Un'infestazione spettrale-Capitolo due

284Report
Un'infestazione spettrale-Capitolo due

Un'infestazione spettrale
Capitolo due
di Simon Paura



Erano passate due settimane da quando suo padre aveva comprato la vecchia Selmer House, e ora sarebbe stata la prima notte che avrebbe vissuto lì. Ashley ha scaricato le scatole contrassegnate con il suo nome dalla Ford Expedition di sua madre. Mentre entrava in casa vide tutti i mobili che i traslocatori avevano portato con sé durante la settimana dalla sua vecchia casa in città. Dopo che suo padre aveva firmato i documenti che lo rendevano proprietario della casa Selmer, erano tornati un'ultima volta per lasciare che Ashley scegliesse la sua stanza. Era salita al secondo piano dove si trovavano le tre camere da letto. Aveva notato che, anche se la casa era vecchia, era stata ristrutturata di recente e ora aveva tre bagni interni invece di uno solo. Una era al terzo piano, collegata alla camera da letto principale, la stanza dei suoi genitori, e anche la seconda stanza era situata al terzo piano, che suo padre avrebbe trasformato nel suo ufficio personale. Ashley era stata felice perché non voleva dormire sullo stesso piano con i suoi genitori. Il secondo piano era composto da tre camere da letto, di cui una con un grande armadio che collegava insieme due delle stanze più grandi.

Apparentemente un ex proprietario aveva trasformato quel grande armadio in un bagno grande quanto il bagno dei suoi genitori, composto da una grande vasca da giardino, un box doccia e doppio lavabo con doppi specchi. Secondo l'agente immobiliare signor Reihnholt, il proprietario che aveva trasformato l'armadio in un bagno aveva due figlie che condividevano il bagno, quindi l'aveva fatto in modo che entrambe potessero truccarsi contemporaneamente per evitare ritardi solitamente causati dalle sorelle che litigano per il turno del bagno. La quinta camera da letto era un po' più piccola ma non di molto. Ashley aveva scelto la stanza più grande nell'East End ed era davvero felice di avere il suo bagno personale, dato che sua sorella maggiore aveva 19 anni e viveva al college nei dormitori lì in città. Il terzo bagno era al piano di sotto. Il proprietario che aveva ristrutturato i bagni aveva deciso che la cucina era troppo grande e ne aveva chiuso una piccola sezione, quindi l'aveva trasformata in un piccolo bagno con solo una normale vasca, un lavandino e uno specchio. La cucina era ancora abbastanza grande anche se era stata rimpicciolita per fare spazio al bagno. Quello sarebbe stato il bagno degli ospiti.

Ashley lasciò cadere le scatole sul pavimento della sua stanza e si avvicinò alla finestra. Guardò a terra e vide alcuni uomini edili che camminavano intorno all'East End verso il lato sud della proprietà. Suo padre aveva deciso di far installare una piscina interrata visto che il cortile era molto grande. Era solo la metà del primo mese delle vacanze estive di Ashley. Alcuni degli uomini erano a torso nudo perché fuori faceva piuttosto caldo ed erano ben fatti. Vide il sudore che colava lungo i loro pantaloni e sulla schiena facendoli brillare. Ashley ha iniziato a trasformarsi e ha deciso di mettersi qualcosa di più comodo. Aprì un cassetto che conteneva tutti i suoi costumi da bagno. Ha scelto un piccolo top bikini rosa, uno che mettesse in mostra i lati delle sue tette coppa B invece di coprirle completamente. I suoi genitori lo odiavano, ma lei lo indossava comunque. Diavolo, aveva dei bikini chiamati micro bikini di cui i suoi genitori non erano nemmeno a conoscenza. Uno che quando li indossava, le copriva solo i capezzoli, e il sedere, copriva a malapena la sua figa, infatti a volte si aggiustavano leggermente mostrando la parte superiore della fessura, o se tirati su troppo, mostravano la parte inferiore della fessura . La parte posteriore ovviamente era solo una corda che le entrava nel sedere lasciandolo completamente scoperto. Fondamentalmente indossando quei particolari bikini era praticamente nuda, cosa che adorava. Ma ovviamente se i suoi genitori lo avessero saputo li avrebbero buttati fuori.

