W & Piccolo D 05

457Report
W & Piccolo D 05

Questo è un libro di 25.000 parole suddiviso in sette capitoli.

AVVERTIMENTO! Tutti i miei scritti sono destinati SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono di fantasia e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Tutti i personaggi coinvolti nell'attività sessuale in questa storia hanno più di 18 anni. Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in qualsiasi stato, provincia, nazione o territorio tribale che proibisce la lettura degli atti raffigurati in queste storie, per favore smetti immediatamente di leggere e spostati in un posto che esista nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia sono consentite, ma solo se nell'articolo sono inclusi il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso. Questa storia è protetta da copyright (c) 2022 di The Technician.

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. È espressamente vietata la produzione di più copie di questa storia su carta, disco o altro formato fisso.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

* * * * * * * * * * * *

CAPITOLO CINQUE

Il Divino Generale Agua Amin

Nonostante la mia promessa a Tat che non sarei stata sola, lo ero. Ero l'unico nella vecchia Range Rover scassata mentre percorrevo la stretta strada polverosa verso New Kakwa, la piccola area posseduta - e chiamata così - dal Divino Generale Agua Amin e dai suoi seguaci. Lo avevo contattato proponendogli di vendergli alcune attrezzature sessuali specializzate o magari di acquistare un nuovo schiavo dal suo inventario. Non era una bella storia di copertina, ma ero conosciuto per entrambe le cose. Ho venduto molte attrezzature sessuali specializzate e occasionalmente acquisto schiavi, anche se ogni schiavo che ho acquistato aveva lo scopo di liberarli o di consegnarli a un padrone o una padrona benevola.

Forse perché il sole era basso e leggermente nei miei occhi, o forse perché avevo guidato tutto il giorno, ma non vidi i soldati finché non spararono diversi colpi con un'arma automatica nella terra davanti alla Rover. Mi sono fermato e ho tenuto le mani salde sul volante anche quando qualcuno ha aperto la portiera di sinistra e ha urlato in inglese: "Sei amico o nemico?"

Sollevai leggermente la mano sinistra e indicai il grande stemma CBE stampato sulla carta attaccata all'angolo del parabrezza. Come il generale originale, questo Amin affermava di essere il “conquistatore dell’Impero britannico”.

"Sono stato invitato dal generale Amin", dissi con calma. Almeno speravo che sembrasse calmo.

"Verrò con te", disse il soldato mentre si sedeva sul sedile del passeggero. Apparentemente era una specie di ufficiale perché la sua uniforme era più pulita e decorata delle altre. Abbaiò un ordine in una lingua che non capivo e gli altri soldati si dissolsero nel verde lungo la strada.

L'alto fogliame scomparve presto e su entrambi i lati della strada si trovarono ora terreni agricoli. Ogni tanto c'erano dei pali pesanti conficcati nel terreno su entrambi i lati della strada, come se una volta ci fosse stato un cancello o qualcosa del genere dall'altra parte della strada. Ogni palo era alto almeno sei piedi e dalla cima dei pali due o tre teschi umani erano appesi a pezzi di filo di recinzione. I teschi sembravano vecchi e segnati dalle intemperie, come se fossero stati lì, o da qualche parte, da molto tempo.

"Avvertenze per trasgressori e invasori", disse l'ufficiale in tono piatto mentre passavamo.

La serie successiva di post non aveva teschi. C'erano invece tre donne nude su ciascun lato della strada, appese con la schiena ai pali. Uno di loro ci chiamava a gran voce per aiutarli. “Per favore aiutateci”, gridò. "Siamo mangiati vivi dagli insetti e dai serpenti."

Mentre ci avvicinavamo, ho potuto vedere l'ufficiale che mi osservava attentamente. Le sei donne non sembravano emaciate e non erano davvero appese alle catene. Invece stavano semplicemente in piedi attorno al palo con le braccia in aria. Non potevano essere lì da molto tempo. Ho lanciato i dadi nella mia testa e ho deciso che questa era una trappola della compassione. Se rallentassi, o mi fermassi per cercare di aiutarli, significherebbe che non avevo il vero cuore duro... o almeno non avevo il cuore duro di un commerciante di schiavi.

