Così com'è - Parte 3

595Report
Così com'è - Parte 3

La mattina dopo Stuie si svegliò dal rumore di sua madre che si preparava per la giornata. Stava ancora pensando a cosa indossare per attirare l'attenzione di una sorella di cui non era ancora sicuro. Ha scelto di indossare la sua canotta aderente rosso vivo e un paio di pantaloncini triathalon aderenti, spesso indossati per gli allenamenti di wrestling, che avrebbero accentuato il suo "pacco" e i panini. Non riusciva a trovare un paio completo di sandali o infradito prontamente disponibili, quindi i piedi nudi sarebbero andati benissimo.

Passò tra le stanze della casa in cucina per aiutare sua sorella a preparare la colazione. Aveva gli occhi assonnati e come al solito lo riconosceva a malapena, così intenta ai suoi compiti. Ma era quello che indossava che lo risvegliò dalla fatica per qualche minuto. Aveva i suoi tagli di jeans più corti. Per essere un top, era vestita con una camicetta di cotone indiano colorato con almeno tre bottoni aperti in alto e rivelando un sacco di ombelico che lusingava una figura a clessidra in via di sviluppo. Non era evidente a Stuie se quella mattina indossasse un reggiseno da allenamento. Come mai le sue braccia e le sue gambe si sono abbronzate così presto in estate? Per meno di un minuto pensò di dover entrare in un'altra stanza della casa per far fronte a un osso in crescita che sarebbe stato vistosamente delineato nei suoi pantaloncini sportivi. Ma la sua concentrazione sulla necessità di non rovinare il caffè quella mattina era una gradita distrazione.

Quando il pasto mattutino fu pronto, ricevettero le solite istruzioni dalla madre. Stuie doveva controllare le fotocopie dei documenti di lavoro dei potenziali migranti stranieri che potrebbero essere assunti che erano arrivate per posta il giorno prima. Verifica la presenza di bandiere rosse per chiunque non sia idoneo. Durante la colazione, i due si scambiarono sguardi consapevoli. Poco prima di finire la sua seconda tazza di caffè prima di partire per il suo lavoro diurno, la madre li osservò entrambi per il loro strano abbigliamento. "Ragazzi, avete dei programmi per il fine settimana che iniziano oggi di cui dovrei essere al corrente? Julie, non avete intenzione di incontrarvi con un ragazzo che non mi è stato ancora presentato? Stuie, non avete invitato un tugurio di atleti del college a accampati qui per qualche gara, vero?"

Entrambi si limitarono a guardare i piatti della colazione prima di rispondere. "No signora!"'

La madre ha risposto dopo aver dato a entrambi i suoi figli un'espressione dubbiosa. "A volte penso di aver dato alla luce un paio di furti." '

La loro madre fuori dalla porta, si sedettero al loro posto a tavola, guardandosi l'un l'altro. Hanno ascoltato attentamente mentre il pick-up si avviava e la madre guidava il veicolo sulla lunga strada sterrata lontano dalla casa e dai frutteti per imboccare la strada principale che porta in città. Fu Julie che fece irruzione nel suo ampio sorriso da folletto prima che il camion fosse fuori portata d'orecchio.

All'improvviso saltò dal suo posto e si avvicinò a suo fratello, cercando di tirare indietro la sedia dal tavolo dove poteva sedersi sulle sue ginocchia. Lo baciò sulle labbra dove i due erano a bocca aperta quel tanto che bastava per scambiare le estremità delle loro lingue. La sua piccola mano destra si diresse dritta verso la parte anteriore della sua parte centrale, le sue dita furono in grado di sentire e accarezzare il profilo del suo uomo che ravvivava le calze attraverso il tessuto misto in parte di spandex dei suoi pantaloncini.

Tirò indietro la testa per interrompere il bacio e sbottò, "Lo voglio di nuovo. Voglio il tuo cazzo caldo."

