Master PC - Cumming in Cymru - Capitolo 07

216Report
Master PC - Cumming in Cymru - Capitolo 07

“AHHH! OH DIO! OH DIO! DIO MIO!"

Dylan fu svegliato la mattina dopo da grida orgasmiche di estasi, che sembravano provenire dalla stanza di suo padre. La voce sembrava quella di Caroline, quindi presumibilmente Gareth si stava godendo la sua nuova segretaria, e lei si stava godendo la sborrata costante grazie al tocco orgasmico del suo dio. Dylan gemette e si rigirò nel letto.
"Va tutto bene, Dylan?" Dylan aprì gli occhi e guardò il telefono sul comodino, dove l'interfaccia utente gli sorrideva.
"Non ti ho eccitato", ha detto.
"Non mi hai spento ieri sera", ha detto. Dylan l'aveva usata per succhiargli il cazzo e per scherzare con ragazze a caso. Una madre in Venezuela aveva iniziato a succhiare il cazzo di suo figlio, e una ragazza fortunata in Giappone aveva goduto di un orgasmo di 30 minuti per mano del telefono magico di Dylan. “A questo proposito, il livello della batteria di questo dispositivo è attualmente al 6%. Consiglio di collegare il caricabatterie."

Dylan lo fece e, mentre lo faceva, sentì che la doccia veniva chiusa. Immaginando che gli sarebbe piaciuto lavarsi, Dylan afferrò il suo asciugamano e andò a farsi la doccia. Per fortuna suo padre aveva avuto almeno la decenza di non lasciare sperma in giro. Dylan si lavò e poi uscì dalla doccia. Si vestì con i pantaloni della tuta e una maglietta, non ancora del tutto a suo agio in giro nudo con suo padre, e scese le scale.

“OH GARETH! TI AMO! TI AMO!" Dylan entrò nel soggiorno al suono di gemiti più orgasmici. Suo padre era seduto sul divano, in ginocchio, spingendo contro il nulla e di fronte al suo laptop, su cui era in esecuzione Master PC con una ragazza sullo schermo con il sedere puntato verso Gareth e apparentemente orgasmante per il suo "tocco".
"Buongiorno Dylan", disse Gareth.
"Buongiorno... fai sesso con la tua interfaccia utente?"
"Sì, è qualcosa che ha suggerito potesse essere divertente, e aveva dannatamente ragione."
"Giusto... beh, vado a preparare la colazione..."

"Non ce n'è bisogno", disse Gareth. “CAROLINA!” Caroline si precipitò dentro, portando con sé i suoi appunti e un tablet.
“Sì, Signore?” Lei chiese.
"Preparagli la colazione per Dylan."
“Sì, Signore. Cosa vorresti, Dylan?"
"Uh... solo una ciotola di Coco Pops", rispose Dyan.
"Come comandi, Dylan." Caroline si inchinò e andò in cucina, lasciando Dylan imbarazzato a guardare suo padre scopare una ragazza su uno schermo.
"Oh merda... eccomi!" Gareth gemette e rilasciò il suo sperma su tutto il divano. Fantastico, pensò Dylan. Meglio ricordarsi di non sedersi mai più in quel posto. Al termine, l'interfaccia utente sullo schermo si è spostata e si è girata di nuovo per affrontare il suo proprietario.

"Avrai bisogno di qualcos'altro, Gareth?" Chiese girandosi. Ma Dylan l'ha riconosciuta.
"MAMMA!?" Egli esclamò.
"Non proprio, questa è la mia interfaccia utente", ha spiegato Gareth. “Mi ha detto che avrebbe preso qualunque forma avessi trovato più piacevole. Che si è rivelata essere tua madre all'età che ci siamo incontrati per la prima volta, più alcuni miglioramenti. Le sue tette non erano poi così grandi.

Dylan non era proprio sicuro di cosa pensare, una versione nuda ed eccessivamente sessualizzata della sua defunta madre che gli sorrideva sullo schermo.
"Va bene Dylan, posso dire che questo ti sta mettendo un po' a disagio", ha detto Gareth.
"Si pensa?"
"Che ne dici, che ne dici di andare da qualche parte a fare colazione? Solo io e te?"
“Ma è lunedì? Io ho la scuola e tu hai il lavoro.
“Chiamerò la scuola e dirò loro che stai male. E per quanto riguarda il lavoro, sono un dio. Faranno qualunque cosa io dica.
"Va bene, ma niente schiave controllate mentalmente?"
"Giusto."
“Va bene allora, va bene, vado a prendere le scarpe. Vai a metterti dei vestiti."