Il mio sospetto è stato confermato quando, dopo aver superato le donne, l’ufficiale ha detto: “Lei è un uomo duro, signor W. Il generale sarà molto contento”.

Non gli avevo detto il mio nome, quindi mi aspettavano e la trappola della compassione era stata sicuramente tesa per me.

Rimasi in silenzio mentre proseguivamo lungo la strada. Mentre ci avvicinavamo al complesso recintato c'erano una serie di pali più piccoli lungo la strada con una recinzione di rete tesa tra di loro. Contro la recinzione da un lato mentre ci avvicinavamo al cancello c'erano una dozzina di figure nude. La maggior parte erano maschi, ma tra loro c'erano un paio di femmine. Sembravano tutti come se fossero stati sconfitti, o forse fossero stati i perdenti in una sorta di battaglia. Due degli uomini erano crollati ed erano appesi alle catene.

"Questi sono invasori o nemici del popolo", ha detto rudemente l'ufficiale. Se avessi pensato di poter fare del bene, mi sarei fermato per aiutare questi sfortunati. Evidentemente erano lì da almeno un giorno o due e non sembrava che potessero durare ancora a lungo. Mentre passavo, la figura nuda più vicina al cancello alzò la testa e mi guardò come sotto shock. Era l'agente speciale Anthony Bricker. L'agente Hugo era in piedi accanto a lui. Non alzava la testa, ma il suo corpo a forma di botte era piuttosto caratteristico.

L’ufficiale rise mentre attraversavamo il cancello e disse, ancora ridendo: “Questo è il destino di chiunque si ribelli al Divino Amin”. Poi mi ha indicato di parcheggiare dietro una grande piattaforma rialzata.

Mentre mi fermavo, un uomo di colore di mezza età piuttosto corpulento con un'uniforme elaborata si avvicinò dondolandosi al finestrino aperto della Land Rover. "Benvenuto, W, benvenuto!" disse con entusiasmo tendendogli la mano. "Sei arrivato giusto in tempo per la celebrazione."

Gli ho stretto la mano e poi sono sceso dalla Rover. "Cosa stiamo festeggiando?" chiesi mentre mi affiancavo a lui.

"Stiamo celebrando che i miei compagni dei mi hanno protetto ancora una volta da tutti i miei nemici", ha detto con un grande sorriso. Sembrava felicissimo mentre indicava le figure nude fuori dal cancello e diceva: "Venderò questi invasori come schiavi in ​​qualche posto di merda dove nessuno li troverà mai". Poi ridacchiò sonoramente. Era una vera risatina. Era da molto tempo che non vedevo qualcuno ridacchiare come un bullo del parco giochi che tormentava i bambini più piccoli.

Qualcuno mi mise in mano un bicchiere di qualcosa e io lo sollevai in segno di saluto al Generale, "Così mai agli invasori", dissi mentre sorseggiavo una piccolissima quantità di quel liquido odioso che evidentemente doveva essere un vino di qualche tipo. .

"Vieni, vieni", disse emozionato. "Unisciti a me sulla piattaforma e guarderemo gli schiavi mostrarsi per un possibile acquirente."

Mi guardò e ridacchiò: “Non gonfiarti troppo, W. Questa è solo una prova generale per la mia grande svendita di domani. Domani avrò un centinaio o più di offerenti qui sulla piattaforma ed entro la fine della giornata la mia scorta di schiavi sarà quasi esaurita. Ma in un certo senso, stasera sarà comunque uno spettacolo speciale solo per te.

Mi fece un ampio sorriso e io cercai di ricambiarlo mentre lo seguivo su per i gradini fino alla piattaforma. Il suo trono era almeno trenta centimetri più alto di qualsiasi altra cosa sulla piattaforma, quindi mentre mi sedevo accanto a lui riuscivo a malapena a guardare oltre i braccioli. Questo aveva il vantaggio che non poteva vedere la mia mano destra mentre versavo lentamente un po' di quel terribile vino sul pavimento sotto il suo trono prima di portarmelo alla bocca e far finta di bere. Le guardie che stavano dietro di noi erano molto più interessate a ciò che accadeva intorno a noi... o davanti a noi, quindi l'ho ripetuto con sicurezza più volte fino a quando il bicchiere era quasi mezzo vuoto.

