Il pigiama party di mia moglie (parte 1)

469Report
Il pigiama party di mia moglie (parte 1)

Erano trascorse due settimane dall'ora più selvaggia della mia vita. La migliore amica di mia moglie, Melissa, una ragazza bionda della mia altezza con una figura snella, penetranti occhi azzurri e un sorriso di cui mi ero innamorato, e mi ero vista diverse volte in quel periodo di tempo, ma non era successo molto. tra noi di persona, soprattutto perché Natalie, mia moglie, era sempre presente. Avevo ricevuto un unico pompino da Melissa quando lei e io eravamo riusciti a stare un quarto d'ora da soli, e le avevo fatto una bella carezza alla figa durante un film mentre Natalie e il marito di Melissa, Steven, erano seduti proprio accanto a noi, grazie. ad una coperta molto grande che ci copriva tutti e quattro. Come non siamo stati catturati durante QUELLA scappatella, non lo so.

A parte qualche bacio e carezza clandestini, però, questo era il limite del nostro contatto fisico fino a quel momento. Tuttavia, avevamo comunicato quasi costantemente su Facebook e il nostro rapporto si era approfondito in modo significativo. Grazie ai nostri smartphone, condividevamo numerose foto e video tra di noi, molti dei quali senza vestiti, e chattavamo in video il più spesso possibile... praticamente ogni volta che Natalie e Steven non erano presenti. Sebbene queste chat video fossero sempre di nudo, non riguardavano sempre il sesso. Ridevamo e parlavamo di tutto, dai videogiochi al lavoro, fino ai nostri coniugi e alle persone che trovavamo attraenti. La nostra frase segreta, "Devo sistemare le cose su The Sims 3", però, faceva sempre sapere all'altro che eravamo molto arrapati e che ci saremmo masturbati uno di fronte all'altro finché non fossimo venuti entrambi. Melissa e io avevamo preso l'abitudine di lasciare i telefoni accanto ai cuscini ogni notte nel caso arrivasse un messaggio di "Sims 3".

Eravamo entrambi porno-dipendenti e finalmente lo avevamo ammesso a vicenda, e a noi stessi, pochi giorni prima degli eventi che sto per raccontare. Avevamo già condiviso migliaia di foto e dozzine di video tra di noi. Entrambi ci stavamo facendo un'idea di cosa piacesse veramente all'altro quando si trattava di guardare il sesso. Mi piacevano più le cose softcore: le donne che mettevano in mostra il loro corpo, soprattutto nei luoghi pubblici. L’età non contava molto per me, purché le donne non fossero troppo vecchie, e mi piacevano le ragazze con i capelli lunghi in testa e pochi peli sulla fica. I seni potevano avere qualsiasi dimensione, in realtà, purché non fossero troppo grandi, e lo stesso valeva per la forma generale del corpo. Ero semplicemente un amante della bellezza femminile. Mi è piaciuto molto anche guardare le scene lesbiche; più ragazze sono nude, meglio è.

Melissa era molto più interessata alle cose hardcore, specialmente alle orge. Era con me nell'amoroso esibizionismo. Il suo uomo ideale era un ragazzo magro con un pene lungo; ha detto che per lei in realtà era la lunghezza, non la larghezza che contava. Un viso scolpito e addominali le facevano palpitare la figa. Melissa riusciva anche ad apprezzare la bellezza delle altre donne, tanto che per un certo periodo aveva pensato di essere lesbica. Quando le ho chiesto se questo significava che era bisessuale, ha detto che non lo sapeva ma che di certo non le dispiacerebbe scoprirlo.

Ero seduto nudo sul divano, a gambe incrociate, pene solo parzialmente duro, e parlavo con Melissa tramite video chat. Anche la mia ragazza bionda era nuda, con i capelli raccolti in una piccola coda di cavallo, il seno piccolo appena visibile a causa della vicinanza del suo computer. Non eravamo molto arrapati quando ci eravamo messi insieme, ma era tradizione essere nudi quando parlavamo, quindi eccoci lì.

"Quando tornerà Natalie?" chiese Melissa, dando un morso ai cereali. Penseresti che sarebbe strano parlare dei rispettivi coniugi in modo così disinvolto, ma ci eravamo abituati. Nessuno di noi due era disposto ad affrontare la seccatura del divorzio in quel momento ed eravamo perfettamente soddisfatti della nostra relazione attuale, quindi abbiamo pensato perché essere imbarazzati riguardo alle cose?

"Non sono sicuro." Vederla mangiare mi ha fatto ricordare che non avevo ancora fatto lo stesso quel giorno e ho cominciato ad avere fame. “È andata a fare un servizio fotografico con un gruppo di ragazze. Continua a parlare. Vado a prendere qualcosa da mangiare."

"Che merda, Brian, dovresti sapere quando tornerà!" Melissa ridacchiò. Mentre parlava, sono saltato giù dal divano, facendo cadere il portatile all'indietro in modo che lo schermo e la fotocamera fossero puntati verso il soffitto. Ha continuato a parlare mentre prendevo una barretta di cereali. "Voglio dire, e se tornasse e tu fossi seduto lì a parlare con me, nudo?"

"Bene allora," dissi, avvicinandomi al punto in cui potevo stare davanti alla telecamera, dando a Melissa una bella visuale del mio uccello, "farebbe un bello spettacolo." Mi sono masturbato scherzosamente per qualche secondo con la mano che non reggeva la colazione, facendo ridere Melissa così forte che ha sputato un po' di latte e cereali dalla bocca.

"Aspetta", disse mentre iniziavo a muovermi, "continua a farlo. Mi piace davvero quella vista. Penso che comincio a sentire il bisogno di modificare un po' il mio Sims 3."

"Oh, è cosi?"

Ho continuato a masturbarmi per Melissa, iniziando ad andare un po' più lentamente mentre lei spostava indietro il computer con il piede per rivelare il suo intero corpo nudo. Accanto a lei, sul pavimento, c'era una ciotola di cereali e lei ne bevve velocemente il resto del latte, posando con un clangore l'oggetto e il cucchiaio. Allargando le gambe, iniziò a massaggiarsi la vagina. Sapendo quanto mi piacevano le fighe pelate, aveva fatto la ceretta alla sua, quindi era liscia come la seta. Di tutte le migliaia di fighe che avevo visto, poche potevano essere paragonate a quelle di Melissa.

"Oh, Brian, adoro come posso vedere le tue palle rimbalzare da questa angolazione."

"Uno di questi giorni dovrai darmi la stessa visione."

"Non so se potrei... non sono mai venuto in piedi prima." Melissa ridacchiò, facendole tremare un po' il seno, e l'azione mi fece accelerare la sega. “Sai, mi eccita davvero sapere che Natalie potrebbe varcare la soglia da un momento all'altro. Promettimi che le sborrerai addosso se lo farà, okay?"

Ho riso. “Probabilmente urlerei come una ragazzina, a dire il vero. Ma farò del mio meglio per puntare nella sua direzione, lo prometto”.

"Ehi, so qualcosa che ti piacerebbe", disse Melissa, prendendo improvvisamente qualcosa accanto a lei. Era il cucchiaio. Se lo leccò in modo seducente, facendomi ridere, e poi cominciò ad usarlo per giocare con la sua figa.

"Allora, cosa stai aspettando?" Ho chiesto. "Metterlo in!"

In un modo che ho trovato assolutamente adorabile, Melissa ha allungato il collo in modo da poter vedere meglio il suo inguine e ha iniziato con cautela a infilare il manico del cucchiaio dentro di lei. Una volta arrivata dove era ancora visibile solo la ciotola dell'utensile, lei mi guardò con gli occhi spalancati, la bocca aperta in un enorme sorriso.

"Calza!"

