Desideri immortali

264Report
Desideri immortali

Ian trascorreva la maledetta luce del giorno nel sonno e nei sogni... aspettando di poter rivedere Shay. Si alzò dalla sua cripta buia e si intrufolò nella parte principale della casa con una furtività e una quiete innaturali. Spaventò il suo fedele tutore nel corridoio mentre dava ordini alle governanti del piano di sopra. Ian sorrise maliziosamente mostrando i suoi lunghi denti bianchi… i servi fuggirono il più velocemente possibile senza offendere il padrone di casa. Poi rivolse i suoi penetranti occhi verdi su Kyle... provando una certa soddisfazione per il fatto di aver completamente innervosito Kyle... notando lo spalancamento degli occhi, il battito del suo cuore, il luccichio del sudore sulla sua fronte e l'odore inebriante della paura. . Ian respirò profondamente, ridacchiò e disse: "Ti ho spaventato, Kyle?", e si spostò nello studio lontano dal corridoio mentre Kyle lo seguiva. Kyle si asciugò il sudore dalla fronte e sorrise debolmente al suo padrone: “Niente affatto, signore. Sono stato semplicemente sorpreso di vederti alzato così presto", indicò verso le finestre dicendo, "il sole non è ancora del tutto tramontato". Ian guardò verso le finestre dove la luce del giorno che stava morendo filtrava opaca da una fessura tra le pesanti tende. Ian sibilò piano….imprecando e godendosi questo raro scorcio di luce….ricordando quando viveva la sua vita alla luce del sole e al calore. Si voltò disgustato e si avvicinò al lussuoso divano, con voce aspra: "Chiudi le tende e portami da bere, Kyle." Mentre Kyle lo serviva, Ian chiese casualmente: "Quanto manca al suo arrivo?" Kyle guardò l'orologio a pendolo nell'angolo della stanza: "La signorina Shaylia dovrebbe essere qui tra circa un'ora e mezza", disse. Ian sorseggiò lentamente il vino rosso...potrebbe anche essere una vita intera, pensò Ian tra sé. "Signore, posso chiederle una cosa?" chiese Kyle nervosamente. Ian alzò lo sguardo e inarcò il sopracciglio... hmm, quanto è stato interessante pensare Ian... non aveva mai fatto domande prima.
Incuriosito, Ian lo incoraggiò a continuare. "Signore, perché lei?" balbettò, "voglio dire... è solo... non ti ho mai visto così... sembri così... non lo so... innamorato." Ian sospirò e diede una pacca sul divano accanto a lui, indicando che Kyle avrebbe dovuto sedersi: “Kyle, sei stato il mio tutore da molto tempo. Sai cosa sono, ma una volta ero comunque umano", Ian distolse lo sguardo verso la luce del giorno calante, "Ricordo ancora la luce, il calore,... l'amore." Poi, rivolgendo di nuovo i suoi penetranti occhi verdi a Kyle, disse: "Shay era il mio amore quando ero umano e in ogni vita la ritrovo." Ian si prese un momento per sorseggiare il suo vino e Kyle colse l'occasione per insistere: "Signore, se la ami così tanto, perché non renderla come te?" Ian mantenne il suo aspetto freddo esteriore, ma dentro ribolliva di rabbia... si spinge troppo oltre, pensò Ian. “Quella Kyle è una seconda domanda”, affermò Ian, “e ti costerà, ma risponderò comunque”. Ian fece roteare il vino nel suo bicchiere, "La amo troppo per farle quello che mi è stato fatto", sospirò, "Non potrei sopportarlo se mi odiasse per questo." Ian guardò Kyle: "Capisci?" Kyle, incapace di sopportare l'intenso sguardo diretto, abbassò gli occhi e annuì in segno di comprensione. Stava per alzarsi dal divano quando Ian gli posò una mano pesante sulla spalla. “Non ancora, Kyle”, disse, “mi sento un po’ affamato”. Gli occhi verdi di Ian scintillano pericolosamente: "Rimboccati la manica Kyle". comandò. Kyle sudava di nuovo, con il cuore che gli martellava nel petto mentre sbottonava il polsino e arrotolava la manica oltre il gomito, tendendola verso il suo padrone. Ian prese l'avambraccio nudo offertogli dal suo tutore di lunga data, stringendolo saldamente con entrambe le mani... poteva praticamente vedere il sangue che scorreva nelle vene. Ian scoprì i denti e li affondò profondamente nella carne...Kyle emise un sibilo di dolore quando la sua pelle fu trafitta da quelle zanne affilate. Il primo impulso di sangue caldo è sempre il più dolce e Ian lo assaporava, poi trangugiava ogni boccone placando velocemente la sua sete. Kyle osservò la stanza oscurarsi davanti ai suoi occhi, sentendo la sua vita scivolare via ad ogni battito del suo cuore mentre Ian beveva, poi l'oscurità lo reclamò e non seppe nient'altro.
