Cosa c'è di sbagliato in me? - 2

366Report
Cosa c'è di sbagliato in me? - 2

Ancora una volta detesto ammetterlo, ma vedere il ragazzo striato di sabbia e sudore arrivare correndo dalla foresta, con la pelle sporca ricoperta di chiazze rosa e graffi rossi dovuti a cose in cui si era imbattuto nel bosco, beh, è ​​stato così. per me. Ho chiuso gli occhi solo per un secondo per riprendere il controllo e ho sentito il mio cazzo gonfiarsi fino a diventare completamente rigido. Quando ho aperto gli occhi, si era fermato di botto. I cani stavano ancora abbaiando dietro di lui e io ero lì davanti a lui. Tutto il suo corpo tremava e mi resi conto che stava singhiozzando. Riuscivo a malapena a capire le sue parole attraverso il pianto mentre mi supplicava di richiamare i cani.
Ho esitato un momento, assaporando il terrore del ragazzo e limitandomi a fissarlo, facendo tutto quello che potevo per evitare la sensazione di formicolio tra le gambe. Una volta ripreso il controllo, ho emesso un forte fischio. Il cane smise immediatamente di abbaiare e il bambino si guardò alle spalle giusto in tempo per vedere le tre grandi bestie nere scivolare via tra gli alberi e sdraiarsi proprio dove iniziava la spiaggia sabbiosa. Poi si voltò a guardarmi e fece un respiro profondo e tremante. Aprì la bocca per dire qualcosa, ma non glielo permisi.
"Vieni qui!" dissi con un tono di voce calmo ma arrabbiato, sapendo benissimo che queste erano le prime parole che gli avevo detto da quando gli avevo ordinato di togliersi le mutande. Non si è mosso. Ho abbassato un po' il volume e ho messo un po' più di veleno nel mio tono, "Fottuto, piccolo pezzo di merda, non farmi ripetere e porta il tuo culetto qui adesso, cazzo!" Per aumentare la mia tesi, ho schioccato il dito e ho indicato il terreno davanti a me. Nello stesso momento, uno dei cani ringhiò minacciosamente. Il ragazzo cominciò a piangere ancora più forte, ma cominciò lentamente ad avvicinarsi a me.
Troppo lentamente. "L'ho detto adesso!" Sibilai, molto più piano e con tutta la forza che riuscii a raccogliere. Il suo passo accelerò e nel giro di pochi secondi si alzò, con tutto il corpo tremante, a un paio di metri da me. Tutto il suo corpo era accasciato, la testa penzolante e anche se non potevo vedere il suo viso, sapevo che i suoi occhi erano chiusi. Altrimenti avrebbe guardato direttamente il mio cazzo pulsante, cosa che pensavo sarebbe stata troppo per lui. Ho scoperto che avevo ragione, quando ho sibilato e gli ho detto di guardarmi, quando il suo viso è entrato nella mia vista, stava aprendo gli occhi.

"Non so nemmeno perché sto sprecando il mio tempo con un pezzo di merda come te", dissi a bassa voce e senza tutto il veleno. Potevo vedere le mie parole colpirlo come se gli avessi dato uno schiaffo in faccia. Sapevo che c'erano molti ricordi che scorrevano nella sua adorabile testolina, di essere stato chiamato un piccolo pezzo di merda e peggio. Sapevo esattamente le cose da dire al ragazzo per arrivare a lui. "Guardati! Sei disgustoso! Coperto di sporcizia e sporcizia e puzzolente da morire! Potevo dire che voleva distogliere lo sguardo da me, ma era troppo spaventato per farlo. Così ho alzato un po’ la posta, abbassando la voce e riempiendola di nuovo di veleno, ho detto: “E pagherai caro per aver tentato di scappare da me, inutile, fottuto frocio!”
Così è stato. Ho visto ancora più lacrime inondare i suoi occhi e i suoi singhiozzi diventare veri e propri pianti infantili. E distolse lo sguardo da me.
Con i suoi occhi così pieni di lacrime, anche quando guardò in basso non vide la mia mano avvicinarsi a lui. Gli ho dato uno schiaffo così forte che ha perso l'equilibrio e quasi è caduto. Ha lanciato un grido penetrante ed entrambe le sue mani sono andate sul punto della sua faccia dove l'ho colpito.
"Non ti ho mai detto di distogliere lo sguardo da me", dissi con fermezza, mentre i suoi occhi gonfi e pieni di lacrime si giravano verso di me. Non so se arriverei a dire che i suoi occhi erano ancora pieni di paura. La sua espressione mostrava più dolore e confusione che paura. "Ora entra in quel maledetto lago e pulisci via tutta quella merda dal tuo corpo, poi deciderò cosa fare per punirti per aver corso." Esitò. "Ora!" Ho abbaiato.
In un lampo era nel lago e gli ho dato istruzioni mentre si puliva. "Togliti tutta quella sabbia dalle ascelle", oppure "Vedo ancora la sabbia attaccata a quel pietoso pezzo che chiami cazzo", oppure "Adesso assicurati che non sia rimasto un solo granello di sabbia nella fessura del tuo culo." Una volta che tutta la sporcizia fu scomparsa, l'ho fatto stare nell'acqua profonda fino alle ginocchia mentre lo ispezionavo. L’ho toccato un po’, anche se non quanto avrei voluto. Gli ho fatto alzare le braccia per assicurarsi che avesse pulito abbastanza bene le fossette, gli ho sollevato le palle e l'uccello per controllare che sotto non ci fosse sabbia rimasta e ho anche ritratto il suo prepuzio, cosa che lo ha fatto strillare, solo per vedere che la testa di il suo cazzo era ancora coperto di sabbia.
"Hai mancato un punto, fottuto pezzo di merda frocio!" Ho stretto forte il suo uccello e ho macinato la sabbia contro la sua sensibile testa di cazzo. Ha gridato. "Dovrò punirti anche per questo, cazzo, piccolo stronzo.!" Poi ho fatto un respiro profondo e ho liberato il suo cazzo dalla mia presa. "Ora pulisci quel piccolo pisello e se ci resta anche solo un fottuto granello di sabbia, ti getterò ai miei cani e lascerò che strappino il tuo dannato e gracile corpo, arto per arto!"
Il ragazzo si tuffò rapidamente nell'acqua e le sue mani iniziarono a sembrare come se si stesse masturbando, anche se sapevo che non era così. In quel momento, masturbarsi era la cosa più lontana dalla sua mente. Mentre finiva di pulirsi, ho camminato un po' lungo la spiaggia fino a raggiungere un punto ghiaioso che sosteneva una grande roccia piatta. Ancora fino alle ginocchia, mi guardò quando fu soddisfatto di aver rimosso fino all'ultimo granello di sabbia attaccato al suo corpo.

