Flirtare ha delle conseguenze

626Report
Flirtare ha delle conseguenze

Era sicura che potesse sentire il suo cuore che batteva all'impazzata e percepire la sua inesperienza. Chiuse gli occhi e la possibilità di essere catturata da qualcuno, chiunque, svanì mentre si concentrava sul piacere che le stava dando".

Leggermente sorpresa, Carissa si volta quando sente la mia voce. Non si aspettava di sentire la mia voce alla pompa di benzina dietro di lei. Se sta fissando, di certo non ricorda. Spalle alte e larghe, con corti capelli grigi e occhi scuri che si increspano in un po' di allegria dietro gli angoli. Cinquanta, pensò, forse un po' più vecchia. Un uomo sofisticato, ma è lo sguardo malizioso che cattura sempre la sua attenzione. Occhi come quelli implorano una presa in giro. i miei occhi percorsero lentamente la lunghezza del suo corpo, fermandosi brevemente in un modo per valutare e fare il punto. Alzai la testa e annuii leggermente, mostrando un sorriso come per dire che mi piaceva quello che vedevo. Leggermente imbarazzata ma molto incuriosita dal modo in cui ho sfiorato il suo corpo così attentamente, si è trovata a pensare che una buona svolta ne meritasse un'altra. Ero tornato alla macchina per fare il pieno. Ero di fronte a lei, una mano che reggeva la pompa, l'altra sul fianco. Sta ancora sorridendo quando ha notato il liquido lavavetri a metà strada tra di noi. Si avvicinò e mise con cura i piedi abbastanza distanti da piegarsi comodamente in vita mentre afferrava il manico del tergicristallo. Il suo top scollato con spalline sottili, ora spalancato sul davanti, mostrava quel tanto che bastava dei suoi seni piccoli e la linea netta tra carne abbronzata e crema bianca. Ancora china, esitò e sollevò la testa per incontrare i miei occhi prima di sollevare il tergicristallo dal cestino acquoso e afferrare un panno blu pulito dal supporto. Voleva che sapessi che è solo per il mio piacere. Mentre i nostri occhi si incrociavano, si rese conto che apprezzavo appieno il gioco. Mi lanciò un sorriso mentre si alzava e tornava alla sua macchina.

Le ho scattato una foto e l'ho inviata al mio assistente con un messaggio, ho ricevuto un messaggio di risposta con le informazioni richieste. Carissa; 22 anni, mai sposato, nessun fidanzato fisso attuale, è nella divisione marketing e oggi partecipa alla conferenza. Carissa non vede l'ora di partecipare a questa conferenza da sei mesi, da quando è stata promossa a vicedirettore della divisione marketing della mia azienda. Non vede l'ora di incontrare alcuni dei suoi nuovi colleghi in altre società, affinare le sue capacità di leadership e stabilire contatti che potrebbero rivelarsi preziosi in futuro. Alla prima sessione della conferenza, Carissa ebbe la fortuna di sedersi accanto a un uomo più anziano, probabilmente di trent'anni. Era alto più di un metro e ottanta, con la mascella squadrata, i capelli grigi e gli occhi scuri. La mia targhetta indicava che ricoprivo un'importante posizione dirigenziale in una delle aziende leader del suo settore e Carissa capì immediatamente che ero qualcuno che avrebbe dovuto conoscere. Mi chiamo John, l'ha scoperto quando si sono presentati, ed è subito attratta da me. Si sono scambiati piccoli commenti durante le presentazioni pomeridiane e lei ha potuto percepire che l'attrazione è reciproca. Quando le sessioni sono finite, si sono strette la mano e si sono separate, ma non prima che io le tenessi la mano un po' troppo a lungo. Le ginocchia di Carissa si trasformano improvvisamente in gelatina, e sente quella sensazione di agitazione nella pancia mentre torna nella sua stanza.

Ha avuto solo un'ora per prepararsi per il cocktail di benvenuto sponsorizzato per i partecipanti da uno dei fornitori della conferenza. Ispirata dal suo incontro con me e dalle deliziose sensazioni che aveva suscitato, Carissa ha messo da parte il tailleur classico che aveva programmato di indossare a favore di un vestito nero sexy che aveva acquistato in una boutique mentre faceva acquisti il ​​giorno prima. Aveva sperato che avesse acquistato anche il vestito e la lingerie sexy. Ma, invece, eccola qui, che si infila le calze autoreggenti sulle gambe tornite e lascia che il minuscolo perizoma di seta nera si annidi seducente tra le guance del suo sedere sodo e rotondo. Mentre lisciava il vestito e faceva scorrere le mani sul tessuto delicato, Carissa si chiese se avrebbe dovuto indossare il nuovo reggiseno a balconcino. Le sollevava drammaticamente i seni per enfatizzare la sua scollatura, ma non copriva del tutto i suoi capezzoli, che si sarebbero sicuramente mostrati chiaramente attraverso il tessuto sottile del vestito nero corto. Era un po' incerta anche per quanto riguarda le calze autoreggenti, dato che il vestito era svasato dalla vita e così corto che le parti superiori sarebbero state sicuramente visibili se fosse stata un po' disattenta con i suoi movimenti.