Il generale alzò la mano e la mosse più volte descrivendo un piccolo cerchio, come per segnalare l'avvio di un motore. Quasi immediatamente, un pesante battito di tamburi riempì l'aria e gli schiavi nudi iniziarono ad uscire nella grande area aperta da dietro uno degli edifici ai margini del complesso. C'erano sei colonne di schiavi. Ogni colonna era guidata da un uomo nudo, piuttosto muscoloso, in piedi tra le rotaie di piccole slitte da trascinamento. I loro muscoli si tesero mentre spingevano contro la barra anteriore che attraversava i binari. Su ciascuna delle slitte c'era una piccola pila di blocchi di cemento.

"Schiavi", disse il generale con un sorriso. "... quelli buoni." Fece una pausa e la sua voce cambiò leggermente: "Non portano molti soldi", continuò, "ma la loro vista tiene in riga gli uomini del posto".

Dietro gli schiavi c'erano diverse file di donne nude. La maggior parte di loro erano nativi africani, ma c'erano anche diverse donne dall'aspetto asiatico e due o tre bianchi. I loro corpi erano tutti pesantemente oliati e camminavano in modo molto stilizzato. Le loro mani erano tenute aperte e con il palmo rivolto verso il basso mentre sollevavano le braccia in un movimento ondeggiante, quasi come un serpente, fino a quando non furono dritte dalle loro spalle. Poi l'onda venne ripetuta mentre la mano tornava all'altezza della vita mentre l'altro braccio si muoveva verso l'alto.

Camminavano – o forse saltellavano lentamente sarebbe una descrizione migliore – completamente in punta di piedi, come se indossassero tacchi altissimi, ma erano completamente nudi. Il risultato complessivo somigliava molto a una danza molto sensuale. Forse era una sorta di danza di corteggiamento o di fertilità nella cultura locale. O, più probabilmente, era semplicemente il modo in cui il generale faceva sembrare le donne più attraenti agli occhi degli acquirenti. Mi chiedevo quanto tempo ci volessero gli uomini di Amin per addestrarli a camminare in quel modo... e poi a farlo sincronizzati al ritmo di un tamburo e tra loro.

Gli schiavi impennati si fermarono davanti al trono del Generale. Si voltarono e lo affrontarono. Poi, in perfetta sincronia, hanno fatto scorrere le mani su e giù per il corpo eseguendo spinte pelviche davvero esagerate. Con ogni spinta pelvica, facevano un piccolo salto che allontanava sempre di più i piedi. Dopo pochi minuti, i loro piedi erano ben divaricati e le loro fiche erano spalancate mentre si spingevano in avanti. Ci voleva molta abilità e forza per rimanere in piedi mentre si appoggiavano all'indietro, continuando a spingere, finché non guardavano il cielo.

Il battito dei tamburi cambiò leggermente e loro si alzarono rapidamente, unirono i piedi e si voltarono per allontanare lo sguardo dal Generale. Poi si sono piegati leggermente per spingere in fuori i loro culi e gli hanno offerto una danza di twerking che è stata nuovamente sincronizzata con il battito del tamburo. Dopo alcuni istanti, caddero con le mani sollevate in aria. Twerkavano a tempo con il tamburo mentre ruotavano i loro culi in cerchi nell'aria. Dopo diverse battute, hanno iniziato a eseguire spinte pelviche inverse esagerate. Con i loro culi sollevati in aria mentre twerkavano, sia le loro fiche che i loro boccioli di rosa mi facevano l'occhiolino.

"Cosa ne pensi?" chiese il Generale quasi emozionato.

“Sono impressionanti”, ho detto, e lui ha risposto: “Il meglio deve ancora venire”. Poi aggiunse: “Bevi. Bevi."

Ogni volta che qualcuno mi esorta a bere, divento sospettoso della bevanda. Forse dovrei dire più sospettoso della bevanda. Chi mi conosce sa che sono molto attento a ciò che accetto di mangiare o bere da potenziali avversari... o anche amici.

