Comprare vestiti con Christy

437Report
Comprare vestiti con Christy

"Ecco, prova questo."

Gemendo, alzo con riluttanza le spalle e indosso una canottiera arancione fluorescente che è quanto di più lontano possibile dalla mia idea di moda.

"Contento?" dico, cercando di non pensare alla mia abbronzatura da contadino.

"È incantevole", dice, sfoggiandomi il suo sorriso vincente, facendomi battere il cuore involontariamente. È stata un'idea di Christy andare a fare shopping. Non stiamo nemmeno uscendo insieme. Normalmente, una richiesta del genere sarebbe motivo di domanda “Cosa stiamo facendo qui?” tipo di conversazione, ma non è proprio lo stile di Christy. Quando decide di fare qualcosa, la fa. Questo, e lei mi ha chiarito in più di un'occasione che siamo solo amici. Eppure, il mio cuore batte forte. Voglio dire, stiamo parlando di Christy Park, metà coreana, metà irlandese, reginetta di bellezza al 100%.

"EHI! Mi stai ascoltando?" Ha in mano un paio di bikini succinti che manderebbero in fibrillazione mia madre. “Lo sto provando. Vieni ad aspettare fuori dallo spogliatoio così non devo venire a cercarti."

"Personalmente, penso che se lo indosserai su una spiaggia, dovresti sentirti a tuo agio indossandolo in un negozio."

Uno sguardo fulminante è l'unica risposta che ottengo per il mio tentativo di spensierata licenziosità. Seguendo il didietro più bello che abbia mai visto, mi dirigo verso lo spogliatoio e assumo il mio posto fuori dalla porta, facendo del mio meglio per indicare dalla mia postura che quello è l'ultimo posto in cui vorrei essere. Non che ci sia qualcuno che possa vedermi, ovviamente. Il negozio in sé è praticamente vuoto e l'addetto al camerino è via a fare rifornimento o qualcosa del genere. Rivolgo il pensiero alla ragazza – donna – che si sta spogliando a pochi passi da me. Christy e io ci siamo conosciuti 8 anni fa, in quarta elementare. Ci siamo trovati subito bene, prima come alcuni dei ragazzi più intelligenti del nostro corso di tirocinio avanzato, ma poi come buoni amici.

Abbiamo iniziato a passare molto tempo insieme. Al primo anno le avevo chiesto di andare a ballare “da amiche”, ma in realtà volevo che fosse qualcosa di più. Lo ha stroncato sul nascere abbastanza rapidamente. Sono passato ad altre cose e lei ha continuato a perseguire senza successo l'amore della sua vita: Conor Hedigan. Davvero uno dei pezzi di muffa melmosa più idioti che abbia mai incontrato. Nessuno sa cosa vede in lui. Non sono mai usciti insieme, e penso che Conor abbia scopato praticamente tutte le ragazze dall'aspetto decente, tranne Christy, ormai.

"EHI!" intona. "Sei ancora là fuori?"

"Sì."

La porta si apre. "Cosa ne pensi?"

Sono sinceramente senza parole. L'ho già vista in bikini, ovviamente, ma questo è qualcosa di diverso. Sapere che è in un negozio, che è per ME, in un certo senso, mi eccita immediatamente. Per non parlare del fatto che questa cosa è un crimine in attesa di accadere. È rosso brillante, con quegli spacchi sulla cintura e riesco appena a distinguere i capezzoli del suo seno pieno e vivace che sbircia dalla parte superiore. Avendo bisogno di girarmi prima che lei si accorga della mia erezione, riesco a dire un "Nah" prima di lanciarmi fuori.

Sento un sospiro deluso mentre la porta si chiude. “Mi è piaciuto. Va bene comunque, ne ho altri 3 da provare.

Sospiro anch’io, ma senza sollievo. Proprio mentre penso di essere salvato, sento l'impiegato tornare. L'area dei camerini è orientata come un lungo corridoio, con le porte dei camerini su entrambi i lati. La scrivania dell'impiegato si trova alla fine del corridoio, in modo che abbia una vista dell'esterno di tutti i camerini. Sfortunatamente, questo significa che non le mancherò io e il gigantesco rigonfiamento nei miei pantaloni. Non volendo andarmene e far incazzare Christy, e agendo in un certo senso seguendo un impulso ormonale, busso alla porta.

"Hai cambiato idea?" chiede, speranzosa.

“No. È solo che la signora dello spogliatoio mi guarda in modo strano” ho mentito. “Penso che sia un po’ insolito per me distinguermi qui. Posso entrare?"

“Non sarò decente. Penso che tu possa sopportare qualche sguardo strano", rispose bruscamente.

