Potenza della fica_(0)

631Report
Potenza della fica_(0)

Ho scoperto per la prima volta il potere della mia figa quando avevo 14 anni. Mi stavo appena sviluppando: tra le mie gambe era spuntata una sottile peluria marrone, i miei seni si stavano gonfiando dolcemente fino a raggiungere la maturità e le labbra della mia figa cominciavano a pendere un po' di più. . Forse è stato questo a rilasciare il loro odore, forse è semplicemente nella natura del maschio, ma ho notato che ricevevo sguardi molto più lunghi dagli uomini e dai ragazzi che incontravo per strada. Erano più interessati, più valutativi e ho visto i loro occhi correre su e giù per il mio corpo, scivolando untuosi sulle mie curve in crescita. Annusavano appena un po', senza nemmeno rendersi conto che lo stavano facendo e li vedevo inumidirsi le labbra prima di distogliere lo sguardo, rendendosi conto di essere stati visti.

Il peggiore di questi è stato il mio patrigno John. Il mio vero papà era stato fantastico, giocavamo e ridevamo, mi aiutava ad andare in bicicletta e a nuotare nel torrente, ma era morto improvvisamente quando avevo 10 anni. È stata dura, io e mamma abbiamo lottato, non c'erano soldi e anche se ho cercato di aiutare, la mamma trovava comunque quasi impossibile farcela. È successo così che di notte venivo svegliato, prima solo una o due volte, ma poi ogni notte e talvolta più volte ogni notte dallo scricchiolio del letto di mamma. Voci basse e sussurrate con la risonanza tonante di un uomo. A volte uno schiaffo o un lamento, ma soprattutto solo uno scricchiolio sulle scale, uno scricchiolio nella camera della mamma e poi il silenzio. A volte c'era un ospite a colazione ma di solito, chiunque fossero questi visitatori notturni, se ne andavano già al mattino. Il denaro non sembrava essere un grosso problema adesso.

Poi c'è stato un ospite: gli ho prestato poca attenzione e sono andato a scuola come al solito, ma lui era lì la mattina dopo e quella dopo ancora, finché è stato lì quasi tutti i giorni e la mamma ha detto che si chiamava John e che avrei dovuto chiamarlo " Papà". Ho preso una bicicletta nuova e non c'erano altri ospiti a colazione. Fu così che il mio patrigno entrò nella mia vita, non sembrava che gli fossi mai piaciuto, ma rendeva la mamma più felice e il letto continuava a scricchiolare ogni notte - e anche adesso alcune mattine. Quando la mamma era fuori era decisamente scortese, penso che dentro fosse un po' prepotente. Una volta l'ho visto con un'altra donna fuori da un bar mentre passavo sull'autobus: mezzogiorno ed ero già al bar? Le cose però andarono abbastanza bene, almeno fino a quando non perse il lavoro e poi la situazione peggiorò davvero. Mamma e “papà” litigavano quasi ogni giorno, lo scricchiolio nella camera da letto sembrava essere accompagnato da schiaffi e sembrava che la mamma avesse pianto quasi tutto il tempo. Eravamo di nuovo a corto di soldi, alcuni uomini sono venuti e hanno preso la macchina - non mi ha disturbato perché comunque non andavo mai da nessuna parte, ma ero più preoccupato quando hanno preso anche la TV.

…E per tutto questo tempo stavo crescendo, sviluppandomi, cambiando e quando ho raggiunto i 14 anni è successo. La mamma era stata chiamata da zia Sally: era davvero malata e non si prevedeva che sopravvivesse. Ero rimasto solo con “papà” ormai da tre giorni. Il primo giorno era andato tutto bene: avevamo parlato e lui aveva preparato la cena, il secondo giorno mi sono preparato il cibo quando sono tornato da scuola e lui ha sorseggiato una birra guardando lascivo il bicchiere. Il terzo giorno abbiamo toccato il fondo: era piuttosto ubriaco, passava tutto il tempo a guardare la TV con addosso i suoi vecchi blue jeans e la canottiera sporca. L'ho visto alzare la testa e annusare mentre entravo in casa ma non ha detto nulla. Lattine di birra vuote erano sparse per casa, non c'era cibo quando tornai a casa, così preparai una ciotola di cereali e andai nella mia stanza a studiare.

