La sfida 7: Il turno di Fernanda

483Report
La sfida 7: Il turno di Fernanda

Nota dell'autore: come le altre storie della Challenge, questa si svolge nello stesso anno. Se leggi la parte 6, Bob era a Miami per una visita veloce. Questa storia inizia durante lo stesso viaggio a Miami.
Ci sono un paio di cameo di personaggi minori delle precedenti storie di Challenge. Ovviamente c'è anche il resort speciale delle Bahamas.
I temi di questa storia includono: zia/nipote, zio/nipote, mamma/figlio e padre/figlia leggero. Quando dico “leggero” intendo accenni al sesso, allusioni a ciò che accade, scene tagliate, ecc. Non mi sento del tutto a mio agio nello scrivere una storia a tema padre/figlia. Quindi lo vedo sullo sfondo di questo. Altri temi includono sesso di gruppo e schiavitù, ragazza con ragazza e dominazione femminile.
La storia finale della Sfida (parte 8) è stata scritta qualche tempo fa. Verrà pubblicato presto.
Infine, tutte le mie storie che presentano Fernanda come personaggio minore accadono prima degli eventi di questa storia.





La sfida 7: Il turno di Fernanda


Capitolo 1

Uno dopo l'altro, gli uomini la presero, Bob osservava dal suo posto nell'angolo. I dirigenti senior e di medio livello, alcuni direttori e vicepresidenti, persino un paio di nuovi ragazzi che erano in grado di leccare i loro capi, erano tutti coinvolti.

Era legata, i polsi e le caviglie legati a speciali anelli che erano stati installati sulla sua nuova scrivania. Lei era in piedi, piegata, mentre un uomo dopo l'altro, 20 di loro, la scopavano, assicurandosi di eiaculare in un bicchiere di vino sulla scrivania.

Dopo che se ne furono andati tutti, furono lei e Bob. Lei annuì, lui si alzò, si tolse la cintura, sorridendo mentre camminava verso il suo corpo indifeso.

Ha gridato dal dolore quando la cintura le è caduta contro il sedere. Poi Bob lo ha fatto ancora, e ancora, e ancora. Faceva così male.

Bob glielo allacciò intorno al collo, si spostò dietro di lei, si abbassò la cerniera dei pantaloni e la prese per sé, tirando la cintura mentre lavorava. Quando fu pronto a venire, qualche istante dopo, si tirò fuori, afferrò il bicchiere di vino e aggiunse il suo sperma al mix.

Le tolse la cintura dal collo, slacciò le cravatte, si versò del vino in un altro bicchiere e sorrise al suo dipendente.

"Congratulazioni per la promozione, Fernanda", disse, macchiando il suo bicchiere pieno di vino con il suo bicchiere pieno di sperma. Bob la guardò bere il seme di 21 uomini come se fosse acqua, bevendo qualche sorso del suo vino.

"No, grazie", disse. "Per tutto questo, per avermi assecondato."

"Piacere mio", Bob sorrise, prendendo tra le braccia il portoricano alto sei piedi. Questa è stata tutta una sua idea: farsi legare, frustare, scopare così il giorno della sua promozione. Abbracciando Bob, ne amò ogni minuto e lo seppe quella sera, durante il breve viaggio di Bob a Miami; lo avrebbe trascorso a letto con lui.

Quella sera all’hotel di Bob, Fernanda era a quattro zampe, esortando il suo datore di lavoro ad andare più forte, ad andare più veloce. Bob le diede una pacca sul sedere, ancora rosso per la precedente frustata, quando avvertì un dolore sempre più frequente al petto.

Si tirò fuori da Fernanda, sedendosi sul bordo del letto. “Bob? Stai bene?" Chiese all'uomo più anziano, mettendogli un braccio attorno.

"SÌ. Sto bene, io", Bob aveva difficoltà a respirare.

"Sei sicuro? Devo chiamare il 911?" chiese Fernanda.

“No, no, va bene”, rispose calmandosi. “Troppa eccitazione”, ha scherzato.

Fernanda recuperò un po' d'acqua, Bob ammirando le sue lunghe gambe, il corpo alto e castano chiaro, i lunghi capelli neri e le considerevoli manciate di seni.

"Là. Meglio così?" lei chiese.

"SÌ. Adesso sto bene, ho solo bisogno di prendermela comoda per un po’”, risponde Bob. La tensione nel suo petto si calmò un attimo dopo. Si sentì meglio, ridacchiando piano a Fernanda. Era così incredibilmente selvaggia a letto. Si chiedeva se il 36enne fosse troppo per lui. Nel profondo, Bob conosceva le ragioni dei suoi dolori al petto.

"Ho bisogno del tuo aiuto per una cosa, Fernanda", disse Bob sdraiandosi sul letto. Fernanda lo raggiunse, rannicchiandosi tra le sue braccia, massaggiandogli la pancia.

"Nulla."

"Voglio che tu supervisioni una sfida per qualcuno di tua scelta", ha detto Bob.

Fernanda ci pensò un secondo, chiedendosi se si trattasse di un dipendente o di un manager che Bob aveva bisogno di lavorare di più. Immaginava che Bob volesse che lei motivasse e sfidasse questa persona a raggiungere determinati obiettivi all'interno dell'azienda. Pensò a quel nuovo assunto, un fotografo, un ragazzo carino. "Mi chiedo se ciò implichi...", pensò.

"Sesso. Riguarda il sesso", disse Bob ad alta voce, rispondendo alla domanda che si stava facendo.

Fernanda ridacchiò: “Capisco. E che tipo di sfida?"

"Fernanda," Bob si mise a sedere, sorseggiando altra acqua. "Sarò onesto con te."

"Certo, Bob, di cosa si tratta?"

La guardò negli occhi castani, senza perdere un colpo e la informò senza mezzi termini. “Voglio che tu sfidi qualcuno a commettere incesto. Se avranno successo, pagherai loro 20 milioni di dollari. Ti verranno anche pagati 20 milioni di dollari."

Fernanda rimase a bocca aperta.

“Ti occuperai di tutto. Organizzerai tutto tu. Se questa persona ha bisogno di soldi per comprare regali per il suo familiare, per comprarsi nuovi vestiti o ha bisogno di qualcosa che la aiuti a sedurre il suo familiare, avrai le risorse per realizzarlo, le mie risorse. Come prova, puoi utilizzare una fotocamera, la persona può filmarla sul proprio telefono o, se preferisci, puoi guardarla mentre commette l'atto di persona.

"Bob?" chiese Fernanda.

"Si sono serio. Sì, voglio che tu faccia questo. Sì, mi fido abbastanza di te da non dirlo a nessuno. Sì, alla fine ne vale la pena, ma solo se hanno successo.

“Perché proprio io? Perché hai scelto me?" chiese, con il suo forte accento.

“Perché ti conosco. Conosco le tue avventure sessuali con me e con altri. So quanto sia importante il ruolo che il sesso gioca nella tua vita. Voglio che tu provi questo, che veda due membri della famiglia riunirsi nel modo migliore. All'inizio potresti pensare che sia malato, ma fidati di me, come io mi fido di te.

Fernanda fece una pausa, fissando il vuoto per un minuto, mentre un milione di pensieri le attraversavano la testa. Sospirò pesantemente. "Lo farò."





capitolo 2

La mattina dopo arrivò a casa, dopo aver pensato tutta la mattina alla sfida che le era stata assegnata. Fernanda scosse la testa irritata, suo figlio Jonny non era più a casa. Sapeva esattamente dove si trovava.

Fernanda fece una doccia, decidendo di chiamarlo e di ordinare a casa dopo. Jonny passava davvero troppo tempo a casa di sua zia. Fernanda si trovò ad irritarsi sempre di più per questo. Sapeva anche perché, ma non riusciva ad ammetterlo a se stessa.

Seduta nuda sul bordo del letto, spalmandosi la lozione sulle gambe, prese il telefono e chiamò suo figlio.

*******

Claudia rise di suo nipote. Stava flirtando di nuovo con lei, proprio come anche lei gli aveva detto. Le solleticò i fianchi, le tenne la mano e le fece i complimenti.

"Adesso posso prenderlo?" chiese Jonny.

"Uffa, pazienza!" Claudia gli sorrise.

Il telefono di Jonny squillò. "Merda, è la mamma", ha detto.

“Faresti meglio a rispondere. Ricorda, sei venuto a fare colazione. Non hai passato la notte", gli ricordò sua zia.

"Lo so. Ehi mamma", rispose Jonny. “Sì, siamo andati a fare colazione fuori. Certo, sto arrivando. Dopo."

"Bene. Ora vai a casa", ha detto Claudia.

"Posso prenderlo comunque?" chiese Jonny.

"Bene! Datemi un abbraccio", ha detto Claudia. "Bene, ora abbassa semplicemente le mani."

Jonny si morse il labbro per trattenersi dal ridacchiare mentre le sue mani percorrevano la schiena di sua zia, arrivando al suo culo succoso, stringendolo. "Oh."

«Molto bene, allora vai.»

"No, aspetta", disse Jonny, stringendolo, quasi ispezionandolo. "Così carino."

"OK!" disse Claudia, spingendolo via, sorridendo.

"Posso metterlo a nudo un giorno?"

