L'autista (#51) Michael

786Report
L'autista (#51) Michael

L'autista (#51) Michael

Di PABLO DIABLO

Diritto d'autore 2019

CAPITOLO 1

Mi sono seduto sulla mia sedia al tavolo della sala da pranzo guardando una faccia che non vedevo da molto tempo.

Jennifer mi ha chiesto: “David, cosa vuoi che faccia? Dovrei lasciarlo entrare o farlo tornare quando non abbiamo 1000 ragazzi del college qui per una festa?

«Fatelo entrare. Ma per favore accompagnatelo da me a questo tavolo. Non sono così sobrio come vorrei essere per questo incontro», dico a Jennifer.

"OK, te lo porterò, ma sto chiedendo a Jill e Dakota di venire con te qui al tavolo", mi dice.

Per la prima volta da molto, molto tempo ho bevuto diversi drink e di tutte le sere in cui Michael si è presentato, doveva essere questa.

Ho guardato mentre Jennifer si avvicinava e gli chiedeva di entrare nello Chateau. Prima che facessero più di un passo dentro, Jennifer ha detto qualcosa ad Amy che ha indotto Amy a cercare qualcuno.

Jennifer prese Michael per mano e lo trascinò attraverso il gran numero di studentesse per portarlo al tavolo della sala da pranzo dove ero seduto. Quando l'ha portato lì, ha indicato una sedia perché si unisse a me al tavolo. Rimase seduto senza dire niente.

Mentre ero seduto lì con Michael, nessuno di noi ha detto niente. Francamente, non sapevo davvero cosa dirgli dato che era passato così tanto tempo.

Alla fine, ho commentato: “Beh, hai sicuramente scelto una serata interessante per presentarti. Hai fame perché abbiamo molto cibo”, dico a mio figlio.

Lui sorride e dice: “Sì, certo. Prendo del cibo. Cosa c'è nel menu, ragazze del college? Lo fisso e basta. A questo punto, ho bevuto abbastanza alcol da non essere insultato a casa mia.

“No smart-ass, abbiamo BBQ ribs, Cole slaw, insalata di patate, insalata di maccheroni e fagioli. Se vuoi una birra o una bibita, abbiamo anche quella» ribatto.

«Be', le costole suonano bene. Qualcuno me lo porterà o devo andare a cercarlo?" dice molto sarcastico.

Convoco Jennifer da me e le chiedo di preparare un piatto di cibo per Michael. Rimbalza in cucina e mette diverse costolette su un piatto con una pallina di insalata di patate e un grosso cucchiaio di fagioli. Ha anche preso una Bud Light e una Coca Cola tra cui scegliere. Gliela portò con cura e gliela posò davanti.

Michael le restituì la Coca-Cola. Ha usato l'avambraccio per aprire la Bud Light, qualcosa che gli ho insegnato qualche anno fa.

"Allora, papà, chi sono tutte queste persone?"

"Alcuni sono amici, altri sono amici di amici, e la maggior parte non ho idea di chi siano, sono venuti solo per il cibo gratis, l'alcol gratis e una festa", gli dico.

Michael si avvicina e dà un morso a una delle costole che Jennifer ha messo nel suo piatto. Proprio mentre stava ingoiando il suo primo boccone, Jill e Dakota si avvicinarono al tavolo e si sedettero alla mia sinistra. Presero i due posti dove di solito siede Jill. Tuttavia, poiché Michael era seduto dove di solito sedeva Dakota, scelse di sedersi accanto a Jill.

“Papà, chi sono questi due? Un paio delle tue puttane? dice mentre dà un altro morso alle costole.

Le sue parole mi hanno davvero fatto arrabbiare. Non mi avrebbero parlato così a casa mia.

"Ti chiederò solo una volta di non parlare così a casa mia con me o la mia famiglia", gli dico. Ora sono davvero incazzato. Qui non ha avuto il tempo di vedermi o parlarmi da parecchio tempo, ma ora viene a casa mia e si comporta come se potesse semplicemente fare o dire quello che vuole.

"La tua famiglia? Sono la tua famiglia. La mamma è la tua famiglia”, dice con tono arrabbiato.

“No, ti sbagli completamente Michael. Siete la mia famiglia, ma vostra madre ha scelto di divorziare da me, eppure non le importava vivere del mantenimento dei figli che le pagavo o degli alimenti. La scuola privata che hai frequentato. La bella casa in cui vivevi. La macchina nuova che ti ho comprato e che tua madre guidava. Non sono sicuro che tu voglia seguire quella strada delle sue stronzate, almeno non a casa mia», gli dissi.

"Sì, beh, la mamma è morta", mi dice.

"Quando è successo?" Gli dico che non gli importa davvero che sua madre sia morta.

"Pochi giorni fa. È morta la mattina di Natale. Non che te ne importi,” dice chiaramente Michael con un tono di sarcasmo nei miei confronti.

"Beh, mi dispiace per la tua perdita, ma eravamo divorziati e lei non era un mio problema né una mia preoccupazione o non lo capisci?" gli dico in modo altrettanto sarcastico.

“Ti dispiace davvero papà? Voi due siete stati sposati per 16 anni e poi ve ne siete andati. È come se avessi deciso di lasciare la mia vita,” mi dice Michael.

