Zia Ruth 2

218Report
Zia Ruth 2

Ruth 2/la cognata

La mattina seguente riuscivo a malapena a fare colazione in previsione di quel pomeriggio con Edith, la cognata di mia zia. Mia zia Ruth aveva un aspetto orribile seduta dall'altra parte del tavolo. Ho chiesto: "Come sta Al?" "Non bene, non credo che durerà ancora a lungo", ha detto. I suoi occhi si riempirono di lacrime. I bambini erano piuttosto tranquilli tanto per cambiare. Nessuna discussione o piagnucolio.

Le girai intorno e cominciai a massaggiarle il collo e le spalle. Erano stretti come un tamburo. Zia Ruth ha detto: “Oh, è così bello, hai un bel tocco. Non ho dormito molto la scorsa notte. Penso che mi sdraierò per un po'. Se mi capita di addormentarmi, assicurati di svegliarmi prima di mezzanotte, così posso andare in ospedale. Si sdraiò sul divano e io continuai a massaggiarle il collo finché non si addormentò. Preparai Susan e Ted per la scuola e mandai Karen a casa di Edith. Ho impostato la sveglia per le 11:45 e sono scesa per finire i biglietti da visita che stavo stampando prima che Edith venisse a trovarmi ieri. Riuscivo a malapena a concentrarmi, continuavo a pensare a Edith ea quel bel corpo con le sue lunghe gambe. Sono riuscito a finire la corsa poco prima che suonasse l'allarme.

Quando salii di sopra e andai in soggiorno, mia zia Ruth era sdraiata sulla schiena e la vestaglia si era staccata in fondo. Le sue gambe erano divaricate quel tanto che bastava perché potessi vedere le sue mutandine bianche con il suo cespuglio marrone che si intravedeva. Nonostante il suo sguardo stravolto, ho scoperto che stavo iniziando a diventare duro. Quando ho alzato lo sguardo ho visto che mi stava guardando. Entrambi abbiamo girato tre fogli di rosso. Si coprì, si alzò, andò in camera sua e finì di vestirsi. Se ne andò circa mezz'ora dopo e disse che sarebbe tornata a casa verso le sei per cena e poi sarebbe tornata in ospedale alle otto.

Verso mezzogiorno e mezza andai a pranzo da Edith accanto a lei e Karen. Riuscivo a malapena a staccare gli occhi da Edith. Indossava un vestito che mostrava la maggior parte della parte superiore del seno e sotto non si era messa una sottoveste. Ogni volta che camminava davanti a una finestra ci vedevi attraverso. Potrei dire che non aveva nemmeno indossato reggiseno o mutandine. Mi è venuto duro starmene seduto lì a guardarla. Karen si avvicinò e mi saltò in grembo e mi diede un bacio. Ha detto "Ti amo zio Bob" "Beh, vi amo due" ho detto. A quattro anni era carina come l'orecchio di un insetto. Deve aver sentito qualcosa, perché ha iniziato a strofinare il suo inguine contro la mia erezione. Non stavo prestando attenzione perché avevo il piede tra le gambe di Edith e stavo cercando di metterlo nella sua figa. Come molte bambine, non sanno perché ma sanno che quando si sfregano provano una bella sensazione tra le gambe. Sono diventato ancora più duro con lei che lo faceva, realizzando cosa stava succedendo l'ho presa in braccio e le ho dato un abbraccio e una leggera pacca sul sedere e ho detto che è ora del tuo pisolino.

