Il mio primo fidanzato 3

338Report
Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: "Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei" oppure "Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a quel culo".

La parola Imbarazzante non rispecchiava esattamente il modo in cui sentivo giustizia. Mortificato o umiliato forse sarebbe stato meglio. Anche se devo ammettere che ero più eccitato di quanto pensassi di essere mai stato. Non potevo credere a quello che stava succedendo o a come mi faceva sentire. Penso che la cosa più sorprendente sia stata che ogni volta che Sam mi chiamava ragazza, o troia, o puttana, beh, sentivo una pulsazione tra le gambe ad ogni nome orribile che mi chiamava, facendo sembrare che il mio cazzo diventasse ancora più duro che duro . Ballavo goffamente, sentendo gli occhi del mio fratellastro muoversi su di me mentre sedeva lì a strofinarsi la parte anteriore dei jeans. Continuava a insultarmi e mi diceva cosa trovava sexy in me.
"Merda, guarda un po', le tue gambe sembrano tutte glabre e schifose, proprio come quelle di una ragazza."
"Stai pensando a me che succhio quelle tette mentre te le strofini, troia?"
“Piegati un po', così posso dare una bella occhiata al tuo culetto stretto. Sì, è tutto, piccola puttana.
Non ho idea di quanto sia andato avanti, anche se so di aver spinto più che potevo, cercando di non mostrare a Sam quanto mi stavo eccitando. Solo quando non potevo più resistere assolutamente, ho spostato lentamente una mano lungo il mio corpo e l'ho fatta scivolare sotto la minigonna nera che indossavo, e ho iniziato a toccarmi tra le gambe.
"Oh, cazzo, sì", disse Sam. La sua voce era dolce, ma il suo tono sibilava ed era piuttosto aspro. "Ti stai facendo così sexy, ballando per il tuo ragazzo, che devi iniziare a giocare con la tua figa?"
Ho quasi smesso di fare quello che stavo facendo e ho spiegato a Sam l'ovvio, che avevo un cazzo, non una figa, ma poi mi sono reso conto. Avrei potuto essere un ragazzo, ma mentre Sam sedeva lì e osservava la mia danza goffa, strofinando il rigonfiamento che il suo cazzo aveva formato nei pantaloni, vide una ragazza, che indossava calze e reggiseno, una minigonna e tacchi alti, come se oltre ad una lunga parrucca castana e un viso tutto truccato. Era come se stessi interpretando un ruolo. E dalla dimensione del rigonfiamento nei pantaloni del mio nuovo ragazzo, pensavo che anch'io stavo facendo un buon lavoro. Ho iniziato a comportarmi come avevo fatto quel pomeriggio, prima che Sam mi sorprendesse vestita da ragazza, mentre vagavo per la casa, comportandomi come una ragazza con il polso molle e assicurandomi che il mio sedere si muovesse e le mie tette fossero spinte in fuori. E quando mi ha colpito, tutto è cambiato.
Non riesco a spiegarlo, ma in qualche modo in quel momento non mi sentivo più goffo o a disagio. Ho trovato il mio centro di equilibrio e all'improvviso i tacchi a spillo che indossavo sembravano parte dei miei piedi e non avevo più paura di cadere. E invece di afferrare il mio cazzo duro, me lo sono spinto contro la pancia e ci ho massaggiato sopra, come se stessi davvero accarezzando una fica. Sollevai l'altra mano dal petto imbottito di calzini alla bocca e infilai un dito tra le labbra dipinte. Ho fatto un respiro profondo e ho provato a stringere forte tutto il corpo, proprio come avrebbe fatto quella ragazzina bionda che cantava per il Presidente. Sbattei le ciglia con il mascara verso Sam e strinsi le ginocchia.
"Vaffanculo!" esclamò e prima che me ne rendessi conto, il mio bellissimo e virile fratellastro era in piedi e io ero avvolto nelle sue grandi e forti braccia.

