Il Valedictorian Parte quarta

484Report
Il Valedictorian Parte quarta

Sono crollato sul letto dopo che se n'è andato. La mia mente nuotava. Mai in vita mia avrei pensato che sarebbe stato così, che tutto il mio corpo sarebbe stato tenuto prigioniero da un solo tocco, subito posto sul mio corpo. Il movimento dentro di me, la sensazione di stringermi a lui, di essere separata da lui, la forza del suo movimento contro di me, tutto mi ritornava in mente. Mi sentivo aperto, non riuscivo davvero a sentirlo dentro di me, ma piuttosto la sua assenza.

Mi spostai verso la testiera del letto e lasciai che i miei capelli bagnati penzolassero tra il letto e il muro. Chiudendo gli occhi, mi abbassai e sentii la mia apertura vaginale ancora bagnata. Ho fatto scivolare due dita dentro di me e ho potuto sentire quanto fossi aperto. Quando sono arrivato alle nocche, le ho tirate fuori e ho sentito il piacere irradiarsi attraverso il mio corpo mentre mi strofinavo contro il clitoride. Ho guardato in basso e ho visto i residui del suo sperma sulle mie dita, e ho chiuso gli occhi mentre allo stesso tempo applicavo di nuovo le mie dita ora inzuppate di sperma sul mio clitoride gonfio. Non sono entrato di nuovo da solo, ma piuttosto ho fatto scivolare le dita lungo l'apertura e ho esercitato pressione con la base della mano. Ho sentito la lunghezza del mio dito lungo la mia apertura, la punta che raggiungeva il mio perineo e la base della mia mano che premeva sul clitoride. Ho chiuso con la forza. Istintivamente portai la mano alla bocca mentre usavo l'altra mano per sostituire il piacere. Potevo assaporare me stesso sulle mie dita, un accenno del suo sperma mescolato ai miei succhi. Il gusto era più eccitante della mia mano, ma i due combinati mi hanno fatto scattare più forte. Ho premuto più forte con la mano, mi sono mosso più velocemente con le dita. Il ritmo cominciò a essere straordinario. Mi sono ritrovato a stringermi il petto, a tirarmi i capezzoli, a scuoterli avanti e indietro mentre il ritmo cominciava a essere caotico. Nella mia mente, potevo vedere John sopra di me, sentire il suo cazzo dentro di me, sentire quella spinta, ed è stato allora che è successo. Il mio culo si sollevò dal letto, tutto il mio corpo era teso e rigido. Il mio sedere si è stretto e le mie braccia si sono spostate di lato per rinforzarmi. Ho urlato, e poi è stata come un'onda, no, un'esplosione di calore è corsa dalla mia figa fino alla punta delle estremità.

Ero senza fiato. Era difficile persino aprire gli occhi. Alla fine il mio corpo si sciolse, più rilassato di quanto non fosse stato da molto tempo, e aprii gli occhi. Eccolo lì.

"È stato davvero uno spettacolo."

“Che cazzo? Vieni quando vuoi?"

"Ti sto dicendo che quelle tette sono fantastiche."

“Davide, davvero. Che cazzo." Stavo cercando di coprirmi con le coperte, ma lui si era seduto sul bordo del letto.

"Quindi il signor John ha preso la ciliegia, eh?"

"Che cosa? Non è cosa tua... vattene davvero da qui, cazzo."

“Bene, dimmi questo. Hai usato la protezione, vero?"

«Non sono affari tuoi, cazzo. Passami la mia maglietta laggiù." Ero incazzato. Non è stato affatto bello. Tutto quello che volevo fare era coprirmi e andarmene di casa.

“Lo farò, ma per favore dimmi che hai usato il preservativo. Poi ti darò la tua maglietta."

"NO. No, non abbiamo usato il preservativo. Ora dammi la mia maglietta."

Si abbassò a terra e afferrò la maglietta. Ha allungato la mano per darmelo, ma mentre andavo a prenderlo lui lo ha tirato indietro. “Quindi avrai il suo bambino adesso, immagino. Resta qui in spiaggia e alleva piccoli surfisti. Stupido."

“Prendo la pillola da stupido. Ora dammi la mia maglietta."

Me lo lanciò e io mi alzai per indossarlo. "Perché diavolo prendi la pillola del non scopare?"

