La parte preferita di papà 2

729Report
La parte preferita di papà 2

Erano passate solo poche settimane da quando mio padre ed io abbiamo fatto sesso. Per fortuna mia madre non ne sapeva niente. Non lo sospettava nemmeno per un secondo perché la loro vita sessuale era ancora appagante come prima. Mio padre si è assicurato di non insospettirla prestandole attenzioni extra e praticamente ignorandomi. Mi ha sconvolto, ma non ho lasciato che mi disturbasse poiché sapevo perché doveva farlo. Fortunatamente per me, mi strizzava l'occhio ogni volta che mia madre non stava guardando. La cosa difficile era che dovevo ancora sentirli fare sesso, sapendo che volevo essere nella posizione di mia madre.

Un venerdì sera molto fedele, mia madre ha chiamato per farmi sapere che doveva fare gli straordinari. Mio padre non era ancora tornato dal lavoro, ma sapevo che sarebbe tornato presto. Ho deciso di cogliere l'occasione e di andare al negozio di liquori. Ho pensato che rendere brillo sia io che mio padre sarebbe stato molto più divertente che fare sesso da sobri. Al negozio di liquori, sono riuscito ad acquistare due bottiglie del mio vino preferito, Arbor Mist. Non appena sono tornato a casa, ho visto l'auto di mio padre nel vialetto e ho capito che il divertimento stava per iniziare. Entrai e mi diressi in soggiorno, dove mio padre era seduto sul divano al buio, a guardare un porno.

"Beh, ehi bella, cosa hai lì?" chiese mio padre, senza preoccuparsi di coprire il suo cazzo che era molto eretto. Ho messo le due bottiglie sul tavolino e mi sono seduto accanto a lui. "Mmmm buona idea piccola." Egli ha detto. Mi sono alzato, sono andato in cucina e ho preso due bicchieri di vino, sono tornato e ho versato un bicchiere a entrambi. "Saluti." mio padre strizzò l'occhio, facendo tintinnare il suo bicchiere al mio. "Allora, qual è il piano per stasera bambina?" chiese mio padre, bevendo l'intero bicchiere di vino in un sorso. Mio padre non era un peso leggero, per niente, ma sapevo che si sentiva cattivo, nonostante l'alcol. "Pensavo di poterti aiutare con questo, prima." Ho detto. Ho avvolto la mia mano attorno al suo cazzo e lentamente ho iniziato ad accarezzarlo. Si appoggiò allo schienale e sospirò, dicendo "Ora, questo è un buon modo per aiutare papà a rilassarsi dopo una dura giornata". Ho riso al gioco di parole.

Ho bevuto due bicchieri di vino, continuando a masturbarlo. Anche se il vino era buono, non era per niente gustoso come il cazzo di mio padre. Con quel pensiero, mi sono chinato e l'ho preso in bocca. Ho fatto scorrere la lingua sulla testa del suo cazzo, che lo ha fatto gemere. Volevo così tanto ingoiarlo, ma 10 pollici erano semplicemente troppo per me per ficcarmi in gola senza soffocare. Sono riuscito a scendere di 7 pollici ed ero consapevole che lo adorava, dai suoi continui gemiti. "Baby, ti insegnerò come eliminare tutto questo un giorno!" disse, versando un altro bicchiere di vino e ancora, sbuffando tutto il bicchiere. Imparerei, perché avrei fatto qualsiasi cosa per compiacere mio padre.

"Basta dar piacere a papà. Penso che sia ora di andare di sopra e provare qualcosa di nuovo." disse mio padre. "Mi porterai come l'amor dei vecchi tempi, papà?" Ho battuto le ciglia contro di lui. Mi prese in braccio e mi portò, come se ci fossimo appena sposati, su per le scale e mi depose con cura sul letto. Si è tolto la maglietta, i pantaloni e i boxer... lasciandolo completamente nudo davanti a me. Non mi ero mai reso conto di quanto fosse sexy mio padre, fino ad ora. La mia figa soffriva per averlo di nuovo dentro di me e, a giudicare dal suo aspetto lussurioso, potevo dire che voleva la stessa cosa. "Voglio che ti metti in ginocchio, Angie. Voglio scoparti come una puttana." disse, togliendomi le mutandine, ma lasciandomi la gonna addosso.

