Clarissa Morgen - Parte 1

404Report
Clarissa Morgen - Parte 1

Clarissa Morgen era a caccia. La sua carriera giornalistica è in crisi da quasi 3 mesi e i suoi redattori la infastidiscono senza sosta affinché scriva una storia rivoluzionaria. Dopo molte estenuanti notti intere, ha trovato una storia che ha attirato la sua attenzione.

Nelle ultime settimane sono state fatte irruzioni in diverse case della città. Secondo le sue fonti, all'interno di ogni casa rotta c'era un dipinto di un galeone strappato. Incuriosita da questi schemi, ha fatto alcune indagini nella speranza di scoprire qualcosa. Riusciva quasi a capire lo schema, ma manca sempre qualcosa. 5 case sono state svaligiate. 5 quadri sono stati strappati. Sembra che tutti i dipinti abbiano la tela strappata e quelle parti strappate ora mancano. Nello specifico, la parte in cui era dipinto l'albero maestro del galeone.

Oggi ha letto su un giornale che hanno fatto irruzione in una casa. Mentre leggeva, l'articolo diceva che non era stato rubato nulla, ma il dipinto di un galeone era stato fatto a brandelli. Il proprietario del dipinto ha detto che quando ha acquistato il dipinto ha notato alcuni segni, o linee, dietro la tela. Entusiasta della sua scoperta, prese le sue cose e lasciò il suo appartamento per visitare quella casa e porre alcune domande ai proprietari e ai vicini.

Mentre camminava per le strade affollate, un uomo l'ha urtata abbastanza forte da farle perdere l'equilibrio. Stava per inciampare quando l'uomo l'ha afferrata per il braccio e l'ha aiutata a ritrovare l'equilibrio. Prima che possa ringraziarlo, l'uomo se n'è già andato.

Continuò a camminare quando un telefono squillò nelle sue tasche, ma il telefono era nella borsa. Prese il telefono dalla tasca e un numero non registrato stava chiamando. Lei ha risposto al telefono: "Pronto?" ma non ci fu risposta. Il chiamante ha riattaccato, poi ha notato che il chiamante aveva lasciato un messaggio.

"Pipeline Bar. 18:30. Oggi. Informazioni sui dipinti strappati del galeone." Il suo cuore perse un battito. Questo potrebbe essere un informatore. Dubitava che fosse sicuro incontrare qualche sconosciuto. È nervosa per questo, ma ricordando la sua crisi, il suo editore potrebbe licenziarla se non riuscisse a produrre qualcosa.

Contro il suo istinto, decise di incontrare questo sconosciuto e si diresse verso il Pipeline Bar.

Stando fuori dalla porta del Pipeline Bar, può dire che ci sono poche persone, se non nessuna, all'interno. Respirando nervosamente, entrò nel bar. Come aveva immaginato, non c'era nessuno all'interno del bar, a parte un uomo con un cappotto nero e il barista.

L'uomo, pensò, ha un aspetto decente, ma c'è qualcosa nel modo in cui la guardava che la faceva rabbrividire. L'uomo con il cappotto notò il suo sguardo. Le sollevò il telefono.

"Deve essere lui." lei ha pensato. Si sedette accanto all'uomo e glielo chiese.

"È questo il tuo telefono?" chiese Clarissa all'uomo.

"SÌ." Ha risposto.

"Perché affrontare tutto questo e incontrarci in un bar vuoto?"

"Quello che sto per dirti riguarda la tua indagine sui dipinti strappati del galeone. Qualcosa che potrebbe smascherare qualcuno della polizia." L'uomo glielo disse in tono cupo.

La sua curiosità suscitò, chiese. "Perché dirmi questo e perché io?"

Prima che potesse rispondere, il barista gli portò un bicchiere con sopra del whisky.

"Posso offrirti da bere?" Le chiese, sorridendole.

"Sicuro." Lei rispose e poi affrontò il barista. "Avrò quello che sta avendo lui."

Il barista le diede un bicchiere e Clarissa tracannò il suo drink, svuotando il bicchiere in pochi secondi per passare al sodo.

"Il mio nome è Mike Larson." cominciò l'uomo "Lavoro come meccanico del padrone di Russel Manor, il ricco e vecchio gentiluomo di nome Arthur Russel. Qualche mese fa, qualcuno ha rubato una mappa dal suo ufficio privato. La mappa conduce a un caveau da qualche parte all'interno della città, in una delle vecchie proprietà di proprietà del signor Russel."

Clarissa cercò di ascoltare attentamente, ma notò che la sua attenzione stava leggermente svanendo.

"A proposito, come ti senti?" chiese l'uomo sorridendo maliziosamente.

Qualcosa non andava. La sua testa cominciava a sentirsi leggera e la stanza cominciò a girare.

"Lo sai," iniziò Mike mentre la prendeva per le spalle. "Ti seguo da settimane. Ed eravamo preoccupati che potessi scoprire qualcosa."

Clarissa sentì la forza fuggire dal suo corpo.

"Oh no! Mi ha drogato!" Clarissa pensò tra sé. Cercò di allontanarsi da lui, ma le sembrava che le sue gambe fossero di gelatina e perse l'equilibrio.

Sentì Mike afferrarla, metterle le braccia sotto le braccia da dietro di lei e attirarla a sé. Una delle sue mani le raggiunse il collo. Le sue dita indugiarono sul primo bottone della sua camicia, mentre l'altra mano le afferrava il seno. Si rese conto che stava cercando di sbottonarle la camicia, ma non poteva fare leva sulle sue mani perché si sentiva così debole, così indifesa.