"La mamma me lo ha messo perché i miei crampi erano terribili." Sono andato al comò e ho preso gli slip del bikini e, voltandomi le spalle, ho infilato una gamba nell'apertura. Lo guardai di nuovo. “Sei davvero uno stronzo. Lo sai, vero?" Ho messo dentro l'altra gamba e mi sono piegato un po' per tirarle su. Quando l'ho fatto mi ha dato una pacca sul culo e ho saltato.

"Questo è per essere una cattiva ragazza."

Mi sono avvicinato al vestito come un riflesso, l'ho guardato con orrore e rabbia e ho detto: "Non toccarmi, cazzo. Esci dalla mia stanza."

Adesso era in piedi. Lo guardai dritto negli occhi e lo vidi dirigersi verso la porta. Quando lo fece mi voltai dall'altra parte, disgustato, e mi chinai di nuovo per tirarmi su il sedere. Quando si furono alzati mi voltai per vedere se fosse uscito dalla stanza, ma lui stava a meno di un metro da me, con i pantaloni a terra.

"Che cazzo pensi di fare, pervertito?"

Non ha risposto. Si è avvicinato a me e io ho fatto marcia indietro. Il mio sedere colpì il comò e sentii la stanza chiudersi su di me. Era quasi contro di me. C'era uno sguardo nei suoi occhi come non avevo mai visto prima. Si allungò verso il mio petto e prese la mia tetta destra nella sua mano.

Gli ho tolto la mano con uno schiaffo e la mia tetta mi è caduta sullo stomaco. "Non spetta a te toccarlo quando vuoi."

Ha raggiunto e afferrato l'altra mia tetta, "che ne dici di questa? Posso prenderlo quando voglio?"

Lo scacciai con uno schiaffo e mi spostai di nuovo nel comò. Ci sono quasi seduto sopra. Si avvicinò, poi contro di me. Ho provato a spingerlo via, ma era troppo forte. Ha mantenuto la sua posizione. Ho alzato la mano per colpirlo e lui l'ha afferrata.

“David, che cazzo stai facendo? Questo non mi piace.

"ma lo farai."

La mia testa cominciò a girare. Sono andato nel panico. La mia vista cominciò a concentrarsi sul suo viso e tutto il resto scomparve. Non riuscivo a sentire nulla. Ho perso il potere sulle mie braccia. Afferrò il mio seno tra le mani e lo strinse. Non potevo sentirlo. Tutto quello che ho sentito è stato: "Penso che accetterò quell'assegno". Poi mi ha baciato. Non ho resistito. Non potevo. Non ne avevo la forza. Ciò che stava accadendo era troppo travolgente. Si ritirò completamente. Mi guardò dall'alto in basso e penso che finalmente abbia registrato l'orrore nei miei occhi.

Così tante cose iniziarono a fluttuare nella mia mente. Ho pensato a Natale e a David che apriva i regali. Pensavo alle foto da ragazzino. Ho pensato al modo in cui la mamma parlava di lui, a come papà lo lodava e si vantava con tutti i suoi amici di suo figlio universitario.

“Se vuoi scoparmi, non posso fermarti. È così che vuoi che vada?" Mi sono seduto sul letto. Stavo piangendo adesso.

“Senti, mi dispiace. Ti ho visto lì. Caldo da morire, ho pensato a ieri sera e ho pensato che saresti stato pronto, soprattutto dopo che John ti ha iniziato e non ha finito il lavoro.

"Che c'entra?" Ero un disastro adesso. Le lacrime erano ovunque. Sono sicuro che stavo facendo bolle di moccio. Sicuramente non attraente.

“Voglio solo che tu abbia la settimana più bella della tua vita. Mi dispiace. Dammi un abbraccio e ti lascerò in pace."

La stanza era cambiata. La mia vista si era riparata da sola. Mi alzai e andai da lui. Mi ha abbracciato e io l'ho abbracciato. Ironicamente, non volevo lasciarmi andare. Tutte le emozioni mi stavano prendendo il sopravvento e ho stretto più forte. È stato allora che ho capito che era un duro. Non l’avevo notato prima, ma quando l’ho fatto, l’ho guardato. Era enorme. Tutti i ricordi della notte prima tornarono. Ho pensato a come si sentiva John dentro di me e mi chiedevo come si sarebbe sentito qualcosa di molto più grande. Mi sono detto che non potevo pensare in quel modo.