Portai la bevanda alla bocca e finsi di sorseggiare il vino amaro. Se la batteria non fosse andata in delirio forse avrei dovuto bere un po' di quella roba orribile. Invece il Divino Amin si voltò a guardare i ballerini nudi mentre rimbalzavano su e giù in una sorta di passo frenetico nativo. Continuarono quella danza intensa mentre si muovevano lentamente fuori dal campo aperto e ancora una volta dietro alcuni edifici del complesso.

Mentre se ne andavano, versai con cura quasi tutta la bevanda sul terreno sotto il trono del Generale. Non ho svuotato completamente il bicchiere perché non volevo riempirlo nuovamente. Finché ce n'era un po' dentro potevo far finta di sorseggiarlo. Se fosse vuoto, dovrei ricominciare tutto da capo.

Dopo che i ballerini nudi se ne furono andati, un'unica colonna di uomini dall'aspetto forte che trasportavano cinque gabbie entrò nello spazio aperto davanti alla piattaforma. Le gabbie erano sostenute da lunghi pali e quattro uomini trasportavano ciascuna gabbia. Gli uomini non erano nudi, ma indossavano invece perizomi di pelle di leopardo. Potrebbe essere stato o meno un abbigliamento nativo appropriato, ma a me sembrava uscito da un film sulla giungla di grado B.

In aggiunta all'aspetto cinematografico di tutto, enormi banchi di luci si accesero mentre le gabbie passavano davanti a noi. Le cinque persone nelle gabbie fissavano la piattaforma. Dato che il sole non era ancora tramontato, probabilmente avrebbero potuto vederci. Una volta tramontato il sole, le luci sopra e dietro di noi li accecherebbero e noi non saremmo altro che ombre e sagome.

"I portatori non sono in vendita", disse allegramente il generale. Poi sorrise e aggiunse: "... a meno che il prezzo dell'offerta non sia abbastanza alto". Questo per quanto riguarda la lealtà verso le tue truppe.

Le gabbie erano abbastanza strette da consentire alle donne di stare in piedi. Non ho riconosciuto le prime due donne, ma la terza era Mistress Nora e la quarta era Tatiana. Quando Tat ci passò davanti, rivolse a me – o forse al Generale – uno sguardo di estremo odio. Ho visto la sua testa girare mentre passava e sicuramente stava fissando me o qualcuno direttamente dietro di me.

In piedi nella quinta gabbia c'era la piccola D. Era in piedi, aggrappata alle sbarre anteriori della gabbia con la faccia premuta tra le sbarre. Doveva essere stata drogata perché, a differenza delle altre quattro donne, non sembrava arrabbiata o spaventata. Semmai sembrava eccitata.

Quando la sua gabbia passò davanti al Generale, un'espressione di riconoscimento apparve all'improvviso sul suo viso. Il suo corpo nudo arrossì leggermente e abbassò lo sguardo come se si vergognasse. Qualunque farmaco le avessero dato, era ancora in grado di riconoscermi.

I portatori posizionarono le gabbie in un grande semicerchio davanti alla piattaforma del Generale e seguirono i ballerini dietro gli edifici del complesso. Ognuna delle gabbie era illuminata in modo particolare dalle luci puntate su di esse dalle torri faro dietro di me.

"Vedi qualcosa che ti interessa?" chiese il generale chinandosi leggermente per parlarmi.

Sono rimasto in silenzio. Questa cominciava a sembrare sempre più una trappola molto elaborata.

Batté forte le mani e due uomini un po' obesi, ma dall'aspetto molto forte uscirono e gli si inchinarono. Poi aprirono la prima gabbia e trascinarono fuori la donna nera nuda. Tutto ciò che gli uomini indossavano erano piccolissimi perizomi con stampa leopardata. Mentre la donna lottava contro di loro, i panni furono spazzati via rivelando una cicatrice dall'aspetto brutto... e senza punture o palle. Gli uomini erano veri eunuchi. Dalla forma del corpo, lo erano da molti anni.

“È stata mia moglie... per un po'...” disse compiaciuto il Generale. "Ma mi ha scontentato, quindi deve essere venduta." Lui sorrise e disse: "Ma è un'ottima succhiacazzi, e a voi inglesi sembra che piaccia così tanto."

Cinque uomini in uniforme uscirono e si misero in fila di fronte al generale. Si inchinarono leggermente davanti a lui e poi formarono una fila che portava al punto in cui la donna nuda era tenuta da uno degli eunuchi. L’eunuco gettò la donna a terra e abbaiò un ordine in una lingua che non riconobbi.