Abbiamo riso entrambi e lei ha iniziato a massaggiarsi il clitoride, lasciando il cucchiaio dentro di sé. Le ho quasi chiesto di girare la cosa in modo che l'estremità più grande fosse dentro di lei, ma ho deciso che non volevo avere la sua possibilità di perdere la cosa nella sua figa. Ho aperto la bocca per dirle questo pensiero.

Il mio telefono cominciò a squillare.

"Faresti meglio a rispondere", disse Melissa dopo il secondo squillo. "E poi non dobbiamo fermarci." Lei strizzò l'occhio.

Immaginando che fosse vero, ho preso il telefono, ho visto che era un numero sconosciuto e ho risposto.

"Ciao?" Mentre dicevo questo, Melissa cominciò a gemere forte, cercando di non ridere mentre lo faceva.

"Ciao, Brian?" Era la voce di una giovane donna. Sembrava confusa.

"Sì?"

“Oh, ehi, sì. Questa è Danica. Natalie voleva solo che ti facessi sapere che stiamo arrivando. Sta guidando. Ha esaurito la memoria sulla sua scheda, quindi deve venire a mettere le nostre foto sul suo computer prima di andare al parco per fare il prossimo set.

“OH, BRIAN!!!” Melissa lo disse così forte che Danica non poteva assolutamente sentirlo. Salutai freneticamente lo schermo, ma la mia ragazza nuda iniziò solo a ridacchiare in modo incontrollabile.

"Umm... saremo lì tra circa due minuti", ha detto Danica. Evidentemente stava cercando di non ridere. "Quindi... potresti voler assicurarti di essere presentabile?" Ho sentito le ragazze ridacchiare in sottofondo e Natalie chiedere qualcosa del tipo "cosa avrebbe dovuto significare?"

"Va bene, a presto", dissi, cercando di comportarmi in modo disinvolto.

Mentre riattaccavo, lanciai un'occhiataccia a Melissa. “Quella era Danica! Una delle ragazze, Natalie, sta facendo un servizio fotografico. Saranno tutti qui tra circa due minuti."

Continuò a ridere, ma cominciò a spegnersi. “Non preoccuparti, Brian, non c'è modo che possano provare che stesse succedendo qualcosa. Non sei arrabbiato con me, vero? Mi dispiace."

Ho addolcito il mio viso. «Non potrei mai arrabbiarmi con te, Melissa. Ma devo vestirmi."

"Oh, andiamo... ti sfido a restare nudo." Cominciò a strofinarsi il clitoride più velocemente che poteva. "Sai che gli piacerà."

I miei vestiti erano ammucchiati accanto al divano. Ho iniziato a indossarli mentre parlavo. "Mi arresterebbero!"

"No, non lo faresti... sei nella tua proprietà." Melissa continuò a strofinare, con il cucchiaio che le sporgeva ancora. I suoi seni tremavano al movimento e desideravo fortemente sfogare la mia erezione e continuare a masturbarmi. «Presto, Brian. Quante ragazze ti vedrebbero nudo? Pensare a questo mi eccita così tanto.

«Bene, Natalie. E ci sono Danica, Laurel, Jenny e un paio di altre ragazze che non conosco. Mi sono alzato i pantaloni e li ho allacciati, afferrando la maglietta.

“Sono caldi? Vuoi scoparteli, Brian?"

"Non tanto quanto vorrei scoparti con te in questo momento," ammisi, deglutendo mentre mi infilavo la maglietta dalla testa. Raramente avevo visto Melissa così eccitata. Si stava massaggiando il clitoride così furiosamente che era visibilmente rosso e gonfio. “Danica e Jenny sono attraenti. Laurel non è male. Non conosco le altre ragazze. Penso che i loro nomi siano Ashley e Maddison?"

“Oh, Brian, non chiudere ancora il computer. Continua a parlarmi... Dimmi perché Danica e Jenny sono attraenti. Raccontamelo in modo sporco, Brian.

Guardando la porta e sapendo che le ragazze sarebbero potute arrivare da un momento all'altro, ho esitato. Ma ormai ero completamente vestito e potevo chiudere il computer al primo segno che qualcuno fosse alla porta. Inoltre, amavo Melissa e volevo che venisse. Evidentemente si stava godendo l'emozione di tutto ciò. Tuttavia, non ero sicuro di come dirle quanto fossero attraenti le altre due ragazze... soprattutto non in modo "sporco".

«Danica ha solo diciotto anni, a dire il vero è ancora al liceo, e Jenny ne ha solo diciannove. Sono entrambi piuttosto bassi, soprattutto Jenny. Penso che non sia nemmeno alta un metro e mezzo. Quindi sai cosa significa; Potrei farli letteralmente fregare il mio cazzo. Entrambi hanno i capelli lunghi e castani. Le tette di Jenny sono ENORMI per quanto è piccola e giovane, e anche il rack di Danica è piuttosto carino. Oh, ehi, ti piacerà. Parlando delle tette di Danica. Il primo giorno che è venuta a casa nostra, indossava questa maglietta molto ampia e ha deciso di sdraiarsi un po' sul nostro divano. Quando lo fece, metà del suo seno le cadde dalla maglietta. Non riuscivo a vedere il suo capezzolo, ma era così bello e rotondo che volevo solo avvicinarmi e far cadere il resto. È rimasta lì per circa cinque minuti e io l'ho fissata praticamente per tutto il tempo. Alla fine ha abbassato lo sguardo e ha visto che praticamente mi stava facendo un flash, e SO che poteva dire che l'avevo visto, perché mi ha guardato e mi ha fatto un sorriso "oops" mentre si aggiustava. Mi sono masturbato molto con quel ricordo.

Mentre stavo parlando, Melissa aveva continuato a massaggiarsi, portando una mano al seno destro e stringendolo. La sua bocca era in una piccola "o" di piacere. Sembrava sul punto di venire e ho pensato freneticamente a come avrei potuto superare il limite. Fu allora che sentii un'auto fermarsi nel vialetto.

"Merda! Loro sono qui!" Mi sono avvicinato al computer, ma Melissa ha emesso un grido.

"Aspettare! Indicami fuori dalla finestra! Voglio vederli!"

"Sei pazzo!" ho detto ridendo, ma ho portato velocemente il mio portatile alla finestra e l'ho puntato fuori.

"Ohhh, potrebbero vedermi nudo se solo guardassero." Potevo sentire dei rumori provenienti dagli altoparlanti e, anche se non potevo vedere lo schermo, sapevo che Melissa si stava ancora massaggiando furiosamente e che era estremamente bagnata.

Fuori, sul vialetto, le portiere dell'auto si aprivano e ne uscivano ragazze. Erano tutti vestiti con abiti per il servizio fotografico, tranne Natalie, che era dietro la macchina fotografica, e nessuno di loro guardava da quella parte; parlavano tutti animatamente tra loro come fanno tipicamente le ragazze quando sono in gruppo.

Tuttavia, l'esibizionismo ha funzionato e ho sentito Melissa sussultare e il rumore dello sciabordio si è fermato. Ho girato velocemente il computer per guardare la mia ragazza venire, rendendomi conto che di solito quando vedevo questo ero mezzo fuori di testa dal mio stesso orgasmo o almeno troppo eccitato per apprezzare veramente quello che stavo vedendo.

Le sue gambe si stavano contraendo, così come i muscoli dei glutei, facendola cadere un po' a terra, e il suo viso era completamente rilassato. Il liquido copriva la mano che stava usando per darsi piacere, e il cucchiaio luccicava come se fosse appena stato sotto un rubinetto. Una lucentezza di sudore ricopriva il suo corpo, donandogli una luce morbida e sexy. I suoi seni, i capezzoli duri, si sollevavano mentre inspirava.

La porta sbatté e io mi scrollai dal mio torpore. "Ti amo, Melissa", sussurrai, sperando abbastanza forte da potermi sentire, subito prima di chiudere il portatile

Non troppo presto, perché la porta si spalancò, lasciando entrare Natalie e un flusso di giovani donne. Stavano tutte ridendo e parlando tra loro.

