Insegnante - 04 Giorno 1 – Pomeriggio a scuola

170Report
Insegnante - 04 Giorno 1 – Pomeriggio a scuola

5----------Pranzo

Finalmente arrivò l'ora di pranzo. Non era previsto che nessuno studente fosse nella sua stanza durante il pranzo. In genere, alcuni pranzavano e poi andavano nella sua stanza per fare i compiti. Laura poteva solo sperare in un pranzo tipico, ma finora "tipico" non era la parola che avrebbe usato per quella giornata.

Si sentì sollevata quando all'inizio del ciclo si ritrovò tutta sola nella sua stanza. Appoggiò il panino sul vassoio del podio e notò il timer. Il timer del periodo mostrava 00:23:55 e il conto alla rovescia e il timer del suo footpad mostrava 00:23:55. Il timer della penalità indicava 00:05:00, contando un minuto per ogni secondo di ritardo! Mentre si affrettava per salire su quella dannata cosa, si ricordò che Mark aveva detto che l'ora del pranzo veniva conteggiata come uno dei periodi cronometrati di cui aveva bisogno per stare in piedi sui poggiapiedi. Dato che era solo un periodo di 25 minuti, aveva solo 1 minuto a disposizione! Quando è arrivata sulla piattaforma in modo che fosse registrata come presente, aveva perso 47 secondi. Ciò significava che non sarebbe stata in grado di vestirsi fino alle 6:47 di mercoledì. Almeno sarebbe stata ancora a casa a quell'ora, ma le ci sarebbero voluti altri 47 minuti per sopportare la sua condanna! Ora doveva restare sul podio per il resto del periodo.

Mentre cercava di riprendere fiato e di calmare i nervi, diversi studenti entrarono nella stanza.

“Wow, signora B., sei esposta quasi quanto lo sono i sei gialli nel cortile sotto la tenda. Pensavo che bastasse essere senza fondo”, ha detto Todd. Todd era uno dei suoi ex studenti. Si presentava raramente durante l'ora di pranzo. Lo seguivano più di una dozzina di ragazzi. Li aveva visti solo in giro per il campus e non era nemmeno sicura della maggior parte dei loro nomi. Si sedettero tutti e sembravano più interessati a guardarla che a fare i compiti.

Si presentarono alcuni altri e presto tutti i posti furono occupati. Una delle studentesse che non conosceva le chiese: "Perché allarghi così tanto la tua figa? Perché indossi un top trasparente che mostra le tue tette?"

“È semplicemente qualcosa che devo indossare oggi. Spero di avere una top migliore domani. Il motivo per cui mi trovo così è perché i poteri forti mi hanno richiesto di stare su questo podio per almeno 24 minuti a periodo e questo è tutto. Non ho scelta. Ora, per favore, siediti."

“Hai delle labbra davvero grandi, signora B. Sono così calde. Mi piacerebbe se avessi le strisce blu. Potrei giocare con le labbra della tua figa; conosci quella signora B?" Era Todd a parlare. Detto questo, si alzò dalla sedia e si fermò solo un piede davanti a lei e si chinò per vedere meglio. Anche se le piacevano la maggior parte dei suoi ex studenti, Todd era uno di quei sapientoni che trovava fastidiosa.

“Todd, per favore! Torna al tuo posto. Non dovresti starmi così vicino. Non è giusto”.

“Oh, andiamo, Ms. B. Sto solo guardando. Il manuale dice che se qualcuno indossa una fascia colorata possiamo avvicinarci quanto vogliamo, purché rispettiamo le regole relative a quel colore, o ci venga concesso il permesso di indossarne di più da parte della persona fasciata. Questo non è un normale orario di lezione, quindi non devo stare al mio posto perché non stai insegnando. Sei solo un vero Green, quindi posso guardare la tua figa quanto voglio finché non ti tocco. Non mi dai il permesso di fare di più, vero?"

“Certo che no. Vorrei davvero che ti allontanassi da me, in effetti."

“Lo pensavo. Ok, non posso toccarti, ma posso comunque farlo. Lui strinse le labbra e soffiò aria sulla sua figa.

La sorprese così tanto che alzò un piede in risposta. Con suo orrore, il timer si fermò per due secondi finché non riuscì a rimettere il piede sul pad. Entrambi i timer per il conto alla rovescia mostravano 11:18 e il conto alla rovescia, ma il timer della penalità ora mostrava 00:47:00. Aveva più che metà del ciclo, ma non abbastanza vicino. "Oh Dio, per favore, non farlo!"

"Cosa intendi? Questo?" Come lo ha fatto di nuovo per un periodo di tempo più lungo. Ha provato a unire le gambe, ma i muscoli non hanno collaborato. Riusciva a unire i piedi solo a metà, poi si spostarono di nuovo verso il bordo esterno.

