Sedurre l'insegnamento

302Report
Sedurre l'insegnamento

Debbie viveva in una zona difficile di Filadelfia; era un'adolescente, ma era diventata esperta in questioni di sesso fin dall'inizio della sua educazione. Oggi stava frequentando la lezione della scuola estiva: aveva bisogno di riprendere la storia americana per migliorare il suo voto. Come al solito, gli ormoni di Debbie erano infuriati: è scivolata nella stanza delle ragazze prima della lezione e si è masturbata fino a raggiungere due climax.

La lezione di oggi si teneva nell'aula computer e l'insegnante M. B andava in giro a controllare i progressi di ogni studente nel programma. Stava aiutando uno studente al terminal di fronte a Debbies quando lei alzò lo sguardo e vide i suoi occhi fissi su un punto sotto il tavolo del computer. Rise dentro di sé quando si rese conto che inavvertitamente la sua gonna già corta si era sollevata e che lui stava fissando le sue cosce cremose esposte da adolescente. Ha iniziato ad eccitarsi all'idea che il suo insegnante cinquantenne fosse interessato a lei sessualmente! Un sorriso diabolico le salì alle labbra mentre decideva di metterlo ulteriormente alla prova. Allontanò la matita dal bordo della scrivania, poi guardò il signor B con il viso a forma di punto interrogativo inespresso. Quando lui si è inginocchiato per recuperarlo, lei ha spalancato le gambe e le ha tenute divaricate.

Il signor B si ritrovò a fissare la gonna, fino alle cosce lisce come la seta, fino alla figa adolescente, coperta solo dalla sottile fascia delle mutandine. La sua gola si seccò all'istante quando si rese conto che la piccola volpe lo stava sfoggiando; fu solo con un supremo atto di volontà che riuscì a distogliere lo sguardo e ad alzarsi in piedi, restituendo nel frattempo la matita.

Debbie terminò rapidamente il suo compito al computer, lo stampò, poi scrisse a grandi lettere sotto: "Ho visto che mi guardavi oggi e penso che tu possa dire che ho bisogno di 'aiuto extra' per completare il compito. Puoi aiutarmi? oggi dopo la lezione?" Si avvicinò al signor B seduto alla sua scrivania: si chinò per porgergli il biglietto, premendo leggermente il suo seno maturo sulla sua spalla mentre gli chiedeva dolcemente "Puoi leggere il mio biglietto, per favore?"

Il volto dell'insegnante arrossì leggermente mentre leggeva velocemente l'iscrizione e scarabocchiava la risposta "Ti aiuterò in ogni modo possibile". Debbie ritornò momentaneamente al suo posto e poi quasi corse fuori dalla stanza quando suonò il campanello. "L'ho preso!" pensò con gioia mentre correva nella stanza delle ragazze. Lì si tolse rapidamente le mutandine e poi ritornò nell'aula computer, ora vuota di tutti gli studenti. Si avvicinò impettita alla scrivania dove il signor B era rimasto seduto, appoggiò un fianco sull'angolo e fece oscillare languidamente la gamba avanti e indietro. Senza esitazione affermò "Ti ho visto guardare le mie gambe, signor B-ti piacciono?" Il signor B era sbalordito; poteva solo balbettare: "Io... io... io...". finché Debbie non prese il controllo affermando "Va bene, mi piace davvero quello che stavi guardando, mi eccita!" Mentre diceva questo si alzò e sollevò lentamente la gonna fino a quando non fu sopra i suoi fianchi, fissando nel frattempo i suoi morbidi occhi castani sugli insegnanti più anziani.

Il signor B sentì gocce di sudore scorrergli sulla fronte; lui fissò paralizzato la sua figa adolescente, esposta solo ince dal suo viso. "Debbie, questo è andato abbastanza lontano," gracchiò con voce tesa. Invece di rispondere, Debbie allungò la mano e gli prese la mano, tirandola lentamente in avanti finché non si posò sulla sua coscia soda da adolescente. Con una voce bassa e sensuale disse: "Questa può essere la fine... o l'inizio".

