Profondo e adorabile buio - Capitolo 9

414Report
Profondo e adorabile buio - Capitolo 9

Vlad irruppe in casa sua e chiamò Rachel e Lisa. Ci vollero alcuni minuti ma entrambi corsero giù per le scale con aria preoccupata. "Cosa! Cos'è successo!" Ha detto Rachele. "State bene entrambi?" chiese Vlad disperatamente. "Sì, bene, perché cosa sta succedendo?" chiese Lisa. Vlad tirò un sospiro di sollievo ed entrò in cucina quando crollò su una sedia. Rachel camminò dietro Vlad e gli mise le mani sulle spalle. Alzò lo sguardo verso Lisa e disse: "Vuoi andare di sopra a fare un bagno a Vlad, per favore?" Lisa annuì e corse di sopra. Rachel si sedette di fronte a Vlad e disse "Vlad, cosa è successo?" Vlad fece un profondo sospiro e disse "Eckhart mi ha chiamato al lavoro! Dovevo assicurarmi che fossi al sicuro!" Rachel sembrava confusa e disse: "Non abbiamo avuto problemi tutto il giorno! Perché dovrebbe chiamarti e poi non fare nulla?" "Mi sta prendendo in giro. Cerca di rendermi paranoico." Rachel prese la mano di Vlad e disse "troveremo una via d'uscita! Insieme!" Vlad la guardò con uno sguardo poco convinto. "Ti amo Vlad, sono innamorato di te e ti prometto che quando combatti io combatto al tuo fianco!" Disse Rachel con tono deciso.

"Questa non è la tua battaglia!" Ha detto Vlad. "Non lascerò che tu rimanga ferito in una battaglia che non ha niente a che fare con te!"

"Eckhart cercherà di farti del male arrivando a me! Che ti piaccia o no, questa è la mia battaglia tanto quanto la tua e ho il diritto di provare ad affrontarla!"

"È così che inizia! È così che inizia sempre. Le persone mi si avvicinano, sentono il bisogno di dimostrarmi qualcosa! Poi mi vedo in piedi sulla loro tomba! Sarebbe stato meglio se non mi avessi mai incontrato! "

La tristezza di Vlad si trasformò in shock quando Rachel gli diede uno schiaffo in faccia. Un'espressione arrabbiata sul suo viso.

"Se dici una cosa del genere di nuovo, ti mutilo! Mi capisci! Vlad era troppo scioccato per parlare ma annuì leggermente. "Queste ultime settimane sono state le migliori della mia vita. La mia vita è stata in pericolo ma non mi sono mai sentita più al sicuro. Fermeremo Eckhart, dopodiché non potrai passare il resto della tua vita con me, ma io voglio passare il resto della mia con te!"

"Non voglio che ti succeda niente!" Disse Vlad lottando contro le lacrime, cosa che non accadeva da secoli. "Allora non lasciare che mi succeda niente!" Ha detto Rachele. "Perché mandarmi via non è un'opzione".

A quel punto Lisa rientrò nella stanza per annunciare che il bagno di Vlad era stato eseguito. Rachel prese Vlad per mano e lo guidò nel bagno dove lo spogliò e lo aiutò a entrare nella vasca da bagno. Gli rivolse un sorriso e lasciò il bagno.

Rachel tornò in cucina e trovò Lisa in piedi accanto al lavandino. "Quindi il padrone mi scoperà come la sua cagna stasera!" Disse con un sorriso malizioso.

All'improvviso Lisa fu afferrata per la gola e spinta contro il muro. Rachel la tenne ferma con un'espressione arrabbiata sul viso. "Ascolta, piccola troia, Vlad ha più di cui preoccuparsi che soddisfare i tuoi bisogni di ninfomane." Rachel infilò la mano nelle mutandine di Lisa e le infilò tre dita nella figa, tenendo l'altra mano saldamente attorno al collo. Lisa sussultò e gemette rumorosamente. "Tieni le gambe chiuse finché il padrone non è pronto per te, mi capisci?" disse Rachel con fermezza. "Sì padrona". Rachel tolse la mano dalle mutandine di Lisa e lasciò andare la gola. "Se vuoi venire, fallo da solo!" Ha detto che Rachel e Lisa sono subito corse di sopra.

Vlad si perse nei suoi pensieri e non si rese conto che era buio. Uscì dalla vasca e si rivestì prima di raggiungere Rachel al piano di sotto.

Vlad fu sorpreso dalla vista davanti a lui. Le luci della sala da pranzo erano spente. L'unica luce proveniva dalle candele sul tavolo. Rachel era seduta a un'estremità del tavolo e aspettava pazientemente. Indossava lo stesso vestito nero che indossava sempre durante i loro appuntamenti serali. Il vestito che conteneva a malapena il suo seno succulento. Si fermò appena oltre il suo sedere mostrando le sue cosce mentre era seduta. Aveva una collana di perle che una volta apparteneva a sua nonna e i suoi capelli erano raccolti in una crocchia.

