FARE IL RIEMPIMENTO

265Report
FARE IL RIEMPIMENTO

Karen Stokes sollevò il suo seno pesante alle labbra e lo succhiò violentemente mentre si fregava la figa fradicia con l'altra mano. Piccoli gemiti di piacere si trasformarono rapidamente in forti gemiti mentre la sua figa veniva rapidamente frustata in un'assoluta frenesia sessuale. Vado avanti così ormai da diversi anni. Dopo la morte del marito di trentacinque anni, Karen era rimasta senza un partner ed era stata costretta ad alleviare la tensione accumulata solo attraverso la masturbazione. Mentre raggiungeva facilmente orgasmi strazianti manipolando il suo clitoride eccessivamente gonfio, desiderava disperatamente il caldo contatto interpersonale di un altro essere umano. Mentre il fuoco nei suoi lombi si spegneva lentamente, con riluttanza si alzò dal letto e si preparò per il giorno successivo. "Che cosa sarà, signora?" chiese il giovane con un sorriso. "Fai il pieno con il test alto", rispose mentre scendeva dalla sua automobile. "E puoi per favore indicarmi il bagno delle donne?" "È dentro", rispose da sopra la spalla mentre rimuoveva il tappo del serbatoio, "è aperto." "Grazie", rispose lei con un sorriso. Inserì l'ugello nel tubo di rifornimento e osservò il sedere della signora anziana mentre si faceva strada all'interno della stazione. Il suo cazzo si irrigidì leggermente mentre cercava di immaginare le delizie femminili nascoste sotto quel vestito, ma quando lei scomparve dentro la porta i suoi pensieri tornarono rapidamente al compito da svolgere. Una volta dentro il bagno, Karen si lasciò cadere sul bagno e lasciò che un flusso caldo di pipì sgorgasse dalla sua figa gonfia. Lei gemette dolcemente tra sé e sé mentre la sua mente si concentrava sul giovane fantino del gas, e proprio quando le ultime tracce di piscio gocciolarono dalle sue labbra, seppellì tre dita all'interno della sua figa fumante, provocando un altro straordinario climax di proporzioni enormi! Stava per prendere la carta igienica quando fu riportata alla realtà da una voce maschile leggermente rauca: "È tutto pieno e pronto a partire, la tua macchina!" "Ma vedo che non lo sei!"

"C-cosa stai facendo qui?!?" balbettò mentre cercava di coprirsi. Con un'insolenza quasi ripugnante si abbassò i jeans e sotto i pantaloncini prima di rispondere con un sorrisetto: "Sono qui per fare il pieno!" Tremò in modo incontrollabile mentre fissava il cazzo in rapida espansione del giovane e, senza nemmeno pronunciare un'altra parola, si alzò e sollevò il vestito per esporre la sua figa nuda e gonfia. "Hai una fica grassa, stronza", ringhiò mentre stringeva i suoi otto pollici di osso. "E sono proprio io a fanculo!" Tutto il suo corpo tremò mentre lui la afferrava rapidamente per il braccio e la faceva girare. "Va bene, signora", ordinò in tono calmo, "piegati e allargali per Tommy." "Oh Dio!" ansimò mentre le sue mani le accarezzavano il culo grasso. "Cosa mi farai!?!" "Ti scoperò come un cane, ecco cosa," intonò in tono burbero. La sua mente stava rapidamente perdendo il controllo mentre anticipava con impazienza il suo assalto alle spalle. Proprio come una cagna in calore, la sua figa si è inzuppata mentre aspettava il suo grosso favore. "Quando è stata l'ultima volta che ne hai preso un po'?" chiese mentre lasciava che un dito solitario tracciasse il rigonfiamento della sua vulva. "Oh miooooooo!" gemette al suo tocco. "Uh, uh, da molto tempo", miagolò. “P-per favore, sbrigati!!!”

