Il Valedictorian Parte quarta

240Report
Il Valedictorian Parte quarta

Sono crollato sul letto dopo che se n'è andato. La mia mente nuotava. Mai in vita mia avrei pensato che sarebbe stato così, che tutto il mio corpo sarebbe stato tenuto prigioniero da un solo tocco, subito posto sul mio corpo. Il movimento dentro di me, la sensazione di stringermi a lui, di essere separata da lui, la forza del suo movimento contro di me, tutto mi ritornava in mente. Mi sentivo aperto, non riuscivo davvero a sentirlo dentro di me, ma piuttosto la sua assenza.

Mi spostai verso la testiera del letto e lasciai che i miei capelli bagnati penzolassero tra il letto e il muro. Chiudendo gli occhi, mi abbassai e sentii la mia apertura vaginale ancora bagnata. Ho fatto scivolare due dita dentro di me e ho potuto sentire quanto fossi aperto. Quando sono arrivato alle nocche, le ho tirate fuori e ho sentito il piacere irradiarsi attraverso il mio corpo mentre mi strofinavo contro il clitoride. Ho guardato in basso e ho visto i residui del suo sperma sulle mie dita, e ho chiuso gli occhi mentre allo stesso tempo applicavo di nuovo le mie dita ora inzuppate di sperma sul mio clitoride gonfio. Non sono entrato di nuovo da solo, ma piuttosto ho fatto scivolare le dita lungo l'apertura e ho esercitato pressione con la base della mano. Ho sentito la lunghezza del mio dito lungo la mia apertura, la punta che raggiungeva il mio perineo e la base della mia mano che premeva sul clitoride. Ho chiuso con la forza. Istintivamente portai la mano alla bocca mentre usavo l'altra mano per sostituire il piacere. Potevo assaporare me stesso sulle mie dita, un accenno del suo sperma mescolato ai miei succhi. Il gusto era più eccitante della mia mano, ma i due combinati mi hanno fatto scattare più forte. Ho premuto più forte con la mano, mi sono mosso più velocemente con le dita. Il ritmo cominciò a essere straordinario. Mi sono ritrovato a stringermi il petto, a tirarmi i capezzoli, a scuoterli avanti e indietro mentre il ritmo cominciava a essere caotico. Nella mia mente, potevo vedere John sopra di me, sentire il suo cazzo dentro di me, sentire quella spinta, ed è stato allora che è successo. Il mio culo si sollevò dal letto, tutto il mio corpo era teso e rigido. Il mio sedere si è stretto e le mie braccia si sono spostate di lato per rinforzarmi. Ho urlato, e poi è stata come un'onda, no, un'esplosione di calore è corsa dalla mia figa fino alla punta delle estremità.

Ero senza fiato. Era difficile persino aprire gli occhi. Alla fine il mio corpo si sciolse, più rilassato di quanto non fosse stato da molto tempo, e aprii gli occhi. Eccolo lì.

"È stato davvero uno spettacolo."

“Che cazzo? Vieni quando vuoi?"

"Ti sto dicendo che quelle tette sono fantastiche."

“Davide, davvero. Che cazzo." Stavo cercando di coprirmi con le coperte, ma lui si era seduto sul bordo del letto.

"Quindi il signor John ha preso la ciliegia, eh?"

"Che cosa? Non è cosa tua... vattene davvero da qui, cazzo."

“Bene, dimmi questo. Hai usato la protezione, vero?"

«Non sono affari tuoi, cazzo. Passami la mia maglietta laggiù." Ero incazzato. Non è stato affatto bello. Tutto quello che volevo fare era coprirmi e andarmene di casa.

“Lo farò, ma per favore dimmi che hai usato il preservativo. Poi ti darò la tua maglietta."

"NO. No, non abbiamo usato il preservativo. Ora dammi la mia maglietta."

Si abbassò a terra e afferrò la maglietta. Ha allungato la mano per darmelo, ma mentre andavo a prenderlo lui lo ha tirato indietro. “Quindi avrai il suo bambino adesso, immagino. Resta qui in spiaggia e alleva piccoli surfisti. Stupido."

“Prendo la pillola da stupido. Ora dammi la mia maglietta."

Me lo lanciò e io mi alzai per indossarlo. "Perché diavolo prendi la pillola del non scopare?"