"Forse un giorno", gli fece l'occhiolino. "Devi almeno baciarmi prima", disse, chiudendo la porta in faccia a suo nipote.

"No, no, no aspetta!" ha cercato di convincerla a riaprire la porta. Jonny era troppo lento, il diciottenne duro come la roccia stava sul gradino della porta di casa di sua zia. Rise di se stesso, ripetendo nella sua mente le parole di Claudia per essere paziente. Le battute sul flirt degli ultimi mesi avrebbero dato i loro frutti: lo sapeva. Doveva solo aspettare.

Jonny arrivò a casa e trovò sua madre, seduta al tavolo della cucina, che controllava la posta. "Ehi", le disse.

"Ancora da Claudia, eh", disse Fernanda, senza alzare lo sguardo dal suo compito.

"Sì, siamo andati a fare colazione", Jonny prese dell'acqua.

"Ho bisogno che tu falci il giardino oggi", gli gridò Fernanda mentre usciva dalla cucina.

"Ok", sospirò.

Fernanda scosse la testa, sperando che ciò che temeva non fosse reale. Il pensiero di trovare qualcuno che li sfidasse a commettere un incesto lasciò la sua mente, sostituita dai pensieri della sua adolescenza. Con lo sguardo fisso nel vuoto ancora una volta, si ricordò di suo zio a Puerto Rico, sopra di lei, che grugniva, gemeva, la scopava.

La bocca di Fernanda rimase aperta, un momento culminante. "Sì, sì", pensò mentre lo zio le entrava dentro. Fernanda non era molto indietro, il suo corpo tremava di piacere, un uomo nella sua mente: non era suo zio.

Riprendendosi dalla sua passeggiata nella memoria, gettò via la posta indesiderata e iniziò a preparare la cena per Jonny. Fernanda aveva davanti a sé una notte impegnativa e voleva che lui avesse delle cose per riscaldarsi, sperando che non uscisse di nuovo con sua zia. Avrebbe potuto ordinare a Jonny di non farlo, ma non aveva alcuna ragione valida o prova di qualcosa di inappropriato per farlo. In più Fernanda e Claudia erano molto legate.

*******

Più tardi quella sera, Fernanda si stava servendo per la cena a buffet in una sezione di South Beach dove si stavano svolgendo diversi servizi fotografici. Lei stava supervisionando tutto.

"Quindi da New York, sì?" Fernanda ha chiesto a una delle modelle, una ragazza nuova, sui vent'anni, che si è trasferita da lì di recente.

"Bene bene. Siamo lieti di averti con noi, Dolores", disse Fernanda, spostandosi lungo la fila per la cena. “Penso che questo speciale di ‘Lovely Latinas’ sarà un successo.”

"Per favore, chiamami Dolly", sorrise, ammucchiando un po' di frutta nel piatto. "E sì, sono molto entusiasta di girare con Elite Magazine."

Le due donne si sedettero a un tavolo vicino, chiacchierando ancora del loro passato. Fernanda ha notato che Dolly, di origine venezuelana, aveva un corpo perfetto che il gruppo demografico di Elite Magazine avrebbe amato: fondoschiena sinuoso, ampio, seno di buone dimensioni.

Un'ora dopo, mentre il sole cominciava a tramontare, Fernanda era dietro una tenda e pomiciava con una modella. Anche lui stava realizzando uno shooting per la prima volta con Elite Magazine. Era per la sezione fitness.

"Fer-Fernanda, ho -" riuscì a dire.

"Lascia che mi prenda cura di te molto velocemente," disse, facendo scorrere la mano su e giù per il suo rigonfiamento.

“Non posso. Devo andare", disse, gemendo ai suoi baci. "Ah merda."

"Sentirsi bene?" Chiese, comprimendo la sua erezione.

"Sì, ma devo andare!"

"Non mi ci vorrà molto per farti venire."

“Sei la signora capo. Se uno scatto si rovinasse a causa della mancanza di luce, non sarebbe una buona idea”, ha detto.

"Bene! Vai", alzò gli occhi al cielo. "Ulisse", lo chiamò. "Sono passati alcuni mesi."

"Lo so. Ci incontreremo più tardi stasera. Affare?" chiese Ulisse.

"Non vedo l'ora", sorrise.

Fernanda uscì da dietro la tenda, dirigendosi verso l'altro servizio fotografico che si stava svolgendo nello stesso momento. Sorrise, guardando Dolly girarsi, indossando un bikini perizoma rosa acceso, sporgendo il sedere.

Rodney, la modella con cui Dolly stava girando, si accovacciò accanto a lei, le sue mani le circondavano i fianchi, toccandole il sedere. I flash partirono dalle telecamere; Rodney aprì le chiappe di Dolly. Se non avesse indossato il perizoma, il suo buco del culo increspato sarebbe in mostra. Altri lampi, Rodney non sorride. Fernanda ebbe un'idea.





capitolo 3

Dopo alcune pratiche burocratiche e l'incontro con alcuni fotografi ed editori, Fernanda ha scoperto il nuovo modello per Elite Magazine, una delle tante pubblicazioni prodotte dall'azienda di Bob.

Dolly, con un asciugamano da spiaggia avvolto attorno al corpo, stava chiacchierando e ringraziando un fotografo dopo la sessione.

"Dolly, posso dirti una parola?" chiese Fernanda.

"Sì signora", sorrise Dolly, dirigendosi verso la neopromossa senior manager, Fernanda.

“Per favore, non chiamarmi signora! Ho solo, quanto, 10 anni più di te?" Fernanda ha scherzato.

"Ho 27 anni, quindi forse?"

“Ah. Nove anni quindi. Comunque, come sono andate le tue prime riprese oggi?"

“È stato fantastico! I fotografi erano così gentili.”

"Bene. Questo è quello che mi piace sentire. Com'era il modello con cui hai lavorato?" chiese Fernanda.

"Rodney?" Dolly alzò le spalle. "Sembrava carino, immagino."

Fernanda conosceva Rodney fin troppo bene. Non era la persona più amichevole o loquace. "Vedo. Ti ha fatto delle avance?" Lei strizzò l'occhio.

“Ah! Beh, più o meno, penso. Ha tenuto le mani su di me un po' più a lungo di quanto pensassi fosse appropriato."

"Vedo. Ti ha dato fastidio, perché se è così, farò in modo che..."

"No, no, va bene", disse Dolly.

"Fammi sapere se mai dovessi avere problemi."

"Lo farò, lo prometto."

"Bene. So che Rodney esce molto il sabato sera. Ti piacerebbe unirti a lui? Forse possiamo uscire entrambi e incontrarlo", chiese Fernanda, conoscendo la risposta di Dolly.

"Uh, no, no grazie", Dolly si voltò, guardando l'uomo massiccio. "A dire la verità. Sembra un po' così," Dolly fece una pausa, "ugh."

Fernanda scoppiò a ridere. “È un termine che non ho mai sentito usare per descrivere qualcuno prima. Ma sì, non c'è molto da dire su di lui, vero?" Dolly sorrise e scosse la testa.

Fernanda si schiarì la gola, si chinò per sussurrare: “Conosco un uomo molto, molto gentile che sta sparando un po' lungo la spiaggia. Magari possiamo incontrarlo più tardi. Io e te."

«Stai suggerendo che... ehm?» deglutì Dolly.

“Penso che tu sappia cosa intendo. E penso anche che quest'uomo ti piacerebbe molto più di Rodney," Fernanda sorrise, sperando che la giovane donna accogliesse il suo suggerimento.

*******

Sette ore dopo, poco dopo le due del mattino, Dolly era in piedi, nuda, stanca e sudata davanti al letto. Ulisse si sedette dietro di lei, leccandole lentamente la parte bassa della schiena, baciandole il culo, massaggiandolo dappertutto con le mani. Le tremavano le gambe, la schiena formicolio

Fernanda le si avvicinò, baciandole teneramente le labbra. "Vedere. Te l'avevo detto che ti sarebbe piaciuto."

"Uh eh, sì, moltissimo", Dolly si sforzò di dire, mentre Ulisse le leccava il culo.

"Bene. Portiamolo dentro di te di nuovo, "disse Fernanda, spingendo delicatamente Ulisse sulla sua schiena, mettendosi in ginocchio, dando diverse, lunghe leccate al suo cazzo, assaggiando la miscela di succhi di figa di lei e di Dolly.

Dolly si voltò, salendo lentamente su Ulisse. Fernanda guidò di nuovo il suo cazzo dentro di sé, e poi salì sul letto, gettando la gamba sul viso di Ulisse, sedendosi sopra.

"Pronto? Proprio come prima, sborreremo allo stesso tempo", ordinò Fernanda. Dolly annuì, le due donne si tenevano per mano, strofinandosi contro il cazzo e la lingua di Ulisse, lavorando verso un altro reciproco orgasmo.

Un'ora dopo, Fernanda scese dall'Ulisse per raggiungere Dolly, ancora nuda, fuori sul balcone dell'hotel.

"È una bellissima notte", disse Fernanda, passando alla sua lingua madre spagnola, facendo scivolare le mani attorno alla Dolly più bassa.

Dolly ridacchiò, appoggiando la testa contro Fernanda: “Certamente lo è. L’ultima volta che ho parlato spagnolo è stato in un sogno che ho fatto un paio di settimane fa”.