Quando Edith rientrò nella stanza dopo aver messo a letto Karen, riuscivo a malapena a respirare. Il mio cazzo stava già cercando di uscire dai miei jeans. Ho pensato che avrei fatto meglio a fare qualcosa o non sarei valsa una diga come amante. Ho detto, prendiamoci una tazza di caffè e diamo a Karen la possibilità di andare a dormire. Ha versato una tazza a ciascuno di noi e mentre si sedeva le tazze ho allungato la mano e l'ho tirata sulle mie ginocchia e le ho dato un bacio profondo e appassionato. Ha risposto con la sua stessa lingua e abbiamo esplorato la bocca dell'altro. Ci siamo baciati a lungo e ho lasciato che la mia mano le accarezzasse i seni attraverso il vestito. Ho fatto scivolare la mano lungo la parte anteriore del suo top scollato e ho strofinato i suoi capezzoli tra il pollice e l'indice, hanno preso vita e sono diventati sodi quasi duri. Stava respirando più velocemente e il suo seno cominciò a sollevarsi su e giù mentre continuavo ad accarezzare e impastare i suoi meravigliosi seni. Alla fine si alzò, mi prese la mano e mi condusse nella sua camera da letto. Il suo letto era un bellissimo letto a baldacchino con un baldacchino in pizzo. Le ho sollevato lentamente il vestito sopra la testa e ho guardato il suo bel corpo, i suoi capelli rosso fuoco e gli occhi azzurri più luminosi che tu abbia mai visto. Ha la pelle bianca come il latte con le lentiggini su tutto il corpo, il seno pieno delle dimensioni di un pompelmo con i suoi capezzoli puntati dritto verso di me mi ha tolto il fiato. Stava tremando quando l'ho attirata a me e l'ho baciata appassionatamente.

L'ho adagiata sul letto allargandole le gambe mentre mi posizionavo tra di loro. Mi chinai e ricominciai a esplorare l'interno della sua bocca con la lingua. Presi entrambe le mani e accarezzai, accarezzai e impastai quei suoi seni sodi. Le ho pizzicato e arrotolato i capezzoli tra il pollice e l'indice prima di scivolare giù per prendere il suo seno sinistro nella mia bocca succhiandolo delicatamente. La mia lingua rotolò sul suo capezzolo e il suo respiro si fece più veloce mentre il suo stomaco cominciava ad avere le convulsioni. Stava gemendo molto piano mentre passava le dita tra i miei capelli. Mi sono avvicinato al suo seno destro e ho cominciato a succhiare. La mia mano è scivolata tra le sue gambe e ho iniziato a massaggiare delicatamente le labbra esterne della sua vagina. Ho aperto le sue labbra e ho fatto scivolare il mio dito medio tra le sue labbra e nella sua figa bagnata. I suoi succhi scorrevano e quando ho infilato un altro dito dentro sono rimasto sorpreso da quanto fosse stretta. Poi ho capito che anche se aveva 39 anni non aveva mai avuto un bambino. La sua vagina era la stessa di quando era una ragazzina.

Quando ho fatto scivolare le dita sulla sua clitoride e ho iniziato a massaggiarla, ho sentito il suo ansimare e lei ha emesso un gemito basso mentre veniva. Ho succhiato il suo bel seno mentre continuavo a scopare con le dita la sua figa stretta. Quando l'ho sentita venire di nuovo, sono scivolato tra le sue gambe e le ho sistemate sulle mie spalle. Ho seppellito il viso nel suo cespuglio rosso fuoco, sembrava morbido velluto sul mio viso e sulle mie labbra. Ho inserito la mia lingua tra le sue labbra e l'ho tirata delicatamente su per la sua fessura fino al suo clitoride. Mentre facevo rotolare la lingua sopra e intorno alla sua clitoride, lei sollevò il culo e sentii il suo corpo tremare mentre veniva di nuovo. Le ho preso le gambe e le ho spinte indietro verso il suo petto in modo da poter penetrare la sua figa più profondamente con la mia lingua. Ho inserito due dita nella sua figa bagnata e poi ho preso il mio dito medio e l'ho inserito nel suo culo estremamente stretto.
Il muscolo dello sfintere era molto forte e teso. Ho dovuto massaggiarlo per diversi secondi prima che mi permettesse di scivolare dentro di lei. Mentre lo facevo ho sentito Edith stringere il buco del culo e le ho detto di rilassarsi. Ha sussurrato "Non ho mai avuto nessuno che mi facesse questo", ho detto: "Se ti rilassi, penso che ti piacerà". Ho iniziato a infilare il dito dentro e fuori dal suo buco del culo mentre continuavo a leccarle la figa. Raccolgo quanto più succo possibile dalla sua figa con la lingua e poi lo strofino intorno al dito; di tanto in tanto ritiravo il dito e inserivo la lingua. Quando l'ho fatto ho sentito Edith risucchiare il suo respiro e lei avrebbe premuto sulla mia lingua cercando di spingerla ulteriormente nel suo culo e sarebbe venuta ogni volta che ho inserito la mia lingua nel suo culo.