Ho combattuto il mio primo istinto, che era quello di staccarmi da Sam, e invece ho tolto le mani dall'inguine e dalla bocca, e mi sono stretto forte contro di lui, avvolgendo le mie braccia intorno alla sua schiena. Ha iniziato a muoversi e per qualche secondo ho perso di nuovo l'equilibrio, poi ho capito che c'era un ritmo nei movimenti di Sam, e se mi fossi mosso con lui...
Abbiamo ballato. Lentamente, i nostri corpi si muovevano insieme, intorno al soggiorno. Le braccia di Sam erano intorno alla mia vita e ogni tanto una delle sue mani si abbassava e la sentivo sulla guancia. Le mie braccia viaggiavano lungo la sua schiena, le sue spalle e qualche volta mettevo un braccio tra di noi per sentire il suo petto, e anche la mia faccia si avvicinava proprio lì. Ho anche allungato la mano e palpato il suo culo muscoloso un paio di volte. Non avevo mai ballato un lento prima, quindi con il mio corpo così stretto contro quello di Sam, mi sono semplicemente mossa insieme a lui. Sono inciampata solo un paio di volte, con quegli spuntoni ai piedi, la spessa moquette e tutto il resto, anche se non avevo paura di cadere con le braccia del mio ragazzo attorno a me.
Dopo un po’, forse un bel po’, ho sentito il corpo di Sam tendersi contro il mio. Pensavo che forse stesse per sparare una carica, cosa che in qualche modo ero riuscita a trattenermi dal fare, tenendo presente la promessa fatta dal mio ragazzo. Se fossi stato bravo e avessi fatto tutto quello che aveva detto, mi aveva promesso di lasciarmi andare. Ma quando ho sentito il suo corpo irrigidirsi e ho pensato che stesse per scattare, ho dovuto lottare davvero per trattenermi dal fare lo stesso.
Ma poi, beh, non sarebbe venuto. Avevo la faccia appoggiata al suo petto, proprio nel punto in cui il suo braccio di pelle iniziava ad avvolgermi intorno, e stavo quasi respirando il profumo da lì, con il naso quasi sepolto nella sua fossa. Non si era fatto la doccia dopo quello che avevamo fatto quel pomeriggio e, considerando che era sceso due volte, beh, Sam aveva un odore piuttosto rancido. E quasi odio ammetterlo, ma adoravo il suo odore. Ogni respiro che prendevo da sotto il suo braccio rendeva il mio sangue scorrere sempre più caldo. E dopo tutto quel tempo a ballare con i nostri corpi stretti insieme, Sam era tutto ciò che potevo sentire. Era tutto ciò che potevo sentire. E ho quasi schizzato. Ma Sam mosse un po' la testa, e diede uno scatto alla spalla, cosa che spostò la mia testa in modo che fossimo faccia a faccia, forse a un centimetro tra noi, beh...
Non riuscivo a capire cosa significasse lo sguardo nei suoi occhi. Sembrava quasi spaventato. La sua voce era appena un sussurro e potevo sentire i morbidi sbuffi delle sue parole sulle mie labbra. "Sono così felice di averti incontrata, Tammy", disse e le sue braccia si strinsero un po' intorno a me. "E sono felice che tu voglia essere la mia ragazza."