Il fratello maggiore all'improvviso afferrò la vita sottile ei fianchi della sua flessuosa sorellina mentre si alzava dal tavolo e con un gesto atletico, gettò con competenza il suo corpo caldo sulla sua ampia spalla destra. Lei strillò di gioia. Grugnì versi animali indeterminati. "Avrete il mio cazzo, vostra altezza arrapata."

Il peso aggiunto su di lui fece cigolare i suoi piedi nudi contro il pavimento di linoleum mentre camminava dalla cucina nel salotto, attento a non sbattere sua sorella nel portico della porta, ma proiettando comunque un'immagine del potente e primitivo intento troglidito preistorico per aver fatto a modo suo con la femmina della sua tribù che ha appena raggiunto la maturità sessuale. "Mettimi giù, grande scimmia. Fammi avere il tuo grosso cazzo come voglio, non per violentarmi con esso." Julie riusciva a malapena a trattenersi dalle risatine.

Stuie si chinò con cautela per far scivolare via la ragazza dalla sua spalla e piantarla, con il culo in giù, nel divano. Si alzò con destinazione conclusa. Il suo rigonfiamento teso era a pochi centimetri dal suo viso. "OK, lascia uscire il cane e buttarti fuori, sorella."

Allungò la mano per prendere la fascia elastica nella parte superiore della parte anteriore dei suoi pantaloncini e fu sorpresa di quanto facilmente l'indumento si abbassasse di più di un piede, esponendolo completamente sotto la cintura in un buon strattone. La sua carne di uomo eccitato disteso è saltata fuori piacevolmente per salutare il suo conduttore con amichevole spavalderia, pulsante e bisognosa di attenzioni tattili. I suoi occhi si spalancarono di gioia con la prospettiva di un avvincente nuovo incontro, prendendo nota mentale dei succhi che già gocciolavano intorno alla testa di gallo fiorita che era penetrata in profondità nei potenti lombi lussuriosi del suo atletico fratello. Per quanto sottile fosse l'odore muschiato che emanava da tutte le bolle di eccitazione maschile a pochi centimetri di distanza, le inondò le narici provocandole una lunga inspirazione attraverso il naso e innescando i suoi succhi pubescenti freschi per iniziare a fluire dal suo stesso sesso.

Ha raggiunto per la lunghezza torrida dell'uomo cartilagine con entrambe le mani. Lo accarezzò forte e deciso a un ritmo crescente. "Oooohhhh sorellina, è così bello. Grande piccolo haaaannnndds lì, Julie." Era proteso in avanti e si sosteneva con la mano sinistra contro la parte superiore e la spalliera del divano. Julie era ipnotizzata dal fascino incantato della sua opera mentre la lunghezza del cazzo nelle sue mani si contraeva e si contraeva in palpitante appagamento nella morsa della navigazione costante.

Con la mano destra, stava tastando i piccoli pantaloncini dell'adolescente con il calore pulsante che nasceva dal calore della lussuria. Allargò le gambe in una ricettività istintiva. Fortunatamente il bottone in alto è stato solo uno scatto, e ha aperto la cerniera quasi di sua spontanea volontà mentre la carne bisognosa si stava staccando dappertutto. Era in grado di far scivolare facilmente le dita oltre la nuova crescita di morbidi peli nello sciroppo caldo che inzuppava le sue labbra gonfie. Fece scivolare delicatamente un dito grande solo un po' nel suo buco bagnato ma pulsante. Le sue altre dita sfiorarono cautamente le labbra sessuali e il clitoride ingrossato palpitante, pruriginoso e ardente. "Oooohhh non fermarti, è così bello" gemette, in un tono sensuale da gattino di profondi piaceri.

