L'allevamento della signora Gray pt 3

202Report
L'allevamento della signora Gray pt 3

Questa volta la storia non è così prolissa e la sto preparando per una festa di allevamento, quindi se ti piace la storia, faccelo sapere e abbi pazienza mentre entro nel vivo della storia.

Ho preparato tutto per stasera; Ho preso della bistecca e dei gamberetti e li cucinerò. Poi ho preso della panna montata per dopo. Avevo tutto pronto entro le 5:50; dovrebbe venire presto. Il mio uccello difficilmente riusciva a contenersi nei pantaloni. Avevo già pronto un film di merda nel lettore dvd quando ho sentito bussare alla porta. Il mio uccello ora pulsava contro i miei pantaloni. Ho aperto la porta e ho visto quello che doveva essere stato lo spettacolo più bello che avessi mai visto. La signora Gray indossava un vestito attillato viola scuro che le arrivava fino a metà coscia, aveva calze nere alte fino alla coscia o collant. Décolleté bianche da 4 pollici e, a quanto ho potuto vedere, un fantastico reggiseno push up. I suoi capelli scuri erano arricciati e raccolti in modo che fossero raccolti ma in gran parte sciolti. Potevo solo immaginarmi mentre le tiravo i capelli e la scopavo da dietro mentre lei gemeva di piacere. Inoltre non riuscivo a smettere di pensare a cos'altro indossava sotto quel vestito sexy. "È di tuo gradimento, Brandon?" Chiese con un sopracciglio alzato. "Sì, davvero molto sexy." Le ho risposto trascinandola dentro.

Avvolsi la mano dietro la sua schiena e potevo sentire il corsetto sotto. Thump thum, il mio cazzo mi pulsava nei pantaloni. L'ho avvicinata a me e le ho dato un lungo bacio umido. Lei gemette di piacere e in cambio mi afferrò l'inguine. "Va bene, sei pronto per la cena?" Le ho chiesto. "Che ne dici di tenere la cena per dopo e di scoparmi adesso?" Lei rispose. “No, ti scoperò quando sarò bravo e pronto. Capisci Heather?" Gliel'ho detto con forza. "Sì, signore... intendo Brandon." Lo disse con un sorriso. Andammo in sala da pranzo e mangiammo, ma non prima che le avessi detto di togliersi il vestito. "Voglio vedere quel tuo fantastico corpo mentre mangio." Le ho detto. "Sì, Brandon." Lei rispose. Si tolse la cinghia dalla spalla e poi l'altra. Il vestito cadde a terra e lei ne uscì. "Ti piace quello che vedi Brandon?" Lei chiese. "Sì, lo voglio, Heather." Ho continuato "Eravamo anche a quel punto in cui ora puoi chiamarmi signore finché non abbiamo finito di scopare. Capisci Heather?" "Sì, signore, lo voglio." Lei rispose.


Indossava un paio di slip neri trasparenti, attraverso i quali potevo vedere la chiazza scura di capelli, con calze nere alte fino alla coscia, un reggicalze per tenerli su e un corsetto che le spingeva le tette verso l'alto. Thump thump mi ha colpito di nuovo il cazzo contro i pantaloni. Volevo resistere ancora un po', così stasera sarebbe stato meglio per entrambi. Si è seduta di fronte a me e abbiamo iniziato a mangiare. Mi sono tolto la scarpa destra e l'ho fatta scorrere sull'interno delle sue cosce. Ha allargato leggermente le gambe e le mie dita dei piedi hanno trovato il suo inguine e hanno iniziato a massaggiarlo. "Mmmm" disse mentre si infilava un pezzo di bistecca in bocca. "Oh, ti piace eh?" Ho continuato. "Sì, ci ho pensato tutto il giorno." "Anche oggi ho sognato la tua carne tutto il giorno." Disse con un altro gemito, mordendosi il labbro inferiore. Volevo farla aspettare ancora un po' quindi ho ignorato il bisogno di scoparla lì. Thump thump il mio cazzo pulsava in segno di protesta. “Togliti le tette. Voglio vederli mentre mangio. Le ho comandato. "Si signore." Lei ha obbedito. I suoi bei seni rotondi furono liberati. Mentre mangiava e più mi strofinavo il piede, più le sue bellissime tette rimbalzavano.


