Lezioni dall'aia, parte IV

570Report
Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio.

Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il cognome di Junior. Erano entrambi molto giovani ma si conoscevano da tutta la vita e il fatto che finalmente si sposassero non fu una sorpresa per nessuno, ma sposarsi così giovane e in queste circostanze fu uno shock per i loro genitori ma soprattutto per Rich Olson, il padre della sposa. Sebbene fosse presente alle nozze, si rifiutò di dare alla coppia la sua benedizione.

Lasciarono che l'acqua calda e pulita scorresse lungo i loro corpi nudi mentre stavano lì nella loro trance individuale. Le sue braccia erano attorno alle sue spalle e il suo inguine era incastrato sopra il suo sedere. Ondeggiavano al ritmo della musica inaudita dell'acqua che imperlava la loro pelle liscia, ognuno di loro perso nei propri pensieri di amore e completezza.

Cominciò distrattamente ad accarezzarle la pelle delle braccia e la toccò proprio sul seno nudo. Spinse indietro la testa contro il suo petto e abbassò il braccio per permettere che la sua nudità venisse accarezzata mentre un lieve sospiro di contentezza le sfuggiva dalle labbra. La sensazione del tocco lo distolse dai suoi pensieri e con un sorriso sul volto cominciò ad accarezzare di proposito la pelle sensibile e morbida dei suoi piccoli seni preziosi. Tubò mentre assaporava il suo tocco rassicurante e chiudeva gli occhi per la sensazione di essere amata.

Lei indietreggiò nella rigidità sempre crescente della sua virilità mentre lui premeva in avanti con i fianchi e se li strofinava contro da un lato all'altro. Il brivido reciproco divenne evidente quando lei si allungò dietro di sé per accarezzare l'asta conficcata nella sua schiena. Sospirò attraverso la sua espirazione pesante e lasciò cadere la mano sulla sua pancia. Da lì, la distanza era solo breve prima che le sue dita cercassero la zona pubica e tutto ciò che aveva da offrire.

Bobby gemette leggermente quando il dito medio di Junior aprì la fessura coperta dai capelli e iniziò a muoversi lentamente su e giù per tutta la sua lunghezza. Lo avrebbe posizionato all'interno della sua apertura e poi lo avrebbe spostato verso l'alto per sfiorare il suo clitoride. Ogni volta che riusciva a strofinarlo nel modo giusto, lei si dimenava e aveva spasmi e gli accarezzava la virilità con più vigore. Piegò le ginocchia e si avvicinò dietro di lei per posizionare la sua verga tra le sue gambe mentre lei continuava a far scorrere la mano su e giù per l'asta. Ben presto lei ne premette la lunghezza tra le labbra e la testa di lui si strofinò contro il suo clitoride. Non poteva più sopportarlo. Lei si voltò, sollevò la gamba e bloccò l'inguine proprio sulla sua erezione lancinante.

La sollevò per il sedere con entrambe le mani e le fece girare le gambe intorno alla vita. Afferrò il suo cazzo e lo mise nella sua apertura e si abbassò finché non sentì che iniziava ad impalarla. Lei assunse un'espressione buffa sul viso ma continuò ad abbassarsi finché il suo enorme membro non fu sepolto completamente dentro di lei. Lei gemette ad alta voce mentre lui sollevava le ginocchia piegate più in alto di prima, ma il suo inguine era ancora in contatto con il suo cazzo. Ben presto lei stava cavalcando in alto sul suo palo duro mentre lui lo faceva scivolare in profondità nella sua vagina e lo tirava fuori completamente. I suoi occhi erano chiusi e la sua bocca era aperta mentre lui ripeteva la sua spinta ancora e ancora.