Il suo lavoro manuale sul suo cazzo diminuì e quasi si fermò mentre la sua attenzione si spostava sullo svenimento e sulle onde di caldo piacere che stava provando. In qualche modo è stato in grado di togliersi la canottiera con una mano e di occuparsi di lei in completa nudità, pensando che questo avrebbe migliorato ancora di più la sua stimolazione. Senza mai togliere la mano e le dita dal suo disperato micio adolescente, si inginocchiò e fu in grado di tirare via i suoi pantaloncini di jeans dal suo posto, giù e giù dalle sue gambe. Allargò la mano sulla sua zona genitale facendole aprire le gambe al massimo - un gesto inconscio di fiducia disinibita. Era ubriaca di tutte le sensazioni sensazionali. Usò una mano per aprire le sue labbra rosse e rosee e l'altra per far scivolare indietro il dito appena molto piano e iniziare ad applicare lentamente pressione contro il suo osso pubico. Con l'altra mano, ha premuto il pollice, scivoloso con i suoi succhi, molto leggermente in movimenti morbidi con il suo pad contro il suo clitoride affamato di attenzione. "Ooooooo sì, non fermarti."

Ha costantemente applicato più pressione sia dal dito all'interno piegato un po' indietro che si muove in un gesto di "vieni qui", sia dal suo pollice che batte contro il suo pulsante d'amore intensamente stimolante. La profondità del formicolio tagliente tra le sue cosce e le ondate di calore che si stavano diffondendo ulteriormente nel suo corpo e persino le sue estremità le segnalarono che un orgasmo esplosivo stava per incombere. "Stuie, oooo, oooohh", strillò. Inarcò la schiena in convulsioni tremanti e aprì la bocca per vocalizzare strilli punteggiati in un impeto di delirio estatico di una forza maggiore di quanto avesse mai sperimentato prima.

Stuie sentì la presa pulsante delle labbra della fica sul suo dito e l'effluente salsa calda dell'orgasmo adolescenziale fluire sulle sue dita e mani, ma le tenne attorno a sé finché non fu sicuro che l'euforia che aveva inondato tutti i suoi nervi e il suo cervello si fosse placata. Quando sembrò rianimarsi alla normale coscienza, si alzò per sedersi accanto a lei e annusare e leccare sulle mani gli scarichi dei suoi piaceri femminili. Il suo profumo e il suo sapore da giovane adolescente non erano così densi come quelli di una donna più matura, ma un po' più dolci e primaverili, come i germogli freschi della terra fertile.

Fu indotto a riportare le sue attenzioni sul suo cazzo ancora palpitante e ad accarezzarlo con rapida serietà. Julie era pienamente cosciente ed era in una concentrazione abbagliata e concentrata sull'intenzione di suo fratello di auto-piacere. "Oh, dolcezza Julie, qui vengo." Saltò per sporgersi sulle sue ginocchia e aprire la bocca appena sopra l'estremità del suo cazzo appena in tempo. Spruzzò uno spruzzo nella sua gola e un altro sulla sua lingua. Mentre il suo cazzo nella sua presa continuava a pulsare e spasmi, lei leccava via i piccoli incrementi del suo carico dalla sua fessura mentre emergevano, o dalle sue dita. Stuie gemette per tutto il tempo del suo piacere a bassa voce.

Nella calda vampata dopo l'orgasmo, Stuie sollevò le gambe e posò i polpacci sul grembo di Julie e si crogiolò nel bagliore. "Ohhh dolce sorella, è stato un sesso fantastico."

Julie ha iniziato a strofinare e massaggiare i piedi di suo fratello e le dita dei piedi sporgenti alla fine del divano appena oltre il suo grembo. "Dove hai mai imparato a sditalinare una ragazza in quel modo? È stato incredibile."

"Quella, la mia piccola dea del sesso in divenire, è una doppia stimolazione del clitoride e un'appendice dell'uretra all'interno della parete vaginale chiamata regione di Grafenberg, altrimenti nota come il punto 'G'. Qualsiasi ragazzo con cui tu abbia mai avuto una relazione sentimentale dovrebbe sapere come servirti in quel modo."

"Come hai saputo che cosa hanno le ragazze che ci dà un piacere così caldo e ci fa raggiungere l'orgasmo e cose del genere?"