“Lo faccio sempre nella mia testa. Quando ci penso, non è mai in inglese”, ha detto Fernanda. Guardò Ulisse addormentato. "Sembra che lo abbiamo sfinito."

"Certo che l'abbiamo fatto", Dolly si voltò, baciando le labbra di Fernanda.

«Non avevo idea di quanto saresti stato un mostro. Ma sembra che tu sia una ragazza piuttosto selvaggia. Mi ricordi me stessa", ha detto Fernanda. "Tranne che probabilmente hai gusti migliori di me. Evitare Rodney lo dimostra."

"Grazie per avermelo presentato", Dolly annuì in direzione del loro amico addormentato.

“C’è qualcosa di cui voglio parlarti”, disse Fernanda. «Qualcosa che preferirei non sapesse. Ecco perché parliamo spagnolo adesso, nel caso in cui si svegliasse.

"Ah, molto intelligente", sorrise Dolly.

"SÌ. Beh, si tratta di sesso”, ha risposto. "Sesso e denaro", Fernanda prese a coppa il culo di Dolly. "Molti soldi."

"Vuoi che diventi una prostituta?" Dolly ha scherzato.

"NO! Non quello. Voglio darti una grossa somma di denaro se puoi fare qualcosa per me", disse Fernanda, tirando leggermente i lunghi capelli neri di Dolly, facendole inarcare il collo. Fernanda vi ha piantato diversi baci.

Dolly gemette: "Come, quanto?"

Fernanda fece scorrere la mano lungo lo stomaco di Dolly, arrivando al suo cespuglio tagliato, "$ 20 milioni". Fernanda fece scivolare ulteriormente le dita; strofinandoli contro il clitoride incappucciato di Dolly.

"Ahhh," gemette piano. "R-davvero?"

“Mmhmm. Tutto tuo se puoi fare una cosa semplice per me, "disse Fernanda, facendo scivolare il medio e l'anulare contro le labbra bagnate della figa di Dolly.

"Nulla!"

"Seduci un membro della famiglia", disse Fernanda, penetrando con le dita in Dolly.

"SÌ! Voglio dire, non lo so", ha detto Dolly. “Sono un sacco di soldi. Chi?"

Fernanda fece una pausa, riflettendo per un momento. Flash di suo zio, che la sbatteva contro più forte che poteva, poi la girava, riportava i suoi fianchi verso di lui, prendendola alla pecorina, le danzavano nella testa. L'adolescente Fernanda veniva ancora e ancora sul cazzo di suo zio. Ma non era chi voleva. Non era l'uomo che avrebbe voluto insegnarle tutto sul sesso.

"Tuo padre", rispose Fernanda alla domanda di Dolly, ripensando alla sua giovinezza e a quanto desiderava suo padre - quante notti era rimasta sveglia desiderando che fosse lui l'uomo, non suo zio, a fare l'amore con lei.

"Io, non lo so."

Fernanda riprese a toccare Dolly: “20 milioni di dollari, tutti tuoi, se lo fai. Ti aiuterò in ogni modo possibile. Ti comprerò dei vestiti nuovi, ti darò i soldi per comprargli dei regali, te ne manderò due in viaggio, sistemerò tutto."

"Fer - Fernanda", Dolly lottò per uscire, sentendo le dita del suo manager piegarsi verso l'alto dentro di lei. “Come farai, ah! Prova?" Dolly era di nuovo sul punto di raggiungere l'orgasmo.

Fernanda fece una pausa, pensando se fosse sicura di quello che avrebbe detto a Dolly. Si disse di sì. "Voglio vederlo. Di persona. Voi due lo farete davanti a me."

Ha ripreso a scopare Dolly con le dita, facendola raggiungere l'orgasmo: "Sì! SÌ!" gridò nell'aria umida della notte, 10 piani sopra il livello del suolo.

"Bene", Fernanda tirò fuori le dita. Sempre parlando spagnolo ordinò a Dolly di seguirla: "Andiamo a farci una doccia". Le prese la mano e la condusse in bagno.

Proprio in quello stesso momento, dall'altra parte, da Claudia, Jonny aveva difficoltà a stare lontano, lottando con tutte le sue forze per andare avanti, per continuare a baciare sua zia, per continuare a tenere il suo bellissimo viso, chiudendo le sue labbra con quelle di lei.

"Jonny", Claudia interruppe il bacio. "Andiamo a dormire. Erano stanchi."

"Lo so, ma è così carino", si compiacque.

"Jonny", Claudia gli lanciò uno sguardo che avrebbe lanciato una madre. Era sua zia, lo amava come una madre.

"Bene", sospirò.

“Sei stato davvero bravo. Hai fatto un ottimo lavoro", ha detto Claudia, mettendosi sotto le coperte.

"L'ho fatto?"

"Ovviamente. Il modo in cui mi hai tenuto il viso, il modo in cui la tua mano vagava sul mio corpo. Alle ragazze piace così."

Jonny sorrise: "Fantastico".

Claudia si addormentò pochi minuti dopo tra le braccia di suo nipote, felice di insegnargli tutto sul sesso, proprio come facevano lei e lo zio di Fernanda quando era più giovane.





capitolo 4

Fernanda tornò a casa alle 11 del mattino, chiedendosi come e perché Dolly fosse così ansiosa di accettare la sua sfida. Si chiedeva se Dolly e suo padre avessero un ottimo rapporto. Forse la sua famiglia era povera e aveva davvero bisogno di soldi. Non ne era sicura, ma non riusciva a togliersi dalla testa suo padre, un uomo che lei chiamava affettuosamente Papi. In effetti, era sempre nei suoi pensieri. Ogni uomo con cui andava a letto, faceva finta che fosse lui. Lo amava più di ogni altra cosa. Il suo zio predatore, che sembrava una versione più giovane di suo padre, non ha avuto problemi a infilarsi nei pantaloni di sua nipote, dicendo loro che avrebbe potuto essere il loro “insegnante” in fatto di sesso.

Jonny arrivò pochi istanti dopo sua madre, vedendo un'espressione irritata sul suo viso. «Ancora con Claudia?» lei chiese.

"Oh, sì", alzò le spalle. "Sto solo uscendo un po' durante il fine settimana."

Fernanda, più vecchia, più saggia e che ora sapeva cosa stava facendo lo zio, si chiedeva quanto sarebbe stato facile per Claudia depredare suo nipote. Claudia era bella e leggermente più bassa di Fernanda. Aveva un corpo sinuoso, Fernanda ha procurato a sua sorella alcuni concerti da modella con Elite Magazine. Il suo viso le ricordava un po' quello di qualcuno che non era di origine ispanica; potrebbe facilmente passare per libanese o israeliana.

Non sapeva se Jonny avesse una cotta per sua zia, ma non poteva biasimarlo se l'avesse fatto. Da qualche parte dentro di lei, era estremamente gelosa.

Questo schema si stava verificando ormai da diversi mesi. Jonny e sua zia trascorrevano sempre più tempo insieme, dalla fine dell'anno precedente. Di solito accadeva durante il fine settimana, il periodo in cui Fernanda lavorava di più.

"Andrai al ballo di fine anno?" chiese Fernanda a Jonny.

Alzò nuovamente le spalle. "Non è sicuro. Forse", ha detto. Cogliendo l'occasione aggiunse: "Claudia potrebbe venire con me".

"Che cosa?" disse Fernanda in tono piatto.

"Forse. Ne stavamo parlando da qualche parte. Sarebbe davvero bello. Ha detto che non è mai andata al ballo di fine anno. Mi sono offerto di portarla da me. Sembra abbastanza giovane, immagino."

Fernanda era furiosa, ma cercò di restare calma. “Jonny, penso che sarebbe meglio se prendessi una ragazza da scuola. Uno della tua età.»

“Potremmo anche non andarci. È solo un'idea. È una zia davvero fantastica.

Fernanda strinse i denti e poi fece un respiro profondo. “Non ho motivo di sospettare nulla. Nessuna prova. Forse è solo dolce con lui", si disse, calmando la rabbia. Lei non disse nulla e si diresse nella sua camera da letto. Mettendo da parte la rabbia, chiamò Dolly.

Quella sera le due donne cenarono. Hanno parlato dei loro piani. Fernanda fu felice di apprendere che Dolly prendeva sul serio la cosa e non era solo qualcosa a cui accettava nel calore di un orgasmo.

Il padre di Dolly era tornato in Venezuela pochi mesi prima dopo la morte della madre di Dolly. Aveva 60 anni e, a quanto pare, era un padre meraviglioso per Dolly e le sue sorelle. Fernanda disse che avrebbe mandato Dolly in Venezuela, l'avrebbe autorizzata e scusata per il suo tempo libero dalla rivista e le avrebbe inviato dei soldi, se avesse avuto bisogno di qualcuno che l'aiutasse a sedurlo. La visita di Dolly sarebbe stata una sorpresa, sarebbe rimasta con lui, si sarebbe presa cura di lui – si spera, in ogni modo.

Fernanda portò Dolly a farsi fare i capelli e le unghie qualche giorno dopo. Ha persino organizzato l'invio dell'affitto dell'appartamento di Dolly mentre Dolly era via. Non avevano idea di quanto tempo avrebbe impiegato Dolly a portare a termine la sua missione.