Junior stava perdendo rapidamente il controllo e così anche Bobby. Si stavano sbattendo l'inguine l'uno contro l'altro più forte che potevano e adoravano ogni tuffo nel suo abisso. Si stavano preparando al gran finale e ognuno di loro era alla ricerca del proprio nirvana. Poi entrambi si bloccarono nello stesso momento mentre tendevano ogni muscolo dei loro corpi. Trattennero il fiato mentre si sforzavano di prolungare l'inevitabile il più a lungo possibile. Aspettarono e aspettarono finché il primo non si spalancò completamente e poi la combinazione di rilasci li inondò mentre scagliavano fuori tutte le loro emozioni in un gigantesco attacco di copulazione che fece tremare ogni muro della casa.

Lei urlava, lui grugniva mentre continuavano a macinarsi in un movimento confuso. Barcollavano verso la parete della doccia ed era la loro unica salvezza dal cadere sul pavimento e possibilmente ferirsi a vicenda. Lei stava piagnucolando quando finalmente si staccò dal suo membro avvizzito e le sue ginocchia cedettero quando dovette alzarsi. La adagiò sul pavimento acquoso e scivolò accanto a lei. Entrambi sedevano lì sotto l'acqua della doccia senza fiato; tutta l'aria che potevano raccogliere dalla stanza piena di vapore. Lentamente riacquistarono la calma mentre l'acqua scendeva a cascata dai loro corpi nudi. Junior aprì gli occhi per guardare la sua giovane moglie. Bobby respirava attraverso la sua bocca aperta, ma lo guardò. Lei sorrise e anche lui.

Attraverso respiri pesanti mormorò piano: "Wow, era... era..."

"Incredibile", rispose lei al suo pensiero attraverso il suo respiro pesante.

"Sì. Incredibile", ha ripetuto.


Mentre Junior entrava in cucina per raggiungere la sua adorabile sposa che era seduta al bar persa nei suoi pensieri, lui si avvicinò da dietro e le diede l'abbraccio più caloroso. Bobby era arrivato per primo dalla doccia due ore prima e aveva indossato una delle sue magliette e un paio di mutandine per coprirsi. Riconobbe la sua presenza accarezzandogli delicatamente il braccio con il suo tocco, ma sembrava persa nel mondo mentre sedeva sullo sgabello del bar, fissando il vuoto.

"Cosa c'è che non va, tesoro?" chiese mentre i suoi abbracci si intensificavano.

"Perché papà deve trattarci in modo così crudele?" chiese senza cambiare linea di vista o espressione. “Mi ha sempre amato, non importa quanto lo facessi arrabbiare e mi sono sempre sentita al sicuro con lui. Diceva sempre: "Sarai sempre la mia piccola principessa", ma ora non lo so. Forse non mi ama più."

“Oh no, tesoro. Ti ama ancora. È tutta colpa mia. Avrei dovuto dirglielo personalmente o qualcosa del genere. Ho gestito tutto in modo sbagliato", ha cercato di prendersi la colpa.

“Beh, forse l'abbiamo fatto, ma comunque, perché deve quasi evitarci come ha fatto? Non so se..." lasciò cadere le parole.

“Oh Bobby, non pensarci adesso. Gli ci vorrà del tempo ma sono sicuro che tornerà in sé. Aspetta solo finché non avrà il suo nuovo nipote in grembo", ha detto con un sorriso. Si aspettava che lei tornasse con un commento sul fatto che fosse una ragazza, ma non lo fece. Rimase semplicemente seduta al bar, guardando nello spazio senza cambiare affatto la sua espressione.

Lui stava dietro di lei con le braccia intorno alle sue spalle, abbracciandola teneramente ma chiedendosi come avrebbe fatto a tirarla fuori da quello stato d'animo. Stava pensando intensamente quando lei lo interruppe con una richiesta. “Junior, potremmo andare a letto e tu potresti semplicemente abbracciarmi. Voglio sentire le tue braccia intorno a me, tenendomi al sicuro. Non dobbiamo fare nulla; abbracciami e dimmi che mi ami. Per favore?"

