3- La sorellina del mio fidanzato del liceo- pt. 3 (Obbligo o verità)

933Report
3- La sorellina del mio fidanzato del liceo- pt. 3 (Obbligo o verità)

---------------------Parte 3  - Obbligo o Verità - ---------------------

Molte cose sono cambiate nel tempo che è seguito. La mia ragazza, Chloe, è andata in un altro stato per frequentare il college. Ho scelto un college nella nostra città natale.

Ero un po' perso. Chloe ed io eravamo ancora innamorati, almeno ero con lei... ma pensavo che vedesse altri ragazzi nella sua nuova scuola.

Senza Chloe, non c'era più un motivo legittimo per me di uscire a casa sua. Di tanto in tanto passavo a salutarla, ma era piuttosto patetico frequentare la sua famiglia quando eravamo separati.

Mi mancava Cloe. Mi mancava la sua famiglia. E mi mancava molto Cindy. Fantasticavo costantemente su di lei, su quelle serate al cinema.

Passarono i mesi...

Chloe mi ha chiamato un pomeriggio, in preda al panico. Suo fratello maggiore aveva avuto un incidente. Non sapeva altro, tranne che era al Valley Hospital. Sua madre e suo padre erano diretti laggiù. Mi ha chiesto se potevo correre a casa e far sapere a Cindy, dato che presto sarebbe tornata a casa da scuola e non aveva sentito. Questo accadeva prima dei cellulari, quindi non erano stati in grado di contattare Cindy.

Ho guidato fino a casa il più velocemente possibile. Cindy era appena entrata dalla porta. È stata sorpresa di vedermi e mi ha fatto un grande sorriso quando ha aperto la porta. Ciò è cambiato rapidamente quando ha visto lo sguardo sul mio viso. Le ho raccontato la situazione e ho cercato di calmare il suo improvviso panico.

“Dobbiamo andare in ospedale! Puoi accompagnarmi in ospedale?"

Siamo corsi alla mia macchina e siamo andati a Valley General. Cindy era piuttosto stressata durante il viaggio, ma entrambi fummo sollevati nel vedere gli sguardi felici sui volti dei suoi genitori quando arrivammo nella sua stanza. La sua macchina era stata distrutta, ma aveva solo un braccio rotto. Doveva restare per un cast, ma tutto andava bene.

Ho chiamato Chloe e le ho fatto sapere.

Siamo rimasti tutti lì finché non è stato rilasciato. Erano molto grati che avessi afferrato Cindy e l'avessi portata in ospedale. Hanno deciso di prendere degli hamburger mentre tornavano a casa e mi hanno invitato a unirmi.

Cindy è tornata con me a casa sua. È stato un bel viaggio... una conversazione educata. A un certo punto le ho afferrato la mano e le ho detto quanto mi mancasse la sua famiglia e uscire a casa sua. Mi ha stretto la mano e ha detto che anche a lei mancava. “È strano non avere Chloe intorno. E mi mancano le nostre serate di cinema sul divano"

'Parlamelo'  ho pensato tra me e me.

La cena è stata piacevole. I suoi genitori mi hanno chiesto come andava la scuola, il mio lavoro, ecc. Sono stati educati e solidali, ma mi sentivo ancora uno strano uomo fuori.

Dopo cena Cindy ha detto: "Andiamo a vedere un film" ed è corsa di sotto. Ho finto di annoiarmi...  "Posso aiutarti a pulire o altro?"

Sua madre sorrise: “No... vai avanti tu. Ti preparo dei popcorn.

Scesi le scale e Cindy correva in giro a pulire la stanza. L'ho osservata mentre si muoveva. Si era tolta l'uniforme scolastica, indossava una maglietta giallo chiaro e pantaloncini rossi di seta. Sembrava così bella... anche meglio di prima quello stesso giorno. Braccia e gambe abbronzate, magre ma muscolose, e un sedere tondo e sodo. Potrei dire che indossava un reggiseno, con mio disappunto, ma comprensibile dato che i suoi genitori erano ancora svegli.

Ha acceso la TV e ha iniziato a cercare un buon programma. Sua madre è scesa con popcorn e un po' di coca cola per noi.