Pochi giorni dopo, venerdì sera dopo cena, Fernanda fece inchiodare Dolly contro la porta del suo appartamento, baciandole il collo. “Il mio volo di ritorno è domani presto. Devo andare a letto presto", disse Dolly.

"Mmhmm", Fernanda la ignorò.

«Ulisse non sarà in città neanche questo fine settimana. Per quanto tu sia meravigliosa, preferirei avere un cazzo", ha detto Dolly.

Fernanda fece voltare Dolly, sbattendola contro la porta, massaggiandole il sedere con l'inguine.

Dolly, scioccata, sussultò: "Fernanda è quella..."

“Un grosso cazzo? Sì,"Fernanda fece un passo indietro, tirò su la gonna lunga e fluente e rivelò un fallo strap-on facilmente nascosto.

“Resterò con te stanotte. Mi assicurerò che tu non perda il tuo volo. Forse puoi dormire durante il viaggio,” Fernanda fece l'occhiolino.

"Sei pazza", ridacchiò Dolly, guardando lo strap-on.

"Sono. E ti scoperò. Entra", ordinò.

*******

In quello stesso momento, Jonny era seduto sul divano di sua zia, con gli occhi spalancati. "Posso farlo?" le chiese.

Lei era in piedi di fronte a lui. Claudia ridacchiò, muovendo i fianchi da un lato all'altro: "Certo".

Jonny le mise le mani sui fianchi, agganciando i pollici ai suoi pantaloni da yoga grigi. Fece un respiro profondo e lentamente fece scivolare giù i pantaloni rivelando poco a poco il suo succoso culo nudo, finché non fu completamente rivelato, senza biancheria intima, a pochi centimetri davanti al suo viso.

"Wow", disse, fissandolo.

"Ti piace?" chiese sua zia.

"Uh Huh. È bellissimo."

“Jonny. Baciami il culo", finse di agitarsi con lui.

"OK!" disse, tuffandosi immediatamente, baciandole, afferrandole tutte le natiche.

"Sì è quello. Proprio così", gli ordinò sua zia.

"Aspetta", gli disse di fermarsi. "Bacialo profondamente", si chinò, allungandosi all'indietro, separando le natiche. "Ecco qua."

Jonny osservò il suo buco raggrinzito stringersi davanti a lui. "Porca miseria", pensò, prima di tuffarsi, leccandolo tutt'intorno con la lingua.

Pochi istanti dopo, lei lo fermò, lo fece sedere e si sedette sulle sue ginocchia. La sua erezione palpitante implorava dolorosamente di essere libera. Ma Claudia non lo avrebbe liberato. Invece trascinò lentamente il sedere nudo sui suoi pantaloni a tenda.

"Sentirsi bene?" lei chiese.

"Sì!"

"Bene", gemette. "Sento che ti piace."

"Io faccio. Molto."

"Oh Jonny," disse Claudia, adorando il modo in cui l'erezione di suo nipote scivolava tra le sue natiche.

"Io, io, penso che...", ha detto.

“Cum? Va bene, fallo", conclude Claudia.

"SÌ! SÌ!" Jonny gridò.

“Non vergognarti, fallo e basta”, lo rassicurava nel caso avesse dei dubbi. Lui, ovviamente, non l'ha fatta e l'ha voluta da quando si è interessato alle ragazze.

Con il cazzo esploso nei pantaloni, Jonny gettò la testa all'indietro sul divano, gemendo. “Ecco, è così. Lascialo uscire,” disse Claudia, sentendo una macchia umida contro il sedere.

Jonny le afferrò il sedere, stringendolo ancora una volta, mentre l'orgasmo lo attraversava.

«Molto bene, Jonny. Molto bene», disse Claudia, voltandosi, sedendosi sulle sue ginocchia, baciandogli il viso.





Capitolo 5

Fernanda arrivò a casa presto il pomeriggio successivo dopo aver lasciato Dolly all'aeroporto e aver fatto un po' di shopping. Jonny non c'era, nessun biglietto come al solito. Sapeva però che era con Claudia.

Jonny era al centro commerciale con sua zia. Guardavano le ragazze, Claudia gli chiedeva cosa pensava di quelle che tornavano indietro. Ha detto che alcuni erano carini o di bell'aspetto, ma nel complesso non erano molto interessati a loro. I suoi sorrisi e gli sguardi a sua zia rivelavano i suoi veri desideri.

"Allora ballo di fine anno o no?" chiese Jonny.

"Oh giusto. Sì, non lo so, Jonny. Voglio dire, guardami. Sono troppo vecchio!" lei rise.

“Potresti passare per un senior. Fidati di me."

“Stai proprio dicendo questo. Ma sarebbe carino. Nessuno saprebbe chi ero”, ha detto Claudia.

"Sì, avrei la ragazza più sexy lì."

"Certo", alzò gli occhi al cielo. "Sarebbe una serata speciale però," aggiunse lanciando un'occhiata al suo inguine.

Sorrisero, i loro occhi si incontrarono. Il telefono di Jonny squillò, distraendolo. Rispose salutando sua madre.

“Sì, stiamo semplicemente frequentando il centro commerciale. Probabilmente tornerò a casa presto", le disse.
“Sì, lo farò. Lo so", disse Jonny, ricordando i test per cui studiare.

“Ok, ciao,” concluse la chiamata, seccato.

"Faresti meglio a tornare a casa", disse Claudia.

“Posso venire a trovarti domani?”

“Non lo so. Non voglio che tua madre si arrabbi con me, distraendoti dallo studio."

«Va bene», sospirò.

Claudia gli tenne la mano vicino alla macchina, baciandolo sulla guancia per salutarlo. “Ci rivedremo presto. Lavoreremo su altro”.

"Altre cose?

Claudia annuì, sfiorando con la mano il rigonfiamento dei pantaloni di suo nipote. "Uh Huh."

Lo baciò ancora una volta e tornò a casa.

Fernanda aspettava, pensava, si interrogava su Claudia, suo zio, e sempre suo padre. La chiamò Papi, chiacchierando brevemente di Jonny che finiva il liceo, della sua promozione e di altre cose in generale. Era come tutte le loro telefonate, un po' noiose e obbligatorie. Avrebbe voluto dirgli che era innamorata di lui, ma non l'ha mai fatto, in tutti questi anni.

Jonny arrivò più tardi, sua madre gli disse di studiare.

Quella sera Fernanda ricevette un messaggio da Dolly sul cellulare. Era lì con suo padre, stavano andando a cena e lui era molto felice di vederla. Ha aggiunto che invierà e-mail a Fernanda per farle conoscere i suoi progressi in questa sfida da 20 milioni di dollari.

Fernanda sospirò, arrapata, annoiata, pensando di chiamare Rodney per una bella scopata, ma alla fine decise di non farlo. Si è invece raggomitolata sul letto, ha lavorato un po' sul suo portatile e ha guardato un film.

*******

Le email sono arrivate lunedì. Fernanda sedeva alla scrivania leggendone uno che aveva ricevuto prima di pranzo.

“Finora le cose stanno andando alla grande. L'ho aiutato a spostare fuori alcuni vecchi oggetti e oggetti di mamma. Ho pulito la casa. L'ho portato a cena. È stato così felice di vedermi; è stata una sorpresa totale. La parte migliore è stata ieri sera. Sono andato a dormire tra le sue braccia. Mi ha chiesto se vedevo qualcuno e io ho detto che era l'unico uomo con cui volevo passare il tempo. Ho riso e mi sono tenuto più vicino.

Indossavo solo una maglietta larga, quindi quando finalmente è andato a dormire, sono scivolata fuori dal perizoma e ho tirato su un po' la maglietta, esponendo il sedere. Questa mattina la sua mano era appoggiata dove iniziava il mio sedere. Non credo che se ne sia accorto.

Lo porterò fuori di nuovo stasera. Voglio che sia romantico. Magari faremo una bella passeggiata e poi, chi lo sa!”

Fernanda si ritrovò a immaginare invece che fossero lei e suo padre. Ha chiuso l'e-mail, frustrata, ma fiduciosa che Dolly avrebbe avuto successo, guadagnando così 20 milioni di dollari per se stessa.

Quella sera Jonny arrivò tardi a casa da scuola. Fernanda si chiedeva dove fosse, ma in fondo lo sapeva.

Quello che non sapeva è che suo figlio era impegnato a baciare sua zia, ad afferrarle il sedere e a scoparsela fino a quando non è tornato di nuovo nei pantaloni.

Fernanda cenò da sola, sperando che sua sorella non stesse assumendo il ruolo dello zio.

Il giorno dopo, un'altra email.

“Gli ho detto quanto lo amavo ieri sera. Ce lo siamo detto spesso, ma questa volta è stato diverso. Penso che potrebbe dirlo. Mi rannicchiai di nuovo tra le sue braccia, indossando solo una lunga maglietta. L'ho baciato. Non intendo un bacio, ma un lungo bacio sulla bocca. Ne fu sorpreso, ma non ne sembrò troppo innervosito. Farò in modo che diventi un'abitudine: baciarlo.

Domani andremo in spiaggia. Ho solo piccoli bikini perizoma usati dai miei servizi fotografici Elite Mag.

