L'impiegato

650Report
L'impiegato

È venerdì sera!

Tecnicamente è lunedì. Ma il mio programma di lavoro mi tiene libero il lunedì e il martedì, quindi quelle sono le sere in cui esco e mi diverto. Tuttavia, la mia idea di divertimento è diversa dalla maggior parte...

Non passo le mie notti libere a casa; diavolo, non li spendo nemmeno nella mia città natale. Guiderò trenta, quaranta miglia di distanza per divertirmi. Non vado nei club o nei bar. Non esco e non vado alle feste, né mi ubriaco con la faccia di merda e mi prostituisco con il primo ragazzo che mi solleva da terra.

Vado nei minimarket. Piccolo, tranquillo, fuori dalle strade principali, poco traffico. Niente telecamere, niente manager. Solo un giovane annoiato e solo in piedi dietro il bancone, che perde tempo al telefono, aspettando che accada qualcosa ma senza mai sapere bene cosa sia quel "qualcosa".

Io sono quel "qualcosa".

Come ho detto, andrò in giro alla ricerca di questi negozi specifici. A volte ci vorranno ore prima che ne trovi uno che penso sia adatto al conto. Nessuna grande catena nazionale come "Flying J" o "7-Eleven". Sono sempre troppo occupati. No, cerco "Conoco" o una vecchia "Route 66" fatiscente. Tendo a sorvegliare questi negozi per un po' prima di entrare. Devo sapere che tipo di traffico ottengono. Se non c'è la pompa di benzina, è sempre un buon segno; significa che non si fermano così tante persone, quindi c'è meno possibilità che io venga interrotto.

Minore traffico significa anche meno soldi, che per estensione significa meno (o meglio ancora, nessuna) telecamera. Ciò significa meno possibilità che mi becchino più tardi. Ciò significa anche che nessun replay in seguito per nessun altro; Voglio che quello che succede rimanga tra me e il giovane dietro il bancone.

La mia serata inizia con la scelta di un guardaroba da indossare. Stasera, sarà una camicetta bianca e una gonna a tubino grigia, tacchi e calze nude. Niente reggiseno, niente biancheria intima. Gli occhiali sono una buona idea; Normalmente non indosso gli occhiali, ma ho un paio di occhiali da lettura economici che danno all'insieme un aspetto da "bibliotecario sexy".

"Perfetto" sussurro tra me e me. Afferro la borsa e me ne vado.

***

C'è questo negozio che sto esaminando da una settimana ormai. Ci sono tre commessi che lavorano al banco in questo negozio, e quello che voglio è sempre lì il lunedì e il giovedì. È all'inizio dell'età del college, sui diciannove anni o giù di lì. Non sono mai entrato, ma l'ho sempre visto dalle finestre; quando non chiama qualcuno, è sempre al telefono. Quando scopro un posto come questo e vedo qualcuno al telefono, mi chiedo sempre cosa stia guardando. Le risposte ovvie sono Facebook o Solitaire, ma immagino che questo giovane passi il suo tempo su materiali più per adulti. Storie erotiche, bellissime donne seminude, che flirtano con ragazze di qualche anno più giovani di lui, sperando che gli mandino foto birichine di se stesse in modo che possa salvarle nella sua banca di sculacciate.

Gli darò qualcosa per la sua banca di sculacciate, questo è certo.

Mentre si avvicinano le undici, il punto della notte in cui il negozio è meno affollato, comincio a prepararmi. Raccolgo i miei capelli ramati in una coda di cavallo e tiro fuori gli occhiali. Aggiungo anche la parte superiore della camicetta sbottonando i pochi bottoni in alto prima di lasciare l'auto. Incurvo le spalle all'indietro, i seni spingono contro il tessuto sottile della mia camicetta. mi guardo allo specchio; sì, i capezzoli stanno mostrando bene. Applico una rapida passata di rossetto marrone e sono pronta.

Mi avvicino alla porta ed entro. Suona il campanello di "benvenuto", ma l'impiegato alza appena lo sguardo. "Sera," dice senza alzare la testa dal telefono.

"Ehi, tesoro," rispondo con voce ansimante, che attira la sua attenzione. Alza la testa e vedo i suoi occhi spalancarsi; non lo sa ancora, ma è agganciato. Vedo i suoi occhi riempirsi di lussuria, desiderio. Mi vuole già, e sta per avere molto di me.