"Oh tesoro, certo, tutto quello che vuoi, qualsiasi cosa," disse permettendole di alzarsi. Prendendola per mano, condusse la sua sposa turbata su per le scale e nel loro letto. La strinse tra le braccia e la tenne così finché non si addormentò. La sua mente tuttavia non si spegneva mentre le sue domande preoccupanti continuavano a vorticargli nella testa. La sua povera, giovane e bella moglie era persa nei suoi pensieri e lui non sapeva come consolarla.

La mattina dopo, Junior e Bobby andarono insieme in chiesa e furono presentati all'intera congregazione come Mr. e Mrs. Junior McKinney dal pastore. Erano scioccati dalla rivelazione e mortificati quando tutti si avvicinarono per congratularsi con loro. La maggior parte degli uomini si avvicinò e si scosse le mani augurando loro sinceramente tutto il meglio, ma le donne si avvicinarono e sorrisero ma diedero una rapida occhiata alla sua pancia per giudicare se dovevano sposarsi così giovani.

Quando Junior uscì dal parcheggio della chiesa, Bobby scoppiò in lacrime e non smetteva di piangere, qualunque cosa le dicesse Junior. “Dio”, gridò, “mio papà mi evita e ora tutti pensano che io sia una puttana! Oh Junior, cosa abbiamo fatto? Come è andata a finire così male?"

Non sapeva cosa dire. Secondo lui le cose non erano andate così male. Sì, sono rimaste incinte. Sì, sono giovani, ma per quanto riguarda il loro amore reciproco? E il loro bambino non ancora nato? Che dire dei loro voti di amarsi e amarsi a vicenda? Che dire di tutta la felicità che provavano l'uno per l'altro, almeno una volta? Cosa sta succedendo alle loro vite insieme? “Mio Dio, ieri ero il ragazzo più felice del mondo. Oggi non so cosa sto facendo. Quello che è successo?" si chiese.

Tornò a casa in silenzio e l'umore tra loro continuò a peggiorare. Continuò per il giorno successivo e la settimana successiva. La settimana si è trasformata in due e poi in tre. Smisero di essere intimi l'uno con l'altro e Bobby scivolò in una profonda depressione. Si rifiutava di alzarsi dal letto e andava raramente a scuola e la preoccupazione di Junior iniziò a dominare le sue azioni.

Un giorno, dopo essere tornato da scuola, sua madre era in cucina e lui le confidò l'umore di Bobby. Gli disse che era solo nausea mattutina e che sarebbe passata presto. Non ha espresso i suoi sentimenti e non ha lasciato perdere. Ma quando un venerdì sera Bobby si svegliò con un terribile dolore all'addome, iniziò a preoccuparsi seriamente per la sua sposa. Si alzò, tolse le coperte e ciò che vide instillò in lui il timore di Dio.

Giaceva in una pozza di sangue, piegata in due, contorcendosi dal dolore. Ha immediatamente chiamato sua madre per chiedere aiuto e poi ha chiamato i servizi di emergenza sanitaria. I paramedici sono arrivati ​​e l'hanno portata in ospedale con Junior e i McKinney subito dietro. Carl chiamò Rich per dirgli che sua figlia era nei guai e per incontrarli tutti lì.

Mentre guidavano verso l'ospedale, Richard Olson divenne sempre più preoccupato per sua figlia che aveva evitato nell'ultimo mese circa dalla scoperta della loro gravidanza. La signora Olson divenne sempre più furiosa. Sapeva cosa possono fare la preoccupazione e il turbamento nel sistema di una donna, specialmente durante una gravidanza ed era sicura di sapere cosa era successo.

È arrivata l'ambulanza e l'hanno portata al pronto soccorso. Rimasero lì a lungo senza far sapere a nessuno cosa fosse successo alla giovane ragazza. Quando il medico curante è comparso, ha detto alla famiglia in attesa che in effetti aveva perso il bambino ma che stava bene. Quando fosse stata pronta, Junior avrebbe potuto andare a trovarla ma, su sua richiesta, avrebbe visto tutti gli altri a casa il giorno successivo.

La signora Olson guardò male suo marito e gli sussurrò: "Voglio vederti davanti e intendo proprio adesso, stronzo".

