Il vaso cinese

360Report
Il vaso cinese

Il vaso cinese
di
Signorina Irene Clearmont


1 Preparazione.
----------------------------------

Questo è il problema del furto con scasso, puoi entrare in una culla, ad esempio una casa di periferia e mettere in rete un televisore e un lettore DVD e per tutti i tuoi problemi guadagnerai forse cento sterline o anche meno. Ogni giorno corri lo stesso rischio di un professionista ma la matematica del caso ti vedrà rispondere dei tuoi crimini davanti ai magistrati in breve tempo.

L'alternativa è dedicare del tempo alla ricerca e alla ricerca dell'obiettivo perfetto e accumulare qualche centinaio di migliaia. Due volte all'anno mi metto in pericolo mentre riduco all'osso la matematica del rischio, per il massimo profitto.

Appartengo con orgoglio a quel secondo gruppo che evita i piccoli crimini opportunistici e si dirige verso le grandi ricompense di un furto ben pianificato ed eseguito.

Avete visto tutti i famosi film hollywoodiani di ladri vestiti come ninja dementi che si muovono attraverso sistemi di allarme laser alla ricerca del diamante dei loro sogni.

Ebbene, per me non è affatto così. La maggior parte del tempo viene spesa sfogliando cataloghi di case d'asta e musei alla ricerca di oggetti che, per qualche istante, saranno poco protetti e vulnerabili agli attacchi.

Trovare l'acquirente prima del furto è un'altra delle considerazioni più importanti, lo stesso impegno coscienzioso viene profuso anche in questa direzione.

Inizia così la preparazione, la ricerca e l'attesa. Poi c'è il movimento, la breve esplosione di attività seguita dalla delicata questione del denaro che passa di mano, prima che il furto sia completo e inizi il prossimo periodo di preparazione.

Vorrei sentirmi un esempio del mio mestiere piuttosto discutibile. Sono dentro e fuori come un fulmine ma con mesi di duro lavoro di pianificazione. Che ogni errore costi più del previsto, potrebbe essere il filo conduttore della mia storia. Il diavolo è sempre nei dettagli!

Per farla breve, forse dovrei annoiarvi tutti con qualche retroscena in modo che capiate cosa faccio per vivere. Vedi, sono orgoglioso della mia competenza, ma quell'abilità è principalmente nell'organizzazione e sono sempre desideroso di vantarmi dei miei punti di forza. Questa è la storia di una persona che ha scoperto la mia debolezza e l'ha sfruttata fino in fondo.

Il premio che cercavo era un piccolo vaso Hu della dinastia Song meridionale. Non molto da guardare suppongo, ma per alcuni collezionisti, inestimabile, o almeno un prezzo di centinaia di migliaia di sterline. Circa otto pollici di altezza, finitura smaltata verde-azzurra screpolata, una delle poche esistenti senza scheggiature o graffi. Valore compreso tra centomila e duecentomila. In altre parole duecento grammi di vasellame valgono mille libbre al grammo.

Bene, l'ho visto nella mostra di arte e design della collezione Huntford a Manchester, dove era sotto vetro e con allarmi semplicemente impossibili da aggirare. Ma sapevo che il proprietario della collezione l'avrebbe divisa e venduta.

Vedete, i cinesi si stanno arricchendo e stanno comprando tutti gli oggetti cinesi che andarono perduti quando francesi, inglesi e tedeschi costrinsero l'imperatore alla sottomissione un paio di centinaia di anni fa. Credimi quando dico che i prezzi stanno salendo e il cielo è il limite.

Così ho fotografato il vaso, fingendomi un collezionista e ho fatto realizzare una superba replica a Derby. Potrebbe sembrare una cosa semplice da fare ma ci sono pochissimi artisti in ceramica e smalto che possono copiare questo genere di cose, usando metodi e materiali originali. Quell'impresa ha richiesto settimane di attesa impaziente quando la collezione Huntford è stata finalmente messa in vendita. Per qualche giorno ho pensato che sarei diventato l'orgoglioso proprietario di una copia che mi era costata duemila sterline.

Ma il mio artigiano ha avuto la meglio e ho ritirato il vaso il giorno della prima asta. In genere non è una buona cosa partecipare di persona all'asta della tua vittima perché le telecamere e la memoria possono coglierti in fallo. Ma ho dovuto rischiare per vedere chi ha comprato il vaso e mi piace lavorare da solo. La catena aveva bisogno di tutti i suoi anelli.
Ebbene, l'offerta è stata feroce e fluida e il vaso è andato per trecentocinquantamila sterline a Meijin Xia Hu che stava chiaramente comprando per un'altra festa in Cina.