Ringraziai sua madre e mi sedetti sul divano, lasciando molto spazio alla mia destra per Cindy... più di quanto avrei fatto normalmente, ma sua madre stava guardando.

E Chloe non c'era.

Cindy scavalcò lo schienale del divano e si lasciò cadere accanto a me. Ha iniziato a sfogliare i canali, ma ha avuto poca fortuna nel trovare qualcosa di interessante. Siamo atterrati su una vecchia commedia che entrambi avevano già visto. Abbiamo chiacchierato per tutto lo spettacolo. È stato fantastico parlare con lei e aggiornarsi su tutto. Era appassionata di sport (questo spiega le sue gambe e il culetto sodo). Godersi la scuola. Niente fidanzati.

Anche il prossimo spettacolo è stato un vero disastro.

Cindy sbuffò... “Questo è noioso. C'è qualcos'altro che vuoi fare?"

L'ho guardata con un sorriso furbo... "Mi vengono in mente alcune cose... hai una coperta?"

Lei ha riso e mi ha dato un colpetto sulla spalla. "Non ho dimenticato."

Guardò verso le scale, poi si alzò e corse di sopra. L'ho sentita parlare con suo padre, poi è tornata al piano di sotto e si è chiusa la porta alle spalle in fondo alle scale.

Ha chiuso la porta.

Non ho mai visto quella porta chiusa. Questo NON sembrerà normale a suo padre.

È strisciata sul divano, sdraiandosi alla mia destra, sul cuscino laterale, con i piedi verso di me. Ha infilato i suoi piedi nudi sotto le mie gambe.

Era una visione, lì accanto a me. Gambe abbronzate, corpo tonico, lunghi capelli biondi che incorniciano il suo bel viso. Nessun trucco che nasconde la sua naturale bellezza.

Abbiamo parlato ancora un po', poi mi sono fatta coraggio e ho chiesto: "Vuoi giocare a Obbligo o Verità?"

Fece un sorriso malizioso, "Obbligo o verità? ...dipende"

"SU...? Dipende da cosa?"

“Dipende se hai intenzione di imbrogliare. Dipende se userai il ghiaccio.

Hahaaaa... si ricorda.

Ho iniziato, "Obbligo o verità?"

Cindy: "Verità"

Io: "Sei stata una brava ragazza nell'ultimo anno?"

Cindy (ridendo): "HA- Sono stata una santa"

Io: "Non fumare, bere o fare capriole?"

Cindy: "No... non sono sicura di cosa sia il saltellare, ma sono sicura di non averne fatto nessuno. Il mio turno... Obbligo o Verità.."

Io: "Verità"

Cindy: "Ti sono mancato?"

Io: “Non ne hai idea. Ho pensato a te ogni giorno"

Cindy: “È dolce. Anche tu eri nella mia mente. ...verità"

Io: "Hai visto qualcuno?"

Cindy: “Vuoi dire qualche ragazzo? ...No"

Io: “Davvero? Niente capriole? Niente ragazzi? Non ci credo. ... verità"

Cindy:  "E tu? Ci sono ragazze?"

Io no. Solo scuola e lavoro"

Cindy: "E non ci credo neanche io...

...verità"

Ho dovuto provare e testare le acque

Io: "Pensi mai a me quando giochi?"

Cindy mi guardò con uno sguardo sorpreso e fece una piccola risatina.

“Diddle? È una parola in codice per infilare spilli in una bambola voodoo?»

Ho riso e ho scosso la testa. “Sempre il furbo. No, non esattamente... a dire il vero, ho scherzato molto pensando a te"

Questo la lasciò senza parole. Mi guardò con un sorriso nervoso.

Ho continuato: "Sei ancora vergine?"

Cindy: “Ehi, stai barando. È il mio turno. Ma sì... te l'avevo detto che sono stato un santo. La mia domanda: Quando hai perso la verginità?"

Ho riso: “Stavo per scegliere 'osare', ma rispondo.. Avevo quindici anni. Con una bella ragazza con cui sono uscito prima di incontrare Chloe. Il mio turno. Quindi, un santo e una vergine? Hai mai toccato il pene di un ragazzo?"