Circa un'ora dopo ho sentito dei passi barcollanti sulle scale, ha ruttato nel corridoio fuori dalla mia stanza. La porta si spalancò e non bussarono. L'uomo che entrò nella mia stanza aveva un aspetto strano, aveva uno sguardo selvaggio, i suoi occhi sembravano fuori dalle orbite, le pupille erano dilatate. Ho visto macchie di umidità sui suoi vecchi jeans scoloriti, ha ruttato di nuovo e ho avuto paura.
"OK stronza, mamme via e non va bene prendere in giro adesso"
Non sapevo cosa intendesse: non l'avevo mai preso in giro???
“Non comportarti da innocente, sento il tuo odore!! Ogni giorno, sempre, il tuo odore mi fa impazzire! So che sei sexy, ora è il tuo turno"
Non sapevo cosa intendesse, ma presto l'ho capito - ha attraversato la stanza verso di me - mi ha afferrato le mani sopra la testa con un braccio forte e peloso. Mi ha spinto all'indietro contro il letto, anche se mi schiaffeggiava violentemente con la mano libera. La mia faccia mi ha fatto male sotto l'assalto e ho sussultato per lo shock: mi aveva colpito! Il dolore mi divampò in faccia, la mia guancia arrossì per il livido e sentii un leggero rivolo di sangue caldo all'angolo della bocca. Le mie gambe hanno incontrato il letto e mi hanno fatto inciampare, sono caduto sulle coperte. Sembrava delirante - c'era bava agli angoli della sua bocca, suoni gutturali gli uscivano dalla gola - forse queste erano parole da qualche parte - in qualche pianeta arretrato e brutale dell'Universo, ma qui erano solo grugniti di bisogno e desiderio animale . Le sue mani si spostarono improvvisamente verso la mia vita, la mia gonna si strappò e sentii l'aria fredda sulle mie cosce. È stato improvvisamente rallentato dalla vista della mia figa di 13 anni nella sua custodia di cotone rosa, una punta di cammello in erba chiaramente visibile. Gemette e mi afferrò i fianchi, seppellendo il viso tra le mie cosce e bevendo profondamente il mio profumo. Potevo sentire il suo respiro affannoso mentre succhiava nei suoi polmoni quanto più poteva del mio aroma. Le molecole del profumo della fica entravano nel suo flusso sanguigno, come una droga che risvegliavano, facendo infuriare e affascinare allo stesso tempo; divenne quasi delirante di lussuria, ringhiando e imprecando in egual misura.

Poi si è mosso di nuovo: la mia camicetta era squarciata, il mio reggiseno "per principianti" bordato di pizzo blu era improvvisamente in mostra. Ho urlato, un altro schiaffo e ho smesso di muovermi. Le mie mutandine furono strappate via, poi mi sollevò, armeggiò dietro con l'allacciatura del reggiseno, poi ringhiò di rabbia e strappò via anche quello, facendomi male al petto mentre l'indumento fibroso resisteva prima di aprirsi alla chiusura. Il suo viso cadde di nuovo sulla mia figa, leccando i miei succhi profumati, e poi schiacciò i miei seni sotto il suo viso mentre la sua bocca trovava il mio capezzolo e succhiava avidamente il mio seno in crescita. Sentii la carne della cincia rispondere e cedere a lui, premiando la sua rude invasione con una dolce secrezione. Il mio capezzolo formicolava quando il fluido veniva rilasciato e lui lo leccò come un uomo affamato, stringendomi il seno per forzare un maggiore flusso. Nello spazio di 10 minuti sono stato aggredito, immobilizzato, spogliato e prelevato. Le lacrime iniziarono a scendere sul mio viso mentre grugniva e sollevava il suo corpo massiccio sul letto per sdraiarsi su di me, schiacciandomi sotto la sua mole pelosa. Non c'erano preamboli, preliminari, nessuna considerazione: il suo grosso cazzo mi scivolava tra le cosce mentre i suoi peli pubici mi graffiavano l'addome.

"Aprire!" ruggì in un impeto di alito carico di birra e BO. Ho visto i suoi occhi, quasi ciechi, roteare nella testa. Ho piagnucolato e lui mi ha colpito di nuovo. Dopodiché rimasi sdraiato lì mentre lui allungava una mano e mi allargava le gambe. Con mia sorpresa scoprii che ero già umido e persino io potevo sentire l'odore dell'aria pesantemente carico del mio profumo muschiato.