Dylan e suo padre si prepararono e, dopo un bacio orgasmico di addio per Caroline, salirono in macchina per dirigersi verso un pub. Arrivarono in un posto e Dylan si sedette, guardando il menu mentre suo padre andava al bar a prendere qualcosa da bere.

Dylan sedeva per lo più pensando alla situazione attuale. Anche suo padre avere Master PC non sarebbe stato così male, pensò. Finché lo teneva sotto controllo. Non gli piaceva davvero l'idea di vivere in una casa piena di schiave arrapate di suo padre, ma supponeva che avere Caroline intorno non fosse poi così male. Sembrava una signora abbastanza gentile.

Gareth tornò con qualche drink e alla fine andò a fare l'ordine del cibo, prima di sedersi di nuovo.
"Allora, come ti stai godendo la divinità finora?" gli chiese Gareth. "Sai, divertirti con tutte le ragazze mortali?"
"Papà…"
“Oh andiamo, è solo sesso, Dylan. Cosa, pensi che non mi stessi masturbando quando avevo la tua età? C'era una ragazza per cui avevo una cotta, Molly Maddson. Dio, era sexy. Le ho fatto un sacco di cose. Ora è sposata con 3 figli.

La storia di Gareth sulle sue abitudini masturbatorie da adolescente è stata fortunatamente interrotta dall'arrivo del cameriere con il cibo. I due ragazzi cominciarono a mangiare, dimenticandosi per un momento di quello che era successo di recente.
"So che questa è un'esperienza strana per te e, onestamente, lo è anche per me", ha detto Gareth. “Ma è anche una meravigliosa opportunità. Ad esempio, stavo pensando di farmi una promozione al lavoro. E magari pensare a vincere alla lotteria. Sono sicuro che possiamo “convincere” qualcuno della Lotteria Nazionale ad aiutarci”.
"Certo, qualunque cosa."
"Ehi, potresti almeno sembrare un po' più entusiasta."

“Beh, è ​​un po’ difficile! Ho preso questo programma per computer che pensavo sarebbe stato un giocattolo divertente, e poi ho scoperto che lo aveva anche un ragazzo della sesta forma, quindi praticamente devo chiedere il suo permesso se voglio scopare la maggior parte delle ragazze a scuola! E ora ce l'ha mio padre e sa dove ho messo il cazzo. È già abbastanza brutto, ma almeno quando ero solo io, ho avuto la decenza di essere discreto al riguardo. Nel frattempo ti stai scopando un'intelligenza artificiale del computer che finge di essere mamma proprio davanti a me, prima di fare sperma su tutto il divano! Ad esempio, possiamo per favore avere una regola da ora in poi del tipo "Sesso in camera da letto solo quando l'altra persona è a casa, e ripulire i tuoi pasticci"?"

“Io... hai ragione, figliolo. Potrei essere un dio adesso, ma sono anche ancora tuo padre.
"Grazie." A questo punto, il telefono di Dylan squillò. Lo aprì e vide che era un messaggio di Rebecca.
"Che cos'è?" chiese Gareth.
"Dove sei oggi?" Dylan ha letto. “Ha senso, è un lunedì mattina. Fammi rispondere al messaggio... Marinare la scuola con papà..."
"Ehi, dev'essere meglio che andare a scuola oggi." Il telefono squillò di nuovo.
"Bene, vieni da noi questo pomeriggio, abbiamo qualcosa."
"Hai qualcosa?"
"Ho chiesto a Becky e Olivia di fare qualche ricerca per me", ha risposto Dylan. "Immagino che abbiano trovato qualcosa."

I ragazzi continuarono a mangiare il loro cibo e a chiacchierare per un po' di cose non sessuali e non magiche. Alla fine finirono e tornarono a casa. Entrarono in casa, dove Gareth prese il suo portatile e si voltò.

“Esco per un po’. Rintracceremo Molly Maddson. Probabilmente tornerò più tardi. Se hai bisogno di qualcosa, Caroline può occuparsene", disse Gareth, lasciando dietro di sé suo figlio.
"Oh, Dylan!" Caroline sorrise mentre entrava dalla cucina. “Non ti ho sentito entrare! Il tuo santo padre non è qui?»
"È andato a scoparsi una ragazza che conosceva a scuola."
"Vedo. Bene, i tuoi Coco Pops sono ancora pronti in cucina, se ti piacciono."
"Uh, no grazie, sono pieno."
"Ottimo. Ma come figlio di Dio, sono felice di aiutarti.
"Uh, grazie."