"Vieni qui!" Ho ordinato. Si muoveva più velocemente di prima. Di questo ero felice. Non riuscivo quasi più a sopportarlo. Quando mi raggiunse, esaminai ancora una volta tutto il suo corpo, trovando alcuni pezzetti di sabbia tra i suoi folti capelli scuri, di cui gli parlai, insieme alla promessa di ulteriori punizioni di conseguenza. Ma ho deciso di non rimandarlo nel lago per rimuoverli. Come ho detto, non riuscivo più a sopportarlo. Poi l'ho afferrato per le spalle e l'ho girato in modo che fosse con le spalle alla roccia, poi l'ho spinto giù come avevo comandato: "Siedi quel tuo inutile culo e preparati per la tua prima punizione!" È caduto più per la mia forza che per la sua stessa volontà.
Avevo scelto il posto perfettamente. La sua faccia era allo stesso livello del mio inguine e i suoi occhi sporgenti e piangenti diedero un'altra occhiata da vicino al mio cazzo arrabbiato. L'ho sentito piagnucolare: "No..." un secondo prima di dirgli cosa mi aspettavo che facesse.
"Apri quella cazzo di bocca e succhiami il cazzo, brutto idiota!"

Il suo corpo tremava ancora di più, ma la sua bocca rimaneva chiusa. Gli ho dato un forte colpo sulla testa con la mano e ho ripetuto il mio comando con un tono più dolce ma allo stesso tempo più arrabbiato. "Ti avevo detto, cazzo, di aprirti e di iniziare a succhiare, piccolo stronzo senza valore!" Tuttavia, prima che gli dessi la possibilità di aprire la bocca da solo, la mia mano era ancora una volta sulla sua nuca e ho afferrato una manciata dei suoi capelli umidi e ho tirato. Aprì la bocca per urlare, ma il suono era attutito dal mio cazzo. Non potevo resistere un secondo di più. Se non avessi ficcato il mio cazzo nella bocca del ragazzo, avrei sprecato il mio carico, l'avrei schizzato per tutta la spiaggia. Ciò non avrebbe funzionato, non quando avevo davanti un bellissimo ragazzo nudo, che si sentiva più basso di quanto non si fosse mai sentito nella sua "vita", più spaventato di quanto avesse mai sentito, proprio come lo avevo programmato per essere. Ed era mio, a portata di mano. Questo è esattamente quello che ho fatto. Quello che dovevo fare. Ho infilato il mio cazzo nella bocca calda del bellissimo ragazzo e ho lanciato un ululato animalesco. Passarono pochi secondi prima che sentissi i muscoli del mio core iniziare a flettersi. Mi sono infilato nella sua bocca solo poche volte prima di iniziare a scoppiare. Spinsi me stessa nel profondo di lui, sentendo i muscoli tesi della sua gola che cercavano di espandersi per accogliere il mio cazzo. Il primo getto del mio sperma ha unto lo stretto passaggio e un secondo dopo avevo tutto il mio cazzo nella sua bocca. Potevo sentire il suo naso premere contro il mio osso pubico ricoperto di peli e il suo mento leggermente appuntito che mi pungeva le palle. Ho sparato due fiotti di sperma direttamente nella gola del ragazzo. Sentivo la sua gola contrarsi ad ogni scatto e ogni scatto veniva registrato sul suo viso teso e teso. Poi ho tirato fuori un po' il cazzo, sapendo che avrebbe avuto bisogno di prendere fiato e volevo assicurarmi che avesse un buon assaggio del mio sperma. E per tutto il tempo in cui stavo girando, ho urlato e ho detto al ragazzo: "Ingoia il mio sperma, fottuto frocio!", oppure "Mangia il mio cazzo di sperma, piccolo pezzo di merda!" Il fatto che tutto il suo corpo tremasse, si agitasse, mentre cercava di respingermi e che le lacrime scorressero dai suoi occhi chiusi mi fece solo sparare più forte. Così come la consapevolezza che il mio ibrido primario Chachi/Lost-boy aveva sognato esattamente questo scenario. Sogni che erano stati una fusione tra sogni bagnati e incubi. Mentre riempivo la bocca del ragazzo con il mio sperma, sapevo che stava pensando a tutti i sermoni, conferenze e commenti con cui avevo riempito i suoi ricordi, ai mali di ciò che gli stavo facendo. Sapevo anche che la parte Chachi di lui sarebbe stata disgustata da ciò che gli stava accadendo. Considerando il breve numero di filmati che ho visto del personaggio, se ci fosse una cosa che direi di lui, sarebbe che era completamente pazzo per le ragazze. Era così attratto da quella ragazza dagli occhi azzurri che sospettavo che Chachi non avesse mai pensato di avere il cazzo di un altro ragazzo in bocca.
Il realismo della simulazione era così accurato che quasi dimenticavo che il bellissimo ragazzo torturato nella sua prima adolescenza non era altro che un'immagine proiettata nella mia mente da un computer. Anche se, guardando il suo viso, vedendo il mio cazzo riempirgli la bocca, sentendo i suoi conati e sorsi, annusando il potente odore del suo sudore e, piscio... gli ho tirato un po' la testa, continuando a tenere il mio cazzo saldamente infilato nella sua bocca , per poter vedere meglio il suo corpo. Non potevo crederci. Il cazzo del ragazzo era un po' più lungo di quanto l'avessi visto prima e spruzzava un flusso cristallino di pipì giallastra su entrambi i nostri corpi nudi. Ho spinto di nuovo il mio cazzo in profondità e il successivo batuffolo di sperma che è eruttato nel ragazzo era grosso quasi quanto i primi e come quei primi, gliel'ho sparato dritto in gola, direttamente nello stomaco. E sicuramente ho tirato fuori qualche mazzetta in più di quanto avrei fatto, se non mi fossi reso conto che il ragazzo si stava pisciando addosso. Fu allora che, con tutti i miei sensi concentrati sul carico che stavo scaricando sul ragazzo, dimenticai quasi che non era un vero ragazzo. Il mio orgasmo era così incredibilmente intenso che nient'altro mi importava.
Poi ho sentito il corpo del ragazzo allentarsi. Le contrazioni che i suoi muscoli della gola facevano attorno al mio cazzo cessarono. Ha smesso di colpirmi le cosce e il busto con le sue braccia fibrose. E all'improvviso mi sentii come se sostenessi tutto il suo peso con la mano che avevo avvolto tra i suoi folti capelli scuri dietro la testa. Mentre gli ultimi batuffoli di sperma gocciolavano dal mio cazzo ancora per lo più duro, realizzai cosa stava succedendo.
Il ragazzo era svenuto. Avevo chiesto al simulatore il massimo realismo e questo è quello che ho ottenuto. Una volta che il mio orgasmo si è calmato e sono tornato in me, ho modificato il mio modello di pensiero e mi sono rivolto al simulatore. Era come pensavo. Il ragazzo non riusciva a tenere il passo con la quantità di sperma con cui gli inondavo la cavità orale. Avevo tappato le sue vie aeree con il mio sperma e con lo sforzo tremendo che stava facendo cercando di respingermi, il suo corpo ha rapidamente esaurito la sua riserva di ossigeno. Se fosse stato davvero una persona reale, avrei dovuto avviare immediatamente l’assistenza in caso di crisi. Gli ha liberato le vie aeree e gli ha praticato la rianimazione bocca a bocca per salvargli la vita. Con questo ragazzo, invece, bastava rivolgere un pensiero al simulatore e all'improvviso il ragazzo si animava di nuovo.