"La mamma me lo ha messo perché i miei crampi erano terribili." Sono andato al comò e ho preso gli slip del bikini e, voltandomi le spalle, ho infilato una gamba nell'apertura. Lo guardai di nuovo. “Sei davvero uno stronzo. Lo sai, vero?" Ho messo dentro l'altra gamba e mi sono piegato un po' per tirarle su. Quando l'ho fatto mi ha dato una pacca sul culo e ho saltato.

"Questo è per essere una cattiva ragazza."

Mi sono avvicinato al vestito come un riflesso, l'ho guardato con orrore e rabbia e ho detto: "Non toccarmi, cazzo. Esci dalla mia stanza."

Adesso era in piedi. Lo guardai dritto negli occhi e lo vidi dirigersi verso la porta. Quando lo fece mi voltai dall'altra parte, disgustato, e mi chinai di nuovo per tirarmi su il sedere. Quando si furono alzati mi voltai per vedere se fosse uscito dalla stanza, ma lui stava a meno di un metro da me, con i pantaloni a terra.

"Che cazzo pensi di fare, pervertito?"

Non ha risposto. Si è avvicinato a me e io ho fatto marcia indietro. Il mio sedere colpì il comò e sentii la stanza chiudersi su di me. Era quasi contro di me. C'era uno sguardo nei suoi occhi come non avevo mai visto prima. Si allungò verso il mio petto e prese la mia tetta destra nella sua mano.

Gli ho tolto la mano con uno schiaffo e la mia tetta mi è caduta sullo stomaco. "Non spetta a te toccarlo quando vuoi."

Ha raggiunto e afferrato l'altra mia tetta, "che ne dici di questa? Posso prenderlo quando voglio?"

Lo scacciai con uno schiaffo e mi spostai di nuovo nel comò. Ci sono quasi seduto sopra. Si avvicinò, poi contro di me. Ho provato a spingerlo via, ma era troppo forte. Ha mantenuto la sua posizione. Ho alzato la mano per colpirlo e lui l'ha afferrata.

“David, che cazzo stai facendo? Questo non mi piace.

"ma lo farai."

La mia testa cominciò a girare. Sono andato nel panico. La mia vista cominciò a concentrarsi sul suo viso e tutto il resto scomparve. Non riuscivo a sentire nulla. Ho perso il potere sulle mie braccia. Afferrò il mio seno tra le mani e lo strinse. Non potevo sentirlo. Tutto quello che ho sentito è stato: "Penso che accetterò quell'assegno". Poi mi ha baciato. Non ho resistito. Non potevo. Non ne avevo la forza. Ciò che stava accadendo era troppo travolgente. Si ritirò completamente. Mi guardò dall'alto in basso e penso che finalmente abbia registrato l'orrore nei miei occhi.

Così tante cose iniziarono a fluttuare nella mia mente. Ho pensato a Natale e a David che apriva i regali. Pensavo alle foto da ragazzino. Ho pensato al modo in cui la mamma parlava di lui, a come papà lo lodava e si vantava con tutti i suoi amici di suo figlio universitario.

“Se vuoi scoparmi, non posso fermarti. È così che vuoi che vada?" Mi sono seduto sul letto. Stavo piangendo adesso.

“Senti, mi dispiace. Ti ho visto lì. Caldo da morire, ho pensato a ieri sera e ho pensato che saresti stato pronto, soprattutto dopo che John ti ha iniziato e non ha finito il lavoro.

"Che c'entra?" Ero un disastro adesso. Le lacrime erano ovunque. Sono sicuro che stavo facendo bolle di moccio. Sicuramente non attraente.

“Voglio solo che tu abbia la settimana più bella della tua vita. Mi dispiace. Dammi un abbraccio e ti lascerò in pace."

La stanza era cambiata. La mia vista si era riparata da sola. Mi alzai e andai da lui. Mi ha abbracciato e io l'ho abbracciato. Ironicamente, non volevo lasciarmi andare. Tutte le emozioni mi stavano prendendo il sopravvento e ho stretto più forte. È stato allora che ho capito che era un duro. Non l’avevo notato prima, ma quando l’ho fatto, l’ho guardato. Era enorme. Tutti i ricordi della notte prima tornarono. Ho pensato a come si sentiva John dentro di me e mi chiedevo come si sarebbe sentito qualcosa di molto più grande. Mi sono detto che non potevo pensare in quel modo.

"Qualcuno è sveglio."

