NEI SOGNI: Gunny ed io

467Report
NEI SOGNI: Gunny ed io

Questa è solo una breve storia. L'ho scritto ed è notevolmente attenuato rispetto al mio solito poiché stavo per pubblicarlo su un altro sito che non consentiva alcuni generi, ma anche in sogno non lo consentivano. Probabilmente dovrei tornare indietro e migliorarlo, ma per ora godetevi questa versione.



Viene da me quasi tutte le mattine. In quel momento, poco prima del pieno risveglio, quando le nebbie del sonno e la nebbia dei sogni pervadono e controllano la mia mente.

Possiede la mia anima in questi sogni. Controlla la mia stessa esistenza. Non lo vorrei in nessun altro modo, almeno non nei miei sogni. Dovrei riflettere seriamente per consentire la sua padronanza nel mio mondo risvegliato, ma esiste solo nelle profondità avvolte dalla nebbia della mia mente, quell'abisso nebbioso tra realtà e fantasia.

Entra nella mia stanza mentre le prime strisce di luce cominciano a insinuarsi tra le fessure e i dirupi della mia mente avvolta dal sonno.

È vestito sempre allo stesso modo. L'uniforme da fatica di un sergente dei Marines accarezza la sua struttura muscolosa, come vorrei poter fare. Indossa pantaloni e stivali, ma solo una maglietta nera, così attillata che sembra quasi dipinta sui muscoli cesellati della parte superiore del busto e sulle enormi pistole delle sue braccia.

Di solito ha un trucco mimetico che gli dipinge il viso. Le due tonalità del verde e del marrone contrastavano con il nero della sua pelle. Stringe tra i denti bianchi e perfetti un sigaro mezzo fumato.

Quando entra nella stanza, inizia ad abbaiarmi dei comandi.

"In piedi troia, Gunny è sul ponte."

Salto in una posizione semirigida di attenzione accanto al letto, non appena la mia mente annebbiata dal sonno riesce a dirigere il mio corpo a obbedire.

Ogni mattina mi vesto allo stesso modo, con una maglietta attillata da ragazzina e un bikini succinto. Una volta a letto indossavo abiti da sera o pigiami, ma ora Gunny controlla il mio abbigliamento e le mie azioni.

Mi ispeziona brevemente mentre aspetto le indicazioni che potrebbe darmi stamattina. Adesso è dietro di me e sento la sua mano scivolare nell'elastico delle mie mutandine e correre lungo la morbidezza del mio sedere per afferrare l'elastico della gamba dall'altra parte. La sua mano enorme afferra facilmente entrambi i lati e unisce il tessuto in un fascio per trasformare brevemente le mutandine del bikini in un perizoma.

Sento il tassello all'altezza del cavallo delle mutandine stringersi contro la mia figa completamente arrossata. Le mie labbra sono gonfie e piene del sangue della mia lussuria. La mia fica ha già iniziato a produrre il mio succo di ragazza che è l'invito non verbale a ciò che potrebbe esserci in serbo. So che Gunny ha in mente qualcosa di brutto. Lo fa sempre. Adoro essere obbligato a partecipare a ogni cosa brutta e depravata che sogna per me.

Gunny mi schiaffeggia con la mano libera la guancia del sedere ormai nudo e io emetto un piccolo grido. Non è il dolore dello schiaffo perché mi piacciono i piccoli, dolorosi risultati del suo stile amoroso totalmente dominante. È la sorpresa quando accade che provoca la mia debole protesta verbale.

Sento che mi si scalda il culo per i suoi abusi. Se potessi voltarmi a guardare, inizierebbe a formarsi un'impronta di mano in netto contrasto, il calore rosso del suo contatto contrasterebbe con il bianco del mio sedere mai abbronzato. Non oso cambiare la mia posizione di attenzione, però, finché Gunny non me lo indirizza.

Si piega in vita per guardare tra le mie gambe e viene deliziato dalla bellezza delle mie labbra che riempiono l'inguine delle mie mutandine. Ho raccolto la mia eccitazione da quando è entrato nella stanza e i petali delle labbra della mia figa sono completamente gonfi del sangue della mia lussuria, ora che ha iniziato a usarmi. Posso sentire l'umidità del mio succo femminile che scorre dalla mia fica paludosa e so che lui può vedere la macchia bagnata che si forma nelle mie mutandine.

"Vedo che la mia piccola schiava è contenta di vedermi stamattina." sorride. Non è una domanda, ma so che mi è permesso parlare a questo punto.