Inoltre, spera contro ogni speranza che io sia al ricevimento e non vede l'ora di vedere la mia reazione. Dopo aver applicato gli ultimi ritocchi al suo trucco e ai suoi capelli scuri e ricci, Carissa è fuori dalla porta e sta prendendo l'ascensore verso la suite dell'attico dove si terrà il ricevimento. Si diresse dall'ascensore alla stanza 4901 e attraversò la porta aperta in mezzo a una folla di partecipanti alla conferenza. Sono rannicchiati strettamente in piccoli gruppi nell'elegante suite, mangiando, bevendo e cercando di impressionarsi a vicenda. Carissa mi ha subito visto, dato che sono più alto della maggior parte delle persone presenti. Sto tenendo corte con un gruppo di circa sei persone riunite intorno a me. Prese un bicchiere di vino offerto da uno dei camerieri mentre entrava e si diresse casualmente verso il mio gruppo. Sta attenta a non dare l'impressione che mi stia cercando, ma in realtà non vede l'ora di starmi vicino. Carissa sente la folla nella stanza aprirsi e dozzine di occhi fissi su di lei mentre si muove con grazia verso dove mi trovo io. Ma non le importava di quelle dozzine di occhi: le interessa solo vedere l'espressione in quei miei occhi scuri quando la vedo per la prima volta. Non è delusa dalla mia reazione, poiché l'ho notata proprio mentre si posizionava sul bordo del gruppetto che avevo preso in mano. Quegli occhi intensi si fissarono su di lei e scivolarono sul suo corpo, fermandosi nei posti giusti. Non ho preteso di rendere questo uno sguardo casuale. Sto prendendo il mio tempo e memorizzando ogni curva del corpo sensuale di Carissa, e lei sente le sue guance arrossire alla franchezza del mio sguardo. Con uno dei miei colleghi a metà frase, mi allontano bruscamente e raggiungo la mano di Carissa.

L'ho preso nel mio e l'ho sorpresa facendola roteare come se fossimo sulla pista da ballo. Sorridendo ampiamente, emisi un fischio lungo e sommesso. Carissa è imbarazzata dall'attenzione che sto attirando su di lei, e si sente ulteriormente a disagio con la consapevolezza che la sua piccola piroetta ha probabilmente esposto la parte superiore delle sue calze. Forse di più. "Decisamente non sei vestita per il lavoro questa sera, Carissa," i miei occhi la osservano ancora una volta prima di indugiare un po' troppo a lungo sui suoi seni. Ora è profondamente consapevole di quanto siano diventati duri i suoi capezzoli. "Per cosa sei vestito?" Mentre Carissa cercava disperatamente di pensare a un ritorno adeguato, le sue labbra carnose e rosse si schiusero come se stesse per parlare. Ma non è venuto fuori niente, e lei è rimasta lì con un'espressione che è una strana combinazione di sessualmente eccitato e decisamente sciocco. Finalmente riesce a formulare una frase coerente: "Oh, ho trovato questa cosetta mentre andavo a fare shopping ieri. Ho pensato di provarla stasera". Le sue guance arrossirono ulteriormente quando si rese conto di quanto suonasse noioso, ma cercò di nascondere il suo disagio dietro un sorriso. Sorrido di rimando, facendo sentire Carissa un po' più sicura di sé, ma poi velocemente la faccio perdere di nuovo l'equilibrio. "Bene, ho intenzione di mettermi al volante io stesso stasera. Mi piace sempre mettere alla prova un nuovo modello." Carissa si rende improvvisamente conto che l'avevo guidata mentre parlavamo in un angolo lontano della suite, lontano dal bar e dalla maggior parte delle persone. Il brusio della conversazione è molto più basso mentre ci separiamo dagli altri ospiti e abbasso la voce appena sopra un sussurro. "Hai indossato quel vestito speciale per me stasera, Carissa?" Ecco di nuovo le ginocchia. E anche le farfalle sono tornate. Si è resa conto che la sua schiena è letteralmente contro il muro e che sono troppo vicino per essere a mio agio. Anche se in realtà non ci stavamo toccando, avevo occupato circa il 95 percento del suo spazio personale. E il mio odore.

Quell'aroma familiare ma indefinibile che diceva UOMO. È anche di nuovo acutamente consapevole dei miei occhi, che ora fissano chiaramente la sua scollatura. Non pretendo di essere discreto. È come se volessi che lei fosse sicura e si accorgesse che lo sto notando. E, naturalmente, sarebbe impossibile non notare quei seni 34-C, che sono sollevati in alto dal nuovo reggiseno e messi in mostra dalla profonda scollatura a V del suo vestito. E sono almeno un piede più alto dei suoi 5 piedi e 3 pollici, aveva la vista migliore della casa. Carissa sta ancora cercando di capire come rispondere alla mia domanda. . . senza ammettere che la risposta è sì, stasera ha indossato il vestito per me. E sì, indossava anche le calze, il reggiseno e il perizoma sexy per me. "Va tutto bene, Carissa. A volte ti prendo in giro un po' troppo. Non voglio metterti a disagio." Poi l'ho messa ancora più a disagio allungando la mano e appoggiandole la mano sulla spalla, permettendo al dorso della mano di sfiorarle appena il seno sinistro mentre lo facevo. Anche il mio tocco sempre così breve fa sì che il suo capezzolo si indurisca come una roccia e si metta in mostra con orgoglio attraverso il sottile tessuto nero del suo vestito. Ma allo stesso tempo, la mia grossa mano appoggiata sulla sua spalla la faceva sentire in qualche modo al sicuro. Si rilassò un po' mentre fissava i miei occhi scuri. La mezz'ora successiva passò velocemente mentre i due parlavano, si toccavano e si comportavano come se fossero le uniche persone nella stanza. Carissa si è sorpresa di quanto mi ha rivelato della sua vita personale: la relazione difficile con il suo ragazzo, il fatto che si godesse questa possibilità di scappare e ottenere una piccola prospettiva. Abbiamo parlato del suo lavoro e di me, e prima che ce ne rendessimo conto, la maggior parte degli altri ospiti era uscita dalla stanza. Uscendo, uno degli uomini che stava parlando con me quando Carissa è arrivata, ha gridato: "Ehi John, alcuni di noi stanno scendendo in sala per continuare questa festa.

