Only Girl in School Ch 2: una storia di Frankel

56Report
Only Girl in School Ch 2: una storia di Frankel

L'unica ragazza a scuola, capitolo 2

Originariamente scritto da Frankel

Dopo un po' ho capito che non potevo andare avanti.

La mia routine quotidiana era svegliarmi mentre mi fottevano in faccia, nella fica o nel culo dal capitano della scuola. Poi mi ammanettava e mi dava da mangiare con un cucchiaio una ciotola di sperma lasciata dagli altri studenti come colazione.

Poi mi ha attaccato un guinzaglio al collare e mi ha accompagnato all'unico corso che potevo frequentare: educazione sessuale. Non ero tanto uno studente quanto un oggetto di scena. Per tutto il giorno si sono esercitati a infilare i loro cazzi nei miei buchi ea far esplodere il loro sperma dentro e sopra di me.

Poi c'era la cena in cui mi inginocchiavo davanti alla sedia del preside e lo succhiavo mentre tutti gli altri mangiavano. Poi mi è stato dato da mangiare il mio secondo pasto di sperma per la giornata.

Avevano scoperto che ero meno utile a loro nell'educazione sessuale se ero usato molto oltre. Così sono stato condotto nella stanza che condividevo con il capitano della scuola e legato alle quattro colonne del letto.

Poi mi scopava finché lui o io non ci addormentavamo.

Una mattina mi sono svegliato alle e nuovo ho dovuto smettere.

Il capitano della scuola aveva il suo cazzo tra le mie tette e me le stava fottendo forte.

"Qual è il punto?" Ho pensato. Ero determinato a non lasciare che mi scacciassero. Ero l'unica ragazza mai ammessa e sapevo che erano determinati a sbarazzarsi di me.

Laurearmi qui mi aprirebbe tante porte. Avrei la mia scelta di qualsiasi lavoro al mondo. Ma era solo se mi fossi laureato. Non avrei potuto laurearmi se non mi fosse stato permesso di studiare.

Il capitano della scuola ha visto che ero sveglio e ha tirato fuori il suo cazzo dalle mie tette e me l'ha offerto perché lo succhiassi. Volendo essere slegato dal letto, aprii la bocca e lasciai scivolare dentro il suo cazzo. Si sdraiò sulla mia faccia e iniziò a martellarmi il cazzo dentro. Leccai l'asta nel modo in cui sapevo che gli piaceva e cominciai a gemere attorno al suo cazzo.

Era così facile prevedere cosa gli piaceva e me lo sono fatto venire in bocca in pochi minuti. Ho ingoiato il suo sperma mentre mi slegava dal letto.

Quando si è voltato per prendere le mie manette e il mio guinzaglio, ho deciso che era ora di andare. Sono saltato giù dal letto e sono corso alla porta ed ero nel corridoio prima che avesse il tempo di reagire.

Mi sono aggrappata al seno per cercare di impedirgli di rimbalzare troppo mentre correvo lungo il corridoio. Raggiungo l'ufficio del preside e spalanco la porta.

La sua segretaria era in ginocchio davanti a lui e glielo succhiava mentre si sdraiava sulla sedia.

"Ho smesso", dissi. "Hai vinto. Voglio uscire. Torno al college femminile."

Il preside non ha nemmeno avuto la buona educazione di guardarmi in faccia. Fissò i miei seni e iniziò a forzare la testa delle sue segretarie su e giù.

"Quello che sembra essere il problema?" chiese.

"Qual è il problema?!?" Ho detto. "Sei serio!"

Prima che potesse rispondere entrò il capitano della scuola. Indossava l'uniforme scolastica e mi teneva le manette e il guinzaglio.

"Questo è il guaio," dissi. "Vengo usato da te e dal tuo staff come un oggetto sessuale giorno e notte. Non ha senso che io sia qui perché non ho possibilità di laurearmi perché non mi è permesso studiare!"

Il preside ha schiaffeggiato la sua segretaria sulla nuca.

"Niente denti," la rimproverò.

Mi guardò e sorrise.

"Mia cara, non ti preoccupi proprio di niente. È tutto a portata di mano."

"Com'è in mano?" dissi, stupito dal suo atteggiamento.