Ashley guardò la finestra perché non aveva ancora le tende alzate, ma dato che era al secondo piano immaginò che nessuno potesse vederla, inoltre non le importava se lo vedevano. Si sbottonò i jeans e li abbassò, togliendosi anche le mutandine perizoma. Poi si tolse la canottiera. Si guardò allo specchio e notò quanto il suo corpo fosse sudato a causa del caldo. La sua pelle pallida e rosata brillava di umidità mentre studiava se stessa. Allungando entrambe le mani, iniziò lentamente a massaggiarsi le tette, pizzicando leggermente i capezzoli rendendoli duri. "MMMMM", gemette. Poi fece scorrere la mano destra lungo il suo stomaco, che era liscio e non mostrava alcun grasso infantile, mentre si manteneva in forma durante la cheerleader, finché non si posò proprio sopra la sua figa umida. Sentì la leggera peluria color pesca che stava iniziando a diventare i suoi peli pubici. "Dannazione, dovrò radermi, non voglio peli lì." Tenendo la mano proprio sopra la figa, si avvicinò alla finestra, che arrivava fino al pavimento. Stando lì, massaggiandosi la tetta e tastando i peli pubici, notò che un operaio era seduto all'estremità orientale del cortile, al riparo dal sole, e si prendeva una pausa. Si voltò leggermente di lato in modo da sembrare che non lo vedesse, eppure poteva continuare a guardarlo con la coda dell'occhio. Poi fece scivolare un dito nella parte superiore della fessura, sentendo l'umidità della sua figa. Premette delicatamente contro il suo clitoride indurito, facendola gemere. Dato che la sua finestra era aperta con la zanzariera abbassata, il lavoratore nel cortile ha sentito il gemito e ha alzato lo sguardo e quasi si è strozzato con la sua cola quando ha visto la bellissima adolescente nuda in piedi davanti alla finestra che si toccava. Ashley continua a massaggiarsi le tette mentre fa scivolare il dito nella sua figa calda e inizia a scoparsi le dita. "Uhhhh oh merda, che sensazione così bella, MMM" Ashley guardò con la coda dell'occhio e vide l'operaio guardarsi intorno per vedere se c'era qualcuno in vista. Apparentemente non c'era perché ha aperto lentamente la cerniera dei jeans, ha fatto scivolare la mano dentro e ha iniziato a muoverla. "Oh cavolo", pensò Ashley, "si sta facendo una sega, oh che divertimento, spero che ce la faccia." Ashley ha continuato a toccarsi la figa e a sentire rumori di sciabordio. Poi cominciò a massaggiarsi l'altra tetta, mentre muoveva il dito dentro e fuori più velocemente. "UUggghhhh, ooooohhhh dannazione", gemette. Guardò indietro fuori dalla finestra e vide che l'operaio aveva difficoltà a masturbarsi nei pantaloni. Si guardò ancora intorno e poi tirò fuori velocemente il cazzo. "Dannazione", pensò Ashley, "Deve essere lungo almeno 9 pollici". Poi ha fatto scivolare un altro dito nel suo buco gocciolante e ha iniziato a fregarsi più velocemente. "Ohhhh cazzo, sono così vicino, uggghhhh ohhhh merda, sto per venire." Ashley poteva sentire la pressione aumentare mentre le sue gambe cominciavano a tremare. Guardò indietro fuori dalla finestra e vide che l'operaio si stava accarezzando il cazzo molto velocemente adesso, e poteva sentire grugniti soffocati provenienti da lui. Ashley infilò velocemente le sue due dita in profondità nella figa e usando il pollice iniziò a strofinarle il clitoride duro. Ashley strillò: "Ohhhhh cazzo ohhhh cazzo, AAAhhhhhhhh merda, sto cummingggg, Uggghhh ahhhhhhhh." Strinse forte le cosce intrappolando la mano tra di loro, mentre si strofinava febbrilmente il clitoride mentre l'orgasmo le tormentava il corpo. La sua figa cominciò a spruzzare i suoi succhi femminili sulla mano e lungo le cosce, mentre lei continuava a strillare. "Uggghhhh vaffanculo sìììì, ahhhhhhh." L'operaio non poteva credere alla sua fortuna quando ha visto questa bellissima adolescente venire davanti a lui, con i suoi succhi che sgorgavano dalla sua figa. Lo attraversò oltre il limite mentre grugniva, il suo cazzo pulsava e il suo sperma cominciava a fuoriuscire in spessi getti bianchi, sparando per una buona lunghezza davanti a lui nell'erba. Quando l'orgasmo di Ashley si placò, guardò fuori dalla finestra giusto in tempo per vedere lo sperma del lavoratore schizzare fuori dal suo cazzo. Ashley si strofinò lentamente le labbra della figa mentre guardava l'operaio mungere via l'ultima crema densa dal suo pene, parte della quale finiva sulle sue mani. Mentre spremeva l'ultima goccia, sia lui che Ashley sentirono il rumore di uomini che parlavano provenire da dietro l'angolo. L'operaio si è infilato velocemente l'uccello nei pantaloni, mentre si asciugava lo sperma che aveva a portata di mano sul retro dei suoi jeans bianchi. Proprio in quel momento altri tre ragazzi si presentarono alla vista di Ashley e gettarono il loro pranzo nel bidone della spazzatura. Nessuno di loro alzò nemmeno lo sguardo verso la sua finestra. Quando l'operaio si alzò per unirsi ai suoi compagni, guardò un'ultima volta alla finestra e vide Ashley che lo osservava, con tutto il suo corpo nudo ancora in mostra. Ashley sorrise e gli mandò un bacio. L'operaio arrossì e continuò a girare per la casa per lavorare sulla piscina.