Unisciti a noi!" Gli ho fatto cenno di accettare l'invito e ho riportato lo sguardo su Carissa. "Che ne dici? Hai voglia di un altro drink? Ti lascerò anche ballare con me se lo chiedi davvero gentilmente." Come poteva rifiutare un invito del genere? L'ho presa fermamente per il braccio e l'ho spinta fuori nel corridoio, chiamando l'ultimo gruppo dal ricevimento per tenere l'ascensore. I due sono entrati appena prima che le porte si chiudessero e hanno iniziato la lunga discesa verso la lounge dell'hotel al primo piano. Carissa è posizionata di fronte a me, che aveva appoggiato con noncuranza le mie mani su ciascuna di lei gomiti. Non li stavo tenendo esattamente, solo una sorta di mantenimento del contatto. E, sinceramente, la sensazione delle mie grandi mani sulle sue braccia nude era molto piacevole. Confortante ed eccitante allo stesso tempo. L'ascensore si fermò diverse volte giù, e quando raggiunsero il 30° piano, Carissa e io ci trovammo sul retro della macchina con una folla che premeva verso di loro dalla parte anteriore. Essendo più piccola di quasi tutti nell'ascensore, si ritrovò a essere spinta un po', e lei istintivamente si appoggiò a me per sostenermi. Mentre sta pensando a quanto sia bello avere questa figura grande e stabile su cui appoggiarsi, sente le mie mani afferrare i suoi gomiti più saldamente e tirarla ancora più vicino a me. Ora, non solo la testa e le spalle di Carissa sono appoggiate contro il mio petto, ma i suoi fianchi sono premuti saldamente contro le mie cosce e il mio inguine. Rendendosi conto che forse è un po' troppo vicina per essere confortata, ha tentato di spostarsi un po' in avanti, ma le mie mani salde l'hanno tenuta ferma, e in realtà l'hanno tirata a me ancora più stretta.

È allora che Carissa si è accorta per la prima volta che il mio cazzo si annida esattamente tra la parte superiore delle guance della sua radica soda e rotonda. Carissa sussulta sonoramente a questo tocco intimo di un uomo, che non sapeva nemmeno da otto ore, e alla realizzazione che questo relativo sconosciuto la sta attirando più forte a me. Mi chino sopra la sua spalla, avvicino la bocca al suo orecchio e sussurro: "Shhhhhh". E con questo, sente il mio cazzo iniziare a scivolare lentamente e sensualmente lungo il suo fondoschiena mentre comincio a muovermi contro di lei - impercettibilmente per il resto dei passeggeri dell'ascensore - ma oh così ovvio per lei! Non passò molto tempo prima che i due sviluppassero un bel ritmo nei loro movimenti—abbastanza sottile, ma estremamente erotico. Chiuse gli occhi e si premette contro di me, cercando di visualizzare il cazzo che le stava procurando tanto piacere. Non è completamente eretto, ma può sentirlo crescere ad ogni piccolo movimento che fa contro di esso. È sicura che sia grande, forse in modo anomalo. E non solo in lunghezza. La sua circonferenza è ciò che l'ha fatta sussultare quando la cosa l'ha premuta per la prima volta. È facile per Carissa sentirlo mentre scivolava contro il suo fondoschiena. Il suo vestito è estremamente sottile e il suo minuscolo perizoma non ha fornito alcuna copertura sotto. L'ascensore si fermò barcollando per altri passeggeri al 10° piano, e mentre salivano a bordo, Carissa viene premuta ancora più forte contro il mio cazzo invasore. Ormai, la sua principale preoccupazione è l'umidità che si era accumulata nella sua figa da quando l'ho presa sottobraccio al ricevimento. Sapeva che l'avevo bagnata dal momento in cui le chiesi se si era vestita per me quella sera.

Ma a questo punto, la sua eccitazione - e quindi la sua lubrificazione - sono quasi fuori controllo. Carissa si morse il labbro e sperò che i suoi succhi non sfuggissero al perizoma nero e iniziassero a gocciolarle lungo le gambe prima che l'ascensore raggiungesse l'atrio. Quando il campanello suonò per segnalare il loro arrivo al primo piano, quasi saltò fuori dalla sua pelle. Aveva chiuso gli occhi ed era andata alla deriva in un altro posto, consapevole solo della sensazione del mio enorme cazzo che le accarezzava il fondoschiena e delle mie mani forti che la attiravano verso di me. I suoi sensi e le sue emozioni sono in fiamme, e il campanello improvviso e la leggera scossa quando l'auto si è fermata, l'hanno fatta sussultare in modo udibile. Diverse paia di occhi si voltarono verso il retro dell'auto prima che i passeggeri iniziassero a partire. Lei ed io siamo stati gli ultimi ad uscire. Le ho premuto leggermente una mano sul fondoschiena mentre la scortavo nell'atrio, che ora brulica di partecipanti alla conferenza, alcuni si preparano per uscire a cena a Dallas e altri si dirigono verso la lounge per continuare la festa. Carissa sapeva istintivamente che avrebbe dovuto tornare subito in ascensore, premere il pulsante per il dodicesimo piano e ritirarsi nella sua stanza. Dovrebbe chiamare il suo ragazzo, fare due chiacchiere sulla conferenza, dirgli che le manca, poi andare a letto presto e masturbarsi per il resto della serata. Dopo la corsa in ascensore con il mio cazzo spinto contro di lei, sapeva che sarebbe venuta molto presto. L'unica domanda è come lo farà. E ha capito che avrebbe fatto una scelta deliberata tra me e la masturbazione.