"Penso di averti detto che stavo facendo sesso con alcune ragazze al liceo. La povera mamma era così spaventata che stavo per mettere incinta una ragazza, mi avrebbe messo delle gomme nello zaino. Mi ha detto di dirglielo immediatamente se mai avessi notato "piaghe" laggiù o faceva mai male fare pipì. Comunque, sembravano sempre divertirsi, ma a volte non tanto quanto me. Quindi ragazzi come me, e alcuni ragazzi che non fanno nemmeno domande alle ragazze in giro cosa possiamo fare, sai, per far venire le ragazze. Poi lo controlleremo su Internet."

"Beh, sicuramente hai fatto delle buone ricerche. Aspetta che dica ad alcune ragazze a scuola cosa stanno imparando alcuni ragazzi."

Il fratello nudo disteso sul divano gemette molto dolcemente in relax. "Oh sorella, fai dei bei massaggi ai piedi."

Julie spostò il palmo di una delle sue mani a pochi centimetri dal naso e le sue narici si dilatarono visibilmente mentre annusava. "Ah fratello, mi è appena stato ricordato che nessuno di noi due ha fatto la doccia stamattina."

Entrambi si guardarono in silenzio come avevano fatto al tavolo di cucina quella mattina. All'improvviso Stuie balzò in piedi dal divano. "L'ultimo che fa la doccia deve lavare il water." Il più alto dei 2 aveva diversi vantaggi, la maggior parte dei quali non aveva vestiti da togliere.

Julie ha solo slacciato l'ultimo bottone del suo top girando l'angolo nel bagno quando ha notato che suo fratello apriva i rubinetti e chiudeva la tenda. "Bastardo." Si era tolta il top e si era avvicinata alla vasca, pronta a fare il bagno con qualcun altro della sua famiglia per la prima volta da quando era molto piccola. Evidentemente l'acqua era bollente fin da subito. "Mi scotterò. Non c'è da stupirsi che l'acqua calda inizi a cedere se fai la doccia prima di me, egoista." Ha parlato mentre si arrampicava sul retro della vasca, ma è stata resa senza parole dall'immagine sensuale di suo fratello che si inzuppava direttamente sotto il rubinetto della doccia. Era come se il ragazzo più grande, stanco, sciocco e completamente nudo, che aveva camminato quasi barcollando a tarda notte nel corridoio che separava le camere da letto dal bagno, si fosse trasformato nella maestosa nudità di un giovane del calibro del David di Michelangelo. L'attraente e vivida carne umana animistica nelle vesti di un atleta del college era stata catturata in un'istantanea di una scultura avvincente nello stile di Rodin. Spalle larghe costruite su pettorali tonici adornati simmetricamente da capezzoli duri piccoli ma molto appuntiti, tutti luccicavano in uno spettacolo abbagliante di ineffabile umidità dalla beata doccia calda di un giovane.

L'umidità lusingava quasi tutto il resto, dalla struttura ossea robusta dei suoi piedi e delle dita dei piedi alle sue cosce potenti agli addominali a coste centrati da un ombelico piccolo ma cavernoso che superava una scia di peli bagnati che si tuffavano in un cespuglio fradicio rivelando la vera maturità maschile. La vista del profilo delle guance di culo gonfie da sole in tutto il flusso d'acqua ha quasi mandato l'adolescente in uno svenimento di paralisi euforica. I suoi bicipiti non sono mai sembrati così grandi o dinamici quando le sue braccia hanno iniziato a percorrere il suo corpo con una saponetta in mano. Persino il suo uccello prese una curva astuta che non si era notata prima, offrendo l'unica nota comica, affezionandosi a una sorella minore con un certo cappello per l'effetto dell'apparizione della pipì a causa del modo in cui l'acqua a cascata cadeva da un'appendice maschile. Le abitudini del bagno erano un argomento di conversazione e discussione preferito per una bambina con il suo fratello maggiore un po' affettuoso e tollerante.

Strizzò l'occhio a sua sorella, ma per lo più chiuse gli occhi e aprì la bocca per concentrarsi sulle sensazioni lussuose di tutta l'acqua calda che leniva ogni poro della sua pelle sana. Si avvicinò, lo circondò con le braccia e lo tenne stretto. Anche il getto d'acqua iniziò ad inzupparla. "Non c'è da stupirsi che ti piaccia masturbarti qui dentro." Lei lo guardò. sperando che non lo avesse offeso con un'osservazione così impulsiva.

