Mother's Submission - Capitolo 12

242Report
Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre.

Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. "Chi mi aiuterà quando avrò problemi con le ragazze", ha detto George, anche quando ha iniziato ad aiutare Alex a fare i bagagli.

"Cavolo, idiota, non mi trasferisco in qualche parte remota della terra. Basta chiamare o mandare un messaggio", disse Alex, colpendo il suo amico al braccio. Ora, quando Alex ha finito di attaccare una scatola, ha schioccato le dita. Bill Lewis si avvicinò rapidamente e portò la scatola alla macchina. "È ancora strano", ha commentato George.

Ci era voluto un po' prima che Alex spiegasse chi fossero Monica e Bill. Per quanto riguardava George e chiunque all'università li avesse visti, Monica era la donna con cui Alex usciva. Lo ha fatto perché molti dei suoi amici sapevano chi era sua madre. Quanto a Bill, aveva appena detto che Bill era un amico di famiglia particolarmente utile.

Alex sorrise mentre guardava Monica, che indossava una gonna succinta e un top attillato, senza biancheria intima di ogni tipo. Aveva raccontato con entusiasmo ad Alex di quello che era successo a casa sua negli ultimi giorni e lui era felice per lei. Finché era con lui, si aspettava che fosse sottomessa. Ma, a casa sua, era contento che si prendesse cura di suo marito puttana.

Proprio in quel momento, era in ginocchio, a succhiare il cazzo di George mentre Alex finiva di fare le valigie. George non era riuscito a staccare gli occhi da Monica per tutto il tempo, nonostante la sua amicizia con Alex. Poi, quando Alex ha detto a Monica di fare un pompino a George, George sembrava estasiato. E ora, a giudicare dall'espressione sul viso di George, Alex pensava che non sarebbe durato a lungo nella bocca di Monica.

Abbastanza sicuro, proprio mentre Alex finiva con l'ultima scatola, poteva sentire George gemere. Guardò e vide la gola di Monica che si contorceva mentre ingoiava il carico di George. "Cazzo", George si lamentò mentre estraeva il suo cazzo dalle labbra di Monica. "Sa sicuramente come succhiare." "Lo fa", disse Alex mentre si avvicinava e accarezzava i capelli scuri di Monica.

Gli sorrise mentre si leccava le labbra. Alex la baciò sulla guancia prima di voltarsi verso George, che ormai aveva messo via il suo cazzo. "Beh, devo andare", disse Alex. "È stato fantastico affittare una stanza con te." "Ce l'ha", disse George. "Buona vita, amico." Si strinsero la mano e poi Alex e Monica si voltarono e se ne andarono.

***

Alicia Morgan cantava mentre azionava l'aspirapolvere. Era rimasta a casa mentre Alex andava a prendere le sue cose, pensando di sorprenderlo facendo pulire l'intera casa quando fosse tornato a casa. Improvvisamente sentì bussare alla porta e lei spense l'aspirapolvere.

Era contenta che Alex le avesse permesso di indossare uno dei nuovi vestiti che avevano comprato mentre lui era via. Era una gonna corta blu che le copriva a malapena il culo e un top che si stendeva stretto sui suoi grossi seni. I suoi capezzoli si tendevano contro il tessuto, un fatto di cui era molto consapevole quando aprì la porta e vide il suo ex marito in piedi lì.

"Cosa vuoi, Will", disse, il suo umore cambiò da felice a infastidito in un istante. Will non ha parlato per un momento, si è limitato a guardare la sua ex moglie dall'alto in basso. "Will", disse Alicia bruscamente, staccandolo dai suoi pensieri. "Scusa", disse Will, "non ti ho mai visto così bello".

"Dimmi cosa vuoi o ti sbatterò la porta in faccia", disse Alicia severa, già stanca di avere a che fare con lui. "Scusa", disse Will. "Guarda, so che l'altro giorno non è andato così bene, con me che mi sono presentato all'improvviso." "Questo è un eufemismo", disse Alicia, alzando gli occhi al cielo.