Mi aggiusto gli occhiali e faccio un sorriso caldo e seducente. Lo fisso mentre percorro il corridoio verso i frigoriferi in fondo al negozio; Fisso un po' più a lungo di quanto dovrei, solo così so di avere la sua attenzione. Una volta che sono sicuro che i suoi occhi rimarranno su di me per tutto il tempo, distolgo lo sguardo da lui, ancora raggiante. Quando raggiungo la fine del corridoio, rompo il suo campo visivo abbastanza a lungo da slacciare un altro paio di bottoni sulla mia camicetta, esponendo una parte maggiore del mio seno.

Mi sono alzata la gonna e mi sono diretta verso la fine del corridoio proprio di fronte a lui. Esamino l'ultima fila di bevande, composta da acqua in bottiglia e aromatizzata. Mi piego in avanti, esponendo all'impiegato il mio culo e la mia figa rasata. Rimango piegato più a lungo di quanto mi serva per prendere una bottiglia di SmartWater perché voglio che mi guardi bene. Voglio che immagini come sarebbe seppellire la faccia nella mia fica. Immagino la sua lingua, calda e bagnata, che si dimena nel mio piccolo buco stretto, le sue mani che mi afferrano le natiche e le allargano mentre le sue labbra si chiudono strettamente attorno a me...

Mmmm, pensieri cattivi che mi fanno bagnare... gemetti tra me e me. Mi alzai con la bottiglia d'acqua e percorsi il corridoio verso l'impiegato. Mi sta ancora fissando, quindi decido di giocare un po' con lui.

"Mi stai guardando?" gli chiesi con un tono a metà tra il seduttivo e l'autorevole. Si riscosse rapidamente dal suo stordimento e balbettò la sua risposta.

"Uh... no, signora. Stavo solo... Sì. Uhm, voglio dire, io... No. No, non stavo guardando." Sputò. Il suo telefono era scomparso dal bancone e la sua mano era in tasca; non ci voleva uno scienziato missilistico per capire questa immagine.

Ho teso la mano con il palmo rivolto verso l'alto e ho detto: "Telefona, adesso!"

"Che cosa?" chiese, completamente perplesso.

"È illegale fotografare qualcuno a sua insaputa", lo informai. "Dobbiamo coinvolgere la polizia?" Prima che la parola "polizia" lasciasse le mie labbra, il telefono era fuori dalla sua tasca e di nuovo sul bancone. Ovviamente non avevo intenzione di telefonare alla polizia, non importa quante foto mi avesse scattato il culo; se lo facessi, allora il divertimento sarebbe finito prima ancora di cominciare.

"Inserisci il codice," ordinai. Ha digitato il codice a quattro cifre (il codice era "0420", quindi non avrei dovuto essere sorpreso quando una gigantesca pianta in vaso è apparsa come immagine di sfondo). Poi ho strappato il telefono dal bancone e sono entrato nelle foto.

Santo cielo, c'erano centinaia di foto qui! La maggior parte erano foto porno che aveva scaricato da Internet, ma molti erano selfie di ragazze con cui aveva parlato; Potrei dirlo, perché ne aveva una serie che provenivano tutti dalla stessa ragazza. E in fondo al suo rullino fotografico c'erano quattro istantanee del mio culo, piegato davanti al frigorifero.

"Ti piace guardare le foto sporche, vero?" Gli ho chiesto. Lui annuì docilmente e un sorriso mi attraversò il viso. "Cosa faresti per altre mie foto?" Sembrava confuso dalla direzione che stava prendendo la conversazione, quindi mi sono allontanato dal bancone e ho rivolto la telecamera verso di me. Ho scattato un paio di selfie incentrati sul mio petto e ho detto ad alta voce: "Oh, non funzionerà!"

Ho fatto scattare qualche bottone in più sulla camicetta, liberando un po' di più le ragazze; i capezzoli stavano mostrando e li ho fotografati da vicino.

Ho preso un dito e l'ho tracciato attorno a un capezzolo, rendendolo rigido prima di prenderne un altro primo piano. "Questo è divertente, non è vero?" Il poveretto era senza parole.

"Questo ha il flash, giusto?" Poi ho infilato il telefono sotto la gonna e ho scattato una serie di upskirt. Quando ho tirato fuori il telefono e li ho esaminati, sono rimasto senza fiato e ho guardato l'impiegato. "Wow! Lo vedi?" Gli ho mostrato quello delle foto. "Vedi quanto sono bagnato adesso?"

Abbastanza vero, la foto in questione mi ha mostrato assolutamente fradicio; lo si vedeva riflettere il flash della macchina fotografica. La sua mascella cadde e divenne abbondantemente chiaro che ora era stucco nelle mie mani.

Nelle vicinanze c'era un'area salotto con una piccola fila di vecchie sedie. Ho tenuto il telefono in mano e mi sono avvicinato per afferrare una delle sedie. L'ho trascinato di nuovo davanti al bancone; era ora che lo spettacolo iniziasse.