Vlad ebbe un'erezione istantanea. Sorrise a Vlad e gli fece cenno di sedersi dall'altra parte del tavolo. "Tu rimani lì mentre servo la cena!" Vlad si sedette e si preparò per la sorpresa di Rachel. Rachel entrò con due piatti di lasagne. Il primo pasto che consumarono insieme.

Fu solo ora che Vlad si rese conto di quanto fosse affamato. Si leccò le labbra mentre Rachel gli metteva il piatto davanti e gli riempiva il bicchiere di vino. Si sedette ed entrambi condivisero una preghiera prima di mangiare. "Dov'è Lisa?" chiese Vlad. "Lei è di sopra, le ho detto che non dovevamo essere disturbate. Ha capito, le ho regalato un sacco di siti porno e un vibratore da 10 pollici, passerà una bella serata!" Vlad ridacchiò e Rachel sorrise mentre continuavano a parlare di piccole cose.

Molto tempo dopo aver finito di cenare continuavano a parlare e ridere.

Vlad.
Amo questa donna. Il suo bel viso, i suoi lunghi capelli castani e i suoi occhi scintillanti. Hai mai amato qualcuno così tanto da volerne parlare 24 ore su 24, 7 giorni su 7? Qualcuno che può farti dimenticare le tue paure più profonde semplicemente sorridendoti. Rachel rientra perfettamente in questo quadro. Non la conosco nemmeno da così tanto tempo, le ho raccontato tutte le cose terribili che ho fatto e lei mi ha semplicemente ascoltato, non mi ha mai messo in discussione o giudicato e mi dice ancora che mi ama.

Ecco perché non la trasformerò in un mostro come me. Non lascerò che diventi un vampiro. Questa donna bella e innocente merita di essere mantenuta pura e di non avere la sua anima avvelenata dal male che mi ha consumato. Un giorno dovrò guardarla come una vecchia nel suo letto, è vero. E poi alla fine starò sulla sua tomba. Mentre il tempo avanza io rimango fermo. Ma in questo momento non mi interessa. Se avessi un'anima lei sarebbe la mia anima gemella. E la amo esattamente così com'è e voglio conoscerla per il resto della sua vita.

Rachele
Mi fa male vedere Vlad soffrire così tanto. Il suo passato lo perseguita. Non ho mai creduto al destino, ma credo che ci sia un motivo per cui io e lui siamo stati messi insieme. Forse Vlad ha bisogno di qualcuno che gli ricordi che non è un mostro. Quando ripenso alla notte in cui ci siamo incontrati, alla notte in cui abbiamo fatto sesso e a quanto ho avuto paura quando mi ha detto la verità. Sono stato stupido. Quest'uomo ha un passato oscuro ma è un brav'uomo e lo amo con tutto il cuore.

Lo guardo e so che non mi farà mai del male. Lo vedo nei suoi occhi. Avrà sempre tempo per me. Non si stancherà mai di stare con me, non tornerà mai a casa ubriaco e non abuserà di me, mi amerà per sempre. È tutto ció che voglio. E se questo significa aiutarlo a combattere le sue battaglie, non importa quanto siano pericolose, allora fai attenzione, stronzi, mamma farà un casino!

Narrativa
Dopo aver finito la cena e una bottiglia di vino, Rachel prese le mani di Vlad e lo guidò in camera da letto. Spinse delicatamente Vlad sul letto sulla schiena e gli sbottonò la camicia. Non si stancava mai di vedere i suoi grandi muscoli. Gli baciò teneramente il petto mentre le sue mani scivolavano dolcemente sul suo corpo. Strisciò sul suo corpo e gli baciò il collo e poi le labbra. Le mani di Vlad le afferrarono il sedere stringendolo dolcemente. Mentre lei si sdraiava sopra di lui baciandolo, Vlad le sollevò il vestito sopra il sedere rivelando un paio di mutandine nere. Rachel interruppe il bacio e disse "Non mi scoperai stasera. Voglio fare l'amore con te". Vlad sorrise e annuì leggermente e ripresero la loro sessione di pomiciata.

Rachel si mise a cavalcioni dei fianchi di Vlad e si tolse le spalline del vestito dalle spalle prima di abbassarlo sotto le tette rivelando un reggiseno nero pronto a scoppiare. Si allungò dietro di sé e slacciò il reggiseno, tirandolo via e lasciandolo cadere in modo seducente. Abbassò le tette sul viso di Vlad e lui prese il capezzolo sinistro in bocca mentre massaggiava delicatamente l'altro. Gli occhi di Rachel erano chiusi, ansimò mentre accarezzava la sommità della testa di Vlad. Vlad le succhiò avidamente la tetta, facendo scorrere la lingua sul suo capezzolo.

