Gli elettricisti

463Report
Gli elettricisti

Questo è uno dei primi sogni che ricordo di aver scritto. Stavo ancora frequentando le lezioni all'Università e guadagnavo soldi extra facendo il lavoro temporaneo nel reparto di pronto soccorso. Erano soldi migliori che essere assistente infermiera e ho potuto utilizzare immediatamente l'esperienza come parte del mio studio. Fu nel reparto di pronto soccorso che incontrai Poul, mio ​​marito, che era già un medico esperto. Ci conoscevamo solo da alcuni mesi, e anche se avevo quasi deciso di aver trovato l'uomo per il resto della mia vita, ho avuto difficoltà a lasciare andare la vita libera che avevo vissuto al massimo fino a quando non ho incontrato Poul.

So che potrebbe suonare snob, ma dato che questa era la sensazione che avevo in quel momento, ho bisogno di scriverlo. I miei genitori stanno molto bene, ho sempre frequentato le migliori scuole e ho praticato il giusto tipo di sport. Studiare medicina significava anche incontrare solo una certa classe di persone e non avevo davvero molta esperienza con le persone della "classe operaia". Tuttavia, una mia brava ragazza, Mary-Ann, si era perdutamente innamorata di un elettricista. Ha affermato che era selvaggio, totalmente disinibito e al limite dell'essere violento. Ma era completamente presa da lui, quindi quando ha invitato Poul e me a una festa con i suoi amici siamo andati a vedere com'era.

Capii immediatamente perché era stata presa con lui. Prima di tutto era davvero bello. In secondo luogo, conoscevo i tipi che le piacevano e lui si adattava perfettamente. Le prestò molta attenzione, dovette toccarle i seni commentando apertamente per mostrare ai suoi amici quanto fosse fortunato, e continuò ad accarezzarla dietro sotto il vestito. La conoscevo molto bene e sapevo che era una fanatica per quel tipo di trattamento. Inoltre le era sempre piaciuto essere al centro dell'attenzione e lui la mostrava costantemente ai suoi amici come "la piccola puttana della classe superiore che si stava scopando". Ma le è semplicemente piaciuto. L'ho trovato un po' eccessivo, ma c'era un forte senso di sessualità e un discorso sessuale disinibito, che con il progredire della serata ho anche trovato stranamente eccitante.

Tutti i suoi amici, si chiamava Ben, erano più o meno gli stessi tipi e trattavano le loro amiche allo stesso modo. A loro non sembrava importare, ma poi non sembravano essere i migliori tipi di ragazze stesse. Uno dei ragazzi continuava a tirare giù il top della sua ragazza scoprendole il seno, e lei pazientemente continuava a rimetterlo su, ovviamente avendo rinunciato molto tempo fa a lamentarsi e non sembrava preoccuparsi del fatto che stessimo tutti guardando. Durante i balli i ragazzi tenevano le mani su per le gonne delle ragazze o si accarezzavano apertamente il seno e sembrava che tutti si baciassero.

Eravamo molto strani. Poul, tuttavia, era affascinato dal guardare le ragazze, che erano tutte piuttosto attraenti, e sono sicuro che anche lui si stava insinuando quando ballava con le ragazze. Di certo credo che tutti i ragazzi mi fossero stati al seno e ad un certo punto della notte avevo praticamente rinunciato a fermarli, basta che si toccassero solo attraverso i vestiti. Anche quello era difficile, e soprattutto Ben sembrava aver deciso che il migliore amico della sua ragazza avrebbe dovuto avere tutta la sua attenzione quella sera. In realtà non mi dispiaceva così tanto. Rispetto agli altri era in realtà sofisticato e piuttosto sexy.

Il mio vestito estivo era abbastanza aperto ai lati e poiché né io né nessuna delle altre ragazze del resto indossavamo reggiseni nella calura estiva, non era un problema per lui spostare la stoffa e giocare con i miei seni. Per prima cosa l'ho fermato come avevo fatto con tutti gli altri ragazzi, ma stava tirando il materiale e tirando via con decisione la mia mano che resisteva che in realtà era abbastanza difficile fermarlo, quindi a un certo punto gli ho lasciato che la facesse franca . Probabilmente non avrei dovuto farlo perché dopo non c'era modo di fermarlo nemmeno davanti agli altri ragazzi. L'ho detto a Poul che non sembrava eccessivamente preoccupato. Ha solo detto che era quello che sembravano fare tutti gli altri, quindi ho pensato che diavolo e l'ho lasciato andare avanti la prossima volta che abbiamo ballato. Tuttavia, ero molto consapevole della sua mano sul mio sedere sotto il vestito e riuscii fermamente a impedirgli di tirarli da parte, giù o qualunque cosa avesse in mente. Ma più giocava con i miei seni più diventava difficile, e alla fine era solo la presenza di Poul e il fatto che gli altri stessero a guardare a farmi mantenere la difesa.

Durante la serata May-Ann era diventata sempre più ubriaca, e man mano che si ubriacava di più, diventava più audace e lasciava che Ben se la cavasse di più ogni volta che non ballava con me. Ad un certo punto aveva la sua maglietta quasi sopra la sua testa tenendole le braccia dietro la testa con una mano mentre la tirava su con l'altra. Aveva un seno di media grandezza, ma molto appuntito e con capezzoli ovviamente molto eretti. In poco tempo gli altri ragazzi stavano ballando tutt'intorno a lei afferrandole i seni mentre si stancava per liberarsi. Quando finalmente Ben l'ha lasciata andare, lei ha riso e sembrava essersi divertita.