"Mi dispiace. Ho solo una sorella dal culo fantastico. Si allontanò da me e si avvicinò ai suoi pantaloni. Un diverso tipo di panico mi colse. Non volevo che si vestisse. Non potevo credere di pensarlo, ma era travolgente.

"Non devi farlo." È appena uscito.

"Quindi ora vuoi che rimanga nudo?" Stava ridendo a metà.

"NO. vestiti da culo. Non possiamo farlo.

"Fare?" Si è avvicinato a me. Pantaloni ancora a terra.

"Niente. Mettiti i pantaloni."

"NO. Non farlo. Non essere così pudico con me. Cosa stavi pensando?"

"Niente. Possiamo dimenticarlo? Stavo cercando di invertire il percorso che il mio corpo e la mia mente avevano preso. Era quasi contro di me. Senza pensare mi chinai e presi il suo cazzo in mano.

"Immagino che non possiamo dimenticarlo." Lui sorrise.

"Stai zitto." L'ho tirato per il cazzo fino al bordo del letto. Mi sono seduto, l'ho portato alla bocca e me ne sono messo in bocca la testa. Oh Dio, che sensazione. Ho chiuso gli occhi e la sensazione di lui contro la mia lingua e le mie labbra è aumentata. Potevo annusarlo e sentirlo muoversi nella mia bocca e le mie labbra muoversi lungo la sua asta. Potevo sentire che mi stavo bagnando. Non mi ha lasciato succhiare a lungo. Mi ha spinto per le spalle e sono caduto sul letto. Si abbassò e mi tirò i pantaloni attorno alle cosce e poi alle caviglie. Mentre lo faceva, si inginocchiò e appoggiò la bocca contro la mia apertura. Sentii la sua lingua aprirmi le labbra e cominciare a sfiorarmi il clitoride. gemevo. Mi è venuta la pelle d'oca. Il mio petto cominciò quasi a bruciare. Ho sentito i miei sensi intensificarsi. Ogni tocco della mia pelle era in fiamme. Poi si fermò.

"Il suo sperma ha un sapore piuttosto buono." Fino a quel momento avevo dimenticato che John mi aveva scopato, che mi era venuto dentro, e ora l'idea di David che mi leccava con lo sperma di John dentro mi faceva impazzire. Quando ha rimesso la bocca sul mio clitoride, sono venuta immediatamente. Si alzò e mi guardò. Potevo vedere il suo cazzo duro.

"Voglio vedere quelle bellissime tette."

Ho obbedito. Ho allungato la mano per infilarmi la maglietta dalla testa, non è facile quando sei sulla schiena e hai appena avuto un orgasmo. Avevo la maglietta sul viso e mi tiravo su, cercando di liberare la parte posteriore della maglietta dal mio peso, quando ho sentito l'intera lunghezza del suo cazzo spingere dentro di me. Non ha cercato di calmarsi dentro di me. Con una sola spinta, l'intero cazzo mi è stato infilato dentro. Ho urlato e ho lasciato andare la maglietta. Avevo il viso coperto, ma non avevo la forza di muovermi. Il suo cazzo aveva fatto rilassare immediatamente tutti i miei muscoli. Istintivamente mi avvicinai allo stomaco. Nella mia mente immaginavo quanto fosse profondo.

"Stai bene?"

"Oh mio Dio, non tirarlo fuori." Mi sentivo come se l'intero braccio di qualcuno fosse stato spinto dentro di me, ma non provavo alcun disagio.

Si ritrasse e io cercai il suo sedere per trattenerlo dentro di me, ma lui immediatamente si spinse dentro di me. Emisi un gemito e le mie braccia volarono di lato per appoggiarmi al letto. La mia testa volò all'indietro e la potenza fu travolgente. Ho provato e riprovato a mettermi la maglietta sulla faccia, ma non ne avevo il potere. Tutto quello che avevo vicino, lo ha spinto dentro di me e sono crollato sul letto. Quando finalmente si fermò, abbassò il sedere per sedersi un po' e sentii la sua mano afferrare le mie tette scoperte, e non appena cominciò a stringere, sentii il suo cazzo fare pressione dentro di me, quasi spingendomi contro per sollevarmi, e si sprigionò un'enorme ondata di piacere. È stato improvviso. Non me lo aspettavo. Ho rilasciato un enorme flusso di sperma e l'ho schizzato contro. Il mio corpo si dibatteva con lui ancora dentro di me, e ad ogni movimento sentivo di nuovo la pressione e non riuscivo a controllarmi. Mi ha lasciato muovere con le tette tra le mani e poi alla fine mi ha spinto giù con il petto.