"Sono così stufo di essere fissato, però!" stava dicendo Laurel. Era un po' più alta di Danica, aveva lunghi capelli nerissimi e il seno di gran lunga più grande di tutte le ragazze lì, inclusa mia moglie. A ventun anni era un po’ più paffuta di quello che normalmente vorrei, ma era comunque carina. Il top bianco che indossava era piuttosto attillato, accentuando le sue più grandi qualità. “Voglio dire, SUL SERIO. Le tette non sono tutto, giusto?"

"Per alcuni ragazzi lo sono, però", ha detto una ragazza dai capelli rossi che non conoscevo. Aveva un viso piuttosto caratteristico; Ho pensato subito a Reese Witherspoon quando l'ho vista. Questa ragazza somigliava molto all'attrice, tranne che per il colore dei capelli. Indossava un vestito blu attillato che le faceva sembrare meravigliosi il sedere e il sedere. Appena mi ha visto ha iniziato a ridere, rivolgendosi a me come se già ci conoscessimo. "Scusa, Brian, chiacchiere da ragazza."

"Meh, ci è abituato, Ashley", disse Danica, lasciandosi cadere sul divano in modo che il suo petto rimbalzasse all'interno del vestito rosso estremamente attillato che indossava. "Non è la prima volta che io e Laurel parliamo di tette davanti a lui."

Questo era vero. Era il motivo per cui una volta avevo sentito Laurel dire a mia moglie quanto le piacevo. Aveva detto che si sentiva a suo agio nel parlare di qualsiasi cosa con me, quasi come se fossi "una delle ragazze". Non ero sicuro di come prenderlo, ma se ciò significasse che si sentivano a proprio agio nel parlare del loro corpo di fronte a me, ci avrei convissuto.

"Non c'è niente di sbagliato in delle belle tette!" disse Jenny, ridendo e sedendosi accanto a Danica. Indossava un vestito verde senza spalline, ma sotto aveva una maglietta.

L'ultima ragazza, che doveva essere Maddison, era ovviamente l'emarginata del gruppo. Era più alta di me, aveva i capelli scuri che le scendevano fino al mento, era piuttosto paffuta ed era un po' banale. Inoltre non sembrava così felice o energica come i suoi amici, ma venne e si sedette su una delle nostre sedie e osservò lo svolgersi della conversazione. Natalie, nel frattempo, aveva preso il suo portatile, si era seduta sul divano ed era impegnata a trasferire le foto dalla sua scheda di memoria al computer mentre le ragazze continuavano a parlare. Mi sono semplicemente seduta sul pavimento e ho ascoltato, godendomi l'energia e la bellezza provenienti da queste giovani donne. Il mio pene pulsava ancora dopo aver visto Melissa masturbarsi fino all'orgasmo solo pochi minuti prima, e avere così tante belle ragazze intorno mi teneva eccitato. Perfino l'aria odorava di ragazze; Potrei rilevare almeno due diversi tipi di profumo.

"Immagino che le tette vadano bene," ammise Laurel, sedendosi sul pavimento e mostrando più gambe di quanto probabilmente avrebbe fatto se ci fosse stato un giovane idoneo. "Ma nessuno di voi capisce cosa vuol dire avere... QUESTI." Indicò il suo petto. “Voglio dire, OGNI ragazzo li fissa. E sono IMPOSSIBILI da nascondere. Ogni volta che mi chino, mi chiedo se sto dando uno spettacolo.

"Allora dai uno spettacolo!" Ashley disse: “Lasciateli volare! Non è necessario nasconderli. Tesoro, se avessi quelle tette, le agiterei affinché TUTTI le vedano. Lei è arrossita e ha guardato verso di me, ma nessuna delle altre ragazze mi ha degnato di uno sguardo, quindi si è limitata a guardare Laurel, ridacchiando con tutti gli altri.

"Sappiamo tutti che molto è vero", ha detto Danica ad Ashley, lanciandomi un'occhiata e poi distogliendo di nuovo rapidamente lo sguardo. Questa affermazione ha fatto ridere tutti tranne me, anche Natalie.

"Ehi, ragazzi, volete vedere queste foto?" disse all'improvviso Natalie, e in pochi secondi le ragazze si accalcarono attorno a mia moglie, guardando il suo schermo.

Naturalmente sarebbe stato strano per me affollarmi tra loro, quindi sono rimasto sul pavimento a guardare. Laurel si stava chinando proprio davanti al mio viso, a pochi metri di distanza, offrendomi un'ottima visuale del suo sedere piuttosto grosso. Ashley si stava chinando dal lato opposto del divano e aveva iniziato con la mano fino alla parte superiore del vestito per evitare di mostrare la scollatura. Ma ogni volta che indicava un'immagine sullo schermo di Natalie, la lasciava andare, rivelando la parte superiore del suo seno coperta di lentiggini, poi alzava di nuovo la mano, finché alla fine si arrendeva e lasciava la mano appoggiata sul bracciolo del divano. . Anche il vestito alto fino alla coscia di Danica mi distraeva, mentre continuava ad accavallare e sciogliere le gambe mentre era seduta sul divano. Sfortunatamente, ero dall'angolazione sbagliata per vedere qualcosa, ma comunque... tutto questo è servito a tenermi davvero molto eccitato.

Le ragazze scherzavano sulle loro foto e io praticamente ignoravo quello che dicevano, godendomi semplicemente il panorama. Uno scambio, però, ha attirato la mia attenzione.

"Oh no, eccoli che arrivano", disse Jenny, mettendosi le mani sugli occhi e ridendo.

“Ohhh! Eccola!" Ashley disse ridendo. Ammetto che la stavo osservando molto, perché la vista della sua scollatura era incredibile, SOPRATTUTTO quando rideva. “Ahi ahi, ragazza! Toglilo!”

"Oh mio Dio", disse Jenny, arrossendo. “Come se avessi un po' di spazio per parlare! Guarda quello!"

Anche Ashley arrossì e crollò a terra, ridacchiando, mentre uno dei suoi seni si avvicinava pericolosamente al punto di scappare. All'improvviso, il resto delle ragazze scoppiò a ridere per ciò che videro, arrossendo tutte furiosamente, anche Maddison.

"DEVI promettere di cancellare queste foto, Natalie", disse Laurel, asciugandosi gli occhi.

"Sì, penso che ti uccideremmo tutti se questi venissero fuori", concordò Danica.

Ashley si è rialzata abbastanza a lungo per vedere le foto che le altre ragazze avevano visto e poi ha avuto un'altra risata sul pavimento, regalandomi alcune viste più eccellenti della sua scollatura. Il mio pene duro ora dava una leggera forma a tenda all'altezza del mio inguine. Mi stava dicendo di andare a vedere le foto in questione, ma sapevo che in quel momento non sarebbe stato saggio.

"Non preoccuparti", ha detto mia moglie, "li eliminerò una volta scaricato tutto".

"Ma ehi, almeno sappiamo tutti che anche noi potremmo essere QUEL tipo di modello", ha detto Maddison a bassa voce, e tutti hanno riso solo un po'. Sì, era decisamente quella strana.

"Oh mio Dio", dissero tutti all'unisono, scoppiando a ridere quando un'altra serie di foto apparve sullo schermo.

Questo genere di cose andò avanti per un po'. Una volta, Danica mi guardò e i suoi occhi si abbassarono brevemente, notando ovviamente il rigonfiamento all'altezza del mio inguine. Ridacchiando, mi guardò di nuovo negli occhi e disse: "Non preoccuparti, Brian, davvero NON vuoi vedere queste foto". Naturalmente, questo mi ha fatto venire voglia di vederli ancora DI PIÙ.

Alla fine le risate si spensero e le ragazze iniziarono a dire di nuovo quanto fossero carine. Una volta che tutti ebbero bevuto qualcosa, iniziarono ad uscire dalla porta, mentre Natalie parlava mentre andava.