"Qualcuno è sveglio."

"Mi dispiace. Ho solo una sorella dal culo fantastico. Si allontanò da me e si avvicinò ai suoi pantaloni. Un diverso tipo di panico mi colse. Non volevo che si vestisse. Non potevo credere di pensarlo, ma era travolgente.

"Non devi farlo." È appena uscito.

"Quindi ora vuoi che rimanga nudo?" Stava ridendo a metà.

"NO. vestiti da culo. Non possiamo farlo.

"Fare?" Si è avvicinato a me. Pantaloni ancora a terra.

"Niente. Mettiti i pantaloni."

"NO. Non farlo. Non essere così pudico con me. Cosa stavi pensando?"

"Niente. Possiamo dimenticarlo? Stavo cercando di invertire il percorso che il mio corpo e la mia mente avevano preso. Era quasi contro di me. Senza pensare mi chinai e presi il suo cazzo in mano.

"Immagino che non possiamo dimenticarlo." Lui sorrise.

"Stai zitto." L'ho tirato per il cazzo fino al bordo del letto. Mi sono seduto, l'ho portato alla bocca e me ne sono messo in bocca la testa. Oh Dio, che sensazione. Ho chiuso gli occhi e la sensazione di lui contro la mia lingua e le mie labbra è aumentata. Potevo annusarlo e sentirlo muoversi nella mia bocca e le mie labbra muoversi lungo la sua asta. Potevo sentire che mi stavo bagnando. Non mi ha lasciato succhiare a lungo. Mi ha spinto per le spalle e sono caduto sul letto. Si abbassò e mi tirò i pantaloni attorno alle cosce e poi alle caviglie. Mentre lo faceva, si inginocchiò e appoggiò la bocca contro la mia apertura. Sentii la sua lingua aprirmi le labbra e cominciare a sfiorarmi il clitoride. gemevo. Mi è venuta la pelle d'oca. Il mio petto cominciò quasi a bruciare. Ho sentito i miei sensi intensificarsi. Ogni tocco della mia pelle era in fiamme. Poi si fermò.

"Il suo sperma ha un sapore piuttosto buono." Fino a quel momento avevo dimenticato che John mi aveva scopato, che mi era venuto dentro, e ora l'idea di David che mi leccava con lo sperma di John dentro mi faceva impazzire. Quando ha rimesso la bocca sul mio clitoride, sono venuta immediatamente. Si alzò e mi guardò. Potevo vedere il suo cazzo duro.

"Voglio vedere quelle bellissime tette."

Ho obbedito. Ho allungato la mano per infilarmi la maglietta dalla testa, non è facile quando sei sulla schiena e hai appena avuto un orgasmo. Avevo la maglietta sul viso e mi tiravo su, cercando di liberare la parte posteriore della maglietta dal mio peso, quando ho sentito l'intera lunghezza del suo cazzo spingere dentro di me. Non ha cercato di calmarsi dentro di me. Con una sola spinta, l'intero cazzo mi è stato infilato dentro. Ho urlato e ho lasciato andare la maglietta. Avevo il viso coperto, ma non avevo la forza di muovermi. Il suo cazzo aveva fatto rilassare immediatamente tutti i miei muscoli. Istintivamente mi avvicinai allo stomaco. Nella mia mente immaginavo quanto fosse profondo.

"Stai bene?"

"Oh mio Dio, non tirarlo fuori." Mi sentivo come se l'intero braccio di qualcuno fosse stato spinto dentro di me, ma non provavo alcun disagio.

Si ritrasse e io cercai il suo sedere per trattenerlo dentro di me, ma lui immediatamente si spinse dentro di me. Emisi un gemito e le mie braccia volarono di lato per appoggiarmi al letto. La mia testa volò all'indietro e la potenza fu travolgente. Ho provato e riprovato a mettermi la maglietta sulla faccia, ma non ne avevo il potere. Tutto quello che avevo vicino, lo ha spinto dentro di me e sono crollato sul letto. Quando finalmente si fermò, abbassò il sedere per sedersi un po' e sentii la sua mano afferrare le mie tette scoperte, e non appena cominciò a stringere, sentii il suo cazzo fare pressione dentro di me, quasi spingendomi contro per sollevarmi, e si sprigionò un'enorme ondata di piacere. È stato improvviso. Non me lo aspettavo. Ho rilasciato un enorme flusso di sperma e l'ho schizzato contro. Il mio corpo si dibatteva con lui ancora dentro di me, e ad ogni movimento sentivo di nuovo la pressione e non riuscivo a controllarmi. Mi ha lasciato muovere con le tette tra le mani e poi alla fine mi ha spinto giù con il petto.

