Alexia e gli insegnanti Parte II

367Report
Alexia e gli insegnanti Parte II

Dopo aver visto per la prima volta ciò che il signor Porter e la signora White facevano insieme dopo l'orario scolastico, Alexia è andata direttamente a casa di Rebecca per restituirle il telefono e raccontare ciò che aveva visto. Ha raccontato solo quello che ha visto, non come ha giocato con se stessa, perché non voleva che i suoi nuovi amici pensassero che fosse una troia.

Dopo aver raccontato la sua storia, i suoi amici le hanno chiesto cose del tipo: quanto era grande il cazzo del signor Porter, se poteva metterselo tutto in bocca e quanto era arrivato il signor Porter. Ha fornito tutti i dettagli richiesti ed è diventata rapidamente una di loro.

Ora che Alexia era una delle ragazze più popolari, ha fatto del suo meglio per mantenere alta la sua reputazione e non avere piccoli sporchi segreti. Ma per lei ciò si è rivelato impossibile. Dopo il primo spettacolo che le hanno regalato gli insegnanti, Alexia non riusciva più a masturbarsi davanti a nulla che non fosse più dal vivo. Ci ha provato, ma non era la stessa cosa. Così iniziò a intrufolarsi nell'armadietto della signora White ogni giorno dopo la scuola per avere un'altra possibilità di guardarli.

Ci sono volute un paio di settimane ma alla fine ha capito il loro programma di scopate. Si incontravano nell’aula della signora White ogni lunedì, mercoledì e giovedì. Di solito era lo stesso genere di cose; La signora White si chinava sulla scrivania, il signor Porter la scopava da dietro e poi le veniva in bocca o sul viso. Di tanto in tanto il signor Porter mangiava la figa della signora White o lei gli faceva semplicemente un pompino veloce se aveva fretta.

Alexia era nell'armadietto per guardare tutto questo, e giocava con la sua figa tutto il tempo, e se avessero finito prima di lei, avrebbe finito tranquillamente da sola una volta che avessero lasciato la stanza. Un giorno Alexia si è fatta coraggio con la masturbazione. Aveva rubato un vibratore da un negozio Spencer's Gifts locale e lo aveva portato con sé e lo teneva nella borsa tutto il giorno. Quando il signor Porter e la signora White hanno iniziato a provarci, lei l'ha acceso e ha iniziato a strofinarlo all'inizio solo sulla parte esterna delle labbra della figa. Quando la sua figa è diventata bella e bagnata, se l'è infilata dentro e ha lasciato che facesse il suo lavoro. Quella era stata la sensazione più bella che avesse provato fino a quel momento in tutta la sua vita, prima si era masturbata solo con le dita e questa era una sensazione completamente nuova per lei.

Questa nuova sensazione era troppo da gestire per lei e quando arrivò accidentalmente emise un piccolo grido che il signor Porter e la signora White sentirono. Si fermarono, terrorizzati all'idea di essere stati colti in flagrante. "Che cos 'era questo?" disse la signora White spaventata.

"Non lo so", ha detto il signor Porter, "c'è qualcuno lì?" disse ad alta voce, a nessuno in particolare. Alexia rimase lì, spaventata. Il suo vibratore ronzava ancora dentro di lei e pregava che non potessero sentirlo. Ma potrebbero.

"Cos'è quel ronzio?" chiese la signora White. "Sembra che provenga dal gabinetto."

Senza dire nulla, il signor Porter si tirò su i pantaloni e si avvicinò all'armadietto. Alexia si bloccò immediatamente sapendo che non c'era niente che potesse fare adesso, stava per essere catturata. Il signor Porter aprì la porta e l'ultima cosa che si aspettava di vedere era Alexia in piedi nell'armadio con i pantaloni abbassati e un vibratore che spuntava dalla sua giovane figa.

"Penso che abbiamo scoperto da dove provenisse quel rumore", disse il signor Porter voltandosi alla spalla della signora White.

"Penso di sì" disse avvicinandosi a lui. Alexia rimase lì pietrificata. La signora White si spostò verso Alexia e le tolse il vibratore dalla figa. Anche il vibratore che usciva dalla sua figa sembrava incredibile, nonostante tutta la paura che provava in quel momento. "Oh, hai preso qui un buon vibratore, Alexia, dove l'hai preso." Alexia rimase lì terrorizzata.