"Se capissi lo swahili", spiegò il generale. “Sapresti che le sta ordinando di succhiare i loro cazzi. E se non finisce entro sei minuti, la scoperanno tutti nel culo.

Lui sorrise e disse: “Ha cercato di rifiutarmelo. Ecco perché viene venduta come schiava anale”.

La schiava nuda si inginocchiò davanti al primo soldato e gli aprì rapidamente la cerniera dei pantaloni. Il suo cazzo era già un po' duro quindi lei ebbe un po' di difficoltà a tirarlo fuori dai pantaloni. Lo succhiò immediatamente in bocca e cominciò a dondolarsi su e giù sulla sua asta. Evidentemente il pensiero di farsi succhiare dall'ex moglie del Divino Generale era sufficiente per farlo scoppiare velocissimo.

Non appena eiaculò, lo schiavo nudo non perse tempo e passò all'uomo successivo. Questa volta slacciò velocemente la cintura dell'uomo e gli aprì i pantaloni per tirargli fuori l'uccello. Quest'uomo era totalmente duro e sarebbe stato quasi impossibile far uscire il suo enorme cazzo semplicemente aprendo la cerniera. Lei mise la bocca sulla punta del suo cazzo e cominciò a leccarlo, ma lui si abbassò e le costrinse la testa contro il suo inguine. Ovviamente ha avuto un leggero conato, ma si è ripresa e ha iniziato rapidamente a dondolarsi sull'enorme cazzo.

Potrebbe essere già stato duro, ma non aveva il grilletto come il primo uomo. L'ex moglie dello schiavo iniziò a dondolarsi freneticamente cercando di convincere l'uomo a venire. Alla fine allungò la mano e cominciò ad accarezzargli il sacco delle palle mentre dondolava. Poi le sue dita si spostarono leggermente indietro e premette un dito contro il suo ano raggrinzito. Questo evidentemente ha funzionato e lui è esploso nella sua bocca. La quantità di sperma era impressionante mentre scorreva fuori dalla sua bocca e cominciava a gocciolare dal viso sul seno.

Corse verso il terzo uomo. Ancora una volta, gli aprì i pantaloni per recuperare il suo cazzo. Era anche duro, ma il suo cazzo era tutt'altro che massiccio. Lei si è lanciata su di lui solo una o due volte prima di allontanarsi e lasciare che il suo sperma schizzasse sul suo corpo.

Il quarto uomo stava quasi ridendo, o forse semplicemente la fissava mentre si avvicinava. Gli aprì velocemente i pantaloni e poi sussultò per un momento. La verga dell'uomo era piegata di lato quasi a semicerchio. Evidentemente soffriva della malattia del pene piegato di Peyronie, forse a causa della pratica africana di “spezzare” il pene per far diminuire l'erezione al mattino.

Era ovvio che il cazzo ritorto non si sarebbe adattato facilmente alla sua bocca, quindi lo schiavo iniziò a leccare su e giù l'asta piegata mentre accarezzava lo scroto e il culo dell'uomo. Poi si mosse leggermente per leccargli la punta del pene come se fosse un grosso lecca-lecca. La combinazione di tutto ciò finalmente ebbe l'effetto desiderato e lui schizzò contro il suo viso e la bocca aperta.

Non si è fermata per asciugarsi lo sperma dalle labbra o dal viso, ma invece si è affrettata verso l'ultimo uomo. Stava in silenzio a fissare il cielo. Evidentemente riusciva a distrarsi da ciò che accadeva intorno a lui perché quando lei gli tirò fuori il cazzo dai pantaloni, era ancora flaccido. Lei succhiò il cazzo in bocca e cominciò a muovere la testa in piccoli cerchi mentre succhiava e leccava, sperando di farlo diventare duro.

Il sorriso sul suo viso e il fatto che lei sia passata a scoparsi la faccia sul suo cazzo indicava che c'era riuscita. Il suo uccello rigido, quando potevi vederlo, non sembrava essere eccessivamente massiccio, ma dai movimenti della sua testa e dal fatto che sembrava vomitare più volte, era ovviamente più lungo della maggior parte.

