Solo a Tokyo con due cuccioli

973Report
Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali che crescevano, ma ho pensato che se non ci fossero state persone nella mia vita in questo momento, almeno avrei potuto avere un animale.



All'inizio ho preso un grosso mastino inglese, un cane forte per farmi sentire al sicuro a casa. Aveva muscoli spessi, poca pelliccia e occhi neri vacui, con un'espressione seria e fissa sempre sul viso da abbinare. Doveva farmi sentire al sicuro, mi ripetevo quando lo sceglievo nervosamente dall'allevatore locale... ma fin dall'inizio era molto più grande di me. Cercando di tirare il guinzaglio mentre lo accompagnavo al mio appartamento attraverso la frenetica città, sembrava avere una mente tutta sua, la testa e lo sguardo da qualche altra parte, e si muoveva solo quando voleva. Il suo spesso collare rosso sembrava non muoversi nemmeno quando lo tiravo, ecco quanto mi sentivo debole. Sono una ragazza piuttosto minuta, ancora carina e dall'aspetto giovanile alla mia età - mi sento molto più giovane, sempre - con i capelli lunghi e una frangia appena sopra gli occhi. Ero abbastanza imbarazzato a stare lì in centro, mentre continuava a fermarsi, e aspettavo che volesse trasferirsi di nuovo; Sapevo che le mie guance stavano diventando di un rosso ardente, e forse la gente mi fissava. Gli accarezzavo leggermente la testa di tanto in tanto in questi momenti, per alleviare i miei nervi e far sembrare che avessi ancora il controllo, che c'era una ragione per questo, anche se era nel bel mezzo di un'intensa giornata passerella, ma ci sto pensando ora e non ha nemmeno alcun senso.

Ora avevo notti spaventate a casa; Tut - l'ho chiamato - se ne stava nell'ombra, e io mi rannicchiavo dietro le coperte, avendo dimenticato di chiudere la porta della camera da letto, pregando che non si avvicinasse, e prendendomi cura di lui dopo che se n'era andato, chiedendomi se non dovrebbe seguire. Ho lasciato la sua ciotola del cibo vicino alla porta e ho iniziato a fare colazione nella mia stanza chiusa a chiave, ciotole di riso preconfezionato sul comodino. Era così alto; fino appena sotto i miei seni quando era davvero orgoglioso. Non avevo mai provato quella sensazione di solitudine più profondamente e la paura così palpabile nel mio appartamento come allora. Il mio appartamento è composto solo da poche stanze, e ognuna abbastanza piccola; la sua presenza e la sua ombra occupavano così tanto di quello spazio.

Mi sono procurato un piccolo amico di Pomerania, perché ero terrorizzato, proprio il giorno dopo, in preda al panico - e più che mai avevo bisogno di quell'amico. Tento era la cosa più adorabile e paffuta che abbia mai posseduto, e poteva semplicemente mangiarmi fino in fondo - abbastanza grande per questa razza, anche se ancora molto piccolo. Il mio secondo amico - non potevo semplicemente sbarazzarmi di Tut, che persona orribile mi avrebbe reso, non avrei mai permesso che un animale si facesse male o chiunque altro - si addormentava sulla mia pancia ed era così leggero che si alzava e si abbassava mentre io respirato. Abbiamo mangiato frutti di bosco e gli ho dato dei piccoli dolcetti al cioccolato per cani delle dimensioni della sua piccola bocca che ha inghiottito, e poi ha urlato e rimbalzato per la stanza. Mi fece ridere e sorridere, e arrossire e annodarmi i capelli dietro l'orecchio. Sapevo di aver comprato due maschi, e non sapevo molto di cani - se fossero alfa, ero preoccupato, e avrebbero combattuto per il controllo dell'appartamento - ma avevo sempre preferito la compagnia dei ragazzi a scuola e anche più tardi al lavoro, solo per qualche motivo. Questo è quello che mi sono detto. Non so davvero se sia stata una decisione consapevole o meno. Mi piaceva far star bene Tento; Gli grattavo la testolina, e lui strillava e si avvicinava il più possibile a una corteccia, e sprofondava nella mia pancia, con gli occhi che roteavano all'insù e la lingua fuori mentre ansimava piano e alla fine cedeva per essere semplicemente meravigliosamente felice.