Non potevo dire nulla. Il fatto che avesse cambiato il mio nome in "Tammy" non mi ha nemmeno turbato. Fece un respiro profondo, poi, sembrando davvero spaventato che glielo negassi, mi chiese: "Posso baciarti?" Invece di rispondere verbalmente, ho semplicemente avvicinato il viso, avvicinandomi di un centimetro e sentendo le nostre labbra toccarsi. Mi aveva già baciato prima e non lo capivo del tutto, ma in qualche modo questo bacio mi sembrava migliore, perché me lo aveva chiesto. E quando ha iniziato a cercare di infilarmi la lingua in gola, beh, ho aperto più che potevo in modo che potesse penetrarlo il più profondamente possibile.
Stava diventando caldo e pesante, e mentre ballavamo e ci baciavamo allo stesso tempo, ho cominciato a inciampare più spesso. Con la lussuria che prendeva il sopravvento sul mio corpo, la mia coordinazione ne soffriva e con quei tacchi a spillo, non riuscivo proprio a tenere le gambe svenute sotto di me. Poi l'ho perso e ho pensato che stavo per cadere a terra. Avevo una mano sul petto di Sam e l'altra sul suo inguine, quindi non avevo davvero niente da afferrare. Stavo cadendo, poi galleggiavo. All'improvviso ero tra le braccia del mio ragazzo e lui mi ha portato attraverso la stanza.
Sam mi ha fatto sedere in fondo alle scale e mi ha detto che voleva guardarmi il sedere mentre salivo le scale. Ho fatto un bello spettacolo per lui, muovendo i fianchi più che potevo sui talloni, e ho anche alzato la minigonna un paio di volte, dandogli una visione completa delle mie guance coperte di mutandine. Era ancora in fondo ai gradini quando arrivai in cima.
"Ora torna giù", disse, con quel sorriso sul viso. Mentre mi guardava, sicuramente riusciva a vedere fino alla minigonna fino al punto in cui il mio cazzo duro e le palle sporgevano attraverso le mutandine senza cavallo che indossavo. "Cazzo, sì, sei una ragazza carina", l'ho sentito canticchiare, mentre si strofinava il grosso rigonfiamento nei jeans. E quando ho raggiunto il fondo delle scale, la mano di Sam si è allungata e l'ho presa. Il mio ragazzo mi ha aiutato a fare gli ultimi gradini.
Mi ha dato un tenero bacio sulle labbra, poi si è allontanato, squadrandomi dall'alto in basso, poi ha detto: "Torno subito, non muoverti". E con questo se ne andò. Ho visto Sam correre su per le scale, l'ho sentito correre lungo il corridoio e, pochi secondi dopo, era tornato, correndo giù, facendo i gradini due alla volta. Aveva qualcosa tra le braccia, che capii fosse la sua giacca scolastica. Me lo mise sulle spalle e cominciò a riportarmi verso la cucina.
Ma quando siamo arrivati ​​alla porta del garage e Sam ha raggiunto la maniglia, mi sono tirato indietro un po’ e ho detto: “No, per favore”.
La presa del ragazzo più grande si strinse attorno alle mie spalle mentre apriva la porta. "Voglio uscire e fumare una sigaretta, non posso farlo qui, altrimenti mio padre ne sentirà l'odore e mi prenderà a calci in culo." Ancora non mi sono mosso. “Non preoccuparti, Tammy, nessuno ci vedrà. Fuori è buio. E se qualcuno ti vede, beh, sicuramente mi sembri una ragazza, e dubito fortemente che qualcuno riconoscerebbe mai chi sei veramente.