Un'ora su Internet e una passeggiata intorno a Portland Place nel West End di Londra ed ero pronto. Meijin era una donna sulla trentina che fungeva da aiutante dell'addetto culturale cinese. Aveva un piccolo appartamento nel retro dell'ambasciata cinese. Questa sarebbe stata la prima volta che la mia attività mi avrebbe portato all'estero. Almeno in senso legale, in quanto un'ambasciata è la sede legale del paese proprietario secondo il diritto internazionale!

Sembrava piuttosto buono. Il vaso è stato ritirato nel pomeriggio e nei giorni successivi sarebbe partito nella valigia diplomatica per la Cina. Tutto quello che dovevo fare era entrare, scambiare il vaso con il mio falso e incontrare il venditore per ritirare i miei duecentomila.

2. Entra
---------------------------------

Penso sempre che i jeans e la giacca di pelle siano un'uniforme molto migliore di un pazzo completo di spandex nero. Chiunque indossi quel tipo di equipaggiamento verrà prelevato da un poliziotto in breve tempo. I miei strumenti sono il mio cervello e la mia naturale capacità di improvvisare più alcune nozioni di base. Mi piace pensare di fondermi con lo sfondo a media altezza. Come piace dire alla polizia "non ha segni distintivi".

Il tetto della scuola adiacente e dell'ambulatorio medico è facile da entrare. Ho appena acceso un paio di tubi, senza problemi, senza bisogno di strumenti. Ho una discreta mancanza di vertigini, il che mi è di grande aiuto. C'è stato, lo ammetto, un momento di tensione, quando il tubo di scarico si è separato dalla grondaia. Mi fa davvero incazzare quando i proprietari non si preoccupano di mantenere i gloriosi edifici che sono l'orgogliosa eredità di questo paese.

Ad ogni modo, due minuti dopo un leggero soffio di vento e stavo guardando la recinzione di sicurezza tra l'ambasciata e l'edificio in cui mi trovavo. Guardando giù nella strada buia potevo vedere il pubblico che si muoveva, quattro piani più in basso, facendo i propri affari.

Ancora meglio potevo vedere le finestre delle stanze di Meijin. Alle sette di sera era già il tramonto e il lavoro della città era finito, ora era il momento in cui i bravi cittadini di Londra escono a giocare.

Ho aspettato.

La pazienza è una virtù. In realtà è un altro dei miei punti di forza. Posso sedermi e concentrarmi su nient'altro che sul mio obiettivo per ore alla volta senza stanchezza.

Ho aspettato ancora un po'.

Le luci nelle stanze si spensero così guardai in strada, sperando che Meijin stesse partendo per le dubbie delizie del West End. Abbastanza sicuro, solo venti minuti dopo ha lasciato l'edificio con un paio di ragazzoni e si è diretta verso Weymouth Street.

Ho ancora aspettato.

Il miglior segno sono trenta minuti di inattività. È così facile essere beccati da qualcuno che torna per un piccolo oggetto o una borsetta dimenticata. Quella breve mezz'ora è sufficiente per dimostrare che la vittima è ben lucida. Sapevo che Meijin era single, quindi non era probabile che ci fosse nessun'altra persona nelle stanze.

La salita era routine. Oserei dire che ti sembrerebbe un'acrobazia, ma luccicare su e giù per gli angoli interni di questi edifici in pietra grezza è facile se hai coraggio e abilità. Ci vuole solo tempo. Non sono esattamente Jackie Chan, ma dammi un appiglio e posso scalare un muro con facilità.

Poi c'è stato il salto. Un buon atleta di salto in lungo può saltare sette metri o più, io posso saltare quasi lo stesso! Non ci sono regole e spesso salto su una piattaforma inferiore. Questo era solo cinque metri, un salto e oltre. Mi sono rotto lo stinco ma i parastinchi da football che indosso sempre mi hanno salvato da una caduta.

Le finestre erano finestre a ghigliottina standard, alte tre metri, con un ampio davanzale non molto lontano se si hanno braccia forti. Strano come i proprietari non si preoccupino della difesa più elementare, i telai di plastica sono assassini da aprire dall'esterno! Porto alcuni strumenti di base che normalmente butto via subito dopo la mia uscita. Uno è il gancio piatto jimmy. Questo mi ha fatto entrare. La finestra insanguinata era stata dipinta, ma l'uso di una spatola e la finestra si sono arrotolate con un leggero fruscio.

