W & Little D 04

601Report
W & Little D 04

Ancora una volta non ci sono cose di sesso reale in questo capitolo. È una transizione molto più facile da fare in un libro, ma è necessaria per la storia. Se non ti piace, puoi solo aspettare il quinto, il sesto e il settimo capitolo. Dovrebbero soddisfare i tuoi desideri carnali.

AVVERTIMENTO! Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Tutti i personaggi coinvolti in attività sessuali in questa storia hanno più di 18 anni. Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in qualsiasi stato, provincia, nazione o territorio tribale che proibisce la lettura degli atti raffigurati in queste storie, per favore interrompi immediatamente la lettura e spostati in un luogo che esiste nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia è consentita, ma solo se l'articolo include il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso. Questa storia è protetta da copyright (c) 2022 di The Technician.

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. La produzione di copie multiple di questa storia su carta, disco o altro formato fisso è espressamente vietata.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

* * * * * * * * * * * *

CAPITOLO QUATTRO

Il Gasman

Arnold Lamplighter, noto nel mestiere come The Gasman, viveva in una zona piuttosto esclusiva adiacente a Chalfont Saint Giles, a circa quarantacinque minuti di viaggio e un paio di milioni di sterline dal lato est di Londra. Era sembrato un po' sorpreso quando l'ho chiamato e gli ho detto che avevo urgente bisogno di parlargli di persona, ma ha detto di "passare" verso le otto.

Indossavo una giacca di pelle e stivali da motociclista quando sono arrivato sulla mia Triumph. In parte, volevo sembrare qualcuno in giro, ma la pelle e gli stivali potrebbero darmi un po' di protezione in più se le cose andassero male in fretta.

I tre uomini della sicurezza che mi hanno incontrato davanti alla porta della villa mi hanno dato una pacca superficiale prima che entrassimo. Una volta dentro furono un po' più accurati. "Riceverai la tua Glock e questa... lady gun... quando te ne andrai." disse burbero uno di loro. Evidentemente aveva una bassa opinione dell'automatica calibro 25 che avevo nello stivale. Poi indicò una porta appena fuori dall'enorme ingresso. Un altro uomo della sicurezza è passato davanti a me, ha aperto la porta e si è fatto da parte. Dentro la stanza c'era una grande scrivania, e dietro la scrivania sedeva un uomo grosso, Arnold Lampionaio.

"Entra, W", chiamò ad alta voce e agitò la mano.

Entrai e mi sedetti sulla grande sedia imbottita che era centrata davanti alla scrivania. Rimase in silenzio per un momento e poi disse quasi in tono piatto: «Mi ha chiamato Finn. So perché sei qui. Fece una pausa e poi disse con un po' più di urgenza: “Devi capire, W, non avevo scelta. Quest'uomo mi ucciderebbe. Ucciderebbe la mia famiglia... o peggio.

"Così hai rapito mia nipote", dissi con rabbia.

"Non sapevo chi sarebbe stato", quasi si lamentò. “E ho fornito solo l'attrezzatura. Sapevo che era brutto perché lo è. ... E perché ha fatto minacce così gravi.

Rabbrividì visibilmente e poi continuò: "Non posso dirti nient'altro o farà tutto ciò che ha promesso di fare a me e alla mia famiglia". Rabbrividì di nuovo e disse con voce molto tremante: “Anche se potessi fidarmi di te, scoprirebbe che te l'ho detto. Ha agenti ovunque. Non puoi fidarti di nessuno.

Si fermò, guardò per un attimo la porta come se stesse ascoltando attentamente, poi mi sorrise. Era un sorriso molto strano. «Ma», disse lentamente e molto piano, «se usassi quella pistola ad ago che hai in tasca travestita da penna e mi mettessi fuori combattimento, e se dovessi saccheggiare il mio ufficio e aprire la mia cassaforte, potresti trova una busta con dettagli sufficienti per portarti direttamente dall'uomo che desideri.