Ashley tornò al suo letto dove aveva adagiato il top del bikini, lo indossò legandolo dietro il collo e dietro la schiena. Poi aprì un altro cassetto e tirò fuori un paio di pantaloncini di jeans tagliati corti. Se li infilò. Erano un po' stretti ma per uno scopo. Li lasciava sempre sbottonati e aperti proprio sopra la zona pubica. Questi pantaloncini sono stati tagliati così corti che le curve inferiori delle sue natiche sporgono e quando si è seduta e ha allargato le gambe, le labbra della sua figa sono state esposte. Dopo essersi vestita si guardò allo specchio. Perfetto, ha pensato a quanto i miei genitori lo odiano. Poi scese le scale dove sua madre stava disimballando una scatola. La signora Logan alzò lo sguardo e vide cosa indossava sua figlia. “Ash, perché devi vestirti così, ogni parte di te è in giro. Sai come la pensiamo a questo proposito. Ashley alzò gli occhi al cielo: "Cavolo mamma, dammi una pausa, fuori fa caldo, sto bruciando e questo mi fa sentire a mio agio. Perché non potete lasciarmi stare?" La signora Logan si raddrizzò: “Ash, sai perché non ti vesti così, un giorno qualche pervertito ti vedrà e verrai violentato, e non vogliamo che ciò accada alla nostra bambina. Ti amiamo e vogliamo proteggerti, perché non puoi capirlo. Tua sorella non si è mai vestita così, pensavamo di averti cresciuta meglio." Ashley si inginocchiò accanto a lei e iniziò a frugare nella scatola: “Mamma, ecco chi sono, mi piace vestirmi in questo modo, mi fa sentire carina. Ragazzi, mi avete già spostato in mezzo al nulla, per tenermi lontano da tutti i ragazzi della città, e in più mi porto dietro una piccola bomboletta di spray al peperoncino. Starò bene davvero, quindi per favore smettila di preoccuparti. La signora Logan guardò sua figlia e poi l'abbracciò velocemente: "Oh Ash, non potrò mai smettere di preoccuparmi per te, proprio come non riesco a smettere di preoccuparmi per tua sorella". Ashley ricambiò l'abbraccio con sua madre, dopo tutto, anche se potevano essere rompiscatole, li amava comunque: "Ti amo mamma, ma davvero starò bene".
Ashley si alzò e prese una cornice di sua nonna: “Penso che sarebbe perfetta proprio al centro del mantello sopra il camino. Sai quanto la nonna amava sedersi accanto al suo vecchio caminetto prima di morire." La signora Logan sorrise con una lacrima che le scorreva lungo la guancia: "Sai che penso che tu abbia ragione." Ashley appoggiò la foto sulla mensola della mensola, poi si voltò. "Vado a controllare se ho lasciato qualcosa in macchina, mamma." La signora Logan alzò lo sguardo: “Ok tesoro. Oh, e guarda se il mio orologio potrebbe essere sotto i sedili, avrei giurato di averlo tolto in cucina ma non c'è, quindi forse è caduto lì dentro. "Certo, mamma." Detto questo Ashley balzò fuori dalla porta principale, attraverso il portico chiuso e fuori nel cortile. Accidenti, faceva caldo. Non vedeva l'ora che l'uomo dell'aria condizionata riuscisse finalmente a installare l'aria condizionata e il riscaldamento centralizzati in casa. Ha guardato nella spedizione ma non ha visto nient'altro, né sua madre guardava. Chiuse la porta quando sentì abbaiare. Arrivò alla fine del vialetto e guardò in fondo alla strada. Con suo grande stupore vide un pastore tedesco a circa 100 metri lungo la strada al confine del bosco, che era ancora nella loro proprietà. Il cane era immobile e la guardava. Strano, pensò. Poi udì un altro suono, un piccolo motore in lontananza nella direzione opposta. Si voltò e vide qualcuno che guidava un piccolo motorino fare la curva dirigendosi verso di lei. Si voltò per vedere il cane, ma non c'era più. Rimase accanto al vialetto finché il motorino non la raggiunse.