“Non ho deciso di lasciare la tua vita. Tua madre mi ha portato in tribunale, ha fatto false accuse su di me e ha convinto il giudice che aveva bisogno di più soldi. Ha sempre continuato a chiedere alla corte sempre più soldi. In primo luogo, l'importo del mantenimento dei figli non era sufficiente. Allora aveva bisogno di più alimenti. A tua madre importava solo quanti soldi poteva ottenere da me ", gli dissi senza provare molto rimorso per la sua morte.

"Eppure, non potresti mai trovare il tempo per venire a trovarmi", mi dice Michael.

“Un po' difficile venire a trovarti quando mi ha schiaffeggiato un ordine restrittivo. Voleva solo i miei soldi, ma facendomi vedere te ha fatto del suo meglio per fermarmi. Se non mi credi, ho un sacco di scartoffie giudiziarie che posso mostrarti. Ma probabilmente non vuoi vedere la verità, vuoi solo vivere nel tuo mondo di fantasia riguardo a tua madre,” gli dico ora incazzandomi davvero.

Michael continua a mangiare. "I miei complimenti allo chef. Questo è davvero buono ", mi dice.

"Beh, se riesci a voltarti e vedere i due tizi vestiti da chef bianco, quelli sono quelli che hanno preparato tutto il cibo", gli dico.

"Eh, beh, dì loro che il cibo è buono", mi dice.

"NO. Che ne dici di usare il modo che ti è stato insegnato e alzare il culo da quella sedia e andare a dire loro tu stesso che ti è piaciuto il cibo che hanno passato ore a cucinare. O è troppo per te?" gli dico, sempre più agitato dalla sua mancanza di buone maniere.

“Eh, glielo dirò dopo. In questo momento, ho fame", dice con un sorriso sarcastico sul volto.

Allungo una mano, prendo il suo piatto e lo getto in un secchio della spazzatura.

"Ehi, perché diavolo l'hai fatto?" lui dice.

«Perché a quanto pare hai dimenticato come comportarti a casa di qualcuno. Ti chiedo di andare a ringraziare gli chef e ti comporti come se fosse al di sotto di te. Bene, indovina che furba, hai finito di mangiare e bere. Sei il benvenuto a casa mia, ma seguirai le mie regole, altrimenti puoi semplicemente andartene dai coglioni,” gli dico davvero incazzato ora.

Ci guardiamo entrambi con uno sguardo d'acciaio. Diverse cose mi stanno passando per la mente in questo momento. Primo, si comporta come un asino ipocrita. In secondo luogo, si comporta come se potesse fare o dire quello che vuole. Bene, questo non succederà a casa mia. Amo mio figlio, ma non dirà quello che vuole, non a casa mia, né ora né mai.

“Michael, penso che sia ora che tu te ne vada. Ho esteso la tua cortesia che normalmente non estendo. Ti sei comportato come un asino, chiaramente, hai imparato bene quella mossa da tua madre e devi ancora dire perché ti sei presentato qui. Quando sei pronto per parlare, sentiti libero di contattarmi e possiamo organizzare un orario per il tuo ritorno", dico a Michael. Sono tanto arrabbiato con lui quanto posso esserlo senza ricorrere alla violenza.

“Per curiosità, ti sei mai laureato al college? Il college per cui ho pagato? Chiedo.

“No, non sono riuscito a trovare un programma che mi avrebbe reso un manager di alto livello una volta laureato. Forse troverò qualcosa questo nuovo anno ", dice con un sorriso stupido sul viso.

"Beh, spero che tu abbia successo in questo", gli dico.

"Che cosa? Non aiuterai il tuo unico figlio?" Mi dice.

"No. Quei giorni sono finiti. Se vuoi andare al college, probabilmente dovresti dare un'occhiata al community college e iniziare a richiedere sussidi per le tasse scolastiche ", gli dico sorridendo.

"Che cosa? Ti aspetti che vada al college della comunità? mi dice.

“Dal momento che hai incazzato la retta universitaria che ho pagato per te, non mi interessa davvero dove vai perché a questo punto sei da solo. Hai 26 anni e il mio obbligo legale di pagare le tasse scolastiche è terminato 2 anni fa ", gli dico. Tuttavia, sembra che pagherò per la sua pigrizia. John è andato al community college e ora si è laureato in management.

“È stato bello vederti in TV con quella puttana che ti stava appesa al braccio. Quanti altri ne hai nella tua vita?, mi dice.

“Quanti cazzo ne voglio. Non ti rispondo e di certo non ascolterò la tua bocca furba. Ti sto suggerendo in questo momento di alzare il culo da quella sedia e dirigersi verso la porta d'ingresso ", suggerisco a Michael.

«E se non lo faccio. Non c'è davvero niente che tu possa fare al riguardo ', mi dice Michael in modo intelligente.

“Quanto vuoi scommettere che posso farti legare sul pavimento, così sembri un vitello al rodeo. Vuoi sfidarmi? gli dico, ora davvero incazzato.

«Vai avanti, vecchio. Non hai niente", dice.

Giusto per renderlo un po' più drammatico. Schiocco le dita e due dei servizi segreti lo tirano giù dalla sedia del tavolo da pranzo e usano le fascette per ammanettargli prima i polsi e poi le caviglie.