"Lo so e voglio farmi perdonare", disse Will e Alicia gli lanciò uno sguardo interrogativo. "Cosa vuoi dire", ha chiesto. "Voglio portarti fuori a pranzo, solo per parlare", disse Will, cogliendo di sorpresa Alicia. "Non abbiamo niente di cui parlare, Will", disse Alicia, ma la sua voce era molto meno ferma.

"Per favore, Ali", disse Will, usando il soprannome con cui l'aveva chiamata per anni. "Allora vieni ad ascoltare. Ti porto fuori per l'italiano, mi ricordo quanto lo ami." Alicia udì la supplica nella sua voce e sapeva che, se almeno non l'avesse ascoltato, si sarebbe sempre chiesta cosa avesse da dire. "Bene", disse e lui sorrise. "Ci vediamo all'Anthony's Grill tra un'ora. Ma non rimarrò più di un'ora." "Questo è tutto quello che chiedo", disse Will, sorridendo trionfante mentre Alicia chiudeva la porta.

***

Un'ora dopo, Alicia era seduta di fronte al suo ex marito al ristorante. Con sua sorpresa, aveva già ordinato per entrambi. "Non dovevi farlo", disse Alicia, ma non riuscì a nascondere un piccolo sorriso. "Non è stato un problema", disse Will, deciso a essere affascinante. "Ti piace ancora il pollo alla parmigiana, vero?" "Sì", disse Alicia e, senza rendersene conto, si trovò felice di aver accettato di incontrare Will.

Per l'ora successiva, i due hanno ricordato il loro passato e Alicia si è trovata costantemente a ridere delle battute fatte da Will. Una parte di lei si odiava per essersi divertita a stare lì, ma una piccola parte di lei sperava che forse lui fosse davvero cambiato.

Quando l'ora volgeva al termine, Will si allungò sul tavolo e mise la sua mano su quella di Alicia. Esitò per un momento prima di ritirare la mano. "Will, è stato meraviglioso, ma non può cambiare quello che è successo. Abbiamo avuto una bella vita e tu l'hai distrutta con il tuo egoismo."

"Lo so", disse Will, a testa bassa. "Ma sono cambiato, Ali. Te lo prometto. Sono andato in terapia e ho affrontato i miei problemi. Ho smesso di inseguire le donne sbagliate e mi sono aggiustato. E ora, anche se so che le possibilità sono astronomiche, spero mi darai una seconda possibilità e, forse, mi perdonerai."

"Will, non so se posso", disse Alicia, completamente ignara del fatto che la sua risoluzione fosse vacillata. "Non posso impedirti di vivere in questa città, ma sto con qualcun altro e lui mi rende felice." "Sono contento", disse Will e guardò la sua ex moglie negli occhi. "Ma non mi arrenderò. Ho conquistato il tuo cuore anni fa e lo rifarò."

Non appena ebbe finito di parlare, suonò l'allarme sul telefono di Alicia. "Devo andare", disse, anche se una parte di lei voleva restare. Si alzò e guardò Will, con il cuore spezzato in due direzioni, ma sapeva che doveva tornare a casa prima di Alex. Sicuramente non voleva spiegargli dove fosse stata.

***

Bill Lewis ha portato la macchina nel vialetto di Alex. Sul sedile posteriore, Alex gemette mentre Monica gli toglieva lo sperma dalle palle. "Che bravo succhiacazzi che sei", disse e lei sorrise alle lodi. Dopo aver chiuso la cerniera ed essere uscito dall'auto, Alex si voltò verso Bill. "Portate le mie cose in camera mia e poi voi due andate a casa", disse mentre si dirigeva verso la porta d'ingresso.

Aprì la porta e trovò sua madre inginocchiata che lo aspettava, completamente nuda. "Questo è sicuramente il modo in cui mi piace tornare a casa", disse e si chinò, baciando sua madre. "Pensavo che le sarebbe piaciuto, signore", disse Alicia e Alex annuì. "Lo voglio", disse e andò in soggiorno e si sedette sul divano.

Alicia si avvicinò a lui e gli tolse le scarpe. Poi, quando si alzò e gli slacciò la cintura, le venne un'idea. "Signore, vorrebbe sculacciarmi", chiese e Alex la guardò. "Perché vorresti che ti sculacciassi", chiese Alex sospettoso.