"Non mi masturbo qui ogni volta che faccio la doccia. Solo circa tre volte a settimana."

Julie ridacchiò ora non per derisione per la presunta mancanza di autocontrollo del fratello, ma per la gioia di essere ammessa nel suo mondo di sensibilità erotica. Era come se spiegasse le ali come una farfalla partorita da qualche dea della sessualità e della bella sensualità maschile. "Voglio stare con te ogni volta che sei arrapato e vorresti masturbarti." Julie decise di usare la parola clinica per cercare di comunicare che era felice e compiaciuta delle sue predilizioni fisiche. "La scorsa notte, quando l'hai fatto per me, non è stata l'unica volta che hai accarezzato il tuo bel cazzo nella tua stanza, dormendo nudo e tutto il resto. Quante volte e dove altro lo fai?" Un po' più bassa, stava appoggiando la testa sul suo petto e sulla sua spalla.

Stuie ponderò la sua risposta. "Hmmmmmmm! Immagino che direi che mi abbuffo di seghe, come molti ragazzi suppongo - ovunque da quasi non per una settimana a 2 o 3 volte al giorno per un paio di giorni di fila. Quanto a dove, quasi in qualsiasi posto so di poter stare da solo e avere un po' di privacy, e anche avere tempo, ovviamente."

Lo abbracciò schiacciando le sue tette in via di sviluppo nel suo stomaco e nel suo petto. "Scusa, non volevo spaventarti ieri. Ma cosa succede quando fai sesso con le tue amiche al college? Non stai facendo sesso anche da solo vero?"

"Tesoro, penso di non essere l'unico ragazzo che quando ama una ragazza che sarà in intimità con lui, si arrapa solo di più, a volte molto di più. All'inizio alcune ragazze si offendono, ma se lo spiega come ha qualche effetto sull'aumento della sua libido al di là della sua capacità di controllarla, la rende simpatica. Sente che la sua attrazione per lei la potenzia. Anita, Rachel, altri, direi che li hanno respinti a causa delle mie fantasie su di loro 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Loro di solito vorrebbe sentirlo dire, ma li farebbe anche ridere come in 'quei poveri ragazzi innamorati che sembrano non averne mai abbastanza - per noi tutto più facile da manipolare.'"

Ha baciato suo fratello sulle labbra. "Tu e le tue paroline. Stupido ragazzo furbo del college sa come prendersi gioco delle bellezze, eh? Laviamoci l'un l'altro." Era se avessero continuato a comunicare tra loro senza parole come fanno alcuni amanti. Usare un panno inzuppato per pulire delicatamente prima il sesso di sua sorella e poi il suo buco del culo proprio come aveva fatto quando era una bambina ha portato a una litania di attenzioni di cui l'intenzione di gratificazioni sessuali superava di gran lunga quelle dell'igiene personale. Si abbassò molto casualmente a quattro zampe in una posa da cagnolino mentre lei si chinava per farsi accarezzare tutta la sua anatomia più personale in qualsiasi modo volesse. Toccava, a volte con la saponetta, toglieva le parti insaponate con le dita, leccava e succhiava il suo pucker anale, inguine, il micio a labbra aperte in maturazione e il clitoride gonfio e palpitante. Si dilettava nel suscitare i suoi piccoli gemiti di piacere striduli. Fu ricompensato due volte con scarichi umidi delle sue salse climatiche, tenendola coscienziosamente in posizione con le sue mani forti nel caso in cui perdesse la capacità di mantenere una postura eretta negli attacchi delle sue estasi tremanti.