La maggior parte degli studenti a questo punto si erano alzati e stavano in piedi intorno a lei in cerchio. Notò involontariamente che la maggior parte aveva i pantaloni in tenda a questo punto. Voleva scendere da quel dannato podio e correre e nascondersi, ma il timer era letteralmente lo stesso per il tempo necessario per stare in piedi sui poggiapiedi e per il tempo rimanente nel periodo. Se se la cavasse, non farebbe altro che aggiungere altro tempo alla sua condanna per i Verdi. A peggiorare le cose, gli altri studenti guardavano da vicino la sua figa e cominciavano a fare commenti da soli. "Wow, guarda come le labbra della sua figa stanno diventando ancora più grandi!" “Anche loro stanno diventando lucenti. Sembra che si stia eccitando!

Todd ha detto: "Sì, pensavo che soffiarle addosso in quel modo avrebbe potuto farle avere quella reazione".

“Come facevi a conoscerlo, amico? L'hai già fatto prima?"

Todd ridacchiò: “Ho fatto un po' di pratica in questo. Tieni, guarda questo. Tirò fuori una cannuccia e cominciò a soffiarla direttamente sul clitoride. La risposta è stata immediata. Lei si tirò indietro con i fianchi.

"Oh Dio! Per favore, smettila! Non è giusto”.

“Andiamo Ms. B. Sai che non ti sto toccando, quindi non sto infrangendo alcuna regola. Posso farlo quanto voglio.” Detto questo, le soffiò con forza proprio sul clitoride, facendola oscillare all'indietro nel tentativo di allontanarsi dall'aria aggressiva. "Potresti semplicemente andartene se lo volessi, lo sai."

“No, non posso! Se scendo dai poggiapiedi, aggiungerò tempo alla mia frase.

"Sembra che sia una scelta che hai fatto allora." Soffiò più aria sul suo clitoride facendola sobbalzare di nuovo.

"Wow, quando fa così le sue chiappe si aprono e puoi vedere anche il suo buco del culo!" esclamò uno dei ragazzi dietro di lei.

Todd tirò fuori un'altra cannuccia, gliela porse e disse: "Ecco, prova a soffiarle nel buco del culo con questa."

Non le piaceva la sensazione dell'aria che le soffiava sullo sfintere e scattò di nuovo in avanti. Todd era pronto e le soffiò di nuovo sul clitoride. Soffiò avanti e indietro su di esso e in circolo attorno alla base. Ben presto cominciò a respirare affannosamente. Ogni volta che cercava di tirarsi indietro, quello dietro di lei le soffiava forte sul buco del culo facendola sobbalzare in avanti. Aveva sempre avuto un buco del culo sensibile e non permetteva mai ad Allen di giocare con lei lì.

Quando pensò che stava per raggiungere l'orgasmo, Todd si fermò improvvisamente. Non era sicura se fosse sollevata o delusa.

“Amico, dove hai imparato a farlo? È meraviglioso!" chiesero tutti a Todd.

Si sedette e sorrise. Continuavano a tormentarlo e alla fine lui cedette e raccontò la sua storia.

"L'ho imparato a casa, ragazzi." Questo è stato seguito da "Cosa!" "Non c'è modo!" “Sì, ho imparato tutto a casa. Vedi, vivo con due sorelle e una madre. Mio padre è responsabile della casa. Lo abbiamo votato tutti come numero 1 e ha detto che si sarebbe assicurato che la casa funzionasse senza intoppi. Nella maggior parte dei casi lo fa, ma se qualcuno di noi esce dalla linea, siamo soggetti alla sua scelta di punizione. Dobbiamo tutti indossare questa fascia. Vedi, anch'io ne ho uno, ma per la maggior parte del tempo è grigio opaco. Se infrangiamo una qualsiasi delle regole o prendiamo voti bassi quando torniamo a casa, cambia colore. È impostato per funzionare solo sulla nostra proprietà. Questo a meno che non venga registrata una punizione maggiore classificando i membri della famiglia presso l’H-Central.

"Non c'è modo. Anche tu devi spogliarti? Di fronte a tua madre e alle tue sorelle?»

“È successo solo una volta mentre tornavo a casa tardi la sera di scuola. Ho dovuto girare in mutande per una settimana intera a casa. Anche quando eravamo in compagnia. E sì, avevamo compagnia. I miei cugini erano in città tutta la settimana. Uno di loro veniva punito e doveva trascorrere tutto il tempo come Giallo completo. Era mia cugina maggiore, Amanda. Lei ci era abituata e non ci pensava troppo, ma per me era un inferno. Ogni volta che la vedevo, mi veniva un'erezione ed era impossibile nascondersi quando tutto quello che avevo addosso era biancheria intima bianca e attillata. Tutti hanno riso di me. Ma era impossibile non diventare duro con lei che ostentava il suo corpo come faceva lei. Anche l'ha fatto apposta, stronza. I miei genitori, e anche i suoi genitori, l'hanno incoraggiata a farlo. Tutti pensavano che fosse divertente.