L'eunuco gridò qualcosa e la schiava nuda cominciò a dondolarsi furiosamente. L'uomo stava ancora una volta guardando il cielo. Non le stava rendendo le cose facili. Poi suonò un forte campanello e lui si abbassò e premette il viso dello schiavo contro il suo inguine. Lui emise un lungo e forte gemito poi le tirò via la testa dal suo cazzo e la spinse di lato a terra.

"Purtroppo", disse il generale, "non ha completato il suo compito in sei minuti".

Si rivolse ai soldati e disse ad alta voce: "Potreste prenderla per il culo". Fece una pausa per un momento e poi aggiunse: "... tutto tranne il chiodo piegato". Lui rise leggermente e disse: "La faresti a pezzi e rovineresti il ​​suo prezzo all'asta".

I quattro uomini costrinsero la donna a mettersi su mani e ginocchia e le ripulirono parte dello sperma dal viso e dal corpo per usarlo come lubrificante. Poi tutti e quattro fecero qualche strano movimento con la mano destra. Evidentemente era una forma africana di sasso, carta, forbice perché dopo veniva stabilito l'ordine.

Quello con il cazzo lungo e stretto fu il primo. Forse era meglio per la donna perché l'avrebbe aperta agli altri. Il secondo uomo era quello con il grilletto. Anche esibendosi per la seconda volta, si è scatenato quasi immediatamente. Il terzo uomo era quello con il cazzo sottodimensionato. Questa volta è durato molto più a lungo. Ultimo e sicuramente non meno importante era l'uomo che stava meditando. Sembrava di nuovo distaccato da ciò che stava accadendo davanti a lui. Era già abbastanza duro da penetrarla, ma lei venne aperta abbastanza bene dagli altri tre uomini. Lui si abbassò e l'afferrò per la vita e cominciò a tirarla verso di sé e poi a spingerla via. Per tutto il tempo che faceva questo guardava il cielo. Era quasi come se si stesse masturbando con il suo buco del culo. Andò avanti per molto, molto tempo.

La donna gridava qualcosa nella sua lingua madre. Il generale cominciò a ridere. "Lei lo sta implorando di finire", ha detto. “Sta dicendo che vuole il suo sperma nelle viscere. Lei gli sta dicendo quanto la sta eccitando.

Il volto del generale si fece improvvisamente molto duro. “Tutte bugie”, ha detto. “Odia il sesso anale e ha minacciato di uccidermi se avessi provato a prenderla in quel modo. ME!"

Si alzò e urlò qualcosa che non riuscii a capire. Il soldato però capì e all'improvviso spinse la donna a terra. Poi cominciò a martellarle il culo come un martello pneumatico. Lei urlava a ogni spinta, ma lui la ignorò e continuò ad andare avanti. Dopo solo pochi istanti lui si irrigidì e si tenne stretto contro il suo sedere. Poi si alzò, lasciandola piangere nella polvere.

"Rimettetela nella gabbia", ruggì il Generale. E gli eunuchi la afferrarono e la riportarono nella sua gabbia. Non voleva... o forse non poteva... stare in piedi, così un eunuco allungò la mano attraverso le sbarre per sorreggerla mentre l'altro chiuse a chiave la porta. Poi è crollata di nuovo contro le sbarre.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

FINE DEL CAPITOLO CINQUE

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Storie simili

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

2.1K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2K I più visti

Likes 0

L'ultima speranza bianca (Capitolo 1)

Questa è una storia di fantasia sul diventare presidente del nostro paese. È una sorta di parallelo con la nostra storia e la nostra linea temporale. Il primo capitolo riguarda lo sviluppo del personaggio principale Alcune informazioni di base su di me prima di entrare troppo nella storia. Mi chiamo Stewart Thomas Whitteman. Faccio il mio secondo nome e tutti mi chiamano Tom. Odio il nome Stewart. Era il nome preferito dello zio di mia madre. Sono nato il 5 maggio 1955. Sono alto un metro e ottanta, peso 210 libbre, ho i capelli e gli occhi castani. Mi alleno regolarmente...