Dopo cena le dissi di andare nella sala cinema e di mettersi comoda. Sono andato a prendere del vino e le altre cose che ho preso per stasera. Ho portato due bicchieri, una bottiglia di vino bianco e una bottiglia di vino rosso. "Quale preferisci?" Ho chiesto. “Il rosso andrebbe bene, signore. Grazie." Lei rispose. Ho versato due bicchieri e gliene ho passato uno. Abbiamo guardato circa 10 minuti del vecchio film di merda che ho scelto quando non ne potevo più. Ha appoggiato il bicchiere sul tavolino e appena si è appoggiata allo schienale le ho messo la mano dietro il collo e l'ho avvicinata per un bacio. Lei gemette mentre mi succhiava la lingua. "Mettiti in ginocchio e succhiami il cazzo, Heather!" Le ho detto. "Si signore." Rispose lei alzandosi dal divano e mettendosi in ginocchio. "No, sì, signore, fallo e basta, stronza." Le ho ringhiato. Lei non ha risposto ma mi ha aperto la cerniera dei pantaloni e mi ha tirato fuori il cazzo. Ha iniziato a baciarlo su e giù e a leccarlo come un lecca-lecca. Poi mi ha abbassato i pantaloni oltre il culo, mi ha afferrato le palle e ha iniziato a leccarle e succhiarle. Ero quasi arrivato lì, ma ho resistito. All'inizio ha iniziato a succhiarmi il cazzo in modo dolce e lento. Mi sono comportato come se questo mi facesse incazzare un po' e le ho afferrato la nuca e l'ho forzata ad abbassare con forza la testa sul mio cazzo. "Più veloce!" le ho urlato. Ha avuto un conato di vomito e poi ha iniziato a dondolarsi su e giù più velocemente. "Oh merda! È una bella cosa, tesoro." Le ho detto che mi sono appoggiato allo schienale e lei ha succhiato. Lei mi ha tolto il cazzo dalla bocca, ci ha sputato sopra e ha iniziato a masturbarmi forte. "La mia mascella si sta stancando, signore, può scoparmi adesso?" lei chiese. Le ho dato uno schiaffo leggero e questa sembrava essere la risposta appropriata che voleva perché ha sorriso. “No, ti scoperò quando sarò bravo e pronto. Te l'ho già detto." Le ho detto. "Si signore." Lei rispose tornando a succhiarmi il cazzo fino quasi ad avere i conati di vomito.

Proprio quando pensavo che stavo per venire le ho detto di fermarsi e alzarsi. "Girati davanti a me e togliti le mutandine mentre ti pieghi." Ho comandato. Ha fatto quello che le è stato detto. Mentre abbassava le mutandine ho potuto vedere le labbra della sua figa. Il mio cazzo mi faceva così male che cominciò a uscire pre-sborra. "Ti piace quello che vedi, signore?" lei chiese. "Non preoccuparti, saprai quando non mi piace qualcosa." Le ho detto schiaffeggiandole le chiappe e allargandole il culo in modo da poter avere una buona visione della sua figa. Ha iniziato a stare dritta quando l'ho spinta di nuovo verso il basso, quindi era di nuovo piegata. Poi ho fatto scorrere la lingua lungo la sua collinetta pelosa e su fino al buco del culo, aprendo le labbra della sua figa mentre lo facevo. "Oh mio!" gemette e il suo corpo tremò leggermente. Non le ho detto niente, ho continuato a leccarle la figa. Le sue ginocchia quasi cedettero un paio di volte dal piacere, ma mi assicurai di tenerla piegata in avanti. Quando ho finito di leccarle la figa, lei tremava tutta. L'ho stesa sul divano. Respirava pesantemente e aveva il braccio sugli occhi. "Dio mio! È stato così bello. Dove ha imparato uno della tua età a leccare la fica in quel modo?" chiese "Non ti preoccupare di dove l'ho imparato e di cosa è successo al signore?" le ho chiesto afferrandole le gambe e allargandole per me.

