Il papà del mio amico 8

1.9KReport
Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto "Cattivo" se capisci cosa intendo.

"Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi?" Ho chiesto.

"Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio, direi che eri Wonder Woman ", ha risposto Jeanette.

"Ehi, solo tuo padre può chiamarmi così", dissi.

"Scusa, ma comunque Callie, mio ​​padre ha davvero sconvolto il tuo mondo in quel modo?" chiese Jeanette.

Mi è sembrato più che un po' strano. Voleva sapere se era davvero così bravo a letto?

"Sì, è così bravo. Perché pensi che abbia finto quell'orgasmo?" Ho chiesto.

"Bene, l'hai fatto? Non sono riuscita a dare un'occhiata così bella, ma sembrava troppo perfetta," replicò Jeanette.

"Beh, era vero, tuo padre è un grande amante anche con un cazzo enorme, mi sento così bene dentro", dissi.

"Sì, ma non avevo davvero bisogno di sentirlo," rispose Jeanette.

"Volevi sapere se era davvero così bravo a letto. Quindi ti ho detto le due cose più importanti che lo rendono così bravo a letto, è un grande amante e ne ha uno enorme. Perché anche tu hai una cotta per lui? " Ho chiesto.

"No, certo che no, non incesto. È solo l'uomo che ti stai scopando e ti stai preparando a sposare. Sono solo attratto da te per qualche motivo," replicò Jeanette.

Poi ha messo la sua mano sulla mia, non ero sicuro di cosa si aspettasse esattamente da me. Voglio dire, sapeva quanto amavo suo padre. Ci siamo mangiati a vicenda una volta, ma è tutto ciò con cui mi sentivo davvero a mio agio.

"Posso baciarti, solo una volta?" chiese Jeanette.

"Certo, solo una volta," ho risposto.

Poi si chinò e mi diede un bacio sulle labbra. Poi tornò a sedersi.

"Beh, grazie per questo. Lo apprezzo", ha detto Jeanette.

"Prego, immagino," ho risposto.

Poi abbiamo fatto del nostro meglio per studiare ancora una volta, ma potevo dire che c'era altro che voleva uscire.

"C'è qualcos'altro che vuoi dire o chiedermi?" Ho chiesto.

Beh, mi aspettavo qualcosa del tipo, 'Ti è piaciuto quello che abbiamo fatto?' o forse 'Pensi che tu e mio padre romperete mai il letto?', ma no, ho capito.

"Faresti sesso con me se te lo chiedessi?" chiese Jeanette.

Non mi aspettavo niente di tutto questo

"Vuoi dire come mangiarsi a vicenda di nuovo?" Ho chiesto.

"Beh sì, e intendo come quando siamo entrambi nudi a scoparci l'un l'altro. Sai il sesso hardcore, come quello che avete fatto tu e mio padre?" chiese Jeanette.

A dire il vero, lo volevo. L'ho fatto onestamente, ma non pensavo di poterlo fare a John. Voglio dire, so che era solo sua figlia, ma comunque, non ero un imbroglione e ci eravamo già mangiati a vicenda una volta prima. Immagino che volesse di più.

"Voglio dire che mio padre non deve mai scoprirlo, e possiamo farlo solo una volta. Solo una volta e non 10 volte al giorno come voi due", ha detto Jeanette.

"Beh, fammi pensare per un po'. Voglio dire, non voglio davvero rovinare le cose con tuo padre. Mi sto preparando a sposarlo e proprio non lo so," ho risposto.

Sapeva leggere facilmente tra le righe.

"Lascia perdere Callie. Non avrei dovuto metterti in quella posizione comunque, mi dispiace," disse Jeanette.

Poi è tornata a studiare. Mi sentivo un po' male, lei provava dei sentimenti per me. Devono essersi sviluppati mentre mi guardava con suo padre, e immagino non solo quando ci ha visto fare sesso. Così mi sono avvicinato a lei e le ho messo il braccio sinistro sul collo. Le ho dato un bacio sulla guancia.

"Sai che anch'io ti amo davvero. Non ti ho detto una stronzata la scorsa notte, ti amo davvero. Siamo migliori amici da sempre e ci tengo davvero molto a te. Mi dispiace e non dispiaciuto, immagino. Nessuno dovrebbe chiedere scusa per aver amato qualcuno, ma d'altra parte, sono con tuo padre. Anch'io lo amo davvero. Lo amavo prima di scoprire che anch'io ero incinta e tu non avevi idea, ma ti dirò questo: la tua amicizia significa tutto per me. Non ti chiederò di andartene quando ci sposeremo e avremo il bambino. Mi mancherai troppo. Voglio che tu rimanga qui con noi", dissi.