Kyle si svegliò sdraiato sul divano nello studio, con un fuoco ardente nel caminetto e il crepuscolo fuori dalle tende aperte. Ian era in piedi accanto a una delle finestre... guardando fuori nella notte che si oscurava, sorseggiando il suo drink. Kyle gemette e si sedette sul divano, massaggiandosi il viso con entrambe le mani... poi ispezionando il morso fresco... era pulito, l'emorragia si era fermata e il rossore stava già svanendo. Ian ha portato a Kyle un forte bicchierino di whisky. “Grazie signore”, mormorò Kyle, sentendosi ancora un po' intontito. Ian lo guardò mentre beveva il bicchierino in un sorso e poi gli prendeva il bicchiere. "Signore, quanto tempo sono rimasto fuori?" chiese Kyle. Ian sorrise: "Solo circa un'ora". Kyle gemette e si alzò, abbassando la manica e abbottonando il polsino, lisciando il suo aspetto prima dell'arrivo di Shay. Proprio mentre si stava pettinando i capelli arruffati, suonò la porta d'ingresso. Ian sorrise di nuovo: "Puntuale come al solito", e fece una risata sommessa. Kyle aprì la porta, spalancandola e tendendo il braccio dietro di sé per darle il benvenuto in casa. "Buonasera signorina Shaylia, per favore entri, Ian la sta aspettando", le disse, ma dentro di sé immaginava che fosse lui quello che sarebbe venuta a trovare. Shay sorrise calorosamente, illuminandole tutto il viso e oltrepassò la soglia, mettendo una mano sul braccio di Kyle e baciandolo leggermente sulla guancia. "Oh Kyle, per favore... ci conosciamo da abbastanza tempo per abbandonare le formalità", disse con il suo tono leggero, quasi musicale, "chiamami semplicemente Shay." Kyle sorrise debolmente, ci volle tutto il suo autocontrollo per impedirsi di prenderla tra le braccia, invece disse: "Ian sta aspettando nello studio Miss Shay." Kyle iniziò a condurla nello studio, ma lei lo fermò e lui si trovò di fronte i suoi caldi occhi marrone scuro pieni di preoccupazione…..per lui? "Kyle, non hai un bell'aspetto", disse, mettendogli una mano sulla fronte, "Sei così pallido". Kyle sorrise, le prese la mano e la accarezzò delicatamente: "Sto bene... solo un po' stanco". La condusse nello studio prima che Ian si chiedesse perché ci stava mettendo così tanto tempo.
Shay entrò nello studio e si diresse direttamente verso Ian. Ian la incontrò a metà strada, le prese entrambe le mani e le baciò dolcemente. La guardò dall'alto in basso, bevendo la sua bellezza esotica. Indossava un abito color lavanda senza spalline lungo fino al pavimento, con una scollatura sulla schiena che quasi rivelava la parte superiore del suo culo ben fatto. I suoi lunghi capelli neri e setosi erano raccolti in una crocchia sciolta sulla parte posteriore del collo e accentati con un pettine d'argento e diamanti. "Sono senza parole Shay... sei assolutamente incredibile," disse e la baciò dolcemente sulla guancia, inalando il suo dolce profumo. Shay arrossì e le sue bellissime labbra carnose si allungarono in un sorriso meraviglioso... Ian la faceva sempre sentire come se fosse la donna più bella del mondo! Ian era vestito profumatamente con una camicia grigio argentato con i bottoni abbassati e aveva due dei bottoni superiori slacciati e indossava pantaloni e scarpe neri. Aveva i capelli castano chiaro, che portava corti e leggermente disordinati. Lei ridacchiò e disse: “Beh... Kyle ha suggerito questo vestito. Ha detto che ti sarebbe piaciuto”, lanciando una rapida occhiata a Kyle in piedi vicino alla porta. Ian guardò verso Kyle... senza sapere più chi fosse. Dovrò tenerlo d'occhio, pensò Ian. "Ben fatto Kyle", ha detto Ian, "è meravigliosa." Ian guidò Shay fuori dalla porta e mentre superavano Kyle, Ian gli lanciò uno sguardo molto cupo. Ian e Shay uscirono di casa per salire sulla BMW nera. Trascorsero la serata cenando, ballando, camminando al chiaro di luna e la cosa preferita di Ian... baciarsi. Quando tornarono a casa era molto tardi e tutti erano già andati a letto da tempo.