"Sì, ma hai imparato a fare quel trucchetto con le cannucce addosso?"

"No, l'ho imparato con le mie due sorelle e mia madre."

"Cosa, anche tua madre!" "Ehi, sono stato a casa tua, tua madre è fottutamente sexy, così come lo sono entrambe le tue sorelle, quella maggiore e quella minore."

"Lo so. Mi piace quando si mettono nei guai. Papà li ha resi bianchi un paio di volte in modo che potessero indossare solo la biancheria intima, ma non sembrava funzionare. Hanno semplicemente fatto quello che hanno sempre fatto, quindi li rende Gialli ora che sono nei guai. A loro non piace così tanto. Soprattutto quando invita persone del suo lavoro a cena. Devono essere i servitori del pasto.

"Ehi, perché non mi inviti quando vengono puniti?"

“Perché non voglio alcuna vendetta. Tutti dicevano che se avessi avuto degli amici a casa mentre venivano puniti, avrebbero fatto lo stesso per me. Semplicemente non voglio percorrere quella strada.

"E che mi dici di quella storia della paglia?"

“Beh, la prima volta che papà ha regalato a mamma un Giallo, lei ha cercato di nascondersi in camera da letto. Papà si arrabbiò e la fece uscire nel soggiorno. Aveva installato segretamente quattro ganci ad anello negli angoli superiore e inferiore della stanza al centro della stanza. Con l'aiuto mio e delle mie sorelle, legammo tutti le sue mani a quelle superiori e i piedi a quelle inferiori. Doveva stare in mezzo alla stanza come una grande X. Poi, per ulteriore punizione, ha trasformato la sua fascia da Gialla a Gialla con Blu. "

Questo è stato seguito da un coro di: "No merda!" "Sei un idiota bugiardo!" "Stai dicendo che ti era permesso toccarla come volevi?" “Cazzo, tua mamma è sexy! Mi piacerebbe essere lì quando sarà gialla e blu o, meglio ancora, blu a pieno titolo!

“A dire il vero era un po’ troppo. Avevo paura che mio padre mi stesse incastrando. Ma non le mie sorelle, sono intervenute subito e hanno approfittato del suo status. Erano curiosi di sapere come una persona anziana come la mamma si confrontasse con il loro corpo. La toccavano ovunque. Faceva piuttosto caldo da guardare. Alla fine ho ceduto e ho sentito anche lei. È davvero sexy per una persona anziana di 40 anni. Si allena ogni giorno per mantenersi in forma e l'uomo lo dimostra. Non so quante volte noi tre l'abbiamo fatta venire quella notte. Tutto il suo corpo tremava ogni volta. Stava implorando papà di farla finita. Dopo circa un'ora lui cedette e le voltò le spalle al solido Giallo. Però l'ha lasciata dormire così tutta la notte."

"Sì, ma dove hai imparato quella cosa della paglia?"

“Okay, quindi ti ho detto che l'abbiamo fatta venire ripetutamente, perché potevamo. Beh, da allora papà ha fatto lo stesso con entrambe le mie sorelle e mia mamma alcune volte, ma di solito sono gialle solo quando sono nella grande X, come la chiama papà. È lui che ci ha suggerito di essere creativi. Avrei voluto provare a tormentarli con le piume, ma papà ha detto che non era permesso. Venivano toccati da qualcosa che tenevo in mano e che non era permesso. Non era permesso toccarli. Poi mise una scatola di cannucce sul tavolino. Mi ci è voluta un'eternità per capirlo. Tutte e tre le femmine sono state inserite nella X almeno una volta prima che mi venisse l'idea.

Mia sorella minore Chrissy una volta era distesa più del normale. Ho preso una cannuccia e ho pensato di soffiarle in faccia. Questo l'ha fatta arrabbiare. Non c'era niente che potesse fare al riguardo, però. Poi mi è venuta la folle idea di soffiarle sull'ascella. È molto sensibile al solletico, dovrei dire. Ha funzionato. Ha reagito come se le stessi facendo scorrere un dito su e giù sotto l'ascella. Ho chiamato Megan per mostrarle cosa avevo scoperto. All'epoca era arrabbiata con Chrissy per aver preso in prestito dei vestiti senza prima chiedere e pensava che sarebbe stato perfetto per il momento del rimborso. Le abbiamo fatto il solletico con l'aria finché non ha pianto. Era dannatamente divertente. Le abbiamo anche fatto fare la pipì perché rideva tantissimo. È stato bello, ma l'abbiamo cancellato subito perché non volevamo metterci nei guai anche noi. Poi ho avuto un'altra brillante idea. E se usassi l'aria sulla sua figa o sul suo culo? Voglio dire, erano proprio lì, allo scoperto. Il risultato è stato pazzesco. È impazzita. Era come se la stessi toccando con il dito, cosa che avevo fatto alcune volte a quel punto, ma poiché era solo Gialla, non potevo farlo quella volta.