"Sì maestro. La troia è sempre contenta quando Gunny viene a usare la sua troia la mattina."

Parlo di me in terza persona, usando le parole della mia umiliazione, perché so che a Gunny piace questo modo. Mi piace lo svilimento, anche se autoapplicato e minore a questo punto. Adoro definirmi una troia.

Dopotutto sono una troia, anche se non lo sapresti mai se mi vedessi nella vita reale. È solo in queste incursioni mentali o quando sono sola con mio marito in camera da letto che posso essere la troia che sono veramente. La mia mente si sofferma brevemente sulle parole che Gunny mi ha detto molte volte.

“La società fa schifo perché loda un uomo perché è una troia ma castiga una donna perché si comporta allo stesso modo. Un uomo può scopare 20 donne diverse in una notte se ha la resistenza e verrà elogiato con etichette come stallone e taglierina. Mentre se una donna fa la stessa cosa viene etichettata in modo diffamatorio con termini come troia e puttana. Forse non ci sarà mai una vera uguaglianza tra i sessi anche solo per questo motivo, ma finalmente ci stiamo avvicinando”.

Vengo riportato al presente mentre Gunny si sposta di nuovo davanti a me.

"In ginocchio, troia." Urla e io cado nella mia posizione di servizio sottomessa, come lui richiede.

So cosa vuole perché corrisponde al mio desiderio, tuttavia non oso agire finché non me lo dice lui. Adora i miei occhi verdi incorniciati dai capelli biondi che incorniciano il mio viso bianco, quindi so che, nonostante tecnicamente sia una violazione del protocollo, posso guardarlo. Lui mi guarda e urla di nuovo, anche se questa volta più piano.

"Assistenza a me."

Comincio subito ad armeggiare con i bottoni sul davanti dei suoi pantaloni da fatica per ottenere l'enorme strumento che desidero sentire entrare nei miei orifizi e usarmi al massimo potenziale come troia che sono.

Alla fine i tessuti accattivanti dei suoi vestiti vengono spostati e il suo cazzo viene liberato. Sebbene non tutti gli uomini neri siano massicciamente dotati, Gunny è uno di loro che lo è. Il suo cazzo, anche se non è ancora del tutto eretto, pende già a metà strada fino alle ginocchia mentre lo afferro alla base e lo sollevo. La mia piccola mano non riesce a raggiungere completamente la sua enorme circonferenza.

La mia lingua striscia fuori come un serpente campionando l'aria e cattura la goccia di pre-sborra che si è formata sulla punta di questo enorme strumento, la ricompensa agrodolce leggermente salata della mia troia, la mia prima sorpresa della mattina.

Premo l'asta del suo cazzo che si irrigidisce contro la sua pancia e la mia lingua ne percorre la parte inferiore, della sua grande lunghezza, per raggiungere finalmente il sacco che contiene le due uova che tra poco libereranno il loro dolce carico. Ne tiro in bocca prima l'uno e poi l'altro e succhio amorevolmente prima di ripercorrere il percorso della mia lingua bagnata fino alla testa violacea. Apro la bocca e lo inghiottisco. Fortunatamente la testa bulbosa è spugnosa e si comprime mentre lo attiro nel mio orifizio orale. Altrimenti dovrei cercare di acquisire la capacità del serpente di dislocare la mia mascella per permettere alla mia bocca di aprirsi ulteriormente.

Muovo la testa per i primi centimetri, sentendo le mascelle lamentarsi mentre si allungano per accogliere l'enorme clava. Fortunatamente Gunny resta perfettamente immobile e geme soltanto mentre sposto la testa su e giù sul turgido massacratore tra le sue gambe.

Posso fare una gola profonda, come fa ogni brava troia, ma se tentassi di fare una gola profonda a un esemplare di virilità così massiccio, o se Gunny dovesse improvvisamente afferrarmi la testa e iniziare a scoparmi, sicuramente ci sarebbero danni permanenti. fatto alla mia piccola gola mentre il suo enorme strumento scivolava dentro e fuori da essa. Le mie guance si incavano, anche se solo leggermente. Perché anche se faccio un vuoto significativo con la mia bocca, non c'è spazio in cui le mie guance possano affondare, con la sua enorme verga nel mio buco della scopata orale.

Continuo le mie cure orali nella speranza che Gunny mi rilasci in bocca la ricompensa delle sue palle come ha fatto tante volte prima, ma mi ferma dopo pochi istanti.