Ian riportò Shay nello studio. Si sedette sul divano e si tolse le scarpe, massaggiandosi i piedi mentre lui gli versava un bicchiere di vino. Le portò un bicchiere e si sistemò sul divano accanto a lei. Si rannicchiò vicino a lui, appoggiando la testa sul suo petto, sorseggiando il vino e Ian le accarezzò dolcemente il lato del collo. "Che bella serata, Ian," sospirò Shay felice. Ian poteva sentire il battito del suo cuore mentre le accarezzava il lato del collo. Posò il bicchiere e le prese il mento in mano, inclinandole il viso verso di lei e mormorò dolcemente: "La serata non è ancora finita, amore mio". Lui premette le sue labbra sulle sue in un bacio dolce e gentile, la sua mano si spostò lungo la sua schiena. La sua risposta fu immediata... premette il corpo contro di lui, circondandogli le spalle con le braccia, la lingua danzava avidamente nella sua bocca e Ian le prendeva delicatamente il seno tra le mani, stringendolo dolcemente. La mano di Shay scivolò lungo il suo petto, sopra la fibbia della cintura e sull'evidente rigonfiamento che cresceva nei suoi pantaloni, afferrandolo con la mano e tirandolo leggermente facendolo gemere ad alta voce. La guardò negli occhi scuri e le scostò una ciocca di capelli dalla guancia. Lui si alzò e le tese la mano... lei la prese e Ian la tirò in piedi, prendendola immediatamente tra le sue braccia. La portò verso la grande camera da letto principale al secondo piano, baciandola appassionatamente mentre andavano.
Nella camera da letto la adagiò sul letto enorme, arrampicandosi su di lei, premendola contro gli strati di vestiti. Shay sussultò quando sentì la pressione urgente del suo cazzo contro la sua figa bagnata. Lui sorrise, realizzando lo sguardo di totale stupore e desiderio nei suoi occhi. Lui le tolse il pettine dai capelli e fece scorrere una mano tra le sue setose trecce nere... accarezzandole la guancia... scendendo lungo il collo snello, circondandole facilmente la gola... spostandosi sul petto e lungo il fianco, strattonandole il vestito fino a quando non riuscì a infilarci la mano... accarezzandole la coscia, spostandosi fino a prenderle il sedere sodo nella sua mano. Shay si contorse sotto di lui, premendo i suoi seni elastici contro il suo petto... agganciando una gamba attorno alla sua coscia... stringendo i fianchi contro i suoi e avvolgendogli le braccia attorno al collo. La baciò così appassionatamente... le sue labbra premute con urgenza, la sua bocca affamata di lei. Lui si girò, trascinandola con sé... così che ora, lei era sopra di lui... con ogni ginocchio su entrambi i lati dei suoi fianchi, lei si sedette dritta su di lui. Lasciò lentamente che le sue mani scorressero lungo le sue braccia lisce, osservando come la luce della luna rendeva la sua pelle così morbida e invitante, ma lasciava il suo viso nell'ombra. Shay scosse i capelli, in modo che se li sentissero sulle spalle... lo osservò mentre si allungava dietro la schiena, liberando il vestito... allontanandone lentamente la parte anteriore dal corpo... rivelando il suo seno nudo... il colore scuro capezzoli induriti nell'aria fresca della camera da letto. Ian sorrise, lasciandole prendere il controllo... godendosi il gioco di luce sul suo corpo, incrociò le mani dietro la testa, osservandola mentre abbassava la parte anteriore del vestito fino ai fianchi. Poi strofinò entrambe le mani dalla cintura verso le sue spalle... afferrandogli il colletto della camicia e sbottonandolo del tutto... tirandolo via dai pantaloni... spingendolo via dal suo corpo mentre si chinava per leccarlo ogni capezzolo... quando erano duri, li tirava con i denti, Ian sussultava quando sentiva i suoi denti. Incapace di trattenersi oltre, l'afferrò e la immobilizzò, strappandole il vestito dal corpo e gettandolo a terra, lasciandola con le mutandine nere. Lui si spoglia velocemente, gettando i suoi vestiti insieme a quelli di lei sul pavimento….il suo grosso cazzo eretto e già trasuda precum dalla testa. Lui le abbassa le mutandine mentre lei piega le gambe lunghe e snelle affinché lui le tolga di dosso. Ian si abbassa su di lei... il suo cazzo pulsa, cercando le sue pieghe calde e vellutate. Shay avvolge le gambe attorno ai suoi fianchi, afferrandogli la parte posteriore dei capelli... spingendo i fianchi verso il suo cazzo impaziente. Lei sussulta quando il suo cazzo trova il suo bersaglio, gemendo mentre lui la penetra trionfalmente in modo completo e profondo... l'umidità della sua figa ricopre il suo cazzo, rendendo ogni spinta fluida e incredibile. All'inizio Ian procede lentamente... dando alla sua fica stretta il tempo di allungarsi e accogliere il suo grosso palo. Aumentando gradualmente le spinte più veloci e più forti... andando così in profondità che lei geme mentre la testa del suo cazzo sbatte contro l'apertura spugnosa della sua cervice... il suo viso si contrae in uno sguardo di assoluta concentrazione, la sua figa trema mentre lui la penetra... lui guarda intensamente, non volendo perdere il momento di totale liberazione per lei. Lui continua la sua scopata implacabile….portandola al punto di non ritorno….lei si aggrappa disperatamente al suo corpo, tremando dalla testa ai piedi, emettendo un grido di piacere, la sua figa si stringe deliziosamente intorno al suo cazzo portandolo in uno spasmo di liberazione che non poteva trattenere….il suo cazzo sparava un flusso dopo l'altro di sperma in profondità nella sua figa mentre lui emetteva un gemito di sollievo, collassando su di lei….respirando affannosamente mentre lei gli accarezza dolcemente la schiena.