Ero un po' riluttante, ma sapendo che era ciò che Sam voleva, l'ho seguito. E davvero non mi piaceva questa cosa, "Tammy", ma ho avuto abbastanza buon senso da non dire nulla al riguardo. Ora ricorda, a quel tempo c'erano solo una mezza dozzina di case nel quartiere, quindi sapevo che molto probabilmente nessuno mi avrebbe visto. E sapevo anche che due delle sei case avevano una vista sul nostro cortile. Anche se per quel periodo dell'anno erano già le otto, ma con quello che avevo addosso....
Solo che Sam non mi ha portato nel cortile sul retro. Invece mi portò attraverso il garage davanti alla casa. "Andiamo a fare una camminata." Non era una domanda.
"No, Sam, per favore", implorai comunque. Ma con le sue braccia intorno a me e con i tacchi che indossavo, non avevo altra scelta che andare con lui.
"Per favore", dissi a bassa voce, ma in modo che potesse sentire mentre iniziavamo a camminare lungo il vialetto, mano nella mano, e potevo sentire ogni clic dei miei tacchi sul marciapiede. “Se torniamo dentro, farò quello che vuoi. Ti succhierò di nuovo il cazzo", ho fatto una pausa per un momento, cercando di pensare a cos'altro avrei potuto offrire. “Ti leccherò le palle e ti farò una sega. Quello che vuoi. Per favore, Sam, torniamo dentro."
"Farai tutto comunque", sibilò. "Ma c'è qualcosa che faremo prima." Lasciammo il vialetto e fortunatamente, come pensai all'inizio, Sam mi guidò a sinistra, lontano dalla maggior parte delle altre case. Poi ho capito che eravamo diretti nella parte meno sviluppata del quartiere. Tornando dove finiva la strada e tutto quello che c'era, c'era un grande campo circondato da boschi. Ma non siamo arrivati ​​a tanto. Riley imboccò il vialetto sterrato di una delle case ancora in costruzione. Aveva quattro muri esterni e un tetto, ma c'erano un paio di grossi buchi nei pavimenti e, anche se la maggior parte dei montanti erano montati, non c'erano muri all'interno. Era stata una stronzata risalire il vialetto sterrato e poi i gradini improvvisati fino alla porta d'ingresso (che non aveva ancora nemmeno una maniglia).
"Vedi", disse e mi diede un bacio dolce e veloce sulle labbra, "nessuno ci vedrà qui dentro". Ha raggiunto il mio petto e ha iniziato a toccarmi, ma non mi sembrava giusto. Poi mi sono accorto che stava entrando nel taschino della giacca, che indossavo sopra il mio completo da ragazza.
Sam tirò fuori dalla tasca un pacchetto di sigarette, poi si allontanò da me, interrompendo ogni contatto tra noi. All'improvviso mi sono sentito terribilmente strano. Stavo lì, cercando di non cadere dai piedi doloranti dai tacchi alti qualche centimetro, indossando calze a rete e un paio di mutandine con un grosso buco, una minigonna e un top a tubo, con la giacca di Sam sopra Me. Era una fredda notte d'autunno e avevo molta pelle esposta all'aria. Incurvai le spalle e mi strinsi addosso la sua giacca. E ho guardato mentre Sam tirava fuori un pacchetto di fiammiferi tra il pacchetto e l'involucro di cellophane, poi tirava fuori una sigaretta e se la metteva tra le labbra.

L'odore pungente del fiammifero acceso mi colpì il naso, sostituendo il profumo confortante di Sam e l'odore del legno appena tagliato. Poi, mentre avvicinava il fiammifero alla sigaretta tra le labbra, notai che non era una sigaretta normale. Era appuntito alle estremità e rugoso, non liscio come una sigaretta normale. E quando l'ha accesa e un profumo diverso mi ha colpito il naso, ha fatto clic. Il mio fratellastro ha fatto un paio di tiri dallo spinello, poi, con apparente nonchalance, mi ha tenuto in mano il tubo spiegazzato e fumante. Rimasi lì, tremando e lo guardai. Non avevo mai fumato erba prima. Avevo già fatto tirite di sigarette normali e non mi piaceva molto.
Poi i nostri occhi si sono incontrati e ho visto l’espressione cambiare sul viso di Sam. Si spostò contro di me e mi mise un braccio attorno alla vita. Mi diede un bacio, che aveva un sapore strano, poi si tirò indietro e mi portò l'altra mano al viso. L'articolazione era tra le sue dita lunghe e magre.
"Lo terrò", disse piano, stringendomi leggermente il punto in cui l'altra mano si era fermata, appena sotto il mio fianco. "Basta inspirare lentamente."
Sam ha spostato lo spinello sulle mie labbra e ho fatto come aveva detto. All'inizio non era poi così male. Sentivo il fumo in bocca e aveva un sapore davvero strano, ma quando il fumo mi colpì in fondo alla gola e stava per raggiungere i polmoni, persi il controllo. Lo stesso che facevo sempre quando provavo a tirare una boccata da una sigaretta. Sam mi tolse velocemente la mano dal viso e prima che potessi davvero tossire, la sua bocca coprì la mia. Mentre espiravo violentemente, lui inspirava i miei respiri. Poi l'ho visto esalare un po' di fumo.
"Proviamo in questo modo", disse quando ebbi ripreso fiato. L'ho osservato mentre dava un tiro profondo dallo spinello, poi quando lo tirava via, le sue labbra trovavano le mie e le aprivano. Ha espirato, quindi ho inspirato. Avrei voluto tossire, ma non era così forte da non riuscire a tenere sotto controllo il mio riflesso. Mi ha detto di trattenerlo il più a lungo possibile. Ho tossito solo un po', quando finalmente ho emesso il respiro. Ma tutto sommato non è stato poi così male.
"Mi piace di più così", dissi dolcemente, guardando Sam negli occhi.
"Sì, pensavo che l'avresti fatto," la sua voce sembrava accusatoria e i suoi occhi cambiarono, ma solo per un lampo, poi fece un altro grande polmone pieno di fumo d'erba, quindi mi posò un altro grande bacio a bocca aperta. Inspirai profondamente, prendendo tutto il fumo che mi offriva. E quando smise di espirare, sentii la sua mano sulla mia pancia nuda, che si muoveva lentamente verso l'alto, e cominciò a leccarmi l'interno della bocca con la lingua. Quando non riuscivo più a trattenere il respiro, ho iniziato a espirare e, sorprendendomi, Sam ha risucchiato il mio respiro nei suoi polmoni, da dove era iniziato. Allo stesso tempo, la sua mano finalmente arrivò al mio petto e, scavando sia sotto il top che sotto il reggiseno, iniziò a giocare con il mio capezzolo.