Ebbi l'impressione quella sera che Ben stesse abbandonando Mary-Ann ai suoi amici per stare con me, ma in un certo senso per me andava bene. Persino Poul sembrava più interessato a Mary-Ann che a me. Probabilmente l'aria piena di sesso aveva avuto un'influenza su di lui, ed era sicuramente quella da tenere d'occhio se volevi dare un'occhiata a una ragazza carina, spesso semiscoperta.

Più tardi la sera, Mary-Ann era sul divano con un ragazzo su entrambi i lati di lei, quando Ben le si avvicinò da dietro e la baciò. Gli mise le braccia dietro la testa per tirarlo giù, e lui fece come prima, le tenne dietro la testa mentre le tirava su di nuovo la maglietta. Lei urlò, ma non combatté molto perché lui lo tolse completamente di dosso il più lontano possibile per le sue mani che la tenevano ancora unite. La baciò in silenzio, il che funzionò e nemmeno quando i due ragazzi ai suoi lati iniziarono a giocare con i suoi seni si dimenò molto. Si sdraiò un po' nel divano, allargò un po' le gambe e sembrò divertirsi. Poul stava guardando ovviamente eccitato dalla vista. Non eravamo abbastanza abituati a questo tipo di scene e soprattutto non con Mary-Ann, una buona amica, al centro dell'attenzione.

Tuttavia, ne avevo abbastanza di questo. La scena era spaventosamente eccitante, ma non riuscivo a guardare il mio migliore amico comportarsi in quel modo, quindi sono andato in cucina sperando di trovare qualcosa da mangiare. Sono riuscito a preparare una tazza di tè e un panino. Mi sono seduto al tavolo della cucina, mentre potevo facilmente sentire i richiami e i rumori della stanza accanto, chiedendomi dove e quando sarebbe finito e fino a che punto Ben l'avrebbe lasciata andare con i suoi amici.

Quella domanda si è quasi risposto da sola quando è apparso sulla soglia, guardandomi mentre i suoni continuavano. Mi ha chiesto cosa stessi facendo e ho dovuto ammettere che non mi piaceva il mio amico in quella posizione.

Stava girando per la cucina in cerca di qualcosa da mangiare. Si era fermato più volte vicino a me e mi aveva guardato, su e giù per il mio corpo come se mi stesse spogliando. Il mio vestito corto era abbastanza in alto sulle mie gambe seduto sul bancone della cucina in quel modo, ma in un certo senso mi piaceva abbastanza la sua attenzione al mio corpo. Si fermò proprio davanti a me e si chinò per aprire un cassetto proprio sotto dove ero seduto. Non poteva aprirlo per le mie gambe e le ha spinte in modo innocente in modo da poter aprire il cassetto. Ero troppo lento, ma presto notai che chinandosi per prendere il coltello dal cassetto aveva una visuale chiara sul mio vestito. Avevo delle mutandine piccole e sottili, che in realtà erano abbastanza trasparenti. Ho subito provato a chiudere le gambe, ma non ci sono riuscito per aprire il cassetto. Immagino di poter sollevare le gambe di lato, ma questo mi esporrebbe ancora di più. Non era lento d'altra parte. Ha subito fatto scorrere una mano all'interno delle mie cosce. Ho provato a chiudere di nuovo le gambe, ma ora lui era tra loro, e in un certo senso non volevo proprio chiuderle. Ho guardato in basso quando l'ho sentito raggiungere l'orlo del vestito e sollevarlo leggermente. Ha spinto le mie gambe un po' più lontano e ha spostato la mano fino alle mie mutandine. Ho scosso un po' mentre la sua mano sfiorava le mutandine, ma mi sono rilassato un po', allargando di più le gambe e chiudendo gli occhi mentre sentivo il suo dito scivolare sotto le mutandine e sollevarle dalla mia figa. Li ho aperti con uno shock quando ho sentito il suono delle forbici che doveva avere nell'altra mano che tagliava le mutandine proprio di fronte all'apertura della gamba all'apertura della gamba in un secondo scoprendo completamente la mia figa. Normalmente, se qualcuno ti togliesse le mutandine, sapresti cosa è successo. Ma qui, da un secondo all'altro, sono stato completamente esposto a lui. Potevo sentire il freddo soffio d'aria contro le labbra eccitate e bagnate, ma non avevo molte possibilità di pensare perché aveva la sua mano sapientemente sul mio clitoride strofinandolo con cura. Non l'ho fermato. Stavo senza fiato, stavo pensando alla stranezza di questa situazione, stavo pensando a cosa stava succedendo a Mary-Ann della porta accanto, ma non l'ho fermato. Volevo che continuasse, è stato così bello. Gli ho messo le gambe intorno e ho cercato di spingerlo più vicino, ma ha resistito.

"Voglio poterti guardare", disse mentre si allontanava di nuovo da me.

Misi le braccia dietro di me e mi appoggiai all'indietro. Ha tirato su la gonna così ho potuto vedere cosa stava facendo. Aveva le dita lunghe, ma non come l'elegante mano del chirurgo che guardavo in ospedale. Ma stava facendo un buon lavoro, lui era bravo. Prendendomi in giro lentamente quando stavo per chiudere, accelerando quando ne aveva bisogno. Mi fissava in faccia tutto il tempo per vedere come stavo reagendo.
"Sbottona il vestito", disse mentre i suoi occhi si posavano sul mio corpo. "Voglio vedere le tue tette quando verrai".

Era ovviamente intento a guardarmi solo, non voleva niente per sé.