Shay scivola in bagno per pulirsi mentre Ian, vestito con i suoi pantaloni, va a prendere qualcosa di fresco da bere. Tornando a letto, Shay si rannicchia accanto a lui... testa sulla sua spalla, vestita solo delle sue mutandine, una gamba sopra la sua... sorseggiando il suo drink mentre lui le accarezza dolcemente i capelli... sapendo che il mattino non è molto più lontano. "Ohhh, Ian... vorrei che questa notte non finisse mai." Ian le baciò la sommità della testa, trovandosi ad un bivio….voleva che lei le raccontasse tutto, ma lei lo avrebbe accettato? "Beh, amore mio... non è necessario", disse, con il cuore che tremava, "Possiamo stare insieme... per sempre, come eravamo destinati a stare." Shay si siede su un gomito per guardarlo: "Ci conosciamo a malapena", ha detto, "e ora stai parlando di matrimonio", ridendo piano. Ian si alza, "Seguimi", ordina mentre cammina verso la fine della stanza verso un grande armadio nell'angolo. Shay si avvolge con la maglietta, infilandole le braccia nelle maniche mentre lo segue fino alla fine della stanza. Si gira verso di lei proprio mentre lei si ferma dietro di lui, con un libro rilegato in pelle rossa tra le mani. Shay ne scorre la ricca copertina con le mani. “Guarda”, disse, “ti spiegherò meglio che posso”. Perplesso, Shay apre il libro... è un album fotografico. Guarda la foto in bianco e nero... gira la pagina, è un'altra foto in bianco e nero, ma il periodo di tempo è diverso... continua a girare pagina dopo pagina... sussulta per lo shock e la sorpresa quando si rende conto che tutte le foto sono una coppia... l'uomo assomiglia incredibilmente a Ian... e la donna le assomiglia proprio. Shay guarda negli occhi Ian: "Cos'è questo?" chiede, leggermente spaventata. “Cosa vedi?” le chiede. Riguarda le foto: "Un uomo e una donna... che ci assomigliano proprio", sussurra. "No... non come noi", ha detto, "loro sono noi". Shay scuote la testa incredula: "Non è possibile... semplicemente non è possibile." "Questo spiega perché ti senti così legato a me", si avvicina a lei, implorandola con lo sguardo. "Ti ho sempre amato... non c'è mai stato nessun altro oltre a te", incapace di trattenere un leggero tremore dalla sua voce. Shay indietreggia lentamente: "Chi sei?" "Dai... sai chi sono", dice, "Questo non cambia nulla." "Cambia tutto", urla, "Dannazione... dimmi chi sei!!" Ian chiude l'album di colpo, "Va bene", ringhia, "vuoi sapere chi sono... te lo dirò." Apre la bocca, emettendo un ruggito... mostrando le sue zanne bianche e luminose alla luce della luna... i suoi occhi verdi che diventano blu elettrico, "Guardami come sono Shay", la sua voce assume un suono animale, gutturale, "Io Sono un vampiro... uno dei non morti... un succhiasangue, ma questo non cambia ciò che provo per te." Shay indietreggia da lui, sbattendo la parte posteriore delle gambe contro il letto e cadendovi sopra, scioccata per poter parlare o emettere qualsiasi tipo di suono. Lui avanza verso di lei... la paura ora prende il sopravvento, Shay urla e si allontana da lui, "Non toccarmi!!" lei urla: "Allontanati da me!!" Cerca di correre verso la porta, ma Ian è più veloce e la afferra, circondandola con le braccia e mettendole una mano sulla bocca. Sussurra all'orecchio: "Per favore... per favore Shay", supplica, "cerca di capire... ti amo". Il suo respiro era caldo e le soffiava contro l'orecchio... sentì il suo petto sollevarsi con un singhiozzo. Shay si rilassò... smise di lottare, non cercò di urlare... così Ian la lasciò andare. Si voltò e cercò nei suoi occhi qualsiasi traccia di quello spaventoso animale che aveva visto pochi istanti prima... ma tutto ciò che vide furono i suoi bellissimi occhi verdi... che la imploravano, implorandola di restare... implorandola di amarlo. "C'è solo un'altra cosa che devo mostrarti", disse, schiarendosi la gola, "se vuoi." Shay annuì, cercando ancora di elaborare tutto quello che era successo finora.