"Mi dispiace signore, per favore perdonami." Lei rispose. "Questa volta lascerò perdere, ma dovrai farmi perdonare in qualche modo." Gliel'ho detto mentre preparavo il mio cazzo per entrare nella sua figa matura e pelosa. “Dimmi quanto lo vuoi, troia. Dimmi cosa vuoi che ti faccia." ringhiai. “Ti voglio così tanto, signore. Per favore, fanculo a me! Voglio il tuo cazzo, ho bisogno del tuo cazzo! Mmmmm!” gemette afferrandosi le tette. "Ti ho chiesto cosa vuoi che ti faccia!" urlai afferrandole la nuca in modo che i nostri occhi si incontrassero. “Voglio che tu mi allevi, signore. Rendimi il tuo schiavo riproduttore. Per favore, signore, voglio che mi metta incinta. Dammi il tuo sperma e mettimi incinta. Ha urlato mentre le lasciavo andare la testa e questa ricadde sul morbido cuscino del divano. Le ho allargato di nuovo le gambe e lei ha guidato il mio cazzo duro come la roccia verso la sua figa bagnata.

Non appena ho sentito la punta toccare le sue labbra ho spinto forte dentro di lei. "Ohhhh cazzo!" urlò di nuovo. Mentre la scopavo con forza lei gemeva di piacere e potevo sentire i nostri corpi che sbattevano l'uno contro l'altro a causa di tutto il succo che le usciva dalla figa bagnata. “Signore, sto per venire! Per favore, dammi il permesso di venire, signore! ansimò. “Va bene, ma solo se dopo riesco a ficcarti il ​​culo!” Gliel'ho spiegato mentre le afferravo il viso e spingevo le sue labbra in uno sguardo increspato. "Sì, signore!" ha detto e io ho lasciato andare il suo viso e ho continuato a scoparla forte. “Sali sopra di me. Cavalcami, troia!" Le ho detto. Si è messa sopra di me e io l'ho afferrata per il culo e l'ho forzata sul mio cazzo. "Ohhmmm" disse mordendosi di nuovo il labbro e questa volta vidi le lacrime riempirle gli occhi. Mi ha guardato. "Questo è esattamente ciò di cui avevo bisogno, signore." Iniziò a piangere di piacere. “Puoi davvero avermi ogni volta che vuoi. Adoro il tuo cazzo, signore. Disse piagnucolando di nuovo. Ho iniziato a spingerla più velocemente sul mio cazzo. “Sei pronto per farmi venire? Eh troia! Sei pronto per essere allevato da me?" Le ho chiesto. "Si signore. Per favore, allevami. Voglio il tuo bambino. Voglio essere la tua troia riproduttiva. Qualunque cosa tu voglia che io faccia, la farò." Disse adesso singhiozzando. "Bene; questo è quello che volevo sentire, troia. Ho detto spingendola forte ancora una volta sul mio cazzo duro e sono esploso nella sua figa bagnata. Passarono alcuni secondi prima che finissi di sparare tutto il mio carico nella sua figa. "Stai sopra di me, stronza, non voglio che i succhi finiscano sul mio divano, capito!" ringhiai. "Sì, signore!" singhiozzò cercando di riprendere fiato.

Siamo rimasti così forse per altri 5 minuti. Le ho afferrato la testa con entrambe le mani, l'ho tirata dentro e l'ho baciata a lungo, profondamente e con forza. Gememmo entrambi di piacere e io smisi di baciarla e guardai i suoi occhi sporchi di mascara. "Erica! Penso che mi sto innamorando di te." Le ho detto. “Mi sto innamorando di te e di Brandon, ma non possiamo stare insieme per sempre. Voglio dire, sono ancora sposato e non voglio che tu debba assumerti la responsabilità di prenderti cura di un bambino se mi metti incinta. Lei disse. "Oh lo so. Non sto dicendo che voglio sposarti in qualche modo. Adoro te e tutto ciò che ti riguarda. Non si tratta solo di fare sesso con me; ora si tratta di passione e amore. Le ho spiegato. Ancora aggrappata alla sua testa. “Ohh Brandon. Anch'io ti amo." Mi ha baciato a lungo e con forza.

