Una cerimonia del tè più erotica

1.5KReport
Una cerimonia del tè più erotica

Il toroko è, per mancanza di una traduzione migliore, uno stabilimento balneare di alta classe che pulisce, massaggia rilassa tutto il corpo e intendo ogni singolo muscolo importante. Questo non è il tipo di sala massaggi che trovi nelle città americane, né è un "bordello". Ho sempre sostenuto che entrare con il giusto atteggiamento con una hostess simpatica diventa quasi un'esperienza spirituale. Un'esperienza che ho visto vissuto da due a quattro volte al mese per oltre dieci anni.

Ho scoperto il mio toroko preferito quando sono stato preso come ospite da un uomo d'affari locale che mi ha aiutato a ottenere un contratto con il governo degli Stati Uniti sulla base aerea di Kadena. Il toroko si trova sul fianco di una piccola montagna che si affaccia sul Mar Cinese Orientale sull'isola giapponese di Okinawa. Era un ambiente bellissimo, giardini e un edificio in stile tradizionale, e quando siamo entrati siamo stati accolti dal mamasan, ci siamo tolti le scarpe e le abbiamo sostituite con pantofole di plastica da bagno. Abbiamo quindi proceduto nell'area del bar che era decorata in modo molto simile a un piccolo pub inglese con sia un bar che anche alcune impostazioni del tipo di area soggiorno con jazz liscio che suonava tranquillamente sul giradischi. Questo ha creato un'atmosfera molto rilassata e ci ha allontanato dallo stress della nostra vita quotidiana.

Mentre ci godevamo i nostri drink, la mia birra Orion, il mio amico Johnny Walker Black, siamo stati presentati a una mezza dozzina di belle ragazze che si sono versate da bere, ci hanno dato da mangiare con i finger food e hanno flirtato. Ognuno era vestito con un cappotto felice (questi sono solitamente decorati con colori vivaci e vivaci e hanno il nome del locale. Sono lo stile spesso indossato dagli chef di sushi in America) a gambe nude. Non c'era alcun senso di urgenza e avremmo potuto sederci lì per ore, ma dopo appena quaranta minuti ero totalmente colpito da Mariko. Aveva appena vent'anni e frequentava la sua seconda scuola alla Ryukyu University sperando di diventare un'infermiera. Sembra che molte delle ragazze che lavorano a torokos siano studentesse universitarie che guadagnano le tasse scolastiche e le spese di soggiorno. Poiché l'inglese è la lingua medica del mondo, Mariko lo stava studiando e ci siamo divertiti a ridere e flirtare tra il suo inglese stentato e il mio povero giapponese.

Una volta che ho indicato che avevo finito di bere, Mariko ha tirato su delicatamente la mano, ha fatto un inchino al mio amico e mi ha condotto lungo il corridoio nella nostra stanza privata. La camera in sé era abbastanza ben fatta. Era su due livelli, quello superiore che aveva un pavimento in moquette, un lettino da massaggio basso e un armadietto a muro. Ho potuto vedere che la sezione inferiore aveva un pavimento piastrellato con uno scarico al centro, un armadietto a vapore e una vasca da bagno. Essendo la mia prima visita, non sapevo quale fosse la cosa corretta da fare, quindi rimasi lì. Si è scoperto che era esattamente giusto. Mariko mi ha fatto togliere le pantofole e poi con calma mi ha sbottonato la camicia e l'ha appesa nell'armadietto. La sensazione della punta delle sue dita che mi toccano delicatamente le spalle e le braccia ha mandato uno shock attraverso il mio corpo. Poi si è inginocchiata, mi ha slacciato la cintura e mi ha tolto i pantaloni. Mi sono sentito un po' imbarazzato dal momento che il mio cazzo a questo punto non era così calmo e freddo come lei. Non ero ancora completamente eretto per i miei 7 pollici di lunghezza, ma stavo diventando un bel paffuto. Dopo aver piegato e appeso i miei pantaloni è tornata indietro e ha ripreso la posizione in ginocchio. Mi ha messo le mani sulle spalle in modo che potessi rimanere in equilibrio mentre si toglieva i calzini e poi ha messo le mani sull'elastico dei miei pantaloncini e ha iniziato lentamente a tirarli giù. Ho appreso in seguito che non aveva mai visto un cazzo americano prima e non si rendeva conto di quanto fossero più grandi del cazzo giapponese medio. Una volta liberato l'elastico che lo teneva premuto, si è alzato e le è rimbalzato sulla punta del naso. Mariko si lasciò sfuggire una risatina di sorpresa coprendosi la bocca con entrambe le mani e devo dire che pensavo che i suoi occhietti obliqui si girassero quasi completamente.