Lentamente mi sono sbottonato dall'alto. Ero perfettamente consapevole del suo sguardo mentre i bottoni si slacciavano così in basso che i miei seni diventavano visibili, e potevo vederlo ansimare un po' quando ero così in basso che potevo tirare il vestito abbastanza lontano da avere il seno completamente nudo . Mi sono fermato e l'ho preso per mano. Volevo che mi toccasse, mi afferrasse il seno o giocasse con i miei capezzoli. Ma si è comunque tirato indietro evitando le mie mani, mentre continuava a giocare con la mia figa in modo così leggero.

"Tutto," disse.

Si stava trattenendo di proposito in modo che non venissi prima che lui volesse. E voleva vedermi tutta prima di finirmi. Mi stavo strofinando il sedere sul tavolo cercando di avvicinarmi alle sue mani o di farlo accelerare, ma non l'ha fatto. Oh, che diavolo ho pensato, e ho continuato a sbottonare il resto dei pulsanti finché non sono stati tutti slacciati fino in fondo. Ho smontato completamente il vestito. Lascialo guardare, pensai mentre mettevo le mani dietro di me e spingevo i miei seni in avanti verso di lui. Finalmente un movimento da parte sua. Pensavo che mi avrebbe toccato il seno, ma mi ha appena tolto il vestito dalle spalle in modo che mi cadesse sulle mani. Non riusciva a mettermi più nudo adesso. Stavo diventando molto molto eccitato.

"Per favore, Ben," lo pregai, "non giocare più con me. Potrebbe venire qualcuno, fallo e basta adesso, per favore."

In realtà ha accelerato. Mi ha messo un lungo dito dentro e ha trovato un punto che non sapevo esistesse in quel momento, mentre il suo pollice girava lentamente intorno al mio clitoride. Ho messo i piedi completamente in alto sul bancone, allargando le gambe il più possibile mentre sentivo l'orgasmo che iniziava a rotolare dentro. Mi stavo strofinando su e giù ed ero consapevole del mio seno che ora rimbalzava ad ogni movimento di oscillazione Ho fatto. Non potevo credere che potesse semplicemente stare lì a guardare. Ma stava accelerando, ovviamente voleva che venissi adesso. Aveva sempre gli occhi sui miei seni volanti mentre venivo. Mi piego e poi mi allungo all'indietro, così sbatto la testa contro il muro. Alla fine ha messo una mano intorno a me e mi ha tirato a sé, mentre mi ha baciato con un bacio affamato mentre smettevo lentamente di tremare. Alla fine ha dato una stretta al mio seno e ai miei capezzoli, poi si è allontanato da me, continuando a guardarmi.

"Jenny," disse, "sei solo la ragazza più bella che penso di aver mai visto. Non è che non volessi scoparti, non crederci per un secondo. Ma non riuscivo a smettere guardando te. Lunedì sono assente dal lavoro e Mary-Ann sarà via. Se vuoi venire da noi possiamo passare il pomeriggio insieme, allora non mi trattengo."

Sono stato tentato di dire di sì, ma poi ho capito che avevo un ragazzo che volevo essere mio marito della porta accanto e la mia migliore ragazza era la sua ragazza. Non ne deriverebbe nulla di buono. Ma non potevo dirglielo. Ho solo sorriso e detto forse, vediamo.

Mi fece un cenno del capo, poi se ne andò per vedere cosa stava succedendo. Ho avuto il tempo di rimettermi il vestito. Non sapevo cosa fare con le mie mutandine. Non riuscivo a tenerli addosso, la parte che pendeva arrivava sotto l'orlo del vestito, quindi li ho tolti. Sono andato a stare alla finestra quando Poul è uscito in cucina, sono riuscito solo a farli scivolare oltre il bordo senza che lui se ne accorgesse. Voleva sapere di cosa avevamo parlato. Gli ho appena detto che avevamo parlato di Mary-Ann. Poul evitava di dirmi come era finita. Ha appena detto che si era addormentata. Ho cercato di chiedere di più, ma ha detto che avrei dovuto chiederglielo io stesso. Mi chiedevo cosa avesse fatto. Sono andato da lei, ma dormiva sul divano con una coperta addosso.

Poco dopo siamo tornati a casa. Ricordo ancora il viaggio verso casa in treno. Stava diventando abbastanza chiaro, e mi sentivo come se tutti dovessero essere in grado di vedere che non indossavo mutandine sotto il vestito corto. Mi sono sentito davvero nudo quando mi sono seduto sui sedili rigidi e freddi. Mi sembrava di essere seduto completamente nudo e quando siamo partiti ho notato un punto bagnato dove ero stato. Fortunatamente Poul era troppo stanco per notarlo, e sono saltato sul letto prima che si accorgesse che non indossavo biancheria intima.
Naturalmente ero tentato di tornare il lunedì, ma non l'ho mai fatto. Tuttavia, per molto tempo ho sognato la situazione. Non riuscivo a togliermi dalla testa l'immagine di Mary-Ann su quel divano. Non so se sia stata davvero lei a farmi eccitare (non sono mai stata molto coinvolta nelle attività bisessuali), ma il pensiero di come sarebbe essere nella sua posizione e cosa, semmai, era successo a lei. Ma non riuscivo a togliermi i sogni dalla testa, così ho deciso di sedermi e scrivere quello che potevo immaginare sarebbe successo se fossi tornato indietro.