Fernanda, devo ammetterlo, questa cosa mi eccita moltissimo: questa sfida e i soldi che ne derivano. Come ho detto prima di partire, sei pazzo, ma suppongo di esserlo anch'io.

Era un'altra ripetizione di quanto accaduto la sera prima; a casa da sola, aspettando che Jonny arrivasse per cena. Però non l'ha mai fatto, dicendo che ha mangiato da Claudia quando finalmente si è presentato. Salutò la madre e andò a studiare.

Non ha menzionato che sua zia gli aveva permesso di vedere il suo seno quella notte. Claudia si lasciò accarezzare, baciare, succhiare. Era così bello che lei si schiantò contro la sua erezione facendoli raggiungere l'orgasmo.

“Fernanda, sto giocando con la mia figa mentre scrivo questa email. Ho fatto la doccia con lui! In realtà gli ho fatto il bagno ed eravamo entrambi nudi ed è stato fantastico! Sembrava naturale.

Siamo stati in spiaggia tutto il giorno. Ha scherzato sul mio sedere, dicendo che sembrava essere una manciata. Gli ho preso la mano e l'ho messa lì. L'ha stretto un paio di volte, ne abbiamo riso sopra.

Poi dopo cena ho suggerito di fare una doccia. Era riluttante, il che non era una sorpresa. Gli ho detto che ero solo io e che gli avrei strofinato la schiena.

Restammo lì nudi, senza preoccuparci, mentre gli pulivo la schiena. Poi si è seduto sulla panchetta e gli ho lavato i capelli. Mi appoggiò la mano sulla vita. Era così carino. Non era eretto, ma sembrava così normale. Tra qualche giorno ti farò sapere come andranno le cose. Stiamo andando a fare un giro turistico."

Fernanda scosse la testa: "È così facile per lei." Spense il portatile e tornò a casa per la giornata.

Rimase seduta da sola, pensando a suo padre, ancora a Porto Rico, pensando di chiamarlo, ma non voleva disturbarlo. Si chiedeva spesso se sapesse che suo fratello minore si scopava le sue figlie. Se lo ha fatto, non ne ha mai parlato.

Jonny era a casa e stava studiando ancora una volta. Fernanda lo guardò; sorrise, annuì e tornò al suo libro.

Il suo telefono squillò, era Claudia. Sabato sera ha invitato Fernanda in un nuovo club che stava aprendo. Lei rifiutò, concludendo la breve e un po' concisa telefonata. Non voleva vedere sua sorella.





Capitolo 6

"Dove stai andando?" ha chiesto Fernanda a suo figlio sabato sera. Si stava aggiustando la cravatta.

"Claudia mi ha invitato fuori con le sue amiche."

“Oh no, no, no. Non credo», rispose sua madre con il suo forte accento.

"Che cosa? Usciremo e basta."

«Allora vado anch'io», sbottò Fernanda. Si chiedeva perché non gli avesse semplicemente ordinato di restare a casa. Parte della sua voleva conferma per se stessa di ciò che sua sorella stava facendo.

La notte è stata abbastanza infelice per Jonny. Claudia stava bene, assicurando a suo nipote che tutto era bello e per rilassarsi.

Andarono in un club più di 18 anni e Fernanda era in tutto suo figlio - era completamente imbarazzato. Non avrebbe permesso a Claudia vicino a lui; Non le avrebbe dato la possibilità di toccare comunque suo nipote.

Rodney si presentò da solo. Si avvicinò a Fernanda, chiedendole una danza, mettendogli una mano sul culo. Lei gli fece via la mano, regolando il suo vestito corto, "No!"

"Che diavolo?" chiese; stordito.

"No", Fernanda gli diede uno sguardo severo.

Rodney scrollò le spalle, camminando verso Claudia successivamente, lo rifiutò educatamente, spiegando che stava uscendo con sua sorella e suo nipote. Rodney è tornato a casa da solo.

Così fece Claudia. Fernanda si è assicurato. L'abbraccio tra zia e nipote fu interrotto da una madre sempre più gelosa. "Sali in macchina", ordinò suo figlio.

Si scrollò le spalle e salutò addio a Claudia. "Sì ok?" chiese a Fernanda.

"Bene", ha mentito.

Era tutt'altro che bella. Sapere cosa stava facendo Dolly in Venezuela, sospettando cosa stesse facendo Claudia con suo figlio, e volendo ancora che suo padre la rendesse miserabile.

Rimasero in silenzio sulla strada di casa. "Non mi farai i complimenti?" era l'unica cosa che ha detto a suo figlio.

"Uh, beh, sei brava mamma," disse Jonny. Fernanda scosse la testa. Non c'era nulla nella sua risposta, nessuna emozione, nessun desiderio.

Desiderio. Questo è ciò a cui si è ridotto. Jonny non la desiderava, come desiderava suo padre. Ora sospettava che Claudia stesse ricoprendo il ruolo di loro zio.

*******

"È fantastico qui. Ma penso di poter convincere papà a tornare in America e stare con me lì, vivere con me che è. Ho solo bisogno di un po 'più di tempo. Ma ora siamo molto più vicini. Facciamo il bagno regolarmente insieme. È tutto molto innocente, ma posso dire che mi trova sessualmente attraente in base al modo in cui mi guarda sotto la doccia. È persino flirtato con me - fare una battuta sull'essere il mio ragazzo, quindi un ragazzo di ciottoli non mi porta via. "

Fernanda si strappò alla sua scrivania la settimana successiva. Pensò al suo papi. Perché non poteva essere lui, si chiese. Perché non potrebbe essere lui a prendere la sua verginità? Si chiedeva se questa sfida a Dolly fosse un errore.

Altri pochi giorni, più e -mail. Fernanda aveva un mal di testa palpitante seduto da solo a tavola, chiedendosi cosa stesse facendo suo figlio. Ha detto che aveva un gruppo di studio a cui andare, ma lei non sapeva se fosse una bugia.

Era.

"SÌ! Ecco, Jonny! " Sua zia esclamò le ginocchia, la sua mano afferrava la base del suo cazzo, osservandolo seme di scatto.

"Vedere? Non è stato carino? Inoltre, adoro fare lavori a mano ", ha detto, asciugandosi la mano pulita, dando a Jonny un tovagliolo di carta.

"Sì", disse l'adolescente, senza fiato. "Carino."

Claudia si sedette accanto a lui, appoggiandosi contro di lui. Lei si mosse il braccio, posizionandolo attorno a lei. "Ci divertiremo così tanto nel prossimo futuro."

"Uh eh", disse Jonny, ancora scioccato.

Un'altra mattina; Un altro aggiornamento da Dolly.

"Non mi interessa nemmeno più i soldi. Mi sto divertendo così tanto con lui. Pensare che lui e io potremmo essere così, solo noi due, insieme. Non potrei mai sostituire mia madre, ma penso che sappia che potrei essere una specie di sostituto, un compagno.

Abbiamo baciato sempre di più. Non solo becca, ma baci lunghi in bocca. Mi sono seduto in grembo ieri sera dopo cena, facendomi scorrere le mani tra i capelli, solo baciandogli il viso, la bocca ancora e ancora.

Mi sono ritrovato, sdraiato tra le sue braccia l'altra sera, volendo abbassare i pantaloncini e prenderlo in bocca. In realtà volevo bere il suo sperma. Sono seduto qui a scrivere questa e -mail, immergendomi. Voglio ingoiare ogni goccia di lui, sapendo che l'ho causato e mi prendo cura di lui. "

Fernanda ha chiuso il suo programma di posta elettronica. Ha trascorso un weekend intenso davanti a sé. Ha dovuto incontrare un nuovo fotografo e partecipare a un evento che la società stava organizzando. Guardò fuori dalla finestra dell'ufficio, chiedendosi cosa avrebbe fatto Jonny quella notte. Si arrabbiò pensando che avrebbe preferito stare con Claudia che sua madre.

*******

La bocca di Claudia piena di seme quella notte. Non ci è voluto molto. Alcuni lunghi leccati e diversi succhiano la testa di cazzo di Jonny ed è scoppiata in lei. Sorrise interiormente sentendo il suo seme caldo ricoprire la gola, senza mai distogliere gli occhi dal nipote.

Deglutì ogni singola goccia, poi si sedette accanto a lui, sussurrandosi all'orecchio: "Stasera starai con me. Faremo una doccia un po ', e poi succherò il tuo cazzo tutta la notte. "

All'evento, Fernanda si voltò quando senteva la voce profonda di Rodney dietro di lei. "Oh ciao", disse.

Rodney aspettava che fosse sola, vedendo i suoi colleghi di lasciare per rinfrescare i loro drink. Erano in un angolo di una sala per banchetti dell'hotel, trasformati in una sala da ballo temporanea. Era a bassa illuminazione e luci stroboscopiche lampeggianti.

"Proprio qui, proprio ora," comandava Rodney. Gli occhi di Fernanda si trascinavano verso il suo cavallo. Il cazzo di Rodney era in giro. Sospirò e scosse la testa.

"Cosa ti ha preso?" chiese.

L'unica cosa nella sua mente era suo padre, suo figlio e sua sorella. Jonny disse che stava a casa quella notte, ma in fondo sapeva che stava mentendo.