Dopo aver piegato i miei calzini e pantaloncini e averli riposti, mi ha preso per mano e mi ha condotto al bagno di vapore bianco. Mi fece sedere, chiuse la porta dell'armadietto e preparò la temperatura per imbastire. Mentre stavo fumando, ha iniziato a riempire la vasca d'acqua e una volta che era in corso, è tornata nell'armadietto e si è tolta il cappotto felice. Sono stato piacevolmente contento di vedere che non indossava il reggiseno. Senza indossare un paio di sottili mutandine di cotone bianche, tornò giù, controllò l'acqua del bagno e mi mise un panno fresco sulla fronte. Inutile dire che ho colto l'occasione per osservarla. Era alta circa 5'2", forse 95 libbre e, immagino, i suoi seni fossero circa una taglia "A". Attraverso le sue mutandine sottili, vedevo l'accenno di un'ombra causata da un piccolo cespuglio.

Mariko poi prese un materasso ad aria che non avevo notato appoggiato al muro, lo posò sul pavimento, prese un secchio di plastica d'acqua dalla vasca e lo versò sopra. Avendo deciso che avevo cucinato abbastanza, aprì l'armadietto, mi condusse al materasso e mi fece cenno di sdraiarmi su di esso a faccia in giù. Poi prese una saponetta, la immerse in un altro secchio d'acqua e si fece una bella schiuma tra le mani. Poi si è inginocchiata a cavallo di me e ha iniziato a impastare e pulire il mio corpo. Lei, ovviamente, ha iniziato con il mio collo, spalle e braccia, poi la mia schiena e la mia vita. Mentre lo faceva, si allungava e si muoveva e potevo sentire le sue mutandine e la figa cavalcare e scivolare contro il mio culo. Una volta che le sue mani hanno raggiunto il mio culo, è scivolata ulteriormente verso il basso e ha cavalcato una delle mie gambe mentre si insaponava le mani. Ha iniziato con i fianchi e le guance che si facevano strada verso l'interno. Poi si è presa le mani ricoperte di sapone e ha iniziato a strofinare la fessura stessa, incluso il mio bocciolo di rosa, ha fatto un giro di una nocca in profondità, ha spinto le mie gambe un po' più distanziate e ha strofinato la mia macchia e le palle. Poi si è capovolta e mentre si trovava a cavallo della mia vita, ora guardando verso i piedi, ha iniziato a strofinare ciascuno di loro a turno. Poiché doveva allungarsi così tanto per raggiungere i miei polpacci e i miei piedi, ora non solo avevo la sua figa che si sfregava contro di me, ma anche i suoi seni contro la parte posteriore delle mie cosce. Una volta finito, mi ha chiesto di girarmi.