Mentre il motorino si avvicinava, Ashley sorrise e salutò riconoscendo la sua nuova amica Vicky. Vicky si fermò accanto a lei e scese. Indossava un paio di blue jeans attillati e una maglietta verde simile a quella che aveva l'ultima volta che Ashley l'aveva vista. Vicky sorrise: "Ehi ragazza, accidenti, è un vestito molto sexy." Ashley arrossì, quando Vicky le si avvicinò e, afferrandole l'orlo dei pantaloncini, la attirò a sé e iniziò a baciarla. Ashley ricambiò il bacio e le loro lingue ballarono di nuovo l'una con l'altra. Si baciarono per alcuni secondi prima che Vicky si tirasse indietro lasciando Ashley in trance. "Oh, stavo aspettando di farlo di nuovo", sorrise Vicky. Ashley arrossì ma sorrise di rimando: "Anch'io". Vicky diede una pacca sul sedere ad Ashley e poi iniziò a far scorrere le dita lungo i lati del top del bikini di Ashley, facendo scivolare le dita all'interno per stuzzicarle i capezzoli. Ashley gemette. “Vedo che state costruendo una piscina qui, che bello, mio ​​padre ne ha fatta costruire una due anni fa. Quando fa caldo durante l'estate, tornano utili. Ashley sorrise: "Sì, ne volevamo uno a casa, ma i regolamenti della città non ce lo permettevano, hanno qualche nuova ordinanza. È molto bello."