Ho sentito il suo cazzo salire verso la mia figa e colpire brutalmente le tenere labbra increspate che circondavano l'ingresso del mio sesso. Mi sono irrigidito, i miei muscoli si sono tesi automaticamente per resistere all'ingresso. Ci fu un ringhio di pura frustrazione seguito da una massiccia spinta in avanti - tutto il suo corpo si irrigidì per lo sforzo mentre ne percepivo il risultato - un dolore lancinante e bruciante tra le gambe, un altro ringhio e un'altra massiccia spinta, sentii le mie labbra vaginali aprirsi e aperto sotto l'assalto. Sono stato allungato, aperto, lacerato e violato: il mio stesso sangue si è mescolato con le mie secrezioni per lubrificare il suo ingresso. Il dolore era intenso. Sentivo l'intrusione muoversi verso l'alto ad ogni spinta, su, su, aprendo il mio canale vaginale, stirandosi, scottandomi.

Ho pregato in silenzio tra me e me… “Per favore, per favore, per favore lascia che finisca, lascia che vada via, lascia che tutto finisca!”

Questo è quando è iniziato! Ho sentito il dolore alleviarsi; lo stiramento sembrava ridursi. Ogni spinta sembrava allungarmi di meno, il peso su di me diminuiva, diminuiva e diminuiva ancora. Il tormento nella mia vagina si stava notevolmente attenuando. Con mio grande stupore il corpo sopra di me sembrava rimpicciolirsi, contrarsi, ritirarsi dal petto, dalle gambe, concentrandosi attorno alla vita, all'addome, alla figa. I miei occhi erano serrati. Ho stretto il pugno e ho piagnucolato, tremando sul letto.

Qualche tempo dopo mi sono reso conto che ero solo, ero sdraiato sul letto, fradicio di sudore. La mia figa era dolorante e c'era una macchia di sangue sulla coperta. Ero stanco e confuso: ho singhiozzato e ho tirato su le coperte, mi sono girato e ho dormito.

Ho dormito fino a tardi, mi sono svegliata verso le 11, nessuno era venuto nella mia stanza, nessun soffietto per far alzare dal letto la mia pigra puttana, niente. La casa era silenziosa. Mi sono alzato: di John nessuna traccia. Ho controllato le stanze: tutte vuote, forse era uscito? Una sensazione di formicolio tra le gambe mi ha ricordato: cosa era successo ieri sera? Ero ancora dolorante, c'era sangue sul letto, non lo immaginavo.

Una chiave tintinnò nella porta: mi irrigidii ma quando si aprì rivelò non l'odiato aggressore ma la mamma! Con un grido di sollievo corsi da lei e l'abbracciai, bevendo il suo profumo rassicurante. Zia Sally stava meglio e la mamma era a casa!

“Ciao tesoro- chiese lei- che succede? Sei malato? Perché non sei a scuola?" e poi "Dov'è John?"
“Non lo so, ho risposto sinceramente.

La mamma è andata a disfare le valigie e a sistemare le cose, io sono tornata in camera mia, ho fatto una doccia, lavandomi accuratamente tra le gambe nel caso mi facesse male: l'acqua era piacevole. Poi ho indossato delle mutandine nuove, mi sono vestita e sono scesa di nuovo.

“Colazione tardi, tesoro” ha detto la mamma, “Chiamiamolo pranzo, ma se non c’è niente che non va allora dovresti andare a scuola questo pomeriggio, eh? “

"OK" ho detto, mi sono sistemato per mangiare i cereali che mi ha offerto, ma ecco di nuovo la sensazione di formicolio tra le gambe, ho incrociato le cosce e ho stretto per contenere la sensazione.

Il pomeriggio trascorse abbastanza tranquillo, borbottai qualche scusa per aver saltato la sessione mattutina, feci le lezioni e poi mi cambiai per i giochi. La mia prestazione in campo non era all’altezza dei miei soliti standard, ero dolorante e un paio di volte ho sentito distintamente un solletico nella figa ma non era troppo dolorante e quindi l’ho ignorato. Dopo un’ora di corsa frenetica sono tornato per rimettermi gli abiti scolastici e tornare a casa. C'era un formicolio intenso mentre attraversavo il campo per tornare al padiglione, e poi la netta sensazione di farmi uscire qualcosa dalla figa. Era come se all'improvviso mi fosse apparso un pisello nei pantaloni. Mi sono precipitato allo spogliatoio e mi sono spogliato. È stato allora che ho iniziato a capire, perché lì, accartocciato in un grumo grande quanto un pisello e annidato nel tassello morbido e profumato dei miei pantaloni, c'era un minuscolo oggetto. L'ho tirato fuori dalla sua culla di cotone e l'ho guardato più da vicino, facendolo a pezzi, aprendolo, e poi ho avuto un sussulto di orrore. Nella mia mano, lunga appena mezzo centimetro, stringevo un paio di blue jeans e una minuscola canottiera che non sarebbe entrata nemmeno in una Barbie!