Tossì e farfugliò. Gocce di bianco appiccicoso schizzarono dalla sua bocca, colpendo il mio basso addome e l'inguine. Lo tenevo ancora per la nuca e i suoi colpi di tosse gli facevano tirare violentemente i capelli. In mezzo alle sue gag, piangeva anche lui. Lo avevo proprio dove lo volevo. Era un ragazzo distrutto.
Quando il suo respiro fu quasi tornato alla normalità, lasciai la presa sui suoi capelli e lui si accasciò all'indietro sul grande masso piatto. Ancora una volta, il suo corpo era coperto di sporcizia, solo che questa volta il suo sudore e le sue lacrime erano mescolati al mio sperma e alla sua stessa pipì, oltre a un po' di sangue che era fuoriuscito dai graffi che aveva ricevuto durante la sua breve corsa attraverso il foresta. Alcune delle macchie rosa sul suo corpo, dove aveva sbattuto contro alberi o altri ostacoli durante il vano tentativo di scappare da me, stavano diventando scure, diventando veri e propri lividi. Il suo corpo tremava leggermente con i suoi singhiozzi sommessi e il suo respiro affannoso e pensavo che fosse più bello che mai.
Era ora di cambiare tattica e iniziare la seconda fase della mia sessione.

Ho iniziato dicendogli quanto pensavo fosse bello e quanto mi avesse fatto sentire incredibile. “Nessuno mi ha mai succhiato il cazzo in quel modo prima. Mi hai fatto il pompino più incredibile che abbia mai avuto." Continuavo a tubare con lui, lodandolo a ogni livello a cui potevo pensare. E ho aspettato. Ho aspettato che aprisse gli occhi e mi guardasse. Era disteso sulla schiena sulla roccia e io ero in piedi sopra di lui. Quando finalmente ha osato aprire gli occhi, gli ho concesso un paio di secondi per guardarmi. Ero ancora nudo, ancora quasi eretto e respiravo ancora un po' pesantemente e lo fissavo.
C'era ancora paura nei suoi occhi, che aumentò un po' quando i suoi occhi osservarono il mio cazzo duro gocciolante e pulsante. "Sei la creatura più bella di tutta la maledetta galassia", dissi dopo un momento, poi scesi su di lui. I suoi occhi si allargarono ancora di più quando mi avvicinai a lui e si chiusero completamente appena prima che le mie labbra toccassero le sue. L'ho baciato dolcemente, assaporando il misto di sperma, sudore e lacrime sulle sue labbra. Ho infilato delicatamente la lingua tra le sue labbra e ho potuto sentire la sua riluttanza, ma ha aperto un po' la bocca per lasciarmi entrare. Il sapore del mio sperma era più forte nella sua bocca e il mio cazzo quasi duro si è irrigidito completamente. In quel momento sapevo che il mio secondo orgasmo sarebbe stato ancora più strabiliante del primo.

Ho lasciato la sua bocca e ho iniziato a leccargli la faccia. Tra una leccata e l'altra gli ho detto quanto pensavo che fosse fantastico, quanto bello e quanto mi rendeva caldo. Mentre leccavo le sue lacrime, il sudore e il mio sperma dal suo viso, mi assicuravo di dargliene un po' dalla lingua. Per la maggior parte del tempo, il ragazzo teneva gli occhi chiusi, tranne quando facevo qualcosa di nuovo come infilargli la lingua nell'orecchio o in una delle sue narici. E ogni volta che infilavo la lingua nella sua bocca, ricoperta da tutto ciò che gli avevo appena leccato dal viso, i suoi occhi si stringevano più forte e tutto il suo viso si accartocciava. Era un'ipotesi ben plausibile che in quel momento il ragazzo fosse bombardato da una raffica di emozioni. Sapevo che provava disgusto per ciò che gli stavo mettendo in bocca. Diavolo, sapevo che molto di quello che gli avevo fatto lo aveva disgustato, o per lo meno, lo aveva spaventato a morte. Sapevo anche che da qualche parte nel profondo dei ricordi del ragazzo, ricordava di essersi masturbato, mentre fantasticava di essere preso da un uomo. Il ragazzo sapeva che quelli erano i suoi orgasmi migliori, quando sognava maschi, anziché femmine. E tutti nella sua vita avevano sempre sostenuto quanto fosse sbagliato, pericoloso e malvagio. E con la sua personalità da metà del XX secolo, incurabilmente eterosessuale grazie a Chachi, beh, sapevo che stavo davvero torturando il ragazzo. E non ero nemmeno vicino a finire con lui.
Ho iniziato a leccargli il collo e le spalle ossute. Ogni suo assaggio mi faceva ribollire il sangue un po' più caldo. Mi chiedevo se sarei riuscito ad arrivare fino alle sue dita lunghe e magre prima di esplodere. Questo era il mio piano. Inizia dalla sua testa, lecca, bacia e mordicchia il suo corpo, scavalcando il suo cazzo per lasciare il meglio per ultimo. Quindi il mio piano era di girarlo e risalire lungo il suo corpo, sottosopra (aggirando il suo sedere, cosa che avrei fatto subito prima di girarlo di nuovo e succhiargli il cazzo finché non esplode nella mia bocca).
Con il viso sepolto in una delle ascelle del ragazzo, affondando la lingua nella leggera spolverata di peli scuri, sbuffando e assaporando il suo sudore fresco, giovane, potente, ho dovuto fermarmi un attimo, calmarmi un po', prima di continuare il mio viaggio. E dopo averlo baciato forte e profondo, facendolo sbuffare dal naso e sicuramente sentendo il suo odore di escrementi sul viso e gustandolo sulla lingua, mi staccai dal suo viso e seppellii di nuovo il mio sotto la sua ascella. Quando ebbi ripulito ogni molecola del sudore del ragazzo da quell'ascella e i pochi peli morbidi e scuri furono appiccicati alla sua pelle con la mia saliva, mi spostai leggermente avanti e indietro. La parte superiore del torace e i capezzoli furono il mio prossimo obiettivo.
Ma quando ho cominciato a leccare la pelle glabra che ricopriva l'osso piatto tra le sue costole, ho avuto il primo assaggio della sua pipì.
"Esatto", dissi in tono gradevole, sollevando il viso dal suo petto stretto e guardandolo negli occhi. Erano leggermente aperti, curiosi, suppongo, di cosa fosse giusto. "Finché non ne ho avuto un assaggio", ho continuato, con un tono ancora gentile e dolce, "avevo completamente dimenticato che ti sei pisciato addosso, mentre stavi soffocando con il mio succo per bambini." Ho ridacchiato. Sapevo che l'eufemismo per indicare la roba disgustosa che esce dal cazzo di un uomo era quello che sua madre usava sempre quando era abbastanza ubriaca da parlare di cose del genere. I suoi occhi si aprirono ancora di più e vidi in loro più angoscia. Questa sessione stava iniziando quasi bene come l'ultima.

