Only Girl in School Ch 2: una storia di Frankel

744Report
Only Girl in School Ch 2: una storia di Frankel

L'unica ragazza a scuola, capitolo 2

Originariamente scritto da Frankel

Dopo un po' ho capito che non potevo andare avanti.

La mia routine quotidiana era svegliarmi mentre mi fottevano in faccia, nella fica o nel culo dal capitano della scuola. Poi mi ammanettava e mi dava da mangiare con un cucchiaio una ciotola di sperma lasciata dagli altri studenti come colazione.

Poi mi ha attaccato un guinzaglio al collare e mi ha accompagnato all'unico corso che potevo frequentare: educazione sessuale. Non ero tanto uno studente quanto un oggetto di scena. Per tutto il giorno si sono esercitati a infilare i loro cazzi nei miei buchi ea far esplodere il loro sperma dentro e sopra di me.

Poi c'era la cena in cui mi inginocchiavo davanti alla sedia del preside e lo succhiavo mentre tutti gli altri mangiavano. Poi mi è stato dato da mangiare il mio secondo pasto di sperma per la giornata.

Avevano scoperto che ero meno utile a loro nell'educazione sessuale se ero usato molto oltre. Così sono stato condotto nella stanza che condividevo con il capitano della scuola e legato alle quattro colonne del letto.

Poi mi scopava finché lui o io non ci addormentavamo.

Una mattina mi sono svegliato alle e nuovo ho dovuto smettere.

Il capitano della scuola aveva il suo cazzo tra le mie tette e me le stava fottendo forte.

"Qual è il punto?" Ho pensato. Ero determinato a non lasciare che mi scacciassero. Ero l'unica ragazza mai ammessa e sapevo che erano determinati a sbarazzarsi di me.

Laurearmi qui mi aprirebbe tante porte. Avrei la mia scelta di qualsiasi lavoro al mondo. Ma era solo se mi fossi laureato. Non avrei potuto laurearmi se non mi fosse stato permesso di studiare.

Il capitano della scuola ha visto che ero sveglio e ha tirato fuori il suo cazzo dalle mie tette e me l'ha offerto perché lo succhiassi. Volendo essere slegato dal letto, aprii la bocca e lasciai scivolare dentro il suo cazzo. Si sdraiò sulla mia faccia e iniziò a martellarmi il cazzo dentro. Leccai l'asta nel modo in cui sapevo che gli piaceva e cominciai a gemere attorno al suo cazzo.

Era così facile prevedere cosa gli piaceva e me lo sono fatto venire in bocca in pochi minuti. Ho ingoiato il suo sperma mentre mi slegava dal letto.

Quando si è voltato per prendere le mie manette e il mio guinzaglio, ho deciso che era ora di andare. Sono saltato giù dal letto e sono corso alla porta ed ero nel corridoio prima che avesse il tempo di reagire.

Mi sono aggrappata al seno per cercare di impedirgli di rimbalzare troppo mentre correvo lungo il corridoio. Raggiungo l'ufficio del preside e spalanco la porta.

La sua segretaria era in ginocchio davanti a lui e glielo succhiava mentre si sdraiava sulla sedia.

"Ho smesso", dissi. "Hai vinto. Voglio uscire. Torno al college femminile."

Il preside non ha nemmeno avuto la buona educazione di guardarmi in faccia. Fissò i miei seni e iniziò a forzare la testa delle sue segretarie su e giù.

"Quello che sembra essere il problema?" chiese.

"Qual è il problema?!?" Ho detto. "Sei serio!"

Prima che potesse rispondere entrò il capitano della scuola. Indossava l'uniforme scolastica e mi teneva le manette e il guinzaglio.

"Questo è il guaio," dissi. "Vengo usato da te e dal tuo staff come un oggetto sessuale giorno e notte. Non ha senso che io sia qui perché non ho possibilità di laurearmi perché non mi è permesso studiare!"