Ero lunedì e finalmente le lezioni erano finite. Faceva davvero caldo e sudato, cosa piuttosto insolita per questo periodo dell'anno. Avevo lavato l'abito della festa del sabato e ora l'ho indossato di nuovo con la voglia di rivivere l'esperienza di quella notte. Ma l'avevo trovato un po' troppo rivelatore per l'università (ho trovato difficile concentrarmi quando sapevo che tutti i ragazzi mi stavano guardando, quindi di solito mi vestivo un po' più conservatore lì). La calza per il corpo che indossavo sotto il vestito manteneva il mio seno decente, ma era scomodamente caldo. Nel bagno delle donne ho sollevato un po' il tessuto dal mio seno e ho soffiato sul davanti per raffreddare un po'. Ho notato le rughe dopo il bordo stretto, che aveva scavato nella pelle. Stavo esitando un po', ma alla fine ho deciso che non volevo arrivare a casa di Ben tutto sudato e con brutti segni di vestiti troppo stretti, così sono andato in uno dei cubicoli e mi sono tolto il vestito. Sapevo che la conseguenza della rimozione della calza del corpo era che sarei stato di nuovo completamente nudo sotto il vestito. Ma mentre lo rimuovevo e lo infilavo in un sacchetto di plastica nella mia valigetta, mi eccitavo sia al pensiero della reazione di Ben quando mi ha visto così, sia al pensiero del viaggio in treno nella sua parte della città. Uscendo dal campus universitario ho notato diversi ragazzi che mi guardavano e speravo che nessuno di loro potesse ricordare cosa avevo indossato durante le sessioni. Fortunatamente non c'era affatto vento (questo era ciò che rendeva così caldo) perché solo una leggera brezza avrebbe potuto sollevare il tessuto abbastanza leggero da rivelare il mio stato nudo sotto il vestito.

A parte il fatto che sentivo che tutti sul treno dovevano aver potuto vedere che non indossavo niente sotto il vestito, il viaggio è stato tranquillo. Ero molto consapevole del mio stato di nudo e pensavo che i miei capezzoli risaltassero in modo troppo evidente solo per un viaggio in treno, e ovviamente i ragazzi mi stavano guardando (a me direttamente attraverso i vestiti), ma non più del solito .

Tuttavia, quando sono arrivato all'appartamento ero già terribilmente eccitato. Avevo un'idea molto chiara di come dovevo sembrare a Ben mentre mi sedevo sul bancone della sua cucina, e volevo tornare in quella posizione e questa volta speravo che facesse l'amore con me. Ho sbottonato alcuni dei bottoni nella parte superiore e inferiore del vestito per rendere più rivelatore che mi ero sentito come in treno, e ho suonato il campanello.

Già in quel momento intuivo che qualcosa non andava. Pensavo di aver sentito delle voci nell'appartamento. Potrebbe essere solo la radio, ma il pensiero di qualcuno lì mi spaventava. Non c'era niente che potessi fare, però, perché Ben aprì la porta prima che potessi pensare a qualcosa da fare.

"Oh eccoti." Ha detto ad alta voce ovviamente per un pubblico. Stava facendo una smorfia per farmi sapere che c'erano altre persone lì ed emetteva un suono sommesso.

Non sapevo cosa stesse succedendo, ma il mio cuore ha fatto diversi battiti e ho cercato di farmi strada in gola quando ho scoperto non solo tre dei gay di sabato sera, ma anche Mary-Ann. Mi sono fermato come congelato.

"Jorgen non credeva davvero che saresti venuto", ha detto Ben mentre mi strizzava l'occhio per lasciare che se ne occupasse. "Sei tu Jorgen, ma te l'avevo detto che l'avrebbe fatto se glielo avessi chiesto gentilmente" continuò ora rivolgendosi a Jorgen che ricordavo dalla festa.

Jorgen non ha esitato nemmeno un secondo, è andato subito avanti e ha commentato quanto fosse contento che ce l'avessi fatta. Forse lui e Ben avevano già organizzato la scusa da usare per Mary-Ann se dovessi davvero venire. Io invece ero ancora scosso. Non sapevo cosa dire e. Mi fissavano tutti, con il mio vestito semiaperto e lo sguardo completamente smarrito.

Mary-Ann in realtà ha salvato la situazione prendendomi per un braccio e trascinandomi in cucina.

"Cosa diavolo ci fai qui. Non pensavo ti piacessero i tipi di Jorgen", sussurrò non appena fummo fuori portata.

"Beh, non lo so," dissi, e almeno questo era vero. Ma e adesso? Era richiesto un pensiero veloce. "È solo che l'altra sera ho continuato a pensarti su quel divano, e il pensiero non mi ha lasciato per tutto il fine settimana. Mi rendo conto che la mia relazione con Poul sta diventando così seria che probabilmente non sarò in grado di avere molto divertente con gli altri tranne lui in futuro, quindi quando Ben ha chiamato e ha detto che Jorgen e i suoi amici erano qui, non mi piacerebbe venire dopo la lezione per un discorso, non ho potuto farne a meno. Mentire era facile per me, ma non era la storia più credibile. Ma se conoscessi un po' del mio passato, cosa che Mary-Ann ovviamente sapeva, potrebbe crollare.

Mi guardò come se non potesse credermi. "Vuoi dire che vuoi prendere la mia posizione sul divano e lasciare che questi ragazzi facciano con te quello che mi hanno fatto sabato scorso", ha chiesto finendo con un punto interrogativo molto grande.

"Sì, l'ho sognato per tutto il fine settimana", dissi. Sembrava che per ora seguisse la storia. Forse poteva capirmi perché era anche quello che sembrava aver voluto, o almeno lasciato accadere volentieri, a se stessa.