Eravamo soli nella mia stanza una sera, con la porta chiusa a chiave da Tut che non sopportavo di essere guardato ma non riuscivo nemmeno a scrollarmi di dosso i miei pensieri, dopo tante serate al buio, io pigro e scorrevo i social media, ridendo delle più piccole cose buone che riuscivo a trovare - scorrendo rapidamente oltre l'angosciante o fastidioso (a meno che non attirassero davvero la mia attenzione infastidita) - con i bottoni del pigiama slacciati. Ho cosparso dei dolcetti al cioccolato per Tento sulla mia pancia e sul mio seno come un piatto da cui raccogliere - e la mia pelle ha solleticato elettricamente, ho sobbalzato - Tento ... l'ho tenuto prima di farlo cadere dalla mia pancia. Era sorpreso dal mio movimento improvviso, ma mi ero sentito così orribile e crudele: “Mi dispiace tanto, ragazzo grande e forte! Oh, mi dispiace, Tento, scusa, scusa! e gli accarezzai furtivamente la testa, temendo di fargli del male. Sembrava quasi infastidito: non sapevo cosa fare, ma poi se n'era dimenticato e mi stava di nuovo leccando cioccolatini dal petto e dal seno. "EEK" rabbrividii, soffocandomi con il dorso della mano. Non potevo respingerlo; se ne andò semplicemente, raccogliendo cioccolatini con nonchalance, con tutta la sua felice attenzione e interesse per quel piccolo compito. Ho dovuto ammettere qualcosa di terribile; Sapevo perché stavo comprando quei cani…. No, non era così. Ansimavo piccolo e infantile, fin troppo forte, mentre Tento ne raccoglieva uno fino all'ultimo, e dopo l'ultimo lo tiravo dritto dentro e vicino, e lo tenevo vicino al mio viso, sussurrando bravo ragazzo, bravo ragazzo, segretamente il mio cuore batteva forte ora era finita, e così grato che fosse finita. E poi mi stava leccando la faccia in minuscole leccate di lingua. Volevo succhiargli il cazzo. Fanculo. Fanculo! La mia mano andò al suo fodero, poi rapidamente no, via, strofinando la mano contro la mia pelle. Perché ero così solo? Perché ero così? Questi cani erano così felici che non se lo meritavano. Ho pensato a Tut, e alla sua espressione seria, immutabile, quel corpo pesante, muscoloso e cadente, e quegli occhi ape, quello sguardo lucido che guardava ovunque e da nessuna parte, e non sapevo se mi stesse guardando o no. Volevo fare sesso con lui. Con entrambi.

Non avevo intenzione di farlo. Avevo fatto sesso prima, un paio di volte, al college e poi poco dopo. Non per molto tempo. Ho dato a Tento un chicco o due di riso dalla mia ciotola segreta per la colazione sul comodino, pronto per domani mattina. La routine mattutina adesso era la poppata, l'afflusso di vestiti, il rapido sbloccaggio, poi il lento e piccolo ruscello aperto della porta e poi il veloce chiavistello alla porta d'ingresso prima che Tut potesse essere smosso dalla sua lussuosa cuccia arruffata nell'angolo. Come un re o un imperatore che governa la cucina e lo spazio abitativo. Me ne andavo mezz'ora prima, perché sapevo che si era svegliato con il sole attraverso le grandi finestre di vetro, e dovevo sedermi in un posto tranquillo sul mio telefono o cercare ansiosamente di leggere su una panchina fuori dalla metropolitana mentre il il tempo è passato e poi vai a lavorare. Mi odiavo davvero, nel profondo. mi sentivo solo; Mi sembrava che parlare con le persone andasse sempre male. Avevo provato a lavorarci su, ma essere così spaventato significava che mi ci sarebbero volute vite per fare i passi più piccoli e questo significava, la maggior parte delle volte, che sembrava davvero che poco fosse cambiato. Ma gli avevo dato un piccolo collare blu sottile, che pendeva dolcemente dentro e tra la sua pelliccia. Era davvero la cosa più dolce. Ma, anche se quegli occhi da bebe mi guardavano meravigliati, tutto quello a cui riuscivo a pensare era renderlo il mio fottuto giocattolo. Mi chiedevo cosa ci sarebbe voluto: avevo visto ragazze su Internet farlo apparentemente senza alcun incentivo, ma poi ho letto molto sul dover usare il cibo. Forse mi sarei lasciato leccare apposta.

La porta si aprì cigolando. No, era bloccato! L'ombra di Tut. Mi sono appena congelato. Tento mi stava ancora leccando la faccia e lanciava occasionali abbaiate! di gioia. Non riuscivo a distinguere la faccia di Tut, ma camminava in avanti, con calma, lentamente, con lentezza. Non sapevo cosa volesse. Ero così spaventato. "Vieni qui, ragazzo" dissi piano - così piano, l'ho mai detto? Un po' più forte "Vieni qui ragazzo" - e poi saltò sul letto. Era così alto. Era così forte e bello. Era il doppio di me. Oddio... ha affondato il naso lentamente, quasi deliberatamente, sotto il lenzuolo che copriva la mia metà inferiore. Non capivo cosa stesse succedendo. Cosa stava facendo all'improvviso? E adesso? Se fossi stato...