non potevo più sopportarlo; il mio cazzo era così duro che pensavo si sarebbe rotto. Ho risalito il suo corpo e mentre la baciavo ho preso il mio cazzo e l'ho inserito nell'apertura di circa due pollici. La sua figa sgorgava con i suoi succhi e l'ho fatta scivolare in un altro paio di centimetri. Era molto stretta ma accettava quello che le offrivo. Il suo respiro era molto affannoso, e con ogni centimetro che mettevo in lei emetteva un gemito sommesso. Ho spinto i rimanenti quattro pollici dentro di lei e lei ha inarcato la schiena ed è tornata. Ho iniziato a pompare lentamente dentro e fuori di lei. Quando ho spinto il mio cazzo fino in fondo ho potuto sentire il suo utero, e ho mosso il mio cazzo con un movimento circolare in modo che la punta sfregasse contro l'apertura dell'utero prima che tirassi fuori la punta del mio cazzo e poi mi tuffassi di nuovo dentro di lei . Ogni volta grugniva e sollevava il bacino per incontrare il mio cazzo. Stava gemendo e gemendo mentre iniziavo a pompare dentro e fuori di lei, sempre più velocemente. Sussurrò “Ohhhh, Ohhhh mio dio, non riesco a credere a quello che mi stai facendo. Non riesco a smettere di venire, oh merda, sto per venire di nuovo ohhhhhhhhhhh ”e ha spinto il bacino dentro di me finché il mio cazzo non è stato sepolto dentro di lei e il suo corpo ha iniziato a vibrare e le sue gambe tremavano mentre la sentivo venire. Questa volta è entrata in un torrente e si è riversato fuori dai bordi della sua figa, e mentre mi tuffavo dentro e fuori da quella figa stretta i suoi succhi schizzavano dappertutto e le scorrevano lungo la fessura del culo. Non potevo più trattenermi e ho seppellito il mio cazzo più in profondità che potevo e quando ho sentito il suo utero aprirsi ci sono entrata direttamente dentro. Mi afferrò per la schiena e le sue gambe si avvolsero attorno ai miei rifiuti e spinse più forte che poteva mentre sentiva il mio sperma svuotarsi nel suo utero. Emise un urlo basso mentre tornava e poi crollò di nuovo sul letto. È rimasta sdraiata lì per molto tempo esausta mentre la baciavo e le accarezzavo il collo.
Alla fine si girò su un fianco e mi fece un sorriso e disse: “Non sono mai stata così soddisfatta come negli ultimi due giorni. Hai risvegliato in me sentimenti che non avevo mai provato prima. Mi hai fatto venire l'orgasmo più negli ultimi due giorni che negli ultimi due anni, anche con il mio giovane amico in fondo alla strada. Non ho detto niente ma mi ha fatto sentire potente.

Dopo che fummo sdraiati lì per un po', mi alzai e andai in bagno. Ero lì solo da pochi minuetti quando ho sentito Karen entrare in camera da letto e dire: "Zia Edith non riesco a dormire". Ho chiuso la porta del bagno lasciandola socchiusa. Ero un po' scosso perché ci eravamo dimenticati di chiudere a chiave la porta della camera da letto. Ho sentito Edith dire che va bene vai in cucina e prenditi un biscotto mentre mi vesto. Appena la sentii uscire tornai in camera da letto e mi vestii in fretta. Edith si vestì, andò in cucina e si fermò tra Karen e la veranda sul retro in modo che potessi sgattaiolare fuori e scendere nel seminterrato e tornare nell'unità delle mie zie.

Ho iniziato a lavorare su un nuovo lavoro che era arrivato il giorno prima. Circa un'ora dopo Edith è entrata dalla porta del seminterrato e ha detto che aveva fatto addormentare Karen e dal sorriso sul suo viso potevo dire che non aveva ancora finito con me. Indossava un vestito di cotone leggero e potevo vedere che non c'erano mutandine o linee di reggiseno. Mio Dio, era bellissima, lentiggini e tutto il resto. Per una donna della sua età i suoi seni erano ancora sodi e facevano tendere il vestito di cotone su di loro in un modo che faceva venire l'acquolina in bocca. Stavo finendo di impostare il tipo per il nuovo lavoro, quando lei si è avvicinata dietro di me, si è allungata e mi ha afferrato il cazzo e mi ha baciato sul collo. Ho avuto un momento duro e ho quasi lasciato cadere il tipo che avevo in mano. L'ho posato, mi sono girato e l'ho tirata a me. Ho sentito i suoi seni morbidi e sodi contro il mio petto mentre la baciavo calorosamente.