Adesso ero un po' imbarazzato perché avevo un'erezione furiosa, un vero tagliatore di diamanti. Di nuovo si è messa a cavalcioni di me seduta proprio sul mio cazzo con la sua figa ricoperta di mutandine. Di nuovo insaponandomi il collo, le spalle, le braccia e il petto e poi giù fino allo stomaco. Questo ha presentato un piccolo problema poiché il mio cazzo era sdraiato su di esso e, ovviamente, lei era seduta su di esso. Ha risolto il problema facendo scorrere una delle mie cosce e poi con le mani molto insaponate, ha afferrato il mio cazzo con una mano, l'ha tirato indietro (non sono circonciso) e l'ha accarezzato lentamente su e giù e tutto intorno. Mentre lo faceva, guardò molto da vicino con respiri lenti e occhi storditi, leggermente sfocati. Era come se non ne avesse mai visto uno di quelle dimensioni prima e stesse memorizzando ogni vena, pollice e colore. Questa è stata la cosa più incredibile che abbia mai sentito. In realtà ha fatto un lavoro migliore nel prendermi in giro di quanto io possa fare su me stesso. Sai come le donne americane agitano la mano avanti e indietro; ammettiamolo, si chiama masturbarsi per un motivo. Il movimento della sua mano come se avesse dei cuscinetti a sfera nel polso. Mi ricordava le ruote di una locomotiva. Se guardi l'albero attaccato alle ruote non si muove avanti e indietro, scorre alla fine con un movimento circolare ed è quello che ha fatto la sua mano, non si è mai fermata alla fine di una corsa. Era un movimento continuo. Volevo davvero venire lì e poi perché non potevo immaginare niente di meglio, ma mi sono trattenuto per ogni evenienza, sperando di non pentirmene più tardi. Volevo anche toccarle il seno, ma di nuovo mi sono trattenuto perché non sapevo quale fosse l'etichetta corretta. Temevo che fosse come in molti club per gentiluomini negli Stati Uniti dove, mentre fanno una lap dance, possono toccarti ma tu non puoi toccarli e se lo fai, il ballo è finito e sei fuori. Non ho mai voluto che tutto questo finisse. Poi ha fatto di nuovo un lavoro infernale sulle mie palle, ha allungato una mano e ha fatto scivolare la mano sulla fessura del mio culo. Ho anche sentito che stava cavalcando le mie cosce e i polpacci molto più del dovuto. Certo, si è girata ancora una volta, si è premuta contro il mio cazzo e ha iniziato a insaponare le mie cosce, polpacci e piedi. Mi sono sdraiato lì a fissare il suo bel culetto, cosa facile da fare dato che le sue mutandine bagnate erano quasi totalmente trasparenti e il materiale era entrato nella sua fica rivelando un perfetto dito di cammello.

Poi si alzò, afferrò il secchio di plastica, lo riempì d'acqua della vasca e me lo versò addosso. Mio fottuto dio, faceva così caldo. In tutta la mia vita non ho mai, mai messo intenzionalmente acqua così calda su di me. Mi misi a sedere velocemente, emettendo un piccolo urlo insieme ad alcune parole che sono sicuro non le avevano insegnato nella sua classe di inglese. Si accigliò e si versò un secchio addosso, rise, scosse la testa e me ne scaricò altri tre. Questa volta sono stato in grado di fare l'uomo e non mi sono messo completamente in imbarazzo. Poi mi ha portato nella vasca e mi ha fatto cenno di entrare. OMFG. Sentendo che dovevo seguire l'usanza locale e non volevo sembrare una figa completa, mi ci sono avvicinato molto lentamente. Inutile dire che non mi sono mosso affatto una volta dentro perché il movimento lo faceva sentire ancora più caldo. Inginocchiata accanto alla vasca, alternava strofinando un asciugamano con un movimento circolare contro il mio petto e la vita e accarezzandomi il cazzo. Dopo essersi asciugata, mi ha fatto cenno di uscire e ho scoperto che non potevo farlo. Il caldo ha rilassato così tanto i miei muscoli che non riuscivo a sollevarmi. Mi ha preso entrambe le mani e mi ha aiutato a tirarmi su e fuori e si è assicurata che mantenessi l'equilibrio. Poi, prendendo un asciugamano, mi asciugò e mi condusse al lettino da massaggio.

In America, i lettini da massaggio sono alti circa 36 pollici dal pavimento, in Giappone sono alti circa 22 pollici. Mariko mi ha chiesto di sdraiarmi a pancia in giù e poi ha iniziato a camminare sulla schiena in equilibrio con una mano contro il muro. Non lo consiglierei a una donna di oltre 150 libbre, ma questi piccoli asiatici piccoli hanno esattamente il peso giusto. Possono fare un massaggio dei tessuti profondi incredibile e completo usando le dita dei piedi e dei talloni più gli avampiedi. Si è solo abbassata e ha usato le mani per massaggiarmi il cuoio capelluto, le dita delle mani e dei piedi. Poi mi fece cenno di girarmi.