Mi sono seduto sulla sedia e ho incrociato le gambe, facendo penzolare un tallone dalla punta del piede a pochi metri dal bancone. Mentre facevo penzolare il tallone, usavo la mano libera per tirare fuori la coda di cavallo e lasciare che i capelli cadessero liberi prima di andare a slacciare gli ultimi bottoni della camicetta, lasciandola cadere aperta in modo che potesse vedere bene le mie tette. Con l'altra mano, ho scattato foto dopo foto dei miei talloni, gambe e seni gonfi. Ho persino iniziato a massaggiarmi le cosce, muovendomi lentamente su per le gambe mentre mi preparavo a toccarmi. Continuo a scattare, fingendo di essermi dimenticata per un momento dell'impiegato. Presto lo guardo e fingo un'amnesia.

"Oh," esclamai. "Ho dimenticato che eri qui per un momento!" Rimase in silenzio, ma il suo pomo d'Adamo si contraeva nervosamente; si stava eccitando. "Ti piace guardarmi, vero?" Ho messo il broncio. Annuì con entusiasmo e sorrise per la prima volta da quando avevo varcato la porta.

"Va bene," risposi. "Perché mi piace guardare gli uomini come tu guardi me." Improvvisamente, si diresse verso il varco nel bancone; voleva fare coming out con me.

"No, no, no..." sbuffai, chiudendomi improvvisamente la camicetta; si fermò di botto. "Stai da quella parte del bancone," ordinai. "Se attraversi quel bancone, lo spettacolo è finito e la polizia vede quelle foto che mi hai scattato. È chiaro? Di 'sì, signora', se capisci."

"S... si... si, signora," farfugliò ad alta voce.

"Bravo ragazzo," sorrisi. Lascio che la camicetta si apra di nuovo, esponendo ancora una volta le mie tette rotonde ei capezzoli sodi. "Ora, vuoi guardarmi giocare con me stesso?" Annuì con entusiasmo.

"Giocherò con me stesso a una condizione", spiegai. "Voglio che tiri fuori il cazzo e cominci ad accarezzarti."

Se non hai mai visto il volto di un uomo inondare di paura, è uno spettacolo da vedere. Il colore svanì dal suo viso così in fretta che fu come se qualcuno avesse preso un telecomando e avesse abbassato completamente le impostazioni; l'effetto era quasi comico.

Nonostante fosse chiaramente spaventato a morte, si aprì goffamente i pantaloni e tirò fuori il cazzo; non era molto, davvero. Speravo almeno in una mano sola; ma era anche più breve di così! Era chiaramente completamente eretto e poteva solo pizzicarlo con le dita! Ho resistito all'impulso di ridere del suo minuscolo cazzo e sono andato avanti con lo spettacolo.

Mi alzai la gonna sui fianchi e allargai le gambe, facendo scorrere le mani sulle calze e sulle cosce. Presi un dito e lo passai attraverso la mia fessura fradicia.

"Segati da solo," ho chiesto. Immediatamente, ha iniziato a masturbarsi. Ho sollevato la macchina fotografica e gli ho scattato alcune foto mentre la scuoteva. Per quanto fosse piccolo, ammiravo il suo entusiasmo; se l'avesse tirato molto più forte, avrebbe potuto strapparlo via completamente. E ammetto che, mentre non era ben dotato di lunghezza, aveva la circonferenza, ea volte questo è abbastanza. Guardarlo mi ha eccitato, in ogni caso.

Ho girato la telecamera su "video" e l'ho puntata sulla mia figa gonfia, che ho continuato a toccare mentre offrivo incoraggiamento vocale.

"Sì, continua a masturbarti. Ooh, mi piace guardare i ragazzi giocare con se stessi mentre mi guardano." Era vero; guardare un ragazzo mentre mi guardava giocare con me stesso mi eccitava ancora di più. Più mi eccitavo, più giocavo con me stesso, il che li faceva divertire di più, il che di nuovo mi faceva eccitare ancora di più; era un ciclo infinito che si autoalimentava.

Un paio di fari lampeggiarono all'esterno quando un'auto iniziò ad entrare nel parcheggio. Adesso avevamo un timer.

"Dai, masturbalo per me!" Ho ordinato. "Più veloce!" Annuì con entusiasmo.

"Sì, signora," disse mentre continuava a battere vigorosamente il suo pud. Era quasi ammirevole, davvero.