"Christyyy", piagnucolai. “Affronterò il muro. Questa donna è spaventosa. Probabilmente ha il sangue di Gengis Khan o qualcosa del genere."

Una pausa. Ci stava pensando. L'inserviente stava sistemando alcune cose alla sua scrivania, ma da un momento all'altro si sarebbe seduta e avrebbe visto la mia cattiveria.

"Cristooooo."

"Bene. Basta affrontare il muro. Potrei davvero aver bisogno di aiuto con uno di questi."

Uff. Appena in tempo. Aspettare. Ha detto aiuto? Christy non aveva iniziato a togliersi quello rosso da prima, quindi ho avuto il tempo di guardarmi intorno. È stato allora che ne ho notato uno microscopico, nero e filamentoso, che mi ha fatto saltare l'uccello di circa trenta centimetri. Quindi ecco per cosa aveva bisogno di aiuto. Cerca di non pensarci, mi dissi, mentre mi voltavo verso il muro. Lo spogliatoio era abbastanza spazioso, circa 10 x 10, con una panca su un lato, quindi c'era molto spazio per spogliarsi.

Cosa che stava facendo. Proprio dietro di me. Questa erezione non sarebbe andata via. Dalla padella, nel fuoco. Non avevo idea di cosa avrei fatto quando mi avrebbe chiesto la mia opinione. Un mio amico una volta mi aveva detto che flettere le cosce aiutava a liberarsi delle erezioni: qualcosa che riguarda la circolazione. Quindi eccomi lì, stringendo e aprendo freneticamente le cosce e cercando di non pensare al bellissimo corpo di Christy. Pancia sinuosa ma piatta. Tette che chiedevano di essere massaggiate e un culo che avresti voluto prendere... e scopare. E quelle gambe! A 5' 8", non era troppo bassa per avere belle gambe.
Questo sicuramente non aiutava con l'erezione. Mi è appena venuto in mente che potresti pensare che forse Christy non vuole scoparmi solo perché sono brutta o qualcosa del genere. In realtà sono un ragazzo abbastanza attraente, se lo dico io stesso. Le ragazze con cui sono stata sono rimaste soddisfatte dei miei 8”, anche se penso che a loro piaccia anche la confezione da sei. Mi mantengo in forma, anche se non pratico sport organizzati o altro. Comunque, era abbastanza chiaro che Christy stava finendo, e io avevo ancora un'erezione, quindi ho fatto quello che andava fatto e l'ho infilato nella cintura. Non potevo esserne sicuro, ma penso che il fruscio dietro di me si sia fermato solo per un secondo mentre stavo rimboccando le coperte.

"Ho finito", ha proclamato.

Questa volta aveva confuso le cose. Parte inferiore verde neon con parte superiore nera. Ancora stupendo, ma ora cominciavo a divertirmi.

“Voltati” ho comandato.

Lo fece doverosamente, lanciandomi uno sguardo giocoso alle sue spalle. Il suo culo era chiaramente delineato e la metà inferiore era là fuori perché il mondo potesse vederla. Ero in paradiso.

"Nah", ho detto. Non volevo proprio lasciare che tutto finisse qui.

"Vuoi solo che mi spogli di nuovo", ha detto.

"NO." Soave. Davvero soave.

Consapevolmente, rise: "Voltati, bastardo".

Non avevo intenzione di combattere quella particolare accusa. Questa volta, quando mi sono voltato, ho fatto una scoperta intrigante. Lo spogliatoio aveva due specchi. Uno grande, verso cui Christy si trovava di fronte, e uno piccolo, di fronte. Ero rivolto al muro con la porta e senza specchio. Sulla porta, però, c'era un pannello di metallo lucido, all'altezza degli occhi, ed era riflettente. Se posizionassi il mio corpo nel modo giusto, potrei vedere lo specchietto posteriore o quello anteriore nel pannello. Di nascosto, mi sono spostato un po' alla mia destra, non osando provare a raggiungere lo specchietto anteriore nel caso in cui avessi stabilito un contatto visivo. Non sono rimasto deluso. Lì, di fronte a me, c’era la schiena nuda di Christy. Mentre si chinava per togliersi le mutandine, ho potuto appena intravedere la sua passera sotto il suo bellissimo culo. E un'esibizione ripetuta mentre indossava l'oggetto successivo. Ero in paradiso.

Stesso rituale. L'ha fatta girare un paio di volte, ha assunto alcune pose e poi ha rifiutato. Penso che a questo punto il gioco si stesse divertendo tanto quanto me. Non era la prima volta che provavamo questo tipo di tensione sessuale, ma era sicuramente la più intensa. Ancora una volta mise il broncio e si preparò a provare l'ultimo dei costumi da bagno che aveva scelto.