Vicky si voltò e si chinò per prendere qualcosa dal sedile del suo motorino. Mentre si chinava, Ashley non poté fare a meno di guardarsi il culo, ma rimase scioccata nel vedere qualcosa di nuovo. Vicky si era fatta un tatuaggio nella parte bassa della schiena che si estendeva su ciascun lato in un disegno pulito. "Oh, è così bello." Vicky guardò Ashley con un sorriso: "Ti piace, mio ​​padre mi ha lasciato prenderlo la settimana scorsa, mi ha fatto male da morire, ma ne è valsa la pena." Ashley tracciò il disegno sul dorso di Vicky, facendola rabbrividire. “Vorrei che i miei genitori me ne permettessero uno, ma non me lo permetterebbero mai. Che tipo di design è? Vicky si voltò verso Ashley: "Si chiama Tribale, ci sono diversi modelli, e inoltre se l'hai ottenuto senza i tuoi genitori, non c'è molto che possano fare dopo se non tenerti in punizione per un po'. È permanente, a meno di un costoso intervento chirurgico al laser, che lascerebbe cicatrici. Se ne hai voglia, uno di questi giorni, ti porterò giù io stessa e ti lascerò sceglierne uno e farlo indossare. Lo adorerai e varrà un paio di settimane di radicamento. In più penso che saresti dannatamente sexy con uno di loro." Ashley arrossì: "Lo pensi davvero." Vicky sorrise: "Oh, lo so, in effetti penso che sarebbe bello se il tatuaggio iniziasse con un punto proprio sopra il sedere," usando le mani spinse giù i pantaloncini di Ashley a circa metà del suo culo, cosa che causò anche il davanti per immergersi sotto la sua figa, esponendola. Ashley rimase senza fiato. Vicky quindi avvolge le braccia attorno alla vita di Ashley e mette entrambi gli indici proprio sopra la fessura del sedere e inizia a far scorrere le dita attorno a entrambi i lati del fianco di Ashley. "Allora fai in modo che il disegno vada oltre i tuoi fianchi", le sue dita poi trascinarono sopra dove sarebbero state le spalline del bikini, "poi fai in modo che entrambe le punte finiscano su entrambi i lati della tua figa", le dita di Vicky si fermarono su entrambi i lati delle labbra inferiori di Ashley. Ashley si sentiva molto eccitata e respirava affannosamente.

Vicky tenne le dita lì per qualche secondo, poi fece scivolare rapidamente un dito tra le labbra gonfie di Ashley, facendola strillare e iniziò a farlo scivolare avanti e indietro prima di togliere le mani, lasciando Ashley senza fiato, desiderando che Vicky non si fosse fermata. . Vicky le ha infilato un dito dentro e lo ha succhiato. "MMMMM, hai un sapore così dolce, ed eri così caldo e bagnato, e se non sbaglio, scommetterei quasi che hai avuto un orgasmo non molto tempo fa." Ashley riuscì appena ad annuire. Ashley era lì con i pantaloncini ancora a metà fianchi, quando Vicky prese un pezzo di carta che aveva preso dal suo posto e lo porse ad Ashley. Ashley lo prese e lo guardò: "Cos'è questo?" Vicky sorrise: “Indicazioni per casa mia, darò una festa tra quattro giorni e voglio che tu venga. Ti do la possibilità di incontrare i miei amici e fare conoscenza prima di andare a scuola. Proprio in quel momento entrambe le ragazze sentirono la porta d'ingresso aprirsi. Ashley si tirò su velocemente i pantaloncini, mentre sua madre usciva sulla veranda.

“Oh ehi Vicky, non sapevo che fossi qui. Come stai oggi?" chiese la signora Logan. "Ciao signora L, sto bene, ho solo pensato di passare a vedere come va tutto e ho invitato Ashley a una festa che sto organizzando." Ashley guardò sua madre: "Posso andarci, mamma, per favore". La signora Logan guardò sua figlia: “Beh, dovremo chiedere a tuo padre quando tornerà dalla città domani, ma non credo che sarà un problema. Vicky, vuoi entrare a prendere dei biscotti, sono appena sfornati?" Vicky sorrise: "Mi piacerebbe molto la signora L, ma devo tornare abbastanza velocemente, ho ancora alcune faccende da fare, ma papà ha detto che potevo passare e dare l'invito ad Ashley." “Oh, che peccato, beh sono abbastanza sicuro che non sarà un problema per Ashley venire alla tua festa. E non essere un estraneo, sei sempre il benvenuto qui. "Grazie signora L." "Oh Ashley, hai trovato il mio orologio?" Ashley distolse gli occhi da Vicky: "No mamma, non era lì." La signora sembrava pensierosa: "Strano, forse è da qualche parte in casa, dopo tutto," mentre si voltava per tornare in casa si guardò alle spalle, "Non impiegare troppo Ash, avrò bisogno del tuo aiuto per un minuto." "Va bene mamma." Detto questo la signora Logan rientrò in casa. Vicky, cogliendo l'attimo, raggiunse rapidamente le sue mani, afferrò i pantaloncini di Ashley e se li tirò giù fino ai piedi, facendola sussultare. "Cosa...Cosa stai facendo?" Rimase senza fiato quando Vicky cadde in ginocchio davanti ad Ashley. Vicky sorrise mentre afferrava le natiche di Ashley e la avvicinava. "Devo solo assaggiarti prima di andare, qualcuno ti ha mai leccato quaggiù?" Ashley la scosse. "Vuoi che ti lecchi quaggiù?" Ashley annuì. Vicky strinse il sedere di Ashley, prima di far scivolare il dito nella fessura del culo premendo il dito contro il suo ano.