Alla fine Rachel si tirò indietro e scivolò via da Vlad mentre gli slacciava la cintura e gli abbassava i pantaloni neri fino alle ginocchia. Lei gli prese il cazzo e gli leccò la testa. Lo prese in giro senza pietà mentre Vlad cominciava a impazzire. Alla fine lo prese in bocca succhiandolo lentamente. Vlad si abbassò e le accarezzò i capelli mentre ansimava. Iniziò a leccarne la base mentre la scuoteva lentamente. Alzò lo sguardo verso Vlad e sorrise. Lei si alzò dritta e si tolse le mutandine e il vestito mentre Vlad finiva di spogliarsi.

Quando Vlad cercò di alzarsi, Rachel lo spinse indietro e si mise a cavalcioni dei suoi fianchi. "Lasciami fare l'amore con te, tesoro" gli sussurrò. Lei gli prese il cazzo e lo allineò con la fessura. Non appena la testa entrò in contatto, vi scivolò lentamente sopra. Gli mise le mani sulle spalle e cominciò a cavalcarlo. Entrambi gemettero per l'intimità del momento.

Vlad si mise a sedere e baciò Rachel amorevolmente. Gli avvolse le mani attorno al collo e lo attirò a sé mentre si strusciava contro di lui. Interruppero il bacio e si guardarono negli occhi. Vlad le strinse il sedere e le baciò il collo.

Era difficile in momenti come questo per Rachel non diventare un animale affamato di cazzo, ma voleva che fosse speciale. Non la loro solita routine di scopare come conigli prima di svenire insieme. È sempre stato fantastico, ma non quando vuoi aiutare la persona amata a superare un momento emozionante.

Rachel spinse Vlad giù e cominciò a cavalcarlo più velocemente con le mani sul suo petto. "Sto per venire! Vieni con me, tesoro! Per favore, vieni con me!" Iniziò a rimbalzare sul suo cazzo mentre sentiva il suo orgasmo avvicinarsi rapidamente. A giudicare dall'espressione sul volto di Vlad, anche lui era sul punto di scoppiare. Nella stanza echeggiava il suono di Rachel che schiaffeggiava Vlad in grembo. Il suo gemito si fece più forte. I suoi occhi erano chiusi. "Vieni adesso, tesoro! Per favore, vieni con me!" Vlad strinse forte il culo di Rachel e liberò il suo carico nel profondo di Rachel innescando il suo orgasmo. Si tenevano l'un l'altro in una beatitudine orgasmica. Prima di sdraiarsi sul letto ancora abbracciati.

Chi può dire per quanto tempo rimasero abbracciati? Nessuno dei due voleva trasferirsi. Per la prima volta da molto tempo per entrambi erano felici.

Il suono di un urlo li costrinse ad alzarsi dal letto. Indossarono le loro vesti e cominciarono a correre verso Lisa. Camera. Vlad aprì la porta con un calcio e la porta volò attraverso la stanza. Ma era troppo tardi.

Lisa giaceva nuda sul letto, congelata. I suoi occhi furono chiusi. Sangue ovunque, che le colava dal collo. Sopra il letto sul muro c'erano le parole "Vieni a prendermi!" Scritto con il sangue. Rachel cadde sul lato del letto piangendo per la sua amica caduta. Vlad era congelato sul posto. Sopraffatto dalla rabbia, dalla vendetta e dal disprezzo di sé. Un'altra vita perduta. Il sangue di qualcun altro sulle sue mani. Mentre Vlad esaminava il corpo notò segni di morsi sul collo. La sua rabbia continuava a crescere. Eckhart ha fatto questo. "Ti ucciderò!" Pensò tra sé e sé "Lentamente, dolorosamente! Dimentichi chi sono. Il mio nome è Dracula!"

Il capitolo finale in arrivo....

Storie simili

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

2K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

2K I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

1.9K I più visti

Likes 1

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

2K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

Ragazzone 1

BigBoy 1 modifica 2 ​Alla fine degli anni settanta, dopo aver divorziato dalla mia seconda moglie, ho iniziato a picchiare di nuovo la scena della festa.. Ho incontrato questa donna in un bar una notte, mi sono fatta abbastanza ubriaca e arrapata, quindi noi deciso di andare a casa mia.. Lungo la strada passammo davanti a un negozio di libri per adulti, Mi ha chiesto se ero mai stato lì e ovviamente ho detto di sì perché il il proprietario era un cliente e un amico.. Ha detto che non era mai stata perché era troppo timida per andare da sola...

2K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.9K I più visti

Likes 0

The Runaway Club - Capitolo 1

Il club in fuga Katlin si sedette al suo comò fissando il viso rugoso e sospirò, erano questi i momenti in cui le piaceva pensare alla sua vita, voglio dire qui aveva settantaquattro anni, vedova con figli, anche nipoti, e tutto è iniziato al età di quattordici anni. 60 anni prima Katlin ha aperto gli occhi qui e ha ascoltato, le ci sono voluti alcuni minuti per connettersi con il resto di lei e si è seduta, era ora, è scivolata fuori dal letto e ha tirato fuori la sua valigia preconfezionata dal suo nascondiglio sul retro del suo guardaroba, sorrise...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.