Rise sentendo la parola "pene". "Beh... stavo per scegliere 'osare', ma rispondo (sorridendo)... No... non ne ho mai visto uno... beh, se non in foto."

"Sul serio? Mai? Nemmeno di tuo fratello?

"No. Mai. Perché non mi mostri il tuo?"

Ho riso: “Non ho scelto 'osare'. Non stai rispettando le regole"

Cindy: “Va bene... un'altra domanda, eh? Hai mai toccato il "pene" di un ragazzo?"

Lei ridacchiò.

"Non stai giocando bene a questo gioco" l'ho rimproverata, "prendo un mulligan su questa domanda."

Cindy: "Che diavolo è un 'mulligan'?"

"È qui che salto una domanda perché non voglio rispondere"

Mi guardò accigliata. “Parla di imbrogli. Devi rispondere a ogni domanda ed eseguire ogni sfida in questo gioco.

“Oh, quindi sei un esperto di questo gioco? ...Okay, potrebbero esserci stati dei contatti molto tempo fa con mio cugino, quando entrambi abbiamo scoperto che i nostri cazzi si erano irrigiditi. Basta però... tocca a me"

Cindy: "Osa"

Finalmente. Giuro che non ci sarebbe mai andata. L'ho guardata e il mio cuore ha iniziato a battere forte. Era sdraiata sul divano, perpendicolare a me, con i piedi nudi sotto la mia gamba, le bellissime gambe abbronzate piegate, le ginocchia unite. Ho spostato la mia mano destra ai suoi piedi, “Okay. Ricorda le tue regole... devi eseguire ogni sfida"

Mi guardò con gli occhi socchiusi e un sorriso malizioso.

Io:"Apri le gambe"

Il suo viso perse espressione, ma il suo sguardo era fisso su di me. Abbassai lo sguardo dal suo viso angelico e fissai le sue gambe. I muscoli si rilassarono e le sue ginocchia si aprirono... solo un po'.

Le ho fatto scorrere la mano dal piede, fino all'interno dei polpacci. "Di più. Apri di più le gambe... voglio vederti meglio"

Le sue ginocchia si divaricarono ulteriormente. Le accarezzai la gamba lungo la gamba e oltre il ginocchio, poi di nuovo giù fino al piede. Le ho sollevato il piede destro e l'ho spostato sul bordo del divano, poi ho spostato il suo piede sinistro sul retro, dietro il mio sedere. Con i piedi divaricati, le sue ginocchia volevano ricadere insieme. Li fermai e le allargai ulteriormente le ginocchia finché non si rilassarono.

Ora potevo guardare dritto tra le sue gambe. I miei occhi la guardarono dall'alto in basso e si posarono sul suo inguine. I suoi pantaloncini rossi erano troppo grandi e larghi su di lei, quindi ho potuto vedere un po' all'interno della gamba dei suoi pantaloncini.

La vista sbirciata dalla gamba dei suoi pantaloncini ha fatto correre il sangue al mio cazzo, che era già sveglio. Ho dato un'occhiata alla porta chiusa delle scale e ho pregato di poterlo sentire se qualcuno scendeva le scale. I miei occhi ricaddero sul suo inguine.

"Fammi vedere le tue mutandine"

Cindy: “Penso che sia il mio turno. Mostrami le tue mutandine... intendo la tua biancheria intima."

Ho guardato i miei pantaloni e la mia eccitazione era evidente. Il mio cazzo aveva creato un bel rigonfiamento nei miei pantaloni, ancora piegato e cercando di sollevarsi dal vincolo. Sbottonai i miei Levi's e aprii la patta per esporre le mie mutande. Non si vedeva niente tranne il tessuto. Il mio cazzo era ancora raggomitolato sotto la patta.

Cindy guardò le mie mutande, poi di nuovo me.

«Sembri un po' a disagio. Perché non lo tiri fuori?"

Ho sorriso: "Tocca a me... tira da parte i pantaloncini e mostrami le mutandine".

Le sue ginocchia istintivamente si unirono leggermente. Ho allungato la mano e le ho aperto di nuovo delicatamente le gambe.