Abbiamo condiviso un altro paio di colpi di erba e molti altri baci e palpeggiamenti. Non c'era modo di impedire al mio cazzo di diventare duro, dato che per un bel po' di tempo eravamo nella casa semi-costruita a sballarci e pomiciare, Sam aveva le sue mani tra le mie gambe, sussurrandomi all'orecchio che figa calda Avevo. Non ho potuto resistere a palpare il suo grumo duro un paio di volte e ho amato la sensazione che si provava quando lo spingeva forte contro il mio cazzo, o contro la mia pancia. In effetti, ho amato praticamente ogni tocco che Sam mi ha dato. Non avrei mai immaginato che il mio fratellastro oscuro e meditabondo potesse farmi sentire così incredibile come stava facendo. Era come se tutto sembrasse incredibilmente incredibile per qualche motivo.
Quando finalmente abbiamo preso una boccata d'aria e Sam ha guardato l'orologio, ha iniziato a ridere. «Sono solo le otto e quarantacinque. Merda, pensavo fossero almeno le nove e mezzo o giù di lì." Ciò significava che erano passati solo quindici minuti da quando eravamo usciti di casa. Avrei anche immaginato che fossero passati almeno tre quarti d’ora.
Sam mi ha dato un bacio veloce e poi ha detto: “Andiamo a casa, Tammy. Voglio scoparti." La mia mente era altrove. Niente mi ha messo in difficoltà. Sono riuscito a uscire dalla casa non finita e lungo il vialetto di terra e pietra, aiutato solo da Sam. E anche quando siamo arrivati ​​alla strada abbastanza agevole, mi sono appoggiato a lui. Mi sentivo un po’ traballante, come se la mia coordinazione fosse un po’ persa. Ma per qualche motivo, semplicemente non me ne fregava un cazzo e ho tenuto stretto il mio ragazzo.
"Non è così facile camminarci sopra quando sei fatto, vero?" disse piano e ridacchiò leggermente. “Quando arriviamo a casa, te li tolgo. I tuoi piedi ti stanno uccidendo.
Lo fecero, e non solo i miei piedi, ma le mie caviglie sembravano sul punto di cedere. Ma non mi importava davvero. E quando Sam mi ha ricordato che ero fatto, beh, tutto aveva senso. E ad essere completamente onesto, l'ho adorato. Ero una ragazza giovane e sexy con il mio ragazzo del liceo, e stavamo per entrare e...
Cosa aveva detto Sam? Voleva farmi cosa? Stavo per dire qualcosa, perché non capivo bene cosa intendesse. Avrei potuto essere vestito da ragazza, ma ero un ragazzo. E un ragazzo non poteva scoparsene un altro, o forse sì?
Ma mentre stavo preparando la domanda nella mia mente, ho sentito la presa di Sam su di me rafforzarsi. Mi guardai intorno e notai un movimento. C'era qualcuno. Era uno dei vicini, che portava la spazzatura sul marciapiede.
"Ciao, Sam", disse l'uomo in tono affabile, "Come stanno tuo padre e la tua matrigna?"
"Sono fantastici, signor McAllister", ha risposto Sam, altrettanto gentilmente. Entrambi potevamo vedere l'uomo che mi osservava. "Questa è la mia ragazza, comunque, Tammy."

