Il papà del mio amico 8

538Report
Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto "Cattivo" se capisci cosa intendo.

"Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi?" Ho chiesto.

"Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio, direi che eri Wonder Woman ", ha risposto Jeanette.

"Ehi, solo tuo padre può chiamarmi così", dissi.

"Scusa, ma comunque Callie, mio ​​padre ha davvero sconvolto il tuo mondo in quel modo?" chiese Jeanette.

Mi è sembrato più che un po' strano. Voleva sapere se era davvero così bravo a letto?

"Sì, è così bravo. Perché pensi che abbia finto quell'orgasmo?" Ho chiesto.

"Bene, l'hai fatto? Non sono riuscita a dare un'occhiata così bella, ma sembrava troppo perfetta," replicò Jeanette.

"Beh, era vero, tuo padre è un grande amante anche con un cazzo enorme, mi sento così bene dentro", dissi.

"Sì, ma non avevo davvero bisogno di sentirlo," rispose Jeanette.

"Volevi sapere se era davvero così bravo a letto. Quindi ti ho detto le due cose più importanti che lo rendono così bravo a letto, è un grande amante e ne ha uno enorme. Perché anche tu hai una cotta per lui? " Ho chiesto.

"No, certo che no, non incesto. È solo l'uomo che ti stai scopando e ti stai preparando a sposare. Sono solo attratto da te per qualche motivo," replicò Jeanette.

Poi ha messo la sua mano sulla mia, non ero sicuro di cosa si aspettasse esattamente da me. Voglio dire, sapeva quanto amavo suo padre. Ci siamo mangiati a vicenda una volta, ma è tutto ciò con cui mi sentivo davvero a mio agio.

"Posso baciarti, solo una volta?" chiese Jeanette.

"Certo, solo una volta," ho risposto.

Poi si chinò e mi diede un bacio sulle labbra. Poi tornò a sedersi.

"Beh, grazie per questo. Lo apprezzo", ha detto Jeanette.

"Prego, immagino," ho risposto.

Poi abbiamo fatto del nostro meglio per studiare ancora una volta, ma potevo dire che c'era altro che voleva uscire.

"C'è qualcos'altro che vuoi dire o chiedermi?" Ho chiesto.

Beh, mi aspettavo qualcosa del tipo, 'Ti è piaciuto quello che abbiamo fatto?' o forse 'Pensi che tu e mio padre romperete mai il letto?', ma no, ho capito.

"Faresti sesso con me se te lo chiedessi?" chiese Jeanette.

Non mi aspettavo niente di tutto questo

"Vuoi dire come mangiarsi a vicenda di nuovo?" Ho chiesto.

"Beh sì, e intendo come quando siamo entrambi nudi a scoparci l'un l'altro. Sai il sesso hardcore, come quello che avete fatto tu e mio padre?" chiese Jeanette.

A dire il vero, lo volevo. L'ho fatto onestamente, ma non pensavo di poterlo fare a John. Voglio dire, so che era solo sua figlia, ma comunque, non ero un imbroglione e ci eravamo già mangiati a vicenda una volta prima. Immagino che volesse di più.

"Voglio dire che mio padre non deve mai scoprirlo, e possiamo farlo solo una volta. Solo una volta e non 10 volte al giorno come voi due", ha detto Jeanette.

"Beh, fammi pensare per un po'. Voglio dire, non voglio davvero rovinare le cose con tuo padre. Mi sto preparando a sposarlo e proprio non lo so," ho risposto.

Sapeva leggere facilmente tra le righe.

"Lascia perdere Callie. Non avrei dovuto metterti in quella posizione comunque, mi dispiace," disse Jeanette.

Poi è tornata a studiare. Mi sentivo un po' male, lei provava dei sentimenti per me. Devono essersi sviluppati mentre mi guardava con suo padre, e immagino non solo quando ci ha visto fare sesso. Così mi sono avvicinato a lei e le ho messo il braccio sinistro sul collo. Le ho dato un bacio sulla guancia.