"Immagino che abbiamo trovato il punto G."

Ha fatto una pausa per un secondo e poi ha iniziato a scoparmi quasi seduto sul pavimento. L'angolazione continuava a colpirmi proprio dov'era. Sono venuto di nuovo. Lui continuò. Sono venuto di nuovo. Si è tirato fuori completamente da me e ho gemito affinché tornasse dentro di me. Quando lo fece spinse così forte che io urlai e un enorme flusso del mio sperma si lanciò contro di lui e il mio corpo divenne insensibile. Ero gelatina. Si alzò e cominciò a scoparmi forte. Lo schiaffo del suo corpo contro il mio fu forte, e ancora più forte furono le mie tette che rimbalzavano l'una contro l'altra.

Si tirò fuori da me e si alzò completamente. "Turnover."

Ho obbedito. Quando l'ho fatto, finalmente mi sono infilato la maglietta dalla testa e mentre lo facevo l'ho portata sul letto e lui mi ha afferrato per i fianchi. Ha spinto la punta del suo cazzo contro il mio culo.

"Inferiore."

Lo abbassò e lo spinse dentro di me. Istintivamente andai avanti, ma le sue mani sui miei fianchi mi fermarono. Mi tirò contro di sé mentre si spingeva in avanti e sentì che mi allargava mentre andava più in profondità di quanto avesse fatto. Mi sentivo come se fosse nel mio stomaco. La mia testa è tornata indietro. Si tirò fuori e spinse di nuovo dentro di me. Mi ha scopato così per un po'. Ha usato le mie tette come maniglie e mi ha tirato contro di lui. Non era così travolgente come prima, ma la forza e il movimento mi stavano facendo impazzire. La profondità del suo cazzo dentro di me mi ha stupito. Poi si fermò e si sdraiò sul letto accanto a me.

"Sei venuto?" Ho chiesto.

"Diavolo no, lo saprai quando sborrerò. Mettiti sopra di me."

Ho fatto quello che ha chiesto. Mi sono alzato sopra di lui e mi sono abbassato su di lui. Sembrava diverso. Si sentiva più a lungo mentre mi abbassavo. Non sembrava finire di entrarmi. Poi ho toccato il fondo. Ero completamente senza fiato. Mi appoggiai allo schienale e sentii la sua lunghezza dentro di me. Ancora una volta mi sono afferrato lo stomaco.

"Nel profondo di quella figa, non è vero?"

Non ho risposto. Chiusi gli occhi e provai a immaginare la lunghezza di lui dentro di me. Ho provato a staccarlo ma le mie gambe erano troppo deboli. Avanzai con i fianchi e sentii il mio clitoride trascinarsi lungo la sua base. Ho chiuso. Mi ha afferrato le tette e le ha strizzate. Mi ha tirato con le tette e mi sono avvicinato al suo viso. Mi sono tirato indietro e questo ha dato inizio al ritmo. Ho iniziato a muovere i fianchi avanti e indietro. Ho sentito la lunghezza del suo cazzo rimbalzare da davanti a dietro. La fermezza del suo cazzo spinse contro il mio clitoride e poi il mio clitoride trovò il suo bacino. Potevo sentire la frustrazione crescere. Ha stretto più forte le mie tette e poi le ha rilasciate. Cominciarono a dimenarsi con i miei movimenti. Si schiaffeggiarono l'uno contro l'altro e contro il mio stomaco. Ho macinato più forte il suo cazzo, cercando di farlo entrare più in profondità, ho colpito quel punto che sembrava fosse così vicino a raggiungere, poi è successo. Mi sono appoggiato allo schienale per l'orgasmo e lui è uscito dalla mia figa e quando lo ha fatto un flusso dei miei succhi è schizzato sul suo petto. Mentre lo facevo, ricaddi sul letto e le mie gambe si unirono per l'orgasmo.

"Maledetta ragazza. Mi hai inzuppato. Immagino sia giunto il momento di scoparti davvero.

Lo guardai stupito. "Che cosa?" Voglio dire, cosa stavamo facendo?