C'è stato un impeto di ricordi, gli eventi della notte scorsa, il dolore, la mia preghiera e la diminuzione del peso e del dolore. Avevo supplicato Dio di portarlo via, di farla finita e Lui lo aveva fatto. Il dolore era diminuito, il peso era scomparso e ora ricordavo con crescente orrore come si era accumulato sulla mia pancia e poi aveva seguito silenziosamente la puntura invasore per essere risucchiato nel mio corpo. Mentre pensavo adesso, mi chiedevo se ricordavo davvero un debole grido che diventava sempre più stridulo e sempre più disperato man mano che diminuiva fino a diventare sempre più debole, per poi essere soffocato in un leggero schiocco. Come per convincermi arrivò di nuovo quella sensazione di formicolio. Era in me! Era nudo in me! Muoversi, dimenarsi, crogiolarsi nel mio calore, deliziarsi nella mia umidità e saturo del mio profumo.

La sensazione non era spiacevole ora che avevo il controllo. Ho stretto le cosce e il formicolio è cessato. Lo immaginavo nudo e tenuto saldamente, intrappolato nella salda muscolatura della mia vagina. Le sensazioni aumentavano, la roccia veniva spinta in salita, più in alto, più in alto fino in cima - e poi improvvisamente rilasciata per cadere in modo incontrollabile verso valle. La sensazione mi sopraffece; Tremavo, piangevo, perso nell'intensità del mio primo orgasmo. Il mio corpo tremava e la mia pancia si contraeva e pulsava mentre gradualmente tornavo alla realtà.

Quella è stata la prima volta che è successo. Col passare del tempo ho imparato come usarlo, sfruttarlo quando ne avevo bisogno. Incoraggiando il movimento, il dimenarsi e il dimenarsi finché non ho iniziato ad avere spasmi e sono precipitato oltre la collina in una corsa orgasmica. Non sapevo cosa provasse, ma immaginavo che si stesse divertendo. Certamente non ha mai provato a uscire da me e c'erano molte opportunità. Non pensavo che sarebbe durato a lungo, mi aspettavo che la fame lo scacciasse, ma non è mai successo. Sono arrivato a capire che doveva divertirsi con una dieta a base di succhi della mia fica, il loro profumo ora stava permeando ogni parte del suo corpo, saturando il suo flusso sanguigno e il sistema nervoso mentre i succhi stessi dovevano essersi dimostrati almeno adeguati alla sua nutrizione. La sua presenza sembrava aumentare il profumo della mia figa; perfino io ne ero consapevole adesso ogni volta che avevo incrociato le gambe per un breve periodo. Quando li ho aperti c'era un'ondata di profumo, ho potuto vedere i ragazzi della mia classe irrigidirsi e guardare nella mia direzione. A volte potevo vedere nei loro occhi tracce di vera fame.

Anche se il mio appetito stava sicuramente crescendo, gli altri ragazzi non mi interessavano. Avevo la mia personale fonte di piacere e, anche se ora avevo bisogno di venire tre o quattro volte al giorno, potevo affrontarla facilmente. Potevo dettare quando e dove il passeggero della mia figa mi dava piacere semplicemente tendendo le cosce e stringendole, per incoraggiare o impedire il suo movimento. Poi, un giorno, ho perso il controllo! Ero in classe e all'improvviso mi resi conto che la sensazione stava aumentando. Diventavo sempre più senza fiato mentre il battito d'ali dentro di me continuava. Ho provato ad agire normalmente tendendomi contro un'ondata crescente di sensazioni sessuali. Freneticamente mi sono stretto le cosce stringendo, stringendo ma non ha funzionato! Era salito più in alto, più in alto, addirittura nel mio utero, e lì non avevo alcun potere su di lui! Ho trovato le mie scuse e ho lasciato la stanza, con le gambe che quasi si piegavano sotto di me mentre ondate di deliziose sensazioni mi travolgevano, la sensazione cresceva, cresceva e cresceva! Sono riuscito a malapena ad arrivare in bagno e ho sbattuto la porta prima che la diga crollasse e la forza dell'orgasmo mi sopraffacesse. Sono crollato e potevo sentire la mia figa pulsare e stringere. Spremere a vuoto nel tentativo di spremere tutto il carico da un cazzo che non era in me! Per la prima volta ho sentito i fremiti di quella che sarebbe poi diventata un'insaziabile fame di sperma.