Mi avvicino a lui mentre è sdraiato sul pavimento: “La prossima volta che decidi di fare il furbo a casa di qualcuno, potresti voler assicurarti che non abbiano il proprio team di protezione dei servizi segreti che lavora per loro. Ora ti porteranno fuori da questa casa e ti rilasceranno quando sarai fuori dal cancello. Sei sempre il benvenuto qui, ma solo se ti rendi conto che non ti faccio rapporto. Ti amo, ma chiamare le mie donne puttane ti farà cacciare da ora in poi. Hai avuto il tuo unico turno per parlare della tua pace, ma l'hai fatto saltare. Sentiti libero di tornare quando avrai imparato a usare le buone maniere nelle case delle persone. Buona giornata Michael,” gli dico.

Guardo i ragazzi dei Servizi Segreti prendere Michael e portarlo come un vitello legato alla porta d'ingresso. Dozzine di partecipanti alla festa stavano ridendo e facendo commenti a Michael. Potevo vedere la sua faccia mentre veniva portato via. Stava ribollendo e dopo il numero di birre che ho bevuto, non me ne fregava un cazzo.

Una volta portato fuori Michael, ho visto che gli hanno tolto le fascette e lo hanno accompagnato al cancello di sicurezza. Ho sentito la sua bocca per tutto il tragitto fino al cancello.

Non me ne sono accorto ma Jennifer aveva detto qualcosa a John che era in piedi dietro di me all'ingresso del soggiorno. Ero davvero entusiasta di Michael. Gli ho insegnato meglio di così. Chiaramente, il suo atteggiamento è il riflesso diretto degli insegnamenti di sua Madre. Ho pagato perché andasse in una scuola privata finché non si è laureato. Da lì ho pagato per lui per frequentare l'UCLA, cosa che ha fatto incazzare.

Mi alzai dalla sedia della sala da pranzo e andai da Bobby e Sammy. Li ho ringraziati per tutto il duro lavoro che hanno fatto per rendere questa festa un successo. Nella mia testa, dal momento che non avevamo sparatorie, sentivo che l'intero evento era stato un completo successo.

Ho notato che molti degli invitati alla festa erano scomparsi. Il nostro DJ aveva ancora la musica in corso, ma a un volume molto più basso rispetto a prima.

John si avvicinò e si sedette accanto a me. L'ho abbracciato perché non sentivo praticamente alcun dolore. Con la quantità di alcol che ho bevuto, mi sentivo come se volessi dire qualcosa praticamente a tutti i membri della mia famiglia. Ho iniziato con Giovanni. Gli ho detto quanto sono orgoglioso di lui. Ha sposato Diana. È preoccupato per il suo bambino e sta lavorando sodo per fare le cose che ho bisogno che faccia.

Certo, poi sono passato a Jennifer. È la mamma di John ed è bellissima e lavora sodo per me. Ha portato a termine un grosso acquisto e ora abbiamo queste torri di uffici in diverse città. E, quando Michael si è presentato alla porta principale alle 3 del mattino, ora di Los Angeles, era ancora abbastanza vigile da convincere Jill e Dakota e io devo presumere di dire qualcosa ai ragazzi dei servizi segreti.

Sia Jill che Dakota guardarono Michael con occhi feroci. Non hanno detto nemmeno una parola, ma non hanno mai lasciato il mio fianco, il che mi ha fatto sentire così amato. E, nella mia testa, immagino che il mio piccolo Dakota non abbia le mutandine.

La mia testa sta ronzando piuttosto forte. Non bevo alcolici da più di tre anni e stasera, l'unica sera in cui decido di farmi qualche birra, mio ​​figlio si presenta all'improvviso.

Non sono confuso. Mio figlio si è comportato in modo molto diverso da come l'avevo mai visto. So che gli è stato insegnato molto meglio del modo in cui si è comportato stasera. Gli darò un po' di tempo e vedrò se torna. Spero che lo faccia, ma non ho intenzione di inseguirlo. È un uomo adulto e ha bisogno di chiederlo come tale.

Jill e Dakota si alzano dai loro posti al tavolo della sala da pranzo, vengono verso di me e mi abbracciano. Ho iniziato a baciare ognuno di loro e loro mi hanno baciato di nuovo. Ho guardato l'orologio in cucina e ho pensato che segnasse circa 15 minuti dopo le 4 del mattino.

"Qualcuno di voi signore vuole unirsi a me a letto?" Chiedo. Entrambi mi accompagnano lungo il corridoio fino alla mia camera da letto. Jill si infila una mano nei miei pantaloni, recupera le chiavi e apre la porta. Mi accompagnano al letto del sonno e mi spogliano prima di spingermi nel letto. È stato divertente da vedere, ma Jill e Dakota stavano facendo "sasso, carta, forbici" ma non capivo per cosa.

Sembrava che Dakota avesse perso e si spogliò e si infilò nel letto con me. Jill mi baciò e uscì dalla camera da letto. Il bel corpicino nudo di Dakota era nella sua solita posizione, tutto appoggiato a me con il suo bel culo nudo contro il mio cazzo che stava cominciando a crescere.

"Dakota caro, dov'è andata mia moglie?" chiedo cercando di non essere rumoroso nelle sue orecchie.

"Per farsi scopare da un paio di ragazzi del college", mi dice. sorrido e basta. Di certo non posso essere arrabbiato con lei che fa sesso con un paio di ragazzi quando ho le mie donne più chiunque vada a prendere. Mi sento piuttosto fortunato che io e Jill ci condividiamo senza problemi.