“La mia troia è in una forma rara stamattina. Per quanto mi piacerebbe offrirti un gustoso bocconcino, non potrei scopare la fica della tua puttana in quel caso."

Adoro gli elogi degradanti che accorda ai miei sforzi. Ma come lui preferirei sentire il suo sperma schizzare sulle pareti della mia fica ben scopata piuttosto che assaggiarlo se è quello che desidera. Continuo a succhiargli amorevolmente il cazzo finché non arriva il suo prossimo comando.

"Vieni sull'attenti, troia." Urla e io sono di nuovo davanti a lui. Torreggia su di me e la sua mano massiccia si allunga e afferra la scollatura della mia maglietta, strappandomela dal corpo con un forte strattone. Ora sono vestito solo di mutandine, con i miei piccoli seni esposti. I miei capezzoli, già rigidi a causa dell'eccitazione sessuale, si irrigidiscono ulteriormente mentre il relativo calore della mia maglietta viene sostituito dal fresco dell'aria della stanza.

Gunny allunga una mano e pizzica uno dei germogli turgidi, quasi brutalmente, estraendolo dal tessuto mammario su cui poggia, finché non gemo per il piacere che accompagna il dolore.

"Oh, la mia troia è pronta stamattina."

"Sì, Maestro, usa la tua puttana." Ansimo quasi senza fiato.

La mano di Gunny poi afferra le mie mutandine come aveva fatto con la maglietta e uno strattone e il fragile indumento di pizzo lascia il mio corpo. Mi fa scivolare le mani sotto le ascelle e solleva il mio corpicino finché la V delle mie gambe non arriva all'altezza della vita. Abbasso lo sguardo e lo vedo flettersi e il suo cazzo si alza a 45 gradi prima di iniziare ad abbassarmi sopra.

Sento i petali delle labbra della mia figa scivolare lungo la testa bulbosa e viscida di saliva di quel bellissimo enorme gallo nero e aprirsi per favorire il suo ingresso nella palude all'interno della mia figa. Sento che l'ingresso della mia fica si allunga per accogliere l'enorme circonferenza. Anche se mi ha scopato molte volte in passato. Ancora una volta mi chiedo se sarò in grado di contenere una canna così grande.

Eppure, proprio come prima, centimetro dopo centimetro penetra in me. La mia fica è riempita con un grosso bastone nero e le mie gambe si alzano per avvolgersi amorevolmente intorno alla sua vita. Non smette di abbassarmi finché, da un'osservazione casuale, non sembrerebbe che ho un sacco di palline che pende tra le mie gambe e tutta la sua asta è sepolta dentro di me.

Adoro il tratto leggermente doloroso del suo ingresso iniziale nella mia piccola e stretta fica bianca, e sento i muscoli che si allungano per adattarsi alla sua lunghezza e circonferenza, quindi iniziano a mordicchiare il suo cazzo increspandosi lungo tutta la sua lunghezza. Geme e grugnisce mentre inizia a farmi scivolare su e giù su di lui.

"OH. Sei una troia così fottutamente tesa."

"Grazie Maestro. Per favore, fanculo la tua troia." Imploro, mentre sento la mia lussuria crescere ancora una volta.

"No, tu mi scopi, puttana", comanda.

Alzo le braccia sulle sue spalle massicce e inizio a tirarmi su e giù sul suo enorme strumento, che mi riempie completamente. Non riesco a trattenermi e inizio a balbettare mentre la mia lussuria aumenta e sento l'inizio di un enorme orgasmo.

"Oh cazzo."

"Usa la tua troia, Gunny."

"È solo una brutta puttana per il tuo piacere."

"Fanculo la puttana come dovrebbe essere scopata una troia."

Cavalco la sua erezione completa, tutti i 14 pollici della sua durezza mentre l'orgasmo inizia a crescere. Sento che sto raggiungendo l'apice e il crescendo si scatena nelle mie tremanti profondità ben fottute.

"Fanculo, sto venendo."

"FUCK MEEEEEEEEEEE!"

Gemo di piacere e grido nel momento del mio completo rilascio. Gunny sente la ricompensa del suo dominio proprio mentre completo il mio primo orgasmo.

“Oh, così dannatamente stretto. Alle piccole puttane come te dovrebbe essere richiesto di restare a letto e avere il permesso solo di andare a fare pipì, così da poter essere usate e scopate a piacimento di chiunque le onori con la sua presenza. Fottimi, troia!"