Poi si inginocchiò, spingendo contro il suo fratellone bagnato per aggiustarsi di nuovo per sdraiarsi nella vasca, aprendo le sue gambe potenti in modo da potersi sedere per aiutarlo a pompare il suo cazzo che si ritrae e si contrae di nuovo con la vita. Ha anche succhiato e leccato la sua prominente testa di cazzo a forma di fungo e ha leccato avidamente e bevuto gli zampilli esplosivi di sperma dal secondo rilascio di un carico fermentato e percolato in profondità nelle sue viscere sane. Rifletté sul nuovo feticcio della sua sorellina. "Da dove viene questa inclinazione a mangiare il mio sperma?" Nella sua variegata esperienza, altre ragazze avevano ingoiato, ea volte con entusiasmo, ma la sua giovane sorella sembrava cercarla per un gustoso bocconcino.

Prima di finire la doccia, si lavarono i capelli a vicenda. Julie ha persino applicato lo shampoo all'ampio cespuglio di suo fratello. "Questo mi ricorda quello che mi ha detto Polly Caprifoglio. Circa un anno fa, dopo la lezione di igiene, alcuni di noi parlavano dell'ora del bagno quando eravamo piccoli. Ho detto loro che la mamma era così impegnata, che spesso mi chiedeva di farmi un bagno. fino a quando non sono stato abbastanza grande da farmi il bagno o la doccia da solo Sei stato così gentile con me perché mi lasciavi sguazzare e giocare di più.

Polly ha detto che anche lei è cresciuta in una casa con un programma serrato. Sua madre lavorava regolarmente e tornava a casa dal lavoro verso le 6. Ma suo padre lavorava in parte al cimitero e veniva a prenderla dopo la scuola materna o l'asilo verso le 14:30. Quando sarebbero tornati a casa, avrebbe preparato per loro uno spuntino leggero e poi avrebbero fatto la doccia insieme perché sarebbe stato troppo stanco per farle il bagno e poi fare la doccia, con lei che doveva rimanere in bagno così avrebbe Non metterti nei guai altrove nel loro appartamento. Ma pensava che quella fosse la parte migliore della giornata e così spesso gli chiedeva se potevano fare uno spuntino più tardi e iniziare a spogliarsi subito.

Certo, a volte aveva fatto la doccia con sua madre, ma fare la doccia con papà era molto più interessante perché ovviamente era diverso da lei e dalla mamma.

Direbbe le stesse cose che hai detto a me, Stuie. 'E' una vagina, non un pipì. E' un pene, non una pipì. Quelli sono testicoli nello scroto, non mirtilli rossi. E sì, anche papà deve lavarsi lì come tutti i ragazzi e gli uomini adulti che vogliono essere puliti». Avrebbe voluto che le mostrasse come si lavava ogni volta. Oh, e ha detto che ha avuto difficoltà con quella parola "testicoli", proprio come ho fatto io.
Non era tagliato, ehm circonciso, quindi le avrebbe mostrato come avrebbe tirato indietro il prepuzio per lavarsi lì. Diceva: "Non farti del male, papà". Ha detto che l'avrebbe intrattenuta coprendosi l'estremità del suo pene con il suo prepuzio e tirandolo indietro e coprendolo di nuovo alcune volte di seguito.

Diceva: 'Papà non sta male, è abituato a questo. Quando sarai grande e ti sposerai da molto tempo, dovrai assicurarti che tuo marito si pulisca in questo modo. E se voi due diventate mamma e papà per un bambino, dovrete assicurarvi che si pulisca in questo modo.'"

Julie fece una smorfia a suo fratello. "Questo ha senso per me ora. Ma a quel tempo, noi ragazze pensavamo, 'ewwww! Speriamo che i nostri mariti sappiano meglio per essere andati a lezione di igiene. Lascia che insegnino ai nostri figli come pulire i loro cazzi puzzolenti.'"

Stuie ridacchiò, pensò quanto sarebbe stato divertente essere amico di ragazze della settima e dell'ottava classe che gli avrebbero confidato tali aneddoti del passato.