Jennifer bussa alla porta della camera da letto ed entra per controllarmi. Dakota le dice che sono abbastanza eccitato, ma per lo più sto bene. Jennifer si avvicina al letto e mi bacia appassionatamente. Bacia anche Dakota per essersi presa cura di me. Li ho sentiti ridacchiare quando hanno parlato di quanto fosse divertente farmi fregare la birra.

"Jennifer, perché non ti spogli e ti unisci a noi a letto?" dico a Jennifer. Lei ridacchia e mi dice che tra pochi minuti mi addormenterò sicuramente. Potrebbe avere ragione, ma nella mia testa non ci credo.

Jennifer mi bacia ancora una volta e poi bacia Dakota prima che esca dalla camera da letto. Sono rimasto un po' deluso dal fatto che Jennifer abbia lasciato Dakota e me. Mentre giacevo a letto con il corpicino nudo di Dakota appoggiato a me, ho appena guardato la porta della camera da letto. L'incontro con mio figlio Michael stava ancora vorticando nella mia testa. Si è comportato come un completo asino arrogante e mi ha davvero irritato. So che gli è stato insegnato meglio perché gli ho insegnato meglio.

Ora mi chiedevo dove vive, è dove viveva prima sua madre, è morta? Ha una ragazza e vive con lei? Davvero non ne avevo idea, ma sapevo che tra qualche giorno lo avrei cercato per sapere almeno dove abitava.

Ho guardato l'orologio sul muro e ha segnato pochi minuti dopo le 6 del mattino. Ero ancora sveglio e la mia mente mi diceva che avrei dovuto fare sesso. Tuttavia, per quanto lo volessi da Dakota, non ero sicuro che lo volesse da me. Non mi ha mai visto ubriaco. In effetti, stasera è la prima e unica volta che mi vede bere.

Quando ho iniziato a combattere il sonno, la mia mente è andata alla mia cara Tina. Ero così felice che lei e sua madre siano venute a Natale e siano rimaste fino a Capodanno.

"Dakota, ho fame", le dico. La sento ridacchiare per le mie buffonate. Comincio ad alzarmi e ad alzarmi dal letto. Scavalco Dakota, poi perdo l'equilibrio e finisco sul pavimento della mia camera da letto completamente nudo. Ora Dakota è passata dal ridacchiare al ridere a crepapelle. Mi ci vogliono un paio di minuti per rialzarmi e non cadere. Dakota si alza a sedere sul letto. Ho deciso che forse avrei dovuto andare in cucina a prendere qualcosa da mangiare. Dakota deve saltare giù dal letto per impedirmi di andare in cucina senza vestiti. Qualsiasi altra notte, non avrebbe importanza, ma stasera con più di 800 ragazzi del college ho bisogno di indossare un paio di pantaloncini e una maglietta.

Dakota si alza e mi prende per mano e mi dà dei pantaloncini e una maglietta da indossare prima di lasciarmi andare in cucina. Mi siedo sul bordo del letto e indosso prima i pantaloncini, poi la maglietta, anche se tirarmela sopra la testa rendeva un po' più difficile indossarla.

Finalmente, quando sono completamente vestito, vedo che anche Dakota si è vestita. Usciamo dalla camera da letto e ci dirigiamo verso la cucina. Sento Jill gemere, ma non la vedo. Mentre arriviamo alla fine del corridoio, vedo Jill che viene scopata da tre giovani ragazzi del college. Nessuno di loro è dotato come John e me, ma poi di nuovo, ha scelto questi tre ragazzi per un motivo.

Mentre li passo, non parlo ad alta voce a nessuno in particolare: "Se ne avete bisogno di un altro, sarò felice di aiutarvi ragazzi", dico.

Dakota mi trascina mentre mi ero fermato a guardare i tre ragazzi con Jill. Quando arrivo in cucina, c'è un sacco di cibo fuori, ma sia Sammy che Bobby sono andati a dormire, immagino o forse se la stanno cavando con un paio di ragazze del college. Sento schizzare fuori dal retro e camminare, beh, piuttosto inciampo verso la porta sul retro e vedo circa 30 ragazzi e ragazze in piscina, nessuno di loro con vestiti addosso.

Dakota mi tirò indietro dalle porte sul retro e mi fece sedere al tavolo della cucina. Mi ha preparato un piatto di 4 costolette e una grande cucchiaiata di fagioli. Mi ha messo davanti il ​​piatto di carta e mi ha dato un cucchiaio con cui mangiare i fagioli. Prima di dare un morso ai fagioli, ho preso una delle costole e ho iniziato a mangiarne la carne.

Dakota sedeva su una sedia a meno di 3 piedi da me. Mi ha detto di aprire la bocca e mi ha messo in bocca un cucchiaio di fagioli. Mi ha detto di masticare e poi mi ha dato un altro morso di fagioli. Mentre Dakota continua a darmi da mangiare fagioli, sento Jill raggiungere l'orgasmo. Sento anche due dei ragazzi del college dirle che le ci vuole troppo tempo per raggiungere l'orgasmo. Si alzarono, si vestirono e andarono a sedersi al tavolo della sala da pranzo.

"Ehi ragazzi, non vi siete divertiti con Jill?" gli chiedo.

"Signore, chi è Jill?" dice uno di loro.