"Perché, ho pensato che ti sarebbe piaciuto, rendendo il mio culo rosso vivo e contuso", ha detto, sebbene sapesse la verità. Si sentiva in colpa per aver passato del tempo con Will e sentiva di meritare di essere punita. "Penso che mi piacerebbe", ha detto Alex e si è alzato, tenendo la cintura. Alicia salì sul divano, il culo puntato direttamente su Alex.

Ha puntato la cintura e poi ha oscillato, amando il suono del cuoio che sbatteva contro la sua pelle. Alicia emise un grido quando la cintura la colpì, il culo che le pungeva. "Grazie, signore", disse attraverso il dolore. Ogni volta che la cintura le colpiva il culo, ringraziava di nuovo Alex. Amava il suono della sua voce, sull'orlo delle lacrime, ringraziandolo per averla ferita.

Dopo dieci colpi, non ce la faceva più. Lasciò cadere la cintura e poi i pantaloni, il suo cazzo duro come una roccia che spuntava dritto. Lo strofinò contro la figa di sua madre, che era già fradicia. Alicia gemette sentendo il cazzo di Alex. Nonostante il dolore, si sentiva incredibilmente eccitata e non voleva altro che sentire Alex che le martellava la figa con il suo grosso cazzo.

Alex gemette mentre afferrava i fianchi di sua madre e spingeva forte nelle sue profondità, Alicia che gridava in un misto di piacere e dolore. Alex ha piantato il suo cazzo nella fica di sua madre più e più volte, la sua figa bagnata perdeva succhi su tutto il divano. Poteva sentire la sua fica contorcersi e sapeva che stava lottando per mantenere l'orgasmo, ma si sentiva generoso.

"Sborra, troia", ordinò e Alicia lo sentì esplodere da dentro di lei. Il suo orgasmo è esploso, i succhi scorrevano su tutto il cazzo di Alex. Mentre cavalcava lo sballo di endorfine del suo orgasmo, sentì il suo stress dissolversi. E, mentre la fica di sua madre si contorceva e gli afferrava il cazzo, Alex si liberava di un torrente di sperma dentro di lei. Tenne stretta sua madre, gemendo mentre inondava il suo grembo con il suo seme.

Alicia adorava sentire lo sperma di suo figlio pompare dentro di lei, riempirla e fuoriuscire dal suo buco di troia. Sapeva che quello era il suo posto, eppure il suo cuore si sentiva lacerato. Non aveva idea di cosa sarebbe successo, ma sapeva che non poteva perdere Alex.

Continua...

Storie simili

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

314 I più visti

Likes 0

Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto Cattivo se capisci cosa intendo. Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi? Ho chiesto. Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio...

304 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

356 I più visti

Likes 1

Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna...

276 I più visti

Likes 1

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

317 I più visti

Likes 0

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

306 I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

314 I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

245 I più visti

Likes 0

Che cosa hai fatto a Jessica?

Ho aperto lentamente gli occhi e ho visto una bella ragazza che dormiva accanto a me. La sua pelle morbida e pallida, gli occhi adorabili, le labbra succose, i capezzoli morbidi, i capezzoli succosi mi stavano facendo sentire quanto sono fortunato ad averla. Ricordo ancora la nostra relazione di allora prima che lei lasciata la casa. Non abbiamo mai avuto un rapporto fratello-sorella. Non parlavamo mai molto. Lei era impegnata nel suo mondo e io nel mio mondo. Aveva 8 anni più di me. Quindi non mi piaceva l'idea di stare a casa di mia sorella quando mia madre decise di...

313 I più visti

Likes 0

Ragazzone 1

BigBoy 1 modifica 2 ​Alla fine degli anni settanta, dopo aver divorziato dalla mia seconda moglie, ho iniziato a picchiare di nuovo la scena della festa.. Ho incontrato questa donna in un bar una notte, mi sono fatta abbastanza ubriaca e arrapata, quindi noi deciso di andare a casa mia.. Lungo la strada passammo davanti a un negozio di libri per adulti, Mi ha chiesto se ero mai stato lì e ovviamente ho detto di sì perché il il proprietario era un cliente e un amico.. Ha detto che non era mai stata perché era troppo timida per andare da sola...

258 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.