"Ti diplomerai facilmente. Tutti i tuoi test vengono fatti per te dai nostri migliori studenti. Stai superando a pieni voti. In pochi mesi otterrai voti abbastanza buoni per andare in qualsiasi università del mondo."

Non potevo credere a quello che stavo ascoltando.

"Certo," disse. "Potresti andartene se vuoi, ma ciò significherebbe tornare al college femminile. Non sei benvoluto lì, credo. Non erano contenti che tu venissi qui. Ti faranno lavorare sodo, probabilmente ti deluderanno."

Il preside ha costretto la sua segretaria a portargli il cazzo fino alle palle. Lui gemette e sembrò eiaculare nella sua bocca. Quando ebbe finito la lasciò andare. Si voltò e mi guardò.

"Ne vuoi un po?" chiese con la bocca piena di sperma.

"No!" esclamai.

Lei si strinse nelle spalle e deglutì.

"È una tua scelta", ha detto il preside. "Devo chiamare i tuoi genitori e chiedere loro di venire a prenderti?"

Ho esitato. Qualsiasi università del mondo. Mancano solo sei mesi. Mi sono ricordata di quanto odiassi il college femminile. Mi avrebbero sicuramente deluso se fossi tornato, solo per dispetto. Vedendomi esitare, il capitano della scuola è venuto e ha cercato di attaccarmi il guinzaglio al collare.

L'ho messo da parte.

"Se rimango voglio un paio di cambiamenti," dissi.

"Come?" chiese.

"Mi occupo dell'insegnamento del sesso, ndr. Quel tizio non sa niente ei tuoi ragazzi soffriranno nel mondo reale."

"Cosa insegneresti invece?" chiese.

"Come fare l'amore con una donna," dissi. "Non solo usarla. Potrei fare una grande differenza per i tuoi ragazzi. Inoltre ho del cibo vero e la mia stanza."

Il preside mi guardò negli occhi per un momento, poi tornò al mio seno.

«No», disse. "Sei qui per conoscere il tuo ruolo di sottomesso nelle situazioni sessuali. Ecco di cosa si trattava! Ti permetterò di seguire il corso, ma questo deve essere il fulcro delle lezioni."

Guardò il capitano della scuola.

"Inoltre, credo che tu debba delle scuse a questo ragazzo. Ti ha permesso di condividere la sua stanza e ha svolto anche la maggior parte del tuo lavoro in classe. Continuerai a condividere con lui. Per quanto riguarda il cibo, te lo permetterò. Puoi mangiare con la mia segretaria dopo che mi hai fatto il pompino a cena."

Esitavo ancora e ora il capitano della scuola ha colto l'occasione e ha collegato il mio guinzaglio al collare.

«Sei licenziato», disse. "Puoi insegnare l'educazione sessuale oggi come una prova, ma è solo una prova. Ricorda il tuo ruolo di sottomesso e potresti mantenere il lavoro."

Il capitano della scuola mi condusse fuori dalla stanza.

"Almeno ho qualcosa", pensai.

Avevo solo pochi minuti per prepararmi per la mia prima lezione ma sapevo già cosa avrei fatto. Il gioco di ruolo era ciò di cui avevamo bisogno. I ragazzi dovevano capire che anche se avevano 18 anni non potevano semplicemente infilare automaticamente i loro cazzi nella bocca di una donna. Sarebbero stati accusati di stupro nel modo in cui stavano andando.

L'insegnante di educazione sessuale non era contento quando ha saputo che avrei assunto il suo ruolo. Mi ha stretto forte le tette e poi se n'è andato.

"Giusto, classe," dissi rivolgendomi alla classe senior di 18 anni. Due ragazzi si stavano masturbando sulla schiena mentre fissavano le mie tette. Ho deciso di farne un esempio.

"Va bene," dissi. "Niente più seghe su di me in classe. Robert, per favore, vieni qui."

"Dove, in faccia o sulle tette?" chiese.

«Vieni qui», dissi. "Non venire qui!"

Si avvicinò a me ancora masturbandosi.

"Per favore, smettila di masturbarti," dissi.

A malincuore ha tolto la mano dal suo pene, ma le ha messe entrambe sulle mie tette.