"Proprio come pensavo", rise. "Un segugio di galli fino in fondo!" "Imploralo, stronza, dimmi quanto lo vuoi!" "Fottimi e basta!" rispose fieramente. "Non finché non mi dici che stronza affamata di cazzi sei veramente", rispose insolentemente la chiacchierona diciannovenne. "Va bene!" ansimò. "Sono un segugio di galli!" “Ti soddisfa?!?” chiese in attesa. "Forse", disse un po' dubbioso. "Ma prima devo sapere un'altra cosa." "Che cosa!?!" quasi gridò. "Cos'altro devi sapere?!?" "Non eccitarti", disse con calma mentre le prendeva a coppa il sedere pesante. "Quello che voglio sapere è se dopo che avrò finito di scoparti, mi lascerai venire in bocca?" "Ho davvero bisogno di saperlo, perché se non lo fai, non penso di poterti scopare." "Ohhhhhhhh!" ansimò immaginando il suo grosso cazzo nella sua bocca. "Sìììììì, ti lascerò venire nella mia bocca, ora per favore, sbrigati e scopami!" “Non lo so……..” disse dubbioso. "Sei sicuro che me lo succhierai?" Ormai praticamente sull'orlo di un esaurimento nervoso, Karen perse ogni pretesa di decoro mentre si girava e cadeva in ginocchio. Senza nemmeno una parola di avvertimento, la matrona dalla bocca calda aprì la bocca e inalò l'uccello di Tommy con spaventosa alacrità! “Dolce Gesù……….” gemette. "S-sei una puttana succhiacazzi!" Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che aveva mangiato un uccello duro nella sua bocca avida, quindi divorò avidamente la sua virilità mentre lui afferrava il lavandino per evitare di schiantarsi sul pavimento. Con l'abilità che può derivare solo da anni di pratica, Karen ha rapidamente portato il giovane cazzo al culmine della febbre e, quando è stata sicura che fosse pronto, ha fatto roteare la lingua intorno alla sua testa finché non ha espulso uno zampillo di sperma dentro di lei più che desideroso. gola.

Ora toccava a lei prendere il controllo della situazione mentre spingeva via il giovane scioccato e si sporgeva sul lavandino con le gambe divaricate. "Faresti meglio a non lasciarmi in sospeso", disse mentre guardava oltre la sua spalla il giovane dollaro scioccato. "Ho mantenuto la mia parte dell'accordo, ora rialza quella cosa e ficcamelo dentro!" Gli occhi di Tommy gravitarono automaticamente sulla fica incredibilmente gonfia di Karen, che sbavava succo di figa come un rubinetto che perde. "Gesù, signora," gemette mentre riportava il suo cazzo alla sua piena tumescenza, "sei più calda di un petardo." "Smettila di parlare e inizia a scopare!" chiese flettendola sulle labbra gonfie. La sua figa era come una calamita per il suo uccello ora completamente eretto, e con la mente ancora nella nebbia indotta dal succhiare il cazzo, inciampò dietro di lei. Lui fece scorrere le mani sul suo sedere grassoccio e poi, giusto per innescare la pompa, si sporse per darle la figa un bel bacio alla francese. Le sue gambe si piegarono leggermente e un lungo gemito basso le sfuggì dalle labbra mentre spingeva di nuovo la fica nella sua bocca aperta. Ora era il suo turno di prendere il controllo della situazione mentre tirava fuori la faccia dal suo culo prima di far scorrere la testa del suo cazzo su e giù per la sua sdolcinata fessura.

Ora, afferrando una guancia in ciascuna mano, Tommy ha allineato l'uccello e ha offerto quasi duramente: "Okay, stronza, lo volevi, ora lo prenderai!!!" Era passato così tanto tempo dalla sua ultima scopata, ma niente nel suo passato avrebbe potuto prepararla all'assalto alle spalle che Tommy ha perpetrato sulla sua figa indifesa. Mentre il suo grosso organo si spingeva nel profondo di lei, lei involontariamente emise un grido mentre tutto il suo corpo veniva inghiottito dalla sua invasione. "Dio, per favore aiutami," ansimò mentre lui entrava ed usciva da lei con un'alacrità quasi feroce. Lui rise dei suoi lamenti prima di chiedere in tono uniforme: "Vuoi che lo tiri fuori, stronzo?" "N-nooooo!" ansimò. "Fottimi e basta, continua a fottermi!" "Proprio come immaginavo", ridacchiò sottovoce, "un vero fottuto segugio di galli." Per i successivi due minuti Karen rimase lì con le gambe divaricate mentre il diciottenne prodigio del cazzo la arava come un contadino ara un campo! Un orgasmo dopo l'altro esplose nella sua figa affamata quasi ad ogni colpo. Ma fu solo quando lui diede una spinta eccessiva ai suoi fianchi che la sua figa iniziò a girare completamente fuori dal suo controllo. Le sue stesse azioni erano ora controllate dalla testa del suo cazzo, e lui non aveva più da dire sul risultato di quanto ne avesse lei! "S-sto per venire!" balbettò guardando il suo cazzo sbattere nella sua figa grassa. "Sono davvero vicino!" Lei gettò indietro la testa e sentì la sua figa contrarsi più intensamente ad ogni tuffo del suo cazzo. E poi, prima che lei potesse rispondere, lui ruggì come un 747 in decollo mentre le svuotava il sacco delle noci. Questo è stato tutto ciò che è servito per indurre la sua figa a contrarsi freneticamente attorno al suo spessore mentre il suo corpo era scosso nel profondo dal suo ultimo e più soddisfacente climax!