All'appartamento di Claudia, erano sotto la doccia, baciando, mani che vagavano su tutto il corpo.

"Ti voglio", disse Jonny. "Voglio andare fino in fondo."

“Lo so. Ma non ancora. Ho piani per te ”, disse Claudia girandosi, macinando il sedere contro la sua erezione. Le sue mani le coprirono il seno.

"Prom Night", disse sopra la sua spalla. "Allora andremo fino in fondo. Per ora, dammi la mano. "

Jonny fece come sua zia comandava. Lei guidò la mano alla sua figa, “proprio qui. Strofina così. Continua fino a quando l'acqua non fa freddo. "

Dopo aver abbassato Rodney, insieme ad alcuni altri, Fernanda se ne andò, quasi in lacrime. Chiamò suo padre, non c'era risposta; Probabilmente era nel letto. Pensò di chiamare Bob, fargli sapere che Dolly era vicino e la sfida era quasi completa. Ha deciso di non farlo. Le ha ricordato quanto stavano diventando vicini Dolly e suo padre - la gelosia cresce.

È tornata a casa invece. Jonny non era lì, proprio come sospettava. Lo chiamò, nessuna risposta. Finalmente dopo mezzanotte gli venne un messaggio. Ha detto che un amico lo ha invitato a passare la notte, stavano giocando ai videogiochi. Jonny era ancora da sua zia, ovviamente, sdraiata sul suo letto, nuda, osservandola mostrargli tutte le diverse tecniche di succhiamento del cazzo che aveva raccolto nel corso degli anni.

Fernanda pianse per dormire. Neanche a lei importava più i soldi.





Capitolo 7

"L'abbiamo fatto", è stata l'unica riga dell'e -mail di Dolly che Fernanda ha ricevuto al lavoro pochi giorni dopo. Si sedette, fissandolo silenziosamente, leggendolo ancora e ancora.

"È fatto allora", si alzò, portò l'ascensore al piano terra e prese un caffè. Non aveva nulla da dire, si sentiva insensibile.

Quella notte a casa, Jonny disse casualmente che stava davvero andando al ballo tra un paio di settimane e che Claudia stava per "taggare". Lo ha giocato, come se non fosse niente di serio.

"Sarà bello immagino. Non lo so. Ha detto che non è mai tornata quando ha vissuto a Puerto Rico. Quindi qualunque cosa ”, scrollò le spalle, come se non fosse nulla.

Sua madre non ha risposto, annuì solo, quasi non importava più.

La mattina dopo ricevette un'altra e -mail da Dolly.

“È stato incredibile. È stato perfetto. Gli ho parlato dei soldi, ha riso e ha concordato che potevamo farlo. Ha anche detto che senza questa sfida, probabilmente sarebbe stato d'accordo nel fare l'amore con me. Ha detto che non lo avrebbe mai iniziato, ma se lo facessi, avrebbe lasciato che accadesse.

Non posso crederci! Grazie, Fernanda! Arriveremo a Miami tra un paio di settimane. Non vediamo l'ora di vedervi. Inoltre, non sono sicuro che vorrebbe fare sesso con uno sconosciuto, quindi dovremo risolvere qualcosa.

Comunque, abbi cura di te! "

*******

Jonny chiese a sua madre se fosse d'accordo più volte nel corso della settimana successiva. Ha mentito, dicendo che era solo stanca. Ha continuato a visitare sua zia, amando le lezioni di figa. Jonny divenne abbastanza bravo, facendo venire facilmente sua zia.

Fernanda non ha fatto nulla. Una telefonata a suo padre finì con lei che gli diceva quanto lo amasse, pensando a Dolly e suo padre, sull'orlo delle lacrime.

"Stai bene?" Chiese il padre di Fernanada.

“Sì, mi manchi. Ho bisogno di farti volare qui per visitare presto. "

C'è stata una breve pausa: “Mi manchi anche tu tesoro. Ci vediamo di nuovo prima di Natale. "

Quella notte, insieme a molti altri, Fernanda fece un sogno ricorrente.

Era sulla schiena su una spiaggia, suo zio in cima, scopandola. Non sentiva nulla. Guardò alla sua sinistra, vedendo Dolly, nuda, tenendosi per mano con un uomo che Fernanda presumeva fosse il padre di Dolly. Stavano ridendo, felici, innamorati.

Fernanda si rivolse alla sua destra. Vide Jonny e Claudia, anche nude, tenendosi per mano, camminando lungo la spiaggia. Stavano ridendo, felici, innamorati.

Si rivolse a suo zio. Sorridò e gli bloccò la lingua in bocca. Quando finì il bacio, andò in ginocchio, si alzò e iniziò a sollevare il suo cazzo, puntandolo sul viso di Fernanda. Quindi ha iniziato a cambiare. Diventa un po 'più vecchio, i capelli leggermente più grigi; Si stava trasformando nel padre di Fernanda.

“Si! Si! " Chiamò in spagnolo, ma suo padre smise di accarezzare il suo cazzo, scosse la testa e si allontanò da lei. Fernanda lo inseguì, ma si mosse molto più lentamente in questo sogno. Lo guardò camminare nell'oceano, sbiadendosi dalla vista, il sogno che finisce.

*******

Fernanda si sedette di fronte a Dolly e suo padre a pranzo la settimana successiva. Si tenevano per mano, sembrando più un paio che genitore e figlio. Fernanda ha fatto del suo meglio per essere educata, anche se all'interno era infelice.

Quel pomeriggio, ha adattato la cravatta di Jonny, sospirando pesantemente. "Sei sicuro che stai bene, mamma?"

“Sì, solo il lavoro è stato davvero difficile dalla promozione. Starò bene ", ha detto. “Cosa stai facendo dopo il ballo?

“Probabilmente lascia cadere la zia Claudia e poi vai dai miei amici. Sta vivendo alcune persone ", ha mentito Jonny.

"Vedo. Bene, divertiti ", ha detto, vedendolo.

Aveva una notte intensa davanti a sé, una temeva. Fernanda avrebbe incontrato Dolly e suo padre per una bella cena, poi camminava per South Beach per dare un'occhiata a un po 'della vita notturna. Fernanda avrebbe affermato di sentirsi male, Dolly le avrebbe intrufolato una chiave di riserva per il suo appartamento, e Fernanda sarebbe andata lì, aspettando che tornassero. Dolly ha suggerito di nascondersi sotto la doccia. Il letto di Dolly era organizzato in modo che il grande specchio del bagno prese il suo riflesso. Avrebbe una visione perfetta di loro.

Fernanda ha aspettato circa 30 minuti, sentendosi leggermente sciocco, ma ha bisogno di vederlo come una prova e forse ha bisogno di vederlo per vivere in modo vicario attraverso Dolly.

I due amanti non hanno perso tempo ad arrivare all'azione. Fernanda ha raggiunto il picco dietro la tenda della doccia, osservandoli riflessi dallo specchio del bagno.

Dolly praticamente strappò lei e i vestiti di suo padre. Lo montò, lo cavalcò e venne così rapidamente.

Fernanda era bagnata, osservandoli, incapaci di distogliere lo sguardo. Il letto tremò, sbattuto contro il muro. Il culo di Dolly sbatté più e più volte sul suo cazzo. Rotolò in cima, baciandola mentre rotolava; sbattendo i fianchi in lei. Era un uomo più anziano, ma andava a Dolly come qualcuno molto più giovane.

Jonny entrò nella mente di Fernanda per una frazione di secondo; Si chiedeva quanto sarebbe stato bravo a letto, se fosse mai stato in grado di insegnargli qualcosa. La sua attenzione tornò al carrello. Era a quattro zampe, dicendo quanto lo amava in spagnolo.

Si tirò fuori e Dolly pulitò il suo cazzo, lo tirò sopra e continuò. Alla fine, entrò dentro di lei, entrambi climalando un'ultima volta, sussurrando dolci nothings nelle orecchie dell'altro. Fernanda era sull'orlo delle lacrime, non riusciva nemmeno a masturbarsi mentre lo guardava.

Dolly tenne suo padre, la sua faccia si allontanò dall'ingresso del bagno. Fernanda punta fuori dalla doccia, tenendo le scarpe, lentamente, camminando tranquillamente accanto a loro, il tappeto nascondendo tutti i suoni che poteva emettere. Aprì la porta dell'appartamento, chiudendola il più silenziosamente possibile. Fece scivolare la chiave sotto la porta e se ne andò.

Seduta in macchina, ha guardato l'assegno per $ 20 milioni di soldi di Bob che ha scritto in precedenza. Sigiò la busta in cui si trovava e tornò alla porta di Dolly, scivolando sotto.

Fernanda lasciò il complesso, guidando a casa. Ha cambiato idea a metà strada lì, la tristezza che si rivolge alla rabbia. Invece è andata a quella di Claudia.

"Mangia la mia figa, tutto qui, proprio così", ordinò Claudia suo nipote. Era sulla schiena, le gambe agganciate intorno alle sue spalle, tenendo Jonny in posizione. Non avevano idea che Fernanda fosse in arrivo.