La signora Olson non ha mai imprecato e questo sfogo ha fatto capire al signor Olson quanto fosse arrabbiata con lui. Junior andò a trovare la sua sposa e quando entrò, lei giaceva lì, pallida come un lenzuolo che la copriva. Si avvicinò al letto e le toccò delicatamente la mano.

Bobby lo guardò negli occhi e vide che stava piangendo. Le accarezzò la manina e le disse: "Va tutto bene, Bobby. Sono proprio qui. Non vado da nessuna parte."

Le lacrime le cadevano lungo le guance mentre cercava di guardarlo in faccia. “Mi dispiace, Junior. Volevo essere una brava moglie per te, ma credo di essere ancora una ragazzina che ha bisogno del suo papà. Non potevo accettare il fatto di aver fatto qualcosa contro la volontà di mio padre, quindi mi preoccupavo così tanto che ho abortito il nostro bambino; il nostro piccolo bambino indifeso. Oh Junior, mi dispiace così tanto", scoppiò in singhiozzi dolorosi.

Appoggiando la guancia sul suo viso rigato di lacrime, iniziò a piangere insieme a lei. “Va tutto bene, amore mio. Non è colpa tua. Non è colpa di nessuno. Le cose sono semplicemente accadute, tutto qui. Non avrebbe dovuto essere adesso. Proveremo di nuovo ad avere un bambino. Aspetteremo un po’ e ci riproveremo”.

Lei non ha detto una parola, ma ha pianto a dirotto per la sua delusione e il suo coraggio per le circostanze. Si chiedeva segretamente se l'avrebbe detto se avesse saputo cosa stava pensando. Ora che non avevano obblighi nei confronti del bambino, forse avrebbero dovuto annullare il loro matrimonio.

Mentre piangevano nella stanza di Bobby, il signore e la signora Olson erano fuori davanti all'ospedale, vicino all'ingresso principale dietro l'angolo dell'edificio. La signora Olson si avvicinò al marito di diciannove anni e gli diede uno schiaffo in faccia più forte che poteva, facendolo vacillare.

"Tu, pezzo di merda cieco, testardo e arrogante", gli sibilò a denti stretti. “La tua stessa carne e il tuo sangue; tua figlia. Non hai visto cosa stava facendo la tua testardaggine a quel bambino? No, eri troppo occupato a comportarti in modo ipocrita per accorgertene, non è vero? Continuava a colpirlo mentre riversava il suo attacco velenoso. "Bene, ora che hai ucciso tuo nipote forse puoi vedere il danno che hai causato." Lei fece una pausa e lo guardò profondamente negli occhi mentre diceva: “Richard Olson, per la prima volta in più di vent'anni, non credo di conoscerti e di sicuro non mi piaci. Pensaci mentre ti chiedi dove dormire perché sei sicuro da morire di non dormire nel mio letto. Lei si voltò e se ne andò, lasciandolo solo, senza parole.

Junior guardò la sua sposa continuare a piangere lacrime silenziose. Tentò di rassicurarla ma i suoi sforzi furono vani. All'improvviso mormorò a bassa voce: "Possiamo annullare il nostro matrimonio, se lo desideri".

Lo colpì come una tonnellata di mattoni. Il sangue gli defluì dal viso e si sentì svenire. Cosa aveva appena detto? Non voleva più essere sposata con lui? Vuole che il nostro matrimonio venga annullato? L’unica cosa che gli veniva in mente di dire era: “Se è quello che vuoi”.

Le lacrime si sono intensificate solo quando ha sentito la sua ultima dichiarazione. Girò la faccia verso il muro e distolse lo sguardo. Voleva porre fine al loro matrimonio, non l'amava davvero. L’intero mondo di Bobby le è crollato addosso e si è sentita così sola.