"Sai che anch'io ti amo davvero. Non ti ho detto una stronzata la scorsa notte, ti amo davvero. Siamo migliori amici da sempre e ci tengo davvero molto a te. Mi dispiace e non dispiaciuto, immagino. Nessuno dovrebbe chiedere scusa per aver amato qualcuno, ma d'altra parte, sono con tuo padre. Anch'io lo amo davvero. Lo amavo prima di scoprire che anch'io ero incinta e tu non avevi idea, ma ti dirò questo: la tua amicizia significa tutto per me. Non ti chiederò di andartene quando ci sposeremo e avremo il bambino. Mi mancherai troppo. Voglio che tu rimanga qui con noi", dissi.

"Bene bene, non stavo per andarmene, cazzo. Dovrai inviare una squadra SWAT o qualcosa del genere per tirarmi fuori di qui. Non lascerò la mia migliore amica. Anche se si fosse innamorata di mio padre e sono rimasta incinta. Sei la mia migliore amica e basta", ha risposto Jeanette.

Poi mi sono chinato e le ho dato un grande abbraccio. Non ho potuto fare a meno di darle un bacio sulla guancia anche io.

"Ti amo Jeanette," dissi mentre mi allontanavo da lei.

"Anche io ti amo Callie, più che un'amica. Voglio dire, è davvero nuovo e un po' strano per me in questo momento. So che non voglio che finisca presto", rispose Jeanette.

Poi ci siamo abbracciati ancora una volta, ma anche lei non ha potuto fare a meno di darmi un bacio.

"Beh, sei un grande baciatore", ha detto Jeanette.

"Beh, mi sto esercitando con la mia migliore amica e sto per sposare suo padre. Quindi, sì, sto abbastanza bene", ho risposto.

Poi ho ricevuto una chiamata da John.

"Oh, è tuo padre", dissi.

Allora ho risposto.

"Ciao amante, dove sei?" Ho chiesto.

"Ehi tesoro, farò un po' tardi stasera. Tu e Jeanette potete trovare qualcosa da mangiare?" chiese Giovanni.

"Sì che possiamo, ma cosa stai facendo, lavorando sodo o lavorando poco?" Ho chiesto.

"Sei divertente. Sto solo lavorando fino a tardi su un piccolo progetto allo stabilimento. Non dovrei impiegare più di un paio d'ore", rispose John.

"Ok tesoro, ti amo", dissi.

"Anche io ti amo angelo. C'è Jeanette?" chiese Giovanni.

"Sì, ecco qui", ho risposto.

Poi le ho passato il telefono e lei ha parlato con lui per un minuto.

"OK papà, ti voglio bene anch'io. Ci vediamo dopo", disse Jeanette.

Poi ha riattaccato il telefono e ha dato un bacio anche a me.

"Beh, staremo soli per un altro paio d'ore. Allora possiamo?" chiese Jeanette.

Era la mia migliore amica, ero sessualmente attratto da lei e mi stava facendo una faccia da cucciolo.

"Succede solo una volta e tuo padre non lo scopre mai. Hai capito?" Ho chiesto.

"Sì", ha risposto Jeanette poco prima di baciarmi di nuovo.

"Dico sul serio Jeanette. Voglio che questa relazione con tuo padre funzioni. Non potrà mai scoprirlo, mai", dissi.

"OK, capisco. Sarà solo una volta e preferirei guidare la mia macchina giù da un dirupo con tutti i miei vestiti e tutto il resto che possiedo e poi lasciare che mio padre lo scopra, lo giuro", ha risposto Jeanette.

Poi siamo saliti entrambi sul letto con lei sopra di me. Abbiamo iniziato a pomiciare appassionatamente per alcuni minuti mentre entrambi ci avvolgevamo le braccia l'uno intorno all'altro. Le nostre tette si premevano l'una contro l'altra bene anche attraverso le nostre camicie e reggiseni. Sapevo che era sbagliato, ma immagino di non poter fare a meno di farlo una volta con lei quando si è presentata l'opportunità. Così si è alzata e si è tolta la maglietta. Ho messo le mani sulle sue tette.