Ricordo ora che c'era un odore distinto nella stanza, una specie di odore dolce ma nauseabondo, ma in quel momento pensai che fosse incenso o qualcosa del genere. Ho aspettato di sentire se ci fosse stata una reazione ma la mancanza di allarmi era palese e l'edificio era fermo.

Sono entrato e mi sono chiuso la porta alle spalle. L'unica luce era il fuoco a gas che era stato lasciato a fuoco basso e la mia piccola torcia. Incredibile come le torce a LED abbiano aiutato il business dei furti con scasso, durano per ore, luminose come una lampadina da cento watt!

Ora è arrivata la parte che odio, la ricerca. Se c'era una cassaforte nella stanza, ero condannato. Nonostante le leggende sui cracker di casseforti che entrano in qualsiasi cassaforte con pochi giri del quadrante mentre ascoltano la caduta dei bicchieri, una cassaforte moderna non può essere violata da un assalto casuale. Se gli sciocchi hanno notato i loro numeri nelle vicinanze, sei fortunato. Altrimenti esci dall'uscita più vicina!

Dal momento che stavo cercando un sostituto non dovevo lasciare traccia della mia visita. In queste condizioni una ricerca è difficile. Mi ci è voluta mezz'ora per coprire due lati della stanza prima di decidere di controllare la camera da letto. Mi sentivo un po' giù di morale, ma l'aria nella camera da letto era quasi fresca e questo mi ha ravvivato il morale.

La ricerca qui è stata semplice in quanto le camere da letto sono piuttosto semplici. Senza fortuna, quindi sono tornato in soggiorno e ho controllato attentamente ogni mobile. Stava iniziando a sembrare una di quelle volte in cui sarei tornato a mani vuote. Succede ogni due volte!

Mi sentivo piuttosto stordito quando ho trovato la piccola cassa in un baule antico senza pretese. Mi sono preso il mio tempo e l'ho aperto, senza lasciare segni lungo la strada. Ogni unghia è stata una lotta da rimuovere, ma alla fine l'ho aperta. Ho preso il mio falso e l'ho confrontato con l'originale. Ottimo lavoro che quel ragazzo aveva fatto per me nel Derby.

C'era ogni crepa, anche se lo smalto dell'originale si era rotto a caso. Anche il leggero sollevamento sul bordo del piede era perfetto. Se il pezzo fosse andato di nuovo all'asta, sarebbe stato individuato per il falso che era, ma questo era diretto a un armadietto da collezione in Cina. L'artigianato britannico moderno al suo meglio!

Ho messo entrambi i vasi uno accanto all'altro, il falso era forse leggermente più alto ma anche al mio occhio attento erano quasi identici.

Mi sono sentito perdere conoscenza. Sono andato a sollevare il vero vaso ma la mia mano ha afferrato l'aria mentre cadevo all'indietro sul tappeto. Il mio ultimo pensiero è stato che la manutenzione dei fuochi a gas dovrebbe essere effettuata ogni due anni, soprattutto negli edifici più vecchi perché il monossido di carbonio mi ha portato via.

3. Domande imbarazzanti.
-----------------------------------------------

Sono tornato nella camera da letto che avevo cercato solo poche ore prima. Nudo da bambino, ero disteso sul letto con mani e piedi legati ai montanti.

Meijin era seduta al mio fianco e giocava con un coltello dall'aspetto malvagio mentre mi guardava con un sorriso teso.

"Ho un piccolo problema ora, a causa tua", disse quando vide i miei occhi aperti. Con il coltello indicò la toletta accanto al letto dove vidi i due piccoli vasi uno accanto all'altro.

Capii che il problema era distinguere l'originale dal falso. Era il mio unico vantaggio, la mia unica realistica possibilità di fuga.

"Mi lascerai andare se ti dico qual è quale?" chiesi guardando la sua forma leggermente paffuta.

Meijin indossava un abito di seta rossa con draghi che si attorcigliavano sul tessuto con ricami dorati. Mentre si chinava su di me vidi un lampo dei suoi seni mentre il tessuto si apriva brevemente. Il suo viso si avvicinò così tanto al mio che potevo sentire il suo dolce profumo e i suoi orecchini pendenti quasi mi toccarono il viso.