"Bere il mio sperma è stata la tua punizione per aver distolto lo sguardo da me mentre ti parlavo", ho mantenuto la mia voce piacevole e proprio mentre gli ricordavo il motivo per cui lo avevo punito, ha iniziato a distogliere lo sguardo da me. Ma poi si immobilizzò e i suoi occhi scuri e spaventati si concentrarono ancora di più sui miei. “E devo ancora punirti per non aver ripulito tutta la sabbia dal tuo pietoso, piccolo pisello. E anche per aver tentato di scappare da me. Poi, sembrando ancora più felice di prima, aggiunsi: “Sarà una brutta cosa. Davvero pessimo. Hai sbagliato a cercare di scappare.» Sorrisi intensamente e scossi lentamente la testa avanti e indietro. "E non posso lasciare che qualcosa di così atroce come pisciarsi addosso vada avanti senza una sorta di punizione", ho continuato a bassa voce, come se parlassi a me stessa. "Penso che dovrai assaggiare la mia pipì per questo." Potevo vedere le sue emozioni caotiche attraversare la sua espressione. Poi sono tornato giù e ho iniziato a leccare il petto liscio del ragazzo.
Emise un gemito sorpreso quando mi attaccai per la prima volta a uno dei suoi piccoli capezzoli. E mentre stimolavo la piccola protuberanza, ho visto il suo cazzo muoversi, il che mi ha fatto amplificare il mio attacco alla sua piccola tetta. Non ci volle molto perché il ragazzo smettesse di cercare di reprimere i suoi gemiti. I suoi rumori mi hanno solo stimolato di più. Mentre passavo dal primo capezzolo al secondo, ho visto che il suo cazzo era cresciuto di almeno un pollice più lungo ed era diventato quasi due volte più grande. Ho passato tanto tempo sul suo secondo piccolo morso quanto avevo fatto sul primo, assaporando i suoi suoni, i suoi profumi, la sensazione dei suoi piccoli sassolini scuri nella mia bocca e la sensazione del suo corpo avvizzito sotto di me. Quando ebbi finito, il suo cazzo era duro come un osso e molto più grande di quanto mi aspettassi. Potevo vedere la punta della sua testa di cazzo nel piccolo foro allungato nel suo prepuzio. Speravo che la restrizione potesse portare a termine la mia missione come previsto. Per quanto mi sentissi caldo, dovevo davvero chiedermelo.
Ci è voluto tutto quello che avevo per non toccare il grosso cazzo che ballonzolava sul suo ventre stretto e concavo. Oppure toccami il cazzo mentre leccavo la miscela di sporcizia dal suo torso. Ogni minuto circa, tornavo alla sua bocca e condividevo con lui i sapori incredibili. Alla fine, le sue espressioni disgustate si placarono mentre gli davo i sapori del suo corpo. Trascorrevo un po' di tempo a fissarlo negli occhi dopo avergli dato da mangiare tutto quello che avevo sulla lingua. Avevo la sensazione che stesse lottando per distogliere lo sguardo da me, anche se non lo faceva mai. E a volte, sembrava davvero che il ragazzo si stesse godendo quello che gli stavo facendo. In qualche modo sono riuscito a leccare, mordicchiare e baciare le creste affilate e sporgenti dei suoi fianchi, senza avvicinarmi di meno di un centimetro dal suo impressionante cazzo. Hai idea di quanto sia stato difficile per me. Avevo fatto un enorme, dannato batuffolo forse mezz'ora prima e sapevo che se avessi voluto, la mia seconda eruzione sarebbe potuta scoppiare nel giro di un minuto. Tuttavia, non era quello che volevo, né volevo ancora lasciare che il ragazzo sentisse il mio tocco sul suo cazzo.

Le sue gambe erano lunghe e magre, con una piccola quantità di peluria scura che cresceva nella metà inferiore. Il sapore della sua pipì era più forte qui che sul torso. Dopo avergli infilato la lingua in bocca, piena del suo stesso sapore, gli ho chiesto con una voce piacevole, fissando i suoi occhi scuri e profondi: "Riesci a sentire il sapore della tua pipì?" Gli occhi del ragazzo si spalancarono e vidi la paura tornare sul suo viso. Ho avuto uno sguardo nei miei occhi, uno sguardo che sapevo avrebbe visto come minaccioso e ha iniziato ad annuire. "Dimmi", dissi.
"Sento il sapore della mia pipì", mormorò piano, con le lacrime agli occhi.
Lasciai che la mia espressione si addolcisse e toccai il suo viso con la punta delle dita. "Dimmi", ho chiesto dolcemente, "perché ti sei pisciato addosso?"
I suoi occhi scuri si aprirono ancora di più e sembrava confuso. Ho cominciato a chiedermi se, a parte il fatto che glielo avevo detto, lui sapesse di aver svuotato la vescica. Scosse la testa, non sapendo cosa dire.
"Cosa stavi facendo quando ti sei incazzato?"
"Soffocamento", pronunciò piano il ragazzo, mentre le sue lacrime raggiungevano il punto di traboccare e cominciavano a scendere lungo il suo viso spigoloso.
"Cosa stavi soffocando?"
Ancora una volta, i suoi occhi lampeggiarono e il suo volto si contorse. Era senza parole.
"Devo chiedertelo due volte?" dissi con un po' di rabbia dietro le mie parole.
"No," rispose velocemente, "stavo soffocando, su..." C'era un battito di sangue caldo nel mio cazzo mentre scrutavo il bellissimo ragazzo e lo guardavo lottare per dire ciò di cui aveva bisogno. "...sul tuo, sul tuo, cazzo e sulle tue cose," disse infine.
"Che roba?" Stavo ancora sorridendo e usando il tono sdolcinato, riuscendo a sembrare un po' curioso.
"Il tuo..." Sapevo che la sua mente era in subbuglio. Stava cercando nei suoi ricordi la parola educata per la roba con cui si era strozzato. Sapevo che era un ricordo che non avrebbe ritrovato. Le uniche parole che il programma del simulatore aveva nella memoria del ragazzo erano idiomi. Conosceva tutte le parolacce per le mie cose, ma nessuna parola corretta o educata per descriverle. Alla fine ha detto: "Roba da cazzo", e ho potuto vedere la speranza nei suoi occhi che avrei trovato le sue parole accettabili.
Non ho cambiato espressione né tono, ma gli ho detto: "Si chiama sperma, succo di bambino, sperma, jizm... Hai già sentito queste parole, vero?"
Annuì.
"Quindi", ho improvvisamente assunto una postura e un tono avversi, "te lo chiederò ancora una volta, cazzo, con cosa stavi soffocando quando sei andato a pisciare dappertutto?"
Ci fu un altro lampo sul suo viso e nell'istante in cui iniziò il suo discorso, i suoi occhi si posarono sulla mia mano, che lasciò il suo viso adorabilmente torturato e si sollevò, pronta a colpire.