"Penso che le abbiamo dato un po' di spavento, sembra che non riesca più a parlare." Ha detto il signor Porter.

"Bene, allora immagino che dovremo aiutarla a rilassarsi", disse la signora White mentre premeva le labbra contro quelle di Alexia. Alexia non aveva mai baciato una donna prima, non aveva mai nemmeno pensato di farlo prima. Ma prima che potesse capire appieno cosa stava succedendo, la lingua della signora White era nella sua bocca e le massaggiava la lingua.

Quando la signora White si allontanò, Alexia chiese timidamente "A cosa serviva?"

"Per farti stare zitto", ha iniziato a spiegare la signora White, vedi, ora sappiamo tutti cosa sta succedendo in questa stanza quando io e il signor Porter siamo qui da soli. E se parli di noi a qualcuno, devi dire a tutti quello che tu ed io abbiamo appena fatto. E questo rovinerebbe solo la tua reputazione, non è vero?

"Sì" disse Alexia, conoscendo la verità nelle parole della signora White.

"Bene." ha detto la signora White. "Adesso ci spieghi cosa stavi facendo nel mio armadietto con un vibratore?" Alexia rimase lì. "Dove ti masturbi con me e il signor Porter?" Alexia si limitò ad annuire; desiderava davvero che i suoi pantaloni non fossero ancora intorno alle caviglie. "Lo immaginavo", disse la signora White mentre baciava di nuovo Alexia. Questa volta Alexia sapeva cosa sarebbe successo e si ritrovò a godersi moltissimo le labbra e la lingua della sua insegnante.

La signora White si allontanò dal bacio e si sedette sulla sedia dietro la scrivania, di fronte ad Alexia con le gambe aperte e la figa esposta. "Vieni qui, mangiami la figa." Glielo ha detto la signora White.

"Cosa?" fu tutto ciò che Alexia riuscì a ottenere.

"Hai sentito la donna", disse il signor Porter e prese Alexia per il braccio e la spostò sulla figa della signora White. Alexia non aveva mai pensato che avrebbe mangiato la figa in vita sua, il pensiero non le era mai venuto in mente. Ma ora che ci stava provando si chiedeva se poteva essere lesbica, ma decise che sarebbe stato meglio pensarci più tardi. Alexia leccò l'esterno delle labbra della signora White e sentì le sue mani sulla nuca quasi immediatamente.

"Oh, non essere nervosa per questo", disse la signora White e spinse il viso di Alexia nella sua figa forzandole la lingua dentro "entra lì e mangia quella figa come intendi, e strofinami il mio fottuto clitoride." Alexia ha fatto del suo meglio ma non sapeva veramente cosa stava facendo. Ma immaginò che doveva aver fatto qualcosa di giusto perché sentì il respiro della signora White diventare più difficile mentre le leccava l'interno della figa e si massaggiava il clitoride.

Mentre Alexia mangiava la figa della signora White, sentì qualcosa scivolarle dentro. Cercò di girarsi per guardare, ma le mani della signora White le tenevano la testa abbassata nell'inguine. “Non hai bisogno di vedere cosa sta succedendo lì dietro, devi solo concentrarti sulla mia figa. Non preoccuparti nemmeno del cazzo del signor Porter nella tua figa. Alexia continuava a leccare la figa dell'insegnante ma trovava difficile concentrarsi con il grosso cazzo del signor Porter nella sua figa stretta.

Quando la signora White arrivò, Alexia lo pulì con la lingua come meglio poteva ed era felice di aver finalmente avuto la possibilità di spostare la sua attenzione sulla propria figa. Quello vero era molto meglio di quanto avrebbe potuto essere qualsiasi vibratore. Poco dopo l'arrivo della signora White, Alexia iniziò a urlare nel suo orgasmo quando sentì il cazzo del signor Porter spararle un carico caldo di sperma nella sua figa. Quando il signor Porter ha svuotato il suo cazzo, la signora White ha preso il suo posto dietro di lei e le ha leccato tutto lo sperma fuori dalla figa. Poi ha afferrato Alexia per il viso e le ha sputato lo sperma in bocca. Alexia non aveva mai assaggiato lo sperma prima e le è piaciuto il primo assaggio. Era caldo, salato e appiccicoso allo stesso tempo, e lei ingoiò ogni goccia che le sputò in bocca.