"Polly ha detto che la stava incoraggiando a insaponarsi, lavarsi e risciacquarsi ogni volta con un piccolo ballo divertente, e un modo divertente per mostrare come poteva lavarsi il didietro, lavarsi le orecchie, lavarsi dietro le orecchie e così via. Le raccontava storie che erano variazioni dai libri di favole che lui e sua madre le leggevano.Era sempre così gentile, perché all'inizio della doccia portavano nella vasca dei grossi secchi di plastica e li riempivano di l'acqua dal soffione della doccia in modo che potesse far galleggiare i suoi numerosi giocattoli da bagno. Avevano uno di quei carrelli da doccia con un grande specchio sopra. Lei lo guardava mentre si radeva e quando aveva finito, la sollevava in modo che potesse vedere se stessa e dire 'guarda che ragazza grande e pulita che abbiamo qui.'

Dopo la doccia e dopo che lui l'avrebbe asciugata prima di asciugarsi, sarebbe stata in grado di fare un pisolino con lui nel letto dei suoi genitori. Entrava sempre prima in mutande o pigiama, ma se fosse stata una giornata calda, lei non avrebbe dovuto indossare alcun vestito prima di salire sul letto con lui. Ricorda di aver ascoltato attentamente il suo russare mentre girava le pagine di una delle sue foto o dei suoi libri da colorare.

Un giorno, quando aveva quasi 7 anni, hanno parlato degli ultimi tempi per la famiglia oa scuola sotto la doccia come facevano spesso. I suoi genitori erano usciti con gli amici in città e l'avevano lasciata a casa con una baby sitter il venerdì sera precedente. Ha detto a suo padre quanto fosse carina la mamma. Le disse che la mamma poteva sempre essere la donna più carina del mondo, se voleva esserlo. Ha detto che la mamma voleva che il suo sedere fosse stretto quando indossava il vestito e che sperava di avere delle belle tette grandi come mamma quando sarebbe cresciuta. All'improvviso suo padre le voltò le spalle e chiuse i rubinetti. Le disse di uscire da sola dalla vasca, di togliere l'asciugamano dalla rastrelliera e di asciugarsi. Le ha detto che papà non si sente molto bene, ma che sarebbe uscito non appena si fosse sentito meglio. Polly fece come le era stato detto, ma era un po' spaventata.
Quella sera, dopo cena, prima che Polly andasse a letto, entrambi i suoi genitori le dissero che adesso era una ragazza grande e che avrebbe dovuto fare il bagno o la doccia da sola. Papà avrebbe aiutato con i rubinetti ad avviare l'acqua, ma dopo sarebbe stata da sola. La vicinanza a suo padre non era mai la stessa e le mancava il tempo che condividevano insieme per una buona igiene. Anni dopo, dopo aver divorziato entrambi, ha affrontato sua madre per aver interrotto bruscamente il tempo di qualità con suo padre. 'È stato dopo che voi due avevate paura che papà avrebbe avuto un'erezione, che non mi è stato più permesso di fare la doccia con lui. Non è vero?'

"Polly, eri abbastanza grande da poterti fare il bagno."

'Ma lo stesso, i bei momenti intimi che abbiamo condiviso sono finiti senza che io avessi la possibilità di apportare le modifiche. Se voi due mi aveste spiegato che questo è quello che succede a volte ai ragazzi e agli uomini, l'avrei accettato e capito».

«Polly aspetta di avere i tuoi figli. A volte le cose non vanno lisce come vorremmo.'

'Lo so. Se mai avrò una bambina, spero che sarà in grado di essere amica di suo padre nel modo in cui lo eravamo io e papà senza bisogno di imbarazzo per nulla.'"

Julie ha riflettuto sulla storia dell'intimità persa in una famiglia unita. "Povera Polly!"

Stuie chiuse i rubinetti. La doccia era andata avanti abbastanza a lungo.

"Fratello, questo è quello che provo per te. Per favore, non escludermi perché pensi che ci sia qualcosa in te, . . . di cui uno di noi potrebbe essere imbarazzato. Ti amerò sempre nel modo in cui sono."