“Davvero puoi giocare con entrambe le tue sorelle e con tua mamma? Giocano anche con te?"

“Nah, sono troppo intelligente per fare casini come fanno loro. Penso che a loro piaccia davvero ed è per questo che fanno cose per le quali hanno bisogno di essere puniti. Non è raro avere in casa almeno un nudo femminile e talvolta tutti e tre. Papà mi ha stabilito come numero 2 in casa quindi, a meno che non dica diversamente, non vengo punito. Come numero 2, posso stabilire punizioni per i numeri 3, mia madre, e per i numeri 4 e 5, le mie sorelle maggiori e minori”.

“È così fottutamente fantastico. Ciò significa che puoi fare tutto ciò che vuoi a ognuno di loro.

“Non proprio, devo giustificare la loro punizione e se non posso, devo prendere il loro posto. So di averli fatti incazzare un sacco di volte. A loro piacerebbe avere la possibilità di potermi vendicare. È molto meglio lasciare che sia papà a impostare la punizione e poi giocare con quello che ha impostato.

“Comunque, è così che ho imparato a usare una cannuccia. Penso che la signora B. si sia calmata un po’ ora, quindi penso che dovrei provare a vedere cosa possiamo fare ora”, ha detto Todd. Prese una cannuccia e si inginocchiò di nuovo davanti a lei. Laura non aveva altra scelta che restare lì. Se avesse sollevato un piede da uno degli assorbenti, avrebbe aggiunto tempo alla sua frase.

Nel giro di un paio di minuti, le fece respirare affannosamente. Era incredibile cosa potesse fare un po' d'aria diretta in un punto sensibile! Ben presto i suoi fianchi cominciarono a muoversi involontariamente da soli. Mentre stava per raggiungere un punto di non ritorno, suonò il campanello. Indicando che l'ora del pranzo era finita. Scese rapidamente dagli assorbenti non appena vide i timer reimpostarsi per la lezione successiva. Si avvicinò alla scrivania e vi appoggiò entrambe le mani per stabilizzarsi. Era inorridita dal fatto di aver quasi sborrato davanti ad almeno 20 studenti. Della maggior parte di loro non conosceva nemmeno i nomi.

6-----------

Quando suonò la seconda campana, si voltò verso la classe di venticinque studenti. Di solito questo era il suo gruppo preferito della giornata. La maggior parte di loro prendeva A nella sua classe. Erano tutti automotivanti e nel complesso ragazzi simpatici. Ogni classe aveva le sue dinamiche e questo era semplicemente un bel gruppo. Ma per quanto le piacesse questo gruppo, ora temeva di insegnargli quel giorno. Si sentiva come se sarebbe stata una delusione per loro a causa del suo status di Verde.

Alla fine si rivolse alla classe. “Ciao classe, mi dispiace per il mio abbigliamento attuale, o per la sua mancanza. Come so tutta la scuola è a conoscenza della mia situazione. Spero che riusciremo a risolvere questo problema in modo professionale. Ci sono domande prima di iniziare la lezione?

Tutti a scuola adesso sapevano perché era una Verde, ma c'erano ancora alcune domande sul perché il suo top fosse così trasparente e così via. Alla fine la lezione iniziò. È rimasta sul podio con le gambe aperte e ha condotto la prima metà della lezione. Quando il timer di 24 minuti raggiunse 0:00, scese. Sul timer della lezione erano ancora le 23:00. Aveva assegnato una serie di domande pratiche al capitolo e tutte sembravano lavorare tranquillamente per conto proprio.

Ne approfittò per sedersi sulla sedia pieghevole e avvicinarsi al tavolo che usava come scrivania nell'angolo anteriore della stanza. Normalmente pianificava e valutava la lezione al tavolo. Questa volta aveva altri pensieri per la testa. Essendo stata portata vicino all'orgasmo diverse volte durante l'ora di pranzo, aveva bisogno di una liberazione. Pensò che con la sedia sollevata così com'era e guardando lontano dagli studenti, era al sicuro. Allungò una mano e iniziò a stimolarsi.

La sua mano si infilò tra le gambe mentre cercava di masturbarsi silenziosamente. Non aveva idea che la vicinanza di lei seduta al tavolo con la sedia accostata attivasse una telecamera remota che era stata montata lì. Non appena si è attivato, ha iniziato a proiettarsi sul monitor della classe da 120 pollici. La fotocamera aveva una piccola luce soffusa e una visione notturna migliorata con risoluzione ad alta definizione.