"Bene bene, non stavo per andarmene, cazzo. Dovrai inviare una squadra SWAT o qualcosa del genere per tirarmi fuori di qui. Non lascerò la mia migliore amica. Anche se si fosse innamorata di mio padre e sono rimasta incinta. Sei la mia migliore amica e basta", ha risposto Jeanette.

Poi mi sono chinato e le ho dato un grande abbraccio. Non ho potuto fare a meno di darle un bacio sulla guancia anche io.

"Ti amo Jeanette," dissi mentre mi allontanavo da lei.

"Anche io ti amo Callie, più che un'amica. Voglio dire, è davvero nuovo e un po' strano per me in questo momento. So che non voglio che finisca presto", rispose Jeanette.

Poi ci siamo abbracciati ancora una volta, ma anche lei non ha potuto fare a meno di darmi un bacio.

"Beh, sei un grande baciatore", ha detto Jeanette.

"Beh, mi sto esercitando con la mia migliore amica e sto per sposare suo padre. Quindi, sì, sto abbastanza bene", ho risposto.

Poi ho ricevuto una chiamata da John.

"Oh, è tuo padre", dissi.

Allora ho risposto.

"Ciao amante, dove sei?" Ho chiesto.

"Ehi tesoro, farò un po' tardi stasera. Tu e Jeanette potete trovare qualcosa da mangiare?" chiese Giovanni.

"Sì che possiamo, ma cosa stai facendo, lavorando sodo o lavorando poco?" Ho chiesto.

"Sei divertente. Sto solo lavorando fino a tardi su un piccolo progetto allo stabilimento. Non dovrei impiegare più di un paio d'ore", rispose John.

"Ok tesoro, ti amo", dissi.

"Anche io ti amo angelo. C'è Jeanette?" chiese Giovanni.

"Sì, ecco qui", ho risposto.

Poi le ho passato il telefono e lei ha parlato con lui per un minuto.

"OK papà, ti voglio bene anch'io. Ci vediamo dopo", disse Jeanette.

Poi ha riattaccato il telefono e ha dato un bacio anche a me.

"Beh, staremo soli per un altro paio d'ore. Allora possiamo?" chiese Jeanette.

Era la mia migliore amica, ero sessualmente attratto da lei e mi stava facendo una faccia da cucciolo.

"Succede solo una volta e tuo padre non lo scopre mai. Hai capito?" Ho chiesto.

"Sì", ha risposto Jeanette poco prima di baciarmi di nuovo.

"Dico sul serio Jeanette. Voglio che questa relazione con tuo padre funzioni. Non potrà mai scoprirlo, mai", dissi.

"OK, capisco. Sarà solo una volta e preferirei guidare la mia macchina giù da un dirupo con tutti i miei vestiti e tutto il resto che possiedo e poi lasciare che mio padre lo scopra, lo giuro", ha risposto Jeanette.

Poi siamo saliti entrambi sul letto con lei sopra di me. Abbiamo iniziato a pomiciare appassionatamente per alcuni minuti mentre entrambi ci avvolgevamo le braccia l'uno intorno all'altro. Le nostre tette si premevano l'una contro l'altra bene anche attraverso le nostre camicie e reggiseni. Sapevo che era sbagliato, ma immagino di non poter fare a meno di farlo una volta con lei quando si è presentata l'opportunità. Così si è alzata e si è tolta la maglietta. Ho messo le mani sulle sue tette.

"Bella Jeanette, vivace", dissi.

Poi si è tolta anche il reggiseno ed ha mostrato le sue belle tette. Ho toccato le sue tette B-cup per la prima volta e le ho adorate fin dall'inizio. Non ho mai sentito le tette di un'altra donna prima. Quindi la mia prima esperienza con le tette di un'altra donna è stata scioccante.

"Wow, si sentono assolutamente fantastici Jeanette. Accidenti, tua madre aveva delle belle tette come queste?" Ho chiesto.

"Forse, perché vuoi farlo anche con lei?" chiese Jeanette.

Poi ho pensato che non suonasse nel modo in cui lo intendeva lei.

"Stavo solo scherzando onestamente", ha detto Jeanette.

"Conosco Jeanette. Ora fammi vedere che sapore hanno queste tette," ho risposto mentre mi chinavo.

Ho iniziato a leccare i capezzoli di Jeanette. Aveva anche capezzoli di dimensioni decenti, né troppo grandi né troppo piccoli. Non credo che nessuna di noi fosse lesbica, eravamo solo attratte l'una dall'altra e capita che entrambe siamo donne.

"Oh merda il mio migliore amico. Hai delle capacità di leccare i capezzoli", ha detto Jeanette.