Ashley chiuse gli occhi, "MMMM". Vicky sorrise: "E non vedo l'ora di leccare il tuo bel culo e infilare la mia lingua nel tuo buco del culo, ma prima di farlo devi permettermi di farti un clistere." Ashley aprì gli occhi: "Cos'è un clistere?" Vicky premette più forte il dito contro l'ano, facendola strillare. "Un clistere è ciò che una persona ottiene per pulirsi il sedere in modo che possa giocarci senza diventare schifoso", ridacchiò Vicky. Ashley arrossì, ma prima che potesse dire qualcos'altro Vicky tirò fuori la lingua e scivolò tra le pieghe umide delle labbra inferiori di Ashley. "AAhhhh oh Dio, è così bello", gridò Ashley. Vicky continuò a leccare l'interno delle labbra umide e gocciolanti di Ashley, mentre Ashley iniziò lentamente ad appoggiare i fianchi contro il viso di Vicky. Ad Ashley in quel momento non importava se sua madre fosse uscita e li avesse catturati, era in paradiso. Vicky alzò lo sguardo: "Dio, hai un sapore così dolce, Ash, migliore di quanto pensassi." Detto questo, Vicky infilò di nuovo la lingua nella figa calda e gocciolante di Ashley, leccando i succhi che fuoriuscivano da Ashley. "Oh cazzo, oh cazzo, oh cazzo ughhhh, mmmmm", fu tutto ciò che Ashley riuscì a dire. Vicky iniziò quindi a farla scivolare sul clitoride di Ashley, che si era notevolmente indurito, facendo piangere Ashley ancora di più. "Oh mio Dio, oh merda ohhhhh ahhhhhhh Dio sìssss." Vicky ha continuato a mandare messaggi alle chiappe di Ashley con le mani, mentre poi prendeva il clitoride di Ashley tra le labbra e iniziava a succhiarlo. Questo fece impazzire Ashley mentre urlava: "AAAahhhhhhh Dio, sto cummmmming foccckkk yesssss, AAAAAAAHHHHHHh." Ashley spinse forte la sua figa contro il viso di Vicky mentre le sue gambe si bloccavano e il suo corpo tremava mentre l'orgasmo le tormentava il corpo, i suoi succhi schizzavano in fiumi contro il viso di Vicky e lungo il collo sulla maglietta. Vicky si aggrappò ad Ashley mentre continuava a succhiare il clitoride, facendola diventare ancora più selvaggia. Gli occhi di Ashley erano socchiusi mentre il suo corpo tremava mentre un altro orgasmo la colpiva, "AAAAHHHHHhh merda, AAAHHHhh." Vicky tenne la bocca aperta mentre i succhi di Ashley le schizzavano in bocca, ingoiando quanto più poteva il succo della ragazza di Ashley, mentre il resto le scorreva lungo il mento. Vicky smise di succhiare il clitoride di Ashley ma mantenne il viso premuto contro la sua figa mentre l'orgasmo di Ashley si placava e lei iniziò a rilassarsi. Ashley cadde in ginocchio, e Vicky si chinò e cominciò a baciare Ashley ferocemente spalmando il succo che era il suo stesso viso sul viso di Ashley. Ashley ricambiò il bacio altrettanto ferocemente, assaggiando per la prima volta i suoi stessi succhi e realizzando che le piaceva. Vicky finalmente interruppe il bacio. Sorrise brillantemente ad Ashley: "Dannazione, non sapevo che fossi uno squirter, era caldo da morire, Dio, quanto lo adoravo." Ashley arrossì: "Pensavo che tutte le ragazze spruzzassero". Vicky scosse la testa: "No tesoro, non tutti, io per esempio sono davvero bagnata, ma non squirto, cavolo, tu e io ci divertiremo tantissimo. Vicky si alzò e aiutò Ashley ad alzarsi. Ashley aveva ancora le ginocchia un po' vacillanti. Vicky si chinò e tirò su i pantaloncini di Ashley. "Oh, odio andare, ma ho bisogno di tornare, ma ci vedremo molto." Ashley arrossì: "Lo spero". Vicky diede una pacca sul sedere ad Ashley e le diede l'ultimo bacio sulle labbra, poi risalì sul motorino. "Oh, a proposito, indossa il tuo bikini più sexy alla festa, i miei non ci saranno, ma i tuoi genitori non devono saperlo." Ashley sorrise, "K" Con quella spinta Vicky mandò un bacio e se ne andò. Ashley si aggiustò i pantaloncini e tornò a casa.