"Perché non potrei solo dire a Papi come mi sono sentito?" Si chiese, accelerando le sue zie. "Perché non potrei dire qualcosa? Ero troppo spaventato. "

Si è ritirata nel complesso di appartamenti di Claudia. All'interno dell'appartamento, Claudia stava smentindo forte sul viso di suo nipote. Si alzò, lo tirò in soggiorno, lo spinse sul divano e sorrise.

"Pronto?" lei chiese.

"Lo sono", sorrise.

Fernanda fissò l'auto di suo figlio nel parcheggio. "Lo sapevo." Sbatté rabbiosamente la porta della sua auto e marciò verso l'appartamento di Claudia.

"Questo sarà così buono", disse Jonny, guardando sua zia montare, afferrando la base del suo cazzo, guidandolo sulla sua figa.

"Sì. Ricorda, va bene se all'inizio non dura a lungo. Abbiamo avuto tutta la notte ", ha sfregato il clitoride con la punta del suo cazzo. "Mmm" gemette.

Fernanda scoppiò attraverso la porta, erroneamente lasciata sbloccata da sua sorella. Rimase a guardare con orrore mentre il cazzo di suo figlio stava riposando all'ingresso della figa di sua sorella. Tutti e tre erano paralizzati e scioccati sui loro volti.

"Lascialo stare! Ora!" era tutto Fernanda riuscito a urlare. Claudia ha rispettato, incerto su cosa dire o fare.

"Vestirsi!" Fernanda strinse i denti, fissando suo figlio. Guardò Claudia, scuotendo la testa, mentre Jonny si mise in fretta.

"Siediti nella mia macchina, aspettatemi" ordinò sua madre. Jonny corse fuori, completamente imbarazzato.

"Come hai potuto?" Fernanda chiese a sua sorella, le lacrime che le stringevano sul viso, i suoi sospetti si rivelano vere.

"Fernanda, posso spiegare, ho pensato di fare -"

"Sii come nostro zio?"

"NO! Niente del genere, non come lui, è diverso ", supplicò Claudia.

Fernanda si sedette sul divano, tenendo la testa, piangendo. "Non mi ha mai chiesto. Non ha mai detto che mi voleva. Non ha mai mostrato interesse. "

"Chi?" Disse Claudia, seduta accanto a sua sorella, strofinandosi la spalla.

"Jonny!"

"Oh Fernanda, mi dispiace", ha detto Claudia.

"Qui gli stavi insegnando tutto, proprio come ha fatto nostro zio."

"So quanto ami i papi."

"Per tutto il tempo che avrei voluto che Papi lo facesse", gridò Fernanda.

"Lo so, lo so," la abbracciò Claudia.

"Avrei voluto che Jonny fosse il figlio di Papi, no -"

"Nostro zio. Lo so, "Claudia baciò il lato della testa di sua sorella.

“E ora Jonny e te. Non è mai venuto da me per il sesso o me lo ha chiesto. Non mi ha mai desiderato affatto ", Fernanda è riuscito a uscire tra i singhiozzi. "Gli hai già insegnato tutto!"

"No, non l'ho fatto. Onestamente. C'è una cosa che non abbiamo fatto ", ha detto Claudia. Si inclinava il mento di sua sorella per affrontarla. “Non mi ha mai penetrato. Stavamo andando, ma "scosse la testa," Sei entrato e non è successo. "

"Puoi insegnarglielo", sussurrò Claudia all'orecchio di Fernanda. “Puoi essere quello con cui va fino in fondo. Proprio come volevi con Papi. "

"Ma come? Non mi vuole così. "

Claudia ridacchiò: "Penso che troverai un modo per farlo accadere. A volte sei stato conosciuto per essere prepotente. Prendi quel ragazzo e rendilo tuo. "

Fernanda si asciugò le lacrime. "Lo faccio. SÌ."

Entrambi si fermarono. "Mi dispiace, Fernanda. Spero che tu possa perdonarmi ", ha detto Claudia.

"Io posso. Stai lontano da mio figlio. Mi capisci?" Fernanda puntò il dito indice in faccia a sua sorella. "Almeno fino a quando non lo scopro."





Capitolo 8

Entrando in macchina, Fernanda disse a suo figlio che il suo culo era suo; Jonny non aveva idea che fosse un doppio significato.

Divenne la sua schiava di casa per le prossime due settimane. Ha pulito la casa dall'alto verso il basso. Jonny è stato anche creato per applicare la lozione alle lunghe gambe di sua madre dopo la sua doccia. Lei sorrise guardandolo lavorare, seduto lì nella sua veste.

Lo fece da mangiare all'uva, gemendo in modo suggestivo con ogni boccone, a volte rosicchiandosi alle dita.

Lo ha fatto falciare il cortile, ma non gli ha permesso di fare la doccia in seguito. Fernanda gli ordinò di togliersi la camicia se faceva caldo. Jonny scrollò le spalle, seguendo gli ordini, temendo che la punizione potesse essere peggio.

Lo fece strofinare la lozione Suntan sulla schiena, dicendogli di sganciare il suo bikini. Ha armeggiato ma lo ha fatto senza lamentarsi.

Di notte, dopo aver studiato per i suoi esami finali, lo fece strofinare indietro mentre era seduto sul sedere. Era nuda ed era coperta da un foglio sottile. La massaggiò indietro fino a quando le sue mani non erano stanche, non si lamentava mai una volta per i gemiti sessualmente carichi che sua madre stava facendo.

Dopo la laurea del liceo, Fernanda ordinò a Jonny di portarla fuori, celebrando segretamente il suo successo, ma non dirlo.

Come prevedeva Fernanda, Rodney era al club, in cerca di figa.

"Vedi quel ragazzo lì?" Fernanda ha indicato Rodney a suo figlio. "Difendermi da lui."

"Che cosa?" chiese sua madre non rispondeva, dirigendosi al bar.

Ha camminato per il suo vestito già corto, aspettando che Rodney si muova. Il pizzico sul culo le fece sapere che era dietro di lei. "Ciao" sorrise, guardando a suo figlio.

Jonny guardò sua madre, prendere il braccio di Rodney, seguendolo sulla pista da ballo. "Difendila?" si chiese.

Pochi istanti dopo, ha messo insieme due e due. Sua madre si stava affrontando da Rodney, macinando il sedere contro di lui. Jonny guardò Rodney afferrare il seno da dietro. "Merda", si alzò, realizzando il gioco che stava giocando.

Ha toccato Rodney sulla spalla, "Mi scusi."

"Che cosa?" Si voltò, rilasciando una manciata di tit.

"Uhm, è con me stasera", ha detto Jonny goffamente.

"Cosa hai detto?" Rodney lo guardò, sua madre sorrideva da dietro l'uomo enorme.

"Sono salito, è con me."

"Vaffanculo. Questa figa è mia stasera ", ha detto Rodney, girando a tentoni e a secco a sua madre.

"Oh schifo", Jonny aveva paura. Spaventato per il grande uomo e spaventato che sua madre sarebbe ancora più difficile da affrontare se non facesse ciò che ha comandato.

Jonny afferrò il braccio, si mosse rapidamente dall'altra parte di Rodney, mise il braccio attorno alla vita di sua madre, tirandola stretta contro il suo corpo. "Ho detto", ha dato un'occhiata a Rodney, "È con me stasera."

Rodney ridacchiò, guardandosi intorno, non volendo essere arrestato per aver picchiato un ragazzo giovane. Diede un'occhiata a Fernanda che annuì. "Bene. Bene. Portala allora. Stronzo. "

Jonny guardò Rodney Walk Way, il suo cuore correva.

"Molto bene", disse sua madre, gettando le braccia attorno a lui, sperando che balli.

“Possiamo tornare a casa adesso? Potrebbe avermi ferito. "

"Non ancora, sono con te stasera. Ricordare?" Fernanda ha detto. Afferrò le mani di suo figlio, le guidò lungo i fianchi e le mise sul culo. I suoi occhi si spalancarono da imbarazzo. Li ha tenuti lì per il resto della canzone. "No, non ti farebbe del male. Fidati di me."
A casa, un piccolo asciugamano drappeggiato sul corpo nudo di Fernanda. "Questa volta mi strofina anche le gambe."

Jonny ha fatto il meglio che poteva, rimproverato per non massaggiare abbastanza forte. Si passò le mani sulla parte posteriore delle cosce, ascoltando seducente sua madre gemita. Non aveva idea di che tipo di gioco stesse giocando, ma ha raccolto tutto il potere di volontà che riuscì a trovare per impedire al suo cazzo di essere eretto.

*******

Ha fatto accompagnare Jonny ad Atlanta la settimana successiva. Hanno volato nel jet privato di Bob. Fernanda aveva soldi da raccogliere.

"Congratulazioni", ha detto Bob, consegnandole un assegno per $ 20 milioni. "Cosa c'è che non va?"

Fernanda lo guardò, scuotendo la testa, pensieri su suo padre che le saltarono di nuovo in testa.

"Bob", ha aperto. “Mio zio ha approfittato di me e delle mie sorelle in giovane età. È diventato molto consensuale. Lo amavo. Avevo bisogno di lui regolarmente. Sai perché?"

Bob, uno sguardo preoccupato sul suo viso, le chiese di continuare.