“Mi dirai certamente qual è il falso! Ma come faccio a sapere che stai dicendo la verità? rifletté. “Il problema è che domani verrà un uomo a ritirare il vaso e spedirlo all'acquirente a Shanghai. Se gli do il falso mi troverò nei guai con una donna che non accetta di essere truffata.

Mi chiedevo come avrei potuto convincerla della mia onestà. Come potevo comprare la mia via d'uscita da questa situazione? Sarebbe stata una partita a poker tra di noi.

"Parlando di un altro argomento, non sei un uomo poco attraente!" disse mentre si sedeva. I suoi occhi osservarono la mia forma sobria e una delle sue mani si mosse sul mio petto.

Senza vantarmi posso dire di essere abbastanza in forma. Non puoi arrampicarti e saltare senza allenarti e io sono in grado di arrampicarmi su una corda usando solo le mie mani. Avevo già tirato di nascosto le mie cinture e le avevo trovate strette e sicure, ma non le avevo ancora guardate. Meglio non darle motivo di diffidare di me.

Una mano giocò su di me per qualche istante, quasi raggiungendomi l'uccello prima che lei si fermasse e mi passasse il coltello sulla faccia.

"Tengo questa lama molto affilata", disse mentre lasciava che la lama si posasse sul mio petto per un momento prima che vagasse fino alla base della mia virilità. «Solo un movimento del mio polso e tu...» Lasciò che la frase andasse alla deriva, incompiuta, ma l'implicazione era chiara.

Irrazionalmente il tocco della lama sulla mia carne mi eccitò. Potevo sentire un'erezione che iniziava a crescere.

Meijin sorrise e mi prese le palle con l'altra mano. “Allora cosa deve essere? O mi dici quello che ho bisogno di sapere o ti lascerò con un breve moncone.

“Lasciami andare e te lo dirò”.

"Non credo davvero che tu sia in una posizione di contrattazione così buona", ha risposto quando ho sentito le sue unghie affilate affondare dentro di me. Il dolore mi fece inarcare sul letto mentre lei stringeva lentamente la mano a pugno e si contorceva appena mentre lo faceva.

Ho avuto la sensazione che si stesse divertendo a tormentarmi. Il sorriso furbo sul suo viso e la punta della sua lingua sulle labbra la diceva lunga.

"Certo che mi dirai il mio piccolo qíng rén catturato", rise mentre lasciava andare le mie palle e permetteva al suo dito di tracciare un percorso dalla coscia alla gola. “Se chiamo la sicurezza non li troverai tolleranti quanto me. Dopotutto, ora sei nel territorio sovrano cinese”.

Sentivo di avere ancora un po' di margine di manovra, quindi rimasi in silenzio. Se avesse chiamato qualcun altro Meijin avrebbe dovuto spiegare la mia presenza nuda sul suo letto e avrebbe dovuto ancora scoprire quale dei due vasi fosse quello vero.

Con un sospiro teatrale si alzò e fece il giro del letto fino ai due piccoli vasi appollaiati sopra il comodino. Con un tocco delicato li raccolse ciascuno e li esaminò attentamente dentro e fuori. Per un attimo la vidi esitare e sembrò reprimere un sorriso.

«Pensa», disse. “Uno di questi è un falso e l'altro è un'opera d'arte del valore di centomila sterline. Uno è stato realizzato nelle ultime settimane e l'altro ha ottocento anni. Uno è stato realizzato qui nella tua piccola isola e l'altro è stato realizzato da un maestro vasaio della dinastia Song cinese.

Con attenzione rimise entrambi sulla superficie e li confrontò.

"Lasciami libero e ti mostrerò quale è cinese e quale è britannico", azzardai.

"È qui che abbiamo il nocciolo del problema", ha detto. «Se ti slego, potresti dirmi una bugia, altrimenti potresti scappare. Devo essere certo della verità e tu devi essere sicuro che ti lascerò scappare!


4. Prigioniero usato.
----------------------------------------

Con un'alzata di spalle lasciò che l'abito le scivolasse dalle spalle sul pavimento. Non ho potuto fare a meno di ammirare il suo corpo nudo. Mentirei se la descrivessi bella ma anche con le gambe corte e i fianchi larghi era una donna attraente. L'ho trovata più sessualmente stimolante di una grande bellezza.

"Sarebbe un peccato danneggiare un uomo così virile come te", disse mentre tornava al mio fianco.

Una delle sue mani vagò sulla mia carne, graffiandomi leggermente con le unghie mentre si avvicinava alla mia erezione tesa. Quando finalmente arrivò, mi afferrò saldamente e tirò giù per esporre la punta sensibile del mio cazzo.