Junior ci pensò un attimo e poi si rese conto che se non avesse detto nulla, sua moglie, il suo matrimonio e tutta la sua vita sarebbero potuti finire. “Bobby…NO…no Bobby! NO, non voglio che il nostro matrimonio venga annullato! Non voglio perderti. Per favore, ho appena perso nostro figlio e non voglio perdere anche mia moglie. Abbiamo perso nostro figlio, non il nostro amore reciproco. Oh Bobby, non vedi che non voglio perderti mai. Ti amo. Ti amo più della vita stessa. Morirei se non potessi amarti. Per quanto desiderassi questo bambino, ti voglio di più. Oh Bobby, non pensare mai che non ti voglia. Oh tesoro…” cominciò a singhiozzare.

Lei si allungò verso di lui e se lo attirò al petto dove entrambi singhiozzarono a dirotto. Sapevano che, qualunque cosa accada, si sarebbero sempre avuti l'un l'altro. Si coccolarono e piansero per molto tempo. Quando Bobby non riuscì più a produrre altre lacrime, iniziò a tremare e chiese a suo marito di procurarle un'altra coperta. Mentre girava l'angolo nel corridoio e si dirigeva verso la postazione delle infermiere, Rich Olson si fece strada nella stanza di sua figlia.

Bobby stava riposando con gli occhi chiusi quando si sedette sulla sedia accanto al letto. Li aprì e rimase sbalordita dal suo aspetto, ma vide nei suoi occhi la dolcezza che ricordava di suo padre. Lui sorrise e le disse gentilmente di chiudere gli occhi e riposare. Junior era appena tornato indietro portando la coperta quando sentì il signor Olson parlare con sua figlia, quindi si fermò ad ascoltare. Il signor Olson ha iniziato a piangere quando ha confessato: “Tesoro, tuo padre è un vecchio pazzo. Ho incasinato tutto per te, per te e per Junior. Dio, perché non riuscivo a vedere cosa stavo facendo a te e a tutti gli altri. Mi dispiace così tanto, tesoro, mi dispiace così tanto", ha detto con una lacrima che gli scorreva lungo la guancia.

Si fermò un attimo a pensare e poi continuò. “Sai che abbiamo perso tuo fratello prima che tu arrivassi e quella perdita è stata quasi più di quanto potessi sopportare. E pensare che avrei fatto subire la stessa cosa a chiunque altro, specialmente a mia figlia, beh io...", lasciò che i suoi pensieri scivolassero nel nulla.
"Non potrei essere più felice di avere il figlio del mio amico come mio genero, lo sai." Ci pensò un altro momento e alla fine disse: “Come potrai mai perdonarmi Bobby? Sono un vecchio sciocco. Come posso perdonare me stesso? Oh tesoro, mi dispiace tanto", ha detto scoppiando in lacrime.

Junior entrò e appoggiò la mano sulla schiena del signor Olson mentre diceva a Junior: "Mi dispiace".

Junior si limitò a guardare suo suocero, a sorridere leggermente e attraverso le lacrime disse: "Lo so".

L'infermiera entrò e suggerì che se ne andassero tutti e lasciassero riposare un po' il povero Bobby. Entrambi concordarono di tornare la mattina quando il suo medico, il dottor Mack, sarebbe venuto a trovarla e, si spera, l'avrebbe dimessa a casa sua e nel suo letto per riprendere la convalescenza. Se ne andarono ed entrambi gli uomini sapevano di aver appena voltato l'angolo nella loro relazione.

La mattina dopo, il dottor Mack, il medico di Bobby da sempre, ha avuto una bella e lunga chiacchierata con il suo giovane paziente. Dopo un esame approfondito, dichiarò di essere idonea a tornare a casa. Il medico curante le aveva prescritto un D&C la sera prima e aveva messo in guardia sia Junior che Bobby da qualsiasi rapporto sessuale per almeno due settimane. L'avrebbe vista in quel periodo di tempo e le disse di calmarsi e riposarsi.