"Abbiamo chiesto a qualcuno di hackerare il tuo computer e abbiamo esaminato tutti i tuoi file. Hai fatto delle buone ricerche. Mi è anche piaciuto guardarti spogliarti dalla telecamera del tuo computer. Devo dire che, oltre a quel bel viso, hai delle tette e un culo molto belli." e cosce lisce."

Clarissa gemette mentre le vertigini diventavano ogni secondo più forti. "Ho deciso di catturarti prima che potessi trovarne di più. Ti ho fatto drogare dal barista. Rimarrai fuori per ore e mi darà tutto il tempo per accarezzare quel tuo corpo maestoso. Stai tranquillo, non lascerò un centimetro del tuo corpo intatto.

Mike sbottonò 3 bottoni della camicia di Clarissa. Ha resistito ma è stato inutile. La mano che le afferrava il seno ora si spostò sul sedere e sentì lui che li afferrava e accarezzava.

"Ininterrotto." Lo implorò, ma la sua resistenza venne fuori come un sussurro.

La guardò negli occhi e vide i suoi occhi roteare lentamente mentre gemeva un'ultima volta, e poi perse conoscenza. Poi le afferrò di nuovo il seno attraverso la maglietta e lo strinse. Lui ha sorriso e non vede l'ora di fare ciò che vuole al suo corpo inerte e nudo.

Trasportò il suo corpo inerte nella culla, fissò il suo collo esposto. La adagiò sulla schiena sul tavolo vicino. Continuò a sbottonarle la camicia. Lentamente. Tasto dopo tasto. Le tolse la maglietta e guardò lascivamente i suoi seni coperti dal reggiseno. Le mise le mani sotto il reggiseno e le strinse i seni. Le liberò uno dei seni. I suoi capezzoli rosa sono eretti. Procedette a succhiarle l'ampio seno. Poi cominciò a sbottonarle i pantaloni. Lui le afferrò la cintura dei pantaloni e glieli tolse lentamente dalle gambe.

Posò le mani sulle sue cosce lisce e le fece scivolare su e giù. Su e giù e, facendo scorrere le mani per circa 5 minuti. Le accarezzò di nuovo il seno, mentre con l'altra mano le accarezzava lentamente le cosce.

"Non vedo l'ora di contaminare il tuo corpo nudo." Le sussurrò all'orecchio mentre le afferrava il seno e le accarezzava le cosce. Il suo telefono squillò. Grugnendo di frustrazione, rispose al telefono con una mano, mentre l'altra continuava ad accarezzarle la coscia.

"L'auto è qui, capo." disse la voce al telefono.

"Vieni qui e aiutami a prenderla", rispose Mike.

Poi le sussurrò nelle orecchie. "Per quanto mi piaccia portarti oltre, dobbiamo andare da qualche altra parte e continuare il nostro..." Fece una pausa drammatica e le diede una stretta al seno perfettamente sincronizzata. "Attività commerciale."

La porta si aprì e l'autista andò e il suo sguardo si fermò sulla donna bionda quasi nuda e priva di sensi sul tavolo. Mike baciò Clarissa sulle labbra, le strinse un'ultima volta i seni e disse all'autista.

"Smettila di fissarla e aiutami a portarla alla macchina", urlò Mike all'autista.

L'autista si arrampicò nervosamente e afferrò le gambe di Clarissa, mentre Mike le mise le mani sotto le braccia, afferrandole di nuovo i seni mentre la trasportava alla macchina.

"Maurizio!" Mike gridò al barista. "Bel lavoro, fratello. Quella stronza non ha mai sospettato nulla. Hai preso tutto?"

"Scommetti!" rispose Maurice sorridendo mentre prendeva la videocamera nascosta dal treppiede e la metteva nella borsa.

"Adesso porta il culo in macchina." Mike lo disse a suo fratello.

Mike e Maurice si sorrisero con malizia negli occhi. Gli uomini trasportarono il corpo privo di sensi di Clarissa sull'auto, il suo corpo inerte accarezzato dai fratelli per l'intero viaggio mentre dormiva nel suo sonno drogato.

Storie simili

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice Capitolo 3 Janice: Poche settimane dopo che io e Carrie ci siamo separati, Carrie e i suoi amici, Tim e io, stavamo girovagando per la scuola e Carrie mi ha presentato Janice. Janice era minuta, capelli castano chiaro lunghi fino alle spalle, quasi biondo sabbia. Aveva una figura che faceva girare la testa quando entrava in una stanza. Era sotto i 100 libbre, con molte curve. Un set di tette 34C. Questa ragazza è stata fantastica. Aveva anche un grande senso dell'umorismo. Janice stava cominciando a frequentare l'appartamento di Carrie. Carrie mi ha invitato...

1.7K I più visti

Likes 0

SS Shotguneagle (parte terza)

Patetico! urlò Kenny. Le strappò la frusta dal collo, lasciando Leah senza fiato. Leah si contorse per la disperazione mentre accoglieva più aria nei suoi polmoni. Era difficile lenire il suo collo dolorante. Tutto quello che poteva fare era aspettare che il dolore andasse via e singhiozzare. Kenny gettò la frusta a terra e si avvicinò al suo carrello degli attrezzi. Dopo aver afferrato ciò che voleva, è tornato da Leah, in piedi di fronte a lei. Stava ancora singhiozzando, cercando di abituarsi al disagio che cresceva costantemente. Kenny pensava che fosse incredibilmente sexy. Pensava che potesse farla sembrare più sexy...

1.5K I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.