«Probabilmente torneremo tra un paio d'ore, tesoro. Gireremo in un altro posto. Chiama se hai bisogno di qualcosa! Ti amo Ciao!"

"Ti amo, Brian!" tutte le altre ragazze, tranne Maddison, la presero in giro, ridacchiando mentre se ne andavano.

Quando li ho sentiti salire in macchina e allontanarsi, ho discusso. Volevo davvero raccontare a Melissa l'esperienza che avevo appena avuto e strapparmela davanti a lei. Ma l’esperienza non era necessariamente completa, vero? Natalie aveva cancellato quelle foto? Se no, cosa hanno mostrato?

Ho aperto rapidamente il computer di mia moglie, ho digitato la sua password ridicolmente semplice e ho iniziato a cercare nei suoi file. Ho trovato senza difficoltà le foto della giornata e ho cominciato a scorrerle velocemente, alla ricerca di qualcosa fuori dall’ordinario.

Le ragazze erano davvero molto fotogeniche, tranne Maddison, che aveva pochissime foto in primo luogo. Mi sono sentito male per lei. La maggior parte degli scatti erano assoli, molti dei quali ravvicinati al viso della ragazza, ma alcuni riguardavano più ragazze contemporaneamente. Nessuno di loro sembrava troppo….

E poi l'ho visto.

La prima indicazione di qualcosa fuori dall'ordinario è stata una ripresa di Jenny che cercava goffamente di togliersi la maglietta da sotto il vestito senza spalline che indossava. Ovviamente voleva qualche scatto di se stessa senza maglietta. C'erano alcuni scatti di questo, con lei che rideva, ovviamente non riuscendo a togliere la maglietta dal vestito per qualche motivo. Poi ci sono stati un paio di scatti con Ashley nell'inquadratura, che cercava di aiutare, entrambe le ragazze ridevano.

Quando ti dirò cosa ho visto dopo, tieni presente che si trovavano in un vecchio tribunale aperto al pubblico; chiunque avrebbe potuto vedere cosa è successo. L'inquadratura successiva era di Jenny che buttava giù il vestito e metteva in mostra la sua maglietta. Lo scatto seguente la mostrava mentre si toglieva la maglietta, la cosa che le copriva la testa.

Non aveva il reggiseno sotto.

I suoi seni erano piuttosto belli, anche se uno era notevolmente più grande dell'altro. Aveva i segni dell'abbronzatura che indicavano che si era abbronzata di recente con un bikini, e il suo seno era piuttosto pallido, tranne i capezzoli, che in confronto sembravano molto scuri. Ashley era in questo scatto, indicava, con la mano sulla bocca, ridendo istericamente.

Lo scatto successivo mostrava Jenny, i capelli crespi a causa dell'elettricità statica, uno sguardo a metà tra trionfo e vertigine sul viso, ancora in topless, con il piede sulla maglietta come se l'avesse conquistata. Poi la vidi aggiustarsi il vestito in modo da coprirsi, e finalmente arrossì.

Ero molto consapevole del mio pene duro contro il fondo del portatile e ho iniziato ad accarezzarmelo attraverso i pantaloni. Jenny era il mio tipo di ragazza.

Anche Ashley lo era, a quanto pare. Dopo alcuni scatti di Jenny, che ora mostrava le spalle nude e sexy nel suo vestito, improvvisamente c'era una foto di Ashley, che ovviamente si stava prendendo gioco di ciò che Jenny aveva fatto prima. Ho sbattuto le palpebre e ho iniziato a strofinare il mio pene più velocemente.

La ragazza aveva abbassato il busto del vestito blu per rivelare il seno. Stavano schiacciando fuori dall'alto, i capezzoli rossi, le lentiggini dappertutto. Aveva un'espressione fintamente sexy sul viso. Le foto successive la ritraevano mentre faceva questo, avvicinandosi a ciascuno dei suoi amici e agitando il petto verso di loro in modo beffardo. Ognuno rideva istericamente.

La serie successiva di foto sembrava più organizzata e sembrava essere scattata in un'area più appartata. Hanno mostrato tutte e cinque le ragazze chinarsi verso la telecamera e sorridere, facendo del loro meglio per mostrare il più possibile il loro seno. Le tette di Jenny erano completamente fuori, così come quelle di Ashley. Potevo vedere la parte superiore dei capezzoli di Danica, e probabilmente avrei potuto vedere di più anche quelli di Maddison, ma le sue mani erano d'intralcio. Entrambe le ragazze avevano seni ben proporzionati, ma mentre quello di Danica aveva una bella scollatura, quelli di Maddison erano un po' troppo distanziati l'uno dall'altro. Sfortunatamente, la parte superiore di Laurel è arrivata piuttosto in alto e ho potuto vedere solo la parte superiore del suo seno. Gli scatti successivi mostravano varie versioni di questa posa.

Successivamente, Natalie è tornata indietro e ha scattato foto dei sederi delle ragazze. Hanno iniziato coperti, ma non appena la telecamera ha scattato, hanno alzato i vestiti per mostrare la biancheria intima. Danica e Ashley indossavano entrambe mutandine rosse, il resto bianche. Le ultime foto di gruppo mostravano le ragazze che guardavano la macchina fotografica, con le mutandine abbassate fino alle ginocchia. Il grande posteriore di Laurel era piuttosto rotondo, e quello di Maddison era sorprendentemente ben fatto, così come quello di Danica. Sia Ashley che Jenny avevano pochissimi fianchi. Nell'ultimo di questo set, sono rimasto sorpreso nel vedere che Danica aveva allargato un po' le gambe, forse involontariamente. Ho ingrandito e in effetti ho visto un piccolo frammento della sua figa un po' pelosa.

Le ultime foto audaci erano di Danica e Laurel, e sono arrivate solo dopo aver scorso diverse centinaia di foto normali. Danica era dietro Laurel e sembrava che stessero semplicemente scattando foto normali finché una foto improvvisamente non ha visto Danica afferrare il seno di Laurel. Non sono sicuro che fosse falso, ma Laurel sembrava sicuramente sorpresa. Tuttavia, ce n’erano molti altri di questi scatti, e c’era qualcosa negli occhi delle due ragazze che mi faceva pensare che forse il contatto era stato qualcosa di più che un semplice scherzo.

A questo punto, il mio pene stava cominciando a farmi male perché lo sfregavo attraverso i pantaloni, ed erano passati circa trenta minuti. Ho ricominciato a scorrere le foto, selezionando tutte le mie preferite e inserendole in un file zip in modo da potermele inviare via email. Dopo averlo fatto e aver cancellato le mie prove dal computer di mia moglie, l'ho chiuso e ho aperto il mio.

Il programma di videochat era ancora aperto da quando stavo parlando con Melissa e mi sono reso conto che non le avevo ancora detto tutto questo. Anche lei vorrebbe vedere le foto. Stavo per aprire Facebook quando il mio telefono ha cominciato a squillare.

"Ehi, Brian." Era Natalie. “Ti dispiacerebbe se le ragazze rimanessero per la notte? Vogliamo cenare, giocare a qualche gioco e cose del genere e poi fare un'altra ripresa domattina come prima cosa.

"No, non mi dispiacerebbe." E non lo farei, per niente. Avevo visto alcune foto molto intime di queste ragazze ed ero molto disposto a trascorrere più tempo con loro.

"Grazie Tesoro! Ti dispiace mettere quelle lasagne in forno tra circa un'ora?"

Ho accettato e abbiamo riattaccato. Si scopre che avevo già ricevuto un messaggio da Melissa su Facebook quando l'ho aperto.

"OH. Mio. CIELI. È stato uno dei MIGLIORI che abbia mai avuto, Brian. Ti devo un grosso debito. Ancora nel bagliore successivo. Hahaha…"

Mostrava che Melissa era disponibile, quindi le ho scritto.