Il preside ha schiaffeggiato la sua segretaria sulla nuca.

"Niente denti," la rimproverò.

Mi guardò e sorrise.

"Mia cara, non ti preoccupi proprio di niente. È tutto a portata di mano."

"Com'è in mano?" dissi, stupito dal suo atteggiamento.

"Ti diplomerai facilmente. Tutti i tuoi test vengono fatti per te dai nostri migliori studenti. Stai superando a pieni voti. In pochi mesi otterrai voti abbastanza buoni per andare in qualsiasi università del mondo."

Non potevo credere a quello che stavo ascoltando.

"Certo," disse. "Potresti andartene se vuoi, ma ciò significherebbe tornare al college femminile. Non sei benvoluto lì, credo. Non erano contenti che tu venissi qui. Ti faranno lavorare sodo, probabilmente ti deluderanno."

Il preside ha costretto la sua segretaria a portargli il cazzo fino alle palle. Lui gemette e sembrò eiaculare nella sua bocca. Quando ebbe finito la lasciò andare. Si voltò e mi guardò.

"Ne vuoi un po?" chiese con la bocca piena di sperma.

"No!" esclamai.

Lei si strinse nelle spalle e deglutì.

"È una tua scelta", ha detto il preside. "Devo chiamare i tuoi genitori e chiedere loro di venire a prenderti?"

Ho esitato. Qualsiasi università del mondo. Mancano solo sei mesi. Mi sono ricordata di quanto odiassi il college femminile. Mi avrebbero sicuramente deluso se fossi tornato, solo per dispetto. Vedendomi esitare, il capitano della scuola è venuto e ha cercato di attaccarmi il guinzaglio al collare.

L'ho messo da parte.

"Se rimango voglio un paio di cambiamenti," dissi.

"Come?" chiese.

"Mi occupo dell'insegnamento del sesso, ndr. Quel tizio non sa niente ei tuoi ragazzi soffriranno nel mondo reale."

"Cosa insegneresti invece?" chiese.

"Come fare l'amore con una donna," dissi. "Non solo usarla. Potrei fare una grande differenza per i tuoi ragazzi. Inoltre ho del cibo vero e la mia stanza."

Il preside mi guardò negli occhi per un momento, poi tornò al mio seno.

«No», disse. "Sei qui per conoscere il tuo ruolo di sottomesso nelle situazioni sessuali. Ecco di cosa si trattava! Ti permetterò di seguire il corso, ma questo deve essere il fulcro delle lezioni."

Guardò il capitano della scuola.

"Inoltre, credo che tu debba delle scuse a questo ragazzo. Ti ha permesso di condividere la sua stanza e ha svolto anche la maggior parte del tuo lavoro in classe. Continuerai a condividere con lui. Per quanto riguarda il cibo, te lo permetterò. Puoi mangiare con la mia segretaria dopo che mi hai fatto il pompino a cena."

Esitavo ancora e ora il capitano della scuola ha colto l'occasione e ha collegato il mio guinzaglio al collare.

«Sei licenziato», disse. "Puoi insegnare l'educazione sessuale oggi come una prova, ma è solo una prova. Ricorda il tuo ruolo di sottomesso e potresti mantenere il lavoro."

Il capitano della scuola mi condusse fuori dalla stanza.

"Almeno ho qualcosa", pensai.

Avevo solo pochi minuti per prepararmi per la mia prima lezione ma sapevo già cosa avrei fatto. Il gioco di ruolo era ciò di cui avevamo bisogno. I ragazzi dovevano capire che anche se avevano 18 anni non potevano semplicemente infilare automaticamente i loro cazzi nella bocca di una donna. Sarebbero stati accusati di stupro nel modo in cui stavano andando.

L'insegnante di educazione sessuale non era contento quando ha saputo che avrei assunto il suo ruolo. Mi ha stretto forte le tette e poi se n'è andato.