Immaginando che gli sarebbe piaciuto avere la casa tutta per sé, Dylan andò a prendere la sua Playstation, portandola di sotto per collegarla alla TV principale. Sbavando sul divano, Dylan cominciò a giocare, godendosi il suo inaspettato giorno libero da scuola. Per lo più gli piaceva semplicemente giocare, senza pensare a tutti gli eventi magici recenti. Almeno finché Caroline non cominciò a spolverare la stanza. Cercò di prestare attenzione al gioco, ma i suoi occhi continuavano a tornare sui suoi lineamenti magicamente potenziati. Alla fine ha ceduto.

"Carolina?" Egli ha detto.
“Sì, Dylan? Come posso servire?”
"Potresti... succhiarmi il cazzo, per favore?"
"Ovviamente! Sarebbe un piacere per me!"

Caroline posò i suoi prodotti per la pulizia e si avvicinò a Dylan, inginocchiandosi davanti a lui. Lo aiutò a togliersi pantaloni e boxer, finché non fu nudo dalla vita in giù, con l'erezione bloccata al 100% dal controllo mentale di Dylan. Senza esitazione, Caroline prese l'intera asta di Dylan in bocca e iniziò a succhiarla avidamente. Dylan riprese in mano il controller e sorrise. Forse non sarebbe poi così male, dopotutto.

-------------------------------------------

"Allora verrà?" chiese Michael. Era l'ora di pranzo e lui era seduto nella sala comune del sesto anno con Becky e Olivia.
"Verrà a casa nostra più tardi", rispose Olivia. "A quanto pare, trascorrerà la giornata con suo padre."
"Fanculo?" chiese Michael.
"Non per quanto ne so."
"Un peccato, l'incesto è davvero divertente", ha sorriso.
"Oh, fidati di me, lo sappiamo", disse Becky, resistendo all'impulso di baciare sua sorella solo in base a quante persone li avrebbero visti.
"Sono sorpreso che non sia qui, però", ha detto Michael. "Come potrebbe resistere a due belle ragazze come te?"
"Vieni da noi?" chiese Becky.
"Non ancora, ma dagli un po' di tempo e mi riempirò di ogni sorta di altre preposizioni."
"Che fascino."

“Beh, oggi pomeriggio c'è l'educazione fisica. Vuoi nasconderti e scopare in un'aula vuota da qualche parte?"
"E cosa ti fa pensare che ci interesserebbe?"
"Perché vi ho già scopato prima, ragazze, e so che a entrambi piace il sesso più di qualunque cosa fareste voi oggi a educazione fisica."
"Hockey."
“Hockey, giusto. Allora cosa ne dici?"
"Certo, andiamo a scopare."

Ci volle solo un minuto circa per trovare un'aula vuota, al piano di sopra nel sesto blocco, dove sapevano che non ci sarebbe stato nessuno in quel momento. Le ragazze hanno chiuso le persiane, mentre Michael tirava fuori il telefono per ordinare a nessuno di avvicinarsi alla stanza. Soddisfatto, iniziò a togliersi l'uniforme.

"Qualcuno ha fretta", disse Becky.
"Ehi, più sei nudo, meglio è", ha detto Michael. Una volta completamente nudo, si sedette sulla cattedra. "Ora guarda questo." Michael premette un pulsante sul telefono e sorrise mentre le ragazze guardavano. Il suo inguine cominciò a cambiare, trasformandosi fino ad avere due cazzi eretti e 4 grandi testicoli sporgenti.
"Quindi non deve condividere", Michael sorrise.
"Oh mio Dio", disse Becky.
"Bene, andiamo allora, non si succhieranno da soli."
"Trattenete i cavalli, prima spogliamoci", disse Olivia. Le ragazze iniziarono a spogliarsi e presto furono nude proprio come Michael. "È ora di divertirsi."

Le ragazze si voltarono l'una verso l'altra e cominciarono a pomiciare. Distesi su una delle scrivanie, le loro mani vagavano su tutto il corpo in un abbraccio incestuoso.
"Ti raggiungeremo tra un minuto", gemette Olivia.
"Prima di tutto dobbiamo dimostrarci quanto ci amiamo", gemette Becky, sculacciando la sua sorellina.
"Ehi, va bene per me, ma dopo questo devi farmi un bel pompino," disse Michael, alzandosi per avere una visuale migliore.
"Affatto", dissero entrambe le ragazze all'unisono.