Il sorriso abbandonò il suo viso mentre posava una spessa busta sulla scrivania di fronte a lui. "I miei uomini più fidati si sono già occupati dell'ufficio", disse a bassa voce. "Ti garantisco che ti spareranno sopra la testa mentre corri sulla tua moto... ma non fidarti di nessuno!"

Mi sono seduto lì completamente sbalordito mentre posava le mie pistole sulla scrivania con la busta. "Ti serviranno questi", disse mentre apriva la parte anteriore del suo cappotto. Poi ha chiesto: "Fa male?"

Non ho risposto alla sua domanda. Invece ho attivato la pistola ad aghi. Ansimò sonoramente e cadde in avanti sulla scrivania.

«Sì», dissi mentre raccoglievo le armi e la busta. Ho pensato che sarebbe stato meglio uscire dalla finestra come un ladro in fuga. Dato che era solo una caduta di circa quattro piedi sull'erba, sono stato in grado di iniziare a correre verso la mia bici non appena i miei piedi hanno toccato terra. Ero a metà strada quando le guardie hanno iniziato a sparare. Il Gasman aveva promesso che avrebbero sparato in alto, ma potevo ancora sentire il ronzio dei proiettili che mi sfrecciavano troppo vicino. Sono saltato sulla Triumph e ho premuto il motorino di avviamento. Non appena il motore si è acceso, sono uscito ruggendo da lì, zigzagando leggermente sulla stretta carreggiata.

Proprio mentre raggiungevo il cancello principale, ho sentito il caratteristico "Poink" di un proiettile che ha colpito la moto. Evidentemente qualcuno non ha ricevuto il messaggio o ha sparato abbastanza in alto perché il proiettile tornasse indietro e colpisse. Ho mosso leggermente il manubrio per vedere se qualcosa non andava. Non è successo, quindi ho continuato la mia rapida fuga.

Poche miglia lungo la strada, mi sono fermato in un'ampia area di passaggio e mi sono fermato per mettermi il casco. L'ultima cosa di cui avevo bisogno era che un vigile urbano mi fermasse perché non indossavo un casco di sicurezza approvato dal Regno Unito. Mentre slacciavo il casco dagli zaini posteriori, mi fermai e scossi la testa. Poi ho guardato indietro lungo la strada verso il Lamplighter Mansion e ho mormorato alcune delle mie parolacce preferite. C'era un foro piccolo e pulito in un lato dell'elmo e un foro leggermente più grande che usciva dall'altro lato. C'era anche una scanalatura sulla parte superiore del mio parafango posteriore appena sotto il sedile. Un piede o giù di lì più in alto e quel solco sarebbe stato nella mia schiena.

Ho gettato il casco nel campo lungo la strada e sono risalito in sella. Se necessario, potrei fare l'americano stupido e pagare solo la multa per non aver indossato il casco, ma nel Regno Unito prendono molto sul serio le armi da fuoco. Sarebbe complicato dimostrare che avevo i permessi adeguati per portare le due armi che avevo con me. Ma cercare di spiegare i fori dei proiettili sarebbe molto più complicato e potrebbe finire con me che parlo con i detective alla stazione.

Sono tornato al mio hotel senza incontrare poliziotti di alcun tipo e ho parcheggiato la bici. Ho detto al portiere che qualcuno mi aveva rubato il casco mentre stavo cenando e per favore avrebbe trovato un negozio dove avrei potuto ottenere un sostituto perché avrei fatto il check-out.

Ero nella mia stanza a studiare le carte nella busta quando sentii bussare discretamente alla mia porta. Era un server con un carrello coperto. Non avevo ordinato nulla, quindi ho afferrato la mia Glock e mi sono tirato indietro prima di gridare: "La porta è aperta, entra".

Una giovane signorina ha spinto il carrello attraverso la porta e poi è rimasta lì tremando leggermente. La mia pistola era dietro la schiena, ma poteva dire che qualcosa non andava.

«Mi ha mandato il portiere», disse, evidentemente spaventata. "Per favore, non farmi del male, Mister W", gemette mentre scoppiava in lacrime.