Le porte dell'ascensore si chiudono. E c'è Carissa, ancora in piedi nell'atrio, preoccupata per lo stato del suo perizoma saturo, e pronta ad andare in salotto con il cazzo più grosso che abbia mai sentito. E con un uomo che conosceva a malapena attaccato ad esso. La lounge dell'hotel è lungo un lungo corridoio dalla hall, e lei può sentire il ritmo della musica prima ancora di arrivare alla porta. C'è qualcosa di primordiale nella base palpitante. Le fece persino dimenticare per un momento il battito del suo cuore. Le apro la porta e la guido attraverso, e siamo stati colpiti in faccia dal pieno effetto della band dal vivo. È un gruppo di cinque membri che copre molti vecchi successi degli anni '60 e '70, musica che i suoi genitori le avevano fatto ascoltare da bambina e che aveva imparato ad apprezzare man mano che cresceva. "Quando un maaaan ama una donnaaaan..." Non appena ho sentito il vecchio classico di Percy Sledge, non ho nemmeno aspettato di trovare un tavolo. L'ho semplicemente afferrata e trascinata sulla piccola pista da ballo, che si sta rapidamente riempiendo di altre coppie. Ne riconobbe diversi che prima erano stati al ricevimento al piano di sopra. Ha cercato di tenermi a una distanza "di sicurezza" mentre iniziavamo a ondeggiare con la musica sensuale, ma è diventato subito evidente che "sicuro" non è affatto il mio stile. Le mie forti braccia le avvolgono la vita e la attiro a sé. Il suo viso è premuto contro il mio petto e ha chiuso gli occhi e si è crogiolata ancora una volta in quell'odore di UOMO. I nostri piedi si muovono appena, ma i nostri corpi oscillano avanti e indietro. "Se lo prende per uno stupido..."

Improvvisamente, si rende conto delle mie due mani sul suo fondoschiena, che la attirano verso di me. Ora è abbastanza vicina da sentirlo di nuovo, essendo quel mio mostruoso cazzo. Solo che questa volta sta diventando più difficile. In qualche modo mi ero adattato in modo che la cosa serpeggiasse verso l'alto, iniziando proprio in cima alla sua apertura e salendo appena sotto i suoi seni. Con questa disposizione, la base di esso sta strofinando il suo clitoride già gonfio mentre mi muovevo, mentre il resto dell'asta rotolava avanti e indietro sul suo ventre. Eravamo così vicini, e il tessuto del suo vestito così sottile, che Carissa può effettivamente sentire il contorno della grande testa che sormontava l'asta. Chiuse gli occhi e immaginò come doveva apparire. Sapeva come ci si sentiva mentre la toccava. . . sembrava eccitante. . . e cattivo. . . e oh, così sexy. E anche se i pensieri del suo ragazzo le balenarono fugacemente nella mente, scelse di concentrarsi sulle sensazioni di quel momento. Sta provando cose che non provava da molto tempo. E ha finalmente scartato i suoi vani tentativi di tenere sotto controllo la sua eccitazione. Carissa premette il viso contro il mio petto con un lungo gemito basso e chiuse gli occhi, mentre sente il suo nettare che inizia a trasudare dalle sue mutandine e gocciola lungo entrambe le cosce. "Perché piccola, piccola, sei il mio mondo..." Quando la canzone finì e la band si mosse in un'altra, questa volta veloce con un ritmo primordiale, le strinsi forte il braccio attorno alla vita e la condussi verso un angolo buio del salotto, proprio all'interno di un piccolo corridoio che conduceva ai bagni. Ancora una volta, la sua schiena è contro il muro, ma questa volta la sto decisamente toccando. Almeno il mio cazzo lo è.

Le mie mani sono appoggiate contro il muro su entrambi i lati del suo viso mentre mi appoggio a lei e continuo a muovere il mio corpo in modo sensuale, come se la band stesse ancora suonando "When a Man Loves a Woman". Solo che questa volta la musica che filtra attraverso la pista da ballo è forte, dura e primordiale. Il battito della base è quasi identico al battito del suo cuore in quel momento: martellante, pulsante, selvaggio. Sembro essere ignaro delle persone che di tanto in tanto si facevano strada lungo lo stretto corridoio verso i bagni, anche se ogni volta che passava qualcuno, mi avvicino a lei per dargli spazio. Naturalmente, l'effetto è quello di macinarmi più completamente contro la sua figa. "John, per favore. Dovrò vedere qualcuna di queste persone domani. Non voglio che pensino che sono una specie di sgualdrina." Ho risposto allontanandomi un po' da lei, ma solo così posso far scivolare la mia mano destra tra di loro. Comincio a premerlo tra le sue gambe, forzandole ad aprirle, mentre afferro la stoffa del suo vestito e comincio a tirarlo verso l'alto. Avvolsi il materiale sottile nella mia mano, facendo in modo che l'orlo si insinuasse più in alto. Le mie dita scivolarono verso il basso e afferrarono un altro po' del vestito e lo spinsero ancora di più verso l'alto. Ben presto avevo sollevato il vestito abbastanza in alto che la parte superiore delle sue calze e parti delle sue cosce cremose fossero visibili a chiunque passasse. E ancora, quella mano premuta contro la sua figa. Solo ora la sensazione era cambiata, da erotica a invasiva. E, naturalmente, può ancora sentire l'IT che preme contro di lei. E l'IT sembra essere diventato ancora più grande, più duro. . . più spaventoso.