"Bella Jeanette, vivace", dissi.

Poi si è tolta anche il reggiseno ed ha mostrato le sue belle tette. Ho toccato le sue tette B-cup per la prima volta e le ho adorate fin dall'inizio. Non ho mai sentito le tette di un'altra donna prima. Quindi la mia prima esperienza con le tette di un'altra donna è stata scioccante.

"Wow, si sentono assolutamente fantastici Jeanette. Accidenti, tua madre aveva delle belle tette come queste?" Ho chiesto.

"Forse, perché vuoi farlo anche con lei?" chiese Jeanette.

Poi ho pensato che non suonasse nel modo in cui lo intendeva lei.

"Stavo solo scherzando onestamente", ha detto Jeanette.

"Conosco Jeanette. Ora fammi vedere che sapore hanno queste tette," ho risposto mentre mi chinavo.

Ho iniziato a leccare i capezzoli di Jeanette. Aveva anche capezzoli di dimensioni decenti, né troppo grandi né troppo piccoli. Non credo che nessuna di noi fosse lesbica, eravamo solo attratte l'una dall'altra e capita che entrambe siamo donne.

"Oh merda il mio migliore amico. Hai delle capacità di leccare i capezzoli", ha detto Jeanette.

"Ti piace quella Jeanette?" Ho chiesto.

"Sì, mi piace Callie. Sei la migliore amica che una donna possa chiedere", ha risposto Jeanette.

Poi l'ho fatta sdraiare sulla schiena. Mi sono avvicinato a lei e le ho dato un bacio sulle labbra. Baciarci l'un l'altro era diventato davvero bello, penso che entrambi fossimo più che a nostro agio a quel punto. Poi mi chinai e ricominciai a leccarle i capezzoli. Emise alcuni gemiti sommessi. Erano davvero buoni segni di piacere.

"Sarebbe strano se ti togliessi i vestiti?" chiese Jeanette.

"No, per niente. Anzi, mi piacerebbe," ho risposto.

Quindi ci siamo entrambi alzati e lei mi ha tolto la maglietta e ha avuto modo di vedere le mie tette da coppa C. E i suoi occhi stavano per uscirle dalla testa.

"Significa 'Santo cielo, adoro le tue tette?' Jeanette?" Ho chiesto.

"Sì, è un dato di fatto. So che anche tua madre aveva delle belle lattine. Immagino che siamo almeno un po' fortunati, ma io ho solo le coppe B", ha risposto Jeanette.

"Beh, prima o poi sarai incinta", dissi.

Poi ci siamo abbracciati di nuovo e anche lei mi ha tolto il reggiseno. Poi ha dato un'altra bella occhiata al mio rack. Poi penso che si sia innamorata di me un po' di più. Poi abbiamo premuto le nostre tette l'una contro l'altra molto bene mentre si chinava.

"Hai ancora un bel portapacchi", dissi.

"Grazie, però mi piacciono di più i tuoi. Sono grandi e pimpanti. E con te che sei incinta, miglioreranno", ha risposto Jeanette.

Poi l'ho spinta sulla schiena e sono salito su di lei ancora una volta. Ho iniziato a baciarla su tutto il viso. Ho iniziato a scendere a sud. Anche io l'ho baciata fino in fondo. Respirava un po' rapidamente, ovviamente era piuttosto nervosa per non dire altro. Poi l'ho fatto alla sua zona inguinale. Ho sciolto lentamente e tirato giù i pantaloni. Mi sono davvero innervosita, stavo respirando un po' velocemente dato che le avevo completamente tolto i pantaloni, poi sono salito su di lei e l'ho baciata una volta.

"Mi prenderai in giro ancora per molto?" chiese Jeanette.

"Oh, scusa, questo ti sta facendo impazzire?" Ho chiesto.

"Sì lo è, ora vai laggiù, voglio quella lingua tra quelle labbra adesso", rispose Jeanette.

Poi, come lei comanda, sono sceso di nuovo e lentamente le ho tolto anche il perizoma.

"Un altro perizoma Jeanette?" Ho chiesto.