"Era il tuo sperma", esclamò, "il tuo sperma, il tuo sperma", fece un respiro profondo poi con un tono che sembrava quasi sicuro, concluse, "Stavo soffocando con il tuo cazzo e il tuo succo quando ho fatto pipì. "
Ci stavo entrando e non volevo ancora lasciarlo andare. Mi sono fatto sembrare ancora più arrabbiato e ho sibilato: "Piccolo frocio!" Si fece piccolo e fece un rapido tentativo di distogliere lo sguardo da me, anche se si fermò con una rapida occhiata alla mia mano alzata e pronta. Poi mi sono alzato rapidamente e ho guardato dalla faccia del ragazzo al mio cazzo. "Ti sembra un cazzo?" dissi piano ma con durezza. Prima che avesse la possibilità di rispondere, gli ho risparmiato la fatica. "Ho un cazzo di piccolo idiota, dannatamente inutile, come te?" Stava fissando il mio cazzo infuriato e muoveva lentamente la testa avanti e indietro, facendo tutto il possibile per rispondermi. "Dimmi cosa ti stavi soffocando, piccola stronza", e per la prima volta alzai la voce. "Dimmi!" Ho urlato.
“Cazzo”, disse velocemente, “cazzo e sperma. Il tuo cazzo. Il tuo sperma. Mi sono soffocato con il tuo cazzo e sono venuto.
Mi ammorbidii ancora una volta e abbassai lentamente la punta delle dita sul suo viso. "Bravo ragazzo", tubai e lo baciai teneramente per un momento, prima di tornare alla mia missione e iniziare a leccargli le caviglie. Anche se, mentre passavo vicino al suo inguine, ho borbottato abbastanza forte da permettergli di sentire: "C'è un piccolo pisello senza valore". Poi ha aggiunto una bugia totale: "È così disgustoso che non voglio nemmeno toccarlo". Pulsava e, mentre distoglievo il viso dal suo, sorrisi.
Ho dovuto togliergli la sabbia dai piedi prima di iniziare a leccarli e succhiargli le dita. Come i suoi capezzoli (e l'interno delle cosce), gemeva e sussultava quando gli pulivo i piedi sporchi. La pianta dei suoi piedi era l'unico sapore sul suo corpo che non mi importava. Aveva attraversato troppa sporcizia e cose del genere e anche dopo averli asciugati meglio che potevo con la mano asciutta, avevano ancora un sapore sporco. Tuttavia, mi sono costretto a perseverare, sentendomi un po' eccitato nel sapere che stavo facendo qualcosa che trovavo piuttosto ripugnante e sapendo che una volta che avessi leccato, mordicchiato e baciato ogni singolo centimetro del suo corpo, avrei ottenuto la mia ricompensa.

Il suo uccello si era ammorbidito mentre lo rimproveravo facendogli dire parole che sapeva di non dover dire, ma quando ho finito di succhiargli le prime cinque dita, era di nuovo duro come un osso. Mentre cambiavo piede, notai anche che una piccola pozza di sperma era gocciolata dal suo cazzo ben incappucciato. Ho guardato la mia erezione per vedere la stessa sostanza fondamentale che fuoriusciva da me. Quindi, quando ho finito di pulire lo sporco grossolano dal suo secondo piede dalla mia lingua alla sua, con i suoi occhi che seguivano attentamente ogni mio movimento, ho allungato la mano verso il mio cazzo e mi sono passato un dito sulla testa, raccogliendo una grossa quantità di sperma pre. . Poi spostai il dito sulla sua bocca, che lui chiuse velocemente quando capì la sua destinazione. Emetto un ringhio debole e veloce, ma profondo e rimbombante. Il ragazzo aprì subito la bocca e cominciò a succhiarmi il dito non appena gli passò sulle labbra.
Mentre stavo succhiando il suo secondo paio di dita e facendo scorrere un dito sull'anima di quel piede, il ragazzo ha iniziato a ridacchiare. Ho dovuto fare un paio di respiri profondi per evitare di avere respiri troppo agitati e che profumavano di piedi puzzolenti. Dopo aver fatto a entrambi i piedi un vero e proprio bagno con la lingua, gli ho dato un altro bacio profondo ma tenero. Poi gli ho detto di girarsi in modo che fosse sdraiato sulla pancia. Il suo corpo tremò mentre obbediva. Ho spostato la bocca dai suoi talloni, su entrambe le gambe una alla volta, poi, aggirando il suo sedere, ho iniziato ad assaporare la pelle della sua parte bassa della schiena, anche se mi sono permesso di prendere qualche profonda boccata d'aria appena sopra la fessura le sue piccole, sode chiappe. Ho dovuto trattenermi dal tuffarmi direttamente nella fessura sudata del ragazzo.
Potevo vedere la luce alla fine del tunnel, ero arrivato a metà della sua schiena. Dato che stavo strisciando lungo il suo sedere dai suoi piedi, il mio corpo era sospeso sopra il suo, in una posizione simile a una flessione. Quando cominciai ad affondare la lingua nella fessura tra le sue scapole, sentii il mio cazzo rimbalzare contro la sua parte inferiore della gamba. L'ho quasi perso. Ho fatto un breve lavoro alla parte superiore della sua schiena e alle spalle, assicurandomi di tenere i fianchi alti per evitare che il mio cazzo lo toccasse di nuovo. Tuttavia, mentre stavo strofinando il naso sulla sua nuca, nel punto in cui la sua pelle pallida lasciava il posto all'attaccatura dei capelli scuri, non potei resistere oltre e lasciai che tutto il mio corpo si posasse sopra il suo.
"Sei così dannatamente sexy", gli ho sibilato all'orecchio. Ho sentito il suo corpo tremare sotto di me e di conseguenza l'asta del mio cazzo, che era appoggiata proprio in cima alla fessura del suo sedere, è affondata appena un po'. "Riesci a sentire il mio cazzo sul tuo sedere?" chiesi dolcemente, premendo i miei fianchi un po' più forte contro il suo sedere e sentendo la mia asta spingere un po' di più tra le sue guance. Annuì contro il mio viso. Volevo poter vedere il suo volto per la mia prossima dichiarazione, così gli ho detto di girare la testa per baciarmi. Una volta che il nostro bacio si interruppe, mentre ci guardavamo negli occhi dissi con un'altra spinta dei fianchi: "Questa sarà la tua punizione per aver tentato di scappare, sai?" dissi in tono retorico, poi lo baciai nel modo più gentile e tenero possibile, prima di continuare. "Ti infilerai il mio grosso cazzo nel tuo piccolo buco del culo stretto e ti scoperò così forte che non riuscirai a sederti per un mese."

La sua espressione era ancora più incredibile di quanto pensassi. Le lacrime gli riempirono di nuovo gli occhi e tutto il suo viso cambiò, mostrando la sua paura e ansia. Ho premuto ancora un po', sentendo ancora di più la mia spessa asta che veniva avvolta dal suo sedere. "Ma dovrai aspettare un po' per quello", dissi e il suo viso si illuminò leggermente di speranza. “Prima di tutto devo punirti per esserti pisciato addosso. Ma prima ancora di farlo, penso di meritare una piccola ricompensa”. Il briciolo di speranza era scomparso dal suo volto. Sembrava di nuovo terrorizzato. "Ci sono ancora un paio di punti sul tuo corpo che non ho ancora pulito." E con un'ultima spinta dei miei fianchi, ho sentito l'asta del mio cazzo toccare il fondo nella sua fessura e sapevo che il suo stesso cazzo era premuto strettamente tra la sua pancia e la roccia.
Con un ultimo bacio veloce, scesi lungo il suo corpo finché la mia faccia non fu proprio sopra il suo piccolo sedere sodo. I suoi muscoli dei glutei erano piccoli ma tonici. Avrei potuto afferrarli entrambi con una mano, tuttavia non ho potuto resistere all'uso di entrambe le mani, volendo sentire ogni piccolo globo separatamente. Mi sono preso il tempo necessario per allargargli le guance, sbuffando e annusando lungo la strada. Il suo sedere era strano. Probabilmente ancora più puzzolente della pianta dei suoi piedi, tuttavia, la puzza non mi causò nemmeno il minimo disgusto. In realtà, ha causato l’esatto contrario. Ero così eccitato quando finalmente mi sono permesso di iniziare a leccare il suo crack sudato che se avessi afferrato il mio cazzo in quel momento e gli avessi dato una mezza dozzina di pompate, sapevo che sarei esploso.
A quel punto il tempo non aveva più alcun significato. Ho iniziato leccando il precum che il mio cazzo era fuoriuscito proprio in cima alla fessura, poi ho lasciato lentamente che la mia lingua vagasse lentamente verso il basso. Avrei potuto mangiare il sedere del ragazzo per dieci minuti, un'ora o tre, non ne avevo idea. All'inizio il ragazzo ha lottato contro di me, poi quando sono entrato davvero, il suo crack gocciolava con il mio sputo mentre cercavo di infilare la lingua attraverso lo stretto anello dei muscoli, ha allargato un po' le gambe così ho avuto un migliore accesso al sedere. Quando finalmente mi fermai, gli ci vollero alcuni secondi per rendersi conto che non sarei tornata indietro per secondi e girò la testa all'indietro per guardarmi.
Lo stavo fissando con uno sguardo di intensa lussuria negli occhi e la saliva che mi ricopriva e gocciolava dal viso. "Girati, frocio," dissi con tono energico, "voglio dare un'altra occhiata a quel tuo piccolo, piccolo pisello."
Si mosse lentamente, ma obbedì. Il suo uccello era ancora rigido e duro come un osso. E ho visto, mentre si girava, che c'era un grosso punto umido sulla roccia dove prima c'era la punta del suo uccello. "Guarda che piccola stronzetta," dissi, indicando il punto buio sulla roccia. “Devi aver pisciato un po' mentre ti mangiavo il sedere. Scendi lì e leccalo. Sapevamo entrambi che non aveva pisciato e sapevamo esattamente cosa stava leccando dalla roccia, ma sapevo che il ragazzo non avrebbe nemmeno preso in considerazione l'idea di correggermi.