"Va bene, John, basta così." La voce di Carissa questa volta è severa, ma sembrava decisamente più sicura di sé di quanto si sentisse. È chiaro che se decidessi di fare qualcosa, non c'è modo che lei possa impedirlo, a meno di gridare aiuto e diventare il punto focale di ogni occhio del posto. Questa volta, tolgo la mano sinistra dal muro e la faccio scivolare sul davanti del vestito scollato. La mia mano ha trovato il suo seno sinistro, e ha iniziato a massaggiarlo ea pizzicare rudemente il capezzolo, proprio mentre l'altra mia mano si faceva strada completamente sotto la sua gonna e iniziava a strofinarle la figa fuori dal perizoma sottile. Carissa è improvvisamente imbarazzata dal fatto che l'avessi fatta bagnare così tanto. Sapeva che potevo sentire l'umidità che le colava lungo le cosce, e si vergogna davvero di se stessa. La avrei davvero fottuta proprio qui in salotto? La parte razionale del suo cervello le diceva di no, ma tutto ciò che provava in quel momento indicava il contrario. Carissa sta iniziando a farsi prendere dal panico e l'erotismo che aveva provato prima mentre ballavamo era stato sostituito dalla paura e dal rimpianto. Pensò al suo ragazzo. Come ha potuto fargli questo? Come avrebbe potuto effettivamente indossare l'abito che aveva acquistato per lui, solo per impressionare questa bestia che si sta imponendo su di lei? Pensò al suo lavoro, quello che aveva avuto solo per pochi mesi. Cosa avrebbe pensato di lei il suo capo quando si fosse saputo come si era comportata alla conferenza? Scopare un ragazzo nella lounge dell'hotel non fa assolutamente parte del suo lavoro! E questo stronzo che si stava imponendo su di lei in questo momento. Da dove gli è venuta l'idea che fosse così fottutamente facile? Beh, forse non voleva rispondere a quest'ultima domanda. All'improvviso, la sua paura si è trasformata in rabbia e Carissa inizia a lottare. Ma ho semplicemente tenuto le sue due mani e mi sono appoggiato più forte contro di lei. E per peggiorare le cose, ho riso di lei!

La risata è più di quanto Carissa possa sopportare, e ha fatto qualcosa che ha sorpreso anche lei. E sicuramente mi ha sorpreso. . . mentre puntava la gamba sinistra contro il muro e spingeva la destra verso l'alto, prendendomi proprio in quelle mie grosse palle con il ginocchio. Probabilmente fu la sorpresa più che il dolore a farmi perdere momentaneamente la presa, quel tanto che bastava perché lei scivolasse da sotto di me e tornasse di corsa verso la porta del salotto. Fortunatamente, un uomo sulla strada per il bagno si è inavvertitamente spostato tra me e lei, dandole un po' di vantaggio. Mentre si affrettava attraverso la pista da ballo, Carissa cercò di lisciarsi la gonna e riposizionare la parte superiore del vestito in modo da sembrare in qualche modo rispettabile quando fosse tornata alla luce. Con la coda dell'occhio, mi ha intravisto. Avevo allontanato l'uomo ignaro dalla mia strada e la stavo inseguendo. Carissa spalancò la porta del salotto e si affrettò lungo il corridoio verso l'atrio e - sperava - verso la salvezza. Ma all'improvviso, una grossa mano le afferrò la spalla e un'altra le circondò la vita da dietro. L'avevo raggiunta appena fuori da una porta di legno intagliato con un cartello che diceva "Biblioteca". Ho spalancato la porta e l'ho spinta dentro. Mi guarda, ed è pietrificata da ciò che ha visto. I miei occhi castani ora sono duri e la mia mascella è serrata. Ma non la stavo guardando, esattamente. È più come se stessi guardando attraverso di lei. Istintivamente, sapeva di dover stare zitta. Ha paura di cosa succederebbe se non lo facesse. Non aveva più idea di cosa sono capace. Il cuore di Carissa le salì in gola mentre mi giravo e chiudevo a chiave l'unica porta della stanza vuota. Poi mi voltai verso di lei e le sorrisi, un sorriso senza alcun calore o umorismo.

"Adesso, Carissa. Dove eravamo rimasti?" Fedele al cartello sulla porta, la stanza è in realtà una biblioteca, lussuosa per giunta. Apparentemente era stato riservato agli ospiti dell'hotel come luogo tranquillo dove leggere, fare lavori d'ufficio e simili. Tre pareti erano rivestite da ricche librerie di quercia, e un massiccio camino in mattoni si ergeva come punto focale sulla quarta. Comode sedie fiancheggiate da tavoli e lampade da lettura erano sparse per la stanza, e i pavimenti in legno scuro erano accentuati da diversi tappeti colorati posizionati strategicamente intorno. Al centro della stanza, di fronte al camino, c'era un grande divano rivestito di pelle marrone scuro. Carissa e io sembriamo notarlo allo stesso tempo. "Questo andrà molto bene," sibilai, mentre la tiravo verso il divano. Con una brusca spinta la piegai su uno dei braccioli imbottiti, premendole il viso contro la morbida pelle. "Mio dio, John, non vuoi farlo!" "Oh sì, lo voglio, piccola, e lo vuoi anche tu, fin dal cocktail party. Non pensare che non abbia notato quanto fossero duri i tuoi capezzoli in quel vestito sexy che indossavi per me." "Ma, Giovanni..." "E ti è piaciuto quel viaggio in ascensore tanto quanto me. Non è vero?!" Per enfasi, le ho spinto il viso più forte contro il divano. Carissa si vergogna che la risposta sia sì, ma non mi avrebbe dato la soddisfazione di ammetterlo in queste circostanze. Ma non stavo davvero cercando una risposta, comunque. E la cosa successiva che Carissa sapeva, ho sollevato l'orlo del suo vestito e gliel'ho tirato sopra la schiena, lasciando solo il minuscolo perizoma e le calze sotto la vita. In pochi secondi, anche il perizoma è sparito, mentre infilo la mia grossa mano sotto la cintura e gliela strappo dal corpo.