Allungò entrambe le mani e afferrò una delle sue labbra tra il pollice e l'indice e si pizzicò finché non poté più sopportare il dolore. Poi li allontanò il più possibile. Suo marito, Allen, poteva farlo molto meglio, ma lei ha cercato di imitare quello che ha fatto per eccitarsi. Si morse il labbro inferiore per impedirsi di gridare al dolore provocato dallo stiramento delle sue labbra sensibili. Quando finalmente lasciò andare, infilò l'indice sinistro e il medio nella sua figa il più lontano possibile e li fece oscillare. Usò il pollice per dare un colpetto rude al clitoride. Il mondo della classe scomparve, tutto ciò che contava era il piacere che riusciva a strappare alla sua figa. Non si era nemmeno accorta che l'altra mano si era sollevata e le stava pizzicando i capezzoli attraverso il top sottile facendoli stare eretti. Pizzicava forte un capezzolo e lo faceva rotolare tra il pollice e l'indice e andava avanti e indietro sull'altro. Poi ha abbassato di nuovo la mano destra e mentre tirava fuori le dita dalla figa con una mano, ne ha infilate due con l'altra. Ben presto la sua somministrazione tra le gambe diede i suoi frutti. Raggiunse un climax sconvolgente quando pensò al climax forzato che Allen le aveva fatto avere davanti ai Benson davanti alla loro casa sulla strada.

Si congratulò con se stessa per i suoi sforzi eroici nel non emettere alcun suono. Con un po' di fortuna gli studenti nella stanza non si erano nemmeno accorti di ciò che aveva fatto. Ma cos'era quel suono che sentiva? Le ci volle un momento per rendersi conto che stava applaudendo. Si guardò attorno e si rese conto che nella stanza c'erano altri studenti in piedi in fondo all'aula, e che camminava verso di lei c'era Mark, il vice preside. Stava applaudendo insieme al resto degli studenti. “Ebbene, signora Burk, sembra che ho perso una scommessa. Prima della fine del primo giorno ti stai già masturbando pubblicamente.

"Che cosa? Di cosa stai parlando?"

«Laura, se potessi guardare dall'altra parte, verso il capoclasse. Vedrai di cosa sto parlando. Quando ti sei seduto alla scrivania, si è attivata una telecamera che il Dipartimento H aveva suggerito di montare sotto la scrivania. Mostra tutto ciò che accade sotto la scrivania. La tua, devo dire, esibizione piuttosto lusinghiera è stata proiettata sul monitor dell'aula e sul monitor principale del front office in alta definizione a colori.

“Sì, signorina Burk, mi è davvero piaciuto quando allargavi le labbra della figa e poi giocavi con il clitoride. Allora ci hai davvero infilato le dita. Hai davvero fatto uno spettacolo fantastico. È stato davvero fantastico!” ha detto Chris. Il resto della classe stava parlando di ciò che aveva appena visto da vicino sul grande monitor dell'aula.

"Che cosa! No, no, no! Doveva essere privato! Nascose il viso tra le mani. Sfortunatamente, le sue dita di entrambe le mani erano ancora coperte dei succhi dell'orgasmo. L'atto di scuotere la testa coperta dalle mani le ha spalmato i succhi su tutto il viso.

"SM. Burk, dovresti capire che, in quanto Verde, non hai alcuna privacy in questo momento. Il Dipartimento H ha detto che circa il settanta per cento delle persone condannate a Green si masturberanno in pubblico, quindi non sei fuori linea. Personalmente non pensavo che saresti stato in quella percentuale, ma come ora sappiamo, mi sbagliavo. C'era un pool in ufficio che scommetteva se e quando saresti crollato e ti saresti masturbato in classe. Non sono sicuro di chi abbia vinto, ma so che sei arrivato sicuramente prima di quanto molti pensassero, se lo avessi fatto.

“No, no, no, non può succedere! La mia vita è finita! Nessuno mi rispetterà mai più!”

“Laura, posso assicurarti che, vieni mercoledì prossimo, ammesso che tu rispetti tutte le regole, potrai vestirti normalmente e tutto andrà bene. Nessuno te lo rinfaccerà. Ho pensato che fosse piuttosto carino in realtà. Sono sicuro che sarà un video popolare nella biblioteca.

“Dio no! Per favore cancellalo."

“Per legge non mi è consentito farlo. Sarà nei registri scolastici e chiunque abbia una tessera scolastica e abbia effettuato correttamente l'accesso a un terminale di sicurezza, potrà visualizzarlo. Lo sai. Fa parte dei nostri protocolli di sicurezza. Non preoccuparti, è su un circuito separato senza accesso esterno, quindi non c'è davvero alcun pericolo di essere esposto al resto del mondo. A meno che non vi sia un motivo legale per farne una copia o non si firmi un modulo di consenso, non sono consentite copie.

"Mi vergogno."

«Bene, tutto quello che posso dire è che stai semplicemente scontando una pena di sei giorni come Verde. Mercoledì, salvo proroga, si potrà tornare alla normalità. Altri lo hanno fatto e sono fiducioso che sarai in grado di farlo anche tu. Adesso c'è il campanello, vi suggerisco di rimettervi in ​​sesto. Se non sbaglio, hai un'altra lezione di Algebra.