"Ciao, come va?" Questa era la nostra frase che chiedeva "Ehi, tuo marito/moglie ti sta guardando alle spalle in questo momento?" Ho aspettato solo pochi secondi per la risposta.

"Cosa ti ha fatto perdere così tanto tempo??? Voglio lasciarmi fregare SUBITO!!! Per favore, vieni qui??"

“Vorrei poterlo fare, ma sono bloccato. Non crederai mai a quello che è appena successo!”

Quindi le ho raccontato tutto. Le ho raccontato delle ragazze che tornavano a casa, delle foto e di come fossi pronto a venire da un momento all'altro.

Melissa faceva commenti educati di tanto in tanto, ma non rispondeva veramente finché non avevo finito. “Porca miseria, Brian, sei FORTUNATO. Mi manderai queste foto, vero? HO BISOGNO di vederli... ahahah."

"Ovviamente. Proprio adesso, in realtà. Ehi, dimmi se vedi la figa di Danica nell'ultima inquadratura in cui si chinano.

Si scopre che potrebbe. Steven è uscito per andare al lavoro qualche minuto dopo, quindi ci siamo spogliati e siamo entrati di nuovo nella chat video. Melissa aveva ancora i capelli raccolti in una piccola coda di cavallo.

"Mostrami il tuo cazzo", è stata la prima cosa che ha detto dopo che ci siamo salutati. Ho inclinato la telecamera verso il mio membro palpitante e lei ha riso battendo le mani. “È così rosso. Te ne sei fregato, cattivo, cattivo ragazzo!

"Bene, sì."

"Quindi quelle ragazze resteranno qui per la notte?"

"Sì", ho detto, riportando la telecamera al punto in cui ci stavamo guardando. Ho anche ricominciato a strofinarmi il pene. Vedere Melissa nuda mi ha fatto davvero venire voglia di fare sesso.

"Vuoi passare una notte pazzesca?" chiese, con un'espressione carina e maliziosa sul viso. "Ho qualche idea."

“E voglio davvero ascoltarli, ma prima devo VERAMENTE regolare le impostazioni di Sims 3. Per favore?"

Melissa si portò un dito alle labbra come se stesse pensando e canticchiò. “Hmmm... No. Penso che dovresti restare eccitato, Brian. Se vieni potresti decidere di non fare quello che sto per sfidarti a fare."

Quindi ho ascoltato le sue idee e ho deciso che aveva ragione. A meno che non fossi arrapato, non li farei mai.

Un paio d'ore dopo, il profumo delle lasagne riempì la nostra casa. Avevo terminato la mia chiacchierata con Melissa qualche tempo prima, quando Steven era tornato a casa presto, quasi sbattendola nuda sul pavimento del soggiorno. Le ragazze tornarono a casa, affamate e non così energiche come prima. Guardando indietro, sono abbastanza sicuro che fossero così energici la prima volta a causa del loro esibizionismo. Più tardi, controllavo se era successo qualcosa del genere durante il secondo giro e niente si avvicinava.

Cenammo e poi le ragazze iniziarono a cambiarsi, una dopo l'altra, dai loro vestiti a quello che sarebbe passato per i loro pigiami improvvisati; le mie magliette e i pantaloni della tuta di Natalie. A causa di come erano fatti i loro vestiti, solo Maddison e Laurel avevano dei reggiseni con sé. Si è discusso della taglia del reggiseno mentre le ragazze cercavano di vedere se i reggiseni di Natalie sarebbero andati bene a qualcuna di loro. Si scopre che non c'è nessuno, tranne mia moglie, che era una coppa C. Danica e Ashley erano entrambe B e Jenny una D. Ho anche scoperto che Laurel indossava una tripla D e Maddison sosteneva che indossava solo una A. Tutte le ragazze dicevano che se fosse stato così avrebbe dovuto iniziare a comprare reggiseni più grandi.

È stato molto divertente guardare Danica, Ashley e Jenny dondolarsi sotto le mie magliette. Danica era particolarmente divertente da guardare, dato che indossava una maglietta bianca e aveva deciso di farsi una doccia. L'indumento aderiva ad ogni curva, rendendo i suoi capezzoli ben visibili.

Dopodiché abbiamo giocato a bowling sulla Wii. La mancanza di reggiseni su tre delle ragazze presenti ha reso questo gioco molto divertente per me.

Alla fine abbiamo messo un film e le ragazze hanno reclamato il loro posto per la serata. Danica era sul divano, con le gambe sopra di me e Natalie mentre finivamo il film. Non sono sicuro che lo sapesse, ma il suo polpaccio era appoggiato proprio sul mio sacco a pelo. Laurel era sul pavimento sotto di lei. Ashley, Jenny e Maddison giacevano in fila proprio davanti, di fronte alla TV. Tutti avevano coperte e cuscini.

Quando il film finì, decisero di mettere su un film per ragazze e cominciarono ad addormentarsi. Alla fine, io e Natalie ci tirammo fuori da sotto le gambe di Danica e ci dirigemmo verso il nostro letto, dove ci spogliammo e andammo a letto anche noi.

Io, tuttavia, non mi sono addormentato.

Strofinandomi il pene di tanto in tanto, mantenendo nella mia testa le immagini delle ragazze parzialmente vestite nel mio soggiorno, rimanevo eccitato. Alla fine, ho potuto dire che Natalie stava dormendo. Mi sono avvicinato al punto in cui il mio telefono era collegato al muro e l'ho afferrato.

Era l'una del mattino. Questo sarebbe il momento migliore per soddisfare la sfida di Melissa.

Stando più silenziosamente possibile, mi alzai dal letto e mi tolsi l'unica cosa che mi era rimasta addosso: la biancheria intima. Il mio pene si è alzato dritto e l'ho pompato alcune volte per buona misura. Prendendo gli occhiali e tenendo in mano il telefono, sono uscita verso il soggiorno, completamente nuda.

Tremando, quasi incapace di credere a quello che stavo facendo, andai avanti, ascoltando il suono del respiro delle ragazze. Il nostro frigorifero aveva una luce vicino al distributore di ghiaccio, quindi in realtà c'era un bel po' di visibilità. Se qualcuna delle ragazze fosse ancora sveglia e guardasse da queste parti, o se qualcuna di loro si svegliasse, sarei fritto. A meno che non si siano lamentati di ciò che hanno visto, il che era molto improbabile. Anche se non sono un ragazzo dall'aspetto male, dopo tutto ero il marito del loro amico.

Ho acceso il videoregistratore del mio telefono, ho fatto una volta sul mio corpo per dimostrare che ero nudo, ho fatto un respiro profondo, ho l'occhiolino alla telecamera e ho continuato a camminare.

In pochi secondi ero in piedi su Ashley. Era sdraiata su un fianco, di fronte a me, bocca leggermente aperta, il suo respiro che arrivava profondamente e forte. Mi sono inginocchiato, il cuore mi batteva e mi chiedevo come avrei fatto questo. Sia dal punto di vista, ho toccato il braccio della testa rossa addormentata. Non si è mossa. L'ho raccolto e l'ho spostato sul suo fianco, rivelando che il suo seno destro era a metà della cima della mia maglietta. Vedendo questo indurito sia il mio pene che la mia determinazione, quindi ho allungato la mano con le dita molto, molto delicate e ho spazzolato la carne le lentiggosa del petto. Ashley non ha cambiato il respiro. Assicurandoti che il mio telefono stesse catturando tutto questo, ho tirato giù il tessuto della mia maglietta dal suo seno il più delicatamente possibile, rivelando centimetro dopo centimetro di bella carne. Alla fine, sono arrivato dove ho potuto vedere l'areola e ho continuato ad andare fino a quando il suo intero seno non è stato esposto. Attrezzando il suo capezzolo con il pollice, sono quasi andato alla ragazza successiva e poi ho deciso di fare un ulteriore passo avanti. In ginocchio il più vicino possibile a lei, ho piegato il mio pene verso il seno e l'ho accarezzato con la mia punta, lasciando il pre-cum sulla carne morbida della ragazza.