"Penso che dovremmo continuare questa conversazione tra un po'", disse Meijin mentre si arrampicava sul letto. "Ho in mente un altro uso per te."

Si inginocchiò sul mio busto e mi guardò con un sorriso. Una mano si allungò dietro di lei e accarezzò il mio cazzo mentre l'altra vagava sul suo corpo, indugiando ad accarezzarle i seni e poi scendendo per aprire le labbra della sua figa.

Uno sguardo di soddisfazione passò sui suoi bei lineamenti mentre il suo dito strimpellava il bocciolo del suo clitoride. I suoi seni erano piccoli e arrotondati con i capezzoli rigidi sull'attenti, ma tutto ciò a cui riuscivo a pensare era il modo in cui l'altra mano suonava il mio cazzo come uno strumento musicale.

Muovendosi veloce e poi lentamente mi ha ricostruito e poi mi ha deluso con un ritmo spezzato che ha fatto sollevare involontariamente il mio corpo e poi rilassarsi. Meijin cavalcava il mio petto mentre mi contorcevo, permettendo ai miei sforzi di premere la sua mano dentro di sé. La punta della sua lingua le toccò le labbra per qualche istante, e le sue dita divennero sempre più frenetiche mentre giocavano sulle labbra del suo sesso.

«Non fermarti», gridai. Potevo sentire le forze accumularsi mentre mi spingevo nella sua mano, cercando di aumentare l'attrito e portare a compimento il mio orgasmo.

Improvvisamente mi ha rilasciato. Aveva percepito l'orlo del mio arrivo? Le sue unghie graffiarono la lunghezza della mia asta facendomi cadere dalle nuvole a terra con un tonfo.

«Verrai più tardi», sussurrò. "Forse! Se decido che puoi.

Il suo stesso orgasmo la colse con la forza di una tempesta mentre entrambe le sue mani si infilavano tra le sue cosce con colpi violenti. Ho sentito i suoi talloni affondare nelle mie cosce mentre le sue gambe tremavano e lei lottava per rimanere in piedi.

Alla fine gli spasmi si placarono e Meijin cadde in avanti sulle sue braccia tese finché il suo viso fu a pochi centimetri dal mio. Per un attimo mi ha guardato negli occhi e mi sono sentito risucchiato nelle loro profondità di mogano.

“Mmm. Ancora? Ti piacerebbe guardarmi venire di nuovo? lei sussurrò.

"Certo", risposi. "Tu sei il capo!"

Avevo inteso il commento come ironia, ma era la verità! Avevo poca voce in capitolo, Meijin poteva fare ciò che desiderava con me. Questo non vuol dire che non mi stavo godendo il viaggio, essere alla mercé di una donna è stata un'esperienza nuova.

“Sono più del tuo capo, sono il giudice e la giuria. Se mi farai piacere, vedremo cosa succederà dopo. Era abbastanza chiaro che non sarei andato da nessuna parte velocemente.

Ancora una volta si alzò a sedere e si inginocchiò su di me. Potevo vedere i suoi seni alzarsi e abbassarsi mentre ansimava dopo l'ultimo attacco. Meijin scostò i capelli dal viso e mi guardò con uno sguardo piuttosto altero.

"Ora è tempo per me di usarti correttamente", disse mentre si trascinava lentamente indietro sul mio cazzo tremante.

Alzai la testa per vedere la punta di me che toccava le sue labbra umide. L'arco delle sue cosce diviso in due dal cazzo rigido.

"Nessun movimento da parte tua, mio ​​piccolo qíng rén", disse con voce seria. "Io faccio il cazzo e tu rimani assolutamente immobile."

Non ero sicuro di riuscire a superare il mio istinto, ma annuii comunque per segnalare obbedienza. Per tutta risposta lei allargò un po' le ginocchia, giusto qualche centimetro per abbassarsi, per avvolgere la testa del mio cazzo.

Potevo sentire il calore del suo tunnel scivoloso e una leggera compressione dei muscoli mentre mi accoglieva, avvolto nel suo corpo. Prima le sue mani le lisciarono i seni, indugiando a pizzicarle i capezzoli, poi si diressero verso il suo sesso separato e incorniciarono il mio cazzo mentre scivolava nelle sue profondità.