Mi sono messo in ginocchio, proprio come aveva ordinato mio padre, e potevo sentire lo sperma gocciolare lungo le mie gambe. Fece scivolare la mano sulla mia figa, sentendo quanto fosse bagnata. "Sembra che la mia bambina sia pronta per papà." ha riso. "Sì papà, lo sono." mi sono lamentato. Ero come una cagna in calore, per il modo in cui non vedevo l'ora di sentire il cazzo di mio padre dentro di me. Ho iniziato a spingere il mio culo sul suo cazzo duro. "Okay piccola, ti darò quello che stavi aspettando." Ha messo il suo cazzo dentro la mia figa dolorante e ha iniziato ad andare piano all'inizio. Non era abbastanza, non per nessuno di noi due.

"Mmmm piccola, ti punirò per avermi preso in giro nelle ultime settimane, sapendo che papà aveva bisogno di te e non poteva averti." ringhiò mio padre. Ha iniziato a scoparmi più forte e la prossima cosa che so, la sua mano mi ha sbattuto forte contro il culo. Mi ha bruciato le chiappe, ma ha bruciato così bene. Sentirmi gemere lo ha incoraggiato a sculacciarmi di nuovo, così ha fatto e ha continuato a sculacciarmi finché il mio culo non è diventato rosso come un camion dei pompieri. "Mmmm ti è piaciuta la punizione di papà?" chiese, strofinandomi il culo. In qualche modo, nonostante quanto la mia pelle stesse bruciando, mi è piaciuto. "Ughh sì papà, mi fa venire voglia di sborrare. Ti amo papà, grazie per avermi punito come la cattiva ragazza che sono." dissi, spingendo più forte contro il suo cazzo, cercando di riempirmi.

Nella sua mente, non sono stato punito abbastanza duramente. Ha aumentato il ritmo, scopandomi sempre più forte fino a quando ho pensato che sarei svenuto sia per il dolore che per il piacere. "Oh sì Angie, so che ami papà che ti scopa così forte. Voglio che tu mi sborri sul cazzo... fallo per papà!" gridò mio padre, sculacciandomi di nuovo il culo. Non ce la facevo più. "Ughhhh papàyyyyyyy!" Quello è stato l'orgasmo più grande della mia vita. "Oh sì piccola, sborra sul cazzo di papà...oh ti amo, Angie!" Nonostante il mio stesso orgasmo, mio ​​padre ha continuato e potevo sentirlo sul punto di venire. "La ragazza preferita di papà... mmmmm, sto per venire in quella tua bella fichetta!" gemette il mio dolce papà.

Improvvisamente, una zampilla di sperma mi è arrivata dentro, schizzando contro le pareti della mia figa. "Sìssssssss!" gememmo entrambi allo stesso tempo. Ha tirato fuori il suo cazzo e io mi sono alzato, solo per sentire la porta d'ingresso aprirsi. "Oh merda, tua madre è a casa." disse mio padre, lanciandomi i miei vestiti. Mi sono precipitato a rimetterli e ho aperto la porta, girandomi per mandare un bacio a mio padre. Sorrise, strizzò l'occhio e disse: "Ricorda piccola, sei la preferita di papà".

Storie simili

IMENE cap.3

Quando è arrivata la chiamata per la prima volta, il tenente Johnson era così preso dal suo sogno ad occhi aperti che l'ha persa completamente. Era da Qui per l'eternità tranne Christine Miller e lui rotolato nella risacca, completamente nudi. Adesso poteva immaginarselo, lei a quattro zampe mentre entrava in lei da dietro. La sua carne tremava ad ogni sua spinta, onde di carne rotolavano sulle sue dita mentre lui la tirava indietro sul suo cazzo. Si urlavano addosso, solo per farsi sentire sopra le onde che si infrangevano. Tutto ciò che facevano era in completo abbandono, era puro e animale...

1.3K I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

568 I più visti

Likes 0

La scala a pioli

Storia di Fbailey numero 187 La scala a pioli Quando la mamma ci ha chiamato in casa ho capito di essere nei guai. Dopotutto i miei genitori pensavano che quel guaio fosse il mio secondo nome. Di sicuro ne ho avuto abbastanza anche ultimamente. Per lo più era incentrato sulla mia sorellina. La mamma disse: Randi cosa stavi facendo su quella scala? Randi ha detto: Ho dovuto tirare fuori il mio aeroplano di carta dall'albero. La mamma disse: E hai lasciato che tuo fratello tenesse la scala per te? Te l'ho detto un milione di volte che vuole solo alzare lo...