Sono stato colpito da un bisogno potente e irrazionale di provare a dare un'occhiata all'altro specchio. Eravamo entrambi all'ultimo anno delle scuole superiori, adulti che si preparavano per andare al college nelle parti opposte del paese; chi sapeva quando avrei rivisto questa ragazza più tardi? E dannazione, volevo vederla nuda. Ci avrei provato. Trascinando lentamente i piedi come prima, mi sono messo in posizione, arrivando lì proprio mentre lei si chinava per togliersi le mutandine. Mentre si raddrizzava, centimetro dopo centimetro apparvero alla vista le sue bellissime gambe. Poi, il suo pube rosso fiammante, ben curato (c'è l'irlandese in lei). Poi, il suo stomaco delizioso, i suoi seni paffuti, i suoi capezzoli rosa, il suo bel viso (tipico halfie). E infine, i suoi splendidi occhi verdi, che guardano direttamente... me.

Non sono nemmeno sicuro di arrossire, ero così terrorizzato. Mantenemmo il contatto visivo per mezzo secondo, forse di più. La mia erezione cominciò immediatamente ad appassire (amico bisognoso e tutto il resto). Ho detto "scusa" e mi sono diretto verso la porta. L'ho aperta e stavo per correre fuori per saltare da un ponte quando ho sentito una mano sulla mia spalla. “Oh, vuole punirmi lei stessa. Immagino che abbia senso.
Mi sono voltato, cercando di tenere sciolti i muscoli del collo, sperando che funzionasse con tutti i tipi di traumi, non solo con gli incidenti stradali. Lei si è lanciata... e mi ha baciato. La cosa stava diventando sempre più strana. Ma ehi, nessuno che si lamenta.

La baciai a mia volta, facendo scorrere lentamente le mani su e giù per la sua schiena nuda. Si allungò dietro di me per chiudere la porta. Anche il signor Boner era tornato in azione. Si interruppe e io la guardai con aria interrogativa.
"Conor era un coglione", ha spiegato. “Lo so adesso. E ogni volta che era cattivo con me, tu eri lì a raccogliere i pezzi. E come ti ho ripagato? Ti ho spinto via. Mi piaci, John. Mi piaci molto."

Non è mai uno che rovina un bel momento parlando. La presi in braccio e la inchiodai contro il muro, spingendomi contro di lei e godendomi i gemiti che stavo suscitando. Mi afferrò selvaggiamente i capelli e cominciò a togliermi la maglietta. Non volendo essere ingiusto, ho aiutato, poi mi sono tirato indietro e mi sono tolto anche i pantaloni e i boxer. Vedendo il mio cazzo, ha deglutito visibilmente.

"Non sei abituato a queste dimensioni, eh?"

"Non sono abituata a... nessuna taglia" sussurrò.

"Aspetta cosa? Sei vergine?"

I suoi occhi mi hanno detto la risposta. Sembrava sul punto di piangere, così sono intervenuto e l'ho baciata di nuovo.

“Andrà tutto bene” la rassicurai.

Si è rilassata un po' tra le mie braccia e mi sono mosso per metterla sulla panca. Avevo bisogno di lubrificarla per via orale, altrimenti questo le avrebbe fatto molto male. Dato lo spazio limitato in panchina, l’unico modo in cui avrebbe funzionato era se fossimo nella posizione sessantanove.

"Ti mangerò", ho spiegato. “Il mio cazzo sarà in faccia, ma non preoccuparti di fare qualcosa al riguardo. È importante che ti concentri su ciò che sta facendo la mia lingua, così sarai ben lubrificato, ok?"

Lei annuì.

Una volta in posizione, finalmente mi sono avvicinato alla bellissima vagina che avevo visto pochi istanti prima. Era altrettanto bello anche sottosopra. Non sono un Conor, quindi non sono andato dritto al punto. La baciai su e giù per ciascuna coscia, lentamente. La sentivo contorcersi sotto di me. Ho usato le mani per tenerle le gambe aperte. Ha usato le mani per abbassarmi la testa. Non ero ancora pronto, però. Successivamente mi sono spostato sul suo stomaco perfetto. L'ho leccato, baciato, morso un po' e l'ho strofinato. Era in estasi.