Ho deciso che era un inizio. Mentre parlavo con la classe mi ha massaggiato il seno e succhiato i capezzoli.

"Ora ragazzi," dissi. "Oggi faremo dei giochi di ruolo. Faremo finta che io e Robert siamo ad un appuntamento. Ti mostrerò il modo giusto per dare la buonanotte al tuo appuntamento."

Mi voltai verso Robert e staccai la sua bocca dalla mia tetta.

"Adesso Robert," dissi accompagnandolo verso la porta dell'aula. "Facciamo finta che questa porta sia la porta d'ingresso di casa mia. Abbiamo cenato e tu mi hai accompagnato a casa. Cosa succede dopo?"

"Mi succhi il cazzo", disse. Non era una domanda.

"Forse," dissi.

"Ah," disse. "Ti faccio succhiare il mio cazzo."

"No," dissi. "Baciami."

"Lascia perdere", disse. "So dov'è stata quella bocca."

"Bene, baciami sulla guancia", dissi mentre la classe rideva.

«No», disse. "Mi farai solo schifo. Ho pagato la cena."

"Bene," dissi diventando disperato. "Come mi chiederesti di farlo? Ricorda che mio padre è dall'altra parte di questa porta."

"Cristo sei malato," disse. "Tuo padre non può partecipare!"

«Pensaci», dissi. "Cosa potresti fare per farmi venire voglia di succhiarti?"

"A chi importa cosa vuoi?" Egli ha detto. Mi afferrò i capelli e mi spinse in ginocchio.

"Roberto!" Ho urlato. "Se fosse vero mio padre sarebbe già uscito!"

"Sei una puttana contorta", ha detto. Spinse la mia testa nel suo inguine. "Solo un modo per zittirti."

Ho provato a tenere la bocca chiusa ma lui conosceva tutti i trucchi. Mi ha tenuto il naso chiuso, quindi ho dovuto aprire la bocca per respirare. Mentre ansimavo per riprendere fiato, ha forzato il suo cazzo dentro la mia bocca e ha iniziato a fottermi la faccia.

"Questo è quello che farei se fosse reale", ha detto. Ha preso un telefono dalla tasca e mi ha scattato una foto con il suo cazzo in bocca. Ha quindi premuto alcuni numeri sul suo telefono e ho sentito un altro segnale acustico del telefono. Mi sono reso conto che aveva inviato la foto a un amico.

I telefoni hanno iniziato a suonare in tutta la classe, e senza dubbio la scuola, mentre la foto veniva inviata da telefono a telefono.

"Era un invito," disse Robert fottendomi la bocca fino alla gola. "Tutti i miei compagni stanno venendo a provare. Tutti i ragazzi della classe si sono alzati e hanno fatto una fila dietro Robert. Mi ha afferrato i capelli con una mano ed è esploso nella mia bocca.

Si voltò e diede un alto 5 allo studente successivo in fila mentre deglutivo.

"Il mio turno cagna", ha detto il ragazzo accanto.

Ho pensato di urlare per mio padre come avrei fatto nella vita reale, ma sapevo che l'avrebbero presa nel modo sbagliato.

"Questa cosa dell'educazione sessuale potrebbe richiedere un po' di tempo," pensai mentre aprivo la bocca per il ragazzo successivo.

Storie simili

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

LA RAGAZZA VAMPIRO 2

Angelina corse con tutte le sue forze dopo essere atterrata a terra. Erano le 3:30 del mattino. Il sole sorgerà alle 5 e lei dovrà raggiungere la sua casa il più velocemente possibile. Guardò Michelle. Aveva desiderato questa ragazza sin da quando l'aveva vista sbirciare su Abilene. L'odore della sua dolce fica fluttuava insieme a lei, facendola arrapare da morire. Dopo mezz'ora di schivate tra edifici, incroci e viuzze, Angelina ha finalmente raggiunto la sua casa. Si avvicinò in fretta al cancello, che si aprì da solo, sapendo che era arrivata la padrona di casa. Ha tenuto Michelle sul suo letto...

213 I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

982 I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

745 I più visti

Likes 0

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

715 I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

609 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.