«Ehm, la signora che stavi solo scopando» gli dico.

“Ah, ecco. Beh, sta bene ma non ha fatto niente per me. Niente pompini, niente sesso bizzarro, solo io che la scopo finché non è venuta. Abbastanza noioso se me lo chiedi. Preferisco che le mie puttane mi diano piacere, non il contrario ", mi dice questo ragazzo.

"Oh veramente. Beh, forse se tu fossi più uomo sapresti come accontentare una donna, non solo cercare un modo per farti saltare il carico,” gli dico. Alza le spalle e va dai bambini in piscina. Non sapevo davvero cosa pensare dell'atteggiamento di questo ragazzo riguardo al sesso con Jill. Era quasi come se gliene potesse importare di meno se avesse raggiunto il suo apice o meno.

Ho sentito l'ultimo ragazzo con lei raggiungere il suo apice, ma non sento nessuno dei suoni che di solito sento quando Jill è vicina. Raggiunge il suo apice, poi si alza, si rimette i pantaloncini e si dirige anche fuori per unirsi ai bambini in piscina.

Mi alzo e inciampo nel soggiorno. Jill è sdraiata sul divano. I suoi occhi sono aperti e sta solo fissando il soffitto. Mi avvicino a lei e mi inginocchio sul pavimento. La abbraccio e le dico quanto la amo. Comincia a baciarmi, proprio come gli adolescenti. Passiamo diversi minuti abbracciati e baciati.

Mentre ascoltavo in silenzio, ho sentito diversi annunci di orgasmo. Non ne ero sicuro, ma mi sembrava di aver sentito Belinda, Allison e Amy annunciare il loro orgasmo.

CAPITOLO 2

Seduta in cucina al tavolo, Dakota stava ancora cercando di darmi da mangiare. Mi ha dato una costola e mi ha detto di lavorarci sopra. Cominciai a staccare pezzi di carne dall'osso, a masticarli e ingoiarli.

Finii quella costola e Dakota me ne porse un'altra da mangiare. Poiché il mio stomaco mi diceva che avevo fame, ho iniziato a mangiare anche quello.

Dal nulla, Jennifer è entrata in cucina. Sembrava un po' esausta, ma non ero sicuro se fosse per il sesso o per essere stata sveglia per così tanto tempo.

"Tesoro, stai bene?" Le ho chiesto.

“Beh, immagino di sì. Non posso dire di essere davvero impressionato da questi ragazzi. A nessuno dei ragazzi con cui ho giocato sembra importare se vengo o no. Sborrano, si alzano dal letto e vanno da qualche altra parte lasciandomi sdraiata lì insoddisfatta ", dice. A questo punto, non ho visto Jill prendere posto al tavolo della sala da pranzo. Ma è intervenuta su ciò che ha detto Jennifer.

“Questi ragazzi fanno schifo. Nessuno di loro sa come compiacere il proprio partner. Ho giocato con tre ragazzi e due ragazze. Una volta che uno dei cinque raggiunse il proprio orgasmo, si fermarono, si alzarono dal letto, si vestirono e lasciarono la stanza. Tutti sembrano non avere alcuna educazione sessuale", dice Jill. Vedo la testa di Jennifer annuire in segno di assenso.

La casa è diventata silenziosa. Il DJ ha impacchettato la sua attrezzatura e se n'è andato. Ho deciso che molti dei contenitori della spazzatura di gomma che posso vedere devono essere legati con cerniera e portati fuori nel camion della spazzatura. Mi alzo e provo a spostarmi verso uno dei cestini della spazzatura. Sollevo la borsa scuotendo il contenuto e poi la lego saldamente. Dakota inizia a fare la stessa cosa su un altro bidone della spazzatura.

Jennifer inizia a caricare questi sacchi della spazzatura vicino alla porta d'ingresso. Mentre ne sto facendo un altro, Allison, Amy e Belinda arrivano dal corridoio. Sembrano tutti stanchi, ma non sazi.

"Signore, sono io o questi ragazzi millenari mancano di buone maniere sessuali?" Chiedo.

Allison risponde per prima: “Uhm, sì, i due ragazzi con cui ho suonato sono venuti entrambi in pochi minuti e poi mi hanno ringraziato per averli fatti scendere. Non sono venuta, nemmeno lontanamente", mi dice

Belinda interviene dopo: “Sì, i ragazzi ti picchiano fino a quando non vengono e hanno finito. Non so quando tutto questo è cambiato, ma fanno tutti schifo a essere bravi a letto ", dice a tutti noi.

A malincuore, Amy dice qualcosa: “Guarda, so che hanno tutti la mia età, ma sono d'accordo con te. Non hanno buone maniere per la persona con cui hanno intimità. Scopano e scappano", dice.

Le tre nuove signore iniziano a svuotare i contenitori della spazzatura come abbiamo fatto io, Jennifer e Dakota pochi minuti fa. Quando abbiamo chiuso i sacchi della spazzatura con la cerniera, li abbiamo tirati fuori e li abbiamo messi vicino alla porta d'ingresso sostituendoli con un nuovo sacco pulito.

"Amy, vai ai grandi frigoriferi nella grande cucina e dai un'occhiata a quanto cibo è rimasto?" le chiedo. Si dirige verso la grande cucina.