“Perché desideravo che fosse mio padre con cui ero. Ho fatto finta che fosse lui per così tanto tempo. Quando mio zio mi ha impregnato con Jonny, ho voluto che mio padre lo avesse fatto. Ma non ha mai saputo di cosa è successo. Mio zio è morto in un incidente di guida ubriaco quando avevo 19 anni, mio ​​padre non ha mai saputo di noi. "

"Fernanda, mi dispiace tanto", ha detto Bob.

“È per questo che ho sfidato Dolly a sedurre suo padre. È come se potessi sperimentarlo con lei. Ma non l'ho mai fatto. Mi ha fatto solo molto di più per lui. C'è più. Mia sorella ha iniziato a mostrare segni di comportamento come mio zio con Jonny. Entrai su di loro, erano nudi e lei era sopra di lui. Non era ancora successo nulla, ma un secondo dopo - "

"Capisco", ha detto Bob.

“Ero più geloso che arrabbiato. Volevo che Jonny mi desideri come facevo mio padre quando mio zio mi stava prendendo ”, Fernanda scosse la testa, guardando il controllo.

"Eccomi, un milionario grazie a te, e sto pensando sempre di più ogni giorno alla seduzione di mio figlio. Portandolo, scopandolo, proprio come volevo che mio padre mi facesse. "

"Allora fallo," disse Bob in modo piatto. "Fallo. Torna nella tua camera d'albergo, spogliati e prendilo. "

Bob frugò attraverso la sua scrivania, trovando un opuscolo, lanciandola a Fernanda, “Inferno, vai lì e fallo. Prenditi del tempo libero se vuoi, vai lì questa settimana. "

Fernanda guardò la brochure. Era per un resort alle Bahamas.

“Dopo averlo reso tuo, allontanati da Miami. Muoviti un posto speciale dove tu e lui potete stare insieme, proprio come volevi che tu e tuo padre fossero. Conosco il posto giusto. "

"Non so cosa dire", annusò Fernanda.

"Andare. Prendi il ragazzo, rendilo un uomo, fai l'amore con lui e rendilo tuo. "

Fernanda iniziò a sorridere, poi ridendo. Rimase in piedi, abbracciando Bob, baciandolo ancora e ancora: “Potrei scoparti adesso. Ma ho un volo per prenotare! "

"Questo è lo spirito!" Disse Bob, schiaffeggiando il culo di Fernanda mentre si girava per andarsene.





Capitolo 9

“Mamma, cosa stiamo facendo? Perché stiamo andando lì?" Chiese Jonny, caricando la macchina per dirigersi all'aeroporto di Atlanta.

"Stai zitto", scattò sua madre. "Tu ed io, vacanza, non fare domande."

Jonny scrollò le spalle, chiedendosi se questo faceva parte della sua punizione molto, molto bizzarra.

*******

Il resort era un punto di vacanza immacolato, recentemente rinnovato. Aveva il suo staff e le stanze erano fondamentalmente ville, ognuna con il proprio cortile con una vasca idromassaggio gorgogliante.

Ma a Fernanda non importava. Aveva una cosa in mente. Jonny la seguì dietro, andando verso la loro villa.

Entrando, posò i bagagli e controllò il bagno dopo aver notato che c'era solo un letto. Aveva voglia di indicarlo, ma teneva la bocca chiusa. Jonny notò che la doccia era enorme e c'era una vasca idromassaggio nel cortile sul retro.

"Immagino che sia carino", pensò, girando per rientrare nella loro stanza.

Fu incontrato da sua madre, sbattendo e bloccandolo contro il muro. "Mamma?"

Jonny osservò sua madre praticamente strapparsi la camicetta, rivelando grandi seni nudi. Si spense rapidamente dalla gonna, calciandola.

"Mamma! Sei pazzo?" Jonny pianse. La sua domanda è stata accolta con uno schiaffo in faccia da sua madre.

"SÌ! Voglio dire, no! Voglio dire, ”Fernanda fece una pausa, gli occhi sfrecciati di lato. Afferrò suo figlio, baciandolo il più forte che poteva.

"MMMPH", Jonny cercò di parlare, la bocca coperta da quella di sua madre. Ha lottato per spingerla via, ma lei si aggrappò a lui strettamente. Si stava muovendo all'indietro, trascinandolo sul letto. Si voltò, spingendolo sul materasso, rompendo il bacio.

"Mamma! Cosa fai?" Jonny urlò. Sua madre si scontrò sopra di lui, a cavalcioni, bloccandolo.

"Non parlare", disse, tirandolo alla cintura.

"Non aspettare! Per favore!" Jonny supplicò.

"Non ho detto di non parlare", Fernanda gli afferrò il viso, fissando gli occhi, a pochi centimetri dalle labbra. Lo baciò di nuovo, un bacio lento, lungo e pieno di sentimento.

"Ho intenzione di finire quello che ha iniziato tua zia. Sarò quello a cui dai tutto. Sono quello di cui urlerai il nome. Io, tua madre. Sono stato chiaro?" chiese.

La bocca di Jonny apriva mentre annuiva lentamente la testa.

"Bene. Ora sii fermo mentre ti scopro ", ha detto.

Si trascinò il seno sul petto, lungo la sua sezione media. Si tirò ai suoi pantaloncini, Jonny guardando incredulo. Si allontanò da lei, ma non era utile. Lei si lanciò di nuovo su di lui, tenendolo posto.

"Mamma", sussurrò, Fernanda strappò la maglietta al centro, strappandolo dal suo corpo. Lo baciò di nuovo il più forte possibile, costringendo la lingua nella sua bocca riluttante.

"Shhh", lo ha messo a tacere di nuovo, rompendo il bacio. Squattrandosi su di lui, le afferrò la parte posteriore della testa, tirandolo sul petto. "Succhia", comandava.

Jonny fece una pausa un momento, guardando il suo seno grande e rotondo. Erano un po 'più grandi di quelli di Claudia. "Sono simpatici", pensò, parlando di farlo.

Un'ultima occhiata al viso di sua madre, annuì e Jonny afferrò entrambe le tette, portandone una in bocca, leccando e succhiando il capezzolo. Fernanda chiuse gli occhi, con la testa in arco al soffitto, "Ecco, proprio così", ha detto.

"Molto bene", disse, rilasciando la testa di suo figlio, fece scivolare lungo il suo corpo, finendo il compito di rimuovere i pantaloni. "Lift", ha detto a Jonny.

Lo fece come gli fu detto, permettendo a sua madre di rimuovere i suoi pantaloncini e pugili. "Mmmm, bellissimo", disse Fernanda, sorridendo diabolicamente il cazzo eretto le rivelato. "Vedo che è pronto anche per la madre."

Jonny indietreggiò, la realtà iniziava, "No, aspetta, non possiamo."

"Sì possiamo. Stavi per tua zia ”, disse Fernanda, strisciando verso il suo figlio lentamente indietreggiava.

"Ma era diverso", supplicò.

“L'incesto è incesto. Ora lascia che ti porti come ho sempre voluto che il mio papi mi prendesse ", ha detto Fernanda.

"Aspetta cosa?" Gli occhi di Jonny si spalancarono, ma non ricevevano una risposta. Sua madre seppelliva la lingua in bocca, la sua mano accarezzava il suo cazzo, guidandolo con la sua figa

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

426 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

796 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

450 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

855 I più visti

Likes 0

Segreti a porte chiuse

Ho sempre avuto un debole per gli uomini più anziani. Mi è sempre piaciuto l'idea di averne uno per me, ma non sono mai riuscito a trovare qualcuno che uscisse con una donna più giovane. Questo fino a quando non ho incontrato Jonathon. Jon ha lavorato in un negozio di violini, producendo e vendendo il suo lavoro. Non era alto, né basso. Aveva una bella corporatura e un bel viso. Jon stava lavorando il giorno in cui sono entrato nel suo negozio. Gli ho chiesto di farmi fare un giro del posto. Ha interrotto il suo lavoro e mi ha portato...

854 I più visti

Likes 0

...

318 I più visti

Likes 0

Non più una fantasia

La spogliarellista ha aperto le gambe proprio davanti alla mia faccia e nel bagliore del club squallido ho potuto distinguere un po' di succo all'ingresso della sua figa. Avrei voluto che si stesse diffondendo per me, ma stava guardando il grande tipo di operaio edile accanto a me. Era una serata amatoriale allo strip club locale e il ragazzo che le faceva gocciolare la figa era uno dei giudici del pubblico. Sono rimasto in giro per la ragazza successiva ma ero così eccitato che non ce la facevo più. Mi diressi verso il bar con la mano in tasca cercando di...

1.1K I più visti

Likes 0

Il padre protettivo di Sara, parte 9

Il padre protettivo di Sara, parte 9 La mattina presto mi sveglio poco prima dell'alba, il cielo orientale non ha perso nulla della sua oscurità. Giaccio lì circondato dai miei quattro amanti, preoccupato di cosa porterà oggi. Tra altre tre ore Sara ha un appuntamento con un nuovo dottore. Un'ora dopo la sua macchina nuova verrà consegnata a casa. Volevo davvero che Sara fosse fuori casa, ma non è quello che avevo in mente. I miei occhi si sono adattati alla poca luce che la città apporta e filtra nella stanza. Sara e Little Bobby mi coccolano ancora, Jewels e Megan...

1K I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

927 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.