Quella è stata, tuttavia, l'ultima volta che John mi ha aiutato a raggiungere l'orgasmo. Quella sera ho sentito un altro oggetto nei pantaloni. Sono andata in bagno e ho trovato un corpo accartocciato e rotto, come quello di una bambola, lungo appena 2 cm, incastrato bagnato nel tassello. Immaginavo che fosse nel mio utero quando ho raggiunto l'orgasmo, le forti contrazioni ritmiche della mia cervice avevano semplicemente rotto il suo piccolo corpo e lo soffocavano. Ho grattato via le prove dalle mie mutandine e l'ho buttato via. Non provavo rimorso; era stato un prepotente e un bastardo. Aveva sperimentato per due mesi la delizia del mio grembo, che non si meritava, e anche se pensavo che avrei potuto perdermi gli orgasmi indotti, c'erano altri modi! Comunque, il mondo è pieno di uomini fin troppo desiderosi di penetrare la figa di una giovane ragazza e il mio profumo non manca mai di attirare la loro attenzione...

Storie simili

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

436 I più visti

Likes 0

Andare a letto con la babysitter Capitolo 01

LETTO DELLA BABYSITTER Trama: Una vicina lesbica usa Internet per sedurre la sua innocente babysitter. Nota: anche se pubblicata nel settembre del 2010, questa storia è stata completamente riscritta nell'ottobre del 2012. Nota 2: Grazie a MAB7991 e LaRacasse per l'editing. LETTO DELLA BABYSITTER Mi chiamo Megan. Sono una donna single di 35 anni con un bambino di due anni. Jenny era la perfetta babysitter. Frequenta una scuola privata e indossa sempre la gonna scozzese e calze di nylon alte fino al ginocchio (ho trovato interessante che indossasse calze di nylon alte fino al ginocchio e non calzini come la maggior...

1.2K I più visti

Likes 0

Ma tesoro, era solo un ballo, la storia di Linda

Sequel di; Ma tesoro, era solo un ballo. Linda racconta la sua storia a un amico. Nota: non c'è sesso in questa storia A tutti i lettori che hanno chiesto di rispondere alle domande, grazie. Ma tesoro, era solo un ballo Il seguito Un altro inverno di Chicago era storia. Oggi è stato il primo vero giorno di primavera. Quando Linda uscì, sentì l'odore dell'aria fresca e pulita del mattino. Ricorda il suono della pioggia primaverile sul tetto mentre lei e suo marito facevano l'amore la sera prima e come si aggiungeva alla sensazione calda e sicura che provava tra le...

865 I più visti

Likes 0

La prima volta che condivido mia moglie

Beh, davvero non so come iniziare questa storia, quindi entriamoci subito dentro. Questa è una vera storia vera che è accaduta e ora la condivido con tutti voi ragazzi. Dopo aver finito di leggere questa storia e sei interessato a foto o video, inviami un'e-mail a [email protected]. Quindi la mia storia è iniziata circa 2 anni dopo essermi sposata. Ma prima di entrare nei dettagli pesanti, lascia che ti spieghi di noi. Mi chiamo Ethan e sono un maschio ispanico di 25 anni e mia moglie Angelina è una femmina ispanica di 22 anni. Siamo usciti insieme dai tempi del liceo...

807 I più visti

Likes 0

La mia giornata con James

James e io ci siamo incontrati tramite un annuncio craigslist che avevo pubblicato alcune settimane prima, ma non ci siamo mai incontrati. Abbiamo inviato un'e-mail di risposta e di quarto per circa una settimana prima che decidessi finalmente che ero pronto per incontrarci. Il mio cuore batteva forte e le mie mani tremavano mentre ho digitato il messaggio che avrebbe cambiato tutto. Ehi, penso di essere pronto per farlo. James ha risposto in pochi minuti, Perfetto ho domani libero. Prenderò una stanza d'albergo e ti verrò a prendere domattina, in questo modo possiamo passare l'intera giornata insieme. Il mio cuore ha...

1.9K I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

441 I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

1.1K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2.1K I più visti

Likes 0

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice

La mia vita amorosa Capitolo 3 Janice Capitolo 3 Janice: Poche settimane dopo che io e Carrie ci siamo separati, Carrie e i suoi amici, Tim e io, stavamo girovagando per la scuola e Carrie mi ha presentato Janice. Janice era minuta, capelli castano chiaro lunghi fino alle spalle, quasi biondo sabbia. Aveva una figura che faceva girare la testa quando entrava in una stanza. Era sotto i 100 libbre, con molte curve. Un set di tette 34C. Questa ragazza è stata fantastica. Aveva anche un grande senso dell'umorismo. Janice stava cominciando a frequentare l'appartamento di Carrie. Carrie mi ha invitato...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.