Ho urlato, una spessa lingua rossa contro il mio inguine. Potevo sentire il sapore acido e stagnante dei miei succhi di figa mentre li leccava, così avidamente. "Tutto!" Ho urlato, non so se di rabbia, di paura, di estasi, di disperazione e sollievo e oh mio dio, fermati. Era così forte. Penso che stavo iniziando a piangere. Il mio cane mi violenterebbe? Mi sono imbavagliato con il dorso della mano, ma il pezzo di ricambio gli ha afferrato il pelo sulla testa e l'ha trattenuto. Per favore, ragazzone, fermati, non fermarti. Tento mi stava ancora leccando la faccia, e leccava a disagio le mie palpebre, le lacrime salate prima ancora che avessero la possibilità di andarsene. Ora ho allungato la mano e mi sono aggrappato alle colonne del letto; e all'improvviso Tut era balzato in avanti, spingendo la sua faccia contro la mia, spingendo la mia estremità inferiore con i suoi fianchi. Potevo sentire ogni costola attraverso la sua pelle, mentre penso di aver avvicinato il suo corpo, poi si è trovato, e si è radicato in me, con solidità e disperazione, versando il suo pesante cazzo nel mio inguine, e non riuscivo a respirare. Mi ero perso deliberatamente qualcosa in questa storia; Avevo dimenticato tra me e me che non era la prima volta. Tutto il porno che avevo visto si era confuso con la realtà. Tornare a casa e passare ore a trovare il coraggio di andare in cucina, e poi andare a letto di Tut e solleticargli la testa, poi la pancia - più in basso, più in basso. Era successo davvero? Volevo andare nel suo letto mentre dormiva e succhiarlo dolcemente, il potente imperatore era servito dalla sua cagna concubina. Non mi interessa come suona.

Tento ha dovuto saltare giù e non aveva nessun posto dove andare. A Tut non importava; ha appena picchiato, accarezzando la sua cagna, il suo enorme corpo che dondolava il letto, scricchiolando e tremando, e rompendo il mio piccolo corpicino. Ho sbattuto avanti e indietro contro il muro, sbattendo la testa contro di esso, e si è rotto, il cervello e il sangue si sono riversati fuori, ecco come ci si sentiva. Il mio bacino si ridusse in polvere, era una stretta agonia, lui avvolse il suo grosso cazzo dentro di me, unendosi a noi, e io quasi resistetti nel bel mezzo dello stupro, e più di ogni altra cosa non potevo ancora ammettere che avevo comprato lui solo per questo; Avevo comprato specificamente un ex cane da riproduzione, per ogni evenienza, solo perché pensavo che allora potesse essere più ricettivo. Non gli importava quanto mi stava scopando. Il letto andò a sbattere contro il comodino, rovesciando il mio riso dappertutto, e Tento saltò giù per leccarlo avidamente. Stava ancora cavalcando e ho capito che non mi amava; voleva solo un giocattolo per la masturbazione. Mi erano rimasti dei cioccolatini dalla borsa e li ho presi, mentre gemevo e lui ansimava e guaiva per il dominio e la soddisfazione, ringhiando alla conquista della sua concubina, e ho iniziato a dargli da mangiare i cioccolatini tremante, mentre mi macinava, e io stavo cercando di schiacciarglieli in faccia tra i suoi denti ringhianti, cercando di ottenere il suo amore come se avessi quello di Tento così delicatamente. Invece tutto quello che potevo davvero fare era respingerlo debolmente con i miei fianchi. Ho provato ad allacciare le mie gambe attorno al suo corpo un paio di volte, ma continuavano a ricadere giù: ero troppo piccola, i miei fianchi meno larghi del suo corpo, e l'ho lasciato andare avanti mentre i miei occhi si giravano all'indietro, e così ha fatto il suo – Ero di nuovo vagamente consapevole della presenza di Tento sulla mia faccia, e non so se l'avevo fatto una sega o cosa, ma ricordo la sua piccola faccia da cazzo che mi fotteva, mentre la infilava con l'estasi, e tutti e tre eravamo un legame.