Ha colpito tutto. Conoscevo quest'uomo. Mi conosceva. Ed eccomi qui, vestita come una puttana da due soldi, a meno di tre metri tra noi mentre mi salutava. Ho alzato la testa solo quanto necessario, per non essere scortese, e ho fatto un piccolo cenno all'uomo. Sam mi ha dato un pizzicotto veloce e forte sul sedere e la mia bocca si è aperta per dire: "Ahi!" ma invece, mi sono sentito dire, con un tono di voce falsamente alto: "È un piacere conoscere anche lei, signor McAllister". Pregavo che l'uomo non notasse il rigonfiamento sul davanti della mia gonna, anche se si stava lentamente attenuando a causa della mia paura.
"Tammy e sua cugina sono venute a trovarmi e, beh, sua cugina ha una cotta per Tom, quindi abbiamo deciso di fare una passeggiata in modo che potessero passare un po' di tempo da soli." Per tutto il tempo in cui parlò, continuammo a camminare. Potevo sentire gli occhi dell'uomo muoversi su e giù per il mio corpo vestito in modo inappropriato (se non semplicemente inappropriato, almeno non per il tempo) per tutto il tempo che abbiamo camminato davanti a casa sua. E pensavo addirittura di poter sentire i suoi occhi sul mio sedere mentre ci allontanavamo da lui, poi ho capito che era la mano di Sam sul mio sedere.
Non appena siamo tornati nel garage e la porta si è chiusa, Sam mi ha preso tra le braccia e mi ha dato un grande bacio bagnato. "Ti voleva", disse quando il bacio finalmente si interruppe. "Sig. McAllister, intendo. Lo capivo da come ti guardava. Scommetto che entrerà subito e si scoperà quella sua moglie grassa, pensando a te. Poi mi ha baciato di nuovo. Proprio lì nel garage. E dopo un po' siamo tornati a casa.

Storie simili

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

1.9K I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

1.8K I più visti

Likes 0

Margherita punana cap 5

ATTENZIONE: questa storia contiene dolore e bestialità che non sono cosa da tutti. Contiene anche un trattamento molto duro di una troia del dolore, quindi leggi a tuo rischio e pericolo. Se non ti piace quel genere di cose, per favore non leggerlo e poi posta wow, questo è malato! Ti avverto in anticipo. =================================================== =============== NOTA: a causa di troppe trame in corso contemporaneamente, separerò la storia della margherita dalla storia della punana. Ecco la mappa: Daisy modificata (nessun segno di capitolo) è tutta punana Daisy modificata ch 2: è tutta punana Daisy ha modificato il capitolo 3: introduce RL...

519 I più visti

Likes 0

Tutti guardano

Dopo anni con un ragazzo che non riusciva a soddisfare i miei bisogni ero così arrapato che tutto ciò a cui riuscivo a pensare era il sesso. Ho un coniglio rampante: la strega si abitua molto ma non è ancora brava come un uomo. Un giorno ero al collage e si è presentato un nuovo ragazzo e oh mio Dio ero così bagnato e arrapato solo a guardarlo. Aveva perfetti occhi azzurri, lunghi capelli biondi e muscoli da morire. Per la mia gioia lo sapeva perché si è seduto accanto a me e mi ha detto ciao, ok. Tutto quello che...