"Va bene", dissi dopo un po 'e il ragazzo smise di leccare la roccia, sebbene rimase accovacciato, muovendosi solo la testa. "Ora vieni qui e siediti al limite." Egli fece. Ho potuto dire dalla sua postura che era esausto. Sapevo nel grande schema delle cose che la sessione era stata in moto solo per un piccolo tempo. Un'ora e mezza, forse due ore. Ma avrei messo il mio ragazzo molto in quel momento. Tuttavia, ero sicuro che la fase successiva che avevo programmato lo avrebbe reso ancora più energico di quanto non fosse stato nel nostro tempo insieme So-Far.
Si sedette sull'enorme roccia piatta con le sue morbide gambe che pendevano sul bordo. Le sue spalle erano curve e la sua testa era il più basso possibile, con lui ancora in grado di guardarmi negli occhi. Non era un ragazzo stupido. Sapeva già meglio che distogliere lo sguardo da me. Il suo cazzo stava sporgendo tra le sue cosce senza peli, ben tonificate ma lee, solo un tocco più alto che parallelo al suolo. C'era una serie di capelli simile a una chiara fluida che scendeva dalla testa di cazzo rivestita del ragazzo. La mia bocca cominciò ad annaffiare. Mentre leccava il suo precum dalla roccia, il suo cazzo si era sgonfiato un po '. Era anche notevolmente più piccolo di quanto l'ho mai visto prima. Sapevo che avrebbe scattato completamente in pochi secondi, se me lo avessi preso in bocca. Questo è quello che volevo fare. Ma prima...
Ho indicato tra le gambe e sibilò, "Cos'è quello?"
La sua testa si spezzò e vidi aumentare la paura del viso. Guardò la mia mano indicata, poi dove stava puntando. Le parti del suo corpo che non erano già colorate da graffi o lividi divennero rosso vivo. È iniziato in faccia, poi il rossore rosso scendeva il suo corpo ectomorfo. In quel momento, non sembrava pallido. Abbassò lo sguardo sul suo cazzo e entrambi lo guardammo cadere. A poco a poco, come gli spruzzi d'aria che venivano liberati da un palloncino, fino a quando non era più perpendicolare al terreno, ma indicandolo. La corda di precum diluita e addensata, agitata e ondeggiata, ma non si rompeva. Quando il cazzo del ragazzo iniziò a raggrupparsi e diventare notevolmente più piccolo, raggiunse la ghiaia ai nostri piedi.
"Che cazzo è quello?!" Ho detto un po 'più forte e indicando più fortemente. E proprio mentre la sua testa tirava gli occhi dal suo cavallo, l'altra mano, la pianificazione aperta gli colpì il viso. Tranne dove l'ho colpito (e i suoi dossi e lividi) tutto il suo corpo è tornato di nuovo, ancora più pallido di quanto non fosse stato prima.
"È il mio cazzo", sbottò.
“Lo chiami un cazzo raggruppato, poca cosa?! Merda, hai a malapena i capelli che crescono laggiù. I cazzi sono pelosi. Il tuo piccolo bambino è peloso? "
"No", sussurrò, guardandomi, ma non voleva.
"Quindi dovrò chiedere una terza volta", ho detto dolcemente quanto il suo sussurro. "Che cazzo è quel piccolo, piccolo verme che pende tra le tue fottute gambe!?!" Ho indicato di nuovo una mano e ho schiaffeggiato l'altra. La sua attenzione fu, ancora una volta, presa dalla mano indicata e non fu fino all'ultima frazione di un secondo che il movimento del mio braccio attirò la sua attenzione e si voltò verso di essa. Mi sono messo il lato del viso abbastanza fermamente e tutto il suo corpo si è mosso con lo schiaffo. Emise un guasto dolorante e, mentre si raddrizzò e mi guardava di nuovo negli occhi, vidi che stava piangendo.

"È il mio cazzo", le sue parole erano a malapena respirato e quasi impossibile ascoltare i suoi morbidi singhiozzi, "il mio bambino."
"A cosa serve?" Ho chiesto burbero, avvicinandomi un po 'a lui.
I suoi occhi lampeggiarono di pensiero e disse, dolcemente e semplicemente, "niente".
"Niente?" Ho detto, cercando di sembrare un po 'più bello e abbastanza curioso.
Un altro flash incrociò gli occhi, "Beh, lo uso per fare pipì e, beh, diventa duro e roba."
"Puoi far uscire le cose?" Ho chiesto, poi ho chiesto di nuovo con parole diverse: "Fai uscire le cose?"
Annuì.
"Fallo." Dissi: "Prendilo duro e fai delle cose da emergere."
"Io," iniziò e vide la mia mano aperta avvicinarsi, quindi afferrò il suo piccolo cazzo flaccido e iniziò a strofinarlo. La mia mano non è tornata e tornata al mio fianco. Ho visto il ragazzo per un po '. Aveva entrambe le mani che andavano al suo cazzo, tirando e pizzicando, tirando e strappando, accarezzando e tremando, ma non è successo nulla. Bene, è andato un po 'più a lungo da tutta la manipolazione, ma non ha iniziato a diventare difficile.
"Fucking piccolo, buono per nulla," ho sputato dopo un momento o due. "Ragazzo, hai ancora molta strada da fare prima che tu possa mai chiamare quella cosa pietosa di nuovo un cazzo. I cazzi sono grandi, duri e pelosi ”, ho premuto i fianchi in avanti e ho sentito le mie cosce che mi urlavano le ginocchia. "Dimmi, quale di questi è un cazzo e quale è un pezzo appassito di spaghetti?"
"Il tuo è un cazzo", ha detto diligentemente, "Il mio è spaghetti."
"Non riesci nemmeno a ottenere la cosa fottuta, vero?"
Scosse la testa e iniziò a piangere un po 'più forte.
"Sicuramente sei una piccola fica senza valore", dissi in un tono forte, chiaro e piuttosto gioviale. "Non riesco nemmeno a ottenere quel piccolo coglione, potrebbe anche essere una fottuta bambina." Sapevo che gli sarebbe arrivato. L'ho fatto programmare con i ricordi di essere scherniti dai suoi compagni di scuola. Lo chiamavano ogni nome nel libro. Sebbene ci fosse un ragazzo, un ragazzo più grande di Lost-Boy Prime, che era il ragazzo più bello e sexy a scuola, un ragazzo che l'immagine era usata in molte delle fantasie di masturbazione che avevo programmato come ricordi, l'unico ragazzo dei quali C'erano ricordi di desiderio e profondo desiderio e in quei ricordi che il ragazzo si riferiva a Lost-Boy come una delle due cose. È stato un rapido, tritato, "Fagot!" O una ragazza dolcemente sibilata, "cazzo!" Quelle erano le due parole che punto peggiorano. Potrei dire che tutto ciò che voleva fare era rannicchiarsi e morire. E ancora di più, sapevo che voleva distogliere lo sguardo da me. Ma non osava. Quindi, dopo avergli dato uno sguardo intenso, distolsi lo sguardo da lui e iniziai a sfuggire.

