visti

Likes 0

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

1K I più visti

Likes 0

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

1K I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

768 I più visti

Likes 1

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

1.1K I più visti

Likes 1

L'ultima speranza bianca (Capitolo 1)

Questa è una storia di fantasia sul diventare presidente del nostro paese. È una sorta di parallelo con la nostra storia e la nostra linea temporale. Il primo capitolo riguarda lo sviluppo del personaggio principale Alcune informazioni di base su di me prima di entrare troppo nella storia. Mi chiamo Stewart Thomas Whitteman. Faccio il mio secondo nome e tutti mi chiamano Tom. Odio il nome Stewart. Era il nome preferito dello zio di mia madre. Sono nato il 5 maggio 1955. Sono alto un metro e ottanta, peso 210 libbre, ho i capelli e gli occhi castani. Mi alleno regolarmente...

991 I più visti

Likes 0

Un pomeriggio con Ambra

L'inizio Eravamo seduti al tavolo oziando dopo aver mangiato un pranzo del primo pomeriggio. La giornata era nuvolosa, grigia e umida, una tipica giornata primaverile a Seattle. Era sabato e io e la migliore amica di mia moglie ci tenevamo compagnia mentre aspettavamo che mia moglie tornasse a casa da una conferenza a San Antonio. Amber stava facendo tintinnare i piatti, mettendoli in una pila su un angolo del tavolo quando il mio cellulare cinguettò, era Chloe, mia moglie. “Il mio collegamento a Denver è stato cancellato, al dannato aereo manca un'ala o qualcosa del genere. Tutti gli altri voli sono...

611 I più visti

Likes 0

Breve, sexy e dolce: 2- Un'esplosione di passione

Lascia di nuovo commenti!! Spero ti diverta :) Capitolo 2: “Cazzo... mi ero dimenticato che oggi sarebbe venuta Gloria. A volte fa schifo avere amici” gemette Beth, mettendo le mani sulle spalle di Jericho e vedendo i suoi occhi andare al suo petto. Amava le attenzioni e sapeva di essere bella per una persona piccola. Sbarazzati di lei, voglio giocare implorò Jericho, mettendole la mano sotto la camicia da notte e sfregandole la figa attraverso le mutandine, che sentiva bagnate, facendolo sorridere da un orecchio all'altro. “Credimi... lo faccio anch'io. Vestiti, ma dentro... qualcosa di sciolto, non credo che resterà a...

1.1K I più visti

Likes 0

Che cosa hai fatto a Jessica?

Ho aperto lentamente gli occhi e ho visto una bella ragazza che dormiva accanto a me. La sua pelle morbida e pallida, gli occhi adorabili, le labbra succose, i capezzoli morbidi, i capezzoli succosi mi stavano facendo sentire quanto sono fortunato ad averla. Ricordo ancora la nostra relazione di allora prima che lei lasciata la casa. Non abbiamo mai avuto un rapporto fratello-sorella. Non parlavamo mai molto. Lei era impegnata nel suo mondo e io nel mio mondo. Aveva 8 anni più di me. Quindi non mi piaceva l'idea di stare a casa di mia sorella quando mia madre decise di...

1K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.