So che è vicino e voglio sentire la sua esplosione, quindi aumento i miei sforzi, come meglio posso in questa posizione scomoda, e sento le sue palle sollevarsi mentre il suo cazzo comincia a pulsare dentro di me. La sua esplosione fa schizzare torrenti di sperma dalle pareti della mia fica e si aggiunge all'umidità paludosa che già esiste lì.

Nel mio sogno sono sterile, quindi non c'è alcuna possibilità che il suo virile seme nero lasci suo figlio in me, anche se non sarebbe un problema se così fosse. Non sono sicura di come si sentirebbe mio marito che dorme accanto a me.

La sua esplosione innesca un altro enorme orgasmo.

"Asciugami con il tuo sperma, Maestro."

Le mie chiacchiere prendono un'altra piega umiliante.

“Lei è il tuo secchio di sperma. Usa la tua puttana Gunny.

"Oh fanculo la mia figa, Maestro."

"Il tuo fottuto sperma mi sta facendo venire, Maestro, Oh FUCK MEEEEE." Gemo nel momento della verità.

Ci contorchiamo insieme così ancora per un momento, poi gli avvolgo le braccia attorno al collo e avvicino la mia bocca alla sua. Le nostre lingue combattono per il comando della bocca dell'altra in un profondo bacio alla francese. Poi le mani di Gunny si alzano di nuovo sotto le mie ascelle e mi solleva dal suo cazzo ancora solido e rigido. Nel mio sogno non si ammorbidisce mai, non importa quante volte mi usa e scarica le palle.

Mi abbassa sulle gambe gommose e poi mi preme sulle spalle per mandarmi in ginocchio. So cosa richiede e lo accetto volentieri. Le sue parole mi attraversano la mente a causa delle istruzioni che mi ha dato in passato.

"Una brava troia deve sempre succhiare il cazzo che la usa per dimostrare il suo apprezzamento per essere stata usata per la puttana che è."

Prendo il suo cazzo ancora eretto tra le mani e lo lavo con la lingua per pulire la sua immensa lunghezza dai succhi combinati della nostra lussuria. Una volta che l'ho pulito a fondo e diventa ovvio che ora sto facendo più del mio dovere, mi ferma.

Mi fa alzare, poi mi gira e mi fa piegare sul letto. Mi inginocchio mentre la parte superiore del corpo giace sul lato del letto. Mi muovo dolcemente per non svegliare mio marito addormentato dall'altra parte del nostro letto matrimoniale. Prendo un cuscino per abbracciarlo e affondo il viso per soffocare qualsiasi rumore che potrei fare involontariamente.

Probabilmente Gunny userà il mio culo adesso, cosa che ha fatto occasionalmente, anche se con difficoltà. Non permetto a mio marito di incularmi, anche se il suo cazzo è mediocre e non mi sfondarebbe come fa l'enorme cazzo di Gunny. Non posso, tuttavia, rifiutare nulla che Gunny mi richieda. Io sono il suo schiavo e lui il mio Padrone. La mia volontà non mi appartiene quando sono in sua presenza.

Mordo il cuscino per evitare di urlare e disobbedire in quel modo mentre lui entra in me. Devo anche stare zitta e non svegliare mio marito addormentato.

Sento che i succhi copiosi del nostro recente cazzo scappano da me e scendono lungo l'interno delle mie cosce. Gunny fa scorrere il suo cazzo attraverso il fiume che scorre da me e traccia una scia fino alla stella marrone del mio culo.

Lui entra in me e sento l'allungamento familiare ma doloroso del suo cazzo mentre inizia il suo viaggio straziante dentro. Mi incula con entusiasmo per quella che sembra un'eternità, poi si allontana da me.


Gunny gli dà una pacca sulla gamba e il Sergente Maggiore, con il suo grosso Rottweiler, appare al suo fianco. Ora so cosa è necessario, quindi mi metto a quattro zampe e aspetto l'allevamento che ne seguirà. L'enorme cane mi monta e inizia a pugnalarmi per trovare uno dei miei buchi. Trovando la mia fica piena di lussuria, inizia la scopata a martello così caratteristica della sua specie. Lui mi pianta il suo enorme bastone dentro di me e io strillo dolcemente nel cuscino che stringo per allungarmi mentre il suo nodo grande quanto un pompelmo si squarcia frettolosamente dentro e fuori dalla mia fica gravemente maltrattata. Poi scarica i suoi copiosi e caldi cuccioli nel mio orifizio ben usato e completamente abusato. La mia fica è molto tesa, ma il suo nodo non impedisce al suo carico lussurioso di fuoriuscire dai bordi.
Il Sergente Maggiore smonta da cavallo e si gira per voltare le spalle a me, con il sedere stretto al mio mentre aspetta che il suo nodo si allenti in modo da poterlo districare dalla mia fica molto tesa. Mi trascina per la stanza mentre il suo schiavo del sesso si attacca all'estremità del suo cazzo. Quando finalmente si rimpicciolisce abbastanza da scivolare via da me, i suoi succhi iniziano a fluire dal mio orifizio di piacere annoiato e accarezzato.