"Non lo farò", dissi. Poi ho infilato la Glock nella cintura nella parte posteriore e ho mostrato entrambe le mani mentre continuavo: "Per favore, togli il coperchio dal carrello... lentamente".

Sollevò lentamente il panno rivelando una mezza dozzina di caschi da motociclista seduti sul carrello. "Il portiere ha detto che quello che va bene sarà aggiunto al tuo conto", disse dolcemente. Poi ha aggiunto: "Il resto verrà restituito al negozio".

È rimasta lì mentre provavo due dei caschi che sembravano adattarsi. Lo squalo qualcosa andava bene, quindi l'ho messo sul letto e ho riportato gli altri al carrello.

La ragazza coprì di nuovo il carro, ma prima che potesse andarsene le chiesi a bassa voce: "Perché avevi paura che ti facessi del male?"

"La polizia ti sta controllando", ha risposto, guardando il pavimento. "E c'erano anche altre persone - non la polizia, ma dall'aspetto più duro... con le facce fredde - che chiedevano di te." Fece un leggero passo indietro come se fosse ancora spaventata e poi disse con voce molto tremante: “Il personale parla. Pensano che tu sia un criminale americano di qualche tipo.

«Non sono un criminale» dissi a bassa voce. Poi ho aggiunto: "... è complicato".

Poi si è avvicinata molto a me e ha sussurrato: "Penso che abbiano messo qualcosa nella tua stanza".

«Grazie», sussurrai di rimando. Poi le ho messo in mano due banconote da cinquanta sterline e ho detto: “Potrebbe essere una buona idea se ti prendessi il resto della giornata e domani libero. Quando tornerai al lavoro, me ne sarò andato.

Dopo che se n'è andata, mi sono messo in mezzo alla stanza e ho detto ad alta voce: “Ho un messaggio per chiunque stia ascoltando. Se sei la polizia o funzionari di qualche tipo, possiamo lavorare insieme. Se siete le persone che tengono mia nipote, fareste meglio a fare il vostro gioco ora perché sto venendo a prendervi.

Ho spostato una delle sedie nell'angolo dove potevo coprire la porta e la finestra e ho aspettato. Ci è voluto un po' più di quanto mi aspettassi. Forse il messaggio doveva superare la catena di comando. O forse la persona giusta non era immediatamente disponibile. Erano passate quasi due ore quando qualcuno bussò piano alla porta.

"W?" chiese cautamente una voce femminile, "è sicuro entrare?"

"Dipende da chi sei", ho risposto.

"Coscia destra", disse la voce della donna, quasi ridendo.

Ho ridacchiato e ho detto: "Entra, Tat, sei al sicuro".

Non era sola. C'erano due agenti maschi con lei. Entrambi sembravano poter raddoppiare come muscoli assunti ovunque. Probabilmente erano quelli che la cameriera aveva chiamato gli "uomini ma più duri" che avevano chiesto di me.

«Questi sono Andre e Devon», disse Tat in fretta. "Loro... lavorano con me."

Abbassò lo sguardo sul tavolo e disse bruscamente: "Cosa hai preso da Arnold?"

"Da lui, niente", risposi. "Aveva troppa paura del suo cliente per dirmi qualcosa."

Ho sollevato la busta e ho aggiunto. "Ma dalla sua cassaforte, ho preso questo."

Probabilmente avrei potuto dire a Tat la verità, ma la vita del Gasman dipendeva dal fatto che io mantenessi la mia parte della sciarada e non sapevo nulla dei due agenti con lei.

«Eravamo preoccupati che fossi ferito», disse burbero Devon.

"Ma non c'era sangue sull'elmo", ha aggiunto Andre`

"Mi hai seguito!" dissi con rabbia.

«Non ce n'era bisogno», disse Devon, scuotendo la testa. "Avevamo un faro sulla tua bici."