Ora ha appena iniziato a massaggiarmi solo con le mani e gli oli, non più camminare; il mio collo, le spalle, le braccia e gli addominali con i suoi seni spesso "accidentalmente" che sfiorano le mie varie parti del corpo. Successivamente ha massaggiato le mie cosce, polpacci e piedi. Ora l'unica cosa rimasta erano le cose buone e dio ero sempre pronto. Ha fatto un cenno verso il mio cazzo, ha sorriso e mi ha chiesto "anche questo?" Mi sono quasi rotto il collo annuendo sì, sì e sì. Ha detto "chottomatte kudasai" che significa "per favore aspetta un momento", si è rimessa il cappotto e ha lasciato la stanza. Non sapevo se avrei dovuto giocare con me stesso o cosa perché il mio cazzo non era mai stato gonfio e sembrava stesse per esplodere. Se non me ne fossi occupato, domani avrei avuto un grave caso di palloni blu.

Dopo un'eternità di cinque minuti, Mariko tornò con un vassoio con una teiera, una tazza e una ciotola. Ho pensato "Non può essere finito" come in America quando ti danno una bottiglia d'acqua mentre esci dopo un massaggio. Versò una tazza di tè, ne bevve delicatamente un po' in bocca, mi sorrise e si chinò rapidamente e succhiò la testa del mio cazzo in quella bella bocca. Gesù, Giuseppe e Maria quando il mio cazzo è entrato in quella bocca a centocinquanta gradi, è stata la sensazione più meravigliosa della mia vita. Sai quanto è caldo mettere il tuo cazzo nella figa di una donna che probabilmente non è più di cinque gradi più calda di te? Aumenta quella sensazione di altri quaranta o cinquanta gradi. La prima volta che l'ha fatto è riuscita a infilarsi solo tre pollici in bocca e ha mosso la testa su e giù cinque o sei volte. Poiché il tè si raffredda rapidamente, lo sputa tranquillamente nella ciotola, beve un altro sorso e ricomincia da capo. Dopo diversi sorsi, bob e sputi, la mia mano scese lentamente e le accarezzò delicatamente le natiche sulle mutandine. Non mi ferma, ma posiziona i fianchi per darmi un migliore accesso mentre è ancora in grado di continuare a occuparsi degli affari. Ho fatto scivolare la mia mano sotto l'elastico delle sue mutandine e le ho accarezzato delicatamente le labbra della figa. Sono stato felice di scoprire che le mie dita si sono bagnate solo per aver toccato l'esterno delle labbra e hanno iniziato a strofinare dove pensavo dovesse essere il suo clitoride. Ho infilato un dito nella sua scatola dell'amore stretta e ho iniziato ad accarezzarmi dentro e fuori. Una volta che l'ho arricciato e ho iniziato a strofinare il suo punto G, ha risposto diventando più aggressiva e succhiando più forte e più velocemente. Ho sentito le mie palle raggiungere il punto di non ritorno e le ho detto "Sto per venire", ma non ha nemmeno rallentato. Sono esploso sparandole quattro o cinque corde dure nella sua bocca, ma non c'era spazio lì dentro con il mio cazzo, il tè e più sperma di quanto avessi mai sparato prima, quindi ha iniziato a gocciolare tra le sue labbra e il mio albero. Onore a lei, non ha rimosso la bocca fino a quando non ho finito completamente e poi ha sputato delicatamente e silenziosamente nella ciotola.