“Dovrei chiamare uno dei cani e farlo mordere quella cosa senza valore. Farti una vera ragazza. Fucking Piccola fica di un frocio non merita di vivere, figuriamoci .... "
Il suo singhiozzo divenne più forte e le sue mani iniziarono a muoversi ancora più velocemente nel suo cavallo. Anche se il suo cazzo, mentre sembrava ancora un po 'più lungo, era ancora senza vita come un noodle bagnato. Tutto ciò ha avuto l'esatto effetto opposto su di me. Il mio cazzo pulsava. Non volevo altro che spingerlo in bocca e fargli bere un altro carico del mio sperma. E mentre il mio piano finale era quello di ottenere quel carico in profondità nella sua pancia, non avevo intenzione di darglielo in bocca. E avrei dovuto aspettare un po 'per quello. Aveva una punizione in più prima di quella.
Mi sono concentrato duramente sul controllo del mio corpo, facendo tutto il possibile per sopprimere gli intensi impulsi e le mie esigenze primarie e pulsanti. Sento che il nodo di pressione tra le mie palle e il culo inizia a rilassarmi, facendo respiri profondi, mi preparo. Anche lui è pronto. Stava singhiozzando in modo incontrollabile, tutto il suo corpo tremava, le sue mani stavano ancora andando al suo piccolo cazzo rosa, anche se con molto meno entusiasmo
di prima, sicuramente la prima volta che ha giocato con se stesso senza che diventa difficile.
Sapevo che dovevo evitare di farmi allegare troppo, quindi dopo un paio di respiri profondi ho detto: "Fermati". Mi sono costretto a non sembrare solo annoiato e come se non mi potesse fregare di meno, mi sono costretto a sentirlo. Era l'unico modo per funzionare. "Semplicemente fermati. Questa è una fottuta perdita di tempo. Che tipo di frocio sei? Ho un cazzo duro proprio davanti al tuo viso e non puoi nemmeno avere un fottuto boner. "
Le sue mani smettevano di muoversi ma rimasero in grembo, coprendo il suo morbido, piccolo cazzo.
"Guardami."
Potrei dire che ci è voluto tutto ciò che doveva sollevare la testa e incontrare i miei occhi. I suoi occhi erano rossi e così gonfi dal piangere che erano appena aperti e attraverso tutte le lacrime, mi chiedevo se fosse persino in grado di vedermi. Non che avesse importanza.
"È tempo per la tua prossima punizione", ho detto suonando e cercando di sentirmi anche molto meno eccitato di quanto la prospettiva mi abbia fatto sentire. Non potevo lasciarmi perdere il controllo. Ma guardando il corpo nudo del ragazzo iniziare a tremare ancora più forte e più lacrime che gli allavavano gli occhi, era estremamente difficile regnarmi. Ma sapevo che se il piano avrebbe funzionato, avevo bisogno di un controllo completo del mio corpo. "Sei una bambina cattiva e che ha incazzato su se stessa", ho fatto un respiro profondo e calmante, "e per questo devi essere punito".

Potrei dire che ogni oncia del ragazzo voleva strapparmi gli occhi lacrimanti. E che non lo faceva, beh, sapendo quanto fosse orribile, sapendo cosa gli stavo facendo, mi ha fatto sentire come se avessi più controllo sul ragazzo di quanto non avessi fatto su di me. (E sì, in fondo sapevo che in effetti avevo il controllo completo sulla simulazione. Sebbene, con l'incredibile realismo del simulatore, era abbastanza facile seppellire quella conoscenza così profonda che l'ho considerata a malapena.)
"Apri la bocca", dissi, allungando la mano per afferrare il mio cazzo rigido, anche se non più palpitante. Feci un altro respiro profondo mentre guardavo il bellissimo ragazzo, il suo viso ancora una volta sparpì di lacrime, aprire la bocca, che a causa del suo singhiozzo, era filare con Salvia. Quella vista non ha aiutato affatto i miei problemi di controllo. Il mio bisogno era di spingere il mio cazzo in fondo alla gola del ragazzo, sapendo che la via era molto ingrassata e sapendo che se lo facessi, non ci sarebbe modo di impedirmi di scoppiare. Non ancora...
Ho preso una manciata di capelli scuri ancora umidi nella parte posteriore della testa con una mano, con l'altra, ho guidato il mio cazzo alla sua bocca. Mi sarebbe piaciuto aver prestato molta più attenzione a ciò che stavo facendo, piuttosto che concentrarmi così tanto sulla mia moderazione. Emise un piagnucolio quando la testa del mio cazzo si toccò il labbro. Sentire che non ha aiutato un po '. Ho fatto un altro respiro profondo e mi sono voluto per rilassarmi. Era l'unico modo. È stato piuttosto difficile e ha preso la maggior parte della mia concentrazione e concentrazione. Relax. Lascia che accada.
Ho tenuto la sua faccia lì per un bel po 'prima di poter fare come avevo programmato. La testa del mio cazzo mi toccava le labbra, anche se non si scatenò oltre nella sua bocca calda e bagnata. Come un buon ragazzo, ha combattuto i propri impulsi e ha tenuto la bocca aperta. Alla fine, ho dovuto chiudere gli occhi, era l'unico modo in cui sarei stato in grado di rilassarmi abbastanza. Ho faticato ad allentare i muscoli necessari e quando finalmente è successo era solo un secondo prima che si bloccassero di nuovo. Ma è stato abbastanza per inviare uno spruzzo caldo del mio piscio in bocca.
Il suo corpo reagì subito. Ha cercato di chiudere la bocca e allo stesso tempo ha cercato di tossire e sputare. Ha cercato di allontanarmi la testa da me, ma l'ho tenuto saldamente dove era con i suoi capelli folti e scuri serrati nel mio pugno. E ho dovuto tirarmi indietro i fianchi proprio al tatto, per non sentire la sua bocca sputtering che toccava davvero la testa del mio cazzo. Mi sono concentrato con tutto ciò che avevo e, quando ho sentito di nuovo i muscoli rilassarsi, ho stretto ancora di più la mia presa sulla parte posteriore della testa e ho guidato il mio cazzo in bocca.
"Bevi, puttana!" Ho grugnito e ho iniziato a pisciare. Questo scatto è durato un po 'più a lungo del primo, anche se solo di un secondo. E questa volta, il ragazzo era in qualche modo preparato per questo. Anche se ha ancora soffocato e sputato su di esso, riuscendo a sputare più del mio incazzo di quanto abbia ingerito.