Per fortuna, abbiamo molti sacchi della spazzatura davanti alla porta. Prendo per mano Jennifer e Dakota e usciamo dalla porta principale e iniziamo a portare i sacchi della spazzatura al camion della spazzatura. Abbiamo una borsa per mano. Quando arriviamo al camion della spazzatura, li gettiamo nella parte del recipiente.

In tutto, immagino che abbiamo effettuato circa 30 borse. Sebbene non sia nemmeno vicino a tutti i bidoni della spazzatura, ha alleviato molta spazzatura all'interno della casa. Una volta che abbiamo avuto tutte le borse che erano davanti alla porta, ho chiesto a tutte le signore di seguirmi in cucina. Una volta lì ho iniziato con Dakota e le ho lavato le mani delicate rendendole pulite. Dopo di lei ho fatto Jennifer, poi Jill, poi Amy, Allison e infine Belinda. Ho lavato accuratamente le mani di ogni donna avendo cura di asciugarle una volta risciacquate.

Quando ho finito con ogni donna, ho ricevuto lunghi baci appassionati. Ogni donna mi ha abbracciato e mi ha abbracciato stringendomi forte a sé. Ci siamo abbracciati tutti e ci siamo divertiti.

Stranamente, avevo ancora fame. Amy mi dice che ci sono diversi vassoi di uova alla diavola in uno dei grandi frigoriferi della grande cucina. Le chiedo di andare a prendere un piatto e portarlo fuori. Ci vogliono solo un paio di minuti prima che abbia tra le mani due vassoi di uova alla diavola. Li posa sul tavolo della sala da pranzo e molti di noi hanno cominciato a prendere le mezze uova ea ficcarsele in bocca.

Immagino di aver bevuto abbastanza birra e vado fuori a prendere un paio di coca. Un paio di signore vengono fuori con me. Ognuno di noi prende una lattina di soda. I bambini nelle piscine stavano ancora giocando tra loro. Ovviamente nessuno di loro indossava vestiti, ma non mi importava davvero. Sapevo che eravamo alla fine della festa e quando le persone iniziano a svegliarsi, sono disposto a lasciare che prendano le chiavi dai secchi delle chiavi.

Dakota si prende un momento per dire ai bambini in piscina che quando saranno pronti, permetteremo alle persone di recuperare le chiavi e tornare a casa. Riceviamo un'alzata di spalle e ci dicono che non sono ancora pronti per partire. La mia testa dice che presto riceveranno solo le chiavi e saranno ringraziati per essere venuti alla festa.

Amy è tornata nella cucina grande e nella terza cucina per controllare quanto cibo è avanzato. Nella grande cucina ci sono 15 pentole in alluminio che contengono le costolette. Ogni padella contiene circa 4 lastre di costolette, quindi sono circa 60 circa griglie di costolette tutte cotte. Ci sono ancora secchi di cibo da 5 galloni di insalata di patate, un secchio di maccheroni mezzo pieno da 5 galloni e due secchi da 5 galloni di Cole slaw. I fagioli sono scesi a metà di un secchio.

Ci sono anche circa 8 vassoi di uova alla diavola e una grande insalata. Non ricordo di aver visto nessuna insalata, quindi uno degli chef probabilmente l'ha preparata per le tre donne incinte. Quando rientrammo, ci sedemmo tutti sul divano, sul divanetto o sul pavimento della sala TV e giocammo l'uno con l'altro.

Ho sentito di nuovo bussare alla porta d'ingresso. Jennifer è andata alla porta e ha trovato qui circa 40 persone della compagnia di Patrick per iniziare a pulire. Sono stato davvero grato di vederli.

Li ho avvertiti tutti che potrebbero imbattersi in ragazzi del college che fanno sesso o svengono nudi. Tutta la squadra di Patrick ridacchiò, indossò i guanti per le pulizie e si mise al lavoro.

Le signore e io siamo stati tutti spazzati via. Mi sono davvero sentito male per Jill quando ha scelto tre bei ragazzi del college che hanno raggiunto il loro orgasmo e hanno lasciato Jill alta e asciutta, per così dire. Sono andato da Jill, l'ho presa per mano e l'ho portata dove ero seduto. Si è seduta accanto a me, ha appoggiato la testa sulla mia spalla e mi ha passato le mani tra i capelli. Rimasi lì seduto ad accarezzarle i capelli e cercare di farla stare bene. Continuavo a dirle che la amavo sperando che uscisse dal funk in cui si trovava.

Dakota prende posizione dall'altra parte di me. Anche lei appoggia la testa sul mio petto e mi accarezza leggermente le cosce. Jennifer si siede ai miei piedi, massaggiandomi gambe e piedi.

Un paio di addetti alle pulizie hanno preparato una grande pila di asciugamani. Li hanno messi in ciascuna delle due lavatrici che abbiamo e li hanno fatti funzionare per essere puliti.

Quando alcuni degli ospiti della festa hanno iniziato a uscire in cucina, li abbiamo indirizzati ai secchi delle chiavi/cartellini identificativi affinché iniziassero a cercare le loro chiavi. Di certo era abbastanza tardi perché raccogliessero le loro cose e tornassero a casa, o dovunque stessero andando.