Laura, con riluttanza, allontanò la sedia dalla scrivania. Il sensore di prossimità notò il cambiamento e la telecamera sotto la scrivania si spense. Solo allora la sua figa scomparve dal grande display dell'aula. Si alzò su gambe instabili e si guardò intorno. Tutte le persone che avevano occupato la sua stanza durante la sua masturbazione pubblica se ne erano andate, o stavano uscendo, per un momento la stanza era vuota. Prima che arrivassero i primi studenti per la sua ultima lezione di matematica, ha spruzzato del deodorante per ambienti nella stanza per rimuovere ogni prova delle sue recenti azioni. Ben presto iniziarono ad arrivare i primi studenti della classe successiva.

7------------

Mentre gli studenti entravano, notò che Albert non aveva i pantaloni. Indossava un cinturino verde e bianco al polso. Ha una maglietta tagliata appena sopra l'ombelico. Aveva le gambe pelose ma solo un po' di pelo sopra o sotto gli slip. Albert era un po' pesante e aveva un po' di pancia, ma non troppo male. Indossava pantaloni bianchi attillati che lasciavano poco all'immaginazione dato che era ovviamente eccitato. Li aveva tirati su come meglio poteva, ma la punta del suo cazzo eretto minacciava di far spuntare fuori la parte superiore delle mutande. Laura rimase colpita, suo malgrado. Deve essere lungo quasi otto pollici. Sembrava di larghezza media ma era di lunghezza impressionante.

Alcuni altri studenti entrarono nella stanza e poi Tony entrò. Anche lui indossava una maglietta tagliata, ma indossava boxer larghi. Come nel caso di Albert, era fin troppo ovvio che Tony fosse eccitato a causa della grande tenda nei suoi slip. Era più difficile stabilire la taglia di Tony, ma dall’apparenza probabilmente era solo poco più piccolo di Albert. Tony era più in forma di Albert e c'era solo un piccolo accenno di addominali scolpiti sul suo addome. Sebbene non fosse estremamente peloso, aveva una linea di capelli che iniziava dall'ombelico e si allargava mentre scompariva negli slip.

Sarebbe stata sicuramente una lezione interessante, pensò Laura. Nessun altro si è presentato con una frase. Quando tutti furono seduti, chiese ad Albert cosa gli stesse succedendo.

"Tony ed io eravamo a casa mia a giocare ai videogiochi e, beh, quando Albert mi ha sparato durante la partita, eravamo nella stessa squadra, vedi, abbiamo iniziato con l'edilizia dura e una cosa tira l'altra e, beh, abbiamo rotto una finestra . I miei genitori erano arrabbiati con noi e chiamarono i genitori di Albert e furono tutti d'accordo sul fatto che avremmo dovuto pagare la finestra perché era colpa nostra. Ma poi i genitori di Albert hanno detto che dovremmo fare di più che pagare semplicemente per aver rotto la finestra e sono tutti d’accordo sul fatto che avremmo perso il diritto di indossare i pantaloni per due giorni”.

“Sì, è stata la mia monellosa sorella a suggerirmelo. Era solo sconvolta dal fatto che, quando ha avuto un’ammaccatura nell’auto di mia madre, ha dovuto andare in giro in mutande per una settimana, per insegnarle a stare più attenta”. Ha detto Alberto. “Va al college comunitario e ha dovuto frequentare tutte le lezioni indossando solo reggiseno e mutandine. Il suo ragazzo pensava che fosse bello, ma lei era davvero incazzata, perché è una stronza.

"Mi dispiace, ragazzi." Laura ha detto.

“Beh, potrebbe andare peggio. Guardati. Devi andare in giro con la figa e il culo all'aperto. Almeno possiamo indossare la biancheria intima. A proposito, signora B., sei sexy. Voglio dire, ho sempre pensato che fossi attraente per una donna anziana... voglio dire, non sei vecchia... voglio dire... scusa. Comunque, ho sempre pensato che fossi carina, ma ora vedendoti così, dannazione, avrò difficoltà a trattenere il mio cazzo dallo squarciarmi le mutande!” Ha detto Tony.

“Questo è abbastanza, Tony. Capisco che sia difficile per tutti noi. Molte ragazze ridacchiarono quando disse forte. “Ragazze, davvero. Crescere."

Albert poi disse: “Sono d'accordo con Tony. Intendo dire tra aver visto Mika in mutande per tutta la settimana, e ora te, e quelli nel cortile, e ho visto Jen poco fa. Sono stato duro tutto il giorno. Essendo io stesso in mutande, non so come riuscirò a superare tutto questo.

"Supereremo tutto questo." Laura ha detto.