"Immagino che abbiamo trovato il punto G."

Ha fatto una pausa per un secondo e poi ha iniziato a scoparmi quasi seduto sul pavimento. L'angolazione continuava a colpirmi proprio dov'era. Sono venuto di nuovo. Lui continuò. Sono venuto di nuovo. Si è tirato fuori completamente da me e ho gemito affinché tornasse dentro di me. Quando lo fece spinse così forte che io urlai e un enorme flusso del mio sperma si lanciò contro di lui e il mio corpo divenne insensibile. Ero gelatina. Si alzò e cominciò a scoparmi forte. Lo schiaffo del suo corpo contro il mio fu forte, e ancora più forte furono le mie tette che rimbalzavano l'una contro l'altra.

Si tirò fuori da me e si alzò completamente. "Turnover."

Ho obbedito. Quando l'ho fatto, finalmente mi sono infilato la maglietta dalla testa e mentre lo facevo l'ho portata sul letto e lui mi ha afferrato per i fianchi. Ha spinto la punta del suo cazzo contro il mio culo.

"Inferiore."

Lo abbassò e lo spinse dentro di me. Istintivamente andai avanti, ma le sue mani sui miei fianchi mi fermarono. Mi tirò contro di sé mentre si spingeva in avanti e sentì che mi allargava mentre andava più in profondità di quanto avesse fatto. Mi sentivo come se fosse nel mio stomaco. La mia testa è tornata indietro. Si tirò fuori e spinse di nuovo dentro di me. Mi ha scopato così per un po'. Ha usato le mie tette come maniglie e mi ha tirato contro di lui. Non era così travolgente come prima, ma la forza e il movimento mi stavano facendo impazzire. La profondità del suo cazzo dentro di me mi ha stupito. Poi si fermò e si sdraiò sul letto accanto a me.

"Sei venuto?" Ho chiesto.

"Diavolo no, lo saprai quando sborrerò. Mettiti sopra di me."

Ho fatto quello che ha chiesto. Mi sono alzato sopra di lui e mi sono abbassato su di lui. Sembrava diverso. Si sentiva più a lungo mentre mi abbassavo. Non sembrava finire di entrarmi. Poi ho toccato il fondo. Ero completamente senza fiato. Mi appoggiai allo schienale e sentii la sua lunghezza dentro di me. Ancora una volta mi sono afferrato lo stomaco.

"Nel profondo di quella figa, non è vero?"

Non ho risposto. Chiusi gli occhi e provai a immaginare la lunghezza di lui dentro di me. Ho provato a staccarlo ma le mie gambe erano troppo deboli. Avanzai con i fianchi e sentii il mio clitoride trascinarsi lungo la sua base. Ho chiuso. Mi ha afferrato le tette e le ha strizzate. Mi ha tirato con le tette e mi sono avvicinato al suo viso. Mi sono tirato indietro e questo ha dato inizio al ritmo. Ho iniziato a muovere i fianchi avanti e indietro. Ho sentito la lunghezza del suo cazzo rimbalzare da davanti a dietro. La fermezza del suo cazzo spinse contro il mio clitoride e poi il mio clitoride trovò il suo bacino. Potevo sentire la frustrazione crescere. Ha stretto più forte le mie tette e poi le ha rilasciate. Cominciarono a dimenarsi con i miei movimenti. Si schiaffeggiarono l'uno contro l'altro e contro il mio stomaco. Ho macinato più forte il suo cazzo, cercando di farlo entrare più in profondità, ho colpito quel punto che sembrava fosse così vicino a raggiungere, poi è successo. Mi sono appoggiato allo schienale per l'orgasmo e lui è uscito dalla mia figa e quando lo ha fatto un flusso dei miei succhi è schizzato sul suo petto. Mentre lo facevo, ricaddi sul letto e le mie gambe si unirono per l'orgasmo.

"Maledetta ragazza. Mi hai inzuppato. Immagino sia giunto il momento di scoparti davvero.