Prese posto in piedi sul bordo del letto, mi afferrò le gambe e mi fece girare sul letto. Avrebbe potuto darmi da mangiare a questo punto e non avrei avuto l'energia o la forza per fermarlo. Mi tirò le gambe in aria, formando una V, e poi mi tirò di nuovo verso il bordo del letto.

"Ora prendi quelle tette così non ti verrà un occhio nero."

Ciò che seguì fu sorprendente e terrificante. Cominciò a scoparmi più forte di quanto avesse mai fatto. Il suo uccello sbatté dentro di me e la forza del suo corpo contro il mio produsse un forte suono di schiaffi. Ha scopato forte e mi ha tirato le gambe per fare leva. Ho provato a tenere le mie tette a posto, ma ad un certo punto ho rinunciato e hanno cominciato a volare ad ogni colpo. Mi ha fatto girare su un fianco con l'uso delle gambe e ha continuato a scopare. Mi ha girato dall'altra parte e mi ha afferrato forte la tetta e ho emesso un grido di dolore mentre lui lo usava da solo per tirarmi fino in fondo sul suo cazzo. Quando mi ha tirato indietro sulla schiena e ha iniziato a scoparmi ho potuto sentire la differenza nel suo cazzo. Non chiedermi come. La mia figa era insensibile. Stava scopando per quello che sembrava per sempre, sentivo che se avesse tirato fuori la mia figa sarebbe stata permanentemente aperta.

“Sto per venire. Sei pronto per questa stronza?"

"SÌ. Voglio vederti venire."

"Diavolo, no. Stai ricevendo il suo carico dentro di te. "

Poi mi ha allargato le gambe e mi ha spinto fino in fondo. Emise un enorme grugnito e poi urlò. Non ho sentito nulla, e poi, mentre tirava fuori e spingeva di nuovo dentro, ho sentito l'ondata di calore e l'improvviso aumento dell'umidità. Non sono venuto, ma la sensazione era intensa. Si muoveva ancora e ancora, e mentre si muoveva e veniva, ho perso gran parte della sensibilità del suo cazzo, solo la pressione e sono stato sopraffatto da quelli che sembravano litri di fluido dentro di me. Quando finalmente smise di muoversi si spinse completamente dentro di me e mi crollò addosso. Mi ha baciato e ha preso il mio capezzolo in bocca. Dopo circa un minuto si alzò, con il cazzo ancora dentro di me.

"Voglio che tu ti metta il costume da bagno e venga in spiaggia con me e lasci che il mio sperma fuoriesca lentamente da te.."

Non ho discusso. Mi sono vestita e ho sentito l'enorme disordine che era la mia figa. Le mie gambe erano deboli e quando finalmente mi sdraiai sull'asciugamano in spiaggia, completamente esausta, vidi John avvicinarsi. Mi ha baciato mentre mi sdraiavo sull'asciugamano e mi guardavo l'inguine. Dopo aver recitato per un secondo, mi sussurrò all'orecchio.

"Scusa se ho fatto un tale pasticcio, forse dovresti entrare in acqua prima che tuo fratello se ne accorga."

Mi guardai e notai che il mio costume da bagno era inzuppato di sperma e un piccolo ruscello era fuoriuscito da me ed era sfuggito al mio sedere per formare una pozza sul mio asciugamano.

Storie simili

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.7K I più visti

Likes 0

Papà torna a casa dal lavoro (pt. 7)

Erano passati alcuni giorni da quando papà e io potevamo scherzare. Ero così eccitata per lui che volevo violentarlo ogni volta che lo vedevo, ma la mamma di solito era in giro e so che sarebbe andata fuori di testa come minimo se avesse saputo cosa abbiamo fatto. Tuttavia, ho colto ogni occasione per prenderlo in giro. Un giorno stavamo preparando la cena tutti insieme e mi assicuravo di strofinarlo un po' contro ogni volta che ci incrociavamo e un paio di volte gli strofinavo l'inguine con la mano quando ero sicuro che la mamma non stesse guardando. Un giorno mentre...