Con un sospiro soddisfatto si abbassò su di me mentre le sue dita mi guidavano nel suo corpo. Ho provato così tanto a non muovermi, a essere una statua, un amante congelato, ma i miei fianchi non potevano fare a meno di contrarsi mentre la sentivo avvolgermi fino alla radice della mia erezione.

I miei occhi erano chiusi, quindi non ho visto arrivare il colpo. Una mano piccola e dura mi schiaffeggiò il viso prima con il palmo e poi sulla risposta con un secco colpo di rovescio.

"Nessun movimento, era il mio ordine!" sibilò mentre alzava la mano per un secondo colpo. Questa volta ho potuto vedere che il suo pugno era chiuso e che il colpo sarebbe stato un pugno, non uno schiaffo.

"No", fu tutto ciò che dissi e vidi il sorriso sulle sue labbra mentre la mano si apriva e si abbassava sul mio petto.

"La prossima volta non sarà solo un avvertimento", ansimò.

Il potere che aveva su di me la stava davvero eccitando. Potevo vedere un velo di sudore sulla sua pelle pallida ei suoi capezzoli erano duri e gonfi. Ora aveva ragione su di me, fin dove poteva andare. Meijin si muoveva così lentamente su e giù che mi teneva imprigionato in uno stato di desiderio e di sospensione. Né andare né venire, né al punto dell'orgasmo né indifferente alle sue sottili manipolazioni.

Potevo sentirmi concentrato sul suo piacere. Le sue mani, che svolazzavano sul suo corpo dal clitoride al collo e poi ai suoi capezzoli scuri. Il modo in cui quelle contrazioni della sua figa mi afferravano mentre scivolava via da me e poi si rilassava mentre si impalava su di me. Lo sguardo nei suoi occhi mentre guardava il suo prigioniero e spendeva tutta la sua lussuria su se stessa senza condividere un briciolo della passione. Era uso e abuso, non passione e amore in quegli occhi a mandorla.

Questo orgasmo non era frenetico. Quando venne fu una lenta ondata di emozione, lussuria e potere che avvolse il suo corpo con piccoli spasmi di puro piacere. Potevo sentire le sue cosce strofinare sulle mie mentre continuava ad abbassarsi lentamente e poi a sollevarsi da me con grande autocontrollo. Meijin mungeva ogni spasmo e grammo di attrito in un'ondata composta di gratificazione assoluta.

Finalmente era a riposo. Una lucente patina di sudore la ricopriva e faceva arruffare e aggrovigliare i suoi lunghi capelli setosi sul viso. Il seno di Meijin si gonfiava per lo sforzo dell'autodisciplina e dello stress. I suoi occhi erano chiusi, le sue mani a coppa sotto i suoi piccoli seni e la sua figa era piena del mio cazzo insoddisfatto fino al limite della sua capacità.

6. Confessione.
----------------------------------

Potevo ancora sentire il bruciore della sua mano sul mio viso ed esitavo a rovinare il suo momento di calma dopo il suo squisito piacere, ma ero preso tra la sua intensa gratificazione sessuale, il bisogno di venire e la paura della mia posizione precaria.

"Meijin", dissi con voce tranquilla e calma. "Posso chiederle…"

I suoi occhi si aprirono. Per un attimo mi è sembrato di vedere una forte emozione passare sui suoi lineamenti, disprezzo? arroganza? Poi una delle sue mani mi accarezzò la guancia. Per un momento indugiò nel punto in cui lei aveva colpito prima e poi passò sulle mie labbra.

Potevo sentire il profumo della sua figa sulla punta delle dita mentre passavano. Poi ho sentito le sue unghie sul petto e un pizzicotto sui capezzoli. Vidi i suoi occhi seguire l'andamento della sua mano con intenti quasi innocenti.

"Puoi chiedere", rispose lei con voce sognante.

"E adesso?" Ho chiesto.

«Servirai i miei bisogni ancora un po' e poi vedremo.

Ora era sveglia. I suoi fianchi ondeggiarono e si sollevarono lentamente e poi si fermò sul punto di lasciarmi scivolare fuori da lei.

"Scopami adesso!" disse e abbassò le mani sul mio petto. Ho sentito le sue unghie mordermi la pelle mentre mi artigliava dal collo alla pancia.

Mi spinsi in alto spingendomi nelle sue profondità e poi ricaddi sul letto quasi togliendomi dal suo sesso. Ho spinto ancora e ancora mentre la piccola tigre sui miei fianchi mi graffiava e mi tagliava con i suoi artigli. Mentre spingevo lei a volte si avvicinava a me, negando la sensazione. Poi si tuffava su di me mentre mi alzavo quasi comprimendo la sensazione nel dolore.