1.9K I più visti

Likes 0

Io e il signor Bill! Parte 4: Il vecchio strip club

Parte 4: Io e il signor Bill! Il vecchio strip club Bill ha raccolto il mio vestito e mi ha aiutato ad alzarmi. Penso che una bella doccia calda e un'altra bevanda energetica sia in ordine per te. Disse mentre mi guidava con le mie gambe ancora tremanti sul retro del camion. Lì ha digitato un codice nella porta che ha aperto il retro del camion e siamo entrati nella zona giorno. Mentre mi stavo togliendo gli stivali e le mutandine, Bill ha aperto la doccia per me. Mio, quei ragazzi ti hanno lavorato bene, vero? Certo che l'hanno fatto. È...

1.8K I più visti

Likes 1

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

1.6K I più visti

Likes 0

One Lucky Bastard (modificato e riscritto)

Un fortunato bastardo prt 1 Ciao gente, questa è la mia prima storia. Ho pensato che sarebbe stato bello iniziare a scrivere da una vera prospettiva afroamericana. Dimmi cosa pensi sia positivo che negativo. Inoltre, questa sarà una storia in otto o nove parti, basta guardare i colpi di scena. Devo essere il bastardo più fortunato del mondo. Avevo appena compiuto 18 anni quando ho perso la verginità con una ragazza di 26 anni. Al tempo del mio ultimo anno al liceo, avevo fatto sesso più di 30 volte e avevo imparato a mangiare la figa in modo esperto e sapevo...

1K I più visti

Likes 0

L'estate di Brooke_(1)

Al liceo non sono mai stata la grande star o il pagliaccio della classe, o davvero niente. Sono scivolato nel mezzo in tutto e non sono mai stato notato da nessuno tranne che da alcuni amici. Le donne sono state incluse perché non ho mai avuto una personalità o un corpo di spicco. C'era una ragazza, Brooke, mi sarebbe andato bene coccolarla tanto quanto volevo scoparla. Aveva una personalità elettrica e il corpo da abbinare. In qualche modo abbiamo formato una relazione improbabile, ovviamente essendo io l'idiota che ero volevo ottenere qualcosa di più. Inutile dire che ero in zona amico...

1.1K I più visti

Likes 0

Noemi

L'ho vista per la prima volta mentre tornavo a casa dal lavoro una sera e sono rimasto colpito da quanto fosse bella; alta quanto me con grandi gambe che arrivavano fino al pavimento, un certo qualcosa nel modo in cui camminava che emanava un atteggiamento da non fare prigionieri; capelli corti ma sfacciati del colore di un brillante penny e un viso largo con occhi sapienti verde smeraldo che vedevano tutto. Mentre camminavamo l'uno verso l'altro, la stavo controllando e quegli occhi mi hanno sorpreso a farlo. Le ho fatto i complimenti per il suo aspetto mentre passavamo e lei ha...

985 I più visti

Likes 0

Il mio primo anale

Sapevo che sarebbe stato ancora arrabbiato con me. Ho incontrato il mio ex, Gage, che era il migliore amico di Danny al college, durante la pausa pranzo e abbiamo pranzato insieme. Abbiamo parlato di lavoro, famiglia e passato. Mi ha detto che gli mancavo e mi ha chiesto quando Danny e io ci saremmo lasciati in modo che potesse riavermi. Poi ha continuato a dirmi come invidiava Danny perché Dan ha avuto la mia ciliegia. Gli ho detto quanto amo Danny e che nessuno mi renderebbe felice come Danny. Danny era sempre geloso di Gage, quando Gage aveva me. Gage mi...

946 I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo, la figlia dei tiranni Capitolo 7: Sorella nei ceppi

Il patto del diavolo, La figlia dei tiranni da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Capitolo sette: Sorella nei ceppi Nota: grazie a b0b per la beta che legge questo! Domenica 29 maggio 2072 – Chasity “Chase” Glassner – Sacramento, CA Mi sentivo molto meglio quando mi sono svegliata accanto a suor Stella la mattina dopo, con la luce del sole che entrava dalla nostra finestra. La scorsa notte era stata magica. Non ho resistito alla tentazione di scostarle i capelli biondo chiaro dalla guancia. Mi chinai per accarezzarla e baciarla. Puzzavamo di figa calda, quel meraviglioso muschio d'amore. La mia figa prudeva...

876 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.