"Hmmm," disse esitante, "in realtà mi sto eccitando parecchio al pensiero anch'io."

Non era affatto quello che avevo programmato per il pomeriggio, ma era molto difficile uscirne. Stavo pensando intensamente. D'altra parte, che diamine. Stavo sognando Mary-Ann in quella posizione, ed era la sua foto con i ragazzi che mi aveva tenuto così eccitato per tutto il fine settimana che avevo deciso di venire. Semplicemente non avevo pensato che sarebbe successo a me. Ma non c'era dubbio che se fossi andato lì adesso, sarebbe successo anche a me. Ma non ho avuto più tempo per pensare.

"Ok, allora lasciati andare e divertiti", disse Mary-Ann mentre mi trascinava di nuovo in soggiorno.

"Ben, vai a prenderci da bere, fa così un caldo insopportabile qui dentro", disse mentre si sbottonava alcuni bottoni sopra la camicetta e si soffiava sul davanti. La parte superiore del suo seno era visibile ei ragazzi la stavano fissando mentre io mi sedevo sul divano dove era stato seduto Ben, cercando di sedermi nel modo più decente possibile. Ero molto consapevole che quasi indipendentemente da come mi fossi seduto, sarebbe stato molto difficile impedire ai ragazzi nelle poltrone di fronte a me di vedere il mio vestito dritto. Comunque sono riuscito ad accavallare le gambe mentre loro guardavano Mary-Ann in quel modo almeno ritardando la rivelazione.

Mary-Ann si è seduta accanto, spingendomi in mezzo al divano, il che ha fatto salire il mio vestito più in alto, scoprendo metà del mio sedere al suo fianco. L'ho guardata e quando l'ho vista guardare le mie gambe ho visto che i suoi capezzoli erano diventati duri, il che era molto evidente attraverso la sua maglietta sottile.

"Accidenti, è un po' sexy con questi vestiti corti con questo caldo", ha detto mentre cercava di abbassare la sua gonna molto corta, ma riuscendo solo a sollevarla come faceva.

"Se qualcuno ha bisogno di essere raffreddato, so esattamente come", ha detto Ben tornando con alcune bevande. Prima che capissi cosa volesse dire, aveva fatto cadere un cubetto di ghiaccio sul mio vestito tra i miei seni. Sono saltato in piedi seduto dritto sul divano, dimenticandomi completamente di tenere le gambe incrociate mentre lottavo per tirarlo fuori, ma non potevo. Era passato tra i seni e ora era al mio ombelico, sentendo molto, molto freddo. Ho dovuto sbottonare un pulsante ma è semplicemente scivolato più in basso, quindi solo dopo averne sbottonato un altro l'ho tirato fuori. Quando l'ho tirato fuori, mi sono reso conto che i due ragazzi di fronte a me stavano guardando dritto sul mio vestito, senza dubbio ora che non indossavo mutandine.

Ora Ben stava cercando di infilarmene un altro sotto il vestito. L'ho combattuto mentre cercavo di mantenere un po' di dignità. Ma mentre mi dimenavo mi sono reso conto che l'apertura del vestito in cui i due bottoni erano slacciati si stava spostando più in alto mentre il mio vestito si stava alzando quando ho alzato le braccia per difendermi. La metà inferiore delle mie tette si stava sforzando per uscire dall'apertura. Ben aveva smesso di cercare di infilarlo lungo il mio vestito, ma me lo aveva messo sulla fronte, che in realtà era piacevole e rinfrescante. Ma ora mi ha spinto indietro la testa e quando ha raggiunto lo schienale del divano si è chinato e mi ha baciato proprio sulla bocca. Ho provato ad alzarmi, ma lui mi ha trattenuto. Volevo alzarmi, ma soprattutto perché pensavo che fosse sbagliato da parte sua baciarmi proprio davanti a Mary-Ann.

Tuttavia, ho sentito una mano che sbottonava un altro bottone e prima di poter reagire ancora un altro in modo da poter sentire il mio seno essere improvvisamente esposto. Mi ero dimenticato che era Ben che mi baciava. Volevo solo coprirmi, nonostante fosse quello che stavo sognando. Presto ho capito però che era solo una reazione naturale, e quando la lingua di Ben ha iniziato a giocare nella mia bocca mi sono rilassato e ho accettato che l'ultimo bottone fosse slacciato e il vestito spostato di lato. Mi sono reso conto che era Mary-Ann a farlo, il che in un certo senso lo rendeva un po' più confortante, ma anche un po' più sporco poiché ovviamente pensava che fosse eccitante espormi a Ben.

Ho cercato di rilassarmi e concentrarmi sul bacio di Ben. Ma continuavo ad avere immagini nella mia mente di com'era Mary-Ann sul divano sabato sera, rendendomi conto che ora ero io esattamente nella stessa situazione. È stata una sensazione intensa sapere che due persone stavano giocando con il mio seno, ma frustrante non riuscivo ad alzarmi e vederlo. Non passò molto tempo prima che l'eccitazione prendesse il sopravvento sulle mie inibizioni. I miei capezzoli venivano strofinati, strizzati e, ho capito presto, baciati. Non ho potuto fare a meno di allargare le gambe, sapendo molto bene cosa ha fatto ai ragazzi di fronte a me. Ho immaginato lo spettacolo che stavano vedendo, e questo mi ha solo reso più eccitato. Pensai al modo in cui Ben aveva avuto di me l'altra sera e volevo sbottonarmi di più il vestito, ma le mie braccia erano bloccate dalle due persone ai miei fianchi. Alzai i piedi sul divano lasciando che il vestito cadesse completamente via mentre allargavo le gambe.