"Bravo ragazzo," dissi. "Mungi quel cazzo per me!" Gli sorrido e comincio a toccarmi più velocemente. Il tempo stringeva; abbiamo avuto solo pochi secondi prima che la persona in macchina entrasse dalla portiera. Il mio cuore, che prima stava già battendo forte, è andato in overdrive quando un fagiolo ha fatto schioccare e ha iniziato a boccheggiare mentre ero sopraffatto dall'orgasmo.

"Sì! Vieni per me, baby! Fallo! Vengo anch'io! Sto venendo!" gridai forte. All'improvviso, con un forte gemito, ha sparato un carico piuttosto grande su tutto il bancone. Ho fatto alcuni scatti di lui che eiaculava su tutto il bancone, e poi ho inviato tutte le foto che avevo scattato al mio telefono, che era fuori in macchina.
Una volta inviati tutti, ho eliminato rapidamente sia i messaggi inviati che le foto originali che avevo scattato dal suo telefono e ho svuotato la cartella del cestino per buona misura. Nessun replay.

Mi sono rimesso insieme la camicetta, mi sono tirato giù la gonna e ho dato un calcio alla sedia proprio mentre qualcuno passava davanti alla finestra. Restituii il telefono all'impiegato mentre mi dirigevo verso la porta con la mia acqua.

"Meglio pulirlo in fretta, tesoro," gli dissi con un occhiolino mentre mi affrettavo fuori dalla porta, facendo schioccare il culo da una parte all'altra mentre lo facevo per dargli un'ultima immagine visiva prima di andarmene.

Ho notato una bella ragazza dai capelli rossi che si avvicinava alla porta dal marciapiede, ma ho deciso di non stabilire un contatto visivo per non attirare l'attenzione sul mio stato spettinato. Sono arrivato alla mia macchina, mi sono voltato velocemente e ho guardato. Il povero impiegato rimase un momento lì al bancone, senza fare niente finché non sentì aprirsi la porta e suonare il campanello. Poi è entrato in azione, infilandosi via il cazzo e asciugandosi lo sperma dal bancone con la mano.

Ridacchiai tra me e salii in macchina. Ho bevuto un lungo sorso dalla bottiglia e ho tirato fuori il telefono. Ho salvato tutte le foto che mi ero inviato, poi ho cancellato i messaggi. L'impiegato aveva qualcosa per la sua banca di sculacciate, e ora io avevo qualcosa per la mia...

Storie simili

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

361 I più visti

Likes 0

Mia mamma e la mia ragazza dei sogni

Introduzione Mi chiamo Will Chapman. Sono uno studente universitario di 19 anni, 5'8 e 160 libbre con capelli castani corti e occhi castano scuro. Ho sempre avuto problemi con le ragazze della mia età. Non è che non fossi di bell'aspetto; era perché, nonostante avessi 19 anni, sembrava che ne avessi 14. Ogni volta che uscivo con i miei amici, le persone che incontravamo spesso mi chiedevano se ero il fratellino di qualcuno. Le ragazze dicevano sempre che ero carino, il che mi farebbe assolutamente impazzire. Inutile dire che ho avuto problemi a soddisfare i miei bisogni sessuali. Stavo andando in...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

893 I più visti

Likes 0

Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali...

866 I più visti

Likes 0

L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. Come sono finito in questo? lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte. Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città - Chris Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio. Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono...

775 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

399 I più visti

Likes 0

Lascia che piova - 4

Per la prima volta in una settimana, quando mi sono svegliato, mi sembrava di avere avuto la stessa sensazione delle donne a letto della sera prima. Quando li ho scossi leggermente, si sono accoccolati un po’ più vicini e non si sono svegliati. Ho pensato che finché avessero voluto premere la loro calda carne da ragazza contro di me avrei potuto anche godermelo e ho chiuso gli occhi. Quando mi sono svegliato di nuovo è stato con un paio di labbra sul mio cazzo e un altro paio sui miei testicoli. Stavano facendo un ottimo lavoro e in pochi minuti ho...

423 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta - Prefazione

La mia vita segreta PREFAZIONE Ho cominciato queste memorie quando avevo circa venticinque anni, avendo tenuto fin da giovane una specie di diario, che forse per abitudine mi ha fatto pensare di registrare la mia vita interiore e segreta. Quando lo cominciai, non avevo quasi letto un libro osceno, nessuno dei quali, eccetto Fanny Hill, mi sembrava veritiero: così era, e lo è ancora; gli altri che raccontavano di erotismo ricercato o di smisurate potenze copulative, di strane svolte, trucchi e fantasie di voluttà matura e lascivia filosofica, sembravano alla mia relativa ignoranza come immaginazioni oscene o invenzioni bugiarde, non degne...

348 I più visti

Likes 0

Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei oppure Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a...

322 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

2K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.