Quando entrò chiamò sua madre. Non avendo ricevuto risposta, è salita al secondo piano e ha chiamato di nuovo. Dal terzo piano la mamma le risponde: “Sono sotto la doccia caro, esco subito e preparo la cena, e avrò bisogno del tuo aiuto”. Ashley gridò di rimando: "Ok mamma, sarò nella mia stanza". Ashley entrò in lei e si spogliò rapidamente dei vestiti. Guardò i suoi pantaloncini e notò che erano completamente umidi nell'inguine, quasi come se si fosse fatta la pipì addosso. Poteva ancora sentire i succhi della fica all'interno delle sue cosce. Andò nel bagno, prese una salvietta, la inumidì e si asciugò la figa e le gambe. Poi andò a gettare i suoi vestiti nella cesta della biancheria nella sua stanza. Faceva ancora abbastanza caldo dentro, quindi prese una maglietta corta e la indossò. Le arrivava solo all'ombelico. Si sedette sul letto e si sdraiò per un minuto. “Non dormirò”, si disse. Ashley era così esausta che non si accorse nemmeno quando chiuse gli occhi e si addormentò sopra le coperte. Inoltre non ha sentito sua madre chiamarla, né ha sentito quando sua madre ha aperto la porta mentre sua madre guardava e vedeva il sedere nudo di Ashley rivolto verso di lei. La signora Logan non poté fare a meno di fissare per un minuto il bel sedere di sua figlia: "Sta diventando così grande, diventando una giovane donna", pensò. La signora Logan entrò e posò la mano proprio sulla coscia di Ashley e sentì la sua pelle calda e liscia. Altrettanto velocemente la signora Logan tolse la mano vergognandosi, poi si chinò e baciò sua figlia sulla guancia. "Ti lascerò dormire ancora per un po'", sussurrò. Ashley respirò profondamente e borbottò qualcosa di incoerente. La signora Logan poi accese la luce e uscì chiudendo la porta. La signora Logan non vedeva un paio di occhi azzurri che sbirciavano dalla porta dell'armadio che era socchiusa. E se fosse andata alla finestra, avrebbe notato un uomo vestito in modo strano, con un pastore tedesco in piedi ai margini del bosco che osservava le finestre di Ashley. Lo stesso uomo e il cane che avevano osservato le ragazze nel loro piccolo gioco privato solo mezz'ora prima, fuori dalla vista. Niente di tutto ciò fu visto, e rimase comunque invisibile mentre la signora Logan cominciava a preparare la cena per lei e Ashley, mentre la porta dell'armadio di Ashley cominciava lentamente ad aprirsi, una piccola mano da ragazzina che si muoveva attorno alla porta per apparire in vista.


Continua..............

Storie simili

Provare qualcosa di nuovo_(1)

Provare qualcosa di nuovo (terza persona) Toni e Justin sono appena tornati nel nuovo appartamento di lei e di sua sorella, Davina, dopo aver passato l'intera giornata a fare shopping al centro commerciale. Justin ha appena parlato a Toni di alcuni nuovi abiti ma non li aveva ancora visti su di lei. È stata una lunga giornata e sono entrambi stanchi. Beh, sembra che Davina non sia più a casa, dice Justin mentre entrano nell'appartamento. A Justin piace quando sono soli perché Davina è sempre ovunque e non permette loro di entrare in intimità. Capisco, esprime sarcastico Toni con un sorriso...