Alla fine, sono passato alla sua figa. Per prima cosa ci ho soffiato sopra, suscitando un gemito. Poi gli ho leccato attorno, suscitando un gemito più forte. Ho cominciato a leccare la fessura su e giù (o su e giù, a dire il vero). Il suo clitoride crebbe, gonfiandosi di sangue. Ho iniziato una vigorosa scopata con la lingua, infilando la lingua in profondità dentro di lei. A questo punto, improvvisamente ho sentito le sue labbra inghiottire il mio cazzo. Era chiaramente una principiante, ma ehi, un pompino è un pompino. Un pompino da una donna che ti piace è un'altra cosa. Mentre continuava a gemere, le vibrazioni iniziarono davvero a raggiungermi. Di questo passo, potrei venire prima di lei. È ora di diventare aggressivi. Mi sono spostato sul suo clitoride, succhiando, mordicchiando e soffiando alternativamente.

Immagino che le sia piaciuto, perché in pochi secondi è arrivata. Mentre si contorceva, la sua testa si spostò improvvisamente fino in fondo al mio cazzo, con un movimento da gola profonda. Era troppo per me e sono venuto senza preavviso. Uno spruzzo dopo l'altro del mio sperma nella sua bocca. Quando finalmente ebbi finito, mi voltai, solo per trovarla che si leccava le labbra. Al diavolo il tempo di rifrazione, ero pronto a partire non appena l'ho visto.

"Sì ok?" Ho chiesto.

"Fantastico", disse raggiante.

"Vuoi andare oltre?"

In risposta, allargò le gambe in modo osceno.

Essendo le mie gambe diventate gelatinose, saltai sopra di lei in posizione del missionario. "Prendi la pillola?"

"No, voglio il tuo bambino in me!"

Dovevo sembrare piuttosto preoccupato, perché lei ha riso e ha detto: “Sì, idiota. Prendo la pillola."

Cercando di vendicarmi, ho guidato rapidamente per circa 3 pollici dentro di lei. Sicuramente le ho dato uno shock. Lei gridò, forse un po' troppo forte, e le vennero le lacrime agli occhi. Ero preoccupato. "Ti ho fatto male?"

"Solo il mio imene", disse, a denti stretti.

Merda. Avevo completamente dimenticato che fosse vergine. "Mi dispiace tanto, Christy."

“No no, quello era l’unico modo per farlo. Assicurati solo che il resto sia migliore.

Lentamente, ho iniziato ad affondare il resto di me stesso in lei. Anche dopo averla mangiata, era incredibilmente stretta. Anche se non si lamentava, potevo dire che le faceva male. Ogni centimetro diventava sempre più difficile, ma alla fine ho toccato il fondo. Mi sono sdraiato sopra di lei per un momento, godendomi la connessione. Eccomi qui, sepolto nel profondo del mio migliore amico! Ci siamo guardati e non abbiamo potuto fare a meno di ridere. Ho iniziato a toccarla un po' e lei mi ha penetrato con la sua figa. L'ho tirato fuori lentamente, finché non ne è rimasta dentro solo la punta, e ho spinto dentro di nuovo. Questa volta è stato un po' più facile. Ancora. Fuori. In. Si stava contorcendo di nuovo. Ben presto ansimò a tempo con ciascuna delle mie spinte. Stavo accelerando il ritmo. Ciascuno dei suoi sussulti era breve e acuto, e i suoi occhi erano chiusi. Il mio cazzo si tuffava ancora e ancora nella sua stretta verginale. All'improvviso, le sue gambe mi avvolsero e gemette: "Sto per venire!" "John! Ah! Sto arrivando!" Non volendo venire troppo presto, l'ho girata, alla pecorina, e l'ho picchiata di nuovo. Questa volta siamo venuti di nuovo entrambi.

Mi sono accasciato su di lei mentre ci riprendevamo entrambi da quel giro di scopata intensa. Il mio uccello, ancora sepolto dentro di lei, fu al massimo quasi immediatamente. Ridendo sonoramente, mi spinse giù sulla panca in mezzo ai costumi da bagno abbandonati e mi salì delicatamente. Probabilmente era piuttosto dolorante, ma si è infilzata coraggiosamente sulla mia asta. Potevo vedere il più debole contorno rigonfio del mio cazzo sulla pelle del suo stomaco mentre penetrava nel suo grembo. Dondolandosi avanti e indietro, venne una volta e continuò a cavalcare. Ho iniziato a massaggiarle il culo con la mano sinistra e poi ho avuto un'idea. Aveva gli occhi chiusi, quindi non vide mentre cominciavo a succhiarmi il pollice della mano destra. Potevo sentirla avvicinarsi e, mentre stava per venire, le infilai il pollice ora lubrificato in profondità nel culo. Lei ha urlato, quasi urlato e quasi è saltata giù, ma l'ho trattenuta con la mano sinistra. È venuta, e poi è venuta di nuovo. Temevo che qualcuno arrivasse di corsa, così ho ascoltato per un po', ma nessuno ha partecipato.