Dopo essere stato completamente esausto, inciampò all'indietro e si lasciò cadere sul bagno mentre lei crollò sul lavandino, ancora troppo scioccata per muovere un muscolo. Quando finalmente riprese i sensi, si alzò e fu sorpresa di ritrovarsi sola. Si ripulì rapidamente e, dopo essersi sistemata il vestito, uscì dal bagno e tornò alla sua macchina. Un Tommy disinvolto si appoggiò al lato della sua auto e offrì facilmente: "Saranno ventidue e cinquanta per il pieno." Lei gli rivolse un sorriso d'intesa e gli porse due biglietti da venti e rispose mentre si metteva al volante: "Grazie per il servizio personalizzato e tieni il resto!" Lui prese i soldi e le fece un cenno prima di rispondere: "Grazie signora, torni presto". Ha avviato la macchina e prima di uscire dal parcheggio ha risposto dolcemente: "Puoi star certo che lo farò, puoi star certo che lo farò!"


FINE

Storie simili

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Tutti guardano

Dopo anni con un ragazzo che non riusciva a soddisfare i miei bisogni ero così arrapato che tutto ciò a cui riuscivo a pensare era il sesso. Ho un coniglio rampante: la strega si abitua molto ma non è ancora brava come un uomo. Un giorno ero al collage e si è presentato un nuovo ragazzo e oh mio Dio ero così bagnato e arrapato solo a guardarlo. Aveva perfetti occhi azzurri, lunghi capelli biondi e muscoli da morire. Per la mia gioia lo sapeva perché si è seduto accanto a me e mi ha detto ciao, ok. Tutto quello che...

421 I più visti

Likes 0

Momenti divertenti con Romy

Mi chiamo Matteo, ho 18 anni. Sono solo il tuo ragazzo normale con i capelli biondi e gli occhiali. Alcuni potrebbero definirmi un nerd ma non sono d'accordo. Ho appena terminato l'allenamento in palestra e sono andato velocemente negli spogliatoi per rinfrescarmi. Appena aperta la doccia ho sentito un forte inciampo seguito da un urlo. Mi sono messo dei pantaloni e sono andato alla fonte del suono. Sembrava provenire dallo spogliatoio femminile. C'è qualcuno lì dentro? “Sì, per favore aiutami” Quando sono entrato sono rimasto scioccato nel vedere la mia amica di lunga data e compagna di palestra Romy, nuda e...

351 I più visti

Likes 0

Provare qualcosa di nuovo_(1)

Provare qualcosa di nuovo (terza persona) Toni e Justin sono appena tornati nel nuovo appartamento di lei e di sua sorella, Davina, dopo aver passato l'intera giornata a fare shopping al centro commerciale. Justin ha appena parlato a Toni di alcuni nuovi abiti ma non li aveva ancora visti su di lei. È stata una lunga giornata e sono entrambi stanchi. Beh, sembra che Davina non sia più a casa, dice Justin mentre entrano nell'appartamento. A Justin piace quando sono soli perché Davina è sempre ovunque e non permette loro di entrare in intimità. Capisco, esprime sarcastico Toni con un sorriso...

355 I più visti

Likes 0

L'innocenza della grazia

L'INNOCENZA DELLA GRAZIA Max Dexler sedeva sul bordo della scrivania sfogliando pigramente una raccolta di CV. È questo il lotto, Sue Sì, papà, disse Sue tornando con due caffè. Sono un gruppo piuttosto dispiaciuto, ma ce n'è uno che potrebbe piacerti E il suo nome è... “Grace Halifax papà. Il meno qualificato ma stranamente il più appropriato” Grace... Grace... Grace... ah eccola qui disse Max sfogliando il curriculum. “22 anni ed è una studentessa universitaria che studia Farmacia. Potrebbe essere interessante. È stata un'istruzione totale per la nostra Gracie. Nessuna reale esperienza lavorativa di alcun tipo. Cosa ti fa pensare che...

267 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

287 I più visti

Likes 0

Essere costretti (diversi POV)

CIAO! Mi chiamo Lucy. Ho i capelli lunghi e biondi che incorniciano il mio viso e gli occhi verdi. Vengo da una famiglia molto religiosa – mormone in effetti – quindi sono (o ero) molto ingenuo e innocente. Domenica pomeriggio ero seduto sul mio letto e leggevo il Libro di Mormon mentre il resto della mia famiglia era fuori a far visita a un amico di famiglia. Non ho sentito nessuno entrare in casa ma all'improvviso c'era un uomo che bussava alla porta aperta della mia camera da letto. L'ho riconosciuto dalla chiesa. “Ehi Lucia! Tuo padre è a casa? Mi...

336 I più visti

Likes 0

...

151 I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.