Il nodo stava crescendo in Tut, e non desideravo altro che essere incinta dei suoi cuccioli - si stava eccitando sempre di più, la sua faccia si contorceva e socchiudeva gli occhi, e io ne ero innamorata proprio in quel momento, tutte le mie preoccupazioni andato, arrendendomi al mio padrone - e poi Tento, il mio piccolo Pomerania, mi è venuto giù per la gola sperma bianco caldo e appiccicoso, mentre strillava sonoramente. Alla fine Tut ululò, e il suo nodo si gonfiò spesso e si incuneò dentro di me, e il mio corpo era allora caldo per lo sperma del cane che esplodeva nel mio ventre tutto in una volta. C'era il respiro affannoso mentre rallentavano e si fermavano, ed entrambi i miei ragazzi mi avevano conquistato. Il corpo pesante di Tut si accasciò felice su di me, ancora dentro di me, schiacciandomi come un'enorme coperta gialla, mentre i suoi occhi vacillavano e poi si chiudevano nel sonno e nella soddisfazione - e nel suo piccolo sogno da cagnolino il mio ragazzone continuava a picchiarmi, ora solo piccole spinte arcuate. L'ho abbracciato e gli ho accarezzato la schiena, e l'ho abbracciato stretto, ancora annodato. Sorrisi e massaggiai la testa di Tento mentre si rannicchiava su di me, la sborra che mi colava dalle labbra. Poi anche i miei occhi si sono spostati e sono svenuto.

Mi sono svegliato il giorno dopo e non sono andato al lavoro. Mi vergognavo e mi sentivo nudo, felice di ammettere quello che avevo provato, strano che fosse stato reale. Un altro giorno è passato, ho avuto il coraggio di affrontare i miei cani; avevano dormito sul pavimento e sul letto, Tut sul letto, Tento sul pavimento. Mi è stato permesso con l'imperatore come sua concubina sul letto. Era una cosa ridicola da dire. Ho pensato che sarebbe stata la fine di tutto; il giorno dopo, ho lasciato che Tut mi fottesse da dietro. È stato molto veloce; si è svegliato, ho capito cosa sarebbe successo da quello che sentiva e da quello che sentivo veramente, e mi sono chinato e lui è balzato in piedi. Era solo un cagnolino disperato e sporco, ma lo amavo. Abbiamo fatto molto più sesso nei giorni e nelle settimane successivi, ma in quel momento è sembrato più naturale e maturo. Ho cambiato lavoro, lasciando quello che avevo. Non avevo amici lì, nessuna vita.

Tento era molto più reticente e poco interessato al sesso – era troppo dolce; Mi chiedo se sia stata solo l'eccitazione dell'altro giorno a coinvolgerlo. Tuttavia, ho detto a Tut di lasciarci in pace un paio di volte, e siamo usciti insieme, o occasionalmente l'ho convinto ad aprirsi - una volta siamo persino andati in missione, e lui ha martellato via tutto eccitato e felice, pensando di aver fatto un buon lavoro dopo. L'ho elogiato e gli ho strofinato la testolina, di cui sembrava più eccitato del sesso e di aver lasciato il suo piccolo seme nel mio corpo vergine, e gli ho dato dei dolcetti al cioccolato e ci siamo coccolati mentre mi addormentavo con i video online. Tut era un uomo più stoico; conosceva il suo posto, e intorno a lui conoscevo il suo. Non sapevo quanto potesse durare una relazione del genere; anche se mi ha dato il coraggio di uscire finalmente e provare cose nuove. Amo i miei due ragazzi, i miei due cani, e loro e il loro sesso hanno cambiato la mia vita e il mondo; ma non avrei mai potuto condividere questa storia con nessuno prima d'ora. So cosa potrebbero pensare molte persone; e so che molte persone potrebbero prendere le cose nel modo sbagliato. Ero solo e infelice, e i loro cazzi rossi mi hanno dato una possibilità. Potrei anche voler prendere di nuovo un essere umano un giorno, se mi sento abbastanza coraggioso per farlo. Ma non ancora. Camminare con Tut al parco e girare la città con lui è stato un sogno. È una vita strana, e forse solitaria, con solo i miei due cani e me, la loro cagna, ma ehi, io sono una cagna, e amo i loro cazzi e mi puoi denunciare per questo.

Storie simili

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

2.1K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2K I più visti

Likes 0

Io e il signor Bill! Parte 4: Il vecchio strip club

Parte 4: Io e il signor Bill! Il vecchio strip club Bill ha raccolto il mio vestito e mi ha aiutato ad alzarmi. Penso che una bella doccia calda e un'altra bevanda energetica sia in ordine per te. Disse mentre mi guidava con le mie gambe ancora tremanti sul retro del camion. Lì ha digitato un codice nella porta che ha aperto il retro del camion e siamo entrati nella zona giorno. Mentre mi stavo togliendo gli stivali e le mutandine, Bill ha aperto la doccia per me. Mio, quei ragazzi ti hanno lavorato bene, vero? Certo che l'hanno fatto. È...