Ian la conduce lungo il corridoio... facendo varie svolte e svolte... addentrandosi più in profondità nella casa. Shay la segue, guardandosi intorno, cercando di ricordare in che direzione sta andando, ma presto si perde nel labirinto della casa. Ian finalmente si fermò davanti a una solida porta di legno scuro. Prima di aprire si voltò verso di lei e disse: "Questa sarà la prima volta che sarai in questa stanza... in questa vita o in qualsiasi altra". La guardò profondamente negli occhi, aggiungendo: “Questo posto è sacro per me... il mio santuario. Kyle non ha mai nemmeno visto questo posto. A un livello profondo e intimo le sue parole la toccarono... non sapeva perché, ma l'istinto le diceva di fidarsi di lui. Lei era senza parole e poteva solo annuire in segno di comprensione. Ian fece un profondo sospiro e aprì la porta, spostandosi di lato per lasciare che Shay lo oltrepassasse. Shay entrò timidamente nella stanza...immediatamente colpito dalla sua immensità. Ian entrò dopo di lei... agitando la mano e immediatamente enormi candelabri presero vita e un fuoco ardente illuminò la stanza. La circondavano solide pareti rivestite di pannelli di quercia, decorate con stendardi medievali in verde, rifiniti in argento con un grifone nero impennato che scalpitava nell'aria davanti ad esso. C'era un enorme camino di pietra in fondo alla stanza e sopra di esso due enormi spadoni erano incrociati con uno scudo. Alle pareti erano appesi vari arazzi insieme ad altre armi... mazze, lance, altre spade di varia lunghezza e spessore. Un vecchio tavolo di legno occupava il centro della stanza, in parte carbonizzato ma per lo più intatto, con panche su entrambi i lati, due calici d'argento e di vetro stavano al centro del tavolo, la luce del fuoco scintillava sull'argento. Shay camminò per la stanza…ammirando tutto. Guardò a lungo l'armatura, lucidata a specchio e accanto ad essa c'era un bellissimo vestito conservato in una teca di vetro. L'abito era su un manichino...un bellissimo abito viola scuro con un corpetto allacciato verde e argento inserito nella rifinitura della gonna e nelle lunghe maniche drappeggiate. Premette la mano contro il vetro... una strana sensazione di familiarità la pervase. Camminò per la stanza...arrivando all'enorme dipinto ad olio. Lo guardò a lungo...studiando il bel cavaliere e la sua bellissima dama al suo fianco...indossando proprio l'abito che era all'interno della teca. Ian la osservò mentre camminava per la stanza e si avvicinò a lei mentre osservava il dipinto. Girò il corpo verso di lui, mettendogli una mano sul braccio, con le lacrime agli occhi, "Questo eri tu... tu prima... prima che diventassi... vampiro", sussurrò. Ian era troppo soffocato per parlare... tutto quello che poteva fare era annuire. "Ed era questa me che amavi... che hai sposato e reso la tua signora?" singhiozzò, le lacrime cominciarono a scorrerle lungo le guance. Ian chiuse gli occhi, le prese la mano e la strinse delicatamente nella sua: "Sì", sussurrò, "questo era il nostro ritratto di matrimonio". Shay appoggiò la fronte contro la sua spalla e singhiozzò... lui la avvolse tra le braccia, accarezzandole i capelli, cercando di calmarla. La condusse fuori dalla stanza, chiudendo la porta e riportandola in camera da letto.
Quando raggiunsero la stanza, Shay si era calmato. Ian era sdraiato sul letto e la teneva stretta a sé. Non dire nulla, darle solo tempo... l'aveva spinta troppo lontano e ora temeva di poterla perdere... ancora una volta. Shay aveva la testa sul suo petto, ma il suo viso era girato dall'altra parte, nascosto a lui. "Dimmi cosa è successo dopo quel dipinto", mormorò... quasi non la sentì. Sospirò: “Bene... la guerra arrivò alla periferia del paese. Sono stato mandato a guidare come era la mia vocazione. Abbiamo combattuto contro gli invasori stranieri. Una notte tardi, mentre stavo tornando all'accampamento con un mio compagno cavaliere, subimmo un'imboscata da parte di quelli che sembravano uomini. Abbiamo subito scoperto che non lo erano. Abbiamo combattuto duramente, ma ci hanno sopraffatto... anche disarmati. Hanno rapidamente prosciugato il mio amico e mi avevano quasi finito, ma ho afferrato quello e ho implorato per la mia vita... perché dovevo tornare a casa da te... non potevo lasciarti tutto solo al mondo", ha spiegato, la sua voce era soffocata dall'emozione. “Ebbene, ha avuto pietà e mi ha offerto un modo per vivere. Ha detto che avrei potuto vivere, ma questo avrebbe avuto un prezzo. Potevo sentirmi morire... non sentivo che ci fosse