"Ti piace quella Jeanette?" Ho chiesto.

"Sì, mi piace Callie. Sei la migliore amica che una donna possa chiedere", ha risposto Jeanette.

Poi l'ho fatta sdraiare sulla schiena. Mi sono avvicinato a lei e le ho dato un bacio sulle labbra. Baciarci l'un l'altro era diventato davvero bello, penso che entrambi fossimo più che a nostro agio a quel punto. Poi mi chinai e ricominciai a leccarle i capezzoli. Emise alcuni gemiti sommessi. Erano davvero buoni segni di piacere.

"Sarebbe strano se ti togliessi i vestiti?" chiese Jeanette.

"No, per niente. Anzi, mi piacerebbe," ho risposto.

Quindi ci siamo entrambi alzati e lei mi ha tolto la maglietta e ha avuto modo di vedere le mie tette da coppa C. E i suoi occhi stavano per uscirle dalla testa.

"Significa 'Santo cielo, adoro le tue tette?' Jeanette?" Ho chiesto.

"Sì, è un dato di fatto. So che anche tua madre aveva delle belle lattine. Immagino che siamo almeno un po' fortunati, ma io ho solo le coppe B", ha risposto Jeanette.

"Beh, prima o poi sarai incinta", dissi.

Poi ci siamo abbracciati di nuovo e anche lei mi ha tolto il reggiseno. Poi ha dato un'altra bella occhiata al mio rack. Poi penso che si sia innamorata di me un po' di più. Poi abbiamo premuto le nostre tette l'una contro l'altra molto bene mentre si chinava.

"Hai ancora un bel portapacchi", dissi.

"Grazie, però mi piacciono di più i tuoi. Sono grandi e pimpanti. E con te che sei incinta, miglioreranno", ha risposto Jeanette.

Poi l'ho spinta sulla schiena e sono salito su di lei ancora una volta. Ho iniziato a baciarla su tutto il viso. Ho iniziato a scendere a sud. Anche io l'ho baciata fino in fondo. Respirava un po' rapidamente, ovviamente era piuttosto nervosa per non dire altro. Poi l'ho fatto alla sua zona inguinale. Ho sciolto lentamente e tirato giù i pantaloni. Mi sono davvero innervosita, stavo respirando un po' velocemente dato che le avevo completamente tolto i pantaloni, poi sono salito su di lei e l'ho baciata una volta.

"Mi prenderai in giro ancora per molto?" chiese Jeanette.

"Oh, scusa, questo ti sta facendo impazzire?" Ho chiesto.

"Sì lo è, ora vai laggiù, voglio quella lingua tra quelle labbra adesso", rispose Jeanette.

Poi, come lei comanda, sono sceso di nuovo e lentamente le ho tolto anche il perizoma.

"Un altro perizoma Jeanette?" Ho chiesto.

"Ti piace, quindi non guardarmi così," rispose Jeanette.

Mi sono sporto in avanti e le ho dato una leggera leccata alla figa. Emise un gemito molto sommesso.

"Dai Callie, fottimi come intendi," disse Jeanette.

Così ho iniziato a mangiarla mentre piegava la testa all'indietro e gemeva un po' di più.

"Oh merda Callie, ora è quello che mi piace. Mangia ancora il tuo migliore amico", ha detto Jeanette.

Mangiarla fuori era un'esperienza l'ultima volta, ma ora era ancora meglio. Non so perché, a parte il fatto che mi è piaciuto molto. La sua figa era già davvero fradicia e quando ho iniziato a infilare la lingua nella sua figa, la stavo rendendo incredibilmente fradicia.

"Santo cielo Callie, so solo che ti amo fottutamente più di una matrigna", ha detto Jeanette.

"Ti amo più di una figliastra Jeanette. E penso che saremo anche molto legati", ho risposto.

Ho allargato un po' le labbra della sua figa e ho infilato la mia lingua nella sua figa. Ciò ha intensificato molto il piacere e ha iniziato a urlare molto forte, quindi lo stavo facendo bene per quanto potevo dire. Mi ha messo le mani sulla testa e mi ha fatto infilare la lingua nella sua figa un po' più a fondo. Avevo una lingua di dimensioni decenti e ho messo tutto nella sua figa. L'ho spostato e le sue urla sono diventate ancora più forti.

"Shh, abbassalo un po'. Non vogliamo che qualcuno ci senta", dissi.

"OK, continua a fottermi," rispose Jeanette.

Così ho infilato la mia lingua nella sua figa. La sua figa era ancora fradicia e scintillante e potevo assaporare ogni singola goccia dei suoi succhi che uscivano. Era ancora nuovo per me, ma era stravagante, quindi mi piaceva. E mi sono assicurato di raggiungere quel punto G importante.