Il fratello afferrò la mano di sua sorella per sostenerla mentre usciva dalla vasca. Con l'altra mano afferrò anche la sua forte spalla per una zavorra extra. Si baciarono brevemente sulle labbra. "Questo significa molto per me Julie. Stavi crescendo con me così velocemente, avevo paura che stessimo allontanandoci."

continua . . . .


Per scrivermi in privato: [email protected] Sempre benvenuto! ;=)

Storie simili

Un tranquillo interludio

Sto ai piedi del tavolo e ti guardo intensamente. Il silenzio sta provocando il caos sui tuoi sensi già sovraeccitati. I miei occhi viaggiano sul tuo viso prendendo nota della leggera apertura delle tue labbra, del solco tra le tue sopracciglia e del dilatarsi delle tue narici, tutti segni della tua consapevolezza accresciuta. Il mio sguardo si interroga sui muscoli della parte superiore delle tue braccia, serrati e tesi, sui polsini di pelle attorno a ciascun polso, collegati tra loro e tenuti sopra la tua testa con un unico laccio. Anche se posso seguire il cavo solo fino al bordo del...

382 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

433 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

462 I più visti

Likes 0

Cottage 13 – Parte 1

Questa storia parla di una moglie che sceglie di vivere la sua fantasia sessuale per il sesso forzato anonimo, all'insaputa del marito. Se non ti piace questo tipo di storia, o qualcuno a cui piace fare commenti anonimi denigratori, salta questa storia. Apprezzo i messaggi privati ​​che forniscono feedback e/o idee costruttive... NOTE: Ai fini di questa storia, il Geosexing è definito come una variante del geocaching, in cui uomini e donne utilizzano il Global Positioning System (GPS) per designare o cercare luoghi in cui fare sesso con un individuo consenziente. Questo non è in alcun modo un tentativo di ridefinire...

317 I più visti

Likes 1

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

405 I più visti

Likes 0

Quid pro quo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>PARTE 1: L'intervista >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Luke si trova nell'ascensore e si dirige verso l'ultimo piano della Salesforce Tower. Ha il caffè in mano portando lo zaino su una spalla. Fissa il suo riflesso sulla porta dell'ascensore. Sta a 6'0 vestito nel suo solito look casual da lavoro. Ha pantaloni argentati su misura per la sua corporatura con una camicia blu abbottonata e un paio di scarpe nere. L'ascensore suona e la porta si apre. Si fa strada lungo un corridoio e si dirige verso la suite dell'azienda per cui lavora. Luke apre la porta e si dirige verso l'area della reception...

163 I più visti

Likes 0

Che cosa hai fatto a Jessica?

Ho aperto lentamente gli occhi e ho visto una bella ragazza che dormiva accanto a me. La sua pelle morbida e pallida, gli occhi adorabili, le labbra succose, i capezzoli morbidi, i capezzoli succosi mi stavano facendo sentire quanto sono fortunato ad averla. Ricordo ancora la nostra relazione di allora prima che lei lasciata la casa. Non abbiamo mai avuto un rapporto fratello-sorella. Non parlavamo mai molto. Lei era impegnata nel suo mondo e io nel mio mondo. Aveva 8 anni più di me. Quindi non mi piaceva l'idea di stare a casa di mia sorella quando mia madre decise di...

566 I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

485 I più visti

Likes 0

Risveglio eterno: capitolo sei

***Disclaimer*** Come al solito, questa non è la mia storia. Non ho creato, modificato o modificato nessuna parte di questa storia. È opera di Captius. __________________________________________________________________________________ Come sempre non dimenticare di votare e commentare. E grazie a chi ha commentato l'ultimo capitolo che questo era meglio della sfida. Ciò rendeva Mishikail insopportabile e quasi impossibile da affrontare ahah. No, ma davvero, l'hai fatta per tutto l'anno finora (anche se pensavamo che ci fossero trascorse un paio di settimane). Capitolo sei: Retribuzione e coinvolgimento Nel corso delle quattro settimane successive le cose sono andate abbastanza lisce, il più lisce possibile considerando tutto...

400 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

471 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.