Alla fine l'ho lasciata scendere da me. "Ho una sorpresa per te." Me lo ha detto la signora Gray. “Mio marito non tornerà a casa stasera. È tornato a casa per mezz'ora. Deve volare a Washington per una riunione d'emergenza. Ha detto che tornerà tra due giorni. Disse tirandosi su le mutandine. "E allora? Vuoi passare la notte con me?" Ho chiesto. "Se me lo permettesse, signore, mi farebbe molto piacere." Mi rispose sbattendo gli occhi. "Aw, la mia piccola troia passerà la notte." dissi afferrandola e avvicinandola. "Sarà una serata fantastica per entrambi." Le ho detto. «Speravo che lo dicessi.» Ci siamo seduti sul divano a guardare quello che restava del vecchio film di merda. "Quanti anni hai?" Le ho chiesto. "Hai detto che eri abbastanza grande per essere la mia sorella maggiore, ma non so cosa significhi." Ho finito. “Ho 41 anni, ho un seno di taglia 42C e pantaloni di taglia 8 per la maggior parte del tempo. Ho i capelli scuri per natura, ma devo colorare perché sto ingrigindo e le mie tette sono vere. C'è qualcos'altro che vuoi sapere?" lei chiese. "Non in questo momento." L'ho detto con un sorriso. Le ho messo un braccio attorno e l'ho attirata vicino a me. “Non stavo scherzando sul tuo culo. Stasera me lo scoperò, Heather." le sussurrai all'orecchio. “Non pensavo che stessi scherzando con Brandon. Finché sputi la tua sborra nella mia figa, puoi scoparmi sempre e ovunque. Mi ha detto e mi ha baciato la punta del naso. "Quindi vuoi farti una doccia e andare di sopra a letto?" Ho chiesto. "Certo che sei già pronto per partire." Lei chiese. “Lo sarò quando mi succhierai di nuovo il cazzo. Ora porta di sopra quel tuo bel culo rotondo, mettiti nella doccia e aspettami lì." Le ho detto in quale stanza entrare e lei è andata su. Le ho stretto il culo mentre saliva le scale e questo l'ha fatta sbrigare un po'.

Sono andato a prendere la borsa marrone piena di alcune cose che avevo comprato per stasera e per un uso futuro. Corsi di sopra e sentii la doccia della camera da letto principale e lo scrosciare dell'acqua. "Ehi Heather, sei pronta per me?" chiesi aprendo la porta e vidi la sua sagoma sul muro e poi vidi il suo profilo nudo attraverso il vetro smerigliato della porta della doccia. "Sì signore, sono pronto per il tuo cazzo nel culo e la tua sborra nella mia figa." Lei disse. "Bene. Ho alcuni extra che voglio usare." Le ho detto. Mi sono tolto tutti i vestiti e ho aperto la porta della doccia. Era un'enorme doccia ristrutturata; da quando mio padre ha subito un intervento chirurgico al ginocchio qualche anno fa, l'hanno ampliato e hanno messo un sedile abbassabile. L'intera area era di 10 piedi per 8 piedi, intitolata con sporgenze di marmo. Sapevo che avremmo avuto molto spazio per fare quello che volevo lì. Lì c'era l'acqua che le scendeva a cascata lungo la schiena e dal suo bel sedere paffuto. La sua pelle bianco latte scintillante d'acqua, i suoi capelli neri e ricci ora lisci scendevano fino tra le scapole. Non aveva nemmeno bisogno di succhiarmi il cazzo, stava già diventando duro. Ciò ovviamente non mi ha impedito di farglielo fare. "Okay Heather, succhiami il cazzo!" Le ho detto. Lei girò la testa e sorrise. "Si signore!" rispose lei staccando il sedile dal muro. Si è seduta e io ho abbassato la sua testa sul mio cazzo. Lo succhiò avidamente, dondolando la testa bagnata su e giù. "Oh tesoro, è così bello." le ho detto spingendo un po' più forte la testa sul mio cazzo; facendola imbavagliare di nuovo.