altro modo. Quindi ho accettato senza capire cosa stesse dicendo”, la rabbia rese aspra la voce di Ian. “Lo sconosciuto gli ha tagliato il polso, facendo uscire sangue scuro. Me lo offrì...incoraggiandomi a bere da lui. Aprii la bocca permettendo al suo sangue di riempirmi la bocca, deglutendo….cercando di non vomitare. Fu allora che sentii un dolore lancinante... mai provato prima. Mi contorcevo a terra, ululando nella notte. Gli estranei svaniscono nell'oscurità, lasciandomi soffrire. Non ho saputo altro fino al mattino….la luce era insopportabile…bruciava. Mi sono affrettato verso la grotta più vicina e ho aspettato fino al calare della notte. Una volta tornato al campo, non passò molto tempo prima che cominciassero a circolare voci sul mio strano comportamento... e ancor meno prima che scappassi dall'accampamento," la voce di Ian era rattristata mentre continuava, "Sconfortato tornai a casa, incerto su come reagiresti... incerto di me stesso. Tuttavia quando sono arrivato lì... non c'era niente. La nostra casa è stata rasa al suolo... campi bruciati non raccolti... animali macellati nelle stalle... servi assassinati", singhiozzava e soffocava mentre continuava, "e... e... ti ho trovato m-assassinato nel nostro letto." Adesso si dissolse in singhiozzi... ricordando l'orrore di tornare a casa. Giacevano lì insieme... abbracciandosi... confortandosi a vicenda. Shay girò la testa verso di lui... lo baciò dolcemente sulla guancia, guardandolo negli occhi, "Fallo Ian... rendimi come te. Voglio stare con te per sempre." Ian chiuse gli occhi: "Non sai cosa chiedi." "So che ti amo... e questo è l'unico modo", disse, "Per favore Ian... per favore, voglio stare con te." Lo baciò di nuovo... con urgenza, appassionatamente... avvolgendolo tra le braccia. Lo attirò verso di sé...e lui rispose immediatamente alle sue ardenti attenzioni. Lo spogliò rapidamente dei pantaloni e si tolse la maglietta che indossava. Lui si girò su di lei... immobilizzandola sul letto, afferrandole le mutandine e strappandole dal corpo. Si sentiva come se la sua pelle fosse in fiamme e l'unico modo per spegnerlo era dentro di lei. Lui grugnì mentre la pugnalava brutalmente, sentendola gridare. La fece tacere nell'unico modo che conosceva... strinse selvaggiamente la bocca sulla sua, infilandole la lingua nella bocca, succhiandole via il respiro. Iniziò a spingere più forte e più profondamente dentro di lei, le mani sui suoi fianchi... afferrandola forte, lei gli agganciò le gambe attorno alla vita... incontrandolo spinta dopo spinta, avvolgendogli le braccia attorno al collo. Girò la testa di lato... esponendogli la gola, ansimando disse: "Fallo Ian... fallo con amore". Si sporse verso di lei... esitando un attimo finché non sentì la spinta incoraggiante delle sue braccia... scoprì i denti e affondò le zanne in profondità nella sua vena proprio mentre si spingeva in avanti, sbattendo l'intera lunghezza del suo cazzo rigido nel profondo di lei. Il suo corpo si agitava sotto di lui mentre lui la beveva... sgroppando e sforzandosi... lottando per rimanere in vita. La tenne stretta mentre lei si indeboliva... quando sentì il suo corpo rilassarsi, le tagliò la mano e gliela tenne alle labbra, "Bevi il mio amore... bevi e vivi per sempre con me", sussurrò. Shay riusciva a malapena ad aprire la bocca, ma succhiò debolmente... aspirando piccole quantità del suo sangue e deglutendo. Ian la incoraggiò a bere di più...muovendosi lentamente dentro e fuori da lei. Tutto il suo essere fremeva di anticipazione mentre aspettava gli effetti del suo sangue di vampiro. All'improvviso accadde...Shay lo afferrò...artigliando e stringendosi; lei urlava, si agitava e si contorceva in un apice tra l'agonia e il piacere. Ian ricominciò a spingersi profondamente dentro di lei... più lei lottava per vivere, più lui si eccitava. Lui grugnì ad ogni sforzo...cercando di colpire il centro più profondo del suo essere...con l'ultimo duro colpo gridò di sollievo mentre sentiva il suo cazzo contrarsi ed esplodere...sparando impulso dopo impulso di sperma denso nel profondo di lei. Shay crollò sul letto... esausta per la trasformazione che il suo corpo stava subendo e per l'incredibile scopata che Ian le aveva appena fatto... lasciò che l'oscurità la prendesse... e scivolò nell'oblio. Ian coprì il suo corpo nel letto e strisciò accanto a lei, stringendo il suo corpo al suo... sapendo che da ora in poi... lui e Shay non si sarebbero mai separati... mai più.