Tornarono allegramente a casa dai McKinney e lei andò a letto. Tutti si erano riuniti alla fattoria e la signora McKinney stava servendo a tutti una tazza di caffè quando il signor Olson annunciò: "Carl, se non ti dispiace, vorrei sistemare quel vecchio appartamento nella casa per i bambini." e forse vivrebbero laggiù, se non ti dispiace."

Carl sorrise tra sé e guardò sua moglie. Pensò tra sé: "Cosa è successo a Rich?" Ma lui sorrise e disse: "Beh, se riesci a sopportare tutto il rumore proveniente dalla loro camera da letto ogni notte, allora non vedo perché no".

"Oh Carl", rimproverò sua moglie.

"Beh, ha fatto scorrere i vecchi succhi", ha detto, con grande disgusto della signora Olson e della signora McKinney.

Rich si limitò a ridere e disse: "Bene, allora tutto si è sistemato". Ma la signora Olson ha suggerito di chiedere se per i bambini andava bene prima che iniziassero a fare progetti.

"Sì, immagino che dovrei chiedere se vogliono", disse lanciando un'occhiata a sua moglie e sorridendo leggermente.

Lei sorrise con uno sguardo d'intesa, dicendogli che lo aveva perdonato per la notte prima e che lui era ancora una volta l'uomo di casa. Sapeva di esserlo e si rendeva conto di quanto fosse vicino a perdere più di un nipote.


I giorni passavano e Junior aiutava suo suocero a preparare il loro nuovo appartamento dopo essere tornato a casa da scuola e stavano facendo molti progressi su più di un fronte. Era giovedì sera quando entrò nella loro camera da letto, si tolse i vestiti sudati e si diresse verso la doccia. Non aveva visto sua moglie, ma sapeva che doveva essere di sotto ad aiutare sua madre con la cena. Mentre entrava nella doccia e metteva la testa sotto gli spruzzi d'acqua, pensò di aver sentito un suono, ma per il momento lo ignorò.

All'improvviso, la porta della doccia si aprì ed entrò la sua sposa nuda mentre lo abbracciava forte allo stomaco. "Ciao," le disse con uno sguardo lussurioso negli occhi. “Non sono passate ancora due settimane. Non hai paura di eccitarmi e infastidirmi? Cosa diresti al dottor Mack se ti costringessi a fare sesso con me?"

"Gli direi che sei un bruto di marito e che non potevo respingerti", ha detto fingendo angoscia.

Lui ricambiò l'abbraccio e le disse che gli piaceva starle vicino e che non vedeva l'ora che passasse un'altra settimana. Lei gli disse che non dovevano aspettare e lui le chiese: "Dove prendi le tue informazioni? Il Dottore ha detto: “Nessun rapporto sessuale per almeno due settimane”.”

"Ha lasciato intendere che non avresti dovuto mettermelo dentro per due settimane", lo guardò timidamente negli occhi con un sorriso diabolico sul viso. "Non ha detto niente sul fatto che non lo metti altrove."

Gli rivolse un sorriso d'intesa e scivolò sul pavimento proprio di fronte a lui. Ha avuto l'idea e la sua virilità ha iniziato a crescere. Iniziò a leccargli le palle mentre lui cominciava subito a gemere. «Oh mio Dio, Bobby. Oh Dio, sì, adoro il modo in cui lo fai", gemette.

Sentire questo dalla bocca di suo marito l'ha spinta a esplorare ancora di più. Mentre leccava tutta la testa del suo pene, iniziò a sondare il dito tra le sue gambe e trovò l'area più sensibile proprio direttamente nella sua giunzione. La sensazione di questo stimolo lo mandò in delirio mentre allargava ancora di più le gambe e tirava i capelli di lei nel suo membro in crescita. La sua bocca si aprì alla sua intrusione mentre lo accettava sempre di più nella sua bocca.

Gli stava succhiando il cazzo con tutta la sua passione mentre esplorava la sua zona anale con il dito. Lui gemette piuttosto forte ma lei non perse un colpo. Sognava questo momento da più di una settimana e non aveva intenzione di lasciare che nulla interferisse con il suo piacere nel dare piacere a suo marito.