Dopo che ne ho avuto abbastanza di lei che mi succhiava il cazzo, le ho detto di alzarsi, piegarsi e mettere le mani sul sedile. Ha fatto quello che le era stato detto e mentre si chinava ho fatto scorrere un dito dentro e fuori dalla sua figa fino al buco del culo. Ho spinto il mio dito indice nel suo stretto buco del culo e questo l'ha fatta rabbrividire. "Ti piace, vero troia." Le ho chiesto. “Sì signore, adoro il tuo dito nel mio buco del culo. Non vedo l’ora di avere il tuo cazzo nel culo.” Disse spingendomi la mano un po' più forte. "Quante dita dovrei mettere nel tuo buco del culo per prepararlo al mio cazzo duro?" Le ho chiesto. "Tre; ficcane 3 dentro, signore, così il mio piccolo buco del culo stretto dovrebbe essere pronto per il tuo cazzo giovane, grosso e duro. Lei gemette. Ho preso l'indice, il medio e l'anulare e ho iniziato a spingerli tutti insieme nel suo buco del culo in attesa. “Oh cazzo! Fanculo! Fanculo!" Disse dando una pacca sul sedile con una mano e poi battendo la mano sul muro con l'altra. Adesso si spingeva ancora di più e il mio cazzo era duro come la roccia. Ho tirato fuori le mie tre dita dal suo buco del culo e il suo corpo ha smesso di tremare un po', ma non del tutto. "Okay troia, sei pronta per un giovane cazzo duro nel culo?" Le ho chiesto. "Si signore. Per favore, dammi quel cazzo duro nel culo. Gemette mordendosi di nuovo il labbro inferiore.


Mi sono alzato e le ho allargato le chiappe con una mano e con l'altra ho guidato il mio cazzo nel suo buco del culo. Ha opposto un po' di resistenza al mio cazzo duro, ma una volta entrato in lei si è ribellata selvaggiamente per il piacere e il dolore che le ha causato. “Oww! Oh mio Dio, mi fa sentire bene. Disse a denti stretti. "Sapevo che ti sarebbe piaciuto, mia piccola troia." Le ho detto infilandole forte il cazzo nel buco del culo. "Fanculo!" Urlava ogni volta che le spingevo di nuovo il cazzo nel culo. Per i prossimi istanti tutto ciò che hai sentito sono stati i nostri corpi bagnati che si schiaffeggiavano e lei che urlava "Cazzo!" "Fanculo!" "Fanculo!" dopo ogni schiaffo. Le ho allargato le natiche in modo da poter vedere il suo buco del culo allargarsi a causa del mio cazzo duro. Ero molto vicino a tornare di nuovo. “Sto per venire. Siediti sul mio cazzo, troia." Le ho detto. Abbiamo cambiato posizione mentre mi sedevo e lei si sedeva con entusiasmo sul mio cazzo duro in stile cowgirl al contrario. Ho spinto altre due o tre volte e ho soffiato un altro enorme carico in quella che potevo solo sperare fosse una figa fertile. "Oh cazzo!" Ha urlato massaggiandosi il clitoride per raggiungere l'orgasmo un po' dopo che ho sparato.

“È stato fottutamente fantastico, Heather. Non vedo l'ora di scoparti tutta la notte. Passerai sicuramente la notte, perché non dormirai molto qui." Le ho detto. "Posso solo sperare, signore." Disse ansimando cercando di riprendere fiato. L'ho spinta via da me e mi sono lavato un po' mentre lei si riprendeva dai suoi orgasmi multipli. «Lavati un po' e raggiungimi nella mia stanza. È l’ultima porta a destra in fondo al corridoio. Fatto?" Le ho chiesto. "Si signore." Disse ancora tremando un po'. L'ho aiutata ad alzarsi, sono uscito dalla doccia e mi sono avvolto in un asciugamano; prese la borsa con dentro alcuni giocattoli e la portò in camera da letto. "Sarà davvero una serata fantastica." Mi sono detto e poi ho riso del gioco di parole. Mi chiedevo fino a che punto avrei potuto spingermi oltre. Immagino che solo il tempo lo dirà.

Storie simili

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.7K I più visti

Likes 0

Charles aiuta sua madre a provare di nuovo piacere Capitolo 7

Parole dell'Autore: Ciao a tutti grazie per aver letto la mia storia fino ad ora, è venuto alla mia attenzione da un lettore molto onesto che la mia storia è diventata molto noiosa, mi dispiace se la pensate così, sull'altro mio forum non ho mai avuto nessuno che lo dicesse me questo quindi non l'ho mai considerato. Inoltre, alcuni di voi potrebbero notare errori di grammatica e ortografia, altri sono semplicemente per errore, non sono uno scrittore professionista e la scrittura non è nella mia descrizione del lavoro, quindi non vedrai molto in termini di tecnologia di battitura avanzata con me...