"Giusto, classe," dissi rivolgendomi alla classe senior di 18 anni. Due ragazzi si stavano masturbando sulla schiena mentre fissavano le mie tette. Ho deciso di farne un esempio.

"Va bene," dissi. "Niente più seghe su di me in classe. Robert, per favore, vieni qui."

"Dove, in faccia o sulle tette?" chiese.

«Vieni qui», dissi. "Non venire qui!"

Si avvicinò a me ancora masturbandosi.

"Per favore, smettila di masturbarti," dissi.

A malincuore ha tolto la mano dal suo pene, ma le ha messe entrambe sulle mie tette.

Ho deciso che era un inizio. Mentre parlavo con la classe mi ha massaggiato il seno e succhiato i capezzoli.

"Ora ragazzi," dissi. "Oggi faremo dei giochi di ruolo. Faremo finta che io e Robert siamo ad un appuntamento. Ti mostrerò il modo giusto per dare la buonanotte al tuo appuntamento."

Mi voltai verso Robert e staccai la sua bocca dalla mia tetta.

"Adesso Robert," dissi accompagnandolo verso la porta dell'aula. "Facciamo finta che questa porta sia la porta d'ingresso di casa mia. Abbiamo cenato e tu mi hai accompagnato a casa. Cosa succede dopo?"

"Mi succhi il cazzo", disse. Non era una domanda.

"Forse," dissi.

"Ah," disse. "Ti faccio succhiare il mio cazzo."

"No," dissi. "Baciami."

"Lascia perdere", disse. "So dov'è stata quella bocca."

"Bene, baciami sulla guancia", dissi mentre la classe rideva.

«No», disse. "Mi farai solo schifo. Ho pagato la cena."

"Bene," dissi diventando disperato. "Come mi chiederesti di farlo? Ricorda che mio padre è dall'altra parte di questa porta."

"Cristo sei malato," disse. "Tuo padre non può partecipare!"

«Pensaci», dissi. "Cosa potresti fare per farmi venire voglia di succhiarti?"

"A chi importa cosa vuoi?" Egli ha detto. Mi afferrò i capelli e mi spinse in ginocchio.

"Roberto!" Ho urlato. "Se fosse vero mio padre sarebbe già uscito!"

"Sei una puttana contorta", ha detto. Spinse la mia testa nel suo inguine. "Solo un modo per zittirti."

Ho provato a tenere la bocca chiusa ma lui conosceva tutti i trucchi. Mi ha tenuto il naso chiuso, quindi ho dovuto aprire la bocca per respirare. Mentre ansimavo per riprendere fiato, ha forzato il suo cazzo dentro la mia bocca e ha iniziato a fottermi la faccia.

"Questo è quello che farei se fosse reale", ha detto. Ha preso un telefono dalla tasca e mi ha scattato una foto con il suo cazzo in bocca. Ha quindi premuto alcuni numeri sul suo telefono e ho sentito un altro segnale acustico del telefono. Mi sono reso conto che aveva inviato la foto a un amico.

I telefoni hanno iniziato a suonare in tutta la classe, e senza dubbio la scuola, mentre la foto veniva inviata da telefono a telefono.

"Era un invito," disse Robert fottendomi la bocca fino alla gola. "Tutti i miei compagni stanno venendo a provare. Tutti i ragazzi della classe si sono alzati e hanno fatto una fila dietro Robert. Mi ha afferrato i capelli con una mano ed è esploso nella mia bocca.

Si voltò e diede un alto 5 allo studente successivo in fila mentre deglutivo.

"Il mio turno cagna", ha detto il ragazzo accanto.

Ho pensato di urlare per mio padre come avrei fatto nella vita reale, ma sapevo che l'avrebbero presa nel modo sbagliato.

"Questa cosa dell'educazione sessuale potrebbe richiedere un po' di tempo," pensai mentre aprivo la bocca per il ragazzo successivo.

Storie simili

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.7K I più visti

Likes 0

Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore: Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato. Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me...