Scivolò giù dalla mia presa e aprì la cerniera della patta e il primo bottone lasciando che i miei jeans scivolassero sul pavimento. Mi ha tirato giù i boxer fino alle caviglie e ha preso il mio cazzo duro in bocca. Ho cominciato a muovere il mio culo avanti e indietro e il mio cazzo ha cominciato a entrare in profondità nella sua gola e tornare indietro. L'ho scopata così per circa cinque o sei minuetti. Continuava a cercare di farmi entrare più a fondo nella sua cavità della gola. L'ho fatta scivolare lentamente sul pavimento e ho iniziato a scoparle la bocca. Ero in posizione di flessione e non potevo crederci che mi stesse prendendo tutti i sette pollici e mezzo in gola. Respirava a pieni polmoni mentre mi allontanavo da lei e poi mi afferrava il culo e mi tirava in profondità nella sua gola. Era tutto quello che potevo sopportare e le arrivai in fondo alla gola. Quasi ogni pezzo è andato dritto nel suo stomaco. Quando mi ha ritirato parzialmente dalla gola mi ha succhiato l'ultima goccia di sperma. Sono quasi crollato sopra di lei perché le mie braccia si erano trasformate in spaghetti e le mie gambe tremavano, ero completamente svuotato. Ci siamo sdraiati sul pavimento tenendoci l'un l'altro per un bel po' prima che lei si alzasse e dicesse che era meglio che tornasse su per le scale e controllasse Karen. Sono tornato al lavoro ma le mie gambe si sentivano deboli e riuscivo a malapena a stare in piedi così ho deciso di smettere per la giornata e sono salito le scale e ho fatto un pisolino.

Mia zia Ruth è tornata dall'ospedale verso le 17:00. Stava piangendo e ha detto che non pensavano che mio zio avrebbe superato la notte. Sono andato alla porta accanto e ho raccontato a Edith di suo fratello. Andava a trovarlo tutte le sere con mia zia; mentre facevo da baby-sitter ai bambini. Mio zio è morto quella notte alle 22:33.

Nei due giorni successivi fummo occupati a organizzare il funerale. Edith e mia zia erano piuttosto distrutte per la morte di zio Al, anche se sapevano che sarebbe morto per diversi mesi. Volevo consolare Edith ma ora dovevo tenermi a distanza. Anche i bambini erano piuttosto divisi, soprattutto i due più grandi. Al piccolo era successo qualcosa di brutto, ma davvero non riusciva a capire tutto.

Il corteo funebre di mio zio è stato il più lungo nella storia di San Paolo. Misurava poco più di un miglio. C'erano cinquantadue auto della polizia, diverse ambulanze e un autocarro con gancio e scala dei vigili del fuoco. più un sacco di macchine normali. La chiesa era piena di capacità e traboccava nell'area del prato anteriore. Lo zio Al era molto popolare tra il grande pubblico. Essendo un poliziotto di strada che camminava per il centro cittadino, si era fatto centinaia di amici.
Non sono mai stato a un funerale prima o dopo che avesse più amore e affetto per un individuo di quello di mio zio Al.
(Tutti i diritti riservati all'autore)

Storie simili

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

LA RAGAZZA VAMPIRO 2

Angelina corse con tutte le sue forze dopo essere atterrata a terra. Erano le 3:30 del mattino. Il sole sorgerà alle 5 e lei dovrà raggiungere la sua casa il più velocemente possibile. Guardò Michelle. Aveva desiderato questa ragazza sin da quando l'aveva vista sbirciare su Abilene. L'odore della sua dolce fica fluttuava insieme a lei, facendola arrapare da morire. Dopo mezz'ora di schivate tra edifici, incroci e viuzze, Angelina ha finalmente raggiunto la sua casa. Si avvicinò in fretta al cancello, che si aprì da solo, sapendo che era arrivata la padrona di casa. Ha tenuto Michelle sul suo letto...

213 I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

982 I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

745 I più visti

Likes 0

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

715 I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

609 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.