529 I più visti

Likes 0

Sesso telefonico con Patricia

Mentre di recente guidavo verso la mia prossima destinazione per un viaggio di lavoro, ho pensato alla calda lettera che la mia bellissima moglie aveva inviato alla mia ultima posizione. Mia moglie Patricia è una splendida mora con bellissimi seni 35D, un culo caldo e cosce da abbinare! La lettera diceva: Mio carissimo amante, Sto pensando così tanto a te in questo momento... Mi fanno male i lombi. Ho appena fatto qualcosa di cattivo e sexy... spero ti piaccia! Mi sono rasato TUTTI i peli dalla figa. Oh, piccola! Poi sono andato sotto la doccia e mi sono insaponato. Faceva caldo!!...

411 I più visti

Likes 0

Nuovi inizi - Parte 4 Cap 03

Accidenti! Niente sesso in questo! Solo un mucchio di gente che parla! capitolo 3 «Qualcuno è passato attraverso il wormhole nella Grotta di Lisa?» chiese Alicia, con gli occhi spalancati per la sorpresa. Chi era? Qualcuno che conosciamo? «No», rispose Jake. “Una ragazza canadese incinta e il suo ragazzo. La ragazza ha affermato di aver incontrato Beth una volta, evidentemente. E Beth l'ha iniziata.» «Beth è stato tanto tempo fa, Jake», disse Frank. «Vuoi dire che è una longeva? Come noi? Sì! Sia lei che il suo ragazzo», rispose Jake. Com'è il suo ragazzo? chiese Tanya, sorridendo maliziosamente. «Dev'essere piuttosto virile...

307 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

307 I più visti

Likes 0

Primo timer_(0)

**questa è una fantasia. Sì. una fantasia. Uh Huh.** sono andato al Walmart e stavo dando un'occhiata ai nuovi DVD e ai giochi. mentre ero lì un bambino si avvicinò e iniziò a giocare. aveva circa 11 o 12 anni. Non sono sempre attratto dai ragazzi molto più giovani di me, ma questo ragazzo era dannatamente sexy. sembrava un ragazzino skater con i suoi pantaloncini larghi. era un po' più basso di me, biondo con gli occhi castani. mentre lo guardavo continuava ad aggiustarsi l'inguine. stavo diventando duro. Volevo avvicinarmi a lui, ma avevo paura perché era così giovane. guardò oltre...

160 I più visti

Likes 0

Qualcosa in più Parte 2_(1)

Questo è il secondo capitolo di una serie. Assicurati di leggere prima la prima parte! Dopo il disastro con Matt ero indeciso su chi uscire dopo. Volevo ancora un vero uomo dentro di me nonostante quanto fosse brava Tina con il vibratore. D'altra parte, avevo superato la fase passiva e volevo inculare qualcuno. Non mi importava a chi appartenesse... La settimana è volata e ho pensato che sabato sera sarei andato all'Eric's, uno dei miei club preferiti, e avrei incontrato chiunque potessi. A questo punto semplicemente non mi importava. Ero arrapato, i miei ormoni erano in tempesta e non vedevo l'ora...

140 I più visti

Likes 0

La nostra vacanza liberatoria - parte 1

Alice e io andavamo in vacanza insieme per diversi anni, due volte all'anno andavamo da qualche parte in Europa per una settimana a prendere il sole poiché nessuno dei nostri partner amava il caldo. Entrambi avevamo un lavoro frenetico e apprezzavamo il relax che una vacanza tra ragazze poteva offrire. Ero una bruna alta, buone ossa, un grande seno, immagino che mi chiameresti amazzonica nella struttura corporea. Alice era minuta, molto bionda, con un bel paio di tette ma molto bella e delicata. Ridevamo sempre insieme, rilassati nella nostra pelle e a nostro agio nello stare insieme, spesso dormivamo nella stessa...

137 I più visti

Likes 0

Casa stregata: parte III

Kelly era andata a trovare sua madre per la settimana, lasciandomi a preparare la casa per i nostri primi ospiti paganti. Per fortuna, la locanda sarebbe stata piena questo fine settimana. Una prenotazione last minute di tutte e cinque le camere da letto al secondo piano garantita da una riunione di famiglia. Mercoledì sera ero riuscito a pulire a fondo la casa, ricordando qualcosa che Kelly e io avevamo lasciato in soffitta. Entrando nella stanza verso il tramonto, ho sentito quel formicolio fin troppo familiare nei miei lombi. Guardando in basso, ho visto il mio pene sollevarsi e irrigidirsi nei boxer...

134 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.