1.1K I più visti

Likes 0

Zia Ruth 2

Ruth 2/la cognata La mattina seguente riuscivo a malapena a fare colazione in previsione di quel pomeriggio con Edith, la cognata di mia zia. Mia zia Ruth aveva un aspetto orribile seduta dall'altra parte del tavolo. Ho chiesto: Come sta Al? Non bene, non credo che durerà ancora a lungo, ha detto. I suoi occhi si riempirono di lacrime. I bambini erano piuttosto tranquilli tanto per cambiare. Nessuna discussione o piagnucolio. Le girai intorno e cominciai a massaggiarle il collo e le spalle. Erano stretti come un tamburo. Zia Ruth ha detto: “Oh, è così bello, hai un bel tocco. Non...

880 I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon 2

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 2: Il mio sogno diventa realtà! Bussano alla porta: FINALMENTE! Il mio cuore batteva da un po' di tempo e ora non c'era niente di diverso. Ho iniziato a camminare per aprire la porta quando Dave è saltato fuori dalla sua cuccetta ed è corso verso di me. Quando ha aperto la porta, ho visto Brandon in piedi nel corridoio. Ehi Dave. Che c'è? risuonò la voce che stavo aspettando. Non molto ragazzo, sto solo facendo un po' di cazzate per la storia, fu la risposta di Dave. Sì, senti. In realtà ho bisogno di parlare...

882 I più visti

Likes 0

La scoperta di Sammy pt. 1

NOTA DELL'AUTORE: Questo lavoro è puramente fittizio. Eventuali somiglianze con eventi o persone reali possono essere casuali. Suona, suona, suona. Ciao? Jen, sono io! Oh, ehi, Sam! lei rispose. Wazup? Beh, dato che è ufficialmente il primo giorno d'estate, ho pensato che avrei dovuto invitarti! Ho detto. Ed era estate. Il clima era diventato sempre più caldo ogni giorno che passava ei miei compagni di classe erano diventati sempre più ansiosi di uscire da scuola. Dato che eravamo in prima media, però, avevamo avuto gli esami e ora le vacanze estive erano più dolci e rinfrescanti che mai. Dato che studiavamo...

649 I più visti

Likes 0

Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore: Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato. Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me...

529 I più visti

Likes 0

Potrei aiutarti... Parte I

Io e la mia ragazza siamo sdraiati nel suo letto. Aveva 23 anni in quel momento, il suo nome è Tanya. Io ero nudo, lei indossava un top bianco attillato e una sottoveste di seta, anch'essa bianca. Adoravo il modo in cui i suoi grandi seni le riempivano la maglietta, i suoi capezzoli erano duri e spingevano ulteriormente la mia eccitazione. Come molte volte prima che guardassimo un film porno. Ma qualcosa di molto speciale era diverso quel giorno. Non eravamo soli... Mi chiamo Tomas, sono un ragazzo di 27 anni con i capelli biondi e gli occhi blu verdastri. Sono...

452 I più visti

Likes 0

Sesso telefonico con Patricia

Mentre di recente guidavo verso la mia prossima destinazione per un viaggio di lavoro, ho pensato alla calda lettera che la mia bellissima moglie aveva inviato alla mia ultima posizione. Mia moglie Patricia è una splendida mora con bellissimi seni 35D, un culo caldo e cosce da abbinare! La lettera diceva: Mio carissimo amante, Sto pensando così tanto a te in questo momento... Mi fanno male i lombi. Ho appena fatto qualcosa di cattivo e sexy... spero ti piaccia! Mi sono rasato TUTTI i peli dalla figa. Oh, piccola! Poi sono andato sotto la doccia e mi sono insaponato. Faceva caldo!!...

411 I più visti

Likes 0

Aiuto! - Parte 8

Questa è la parte 8 di Aiuto!. Continua dalle parti 1-7. Godere :) ... *** Bene, allora ragazzo sexy, immagino che dovrò mostrarti un'esperienza che non dimenticherai mai! Oh e cosa hai in mente Danny ragazzo? Ah ah, vuoi scoprirlo? “Sì...” Rispose Jake amorevolmente prima di baciare velocemente Daniel sulla sua guancia, “ma questo può aspettare fino a tardi. Abbiamo davvero bisogno di tornare a casa. I tuoi genitori sono molto preoccupati per te!”. Contemplando nella sua testa, Jake improvvisamente sentì un'ondata di colpa invadere tutto il suo corpo. Si sentiva in colpa non per quello che aveva appena fatto, ma...

435 I più visti

Likes 0

Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla! capitolo 3 «Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. Chi era? Qualcuno che conosciamo? «No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.» «Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi? Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake. Com'è il suo ragazzo? chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile...

307 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.