Il signor B vedeva delle macchie davanti ai suoi occhi; era sbalordito dalla palese sessualità dell'adolescente. Era in un dilemma: avrebbe dovuto dirle di fermare le sue azioni sfrenate e di lasciare la classe, o avrebbe dovuto far scorrere la mano sulla sua gamba calda e toccarle la figa bagnata? La tentazione dell'adolescente ipersessuale era troppo per lui: alzò la mano fino a prenderle a coppa il monticello pubico sporgente. Poi inserì lentamente il dito indice tra le sue labbra allargate; il dito scivolò facilmente poiché la sua fessura era già completamente umida e completamente lubrificata. Iniziò a spingere dentro e fuori lentamente il dito; Debbie si spinse in avanti contro la sua mano. Il signor B sbottò "Debbie, dovremo andare da qualche parte o almeno chiudere a chiave la porta, qualcuno ci vedrà." Debbie rispose "Tra un minuto Mr. B-gioca con il mio clitoride, sto per venire!" Il signor B immediatamente posò il pollice sul suo clitoride eretto, giocando con il caldo bocciolo di carne. In meno di un minuto sentì il suo corpo tremare in preda a un orgasmo. Pensò "Mio Dio, quanto è orgasmica!"

Debbie si rivolse in modo appassionato alla sua insegnante, dicendo "Hummmmm, è stato bello, signor B, ma perché non vai a chiudere la porta e puoi leccarmi la figa e poi ti succhierò!" Per rispondere, il signor B tolse il dito dal suo squarcio bagnato, lo portò alle labbra e leccò i succhi della sua figa dal dito e dalla mano. Poi si alzò, si avvicinò rapidamente alla porta sprangata. Mentre si voltava per tornare indietro, osservò Debbie sbottonarsi la camicetta; se lo tolse e lo lasciò cadere a terra. (Come al solito aveva lasciato un reggiseno fuori dal suo completo; i suoi graziosi capezzoli rosa sporgevano dalle sue sode tette da adolescente) Spinse alcuni oggetti dalla scrivania e vi si stese sopra - nel frattempo l'insegnante si era tolto le scarpe, i pantaloni e pantaloncini. Si avvicinò a lei e la baciò profondamente sulle labbra, facendo scivolare la lingua nella sua bocca flessibile. Lei gli succhiò la lingua e afferrò anche il suo cazzo in mano e iniziò a manipolarlo abilmente. Interrompendo il bacio Debbie disse "Facciamo 69-così posso prendere il tuo grosso cazzo in bocca e succhiarlo finché non mi spruzzi la tua sborra sulla lingua!"

Il signor B non ebbe bisogno di ulteriori sollecitazioni: salì sulla scrivania, con la testa vicino all'inguine dell'adolescente arrapato, il suo cazzo già duro come la roccia che penzolava sul suo viso. Mentre lui cominciava a succhiare e leccare avidamente le sue labbra gonfie di sangue, l'adolescente surriscaldata lo guardò immediatamente, accarezzandogli le palle gonfie con la mano e leccando la punta del suo cazzo con la lingua. Poi ha succhiato prima una pallina in bocca e poi l'altra, sollevando contemporaneamente leggermente su e giù il grosso cazzo del suo insegnante. Le sue manipolazioni producevano un flusso di sperma dall'organo pulsante; Debbie leccò immediatamente l'offerta con entusiasmo, tubando la sua approvazione. Non vedeva l'ora che il suo insegnante le sparasse il batuffolo di crema per il cazzo nella sua bocca calda e bagnata in modo da poterlo ingoiare nella sua pancia tremante. Lei desiderava venire allo stesso tempo - spinse la sua figa pulsante contro la sua bocca che succhiava avidamente, dondolando i fianchi avanti e indietro per prolungare il contatto.

Il signor B stava impazzendo, sguazzando nella figa stretta della giovane ragazza. La sua lingua era in costante movimento, leccava su e giù la sua fessura resa lucida dal desiderio, perforava la fessura satura della sua vagina, poi si muoveva avanti e indietro rapidamente sul suo clitoride eretto. Per tutto il tempo ha tentato di succhiare quanta più sostanza appiccicosa poteva, assaporando sia il gusto che l'odore delle sue abbondanti emissioni di figa. Voleva continuare a scopare con la lingua la lussuriosa adolescente finché lei non gli ha versato il suo succo caldo su lingua, labbra e guance.