Lo guardai stupito. "Che cosa?" Voglio dire, cosa stavamo facendo?

Prese posto in piedi sul bordo del letto, mi afferrò le gambe e mi fece girare sul letto. Avrebbe potuto darmi da mangiare a questo punto e non avrei avuto l'energia o la forza per fermarlo. Mi tirò le gambe in aria, formando una V, e poi mi tirò di nuovo verso il bordo del letto.

"Ora prendi quelle tette così non ti verrà un occhio nero."

Ciò che seguì fu sorprendente e terrificante. Cominciò a scoparmi più forte di quanto avesse mai fatto. Il suo uccello sbatté dentro di me e la forza del suo corpo contro il mio produsse un forte suono di schiaffi. Ha scopato forte e mi ha tirato le gambe per fare leva. Ho provato a tenere le mie tette a posto, ma ad un certo punto ho rinunciato e hanno cominciato a volare ad ogni colpo. Mi ha fatto girare su un fianco con l'uso delle gambe e ha continuato a scopare. Mi ha girato dall'altra parte e mi ha afferrato forte la tetta e ho emesso un grido di dolore mentre lui lo usava da solo per tirarmi fino in fondo sul suo cazzo. Quando mi ha tirato indietro sulla schiena e ha iniziato a scoparmi ho potuto sentire la differenza nel suo cazzo. Non chiedermi come. La mia figa era insensibile. Stava scopando per quello che sembrava per sempre, sentivo che se avesse tirato fuori la mia figa sarebbe stata permanentemente aperta.

“Sto per venire. Sei pronto per questa stronza?"

"SÌ. Voglio vederti venire."

"Diavolo, no. Stai ricevendo il suo carico dentro di te. "

Poi mi ha allargato le gambe e mi ha spinto fino in fondo. Emise un enorme grugnito e poi urlò. Non ho sentito nulla, e poi, mentre tirava fuori e spingeva di nuovo dentro, ho sentito l'ondata di calore e l'improvviso aumento dell'umidità. Non sono venuto, ma la sensazione era intensa. Si muoveva ancora e ancora, e mentre si muoveva e veniva, ho perso gran parte della sensibilità del suo cazzo, solo la pressione e sono stato sopraffatto da quelli che sembravano litri di fluido dentro di me. Quando finalmente smise di muoversi si spinse completamente dentro di me e mi crollò addosso. Mi ha baciato e ha preso il mio capezzolo in bocca. Dopo circa un minuto si alzò, con il cazzo ancora dentro di me.

"Voglio che tu ti metta il costume da bagno e venga in spiaggia con me e lasci che il mio sperma fuoriesca lentamente da te.."

Non ho discusso. Mi sono vestita e ho sentito l'enorme disordine che era la mia figa. Le mie gambe erano deboli e quando finalmente mi sdraiai sull'asciugamano in spiaggia, completamente esausta, vidi John avvicinarsi. Mi ha baciato mentre mi sdraiavo sull'asciugamano e mi guardavo l'inguine. Dopo aver recitato per un secondo, mi sussurrò all'orecchio.

"Scusa se ho fatto un tale pasticcio, forse dovresti entrare in acqua prima che tuo fratello se ne accorga."

Mi guardai e notai che il mio costume da bagno era inzuppato di sperma e un piccolo ruscello era fuoriuscito da me ed era sfuggito al mio sedere per formare una pozza sul mio asciugamano.

Storie simili

Comprare vestiti con Christy

Ecco, prova questo. Gemendo, alzo con riluttanza le spalle e indosso una canottiera arancione fluorescente che è quanto di più lontano possibile dalla mia idea di moda. Contento? dico, cercando di non pensare alla mia abbronzatura da contadino. È incantevole, dice, sfoggiandomi il suo sorriso vincente, facendomi battere il cuore involontariamente. È stata un'idea di Christy andare a fare shopping. Non stiamo nemmeno uscendo insieme. Normalmente, una richiesta del genere sarebbe motivo di domanda “Cosa stiamo facendo qui?” tipo di conversazione, ma non è proprio lo stile di Christy. Quando decide di fare qualcosa, la fa. Questo, e lei mi ha...