Ho risposto ai suoi artigli mentre stabiliva il ritmo e l'ordine dal caos della mia lussuria. Ho pompato con tutte le mie forze e Meijin mi ha schiaffeggiato e artigliato finché il sangue non è corso dal mio petto alle lenzuola di seta.

Finalmente sono arrivato. Un'ondata, un picco e un momentaneo miscuglio di dolore e gratificazione che salì e proruppe da me come un'inondazione. In quel momento mi ha chiesto...

“Allora qual è. Qual è la dinastia Song e qual è l'inglese?

Non avrei potuto resistere anche se non fossi caduto sotto il suo incantesimo. Le ho detto. Mi fidavo più che di lei, era la mia dolorosa amante e la mia deliziosa nemesi.

"Il più grande è il falso."

Ho visto uno sguardo di soddisfazione e un sorriso. Si inginocchiò sul letto, sul mio corpo prono. Il sudore luccicava sulla sua pelle ei liquidi del sesso si riversavano dalla sua figa lungo le sue cosce mentre saliva trionfante sul letto per offrire la sua figa appiccicosa alla mia bocca.

"Un'ultima cosa prima di andare", rise. "Allora ti rilascio."

Non ero mai stato così svuotato. Nessuna delle mie amiche mi aveva mai portato a tali altezze e mi aveva trattato con tanto disprezzo nello stesso momento. Avevo dato a Meijin il mio corpo, la mia anima e ora sarei stato degradato.

Ma non ero in condizione di resistere. Assaporai il sangue salato imbrattato dal mio petto, il miele profumato del suo piacere e le mie stesse emissioni di muffa mentre la portavo a un ultimo orgasmo. Le mie labbra, contro le sue.

Penso che la mia lingua tremolante sul suo clitoride le abbia dato l'orgasmo più forte finora. Che le piaceva non solo il sesso fisico, ma anche il potere di controllo, di costringermi a servirla controvoglia dopo che la mia stessa eccitazione era svanita.

Devo ammettere che Meijin è stata la miglior scopata che abbia mai avuto. Avrei potuto passare una settimana a soddisfare i suoi bisogni. Sì, ha abusato di me e mi ha usato per il suo piacere e nessuno avrebbe potuto descriverla come bella o addirittura carina, ma era eccitante, pericolosa e avvincente nella sua certezza e intensità.

7. Il vasaio sciocco.
----------------------------------------------

Quindi mi ha liberato con il suo coltello. Potresti aver pensato che si sarebbe preoccupata che avrei afferrato il vaso e mi sarei diretto alla finestra non appena avessi indossato i jeans, ma non era quello che pensavo.

Meijin deve avermi preso nel suo incantesimo perché non pensavo al vaso o alla finestra, ero più interessato alla piccola donna che mi aveva fottuto a morte.

Mentre mi infilavo la camicia e la giacca vidi le strisce di sangue e di carne cruda che lei mi aveva scavato dentro con i suoi artigli e mi chiesi quale diavolo ci fosse stato in me per poter venire mentre il piacere e il dolore si mescolavano in parti uguali. Ma sapevo di essere schiavo di una donna che non avrei mai più rivisto.

Dimenticando il vaso, sono uscito dalla finestra nella notte e sono caduto sul cemento tre metri più in basso. Non ho mai nemmeno pensato a un bacio di "arrivederci". Sarebbe stato così fuori posto, stavo scappando e desideravo ardentemente la prigionia.

Mi voltai a guardare la finestra per vederla tenere in mano uno dei vasi. Era nuda ma solo la sua sagoma si intravedeva contro la luce dell'appartamento. L'ho sentita ridere e poi inaspettatamente mi ha lanciato il vaso. Per un momento ho pensato che avrei armeggiato con il piccolo oggetto, poiché era quasi invisibile nell'oscurità.

Poi l'ho sentita chiamarmi prima di chiudere sbattendo la finestra. "L'ho sempre saputo, piccolo qíng rén, guarda dentro!"

Ho infilato il vaso nella mia giacca e sono tornato indietro nel modo in cui ero arrivato. Non è stato affatto facile con il dolore e la stanchezza delle ultime due ore, ma possibile. Finalmente ero di nuovo in strada sotto le luci sfavillanti di Portland Place.



Fu allora che mi avventurai a dare un'occhiata al piccolo vaso. Per un momento non ho visto altro che ombre, poi l'ho rivolto alla luce per vedere la parola, in inglese, "Derby" incisa all'interno, appena sopra la base.