"Ti piace, quindi non guardarmi così," rispose Jeanette.

Mi sono sporto in avanti e le ho dato una leggera leccata alla figa. Emise un gemito molto sommesso.

"Dai Callie, fottimi come intendi," disse Jeanette.

Così ho iniziato a mangiarla mentre piegava la testa all'indietro e gemeva un po' di più.

"Oh merda Callie, ora è quello che mi piace. Mangia ancora il tuo migliore amico", ha detto Jeanette.

Mangiarla fuori era un'esperienza l'ultima volta, ma ora era ancora meglio. Non so perché, a parte il fatto che mi è piaciuto molto. La sua figa era già davvero fradicia e quando ho iniziato a infilare la lingua nella sua figa, la stavo rendendo incredibilmente fradicia.

"Santo cielo Callie, so solo che ti amo fottutamente più di una matrigna", ha detto Jeanette.

"Ti amo più di una figliastra Jeanette. E penso che saremo anche molto legati", ho risposto.

Ho allargato un po' le labbra della sua figa e ho infilato la mia lingua nella sua figa. Ciò ha intensificato molto il piacere e ha iniziato a urlare molto forte, quindi lo stavo facendo bene per quanto potevo dire. Mi ha messo le mani sulla testa e mi ha fatto infilare la lingua nella sua figa un po' più a fondo. Avevo una lingua di dimensioni decenti e ho messo tutto nella sua figa. L'ho spostato e le sue urla sono diventate ancora più forti.

"Shh, abbassalo un po'. Non vogliamo che qualcuno ci senta", dissi.

"OK, continua a fottermi," rispose Jeanette.

Così ho infilato la mia lingua nella sua figa. La sua figa era ancora fradicia e scintillante e potevo assaporare ogni singola goccia dei suoi succhi che uscivano. Era ancora nuovo per me, ma era stravagante, quindi mi piaceva. E mi sono assicurato di raggiungere quel punto G importante.

"Merda Callie, mi farai esplodere!" gridò Jeanette.

Poi mi è venuta in faccia, così sono risalito su di lei e ci siamo baciati di nuovo.

"Wow, sapevo che ti stavo facendo sentire bene, ma dannazione mia signora", dissi.

"Beh, hai solo avuto la tua lingua nella mia figa e hai colpito anche il mio punto g", ha risposto Jeanette.

Ci siamo baciati numerose volte su tutte le facce dell'altro. Poi ci siamo coccolati anche noi per un po'. Un minuto dopo ci alzammo entrambi e lei mi tolse anche i pantaloni e le mutande. Salimmo entrambi sul letto e iniziammo a sforbiciarci a vicenda.

"Dannazione mia signora, ti piace farlo con me", ha detto Jeanette.

"Beh, ricorda solo che sarà una cosa irripetibile, perché ti amo", ho risposto.

"Va bene, rovinare lo sport", ha detto Jeanette.

Mentre ci strofinavamo le fighe insieme, ho iniziato ad eccitarmi un po' di più, non potevo farne a meno. Sapevo ancora che non era giusto, ma era comunque perverso, ma alla fine anche io dovevo avere un orgasmo. Cominciai anche a lamentarmi un po' forte.

"Santo cielo Jeanette, anch'io esploderò, cazzo," dissi.

Poi sono venuto tutto il letto e la sua figa. Si è messa a pancia in giù e ha leccato tutto lo sperma che era sulla mia figa e sulle mie gambe.

"Ora non riempirti troppo," dissi.

Rise un po' e mi diede un altro bacio. Poi ci siamo sdraiati di nuovo insieme per coccolarci, ho appoggiato la testa sulle sue tette mentre mi abbracciava e mi baciava la testa.

"Ti amo Jeanette, ma non so cosa fare con questo amore onestamente. Voglio dire, anch'io amo tuo padre. È il miglior amante che abbia mai avuto e si prende davvero cura di entrambi. Io Non voglio davvero spezzargli il cuore. Ricorda che all'inizio eri preoccupato che lo facessi," dissi

"Lo so, ti amo anch'io," rispose Jeanette sospirando.