Ashley gemette e si allungò, facendomi cadere all'indietro al terrore, atterrando sul mio sedere nudo. Non si è svegliata, comunque. Invece, finì sulla schiena, il seno era ancora esposto.

Mi sono seduto e ho guardato quel seno pre-cum per molto tempo, chiedendomi se la ragazza stesse per svegliarsi e chiedendomi se avrei dovuto chiamarlo. Ma non l'ho fatto.

Scuotendo e deglutindo, mi alzai e camminai verso dove Jenny giaceva tra Ashley e Maddison. Si sdraiava sulla pancia, rendendo impossibile qualsiasi tipo di seno. Ma c'era ancora un po 'di divertimento qui. Sia dal punto di vista con cautela, assicurandomi di non toccarla o della ragazza ai lati, l'ho cavalcata proprio sotto dove si trovava il suo sedere. Ho toccato la sua parte per testare la sua reazione, ma era anche abbastanza fuori. Allontanandomi con la mano che non teneva il telefono, le ho toccato il sedere. Ancora niente. Ho quindi iniziato a far scivolare i pantaloni della tuta di Natalie dalla sua parte posteriore, millimetro di millimetro.

All'improvviso si gemette e si voltò, la sua coscia si sfiorava contro la mia gamba nuda. Mi sono congelato con orrore, rendendomi conto che stavo cavalcando questa piccola ragazza diciannovenne, completamente nuda. Jenny aprì gli occhi per un secondo, mi guardò e poi li chiuse, chiaramente ignari.

Questo avrebbe dovuto essere il mio indizio che era troppo leggera da un dormiente per continuare a provare, ma volevo continuare. C'era un brivido coinvolto qui. Quando si era girata, aveva rivelato una grande quantità di pelle sulla sua pancia sottile. Il fondo della mia maglietta era solo a circa tre pollici dal suo seno. Ho preso la camicia e l'ho spinta lentamente. Questa volta, Jenny non si muoveva se non per respirare. Alla fine avevo scoperto entrambi i seni e ho fatto loro quello che avevo fatto da Ashley. Ho lasciato un po 'di dribbling di pre-cum su ciascuno, mantenendo il seno esposto all'aria.

In piedi, mi sono allontanato da Jenny e ho cercato di decidere cosa, o chi - di fare dopo. Maddison avrebbe senso con la normale progressione, ma non ero sicuro di come andare con lei; Ero abbastanza sicuro che avesse ancora un reggiseno e ora ero decisamente in vena.

Così, sono andato a Danica, che stava sdraiando sul divano. Era dalla sua parte, mostrava già una buona dose di scollatura, abbastanza simile a quando avevo visto il suo seno il primo giorno che l'avevo incontrata. Di tutte le ragazze qui, volevo davvero fare sesso con Danica-dopo tutto era una scuola superiore-quindi penso di aver perso un po 'di autocontrollo. Senza molto preambolo, ho bloccato la mano sulla maglietta di Danica e ho tentato il seno. Non si è nemmeno mossa mentre l'ho fatto per due minuti, anche diventando abbastanza coraggioso da modificare i capezzoli. Sapevo dalle conversazioni passate che dormiva come i morti. Fortunatamente, questo si è rivelato vero.

Quando finalmente avevo avuto il mio riempimento e ho iniziato a rendersi conto di quanto fosse stupido, ho deciso di lasciare il mio biglietto da visita pre-cum da qualche altra parte. Mi sono sporcato in avanti, attento a non calpestare Laurel e ho bloccato la punta del mio pene sulle labbra leggermente divise della ragazza. Una sorta di reazione automatica è entrata e Danica si è increspata, baciandomi. Mentre si leccava inconsciamente il liquido dalle labbra, ho resistito all'impulso di spingermi il cazzo in bocca e ho fatto un passo indietro.

Laurel dormiva proprio sotto di me, grande petto sollevando su e giù. Il passo successivo è stato un gioco da ragazzi. Mi sono inginocchiato accanto a lei e, essendo più cauto di quanto non fossi stato con Danica, ho provato toccando la parte superiore del suo petto. Gemette ma non si muoveva, quindi ho fatto scivolare lentamente un dito sotto una camicia, incontrando il suo reggiseno a taglio di grande taglio. C'era un altro gemito molto tranquillo da lei, ma quando guardai la faccia di Laurel non sembrava sveglia. Mi chiedevo quanto fosse stretto il reggiseno contro la sua pelle.

Spostandomi dove mi inginocchiai per la testa di Laurel, il mio pene a pochi centimetri dal suo viso, feci scivolare la mano sotto la camicia e sentii che il reggiseno era piuttosto stretto contro di lei. Mi chiedevo come potesse dormire così.

"Ha una chiusura anteriore, Danica", sussurrò improvvisamente Laurel, e mi congelai, guardando in basso la ragazza che ovviamente non dormiva. Aveva un sorriso sognante sul viso, ma i suoi occhi erano chiusi. "Puoi capirlo."

Per un minuto, nulla di ciò che Laurel aveva detto registrato al mio cervello terrorizzato. Poi si è filtrato. Pensava che fossi Danica. E stava parlando del reggiseno.

Le mani di Laurel erano in fondo alla sua camicia prima ancora che potessi iniziare a scappare, figuriamoci a cercare il suo reggiseno, e lei lo tirò su, rivelando il suo enorme reggiseno bianco. Lei la camicia accanto a lei e poi lavorò a rivelare il seno, gli occhi ancora chiusi. Le ci vollero alcuni secondi, ma una volta che la chiusura era libera, il suo seno si riversava come un liquido.

Erano bellissimi, con grandi areole rotonde che avevano grandi capezzoli al centro di essi. Sussurrando: "Sai cosa mi piace", trovò il mio polso con la mano e portò il palmo in contatto con la sua carne morbida. Non sapendo cosa le piaceva, ho semplicemente iniziato a massaggiare il seno il meglio che potevo, uno alla volta, registrando tutto, a volte modificando i suoi grandi capezzoli.

"Si è così. Prometto che ti ripagherò. " Ma Laurel stava russando leggermente in un paio di minuti.

Tuttavia, ho continuato a massaggiare il seno. L'intera esperienza è stata troppo per me. Sapendo che Danica e lei lo avevano già fatto prima, e chissà cos'altro, mi ha fatto venire. Ho deciso che il biglietto da visita di Laurel sarebbe stato diverso dagli altri e non mi importava che essere schizzato con lo sperma caldo probabilmente l'avrebbe svegliata. Forse ne invierei alcuni spruzzi in modo da fare. Dopotutto, ero a solo un paio di metri dalla faccia di Danica.

Mettendo il telefono nella mia mano sinistra, ho afferrato il mio cazzo con la mia destra e ho iniziato a pomparlo direttamente sul petto di Laurel, sapendo che avrei fatto venire in qualsiasi momento. Il pre-cum iniziò a volare ovunque. Ho visto grandi goccioline colpire la sinistra di Laurel, il seno superiore, il suo capezzolo destro, la valle a destra tra le sue grandi tette e una persino atterrato all'angolo della sua bocca.

"Che dire di me?" Sussurrava una voce timida e mi sono congelato a metà colpo, guardando da dove l'avevo sentito.

Maddison era completamente sveglio, seduto a gambe incrociate a terra, guardandomi masturbarsi su Laurel. In realtà avevo dimenticato la ragazza. Ora, mentre continuava a sussurrare, mi sono reso conto con terrore che questo potesse essere stato un grosso errore.

“Ti ho visto toccare tutte le altre ragazze. Ti ho visto mettere le tue ... cose su di loro. Ma stavi per finire, non è vero? Perchè non io? Non sono abbastanza carino o qualcosa del genere? "

La ragazza stava piangendo.