"Merda!" disse Tat ad alta voce, alzando lo sguardo dai giornali. "Sapevamo che era un bastardo, ma pensavamo che fosse solo un bastardo locale."

"Quindi la schiavitù sessuale va bene finché la mantieni locale?" risposi, un po' più sprezzante di quanto intendessi.

«No», disse lentamente Tat, «ma non possiamo inseguire tutti. Alcune cose sono problemi interni per un paese”.

«E nessuno vuole essere coinvolto in Uganda», dissi con amarezza.

Ho notato che André sembrava sorpreso quando l'ho detto.

«Sono molto meglio di una volta», disse Tat, sorridendomi. “Ma il distretto di Amuru è molto povero e molto rurale. Sembra che il generale Agua Amin si sia ritagliato un piccolo regno nella giungla in mezzo al nulla".

"È imparentato con l'originale?" Ho chiesto.

«Amin non è nemmeno il suo vero nome», rispose Tat, «ma afferma di aver ereditato lo spirito del grande dittatore. Agua significa divino o lo spirito di. Mi lanciò uno sguardo frustrato e continuò: “Ciò che probabilmente ha ereditato... o trovato... o rubato... è una buona parte dell'oro che Idi Amin ha nascosto prima di essere rovesciato. Questo e il suo piccolo esercito di mercenari aiutano a mantenere il controllo della popolazione locale”. Fece una pausa, mi guardò e chiese: "Stai cercando di lui?"

"È personale", risposi mentre mi alzavo. "E l'ho promesso alla mia sorellina."

Ho notato che i due agenti indietreggiavano leggermente mentre parlavo.

“Sembri un uomo molto pericoloso quando sei arrabbiato, W,” disse Tat con fermezza. "Ma non puoi farlo da solo."

“Parlerò con alcuni amici”, risposi. "Non sarò solo."

"Spero di essere uno di quegli amici con cui avevi intenzione di parlare", disse una voce burbera dalla porta.

L'agente speciale Anthony Bricker entrò nella stanza, seguito da Mistress Nora.

"No, agente speciale Pricker", risposi bruscamente, "non eri nemmeno sulla lista".

"Grazie per il lavoro", disse con rabbia mentre strappava i fogli dalla mano di Tat. “L'agente Tatiala e io ce ne occuperemo da qui. Mi aspetto che tu sia sul prossimo aereo per Washington. L'agente Hugo è di sotto a controllarti.»

Tatiana sussultò quando lui la chiamò con il nome sbagliato, ma riacquistò rapidamente la calma. Quando ebbe finito di parlare, lei gli riprese le carte e disse con fermezza: "Ricordati agente... Bricker, ora sei sul suolo inglese e io sono al comando".

"Allora torniamo al quartier generale e pianifichiamo l'operazione", rispose mentre si voltava e usciva dalla stanza. Gli altri lo seguirono fuori dalla stanza. Andre` è stato l'ultimo ad andarsene. Mentre se ne andava, si voltò, mi guardò e mi rivolse uno strano sorriso storto. C'era qualcosa di familiare in lui. Non credo di averlo mai incontrato prima, ma c'era qualcosa nei suoi occhi che mi solleticava la memoria. Avevo già visto quegli occhi molte volte.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

FINE DEL CAPITOLO QUARTO

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

436 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

865 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

807 I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.9K I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

1.1K I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

442 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2.1K I più visti

Likes 0

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice Capitolo 3 Janice: Poche settimane dopo che io e Carrie ci siamo separati, Carrie e i suoi amici, Tim e io, stavamo girovagando per la scuola e Carrie mi ha presentato Janice. Janice era minuta, capelli castano chiaro lunghi fino alle spalle, quasi biondo sabbia. Aveva una figura che faceva girare la testa quando entrava in una stanza. Era sotto i 100 libbre, con molte curve. Un set di tette 34C. Questa ragazza è stata fantastica. Aveva anche un grande senso dell'umorismo. Janice stava cominciando a frequentare l'appartamento di Carrie. Carrie mi ha invitato...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.