“Sì, Alberto. Tu e Tony non avete nulla di cui vergognarvi. Voglio dire, anche voi ragazzi siete piuttosto sexy, lo sapete." Tutti gli occhi si rivolsero all'ultimo oratore. Era Pam. Pam era una ragazza timida e tranquilla. Intelligente e carina, ma raramente parla apertamente, a meno che non venga sollecitata. Pam di solito indossava una camicia con solo il primo bottone slacciato e gonne lunghe che le arrivavano alle caviglie. Oggi non è stato diverso. Sebbene fosse piuttosto carina, la sua timidezza la rendeva l'epitome di un fiore da parete.

Laura alzò un sopracciglio quando guardò Pam. Pam diventò rosso scuro mentre arrossiva, ma non poteva impedire ai suoi occhi di guardare alternativamente l'inguine di Tony e quello di Albert. Sono sempre quelli tranquilli, pensò Laura.

"Vorrei solo poter alleviare un po' lo stress di essere sempre così arrapato." Ha detto Tony. "Intralcia il tentativo di concentrarsi sulla lezione."

"Sono d'accordo." Disse Alberto.

"Bene, non c'è niente da fare al riguardo adesso." Ha detto Laura. "Ci sono altre domande?"

Ormai era diventata una routine. A tutte le domande su come fosse vestita o non vestita è stata data risposta. Alla fine chiese se ce n'erano altri.

Diverse mani si alzarono. “Sì, Arbenita?”

"È vero che ti sei appena masturbato e un primo piano è stato proiettato sul grande monitor nella parte anteriore della stanza e anche nell'ufficio principale?"

Laura si morse il labbro e per prima cosa guardò il pavimento. Dopo un paio di battiti cardiaci, alzò lo sguardo e rispose “Sì, è vero. Non avevo realizzato che una telecamera fosse stata montata sotto la mia scrivania secondo le istruzioni del Dipartimento H. Pensavo di essere al sicuro e inosservato, ma da allora ho imparato che non era così. Mi vergogno che sia successo, ma è vero. Non voglio mentirti. Scopriresti la verità abbastanza presto così com'è. Sì, Sam?"

"Ho sentito che chiunque potrebbe guardare il video se utilizzasse il login della scuola sulla rete di sorveglianza su un computer dedicato. È vero? Proprio come i feed per Thomas, Hector, Maria, Heather e Melanie”

“Non avevo pensato a quegli studenti. Ma sì, è vero. Mi auguro che nessuno ne abbia la necessità, ma fa parte del sistema di sorveglianza scolastica permanente. A proposito, quei cinque sono ancora là fuori?"

“Sì, in qualunque classe si trovino è necessario che vengano proiettati sul monitor dell'aula. L'ultima volta che li ho visti impiegavano molto più tempo per arrivare quasi al punto di raggiungere l'orgasmo. Adesso è proprio come uno stato di perpetua eccitazione”. Ha detto Sara.

“Ho sentito che alle 2:40 rimuoveranno l'attrezzatura di stimolazione e i collari e poi libereranno le loro mani. Allora potranno masturbarsi quanto vorranno. Poi, quando suonerà l’ultima campana, verranno rilasciati”. Ha detto Al.

«Ecco perché dobbiamo far uscire tutti quindici minuti prima per l'assemblea. Tempo fa è arrivata una notifica, ma non si diceva a cosa servisse l'assemblea straordinaria. Immagino che vogliano un vasto pubblico per l'uscita. Ci sono state diverse risatine per il doppio significato di “rilascio”. «Ciò significa che hanno ancora quasi mezz'ora davanti a sé. Quei poveri ragazzi. Ma servono da lezione a tutti gli altri: non imbrogliare i test!”

Mentre parlavano degli studenti nel cortile, le mani di Laura scivolarono lentamente sulla sua figa e lei si strofinò lentamente.

"SM. Burk, hai intenzione di masturbarti di nuovo?" ha chiesto Tammy? "Sembra che tu stia giocando con te stesso in mezzo alla stanza."

Allontanò rapidamente le mani dalla figa. “No, non mi masturberò davanti a te. Avevo solo prurito." Ci furono risatine in tutta la stanza. “NO, non quel tipo di prurito! Smettila." "OK, ora ci sono domande sul TEST di domani?"

C'erano alcune domande e poi ha dato loro il test pratico. Le sue mani tornarono lentamente al suo inguine come se avessero una mente propria.

A causa del rilascio anticipato di 15 minuti dell'ultimo periodo, ha avuto solo 40 minuti nel periodo, non i normali 55. Ciò significa che ha avuto solo 16 minuti fuori dal podio e non i normali 31 minuti. Se ne rese conto, con suo orrore, dopo quasi 18 minuti dall'inizio del periodo. Ciò significava che mancavano solo 22 minuti al termine del periodo. Salì rapidamente sul podio. Quando ha messo i piedi sugli assorbenti, i timer hanno mostrato 21:05 sia per il tempo di lezione che per il conto alla rovescia sul podio. Ma ora il “Tempo aggiunto” mostrava 3:42. Ciò significa che mercoledì ha aggiunto altre 2 ore e 55 minuti al suo tempo. Invece di poter indossare abiti normali alle 6:00, ora non sarebbe in grado di indossare i pantaloni fino alle 9:42! Mercoledì sarebbe dovuta arrivare a scuola senza fondo! Avrebbe dovuto insegnare tutta la prima ora e gran parte della seconda senza fondo! E questo solo se non avesse sbagliato altre volte e avesse avuto più tempo da aggiungere alla sua condanna.