Mi guardò e cercò di sorridere, ma le sue labbra tremavano. Era molto nervosa... ma si abbassò e tirò la gamba dei pantaloncini verso l'alto e verso il centro, esponendo le mutandine giallo chiaro, intorno a dove sarebbe stato il suo cespuglio.

“Giù più in basso... voglio vedere più in basso”

Ha mosso le dita verso il basso e ha scostato i pantaloncini in modo che potessi vedere le sue mutandine dove le coprivano la figa. C'era un punto umido al centro.

Ho fantasticato su questo per sempre. Il mio uccello stava per rompere le cuciture dei miei jeans.

“Mi dispiace, non posso gestirlo. Devo adattarmi"

Ho alzato il culo e abbassato un po' i pantaloni, ho abbassato le mutande e ho aperto il cazzo in modo che potesse raddrizzarsi. Non l'ho tirato fuori, ma gli occhi di Cindy erano fissi sui miei movimenti.

Stava ancora tenendo da parte i pantaloncini e le sue gambe si sono effettivamente aperte un po' di più mentre fissava il contorno delle mie mutande.

"Mostra... mostramelo", balbettò, gli occhi ancora fissi sulle mie mutande.

“Esatto... non hai mai visto un pene... un 'cazzo'? ...è una parola migliore?"

Lei non ha risposto. Si limitò a fissarlo. Aveva gli occhi spalancati e la bocca leggermente aperta.

“Tirati un po' le mutandine. Voglio vedere i tuoi segni dell'abbronzatura. Spostò le dita sulle mutandine e tirò un po' di lato l'apertura della gamba, esponendo la linea dell'abbronzatura e un po' di peli pubici in alto. I suoi capelli erano castano chiaro, sottili e piuttosto radi.

Ho abbassato la mano e ho stretto le mutande contro la mia erezione, e ho aperto la patta in modo che la pelle nuda del mio cazzo mostrasse, circa a metà asta.

“Tiralo fuori” sussurrò.

“Voglio vedere la tua figa. Tirati le mutandine fino in fondo così posso vedere tutto.

Spostò la presa sulle mutandine e le scostò completamente. Alzando lo sguardo tra le sue gambe abbronzate, aperte alla mia vista, c'era la sua pallida linea bikini e un piccolo cespuglio dai capelli chiari, in cima alla figa più bella che avessi mai visto. Il suo clitoride spuntava da sopra le sue labbra rosa chiaro e la sua piccola figa era gocciolante.

Il mio cuore batteva forte; la mia mente correva... così eccitata che riuscivo a malapena a muovermi- mi bloccai e la fissai... bevendo ogni dettaglio.

Ha rotto la mia concentrazione, "Tiralo fuori!"

Alzai lo sguardo sul suo viso. Il suo bel viso innocente... innocente, ma decisamente arrapato. Stava quasi ansimando, la bocca aperta, gli occhi fissi sul rigonfiamento delle mie mutande.

Ho risposto: "Perché non lo tiri fuori?"

Senza esitare si allungò, infilò la mano sotto la cintura, afferrò il mio cazzo e lo tirò fuori dalle mutande.

"È così grande", ha detto, con gli occhi spalancati, mentre stringeva l'asta. A 8", sono di dimensioni superiori alla media, ma non "porno large". Indipendentemente da ciò, il mio cazzo sembrava assolutamente enorme nella sua piccola mano.

Si era tolta le mutandine, ma erano rimaste di lato, e le sue gambe erano ancora più larghe ora mentre si sporgeva in avanti. Il suo squisito piccolo gattino ancora in piena vista. Mi chinai e la strofinai leggermente, facendo scorrere le dita su e giù finché non furono bagnate. Riportandoli alla mia bocca, l'ho assaggiata per la prima volta.

Ho riportato la mia mano sulla sua figa e ho fatto scivolare un dito dentro di lei. Riuscivo a malapena a infilarlo oltre la prima nocca. Era così stretta. Di certo non mentiva sull'essere vergine.

Tenendo ancora il mio cazzo, ha usato la sua mano sinistra per respingere la mia mano... spingendo il mio dito fuori da lei. Un dito era scomodo per lei.

Un dito... nemmeno fino in fondo.

Ho guardato la sua mano delicata avvolta attorno al mio cazzo e ho pensato "mai in un milione di anni". La mia lingua, invece...