Ben deve essersi finalmente reso conto dello spettacolo che gli mancava baciandomi, perché si è fermato e ha guardato di nuovo il mio corpo praticamente nudo, con solo un paio di bottoni che lo tenevano insieme intorno al mio stomaco.

Mi ha chiesto di togliermi completamente. Ho liberato le braccia, sbottonato gli ultimi bottoni e tolto completamente il vestito. Ho quasi sorriso quando ho visto lo sguardo sui volti dei ragazzi. Non so fino a che punto fossero arrivati ​​con l'ubriaca Mary-Ann alla festa, ma non c'era dubbio ora fino a che punto sarebbe arrivato.

Uno dei ragazzi dall'altra parte si sedette in ginocchio davanti a me. Continuava a guardarmi negli occhi mentre si abbassava sulla mia figa, ma quando la sua lingua iniziò a leccarmi le labbra, buttai la testa indietro sul divano. Guardai di sbieco Mary-Ann che mi fissava eccitata. Le ho messo una mano per rimboccarle la maglietta, indicando che avrebbe dovuto toglierla anche lei e unirsi a lei, quindi non c'ero solo io. Ha iniziato a farlo e Ben si è affrettato ad aiutarla. L'ho vista ora molto eccitata che si liberava del seno. Ho allungato una mano e ho stretto con cura una di loro, testando la sua reazione al mio tocco. Ci conoscevamo da molto tempo, ma non ci eravamo mai fatti niente di simile. Non sembrava importarle. In realtà sembrava che le piacesse quando le arrotolavo i capezzoli tra le dita.

Ben non si è fermato alla sua maglietta, ma ha continuato a slacciarle la gonna ea togliersi le mutandine. Presto fu anche lui tra le sue gambe. Continuavo a toccarle i capezzoli mentre lui le leccava la figa.

Ho guardato in basso quando ho notato che il leccarmi la figa si era fermato. Uno degli altri ragazzi si era fatto cadere i pantaloni e ora si stava posizionando tra le mie gambe. Mi guardò con un'espressione che chiedeva la mia approvazione per continuare. Ho guardato il suo cazzo. Non tutto così grande, ma palpitante di un blu scintillante. Gli sorrisi, incoraggiandolo ad andare avanti. Continuavo a guardarlo mentre lentamente lo faceva scivolare dentro di me. Ero fradicio e lui lo portò fino in fondo con un passo. Presto ci ha lavorato sodo. Guardavo la sua faccia tutto il tempo mentre diventava sempre più eccitato. Stavo solo lentamente iniziando a crescere verso un climax quando è esploso. Ha tirato fuori l'ultimo secondo, per qualche motivo non volendo entrare dentro di me, e ne ha spruzzato una quantità enorme su di me e sul divano. Sono stato sorpreso di vedere una tale quantità - deve aver avuto quell'accumulo per molto tempo.

Mentre lo guardavo arrivare, il ragazzo successivo si era fatto cadere i pantaloni pronto a continuare. Ma ho sentito che era ora di cambiare posizione, così l'ho fermato, mentre mi giravo sul divano seduto in ginocchio appoggiando la fronte sulle braccia attraverso lo schienale del divano. Sapevo che sia Ben che il ragazzo accanto a me stavano guardando i miei seni pendenti, e quando il ragazzo successivo è entrato in me ho fatto uno sforzo per far combaciare i suoi passi, respingendolo, sapendo che il mio seno rimbalzava dappertutto. Il ragazzo al mio fianco si è arrampicato sotto i seni e ha cercato di leccarli, ma si è arreso perché rimbalzavano troppo. Invece è rimasto lì lasciando che il seno gli schiaffeggiasse in faccia mentre cercava di leccarlo lungo la strada.

Notai Mary-Ann che si posizionava nella mia stessa posizione, proprio accanto a me. Ben le andò davanti, si sbottonò i pantaloni e tirò fuori un cazzo molto lungo, ma anche molto piegato. Lo accarezzò un po' stando proprio di fronte a lei, spargendoci sopra i suoi succhi, e poi spalmò il cazzo su tutta la sua faccia. Stava cercando di leccarlo mentre lui lo spostava. Stavo guardando affascinato. Non avevo mai visto un cazzo così piegato prima. Aveva un angolo di quasi 90 gradi, ma allo stesso tempo era molto duro e spesso. Mi aspettavo che se lo mettesse in bocca, ma all'improvviso ha chiuso gli occhi inarcando la schiena, e ho capito che il primo ragazzo che era stato tra le mie gambe era entrato nella sua forma dietro. Ben li guardò, ovviamente non meno infastidito dal fatto che uno dei suoi buoni amici stesse scopando la sua ragazza proprio di fronte a lui. Invece si è spostato davanti a me. L'ho afferrato volendo non leccarlo, ma era difficile con i movimenti che stavo facendo, quindi ho rallentato un po' e ho lasciato che il ragazzo facesse il lavoro. Sono riuscito a piegarlo in un angolo in cui potevo prenderlo in bocca. Quando ho iniziato a lavorarci, ho avuto il piacere di vedere la reazione di Ben. Stava diventando molto eccitato. Quasi non riusciva a stare in piedi mentre lo succhiavo e lo leccavo fino alla curva.