Fine
-------------------------------------------------- --------------------
Nota: in mandarino - "amante" = qing

-------------------------------------------------- --------------------
Fine.

Copyright Miss Irene Clearmont 2011 (ottobre)

Altri scritti sul WWW di Miss Irene Clearmont possono essere trovati su:
http://www.missireneclearmont.com

contattami a:
[email protected]
La maggior parte delle e-mail riceve una risposta.

Storie simili

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.7K I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 7)

Erano passati alcuni giorni da quando papà e io potevamo scherzare. Ero così eccitata per lui che volevo violentarlo ogni volta che lo vedevo, ma la mamma di solito era in giro e so che sarebbe andata fuori di testa come minimo se avesse saputo cosa abbiamo fatto. Tuttavia, ho colto ogni occasione per prenderlo in giro. Un giorno stavamo preparando la cena tutti insieme e mi assicuravo di strofinarlo un po' contro ogni volta che ci incrociavamo e un paio di volte gli strofinavo l'inguine con la mano quando ero sicuro che la mamma non stesse guardando. Un giorno mentre...

1.1K I più visti

Likes 0

Zia Ruth 2

Ruth 2/la cognata La mattina seguente riuscivo a malapena a fare colazione in previsione di quel pomeriggio con Edith, la cognata di mia zia. Mia zia Ruth aveva un aspetto orribile seduta dall'altra parte del tavolo. Ho chiesto: Come sta Al? Non bene, non credo che durerà ancora a lungo, ha detto. I suoi occhi si riempirono di lacrime. I bambini erano piuttosto tranquilli tanto per cambiare. Nessuna discussione o piagnucolio. Le girai intorno e cominciai a massaggiarle il collo e le spalle. Erano stretti come un tamburo. Zia Ruth ha detto: “Oh, è così bello, hai un bel tocco. Non...

880 I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

882 I più visti

Likes 0

La scoperta di Sammy pt. 1

NOTA DELL'AUTORE: Questo lavoro è puramente fittizio. Eventuali somiglianze con eventi o persone reali possono essere casuali. Suona, suona, suona. Ciao? Jen, sono io! Oh, ehi, Sam! lei rispose. Wazup? Beh, dato che è ufficialmente il primo giorno d'estate, ho pensato che avrei dovuto invitarti! Ho detto. Ed era estate. Il clima era diventato sempre più caldo ogni giorno che passava ei miei compagni di classe erano diventati sempre più ansiosi di uscire da scuola. Dato che eravamo in prima media, però, avevamo avuto gli esami e ora le vacanze estive erano più dolci e rinfrescanti che mai. Dato che studiavamo...

649 I più visti

Likes 0

Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore: Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato. Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me...

529 I più visti

Likes 0

Potrei aiutarti... Parte I

Io e la mia ragazza siamo sdraiati nel suo letto. Aveva 23 anni in quel momento, il suo nome è Tanya. Io ero nudo, lei indossava un top bianco attillato e una sottoveste di seta, anch'essa bianca. Adoravo il modo in cui i suoi grandi seni le riempivano la maglietta, i suoi capezzoli erano duri e spingevano ulteriormente la mia eccitazione. Come molte volte prima che guardassimo un film porno. Ma qualcosa di molto speciale era diverso quel giorno. Non eravamo soli... Mi chiamo Tomas, sono un ragazzo di 27 anni con i capelli biondi e gli occhi blu verdastri. Sono...

452 I più visti

Likes 0

Sesso telefonico con Patricia

Mentre di recente guidavo verso la mia prossima destinazione per un viaggio di lavoro, ho pensato alla calda lettera che la mia bellissima moglie aveva inviato alla mia ultima posizione. Mia moglie Patricia è una splendida mora con bellissimi seni 35D, un culo caldo e cosce da abbinare! La lettera diceva: Mio carissimo amante, Sto pensando così tanto a te in questo momento... Mi fanno male i lombi. Ho appena fatto qualcosa di cattivo e sexy... spero ti piaccia! Mi sono rasato TUTTI i peli dalla figa. Oh, piccola! Poi sono andato sotto la doccia e mi sono insaponato. Faceva caldo!!...

411 I più visti

Likes 0

Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla! capitolo 3 «Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. Chi era? Qualcuno che conosciamo? «No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.» «Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi? Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake. Com'è il suo ragazzo? chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile...

307 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

307 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.