Una delle cose che mi ha fatto pensare che avrei potuto non farlo di nuovo con la folla del college è stata che quando i ragazzi sono usciti dalla piscina, hanno semplicemente gettato l'asciugamano sul pavimento in cucina. Per fortuna c'era la squadra delle pulizie e hanno iniziato a fare diverse pile di asciugamani bagnati. Dopo aver fatto un carico nella lavatrice, li hanno spostati nell'asciugatrice e hanno messo un altro carico nella lavatrice.

Hanno iniziato a chiudere con la cerniera i sacchi della spazzatura dai bidoni della spazzatura all'esterno. Hanno chiesto se dovevano reimballarli o semplicemente impilarli poiché sembrava che avessero finito con quei contenitori.

Non so perché, ma mi sono sentito obbligato a dire a tutte le mie donne che le amavo. Ognuno di loro mi ha detto la stessa cosa. Ci siamo tutti baciati l'un l'altro e ci siamo dichiarati amore l'uno per l'altro.

Mentre più ospiti della festa scendevano in cucina, anche Donna e Paula arrivarono in cucina. Jill ha ordinato loro di venire nella sala TV e di sedersi con noi. Quando sono scesi sempre più ospiti, li abbiamo indirizzati a cercare le loro chiavi nel secchio ID. Tutti hanno detto grazie prima di andarsene.

Avere Pitbull venuto alla festa è stato un successo minimo, ma non così grande come pensavo. C'erano molti ragazzi del college che usavano i loro telefoni per scattare foto di Pitbull mentre lavorava con l'attrezzatura da DJ.

Ho deciso di non offrire a nessuno degli ospiti della festa in partenza il cibo avanzato. So che John e io inizieremo ad attaccare le costole nei prossimi due giorni. Continueremo come gruppo a ridurre le patate, i maccheroni e il Cole Slaw con solo una piccola quantità di fagioli rimasti.

Non sono sicuro di dove siano andati, ma le 6 persone dei servizi segreti sembrano essere scomparse. Con l'arrivo di domani, dovrò incontrarli per sapere se c'è un programma regolare o meno.

Ho tirato fuori il telefono e ho mandato un messaggio a Heidi Longmire e Patrick per un felice anno nuovo e ho fatto loro sapere che si erano persi una festa epica, completa di una visita di Pitbull. Ho ricevuto un messaggio di risposta da Heidi che diceva "Chi?". Ho appena riso a quella risposta.

Ho guardato la mia splendida moglie che sembrava piuttosto esausta e ho chiesto: "Tesoro, cosa hai bisogno che facciamo per te con tutta questa faccenda della conversione delle azioni e quando hai bisogno che lo facciamo?"

“Iniziamo il 3 gennaio e ci vorranno circa 3 giorni per far accadere tutto. Vi dividerò in squadre e attaccheremo l'intero progetto in incrementi ", ci dice Jill.

Dopo un'altra ora, BJ e Danni si dirigono verso la sala TV, seguiti da nostra figlia Tina. Ho trascinato Tina sul divano con me. Mi ha appoggiato la testa in grembo. Le abbiamo detto tutti quanto ci mancasse il suo essere qui allo Chateau e che vorremmo vederla tornare. Ha detto che ha trascorso un altro semestre al college e che avrà finito e sarà disponibile a tornare a casa per stare con noi.

A questo punto, un ragazzo del college dopo l'altro si stava avvicinando alla porta principale per colpire il secchio della carta d'identità alla ricerca delle chiavi. Una volta che li hanno trovati, ho ricevuto un "grazie" mentre uscivano dalla porta principale. Mi è piaciuta la festa, ma non è stato proprio il successo che avevo immaginato.

Quando arrivammo a mezzogiorno, chiesi a Jennifer e BJ di andare a guardare in ogni stanza e svegliare i bambini e ringraziarli per essere venuti alla festa di New York, ma ora è finita e hanno bisogno di raccogliere le loro cose e prendere le chiavi dal Identifica il secchio e torna a casa. Jill ha detto che era frustrata con i ragazzi del college e che avrebbe aiutato a guardare in ogni stanza per farli uscire dalla porta. Amy ha preso in mano il secchio delle chiavi estraendole e disponendole in ordine alfabetico per cognome.

Allison si alzò e andò ad aiutare Amy con le chiavi. È stato bello vedere che erano rimasti circa 75 set di tasti. Ogni paio di minuti uno o due ragazzi del college scendevano alla porta principale cercando di prendere le chiavi. Amy ha chiesto il loro cognome e ha consegnato loro il mazzo di chiavi.

Ho sussurrato qualcosa nelle orecchie di Dakota di cui prendersi cura per me. Si alzò e si diresse verso le master suite per prendere le provviste di cui avevamo bisogno per fare ciò di cui avevo chiesto a Dakota di prendersi cura di me. One thing that we did not consume very much of was the bottles of wine. I would guess that we probably only drank about 100 bottles in total.

John and Diane came down to the kitchen. John wasn’t really all that hungry. He sat down on the loveseat and pulled Diane down onto his lap. She put her arms around him and snuggled into his chest.

Dakota asked John and Diane if they would follow her to get the supplies that she needed for us to set up the way I thought we should be set up. They carried out several sets of sheets and blankets. When some of the other ladies saw what we were setting up, they got up and went to get lots of pillows and bring them out to the TV room. It took about a full half hour or forty-five minutes, but we had all these sheets and blankets and pillows laid out on the floor of the TV room.

I yelled over at Amy to ask how many sets of keys we have left. She tells me less than 20. I tell her to let me know when there are zero key sets left.