Con la sensazione combinata del ragazzo che mi succhia i capezzoli, (è stato più facile ora che non mi muovevo così tanto), il ragazzo che lavora su di me da dietro, io che lavoro su Ben e sento le urla di Mary-Ann mentre lei cominciava a venire, non potevo più durare. Con l'aumentare della tensione ho lavorato di più con Ben, sperando di portarlo via prima di venire. Non ci sono riuscito perché all'improvviso sono esploso in un violento brivido, che mi ha fatto crollare, quasi addosso al ragazzo sotto di me. Lasciai andare Ben per concentrarmi sul mio orgasmo e mentre guardavo di lato vidi esplodere anche Mary-Ann. Anche lei guardò me, e mentre entrambi ci voltavamo sul divano completamente sfiniti non potevamo fare a meno di ridere. Avevamo condiviso molte esperienze, anche alcuni fidanzati, ma di certo non eravamo mai stati in una posizione del genere prima. Non so perché l'abbiamo trovato divertente, ma con grande sgomento dei ragazzi, non riuscivamo a smettere di ridere.

Quando finalmente abbiamo smesso di ridere, si è chinata e mi ha dato un bacio sulla guancia. Mi mise una mano intorno alla vita e appoggiò la testa sulla mia spalla rannicchiandosi su di me. C'era qualcosa di stranamente eccitante nel vederla seduta in quel modo che guardava dritto verso il mio unico seno, e sono rimasto un po' sorpreso dai miei stessi sentimenti quando ho capito che i miei capezzoli stavano ricominciando a indurirsi. Deve averlo visto anche lei, perché lo ha soffiato con attenzione, il che lo ha appena reso ancora più eretto. Ero molto consapevole che i ragazzi ci stavano guardando. Ho sentito spesso ragazzi che desideravano guardare il sesso tra ragazze, quindi sapevo che questo era uno spettacolo privilegiato per loro.

Non ho avuto molte possibilità di decidere se questo fosse uno spettacolo che ero disposto a organizzare, perché il ragazzo dall'altra parte stava facendo scorrere una mano all'interno delle mie gambe. Quando ha trovato le mie labbra bagnate e il clitoride e ha iniziato a lavorarci sopra, ha preso il mio altro capezzolo in bocca e ha iniziato a succhiarlo. Mi sono reso conto che anche Mary-Ann aveva iniziato a succhiare l'altro seno, ma i sentimenti combinati erano così belli che mi sono semplicemente appoggiata all'indietro, rilassata e mi sono goduta la sensazione.

La vista apparentemente eccitato Ben. Andò da Mary-Ann e iniziò a giocare con lei. Presto la fece inginocchiare all'estremità del divano e mentre entrava in lei, le ordinò di abbassarsi tra le mie gambe. Il ragazzo al mio fianco mi ha tirato giù sulla schiena appoggiandomi la testa in grembo mentre giocava con i miei seni con una mano e con l'altra si chinava su di me per sollevare la mia gamba sullo schienale del divano. Sdraiato così ora ero spalancato davanti a Mary-Ann. Non sapevo cosa pensare. Ero molto eccitato, e il pensiero di Mary-Ann tra le mie gambe in realtà mi eccitava, ma la stavo guardando per vedere come reagiva. Non sembrava importarle, e secondo le indicazioni di Ben si chinò e iniziò a leccarmi l'interno delle cosce. Continuava a guardarmi per vedere se intendevo fermarla o se volevo che continuasse. In realtà ora stavo iniziando ad essere molto eccitato. The other guys had moved so they could watch from Mary-Ann's end of the couch and I was aware of everybody's eyes on me as her lips slowly neared my pussy. Would I stop her or would they get to see me accepting another girl licking me.

I had absolutely no intention of stopping her. I just kept staring at her as she neared my pussy. She must have found it difficult to find the right place because Ben, in his own excitement, was pushing her hard. She used her hands to pull aside my lips and finally I felt her warm breath as her mouth settled right over my clit. I wanted to touch her, direct her, tell her I wanted it and to speed up, but it was only with each of Ben's strikes that she now licked my exposed clit. It was like being fucked by Ben. With each push I could see him make, I could feel my clit being licked. When he was faster the licking was faster, when he slowed down the licking was slower. I was frustrating. I finally sat up a bit and placed a hand on each side of her face, trying to hold her still, so she could keep working at my clit all the time. Fortunately Ben was now realising that he was missing the more intimate of Mary-Ann's treatment of me, so he stopped and came around to the side. Finally she could concentrate. I could feel her tongue exploring inside me, up and down the full length of my pussy, sometime sucking my clit hard into her mouth almost biting it. She was managing to keep me going by stopping when I started to move in an obvious way indicating I was about to come and to speed up when I started to relax. I had grabbed my nipples as the guy behind me had left to watch as well. I had a feeling like I was floating out of my body and watching the scene from across the room. The picture in my mind of me lying like that on the couch with my best friend licking me bringing me constantly to the verge of climax, was just too much. As I neared a climax again I begged Mary-Ann not to stop, but to keep going. I was writing like in pain, making it hard for her to keep at the clit, but she just supported her head against hear hands which was trying to hold me still. This time she didn't stop, but kept going long after I had reached the first orgasm and to my surprise I felt the next one coming almost right after. I seldom come twice but this time it was so intense. I bend as my stomach muscles contracted and shook violently. Mary-Ann went to just slowly licking the lips and finally withdrew sitting back at her heels watching me as I stared to get my breathing under control.

She smiled and asked if there was anything else she could do for me. It was said nicely enough with a smile and even thought it could have been interpreted as a bit sarcastic I knew she didn't mean it like that.

"Yes, you could let me have Ben for a while," I said not bothered to think about whether this was a reasonable request.

"Sure, be my guest," she said with a big smile as she turned around and grabbed Ben's hand and let him over to me.