Storie simili

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

2K I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

SS Shotguneagle (parte terza)

Patetico! urlò Kenny. Le strappò la frusta dal collo, lasciando Leah senza fiato. Leah si contorse per la disperazione mentre accoglieva più aria nei suoi polmoni. Era difficile lenire il suo collo dolorante. Tutto quello che poteva fare era aspettare che il dolore andasse via e singhiozzare. Kenny gettò la frusta a terra e si avvicinò al suo carrello degli attrezzi. Dopo aver afferrato ciò che voleva, è tornato da Leah, in piedi di fronte a lei. Stava ancora singhiozzando, cercando di abituarsi al disagio che cresceva costantemente. Kenny pensava che fosse incredibilmente sexy. Pensava che potesse farla sembrare più sexy...

1.5K I più visti

Likes 0

Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.) Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo...

1.5K I più visti

Likes 0

Riley si prende un anno fuori dal Pt 1

Riley si prende un anno di pausa di Vanessa Evans Tomboy ha deciso di prendersi un anno fuori dalla sua istruzione e di trascorrerlo a Ibiza Parte 01 Ciao, mi chiamo Riley e ho diciotto anni. Sono cresciuto in un villaggio alla periferia di una grande città nel sud dell'Inghilterra. Non c'erano altre ragazze della mia età nel villaggio, solo quattro ragazzi, quindi uscivo con loro ed è giusto dire che sono cresciuto come un maschiaccio facendo tutto ciò che facevano i ragazzi e questo includeva il calcio e il karate. Anche se le mie mestruazioni sono iniziate quando avevo tredici...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.