Era così sconvolta che cominciò a piangere mentre stava lì. Diversi studenti le chiesero cosa c'era che non andava, ma lei non riusciva a parlare. Passarono diversi minuti prima che riuscisse a rimettersi in sesto e rispondere a qualsiasi domanda. "Mi dispiace." Alla fine disse. "Sono arrivato tardi sul podio e ora la mia condanna per i Verdi è stata prorogata di quasi tre ore."

Molte ragazze hanno detto che tre ore non sarebbero state nulla dopo sei giorni interi. Poi c'erano alcuni ragazzi e anche un paio di ragazze che dicevano che erano felici di poterla vedere un'ultima volta mercoledì mattina. Ognuno di loro ha affermato di aver apprezzato molto la sua condizione attuale.

Quando tutti ebbero finito il test, fece andare April alla sua scrivania e distribuire la chiave di risposta affinché gli studenti potessero valutare i propri compiti in modo che sapessero per cosa studiare. Quando suonò il campanello, le dispiaceva vedere questo gruppo ben educato andarsene. Ha avuto solo l'assemblea in cortile, la riunione del personale e poi finalmente a casa!

Storie simili

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.7K I più visti

Likes 0

Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore: Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato. Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me...

529 I più visti

Likes 0

Sesso telefonico con Patricia

Mentre di recente guidavo verso la mia prossima destinazione per un viaggio di lavoro, ho pensato alla calda lettera che la mia bellissima moglie aveva inviato alla mia ultima posizione. Mia moglie Patricia è una splendida mora con bellissimi seni 35D, un culo caldo e cosce da abbinare! La lettera diceva: Mio carissimo amante, Sto pensando così tanto a te in questo momento... Mi fanno male i lombi. Ho appena fatto qualcosa di cattivo e sexy... spero ti piaccia! Mi sono rasato TUTTI i peli dalla figa. Oh, piccola! Poi sono andato sotto la doccia e mi sono insaponato. Faceva caldo!!...

411 I più visti

Likes 0

Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla! capitolo 3 «Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. Chi era? Qualcuno che conosciamo? «No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.» «Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi? Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake. Com'è il suo ragazzo? chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile...

307 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

307 I più visti

Likes 0

Primo timer_(0)

**questa è una fantasia. Sì. una fantasia. Uh Huh.** sono andato al Walmart e stavo dando un'occhiata ai nuovi DVD e ai giochi. mentre ero lì un bambino si avvicinò e iniziò a giocare. aveva circa 11 o 12 anni. Non sono sempre attratto dai ragazzi molto più giovani di me, ma questo ragazzo era dannatamente sexy. sembrava un ragazzino skater con i suoi pantaloncini larghi. era un po' più basso di me, biondo con gli occhi castani. mentre lo guardavo continuava ad aggiustarsi l'inguine. stavo diventando duro. Volevo avvicinarmi a lui, ma avevo paura perché era così giovane. guardò oltre...

160 I più visti

Likes 0

Qualcosa in più Parte 2_(1)

Questo è il secondo capitolo di una serie. Assicurati di leggere prima la prima parte! Dopo il disastro con Matt ero indeciso su chi uscire dopo. Volevo ancora un vero uomo dentro di me nonostante quanto fosse brava Tina con il vibratore. D'altra parte, avevo superato la fase passiva e volevo inculare qualcuno. Non mi importava a chi appartenesse... La settimana è volata e ho pensato che sabato sera sarei andato all'Eric's, uno dei miei club preferiti, e avrei incontrato chiunque potessi. A questo punto semplicemente non mi importava. Ero arrapato, i miei ormoni erano in tempesta e non vedevo l'ora...

140 I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

137 I più visti

Likes 0

Casa stregata: parte III

Kelly era andata a trovare sua madre per la settimana, lasciandomi a preparare la casa per i nostri primi ospiti paganti. Per fortuna, la locanda sarebbe stata piena questo fine settimana. Una prenotazione last minute di tutte e cinque le camere da letto al secondo piano garantita da una riunione di famiglia. Mercoledì sera ero riuscito a pulire a fondo la casa, ricordando qualcosa che Kelly e io avevamo lasciato in soffitta. Entrando nella stanza verso il tramonto, ho sentito quel formicolio fin troppo familiare nei miei lombi. Guardando in basso, ho visto il mio pene sollevarsi e irrigidirsi nei boxer...

134 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.