Strinse e rilasciò il mio cazzo, e ci passò sopra la mano, bagnandosi il palmo quando lo passò sopra la testa. Ha spostato la mano sulle mie palle, prendendole dolcemente a coppa ciascuna, poi tornando al mio cazzo. Fece scorrere il dito sulle vene e su intorno alla testa, completamente ipnotizzata. Gli diede un'ultima stretta, poi si sdraiò contro il cuscino laterale.

Mi sono leccato le dita e ho iniziato a strofinarle il bottoncino... lei ha chiuso gli occhi.

"Sì mi piace. Continua a farlo"

La sua mano destra cadde sulle sue mutandine e le tirò più forte di lato. Si è spinta verso il basso sui suoi piedi, ha allargato ulteriormente le ginocchia e ha inarcato il bacino verso l'alto contro la mia mano.

Non c'era più espressione sul suo viso adesso. La sua bocca era leggermente aperta e i suoi occhi guizzavano come matti sotto le palpebre chiuse.

Mi leccai di nuovo le dita e tornai a strofinarle la figa, concentrandomi sul bottoncino in cima. La sua testa iniziò ad annuire leggermente su e giù, dicendomi che era il posto giusto... continua così.

Le sue gambe iniziarono a tremare un po' ei suoi muscoli si irrigidirono. Aumentai il ritmo e la pressione sulle mie dita e guardai il suo viso mentre raggiungeva l'orgasmo. Completamente silenziosa, il suo viso divenne rosso e i suoi occhi si strinsero mentre lo attraversava.

Sembrava un forte climax, ma so che mi è piaciuto molto più di lei. La visione del suo bellissimo viso, quel viso innocente che conoscevo da così tanto tempo, che attraversa un climax, è qualcosa che custodirò per sempre.

Il suo corpo si rilassò ed emise un grande respiro e si lasciò cadere sul divano.

Tirai via la mano e mi succhiai le dita, assaporando ogni parte di lei. Aprì gli occhi e sorrise, poi tornò a guardare il mio cazzo.

"Voglio vederti venire"

"CINDY!"

Era la voce di suo padre.

Ci siamo bloccati sentendolo dal piano di sopra. Entrambi pensavamo che i suoi genitori fossero ormai addormentati.

“Cindy! Vieni di sopra!"

Cindy balzò in piedi in preda al panico. Ho infilato il cazzo nei pantaloni e me li sono abbottonati più velocemente di quanto avessi mai fatto prima. Ho tirato il cuscino sulle mie ginocchia per nascondere la mia erezione.

Cindy aprì la porta e corse su per le scale.

Ero contento che non avesse chiamato il mio nome.

Passarono alcuni minuti. Li sentivo parlare, ma non riuscivo a capire cosa stessero dicendo. Cindy è tornata giù e ha detto che dovevo andare. Doveva andare a letto. Rimisi tutto a posto e mi avvicinai alla porta d'ingresso. Ho pensato di dare la buonanotte ai suoi genitori mentre Cindy mi faceva uscire dalla porta principale, ma ho deciso che era meglio stare zitti.

Ho sussurrato a Cindy “apri la porta laterale del piano di sotto e mettiti la camicia da notte. Torno di soppiatto nella tua stanza tra un po'"

Me ne sono andato prima che potesse commentare.

....................Successivo: Parte 4  - Rientro furtivo -

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

436 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

865 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

807 I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.9K I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

1.1K I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

442 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2.1K I più visti

Likes 0

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice Capitolo 3 Janice: Poche settimane dopo che io e Carrie ci siamo separati, Carrie e i suoi amici, Tim e io, stavamo girovagando per la scuola e Carrie mi ha presentato Janice. Janice era minuta, capelli castano chiaro lunghi fino alle spalle, quasi biondo sabbia. Aveva una figura che faceva girare la testa quando entrava in una stanza. Era sotto i 100 libbre, con molte curve. Un set di tette 34C. Questa ragazza è stata fantastica. Aveva anche un grande senso dell'umorismo. Janice stava cominciando a frequentare l'appartamento di Carrie. Carrie mi ha invitato...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.