Mi ha spinto il petto, fingendo rabbia, ma potevo dire che le piaceva giocare con il suo culo. Guardandola negli occhi, ho reso note le mie intenzioni. “Cristo. Che ne pensi di... anale?"

Continuando a cavalcare il mio cazzo, mi guardò con civetteria attraverso i suoi bellissimi capelli rossi: “Anale? Suppongo…"

Non avendo bisogno di altro incoraggiamento, l'ho girata. Spingendole la testa in modo che il suo sedere fosse alto nell'aria, ho spinto l'indice e il medio nella sua vagina, raccogliendo alcuni succhi. Poi, ho inserito delicatamente prima uno, poi l'altro nel suo delicato bocciolo di rosa rosa. Gemendo, mi ha ricordato "Delicatamente, delicatamente". Ho ripetuto questo processo altre 3 o 4 volte, lubrificandola con i suoi stessi succhi. Poi, ho affondato il mio cazzo nella sua figa, suscitando un altro gemito, e l'ho premuto contro il suo bocciolo di rosa. Lei si irrigidì di riflesso. Chinandomi al suo orecchio, ho usato una mano per afferrare un seno e l'altra per giocare con la sua figa, mentre sussurravo: “Rilassati. L’inasprimento rende solo le cose più difficili”. Lentamente la resistenza si allentò. Spingendo con gran parte del mio peso, alla fine ho fatto passare la punta del mio uccello oltre il suo sfintere anale. Non abituata all'intrusione, si irrigidì nuovamente. Ho cominciato a toccarle la figa vigorosamente. Lei gemette e cominciò a venire. Quando l'orgasmo l'ha raggiunta, ho affondato qualche altro centimetro di cazzo nel suo culo.

"Relax." Gliel'ho ricordato di nuovo. Ho continuato a spingere finché tutto di me non è entrato nel suo bellissimo culo rotondo. Ho assaporato il momento. Cominciai a tirarmi fuori, ma solo di pochi centimetri. Poi indietro. Come aveva già fatto prima, cominciò lentamente a gemere sempre più forte. Mentre le scopavo il culo, giocavo con la sua figa e le sfondavo le tette. Lo adorava. Nei suoi gemiti cominciai a discernere le parole.

"Fanculo. Oh cazzo. Fanculo cazzo cazzo. JOHN. Fottimi, John. Fottimi nel culo, John. Lasciami essere la tua sporca puttana del cazzo, OH CAZZO. STO ARRIVANDO. FANCULO. Oh, GIOVANNI. STO ARRIVANDO. STO VENENDO ANCORA. AH! FANCULO!"

Anch'io ho cominciato a venire, depositando un carico dopo l'altro di sperma nel suo culo come avevo fatto nella sua figa vergine. Alla fine, il mio cazzo molle scivolò fuori da lei, e rimasi dietro di lei, guardando il mio sperma gocciolare fuori dal suo buco del culo disteso, unendosi al flusso di sperma e succo di figa dalla sua figa violata. Non riuscivo ancora a credere a quello che era appena successo. Era così esausta che rimase così per ben cinque minuti. Alla fine lei si alzò, si avvicinò a me e mi abbracciò, premendo il suo corpo nudo contro il mio. Fu allora che capii che avevamo iniziato qualcosa di speciale.

Uscimmo insieme dal camerino, attirando uno sguardo di disapprovazione da parte della signora al bancone. Christy le porse i costumi da bagno e poi disse: “Aspetta. Mi è piaciuto questo. Ho fatto un doppio giro quando ho riconosciuto il succinto lavoro con le corde nere che non aveva ancora provato. Il sorriso malizioso che Christy mi ha rivolto non mi ha dato dubbi su che tipo di sport acquatici avrei praticato con quel vestito.

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Incontro il mio nuovo vicino e WOW

La mia famiglia si era appena trasferita in questo quartiere in una nuova casa, ed è molto carina. La nostra nuova casa ha una piscina ed è alta due piani con le camere da letto in cima. Il motivo principale per me è stato quello di frequentare l'università locale, che è molto apprezzata nella materia che sto studiando. Non ci è voluto molto per incontrare i nostri vicini perché erano molto amichevoli. I nostri vicini hanno circa 30 anni. Io ho 18 anni. Sembra un vero fusto e sua moglie è un'assistente di volo, molto attraente ed è spesso fuori casa...

698 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.