Con il suo culo quasi perfetto nudo e spinto verso l'alto e il suo corpo totalmente sotto il mio controllo, non si è mai sentita più esposta, né fisicamente né emotivamente. "Per favore, John, come puoi fare questo?" "Come puoi pensare che non l'avrei fatto, piccola? Hai flirtato e ostentato tutto il giorno. Pensavi che mi avresti dato un bacio sulla guancia e rimandarmi a casa mia per masturbarmi ?" Carissa sente una delle mie mani allentare la pressione sulla sua schiena, e sente il tintinnio della fibbia di una cintura. Si sforza di girare il viso di lato giusto in tempo per intravedere quella mano libera che fa scivolare la mia cerniera verso il basso. I miei pantaloni scivolano giù per le gambe fino al pavimento, ed è allora che Carissa si rende conto che non avevo addosso nessuno slip. Non c'è da stupirsi che potesse sentire così chiaramente il contorno di quel grosso cazzo! E poi l'ha visto per la prima volta. E l'IT è grande quanto aveva immaginato. Solo nella sua fantasia, aveva sognato di incontrare IT a condizioni molto più amichevoli. Il cazzo è il più grande che abbia mai visto di persona, lungo ben 9 pollici. L'asta è grande quanto il suo polso sottile, ed è sormontata da una testa massiccia grande come una prugna e più o meno dello stesso colore. Riesce a vedere le vene che salgono e scendono, dandogli l'aspetto di creste e valli sotto la pelle tesa. Pre-cum sta già trasudando dal suo buco, facendo brillare la testa viola nella luce soffusa della biblioteca. "Mio Dio", pensò. "Si sta davvero divertendo con questo."

Ma prima che potesse pensare di più, ho fatto un passo avanti, permettendo solo alla punta del cazzo enorme di toccarla per la prima volta, lasciando un piccolo punto umido sulla sua natica sinistra. Poi ho usato un piede per divaricare ulteriormente le sue gambe, ho preso il mio cazzo duro in mano e ho iniziato a tracciare la testa lungo il contorno della sua fessura bagnata. Lo faccio scivolare lungo tutta la sua lunghezza più volte, inclinandomi un po' per separare leggermente le sue labbra. Carissa geme alla sensazione. Ha paura di quello che un cazzo così grande potrebbe fare alla sua vagina stretta, ma si vergogna di ammettere che la sensazione di qualcosa di così. . . così alieno, eccitava anche lei. I succhi che stanno colando dalla sua figa in quel momento non sono rimasti dalla corsa in ascensore o dal ballo in salotto. Sono stimolati dallo sguardo, dalla sensazione del mio cazzo enorme e arrabbiato. Ma l'eccitazione di Carissa è mescolata con rabbia, vergogna e una sensazione di totale impotenza in un cocktail di emozioni che non riesce nemmeno a capire. L'unica cosa che ha capito per certo è che sta per essere scopata—probabilmente brutalmente—e senza alcun riguardo per il suo piacere o per i suoi sentimenti. "Per l'amor di Dio, John, se hai intenzione di farlo, mettiti un preservativo!" Carissa non sopporta il pensiero che io le spruzzi il mio seme dentro e, dio non voglia, la metta incinta! Ma non ho detto una parola. Ho appena appoggiato il mio corpo più forte su di lei, guidando il mio cazzo duro appena oltre le sue labbra, che sono tese al massimo cercando di accogliere la testa massiccia. Trattenne il respiro quando lo sentì spingere oltre la sua delicata apertura e iniziare a farsi strada lentamente all'interno. "Ti sei chiesto come ti sentiresti nelle ultime due ore, vero, piccola?"

"No," sibilò di rimando, "mi chiedevo se fossi abbastanza stronzo da farmi davvero questo!" "Oh, piccola, l'hai fatto a te stesso." E con questo, mi chino su di lei, appoggiando la mano sul divano vicino alla sua testa, e con l'altra mano, porto il mio cazzo duro e palpitante tra le sue cosce aperte fino alle labbra calde e affamate della sua fica. Usando la testa piena di sangue per separare le pieghe carnose, ho spinto il mio cazzo in avanti fino a quando la punta palpitante è
premuto contro l'apertura umida. Carissa gira la testa di lato, chiudendo gli occhi con un brivido mentre sente l'immenso cazzo entrare in contatto caldo e umido con i bordi frastagliati e sensibili della sua figa umida. Trattenne il respiro per un'eternità, giacendo perfettamente immobile, aspettando il dolore straziante del mio cazzo che tornava a casa nel suo ventre in fiamme. "Oooooooh," ansima mentre sente aumentare la pressione contro la stretta guaina carnosa, separando lentamente il
riccioli pubici e allargando le labbra tese. "Oh, Dio... Aaaaaaggghhh," soffocò mentre la punta le scivolava attraverso, stirando dolorosamente la stretta apertura fino a quando Carissa sentì come se le sue cosce si stessero spaccando a causa della pressione implacabile. Mi sono trattenuto il più a lungo possibile, un sorriso malizioso sul mio viso mentre guardo la giovane donna indifesa e innocente sdraiata sotto di me, mentre la punta pulsante del mio cazzo scompare tra i ricci biondi della sua figa. Dio, è più di quanto possa sopportare. Dovevo scoparla... dovevo scoparla ora!