Mi sono stretto e mi sono tolto la mano dal cazzo. Con l'altra mano ancora avvolta nei suoi folti capelli scuri nella parte posteriore della testa, ho iniziato a schiaffeggiarlo. Non difficile, intendiamoci, ma quanto basta da sapere che intendevo fare affari. "Berrai ogni goccia del mio piscio per avermi fatto leccare il tuo dal tuo corpo. E se versa anche un altro cazzo, ti farò mangiare un pezzo di merda foro di vapore, subito dal mio culo. " Ora, non era qualcosa che avevo intenzione di farlo fare. In effetti, ero disgustato dall'idea. Piss era una cosa. Ma l'idea che quella bella bocca venga contaminata da merda, beh, potrei essere un ragazzo stravagante, ma non così stravagante. Sapevo, tuttavia, che la minaccia avrebbe scosso il ragazzo fino al suo nucleo. Le sue labbra si sono sigillate intorno alla testa del mio cazzo e ho emesso un altro scatto. Questa volta, l'ho sentito succhiare, bere la mia piscia. Ho iniziato un flusso lento. Potrei dire che non gli piaceva, ma ha ingoiato tutto. Dopo un momento, mi sono rilassato un po 'e ho lasciato aumentare il flusso. Ha iniziato a succhiare e deglutire un po 'più forte e un po' più veloce. Poi ho smesso di limitare il mio flusso e gli ho dato uno squirt a tutta forza. Ha provato. So che ci ha provato. Ha fatto del meglio che poteva, ma ci è voluto solo un secondo prima che sentivo il sigillo che le sue labbra avevano attorno alla mia testa di cazzo fallimento e Piss iniziò a gocciolare sul mento.
Quella vista ha inviato un'ondata di sangue tra le mie gambe, il che ha fatto mettere il mio flusso solo un secondo e in quel momento, il ragazzo ha raggiunto ciò che aveva già in bocca e, una volta che ho iniziato a pisciare di nuovo a tutta forza, lui 'D ebbe il controllo e a parte quel dribbling, inghiottì tutto il resto che dovevo dargli.

Storie simili

Provare qualcosa di nuovo_(1)

Provare qualcosa di nuovo (terza persona) Toni e Justin sono appena tornati nel nuovo appartamento di lei e di sua sorella, Davina, dopo aver passato l'intera giornata a fare shopping al centro commerciale. Justin ha appena parlato a Toni di alcuni nuovi abiti ma non li aveva ancora visti su di lei. È stata una lunga giornata e sono entrambi stanchi. Beh, sembra che Davina non sia più a casa, dice Justin mentre entrano nell'appartamento. A Justin piace quando sono soli perché Davina è sempre ovunque e non permette loro di entrare in intimità. Capisco, esprime sarcastico Toni con un sorriso...

355 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

287 I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

1.7K I più visti

Likes 0

RD e lo stupro di Mon 2

Torneremo domani, con gli abiti che ti sarà permesso di indossare qui in casa, indosserai quello che ti diciamo, quando te lo diciamo, e non ti lamenterai, vero? Di nuovo, la mamma si limitò ad annuire con la testa per acconsentire. Ora, visto che sta per succedere, tanto vale che tu lo faccia il meglio che puoi. Ha dato alla mamma uno spinello che Chris aveva acceso. La mamma lo prese senza cambiare espressione e cominciò a inspirare. Matt si sedette accanto a lei; Chris dall'altro, e ognuno prese un seno e cominciò a giocarci. Era così intenso, o erotico. Mamma...

575 I più visti

Likes 0

Potrei aiutarti... Parte I

Io e la mia ragazza siamo sdraiati nel suo letto. Aveva 23 anni in quel momento, il suo nome è Tanya. Io ero nudo, lei indossava un top bianco attillato e una sottoveste di seta, anch'essa bianca. Adoravo il modo in cui i suoi grandi seni le riempivano la maglietta, i suoi capezzoli erano duri e spingevano ulteriormente la mia eccitazione. Come molte volte prima che guardassimo un film porno. Ma qualcosa di molto speciale era diverso quel giorno. Non eravamo soli... Mi chiamo Tomas, sono un ragazzo di 27 anni con i capelli biondi e gli occhi blu verdastri. Sono...

571 I più visti

Likes 0

Orario alternativo

Sono il direttore di un complesso carcerario speciale nell'America centrale del Sud e i miei prigionieri appartengono a una categoria unica a causa della natura dei loro crimini. Le prigioniere qui sono tutte donne attraenti... e hanno avuto la possibilità di scontare tre mesi qui girando video porno sporchi... o scontare dieci anni nelle prigioni governative... un'alternativa spiacevole nella migliore delle ipotesi. Le carceri governative sono sovraffollate... e mal gestite, e corrotte... e le donne che scontano lì sono inevitabilmente danneggiate fisicamente e mentalmente per tutta la vita... sempre che siano abbastanza fortunate da sopravvivere alla dura prova. Le donne che...

393 I più visti

Likes 0

W & Piccolo D 05

Questo è un libro di 25.000 parole suddiviso in sette capitoli. AVVERTIMENTO! Tutti i miei scritti sono destinati SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono di fantasia e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale. Tutti i personaggi coinvolti nell'attività sessuale in questa storia hanno più di 18 anni. Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e...

365 I più visti

Likes 0

Momenti divertenti con Romy

Mi chiamo Matteo, ho 18 anni. Sono solo il tuo ragazzo normale con i capelli biondi e gli occhiali. Alcuni potrebbero definirmi un nerd ma non sono d'accordo. Ho appena terminato l'allenamento in palestra e sono andato velocemente negli spogliatoi per rinfrescarmi. Appena aperta la doccia ho sentito un forte inciampo seguito da un urlo. Mi sono messo dei pantaloni e sono andato alla fonte del suono. Sembrava provenire dallo spogliatoio femminile. C'è qualcuno lì dentro? “Sì, per favore aiutami” Quando sono entrato sono rimasto scioccato nel vedere la mia amica di lunga data e compagna di palestra Romy, nuda e...

352 I più visti

Likes 0

Divertimento per il pigiama party_(0)

Se non credi nel materiale dei ragazzi questa non è una storia per te. Per favore, dammi un feedback perché questa è la mia prima storia. Ciao, sono Charlie. Sono un ragazzo di 14 anni con i capelli castani. Sono alto 1,70 e ragionevolmente magro. Ho gli occhi verde-blu e mi sono sempre considerata etero, ma ogni tanto fantastico sui ragazzi. Quindi vi racconterò una piccola storia di quello che è successo non molto tempo fa..... Erano le vacanze e finora mi ero rilassato, ma mi stavo annoiando, così ho chiamato due dei miei amici e ho chiesto loro se volevano...

293 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.