1.8K I più visti

Likes 1

One Lucky Bastard (modificato e riscritto)

Un fortunato bastardo prt 1 Ciao gente, questa è la mia prima storia. Ho pensato che sarebbe stato bello iniziare a scrivere da una vera prospettiva afroamericana. Dimmi cosa pensi sia positivo che negativo. Inoltre, questa sarà una storia in otto o nove parti, basta guardare i colpi di scena. Devo essere il bastardo più fortunato del mondo. Avevo appena compiuto 18 anni quando ho perso la verginità con una ragazza di 26 anni. Al tempo del mio ultimo anno al liceo, avevo fatto sesso più di 30 volte e avevo imparato a mangiare la figa in modo esperto e sapevo...

1K I più visti

Likes 0

L'estate di Brooke_(1)

Al liceo non sono mai stata la grande star o il pagliaccio della classe, o davvero niente. Sono scivolato nel mezzo in tutto e non sono mai stato notato da nessuno tranne che da alcuni amici. Le donne sono state incluse perché non ho mai avuto una personalità o un corpo di spicco. C'era una ragazza, Brooke, mi sarebbe andato bene coccolarla tanto quanto volevo scoparla. Aveva una personalità elettrica e il corpo da abbinare. In qualche modo abbiamo formato una relazione improbabile, ovviamente essendo io l'idiota che ero volevo ottenere qualcosa di più. Inutile dire che ero in zona amico...

1.1K I più visti

Likes 0

Il patto del diavolo, la figlia dei tiranni Capitolo 7: Sorella nei ceppi

Il patto del diavolo, La figlia dei tiranni da miopenname3000 Diritto d'autore 2015 Capitolo sette: Sorella nei ceppi Nota: grazie a b0b per la beta che legge questo! Domenica 29 maggio 2072 – Chasity “Chase” Glassner – Sacramento, CA Mi sentivo molto meglio quando mi sono svegliata accanto a suor Stella la mattina dopo, con la luce del sole che entrava dalla nostra finestra. La scorsa notte era stata magica. Non ho resistito alla tentazione di scostarle i capelli biondo chiaro dalla guancia. Mi chinai per accarezzarla e baciarla. Puzzavamo di figa calda, quel meraviglioso muschio d'amore. La mia figa prudeva...

876 I più visti

Likes 0

Infermiera gentile/Infermiera cattiva

Nota dell'autore: ho dovuto ritirare la storia di Pizza Boy perché alla fine l'ho rimpolpata e l'ho venduta a un editore. Volevano una pubblicazione esclusiva per la storia, quindi doveva essere rimossa da qui. Questa sarà probabilmente l'ultima volta che trarrò una storia per un editore, ma questa volta non ho avuto scelta. Cercalo presto su Amazon. Nel frattempo: sto scrivendo qui i miei pensieri iniziali per una storia di Nurse Nasty per vedere che tipo di risposta ottengo dai meravigliosi lettori di questo sito. Se ricevo buoni commenti, finirò la storia e la pubblicherò in un secondo momento. Anche la...

862 I più visti

Likes 0

Da stagista a troia universitaria PARTE 2

Questo è il sequel della prima parte con lo stesso titolo. Per comprendere appieno la storia, ti incoraggio a tornare indietro e leggere la breve parte 1 di questa storia. Inoltre, ecco alcune foto della troia che è l'ispirazione della storia; http://imgur.com/a/Brjjl -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ---------------------------- Joe aveva lasciato a Sara un memorandum indicandole cosa avrebbe dovuto indossare il giorno successivo al lavoro. Sara è andata a lavorare sentendosi estremamente nervosa e impacciata. Indossava un abito nero molto corto e succinto che le copriva a malapena le gambe e mostrava un'ampia scollatura. Le ordinò di non indossare mutandine e un reggiseno push-up...

772 I più visti

Likes 0

Colpire la curva (Capitolo 1)

Nota prima di leggere: se stai cercando una lettura veloce senza trama e sesso immediato, questo non fa per te e ti incoraggio ad andartene. Se ti piace una storia con una trama e non hai bisogno di sesso subito e in ogni momento, allora ti incoraggio a restare. .................................................. Se hai critiche o commenti, non esitare a lasciarli nella sezione dei commenti. Cercherò di rispondere a qualsiasi commento che contenga domande, suggerimenti o qualsiasi altra cosa che susciti il ​​mio interesse. Grazie e spero che ti piaccia il mio primo tentativo di scrivere su questo sito. E così iniziamo. -KWAR14...

784 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

744 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.