Caddi in avanti con uno schiaffo mentre i nostri corpi nudi si scontravano, i suoi morbidi seni si schiantarono contro il divano sotto il mio peso. Spingo i fianchi in avanti mentre cado, e il mio cazzo lungo e spesso sbatte contro la sua fica come un camion carico, spingendo le pareti morbide e flessibili in onde increspate davanti a sé. Non c'è modo di fermarlo fino a quando le mie palle non schiaffeggiano pesantemente nella fessura rivolta verso l'alto delle sue natiche, e il mio bacino si aggrappa contro il suo sedere nudo. "Oh, mio ​​Dio! Oh, mio ​​Dio!" urla sotto di me. Mai prima d'ora è stata così completamente riempita, e il mio cazzo sembra volerla strappare a metà da un momento all'altro. Rimasi immobile per un momento, la testa contro la sua schiena. Nessuno dei due ha emesso un suono per molto tempo e poi Carissa sente l'inconfondibile pulsazione del mio cazzo gonfio, sepolto nel profondo della sua pancia. Si solleva di un altro mezzo centimetro mentre glielo infilo dentro. "Oooooowwww... mi stai facendo male," grugnì senza fiato, il viso contorto dal dolore più profondo e acuto. "Te l'avevo detto che avrei allargato quella tua piccola figa stretta, Carissa," sogghignai sopra di lei, flettendomi di nuovo. "Aaaagggghhhh," gemette più profondamente questa volta, i vasi sanguigni nel suo collo risaltarono per la pressione straziante della sua resistenza. "Ti piace, piccola?" ringhiai. Lei non rispose. "Ho detto... Ti piace piccola?" Feci un duro affondo con i miei fianchi, seppellendo un po' di più il mio cazzo duro nella sua guaina stretta.

"Ooooooo, sì... sì," grida, terrorizzata all'idea di dire qualcosa che possa offendermi. "Prego, allora," sibilai a denti stretti. Carissa si dimena per il dolore lancinante. "No... No, non posso." Sapeva che doveva sfuggire a questa umiliazione finale, se non l'avesse fatto, non sarebbe rimasto niente, nessun rispetto di sé, nessun orgoglio, nessuna fedeltà al suo ragazzo. She can't let me have the lewd satisfaction of hearing her beg for it like some slut off the street. I throbbed deeper, and she gritted her teeth to stifle the pain. " Beg me, bitch! Beg me!" " Ooooooh, yes," she sobbed, her resistance broken by
the burning pain and the helplessness of her plight. " Do it to me... do it to me." " Not like that," I growled. " Say fuck me!" " Oh, fuck me! Fuck me!" lei urla. Her humiliation and degradation are now complete. She will never be the same again. She has allowed herself to lose control, to surrender all the things she thought were right, and with this man, of all the men on earth. Carissa's body begins to react involuntarily. There is no longer any reason to hold back, to fight the lewd ravages of passion coursing through her. She has lost the battle and nothing can save her now. She feels the burning flames of desire grow hotter and hotter as I begin to mercilessly ram into her, slithering my thick, heavy cock into her hungrily nibbling vagina in a slow erotic rhythm that soon caught her up.
I remembered the first time I'd seen her, how I wanted even then to get in her tight little pants! Well, now I'd show her! Now is my chance!

Her legs spread wide as I stood between them, slamming into her with plundering thrusts, burrowing to the hilt in her innocent young vaginal passage. I slaved over her, moving suddenly into longer smooth strokes that brought my cock almost all the way out of her tightly clasping sheath on the backstroke and then thrusting forward up into her uplifted buttocks until I hear the loud, wet slap of my balls against the unprotected crevice of her anus. I reach down around the smooth, undulating cheeks of her ass and fondled and played with the soft, contracting lips of her pussy where I entered her, bringing softer moans of abandoned passion and at the same time I feel the ever-widening passage of her vagina flowering in its greedy desire to suck in all of my hard, throbbing prick. I'm slamming into her like a pile driver, hot and pulsating and deep, as she squirms beneath me. Her sharp nails dug into the leather sofa as moans begin to come from her half-parted lips. I knew she is almost there, and I clenched my buttocks together tightly in an effort to hold back the seething flood of sperm boiling in my loins. Her gasping moans became a continuous cry, a long, mournful pleading for fulfillment coming straight from her belly. " Oh, God, I'm going to cum... I'm going to cum!" She begins to push back against me, her hips grinding savagely back to meet my deep thrusts halfway. " Don't stop! Don't stop!" The dam suddenly burst. I can't hold back the scorching flood no longer, my cock jerks as the hot, white semen raced along the shaft of my cock and spurted in rapid-fire bursts from the throbbing tip deep into the aching depths of her belly. " Oh, no... not now... Don't stop now, please! Just a little more! I'm almost there! Please!"

" Noooooooooooo," Carissa wails as the orgasm overtook her. Her face contorted with anger, pain, pleasure, and a hundred other emotions. Wave after wave washed over her as she buried her face in the leather couch to muffle her sobs. In her almost unconscious state, she is vaguely aware that I'm still cumming as well. She feels me make two final thrusts, as my cock jerks spurting another load into her. For a few moments there is almost complete silence—only the sound of heavy breathing and the little sobs that Carissa is trying to catch in her throat before they burst out and give me the satisfaction of knowing I had taken her body so completely. " Now, aren't you glad you didn't miss out on that, baby?" It me, but Carissa is hardly even aware of me in her near-total exhaustion. She just lay limp across the arm of the couch, her butt still up in the air. She hears me zip my trousers and fasten my belt. Then she hears something that made no sense to her. " Thank you for a great fuck...see you in my office tomorrow." Carissa looked around, she opened her mouth to say something, but I cut her off. " By the way, Carissa," I added as I looked at her over my shoulder. " I have some business with your boss. And, of course, you and I will be having dinner one night. I'll be in touch." I finished straightening my tie and turned toward the door. " You'll understand if I don't see you home. And with that, I disappeared through the door.