Debbie cominciò a dondolarsi su e giù sul cazzo, cercando di vedere quanto in fondo alla gola poteva prenderlo. Di tanto in tanto rimaneva completamente giù sull'asta, con la lingua che scivolava attorno al palo carnoso mentre il suo bel naso era premuto contro i peli pubici del signor B. Sentì il cazzo iniziare a pulsare ed era pronta quando il primo getto caldo le scese in gola. La sua mela d'Adamo dondolava furiosamente mentre ingoiava uno spruzzo dopo l'altro direttamente nella sua pancia. L'azione erotica mise in moto il suo motore sessuale: sentì le sue viscere contrarsi, il miele rovente del sesso che iniziò a scorrere lungo il suo canale costrittivo e schizzare nella bocca dell'uomo più anziano che succhiava disperatamente. Gemiti e grida emanavano dalla sua bella bocca da succhiacazzi, mescolandosi ai bassi gemiti appassionati dell'insegnante che raggiunge l'orgasmo. Gli schizzi smisero di uscire dal suo cazzo, ma l'adolescente continuò a leccare amorevolmente ogni residuo di delizioso sperma dal suo cazzo e dalle palle. Nel frattempo il signor B stava facendo lo stesso con tutta la zona inguinale dell'adolescente dal culo caldo.

Entrambi dopo aver raggiunto il loro climax, si spostarono in posizione seduta sulla scrivania: il signor B mise un braccio intorno alla ragazza e la baciò appassionatamente con la lingua. Le accarezzò possessivamente i grandi seni, facendole rotolare leggermente i capezzoli ancora estesi tra l'indice e il pollice. Quando interruppero il bacio, Debbie gli lanciò uno sguardo ardente, dicendo: "Prendo una A per questo compito... O una "S" per troia!" Il suo insegnante continuò a giocare con il suo seno sodo mentre diceva "Otterrai tutto quello che vuoi dopo questo sforzo!"

Storie simili

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

361 I più visti

Likes 0

Mia mamma e la mia ragazza dei sogni

Introduzione Mi chiamo Will Chapman. Sono uno studente universitario di 19 anni, 5'8 e 160 libbre con capelli castani corti e occhi castano scuro. Ho sempre avuto problemi con le ragazze della mia età. Non è che non fossi di bell'aspetto; era perché, nonostante avessi 19 anni, sembrava che ne avessi 14. Ogni volta che uscivo con i miei amici, le persone che incontravamo spesso mi chiedevano se ero il fratellino di qualcuno. Le ragazze dicevano sempre che ero carino, il che mi farebbe assolutamente impazzire. Inutile dire che ho avuto problemi a soddisfare i miei bisogni sessuali. Stavo andando in...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

893 I più visti

Likes 0

Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali...

866 I più visti

Likes 0

L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. Come sono finito in questo? lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte. Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città - Chris Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio. Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono...

775 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

399 I più visti

Likes 0

Lascia che piova - 4

Per la prima volta in una settimana, quando mi sono svegliato, mi sembrava di avere avuto la stessa sensazione delle donne a letto della sera prima. Quando li ho scossi leggermente, si sono accoccolati un po’ più vicini e non si sono svegliati. Ho pensato che finché avessero voluto premere la loro calda carne da ragazza contro di me avrei potuto anche godermelo e ho chiuso gli occhi. Quando mi sono svegliato di nuovo è stato con un paio di labbra sul mio cazzo e un altro paio sui miei testicoli. Stavano facendo un ottimo lavoro e in pochi minuti ho...

423 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta - Prefazione

La mia vita segreta PREFAZIONE Ho cominciato queste memorie quando avevo circa venticinque anni, avendo tenuto fin da giovane una specie di diario, che forse per abitudine mi ha fatto pensare di registrare la mia vita interiore e segreta. Quando lo cominciai, non avevo quasi letto un libro osceno, nessuno dei quali, eccetto Fanny Hill, mi sembrava veritiero: così era, e lo è ancora; gli altri che raccontavano di erotismo ricercato o di smisurate potenze copulative, di strane svolte, trucchi e fantasie di voluttà matura e lascivia filosofica, sembravano alla mia relativa ignoranza come immaginazioni oscene o invenzioni bugiarde, non degne...

348 I più visti

Likes 0

Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei oppure Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a...

322 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

2K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.