989 I più visti

Likes 0

Bronzo, capitolo 1

Entrando nelle sue stanze, chiuse la porta e appoggiò il suo elmo da gladiatore su un cuscino vicino. Togliendosi i sandali, attraversò il corridoio fino alla camera da letto, fermandosi quando vide una donna in piedi davanti al letto. Mi hanno detto che avevo un regalo in attesa. Come ti chiami? chiese. La sua risposta fu dolce e non alzò lo sguardo. Indossava solo un top bikini con maglie di bronzo e una cintura abbinata larga due pollici e posizionata perfettamente per coprire la sua femminilità rasata. Stava in piedi, le braccia lungo i fianchi, le spalle quadrate per dare al...

658 I più visti

Likes 0

Joan va a Las Vegas #6

Mia moglie Joan ha viaggiato con me per viaggi di lavoro. Mentre lavoro, Joan cerca possibili avventure sessuali. Il prossimo viaggio di lavoro fu a Las Vegas. Las Vegas è un paese delle meraviglie del divertimento per adulti: casinò, showgirl, artisti famosi e meravigliosi hotel e resort. L'hotel in cui alloggiavamo era il Cosmopolitan. Avevamo una suite Lanai. Era una suite su due livelli con piscina privata e accesso diretto alla piscina Bamboo dell'hotel. Joan aveva comprato dei vestiti nuovi per il viaggio. Ha comprato eleganti abiti da sera e un nuovo micro bikini. Il lavoro mi consumava sempre durante il...

553 I più visti

Likes 0

La stanza d'albergo segreta

Come parte del mio lavoro devo recarmi alla sede centrale di Londra una volta al mese. È un viaggio completamente inutile, ma rende felici i capi e mi dà l'opportunità di guardare i miei programmi su Netflix sul treno che scende da Newcastle. Sono entrato in una bella routine in cui prendo il treno dopo il lavoro, sono a Londra alle 8 e cammino lungo la strada per il mio hotel in tempo per un pasto e un paio di birre. Lo faccio da tanto ormai che conosco tutto lo staff ed è come tornare nella mia seconda casa. Ho una...

411 I più visti

Likes 0

Un altro ospite gradito 2

Afrodite - Figlia di Zeus, dea dell'amore, della bellezza e della sessualità Artemide - Figlia di Zeus, dea della caccia, della luna e della castità Atena - Figlia di Zeus, dea della saggezza, del coraggio, dell'ispirazione, della civiltà, della legge e della giustizia, della guerra strategica, della matematica, della forza, della strategia, delle arti, dei mestieri e dell'abilità. Zeus - Re degli dei greci Ares - Figlio di Zeus ed Era, dio della guerra Ephus - l'uomo divino con un potere insolito. Dr. Quinn - moglie umana di Ephus Dee egizie e mogli a Ephus -------------------------------------------------- -------------- Bast - Dea dei...

330 I più visti

Likes 0

L'autista (#51) Michael

L'autista (#51) Michael Di PABLO DIABLO Diritto d'autore 2019 CAPITOLO 1 Mi sono seduto sulla mia sedia al tavolo della sala da pranzo guardando una faccia che non vedevo da molto tempo. Jennifer mi ha chiesto: “David, cosa vuoi che faccia? Dovrei lasciarlo entrare o farlo tornare quando non abbiamo 1000 ragazzi del college qui per una festa? «Fatelo entrare. Ma per favore accompagnatelo da me a questo tavolo. Non sono così sobrio come vorrei essere per questo incontro», dico a Jennifer. OK, te lo porterò, ma sto chiedendo a Jill e Dakota di venire con te qui al tavolo, mi...

278 I più visti

Likes 0

Condivido Kate

Vuoi un altro drink? No, grazie amico, risposi con un gesto sprezzante della mano. Penso di aver finito per la notte. Oh andiamo! lo pungolò Ryan. Non essere una femminuccia! Ho appena riso e scosso la testa per l'insistenza del mio amico. Va bene, risposi con decisione. Ma solo se anche Kate ne ha uno. Ryan inclinò la testa in direzione della sua ragazza che era seduta sul divano accanto a me, le gambe tirate sotto il corpo. La sua espressione rivelava il suo desiderio che tutti e tre continuassimo la nostra notte di bevute. “Ooooookay,” disse Kate, alzando gli occhi...

262 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.