"Merda Callie, mi farai esplodere!" gridò Jeanette.

Poi mi è venuta in faccia, così sono risalito su di lei e ci siamo baciati di nuovo.

"Wow, sapevo che ti stavo facendo sentire bene, ma dannazione mia signora", dissi.

"Beh, hai solo avuto la tua lingua nella mia figa e hai colpito anche il mio punto g", ha risposto Jeanette.

Ci siamo baciati numerose volte su tutte le facce dell'altro. Poi ci siamo coccolati anche noi per un po'. Un minuto dopo ci alzammo entrambi e lei mi tolse anche i pantaloni e le mutande. Salimmo entrambi sul letto e iniziammo a sforbiciarci a vicenda.

"Dannazione mia signora, ti piace farlo con me", ha detto Jeanette.

"Beh, ricorda solo che sarà una cosa irripetibile, perché ti amo", ho risposto.

"Va bene, rovinare lo sport", ha detto Jeanette.

Mentre ci strofinavamo le fighe insieme, ho iniziato ad eccitarmi un po' di più, non potevo farne a meno. Sapevo ancora che non era giusto, ma era comunque perverso, ma alla fine anche io dovevo avere un orgasmo. Cominciai anche a lamentarmi un po' forte.

"Santo cielo Jeanette, anch'io esploderò, cazzo," dissi.

Poi sono venuto tutto il letto e la sua figa. Si è messa a pancia in giù e ha leccato tutto lo sperma che era sulla mia figa e sulle mie gambe.

"Ora non riempirti troppo," dissi.

Rise un po' e mi diede un altro bacio. Poi ci siamo sdraiati di nuovo insieme per coccolarci, ho appoggiato la testa sulle sue tette mentre mi abbracciava e mi baciava la testa.

"Ti amo Jeanette, ma non so cosa fare con questo amore onestamente. Voglio dire, anch'io amo tuo padre. È il miglior amante che abbia mai avuto e si prende davvero cura di entrambi. Io Non voglio davvero spezzargli il cuore. Ricorda che all'inizio eri preoccupato che lo facessi," dissi

"Lo so, ti amo anch'io," rispose Jeanette sospirando.

"So che fa schifo. Siamo come lesbiche per una donna e io sono già una relazione impegnata. Non so cosa dire", dissi.

Entrambi ci siamo schierati dalla nostra parte e ci siamo affrontati.

"Dimmi solo che mi ami Callie", rispose Jeanette.

"Ti amo Jeanette", dissi.

Poi mi ha dato un bacio.

"Ti amo anch'io Callie, possiamo solo coccolarci qui nudi ancora per un po'?" chiese Jeanette.

Certo, ma per troppo tempo", risposi.

Poi si abbracciarono di nuovo e si coccolarono ancora per un po'. Avevamo ancora un po' di tempo prima che John tornasse. Forse fare di nuovo sesso con lei non era l'idea migliore. Voglio dire, ci siamo divertiti entrambi, ma io l'amavo già ed ero anche coinvolto emotivamente con lei. Penso che stavo solo scavando quel buco emotivo ancora più profondo. Non ero sicuro di quanto più profondo potesse andare.

Storie simili

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

2K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

2K I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

1.9K I più visti

Likes 1

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

2K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

Ragazzone 1

BigBoy 1 modifica 2 ​Alla fine degli anni settanta, dopo aver divorziato dalla mia seconda moglie, ho iniziato a picchiare di nuovo la scena della festa.. Ho incontrato questa donna in un bar una notte, mi sono fatta abbastanza ubriaca e arrapata, quindi noi deciso di andare a casa mia.. Lungo la strada passammo davanti a un negozio di libri per adulti, Mi ha chiesto se ero mai stato lì e ovviamente ho detto di sì perché il il proprietario era un cliente e un amico.. Ha detto che non era mai stata perché era troppo timida per andare da sola...

2K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

L'ultima speranza bianca (Capitolo 1)

Questa è una storia di fantasia sul diventare presidente del nostro paese. È una sorta di parallelo con la nostra storia e la nostra linea temporale. Il primo capitolo riguarda lo sviluppo del personaggio principale Alcune informazioni di base su di me prima di entrare troppo nella storia. Mi chiamo Stewart Thomas Whitteman. Faccio il mio secondo nome e tutti mi chiamano Tom. Odio il nome Stewart. Era il nome preferito dello zio di mia madre. Sono nato il 5 maggio 1955. Sono alto un metro e ottanta, peso 210 libbre, ho i capelli e gli occhi castani. Mi alleno regolarmente...

1.9K I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.