"So che fa schifo. Siamo come lesbiche per una donna e io sono già una relazione impegnata. Non so cosa dire", dissi.

Entrambi ci siamo schierati dalla nostra parte e ci siamo affrontati.

"Dimmi solo che mi ami Callie", rispose Jeanette.

"Ti amo Jeanette", dissi.

Poi mi ha dato un bacio.

"Ti amo anch'io Callie, possiamo solo coccolarci qui nudi ancora per un po'?" chiese Jeanette.

Certo, ma per troppo tempo", risposi.

Poi si abbracciarono di nuovo e si coccolarono ancora per un po'. Avevamo ancora un po' di tempo prima che John tornasse. Forse fare di nuovo sesso con lei non era l'idea migliore. Voglio dire, ci siamo divertiti entrambi, ma io l'amavo già ed ero anche coinvolto emotivamente con lei. Penso che stavo solo scavando quel buco emotivo ancora più profondo. Non ero sicuro di quanto più profondo potesse andare.

Storie simili

Un tranquillo interludio

Sto ai piedi del tavolo e ti guardo intensamente. Il silenzio sta provocando il caos sui tuoi sensi già sovraeccitati. I miei occhi viaggiano sul tuo viso prendendo nota della leggera apertura delle tue labbra, del solco tra le tue sopracciglia e del dilatarsi delle tue narici, tutti segni della tua consapevolezza accresciuta. Il mio sguardo si interroga sui muscoli della parte superiore delle tue braccia, serrati e tesi, sui polsini di pelle attorno a ciascun polso, collegati tra loro e tenuti sopra la tua testa con un unico laccio. Anche se posso seguire il cavo solo fino al bordo del...

382 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

433 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

462 I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

317 I più visti

Likes 1

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

405 I più visti

Likes 0

Quid pro quo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>PARTE 1: L'intervista >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Luke si trova nell'ascensore e si dirige verso l'ultimo piano della Salesforce Tower. Ha il caffè in mano portando lo zaino su una spalla. Fissa il suo riflesso sulla porta dell'ascensore. Sta a 6'0 vestito nel suo solito look casual da lavoro. Ha pantaloni argentati su misura per la sua corporatura con una camicia blu abbottonata e un paio di scarpe nere. L'ascensore suona e la porta si apre. Si fa strada lungo un corridoio e si dirige verso la suite dell'azienda per cui lavora. Luke apre la porta e si dirige verso l'area della reception...

163 I più visti

Likes 0

Che cosa hai fatto a Jessica?

Ho aperto lentamente gli occhi e ho visto una bella ragazza che dormiva accanto a me. La sua pelle morbida e pallida, gli occhi adorabili, le labbra succose, i capezzoli morbidi, i capezzoli succosi mi stavano facendo sentire quanto sono fortunato ad averla. Ricordo ancora la nostra relazione di allora prima che lei lasciata la casa. Non abbiamo mai avuto un rapporto fratello-sorella. Non parlavamo mai molto. Lei era impegnata nel suo mondo e io nel mio mondo. Aveva 8 anni più di me. Quindi non mi piaceva l'idea di stare a casa di mia sorella quando mia madre decise di...

566 I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

485 I più visti

Likes 0

Risveglio eterno: capitolo sei

***Disclaimer*** Come al solito, questa non è la mia storia. Non ho creato, modificato o modificato nessuna parte di questa storia. È opera di Captius. __________________________________________________________________________________ Come sempre non dimenticare di votare e commentare. E grazie a chi ha commentato l'ultimo capitolo che questo era meglio della sfida. Ciò rendeva Mishikail insopportabile e quasi impossibile da affrontare ahah. No, ma davvero, l'hai fatta per tutto l'anno finora (anche se pensavamo che ci fossero trascorse un paio di settimane). Capitolo sei: Retribuzione e coinvolgimento Nel corso delle quattro settimane successive le cose sono andate abbastanza lisce, il più lisce possibile considerando tutto...

400 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

471 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.