Quando finì, Mariko si voltò e sembrò piacevolmente sorpresa dal fatto che fossi ancora duro e mi fece un timido sorriso. Si è sciacquata la bocca con il tè, si è sdraiata su di me e ha iniziato a darmi dolci baci da farfalla. La gentilezza non è durata a lungo quando l'ho afferrata per la nuca e ho messo la mia lingua nella sua bocca più in profondità che potevo. Ha risposto rapidamente sfregando i fianchi contro il mio albero duro e asciugandomi. Quando apparentemente non poteva sopportarlo più, si è seduta, ha tirato da parte l'inguine delle sue mutandine e mi ha inserito lentamente nella sua vagina. Apparentemente i cazzi americani sono molto più spessi delle loro controparti giapponesi e anche più lunghi. All'inizio era solo la testa e aveva bisogno di fermarsi per riprendere fiato, ma poi si è lentamente abbassata centimetro, pausa, centimetro, finché non sono stata le palle dentro di lei. Poi è passata dall'inginocchiarsi su di me per appoggiare i piedi sul tavolo in uno squat e ha iniziato a salire e scendere, con le mani piatte sul mio petto per bilanciarsi, in quello che ora viene chiamato stile "asiatico". Fortunatamente avevo già finito una volta, quindi sapevo che questa volta sarei durato un po'. Continuava ad alzarsi e abbassarsi lentamente ea fare dei silenziosi miagolii. Potevo sentire la sua figa calda e stretta che non voleva lasciare andare il mio cazzo e ogni volta che si avvicinava, potevo vedere le labbra della sua figa che si allungavano verso il basso. Una cosa bella di scopare una ragazza così piccola; fa sembrare il tuo cazzo gigantesco. Le gocce di sudore si stavano formando sul suo viso e ho aperto il suo cappotto felice, ho allungato la mano, ho strofinato i suoi piccoli seni perfetti con i palmi delle mie mani ruvide indurite dal karate, e poi ho tirato e attorcigliato i suoi capezzoli rosa duri che sporgevano di circa mezzo pollice. La torsione e la trazione erano le chiavi e lei continuò sempre più veloce fino a quando i suoi occhi si chiusero e iniziò a gemere con il suo orgasmo. La sensazione di quella figa stretta e dei succhi caldi mi ha mandato oltre il limite e ho avuto il mio secondo dado della serata. È crollata su di me e si è sdraiata lì tremante e senza fiato e io non ero in condizioni migliori, sentendomi come se avessi appena completato una corsa di venti chilometri. Dopo che si è calmata, si è alzata da me e quando il mio cazzo ammorbidito è saltato fuori, ero inzuppato nel suo e il mio sperma gocciolava dalla sua figa. Ha pulito il disordine con panni caldi e mi ha aiutato a vestirmi dando al mio cazzo un'altra rapida suzione mentre mi tirava su i pantaloncini.

Siamo andati insieme al bar e il mio amico stava ancora aspettando con un grande sorriso stampato in faccia e mi ha chiesto “Cosa ci hai messo così tanto; Sono uscito trenta minuti fa? Potrei dire che le altre ragazze la stavano prendendo in giro per la quantità di tempo che trascorreva a causa del suo viso arrossato, della testa china e del suo piccolo sorriso. Mentre stavamo uscendo Mariko ci accompagnò alla porta, ci aiutò con le scarpe, si inchinò e disse che desiderava che tornassimo. Più tardi la mia amica mi ha detto che le altre ragazze hanno detto che ero davvero la prima americana con cui Mariko fosse mai stata, poiché i clienti americani sono molto rari in quel toroko. Sapevo che Mariko avrebbe visto questo particolare cazzo americano molte altre volte in futuro e ho ringraziato la mia amica per un regalo così meraviglioso.

Storie simili

Agenzia per l'adozione inviata dal cielo

~~Introduzione~~ Questa storia inizia con quattro ragazzi molto belli. Erano intelligenti oltre il loro tempo. Il primo si chiama Michele. Michael proveniva da una famiglia di altissimo livello. Suo padre possiede più della metà delle banche negli Stati Uniti, quindi il suo background era perfetto. Non ha mai avuto nessun tipo di problema per tutta la sua giovane vita, la famiglia sempre in giro (tanto amore), ed è un figlio molto educato. Stava compiendo 25 anni ed era al secondo anno al college (non nominerò il college, per altri motivi, ma era qualcosa come la fascia alta, come Yale), aveva una...

1.5K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 1

Diventare Omega, parte 1 Era in piedi davanti a uno specchio nell'atrio di un hotel, il cuore che batteva, il respiro corto. Presto, tutto sarebbe diverso. Lei sarebbe diversa. Non ne aveva idea. Ma anche allora, lì, sapeva che stava cambiando. Certo, era sempre stata una puttana. Era anche sempre stata un po' remissiva. Adorava scopare, ovviamente. Ma era proprio così: adorava scopare, e così si è fatta scopare. Non amava ancora il fatto che le persone adorassero scoparla. Il fatto che stesse rendendo felici gli altri non si registrava del tutto. Non fino a quel giorno. Era stata invitata qui...