355 I più visti

Likes 0

L'innocenza della grazia

L'INNOCENZA DELLA GRAZIA Max Dexler sedeva sul bordo della scrivania sfogliando pigramente una raccolta di CV. È questo il lotto, Sue Sì, papà, disse Sue tornando con due caffè. Sono un gruppo piuttosto dispiaciuto, ma ce n'è uno che potrebbe piacerti E il suo nome è... “Grace Halifax papà. Il meno qualificato ma stranamente il più appropriato” Grace... Grace... Grace... ah eccola qui disse Max sfogliando il curriculum. “22 anni ed è una studentessa universitaria che studia Farmacia. Potrebbe essere interessante. È stata un'istruzione totale per la nostra Gracie. Nessuna reale esperienza lavorativa di alcun tipo. Cosa ti fa pensare che...

267 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

287 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

La scoperta di Sammy pt. 1

NOTA DELL'AUTORE: Questo lavoro è puramente fittizio. Eventuali somiglianze con eventi o persone reali possono essere casuali. Suona, suona, suona. Ciao? Jen, sono io! Oh, ehi, Sam! lei rispose. Wazup? Beh, dato che è ufficialmente il primo giorno d'estate, ho pensato che avrei dovuto invitarti! Ho detto. Ed era estate. Il clima era diventato sempre più caldo ogni giorno che passava ei miei compagni di classe erano diventati sempre più ansiosi di uscire da scuola. Dato che eravamo in prima media, però, avevamo avuto gli esami e ora le vacanze estive erano più dolci e rinfrescanti che mai. Dato che studiavamo...

784 I più visti

Likes 0

RD e lo stupro di Mon 2

Torneremo domani, con gli abiti che ti sarà permesso di indossare qui in casa, indosserai quello che ti diciamo, quando te lo diciamo, e non ti lamenterai, vero? Di nuovo, la mamma si limitò ad annuire con la testa per acconsentire. Ora, visto che sta per succedere, tanto vale che tu lo faccia il meglio che puoi. Ha dato alla mamma uno spinello che Chris aveva acceso. La mamma lo prese senza cambiare espressione e cominciò a inspirare. Matt si sedette accanto a lei; Chris dall'altro, e ognuno prese un seno e cominciò a giocarci. Era così intenso, o erotico. Mamma...

575 I più visti

Likes 0

Potrei aiutarti... Parte I

Io e la mia ragazza siamo sdraiati nel suo letto. Aveva 23 anni in quel momento, il suo nome è Tanya. Io ero nudo, lei indossava un top bianco attillato e una sottoveste di seta, anch'essa bianca. Adoravo il modo in cui i suoi grandi seni le riempivano la maglietta, i suoi capezzoli erano duri e spingevano ulteriormente la mia eccitazione. Come molte volte prima che guardassimo un film porno. Ma qualcosa di molto speciale era diverso quel giorno. Non eravamo soli... Mi chiamo Tomas, sono un ragazzo di 27 anni con i capelli biondi e gli occhi blu verdastri. Sono...

571 I più visti

Likes 0

Orario alternativo

Sono il direttore di un complesso carcerario speciale nell'America centrale del Sud e i miei prigionieri appartengono a una categoria unica a causa della natura dei loro crimini. Le prigioniere qui sono tutte donne attraenti... e hanno avuto la possibilità di scontare tre mesi qui girando video porno sporchi... o scontare dieci anni nelle prigioni governative... un'alternativa spiacevole nella migliore delle ipotesi. Le carceri governative sono sovraffollate... e mal gestite, e corrotte... e le donne che scontano lì sono inevitabilmente danneggiate fisicamente e mentalmente per tutta la vita... sempre che siano abbastanza fortunate da sopravvivere alla dura prova. Le donne che...

393 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.