Storie simili

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

2.1K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2K I più visti

Likes 0

L'ultima speranza bianca (Capitolo 1)

Questa è una storia di fantasia sul diventare presidente del nostro paese. È una sorta di parallelo con la nostra storia e la nostra linea temporale. Il primo capitolo riguarda lo sviluppo del personaggio principale Alcune informazioni di base su di me prima di entrare troppo nella storia. Mi chiamo Stewart Thomas Whitteman. Faccio il mio secondo nome e tutti mi chiamano Tom. Odio il nome Stewart. Era il nome preferito dello zio di mia madre. Sono nato il 5 maggio 1955. Sono alto un metro e ottanta, peso 210 libbre, ho i capelli e gli occhi castani. Mi alleno regolarmente...

1.9K I più visti

Likes 0

Io e il signor Bill! Parte 4: Il vecchio strip club

Parte 4: Io e il signor Bill! Il vecchio strip club Bill ha raccolto il mio vestito e mi ha aiutato ad alzarmi. Penso che una bella doccia calda e un'altra bevanda energetica sia in ordine per te. Disse mentre mi guidava con le mie gambe ancora tremanti sul retro del camion. Lì ha digitato un codice nella porta che ha aperto il retro del camion e siamo entrati nella zona giorno. Mentre mi stavo togliendo gli stivali e le mutandine, Bill ha aperto la doccia per me. Mio, quei ragazzi ti hanno lavorato bene, vero? Certo che l'hanno fatto. È...

1.8K I più visti

Likes 1

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

1.6K I più visti

Likes 0

One Lucky Bastard (modificato e riscritto)

Un fortunato bastardo prt 1 Ciao gente, questa è la mia prima storia. Ho pensato che sarebbe stato bello iniziare a scrivere da una vera prospettiva afroamericana. Dimmi cosa pensi sia positivo che negativo. Inoltre, questa sarà una storia in otto o nove parti, basta guardare i colpi di scena. Devo essere il bastardo più fortunato del mondo. Avevo appena compiuto 18 anni quando ho perso la verginità con una ragazza di 26 anni. Al tempo del mio ultimo anno al liceo, avevo fatto sesso più di 30 volte e avevo imparato a mangiare la figa in modo esperto e sapevo...

1K I più visti

Likes 0

L'estate di Brooke_(1)

Al liceo non sono mai stata la grande star o il pagliaccio della classe, o davvero niente. Sono scivolato nel mezzo in tutto e non sono mai stato notato da nessuno tranne che da alcuni amici. Le donne sono state incluse perché non ho mai avuto una personalità o un corpo di spicco. C'era una ragazza, Brooke, mi sarebbe andato bene coccolarla tanto quanto volevo scoparla. Aveva una personalità elettrica e il corpo da abbinare. In qualche modo abbiamo formato una relazione improbabile, ovviamente essendo io l'idiota che ero volevo ottenere qualcosa di più. Inutile dire che ero in zona amico...

1.1K I più visti

Likes 0

Noemi

L'ho vista per la prima volta mentre tornavo a casa dal lavoro una sera e sono rimasto colpito da quanto fosse bella; alta quanto me con grandi gambe che arrivavano fino al pavimento, un certo qualcosa nel modo in cui camminava che emanava un atteggiamento da non fare prigionieri; capelli corti ma sfacciati del colore di un brillante penny e un viso largo con occhi sapienti verde smeraldo che vedevano tutto. Mentre camminavamo l'uno verso l'altro, la stavo controllando e quegli occhi mi hanno sorpreso a farlo. Le ho fatto i complimenti per il suo aspetto mentre passavamo e lei ha...

985 I più visti

Likes 0

Il mio primo anale

Sapevo che sarebbe stato ancora arrabbiato con me. Ho incontrato il mio ex, Gage, che era il migliore amico di Danny al college, durante la pausa pranzo e abbiamo pranzato insieme. Abbiamo parlato di lavoro, famiglia e passato. Mi ha detto che gli mancavo e mi ha chiesto quando Danny e io ci saremmo lasciati in modo che potesse riavermi. Poi ha continuato a dirmi come invidiava Danny perché Dan ha avuto la mia ciliegia. Gli ho detto quanto amo Danny e che nessuno mi renderebbe felice come Danny. Danny era sempre geloso di Gage, quando Gage aveva me. Gage mi...

946 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo, la figlia dei tiranni Capitolo 7: Sorella nei ceppi

Il patto del diavolo, La figlia dei tiranni da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Capitolo sette: Sorella nei ceppi Nota: grazie a b0b per la beta che legge questo! Domenica 29 maggio 2072 – Chasity “Chase” Glassner – Sacramento, CA Mi sentivo molto meglio quando mi sono svegliata accanto a suor Stella la mattina dopo, con la luce del sole che entrava dalla nostra finestra. La scorsa notte era stata magica. Non ho resistito alla tentazione di scostarle i capelli biondo chiaro dalla guancia. Mi chinai per accarezzarla e baciarla. Puzzavamo di figa calda, quel meraviglioso muschio d'amore. La mia figa prudeva...

876 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.