529 I più visti

Likes 0

Sesso telefonico con Patricia

Mentre di recente guidavo verso la mia prossima destinazione per un viaggio di lavoro, ho pensato alla calda lettera che la mia bellissima moglie aveva inviato alla mia ultima posizione. Mia moglie Patricia è una splendida mora con bellissimi seni 35D, un culo caldo e cosce da abbinare! La lettera diceva: Mio carissimo amante, Sto pensando così tanto a te in questo momento... Mi fanno male i lombi. Ho appena fatto qualcosa di cattivo e sexy... spero ti piaccia! Mi sono rasato TUTTI i peli dalla figa. Oh, piccola! Poi sono andato sotto la doccia e mi sono insaponato. Faceva caldo!!...

411 I più visti

Likes 0

Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla! capitolo 3 «Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. Chi era? Qualcuno che conosciamo? «No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.» «Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi? Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake. Com'è il suo ragazzo? chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile...

307 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

307 I più visti

Likes 0

Orario alternativo

Sono il direttore di un complesso carcerario speciale nell'America centrale del Sud e i miei prigionieri appartengono a una categoria unica a causa della natura dei loro crimini. Le prigioniere qui sono tutte donne attraenti... e hanno avuto la possibilità di scontare tre mesi qui girando video porno sporchi... o scontare dieci anni nelle prigioni governative... un'alternativa spiacevole nella migliore delle ipotesi. Le carceri governative sono sovraffollate... e mal gestite, e corrotte... e le donne che scontano lì sono inevitabilmente danneggiate fisicamente e mentalmente per tutta la vita... sempre che siano abbastanza fortunate da sopravvivere alla dura prova. Le donne che...

286 I più visti

Likes 0

Primo timer_(0)

**questa è una fantasia. Sì. una fantasia. Uh Huh.** sono andato al Walmart e stavo dando un'occhiata ai nuovi DVD e ai giochi. mentre ero lì un bambino si avvicinò e iniziò a giocare. aveva circa 11 o 12 anni. Non sono sempre attratto dai ragazzi molto più giovani di me, ma questo ragazzo era dannatamente sexy. sembrava un ragazzino skater con i suoi pantaloncini larghi. era un po' più basso di me, biondo con gli occhi castani. mentre lo guardavo continuava ad aggiustarsi l'inguine. stavo diventando duro. Volevo avvicinarmi a lui, ma avevo paura perché era così giovane. guardò oltre...

160 I più visti

Likes 0

Qualcosa in più Parte 2_(1)

Questo è il secondo capitolo di una serie. Assicurati di leggere prima la prima parte! Dopo il disastro con Matt ero indeciso su chi uscire dopo. Volevo ancora un vero uomo dentro di me nonostante quanto fosse brava Tina con il vibratore. D'altra parte, avevo superato la fase passiva e volevo inculare qualcuno. Non mi importava a chi appartenesse... La settimana è volata e ho pensato che sabato sera sarei andato all'Eric's, uno dei miei club preferiti, e avrei incontrato chiunque potessi. A questo punto semplicemente non mi importava. Ero arrapato, i miei ormoni erano in tempesta e non vedevo l'ora...

140 I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

137 I più visti

Likes 0

Casa stregata: parte III

Kelly era andata a trovare sua madre per la settimana, lasciandomi a preparare la casa per i nostri primi ospiti paganti. Per fortuna, la locanda sarebbe stata piena questo fine settimana. Una prenotazione last minute di tutte e cinque le camere da letto al secondo piano garantita da una riunione di famiglia. Mercoledì sera ero riuscito a pulire a fondo la casa, ricordando qualcosa che Kelly e io avevamo lasciato in soffitta. Entrando nella stanza verso il tramonto, ho sentito quel formicolio fin troppo familiare nei miei lombi. Guardando in basso, ho visto il mio pene sollevarsi e irrigidirsi nei boxer...

134 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.