Oddly, the next three people who came looking for their keys made their way over to me to thank Jill and I for hosting what they think was the best NYE celebration that they have ever been a part of. They loved seeing Pitbull. They loved all the food and drink that was available. I thanked them for taking the time to thank us. I let them know that out of the 800+ party guests, they were the only ones that thanked me for hosting this party. The three of them were shocked and couldn’t believe that with all the money that I obviously spent on making this party such a huge success that none of the party guests really thanked me.

I told them to keep in touch with me from time to time. I might have a job for them if they are looking for one. They thanked me once again and headed out. Amy told me that we were down to 6 key sets left. A couple more kids made their way to the front door now leaving us with 3 sets. I sent Diane and John to look for the last three people. I told them to start checking all the rooms including the video gaming room and the pool room.

I sent Paula outside to check the pool area to make sure that no one was sleeping on the pool furniture.

It took about 15 minutes, but John came down with the last three people. They thanked me for inviting them to the party and then they were out the door.

Once all the guests were gone, I sent the cleaning crew home. They had us about 90% completed with only loads of towels left which they could take care of tomorrow. I thanked them for their hard work and asked to see the regular group tomorrow. They went out the front door.

I had Amy lock all the locks on the front door and then I told everyone, “OK let’s get naked. Let’s lay all over the sheets, pillows, and blankets and cuddle up with each other,” I tell everyone. I see lots of sparkles in people’s eyes. It only takes about minutes and everyone is naked, and we are all cuddling, caressing, and kissing each other.

CAPITOLO 3

As we all shed our clothing, I felt that we were being a much more loving family. Even my daughter Tina found her way over to me. She put her head on my chest and her hands caressed my body from head to toe.

I watched as my wife Jill was happily cuddling with Dakota. I felt bad for Jill. She picked out three good looking college boys and they didn’t take care of her at all. They got their orgasm and left Jill as if she didn’t matter. This was just one of the things that annoyed me about this party. Maybe it’s the way this generation acts, but I don’t like it. I find it rude and selfish.

Allison came crawling over to me on her knees asking Tina if she could get in with me. Tina gladly gave up her space on my chest and went over to Jill to snuggle up. I watched Tina and I really think that she misses being with all of us.

As I lay there looking at everyone being all intertwined, I feel a pair of hands on my cock. I look down and see Allison’s hands stroking me. As I’m enjoying Allison, Jennifer makes her way over to me as well. She straddles my face with her sweet delicious pussy. And thus, this is how we spent the next 6 hours all intertwined.

I played with Allison and Jennifer at the same time. One of each of my hands flicked their clits. I inserted three fingers into each gal. They were moaning and pulling my hand tighter into their pussy. As tired as we all were, it didn’t take long at all for both Jennifer and Allison to reach a very loud and wet orgasm. Once they finished their orgasmic pinnacle, Paula and Amy rolled over and took their place on me. Paula began sucking my cock as I played with her pussy. Amy was just happy to lay there with three of my fingers inside of her thrusting in and out until she too reached a very loud and wet orgasm.

Once Amy rolled off of me, Belinda took her place putting my fingers inside of her already wet pussy. Paula was not giving up on sucking my cock. I thrust a fourth finger into her causing her to scream in orgasm.

Danni took her place pushing Paula out of the way. I put three fingers into Danni, and it wasn’t very long before Danni not only orgasm, but she squirted when she came.

Once Danni and Belinda had their orgasms. Donna decided that she was going to get me to fuck her as we haven’t been together in quite some time. I just laid on my back and let her mount me and begin fucking me with all her might. Thankfully, it didn’t take but maybe 10 or 12 minutes for Donna to hit her orgasmic peak from fucking me.

Then there were the two ladies that loved me, and I loved them. Jill and Dakota. They each took turns fucking me. When Dakota was on my cock, I had three fingers in Jill. When they switched places, I felt Dakota squirt on my chest.

After all this switching back and forth, I decided to take matters into my own hands, literally. I started with Dakota. I put my face at her sweet delicious pussy. I licked. I sucked. I caused her to hit an orgasmic peak three or four times before she hit the big one. I watched as her beautiful eyes rolled to the back of her head.

Once Dakota reached several orgasmic peaks, I moved over to Jill. I began by licking her pussy and nibbling on her clit. She was quick to have a couple of small orgasms, which I assume came from the three guys not taking care of her needs.

To make sure that I made my darling wife orgasm repeatedly, I put her ankles over my shoulders allowing me the best depth that my cock could get inside her pussy. As I was thrusting in and out of her, she kept having these small orgasms. I just kept thrusting trying to reach her peak as quickly as I could. It only took about 10 minutes before she let out a big moan and then I felt my pelvis become wet with her orgasmic juice.

She called my name repeatedly telling me how much she loved me. I returned the sentiment kissing her until I felt her peak once again. Then I rolled her over onto her back and I began thrusting deep and hard into her. She was calling out my name as she orgasmed once again. I was smiling as we were reaching our peak simultaneously.

Once I came in Jill, we all just kind of snuggled up together. I had body parts from various women all over me. I kissed every lady that I had within reach of me. I told everyone how much I loved them, and I got the same response in return.

IF YOU LIKED THIS CHAPTER, PLEASE LEAVE ME A COMMENT…. THANKS PABLO DIABLO.

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.