Iniziò a spingere i fianchi nella sua bocca che succhiava mentre lei continuava a sondare tra le sue gambe e il suo desiderio iniziò ad emergere. Inclinò la testa all'indietro ed espirò sibilando. «Oh Dio, Bobby. Sono già pronto a venire. Sono quasi pronto. Oh Dio, eccolo che arriva! Preparati! OH MIO DIO ECCO CHE ARRIVA!”

Cominciò a iniettarle le sue essenze in profondità nella gola mentre lei gli infilava un dito nel sedere. La sua reazione è stata epica, gloriosa, completamente esagerata. Lui sbatté i fianchi nella sua bocca volenterosa mentre sparava getti dopo getti del suo sperma caldo nella sua cavità orale. Ingoiò fino all'ultima goccia mentre tirava fuori il dito. Lui cadde in ginocchio e crollò tra le sue braccia.

«Oh Dio, Bobby. È stato meraviglioso. Grazie amore mio, grazie mille”, continuava a ripetere.

Attesero lì un momento e poi lei si alzò e disse al marito esausto: “Sarebbe meglio che ci vestissimo e andassimo a tavola. Avrei dovuto venire a prenderti. Immagino di essere stato distratto o qualcosa del genere. Con uno scintillio negli occhi, uscì dalla doccia e si asciugò. Junior non era in grado di fare altro che starsene lì seduto ad ansimare in cerca d'aria. "Faresti meglio a vestirti e a scendere a cena adesso", gli disse mentre chiudeva la porta dietro di sé.




Post scriptum

Junior si diplomò più tardi quell'anno e andò a lavorare a tempo pieno per suo padre nella fattoria. Bobby finì presto la scuola superiore e frequentò part-time il college della comunità locale e alla fine ottenne la laurea in contabilità e aiutò con i libri della fattoria. Dopo un paio d'anni, hanno avuto il loro primo figlio, un maschio che hanno chiamato Carl M. McKinney III o Trip in breve. Un paio di anni dopo, ebbero un altro ragazzo di nome Richard O. McKinney o Richie, seguito un anno dopo da una figlia che chiamarono in onore della nonna di Bobby, Mary Katherine McKinney o Katy.

Il signor Olson fu colpito da un ictus tre anni dopo che i bambini si trasferirono nell'appartamento e dovettero essere ricoverati in una casa di cura. Visse abbastanza a lungo da poter tenere in braccio il suo primo nipotino, ma morì prima che Trip compisse un anno. La signora Olson vendette la casa ai bambini e si trasferì in città dove visse il resto della sua vita.

Carl ed Ester McKinney continuarono a coltivare fino a pochi anni fa quando andarono in pensione, comprarono un camper e viaggiarono per il paese lasciando Junior a occuparsi dell'agricoltura.

Il vecchio Elmer finalmente fu messo al pascolo e morì un paio d'anni dopo, ma non prima di aver ceduto i suoi compiti al toro che la mucca diede alla luce nove bocche dopo che i bambini si sposarono per la prima volta. Mi chiedo se il toro istruirà Trip e Richie nello stesso modo in cui il vecchio Elmer ha educato Junior? Forse lo farà.

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

436 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

865 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

807 I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.9K I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

441 I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

1.1K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2.1K I più visti

Likes 0

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice Capitolo 3 Janice: Poche settimane dopo che io e Carrie ci siamo separati, Carrie e i suoi amici, Tim e io, stavamo girovagando per la scuola e Carrie mi ha presentato Janice. Janice era minuta, capelli castano chiaro lunghi fino alle spalle, quasi biondo sabbia. Aveva una figura che faceva girare la testa quando entrava in una stanza. Era sotto i 100 libbre, con molte curve. Un set di tette 34C. Questa ragazza è stata fantastica. Aveva anche un grande senso dell'umorismo. Janice stava cominciando a frequentare l'appartamento di Carrie. Carrie mi ha invitato...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.