1.1K I più visti

Likes 0

Le cronache della casalinga

Le cronache della casalinga Il ragazzo della fantasia Si chiamava Xavier, ci siamo conosciuti su una chat line e abbiamo parlato così per un po'. Abbiamo discusso di molte cose... cosa volevamo fare, i nostri piani futuri e cose del genere. Le cose sembrano semplicemente fare clic tra lui e me. Era più giovane di me di circa sette anni, ma era quello che mi attraeva in primo luogo. Non credo che nemmeno la mia età avesse importanza per lui; qualcosa in me era cambiato negli ultimi mesi. Ho avuto una relazione seria da un po' di tempo, ma le cose...

786 I più visti

Likes 0

Le Cronache di Craigslist: Capitolo 1:

Disclaimer: In questa serie non troverai incesto, stupro, droga, coercizione, violenza grave, fantascienza, fantasia, bestialità, scat, necrofilia o qualsiasi cosa di natura molto offensiva, incluso il sesso minorile. Il focus di questa serie è sui personaggi, le trame, l'umorismo e sembra essere ambientato in un ambiente sessuale. Per favore goditelo in questo contesto. Se hai familiarità con il mio lavoro precedente, sei pronto per più o meno lo stesso. Nota sul formato: questi capitoli saranno interconnessi, ma ci saranno molti personaggi diversi, alcuni potrebbero riapparire. All'inizio di ogni capitolo ci sarà una breve introduzione e descrizione del personaggio, e poi salterà...

762 I più visti

Likes 0

Trappola nella grotta, parte 1

Trappola nella grotta, parte 1 Il viaggio d’affari di Jack Simon a Manila era andato bene. Il nuovo ufficio della sua azienda disponeva di personale adeguato per amministrare gli aspetti di sottoscrizione e riscossione della sua grande compagnia assicurativa. Si ricompensò prendendo un idrovolante per Okinawa per incontrare un vecchio amico della Marina. Craig era un ergastolano che era riuscito a rimanere a Okinawa per tre anni e conosceva bene la zona. Ha portato Jack a fare immersioni in posti che i turisti non hanno mai visto; sistemi di grotte su piccole isole che erano per lo più incontaminate dal mondo...

446 I più visti

Likes 0

Clarissa Morgen - Parte 1

Clarissa Morgen era a caccia. La sua carriera giornalistica è in crisi da quasi 3 mesi e i suoi redattori la infastidiscono senza sosta affinché scriva una storia rivoluzionaria. Dopo molte estenuanti notti intere, ha trovato una storia che ha attirato la sua attenzione. Nelle ultime settimane sono state fatte irruzioni in diverse case della città. Secondo le sue fonti, all'interno di ogni casa rotta c'era un dipinto di un galeone strappato. Incuriosita da questi schemi, ha fatto alcune indagini nella speranza di scoprire qualcosa. Riusciva quasi a capire lo schema, ma manca sempre qualcosa. 5 case sono state svaligiate. 5...

440 I più visti

Likes 0

Casa stregata: parte III

Kelly era andata a trovare sua madre per la settimana, lasciandomi a preparare la casa per i nostri primi ospiti paganti. Per fortuna, la locanda sarebbe stata piena questo fine settimana. Una prenotazione last minute di tutte e cinque le camere da letto al secondo piano garantita da una riunione di famiglia. Mercoledì sera ero riuscito a pulire a fondo la casa, ricordando qualcosa che Kelly e io avevamo lasciato in soffitta. Entrando nella stanza verso il tramonto, ho sentito quel formicolio fin troppo familiare nei miei lombi. Guardando in basso, ho visto il mio pene sollevarsi e irrigidirsi nei boxer...

290 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

L'intera faccenda con Jackie

L'INTERA AFFARE CON JACKIE Avevo appena litigato con Arlene, la mia fidanzata di tanto in tanto da un paio d'anni, tranne per il fatto che non sapevo che ci fosse stata una lite finché non ho bussato alla sua porta per portarla alla festa quella sera. A un certo punto tra il momento in cui sono uscito di casa quel pomeriggio, che era un po' prima che andassi a casa sua, aveva ricevuto una telefonata da Bill Blackstone, che le aveva chiesto cosa stesse facendo quella notte. Bill aveva provato a fare delle mosse con lei per un po' e non...

961 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.