382 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

751 I più visti

Likes 0

Potrei aiutarti... Parte I

Io e la mia ragazza siamo sdraiati nel suo letto. Aveva 23 anni in quel momento, il suo nome è Tanya. Io ero nudo, lei indossava un top bianco attillato e una sottoveste di seta, anch'essa bianca. Adoravo il modo in cui i suoi grandi seni le riempivano la maglietta, i suoi capezzoli erano duri e spingevano ulteriormente la mia eccitazione. Come molte volte prima che guardassimo un film porno. Ma qualcosa di molto speciale era diverso quel giorno. Non eravamo soli... Mi chiamo Tomas, sono un ragazzo di 27 anni con i capelli biondi e gli occhi blu verdastri. Sono...

690 I più visti

Likes 0

Trappola nella grotta, parte 1

Trappola nella grotta, parte 1 Il viaggio d’affari di Jack Simon a Manila era andato bene. Il nuovo ufficio della sua azienda disponeva di personale adeguato per amministrare gli aspetti di sottoscrizione e riscossione della sua grande compagnia assicurativa. Si ricompensò prendendo un idrovolante per Okinawa per incontrare un vecchio amico della Marina. Craig era un ergastolano che era riuscito a rimanere a Okinawa per tre anni e conosceva bene la zona. Ha portato Jack a fare immersioni in posti che i turisti non hanno mai visto; sistemi di grotte su piccole isole che erano per lo più incontaminate dal mondo...

511 I più visti

Likes 0

Momenti divertenti con Romy

Mi chiamo Matteo, ho 18 anni. Sono solo il tuo ragazzo normale con i capelli biondi e gli occhiali. Alcuni potrebbero definirmi un nerd ma non sono d'accordo. Ho appena terminato l'allenamento in palestra e sono andato velocemente negli spogliatoi per rinfrescarmi. Appena aperta la doccia ho sentito un forte inciampo seguito da un urlo. Mi sono messo dei pantaloni e sono andato alla fonte del suono. Sembrava provenire dallo spogliatoio femminile. C'è qualcuno lì dentro? “Sì, per favore aiutami” Quando sono entrato sono rimasto scioccato nel vedere la mia amica di lunga data e compagna di palestra Romy, nuda e...

444 I più visti

Likes 0

Provare qualcosa di nuovo_(1)

Provare qualcosa di nuovo (terza persona) Toni e Justin sono appena tornati nel nuovo appartamento di lei e di sua sorella, Davina, dopo aver passato l'intera giornata a fare shopping al centro commerciale. Justin ha appena parlato a Toni di alcuni nuovi abiti ma non li aveva ancora visti su di lei. È stata una lunga giornata e sono entrambi stanchi. Beh, sembra che Davina non sia più a casa, dice Justin mentre entrano nell'appartamento. A Justin piace quando sono soli perché Davina è sempre ovunque e non permette loro di entrare in intimità. Capisco, esprime sarcastico Toni con un sorriso...

449 I più visti

Likes 0

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

505 I più visti

Likes 0

Insegnante - 04 Giorno 1 – Pomeriggio a scuola

5----------Pranzo Finalmente arrivò l'ora di pranzo. Non era previsto che nessuno studente fosse nella sua stanza durante il pranzo. In genere, alcuni pranzavano e poi andavano nella sua stanza per fare i compiti. Laura poteva solo sperare in un pranzo tipico, ma finora tipico non era la parola che avrebbe usato per quella giornata. Si sentì sollevata quando all'inizio del ciclo si ritrovò tutta sola nella sua stanza. Appoggiò il panino sul vassoio del podio e notò il timer. Il timer del periodo mostrava 00:23:55 e il conto alla rovescia e il timer del suo footpad mostrava 00:23:55. Il timer della...

381 I più visti

Likes 0

Fidanzata trofeo parte 5

Fidanzata trofeo di Vanessa Evans Parte 5 VENERDÌ Il venerdì sera Caleb uscì con i suoi amici, presumibilmente a casa di uno dei ragazzi. Cora pensava che avrebbero giocato e che Caleb si sarebbe scopato Emily, Lucy o Willow. Non era preoccupata perché sapeva che sarebbe tornato a casa più tardi e avrebbe voluto scoparla. Cora è uscita con le sue amiche e hanno passato una bella serata tra ragazze. Cora ha ripetuto l'invito al barbecue e Wendy, Carol, Liz e Mary hanno detto che stavano ancora bene per la domenica. Quando Cora e Liz andarono in bagno, Liz chiese a...

446 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

396 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.