Era una specie di trucco? La ragazza voleva davvero che la accarezzassi nel sonno e le metteva il pre-cum? O stava solo cercando di farmi ammettere qualcosa? Perché avrebbe bisogno di farmi ammettere qualcosa quando mi aveva catturato in flagrante? Tutto quello che aveva davvero bisogno di fare era urlare.

"Tu ... vuoi che ti tocchi?" Ho chiesto esitante, mi batteva il cuore, rimuovendo la mano dal mio pene e girandomi verso Maddison.

"Non lo so." Rabbrividì mentre piangeva, ancora sussurrando. “Tutto quello che so è che quando ti ho visto venire qui, nudo, mi chiedevo se potesse essere per me. Lo so ... è stupido. Ma mi ha eccitato tutti. E poi quando hai iniziato a toccare tutti, ero tipo, potevo conviverci. Sarebbe un po 'carino. Fingerò solo di dormire. E poi mi hai appena passato. "

"Stavo per farti dopo Jenny, Maddison", dissi, venendo verso di lei. Pensavo che ci fosse solo un modo per uscire da questo, e stavo perfettamente bene con quella strada. "È solo che hai avuto un reggiseno e ho pensato che sarebbe stato più difficile. E poi quando ho finito con Laurel ero così pronto. "

Il mio pene era direttamente di fronte a lei, duro come una roccia. Continuava a guardare via e poi guardandolo.

"Ti piace, Maddy?" Ho chiesto, decidendo di usare un nome da animale domestico. "Lo vuoi? Se lo fai, è tuo. Proprio adesso. Prendi la mia mano e andremo in bagno e lo faremo. Proprio adesso."

Mi sono allungato la mano a lei. Esitò, spalancando gli occhi.

Per un lungo minuto e mezzo, spostò gli occhi dal mio al mio pene, la bocca per metà aperta per lo shock, ovviamente non sapendo cosa fare. Il mio cuore cadde mentre la ragazza iniziava a scuotere la testa.

"Fallo, Maddison!" Una voce sussurrò dalla vicina. Mi ci è voluto un secondo per rendermi conto che era Jenny.

Ah, merda! Ho pensato.

Guardando alla ragazza, l'ho vista guardarci, un sorriso imbarazzato sul viso. La sua camicia era ancora in piedi per rivelare il suo seno, facendomi pensare che fosse stata sveglia per tutto il tempo che l'avrei toccata. Il mio battito cardiaco accelerò e io inghiottii di nuovo. Rapidamente, ho dato un'occhiata ad Ashley, ma la ragazza dormiva ancora. Laurel e Danica erano dietro di me, e se non fosse così ovvio, mi sarei voltato per assicurarmi che non fossero svegli. Guardando indietro a Maddison, le ho prolungato la mano.

"Serio?" Disse Maddison, tremando. "Mi vuoi?"

“Sì, dai. Lo renderò carino per te. Ti dispiacerebbe se Jenny guarda? E se lo registra? "

"Io ... non mi dispiacerebbe", disse Maddison, prendendo la mano e in piedi. Ho dovuto guardarla.

"Volere?" Ho chiesto a Jenny, tenendo fuori il telefono. Ho pensato che se non mi avesse rotto, e se fosse stata sveglia quando l'avevo esposta e dribblata il pre-cum su di lei, Jenny doveva essere estremamente eccitata. Potrebbe anche approfittarne. Onestamente, desideravo che fosse lei con cui stavo per fare sesso.

"Solo se ne prendo una copia", ridacchiò, alzandosi e lasciando cadere la camicia sul petto.

"Certo", ho concordato e ho iniziato a rimorchiare Maddison verso il bagno, Jenny che ci segue. Non riuscivo davvero a credere che ciò stesse accadendo.

Quando eravamo tutti dentro, ho chiuso la porta e ho acceso la luce, un po 'accecando tutti per un secondo.

"Non riesco a credere che sto per fare sesso", sussurrò Maddison, facendo eco ai miei pensieri. Stava ancora tremando. "Con un ragazzo sposato."

"Shh", ho cercato, muovendomi verso di lei e baciandola leggermente sulla bocca. Jenny andò e si sedette sul bagno, registrando tutto ciò che stava per accadere. Mi sono avvicinato a Maddison, non pensando a quanto fosse pazzo, volendo sesso ora, non disposto ad avere molti preliminari, e le ho lasciato sentire la piena durezza del mio asta contro di lei. Gemette mentre la baciavo più con forza.

"Quello è stato il mio primo bacio", sussurrò mentre mi muovevo al collo. Ho armeggiato la maglietta che indossava-la mia camicia-e la alzava sopra la testa. Il suo reggiseno bianco era appena più chiaro della sua pelle pallida. Ho allungato la mano e ho armeggiato per il reggiseno, che mi ha portato solo pochi tentativi di aprire. Rimase lì mentre il reggiseno si staccava, aperto, ovviamente sopraffatto.

I suoi seni erano bianchi quanto il resto della sua pelle e i capezzoli non erano quasi più scuri. Erano abbastanza lontani l'uno dall'altro, ma erano una buona forma, se piccoli, specialmente per le sue dimensioni. E quando mi sono chinato per baciarne uno era in realtà abbastanza fermo.

Maddison ansimò mentre le prendevo il capezzolo in bocca, facendo ridere Jenny un po '. Ho quindi dato lo stesso trattamento all'altro seno.

Sebbene Maddison fosse semplicemente lì, elaborando informazioni, è stata un'esperienza molto speciale. Questo è stato ovviamente molti primi avvolti in uno per lei e sono stato onorato di insegnarle le corde. Vederla stare lì in topless l'ha resa molto più carina ai miei occhi, e ora la volevo male. Anche avere Jenny a guardare è stata una grande svolta.

Ho baciato l'ombelico di Maddison. Mentre mi strappavo i pantaloni della tuta e le mutandine allo stesso tempo, le ho fatto una domanda.

"Hai mai avuto orgasmi quando ti masturbi?"

“Sì ... a volte? Penso?"

"Bene", dissi, "perché voglio assicurarmi di venire stasera, e potresti non venire da me fare sesso con te poiché sarà il tuo primo. Quindi iniziamo. Siediti sul pavimento e allarga le gambe. "

Ha rispettato, allargando le sue cosce spesse per rivelare un cavallo molto peloso. Sono andato dietro di lei e ho iniziato a lavorare sulla sua vagina con le mani, trovando il suo clitoride in un minuto.

Jenny ci stava guardando, la bocca aperta in un sorriso, e mi ha attirato parecchie volte la mia attenzione mentre strofinavo il clitoride della sua amica che si muove. La bambina rimbalzò le sopracciglia alcune volte la prima volta che i nostri occhi si incontrarono come per dire "vai a prenderla". Di tanto in tanto si sarebbe concentrata sul telefono su cui stava registrando tutto, e in seguito scoprivo che aveva ingrandito dentro e fuori le diverse parti dei nostri corpi; Per lo più di Maddison, come la ragazza era tra me e la macchina fotografica. Jenny ha messo in piedi i colpi di entrambi i nostri volti, entrambi del seno di Maddison, il suo ombelico e la figa pelosa che stavo sfregando con entrambe le mani. Ho iniziato a baciare la parte posteriore del collo di Maddison.

Maddison arrivò in pochi minuti, incapace di impedire ad alcune urla di uscire. Il suo intero corpo tremò e lei si appoggiò a me. Le mie mani erano appiccicose e l'odore del suo orgasmo riempiva la stanza.

"Okay, sei pronto per la cosa reale?" Ho chiesto dopo che aveva preso il vento, arrivando davanti a lei.

Con mia frustrazione, scosse la testa. “No ... io ... penso di aver cambiato idea. Scusa. Brian, lo apprezzo davvero, ma penso che è meglio non fare sesso. "

"Beh, non ti costringerò", dissi. Ma avevo ancora bisogno di venire!

"Ci registri, Maddison", disse improvvisamente la voce di Jenny, e il suo braccio fu espulso con il mio telefono all'altra ragazza.