"Allora, racconterai a qualcuno quello che hai visto qui?" chiese il signor Porter.

"No signore." disse Alexia e all'improvviso si ricordò di averlo detto a Rebecca e a tutti i suoi nuovi amici. Ma lo tenne per sé.

Storie simili

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Tutti guardano

Dopo anni con un ragazzo che non riusciva a soddisfare i miei bisogni ero così arrapato che tutto ciò a cui riuscivo a pensare era il sesso. Ho un coniglio rampante: la strega si abitua molto ma non è ancora brava come un uomo. Un giorno ero al collage e si è presentato un nuovo ragazzo e oh mio Dio ero così bagnato e arrapato solo a guardarlo. Aveva perfetti occhi azzurri, lunghi capelli biondi e muscoli da morire. Per la mia gioia lo sapeva perché si è seduto accanto a me e mi ha detto ciao, ok. Tutto quello che...

421 I più visti

Likes 0

Momenti divertenti con Romy

Mi chiamo Matteo, ho 18 anni. Sono solo il tuo ragazzo normale con i capelli biondi e gli occhiali. Alcuni potrebbero definirmi un nerd ma non sono d'accordo. Ho appena terminato l'allenamento in palestra e sono andato velocemente negli spogliatoi per rinfrescarmi. Appena aperta la doccia ho sentito un forte inciampo seguito da un urlo. Mi sono messo dei pantaloni e sono andato alla fonte del suono. Sembrava provenire dallo spogliatoio femminile. C'è qualcuno lì dentro? “Sì, per favore aiutami” Quando sono entrato sono rimasto scioccato nel vedere la mia amica di lunga data e compagna di palestra Romy, nuda e...

351 I più visti

Likes 0

Provare qualcosa di nuovo_(1)

Provare qualcosa di nuovo (terza persona) Toni e Justin sono appena tornati nel nuovo appartamento di lei e di sua sorella, Davina, dopo aver passato l'intera giornata a fare shopping al centro commerciale. Justin ha appena parlato a Toni di alcuni nuovi abiti ma non li aveva ancora visti su di lei. È stata una lunga giornata e sono entrambi stanchi. Beh, sembra che Davina non sia più a casa, dice Justin mentre entrano nell'appartamento. A Justin piace quando sono soli perché Davina è sempre ovunque e non permette loro di entrare in intimità. Capisco, esprime sarcastico Toni con un sorriso...

355 I più visti

Likes 0

L'innocenza della grazia

L'INNOCENZA DELLA GRAZIA Max Dexler sedeva sul bordo della scrivania sfogliando pigramente una raccolta di CV. È questo il lotto, Sue Sì, papà, disse Sue tornando con due caffè. Sono un gruppo piuttosto dispiaciuto, ma ce n'è uno che potrebbe piacerti E il suo nome è... “Grace Halifax papà. Il meno qualificato ma stranamente il più appropriato” Grace... Grace... Grace... ah eccola qui disse Max sfogliando il curriculum. “22 anni ed è una studentessa universitaria che studia Farmacia. Potrebbe essere interessante. È stata un'istruzione totale per la nostra Gracie. Nessuna reale esperienza lavorativa di alcun tipo. Cosa ti fa pensare che...

267 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

287 I più visti

Likes 0

Essere costretti (diversi POV)

CIAO! Mi chiamo Lucy. Ho i capelli lunghi e biondi che incorniciano il mio viso e gli occhi verdi. Vengo da una famiglia molto religiosa – mormone in effetti – quindi sono (o ero) molto ingenuo e innocente. Domenica pomeriggio ero seduto sul mio letto e leggevo il Libro di Mormon mentre il resto della mia famiglia era fuori a far visita a un amico di famiglia. Non ho sentito nessuno entrare in casa ma all'improvviso c'era un uomo che bussava alla porta aperta della mia camera da letto. L'ho riconosciuto dalla chiesa. “Ehi Lucia! Tuo padre è a casa? Mi...

336 I più visti

Likes 0

...

151 I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.