"Come," I told him as I got up and took his hand. I let him into the kitchen and found my position from Saturday night on the kitchen counter. I guess the other ones wondered why it had to be right there, but nobody said anything. They just watched as I grabbed his crooked dick and guided him into me. This time he wasn't holding back. I put my legs around him and he gripped my hips as I leant back on my elbows watching him sliding in and out as his tension and speed build up.

I could clearly feel his bent dick inside me. It was a very different feeling from what I was used to. It was obvious that the bent angle made it caress the front of the pussy in a way similar to when he had put a finger inside me and played with me. It was a different kind of climax approaching. I went completely hot and felt a bit like if you have been holding back on your water and finally could let go. Just so many times more intense. I felt a rush of warmth envelop me and I think I actually blacked out for a second or two. Fortunately the sensation had me straightening up and I had my arms around his neck when it hit me full strength. I just clung to him as he continued and I felt a normal orgasm approaching. I was slipping around on the soaked counter. He held on to my hips pulling me towards him with each thrust and I could feel myself sliding over the counter towards him when he pulled and being pushed back with each thrust again.

As I felt my normal orgasm hitting me I also knew he was getting close. I was still shaking with the after shocks when he came. He pulled me hard towards him almost pulling me off the counter and held be in a bear grip as his own orgasm ran through him. When he finally collapsed and let go of me I almost slipped off the slimy counter. I looked at all the faces looking at me, and felt slightly silly. But that was one hell of a fuck, and the most incredible orgasm.

I knew one of the guys had not had an opportunity to fuck, so I wasn't surprised when I saw Mary-Ann jump on the counter and pulling the last guy over. I sank down on a kitchen chair as I watched them. I was in a daze and only woke from it when Ben showed up with a drink. I think I drank it in one go. Suddenly I had had enough of sex and guys. Mary-Ann was obviously finding the position good as well, because she was starting to make sounds as if she was loosing it. I managed to make it out to the bathroom where I had a shower. I dried myself in a towel, but left it hanging and emerged naked to see what was going on. The others were getting dressed, looking slightly embarrassed when they saw me, but I didn't care. I just found my dress and put it on. Mary-Ann was in the kitchen already dressed. I went up to her, gave her a small hug and thanked her. I don't really know what for, but it was also a way of saying good-buy. She gave me a big kiss on the mouth and followed me to the door. I didn't feel like seeing the guys or talking to Ben so I just slipped out.

I was in daze the whole way home. My only thought was that even though that had been an incredible experience I was never going to do anything like that again. From now on my concentration would be on Poul.

Storie simili

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

1.1K I più visti

Likes 0

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

1K I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

910 I più visti

Likes 0

Il mio fascino ha portato alla realtà.

Mio marito Daniel ed io (Gina) eravamo sposati da circa cinque anni. Abbiamo avuto una vita sessuale attiva anche prima del matrimonio. Ma si è intensificato dopo il matrimonio. Avevo usato giocattoli sessuali prima di incontrarci e si è eccitato quando l'ha scoperto. Siamo passati alla recitazione in costume. Gli piacevo vestita da infermiera sexy. Mi piaceva travestirmi da Padrona e farmi obbedire. I giochi sono diventati più folli con il passare del tempo. La cosa Dom è diventata più aggressiva. Ho iniziato a chiedermi da dove prendesse tutti questi giochi selvaggi. Ha iniziato a chiedermi di mettermi in ginocchio e...

677 I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 2

Prendo mia moglie con il cane di mio fratello. All'inizio arrabbiato, comincio a capire l'attrazione. Dopo che Horas ha nuovamente servito Cathy e poi ho avuto il mio turno, ci siamo diretti verso la doccia. Cathy era così cablata e si è aggrappata a me, baciandomi e ringraziandomi. Potrei dire che le piaceva davvero Horas. Potevo vedere perché. Era tutta forza bruta, un grosso cazzo grosso e una lingua ben praticata. Brian e Leena lo avevano ovviamente addestrato bene. Ero molto grato che Leena non avesse detto a mio fratello che anche Cathy era una delle puttane di Horas. mi sarei...

722 I più visti

Likes 0

Quid pro quo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>PARTE 1: L'intervista >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Luke si trova nell'ascensore e si dirige verso l'ultimo piano della Salesforce Tower. Ha il caffè in mano portando lo zaino su una spalla. Fissa il suo riflesso sulla porta dell'ascensore. Sta a 6'0 vestito nel suo solito look casual da lavoro. Ha pantaloni argentati su misura per la sua corporatura con una camicia blu abbottonata e un paio di scarpe nere. L'ascensore suona e la porta si apre. Si fa strada lungo un corridoio e si dirige verso la suite dell'azienda per cui lavora. Luke apre la porta e si dirige verso l'area della reception...

625 I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

599 I più visti

Likes 0

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

565 I più visti

Likes 0

Agenzia per l'adozione inviata dal cielo

~~Introduzione~~ Questa storia inizia con quattro ragazzi molto belli. Erano intelligenti oltre il loro tempo. Il primo si chiama Michele. Michael proveniva da una famiglia di altissimo livello. Suo padre possiede più della metà delle banche negli Stati Uniti, quindi il suo background era perfetto. Non ha mai avuto nessun tipo di problema per tutta la sua giovane vita, la famiglia sempre in giro (tanto amore), ed è un figlio molto educato. Stava compiendo 25 anni ed era al secondo anno al college (non nominerò il college, per altri motivi, ma era qualcosa come la fascia alta, come Yale), aveva una...

508 I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

461 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.