Ho guardato Jenny e ho visto che la maglietta della ragazza corta era già spenta, rivelando il suo seno pieno e leggermente non corrispondente. I suoi capelli lunghi e scuri si riversavano attorno al suo corpo. Si stava chinando per rimuovere il fondo quando ho parlato, il seno che rimbalzava con il movimento.

"Sei sicuro?"

“Voglio il tuo cazzo, Brian. Sdraiarsi sul pavimento. " Lei sorrise dolcemente mentre indicava.

Ho guardato la sua vulva e ho visto che solo una piccola striscia di capelli è cresciuta sopra di essa. Rapidamente, mi sdraio sul pavimento, vedendo che il nudo Maddison stava registrando tutto questo, il suo castoro bagnato con i suoi succhi.

Non appena la mia schiena colpì la piastrella, Jenny era sopra di me, lasciando che il mio pene scivolasse dentro di lei. Se pensassi che la figa di Melissa fosse stata stretta, Jenny era come un morsetto. Come avevo detto a Melissa quel giorno, Jenny era piccola. Non sono andato fino in fondo dentro di lei.

"Non ci siamo nemmeno baciati", ho notato mentre iniziava a cavalcarmi.

Ridacchiando, si increspò e mirava verso la mia bocca ad ogni spinta esteriore, permettendoci di fare un piccolo beccino ogni volta. In realtà sono uscito da lei alcune volte che ha fatto questo, ma ogni volta che è successo si è assicurata di riportarmi molto rapidamente.

La sensazione che mi cavalca era fenomenale e sapevo che sarei venuto in qualsiasi momento. I suoi seni relativamente grandi si muovevano mentre si muoveva, ipnotica, e occasionalmente si sfioravano contro la mia pancia e il mio torace. Ricordare la mia conversazione con Melissa in precedenza mi ha fatto pensare a qualcosa che volevo provare prima di esplodere.

"Mi fregherai, Jenny?" Ho chiesto.

"Cosa pensi che sto facendo, sciocco?"

“No, voglio dire così. Tieni fermo per un secondo. E alza le gambe. Sì così. "

Jenny ha fatto mentre ho chiesto e ho iniziato a tormentarla. La stanza era piccola, tuttavia, e ogni volta che portava le gambe per evitare di colpire il bancone e muri continuava a perdere l'equilibrio, ridendo un po 'troppo forte e inclinando.

"Posso aiutare", disse improvvisamente Maddison, consegnandomi il telefono.

In pochi secondi, la ragazza alta e nuda stava girando la piccola ragazza nuda-che era seduta ingonata in avanti, a gambe incrociate-il mio cazzo mentre l'ho registrato, tutti noi ridacchiando troppo forte. A un certo punto sono uscito da Jenny e Maddison mi ha preso timidamente il mio albero, aiutandomi a ri-penetrante la vagina della sua amica.

Una volta che ne abbiamo avuto abbastanza, Maddison ha continuato ad aiutare spingendo Jenny su e giù sul mio cazzo. Jenny grugnì ogni volta che scendeva, ma non si lamentava. Il suo viso era accumulato in quella che sembrava essere mezza grana, mezza totasi. Le mani di Maddison erano sotto le ascelle, aiutando mentre la ragazza si comportava come una rana, saltando su e giù sul mio cazzo. Il seno di entrambe le ragazze è rimbalzato con il movimento.

Alla fine, non potevo più tenerlo. Ho iniziato a venire nella figa di Jenny mentre continuava a battermi, e in pochi secondi c'erano così tante cose che mi stava schizzando attorno al mio albero. Ho fatto del mio meglio per continuare a registrare perché avevo il mio orgasmo, ma dopo aver visto il video, sapevo che non era stato un ottimo lavoro di registrazione.

"Penso che sia appena andato", cigciò Maddison, guardandomi, gli occhi spalancati.

"Lo so! Non fermarti! " I muscoli di Jenny erano tesi e aveva sudore su tutto il corpo.

Maddison raddoppiò i suoi sforzi, battendo la sua amica sul mio pene ancora spasming ancora e ancora. Jenny aprì la bocca, trattenne il respiro e chiuse gli occhi, e il viso si allentava mentre il resto del suo corpo iniziava a tremare. Tuttavia la ragazza più alta ha continuato a pompare. Anche dopo che il corpo di Jenny si rilassò e iniziò a fare i respiri deglutibili, il suo orgasmo completo, Maddison la portò su e giù sul mio albero ammorbidito.

"Fermare!" Jenny ansimò. Dopo che Maddison continuò per qualche secondo in più, parlò più forte, "Maddison, fermati, mi stai facendo del male!"

L'altra ragazza ha lasciato andare e Jenny è crollato su di me. Entrambi, abbastanza sudati, stavamo succhiando aria dentro e fuori dai nostri polmoni. Maddison si sedette accanto a noi, le gambe incrociarono, riprendendo il telefono. Ha ingrandito dove i miei privati ​​congiunti di Jenny e Jenny.

"Guarda tutto quel seme" sussurrò Maddison.

"Ti sfido a leccarlo", rispose Jenny, un po 'assonnato.

"Ewww, no!" Disse la ragazza più grande, ridacchiando. "È disgustoso!"

"Non bussare fino a quando non l'hai provato", disse Jenny, rannicchiando la testa nel mio petto, i suoi capelli si riversavano intorno a me.

Maddison fece lentamente la mano in avanti, toccando il fondo del mio pene ammorbidente. Questo mi ha fatto contrarsi così violentemente che Jenny è quasi caduto al fianco di me. Si allontanò il collo appena in tempo per guardare Maddison attaccare il dito coperto di sperma in bocca.

Grimacing, Maddison deglutì e disse: “Ugh. Tuttavia, non così male come mi aspettavo. "

Dopo questo, siamo rimasti tutti in silenzio per un po '. Alla fine, Jenny ha lottato in avanti, causando il mio pene a serrare da lei, un sorriso debole sul suo viso. Mi ha baciato. Attrezzandole i capelli e baciandola per un po ', ho notato che l'odore dell'orgasmo di Jenny era in qualche modo diverso da quello di Maddison. Non avevo mai capito prima che i fluidi delle ragazze avevano un odore diverso. Poi di nuovo, non ne avevo mai avuto due orgasmo davanti a me in un periodo di tempo così breve.

Non abbiamo detto molto perché siamo stati ripuliti il ​​meglio che potevamo senza acqua - il suono del rubinetto era troppo rischioso - e tornò al soggiorno. Ero ancora nudo, ovviamente, ma le due ragazze si erano vestite. Ashley aveva ancora un seno esposto e Laurel era ancora in topless, anche se si era girata sul lato sinistro. Quando ho sottolineato queste cose ai miei compagni hanno ridacchiato.

"Sarai ancora il mio primo?" Maddison chiese timidamente mentre la baciavo la buonanotte e io annuivo mentre sorridevo.

"Dici solo quando."

“E voglio farlo di nuovo. Forse con più persone. " Jenny si inginocchiò, scoprì che era faccia a faccia con il mio pene ormai morbido, gli diede un piccolo bacio e andò per il resto del pavimento.

Quando ho inviato il video a Melissa in una e -mail, questo è quello che ho messo nella riga dell'oggetto: non ci crederai! Godere!

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Incontro il mio nuovo vicino e WOW

La mia famiglia si era appena trasferita in questo quartiere in una nuova casa, ed è molto carina. La nostra nuova casa ha una piscina ed è alta due piani con le camere da letto in cima. Il motivo principale per me è stato quello di frequentare l'università locale, che è molto apprezzata nella materia che sto studiando. Non ci è voluto molto per incontrare i nostri vicini perché erano molto amichevoli. I nostri vicini hanno circa 30 anni. Io ho 18 anni. Sembra un vero fusto e sua moglie è un'assistente di volo, molto attraente ed è spesso fuori casa...

698 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.