"Sono contento, animale domestico, ma hai ancora un dovere da compiere."

So di cosa sta parlando e dopo che il Sergente Maggiore è sceso da me, mi muovo per pulirgli l'uccello con i miei sforzi orali. Quando mi abbasso per prenderlo in bocca, avvicina quella testa massiccia piena di lunghi denti bianchi verso il mio viso e all'inizio temo che mi morda, ma invece mi fa scorrere quella lunga e adorabile lingua lungo la guancia come per ringraziarmi. Giro la testa per guardarlo in faccia e permetto a quella lunga lingua bagnata e meravigliosa di entrare nella mia bocca in un bacio alla francese, poi mi giro di nuovo per servirlo oralmente.

Concludo con lui e mi ritrovo di nuovo di fronte al mio Maestro.

“Sono contento, troia. Tornerò domani per usarti di nuovo. Alzati ora e servi tuo marito».

Allora mi sveglio completamente e indosso di nuovo l'abito che indossavo per dormire la notte prima. Mi giro e infilo i boxer che indossa mio marito e rilascio il suo cazzo floscio per prenderlo amorevolmente in bocca.

Lo succhio velocemente fino all'erezione, poi alzo il vestito, per mettermi a cavalcioni del suo corpo e portarlo dentro di me. Si sveglia mentre la calda e vellutata tensione della mia fica circonda il suo cazzo di media grandezza. Sono felice che Gunny e il sergente maggiore siano solo amanti dei sogni, quindi non mi hanno spinto al punto che non sarebbe stata un'esperienza piacevole per mio marito. Lo amo teneramente.

"Vedo che hai fatto un altro sogno stamattina, amore mio." Commenta mentre scopo con tutto ciò che valgo. Mi fa rotolare sulla schiena e assume i compiti dell'aggressore.

"Sì tesoro, e stamattina Gunny mi ha fatto scopare dal sergente maggiore."

Gli racconto il vivido sogno mentre mi scopa fino a raggiungere due orgasmi consecutivi. Sono fortunata che mio marito abbia un buon autocontrollo, altrimenti la natura volgare e oscena del mio racconto per lui lo porterebbe sicuramente a una rapida conclusione.

È una relazione davvero simbiotica perché ama le storie dei miei sogni e la lussuria che suscitano in me queste mattine in cui Gunny viene da me. Dopotutto è lui il beneficiario finale della lussuria che producono. Mi chiedo in un pensiero fugace.

È un tradimento se è solo un sogno?

Storie simili

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.8K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice Capitolo 3 Janice: Poche settimane dopo che io e Carrie ci siamo separati, Carrie e i suoi amici, Tim e io, stavamo girovagando per la scuola e Carrie mi ha presentato Janice. Janice era minuta, capelli castano chiaro lunghi fino alle spalle, quasi biondo sabbia. Aveva una figura che faceva girare la testa quando entrava in una stanza. Era sotto i 100 libbre, con molte curve. Un set di tette 34C. Questa ragazza è stata fantastica. Aveva anche un grande senso dell'umorismo. Janice stava cominciando a frequentare l'appartamento di Carrie. Carrie mi ha invitato...

1.7K I più visti

Likes 0

SS Shotguneagle (parte terza)

Patetico! urlò Kenny. Le strappò la frusta dal collo, lasciando Leah senza fiato. Leah si contorse per la disperazione mentre accoglieva più aria nei suoi polmoni. Era difficile lenire il suo collo dolorante. Tutto quello che poteva fare era aspettare che il dolore andasse via e singhiozzare. Kenny gettò la frusta a terra e si avvicinò al suo carrello degli attrezzi. Dopo aver afferrato ciò che voleva, è tornato da Leah, in piedi di fronte a lei. Stava ancora singhiozzando, cercando di abituarsi al disagio che cresceva costantemente. Kenny pensava che fosse incredibilmente sexy. Pensava che potesse farla sembrare più sexy...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.