421 I più visti

Likes 0

W & Piccolo D 05

Questo è un libro di 25.000 parole suddiviso in sette capitoli. AVVERTIMENTO! Tutti i miei scritti sono destinati SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono di fantasia e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale. Tutti i personaggi coinvolti nell'attività sessuale in questa storia hanno più di 18 anni. Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e...

364 I più visti

Likes 0

Momenti divertenti con Romy

Mi chiamo Matteo, ho 18 anni. Sono solo il tuo ragazzo normale con i capelli biondi e gli occhiali. Alcuni potrebbero definirmi un nerd ma non sono d'accordo. Ho appena terminato l'allenamento in palestra e sono andato velocemente negli spogliatoi per rinfrescarmi. Appena aperta la doccia ho sentito un forte inciampo seguito da un urlo. Mi sono messo dei pantaloni e sono andato alla fonte del suono. Sembrava provenire dallo spogliatoio femminile. C'è qualcuno lì dentro? “Sì, per favore aiutami” Quando sono entrato sono rimasto scioccato nel vedere la mia amica di lunga data e compagna di palestra Romy, nuda e...

351 I più visti

Likes 0

Provare qualcosa di nuovo_(1)

Provare qualcosa di nuovo (terza persona) Toni e Justin sono appena tornati nel nuovo appartamento di lei e di sua sorella, Davina, dopo aver passato l'intera giornata a fare shopping al centro commerciale. Justin ha appena parlato a Toni di alcuni nuovi abiti ma non li aveva ancora visti su di lei. È stata una lunga giornata e sono entrambi stanchi. Beh, sembra che Davina non sia più a casa, dice Justin mentre entrano nell'appartamento. A Justin piace quando sono soli perché Davina è sempre ovunque e non permette loro di entrare in intimità. Capisco, esprime sarcastico Toni con un sorriso...

355 I più visti

Likes 0

L'innocenza della grazia

L'INNOCENZA DELLA GRAZIA Max Dexler sedeva sul bordo della scrivania sfogliando pigramente una raccolta di CV. È questo il lotto, Sue Sì, papà, disse Sue tornando con due caffè. Sono un gruppo piuttosto dispiaciuto, ma ce n'è uno che potrebbe piacerti E il suo nome è... “Grace Halifax papà. Il meno qualificato ma stranamente il più appropriato” Grace... Grace... Grace... ah eccola qui disse Max sfogliando il curriculum. “22 anni ed è una studentessa universitaria che studia Farmacia. Potrebbe essere interessante. È stata un'istruzione totale per la nostra Gracie. Nessuna reale esperienza lavorativa di alcun tipo. Cosa ti fa pensare che...

267 I più visti

Likes 0

Festa dello sguardo

Londra è una bella città in cui vivere, soprattutto se sei uno studente che va all'università e ama le feste Non è una novità e lo sanno tutti. Così fanno tutti i proprietari. Con i loro prezzi folli, chiedono una stanza, a volte è difficile per gli studenti tenere il mento fuori dall'acqua, soprattutto se i loro genitori non sono di Knightsbridge, ad esempio. Ma come sempre ci sono alcune eccezioni. Fuori dal centro città, a poche miglia a nord di Westminster, dove in realtà ci sono diverse case che, diciamo, “fuori dall’ordinario”. Perché? Ebbene, dalle testimonianze di alcune delle cosiddette...

287 I più visti

Likes 0

Essere costretti (diversi POV)

CIAO! Mi chiamo Lucy. Ho i capelli lunghi e biondi che incorniciano il mio viso e gli occhi verdi. Vengo da una famiglia molto religiosa – mormone in effetti – quindi sono (o ero) molto ingenuo e innocente. Domenica pomeriggio ero seduto sul mio letto e leggevo il Libro di Mormon mentre il resto della mia famiglia era fuori a far visita a un amico di famiglia. Non ho sentito nessuno entrare in casa ma all'improvviso c'era un uomo che bussava alla porta aperta della mia camera da letto. L'ho riconosciuto dalla chiesa. “Ehi Lucia! Tuo padre è a casa? Mi...

336 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.