Le ragazze continuarono a baciarsi, prima di girarsi e mettersi in posizione 69, con Olivia sdraiata sopra la sorella maggiore. Michael si limitò a sorridere, rifiutandosi di accarezzargli i cazzi, in modo che rimanessero preparati per dopo.
"Potrei aver fatto per diversi anni tutto il sesso che volevo, e potrei essere completamente bisessuale, ma c'è ancora qualcosa di magico nel guardare due ragazze che fanno sesso", ha detto Michael con orgoglio. "Soprattutto sorelle."
"Pervertito", disse Becky.
"Hai qualche problema?" chiese Michael.
"No", rispose Olivia.
"Solo controllando."

-------------------------------------------

Nel frattempo, Dylan stava andando avanti da quasi 2 ore. Veniva in media ogni 5-6 minuti, ogni climax produceva un carico completo di sperma, accompagnato da un carico altrettanto pieno di piacere. Dylan era in paradiso, il che compensava il suo scarso gameplay. È difficile giocare mentre si sballa la centesima noce della giornata.

"Sai una cosa, fanculo", disse Dylan quando era a metà strada verso il suo prossimo orgasmo. «Alzati, Caroline. Andremo su nella mia camera da letto e voglio che tu mi cavalchi. Cavalcami forte.
Caroline si tolse il cazzo di Dylan dalla bocca e si alzò, aiutando anche Dylan a fare lo stesso. I due salirono le scale fino alla sua stanza, e Caroline aiutò Dylan a togliersi la maglietta. Dylan si sdraiò sul letto e in pochi secondi Caroline fu sopra di lui e lui fu dentro di lei.
"Oh Dio... cazzo sì..." gemette Dylan mentre veniva cavalcato dal segretario personale di suo padre. Dylan afferrò le tette di Caroline e le strinse forte.

-------------------------------------------

Nel frattempo, anche la giovane Georgia Maddson veniva adagiata sul letto di sua madre, nuda, e veniva mangiata da detta madre, Molly. Anche Molly Maddson era nuda, con il culo per aria, mentre si faceva sfondare la fica dall'enorme cazzo del suo nuovo dio, Gareth Davies. Gareth aveva le mani di Georgia tra le sue mentre scopava sua madre, il che significa che tra l'incantesimo che ha posto su se stesso e il suo tocco magico, tutti e tre erano bloccati in uno stato permanente di orgasmo in quel momento. Entrambe le ragazze avevano sentito un bisogno irresistibile di tornare a casa, a quel punto si erano spogliate nude e si erano inginocchiate davanti al loro dio, in attesa di ordini.

"Questo è per compensare tutti quegli anni che ho passato a masturbarmi pensando a te", disse Gareth, continuando a pompare Molly piena di sperma. “Ho visto i tuoi ragazzi prenderti in giro. Non lo avrei fatto. Ti avrei amato davvero. Ti faceva sentire così bene, ma no, dovevo accontentarmi della masturbazione.
"Mi dispiace, Signore..." gemette Molly nella figa di sua figlia.
“Volevo che prendessi la mia verginità. Quindi ora, quando avrò finito con te, prenderò la verginità di tua figlia. Per te va bene, Georgia?»
"Sì Signore... ti aspetto... Oh mio fottuto Dio..." Georgia gemette per l'incredibile piacere sessuale che le veniva imposto da Master PC.

Immaginando che ne avessero avuto abbastanza (per ora), Gareth si tirò fuori da Molly, lasciando che entrambe le ragazze si afflosciassero mentre i loro orgasmi finivano, Gareth nel frattempo continuava a pompare la sua infinita scorta di sperma sulle loro forme nude. Gareth andò a sedersi su una sedia, mentre le ragazze si riprendevano, il suo cazzo continuava a schizzare sperma sul pavimento e Gareth si godeva il piacere.

Una volta che le ragazze si furono riprese, si voltarono verso il loro dio ancora in fase di orgasmo.
"Georgia, vieni qui e inginocchiati davanti a me", ordinò Gareth. Georgia lo fece, guardandolo mentre il suo viso veniva coperto di sperma. "Non hai mai toccato un cazzo prima, vero?" Scosse la testa. "Fammi un pompino."
"Vai avanti tesoro, dagli una leccata per iniziare", disse Molly. Georgia annuì e lo fece.
"Ahhhhh Dio..." Lei gemette quando il tocco della sua lingua sul suo cazzo le diede un orgasmo istantaneo.
"Prenditi il ​​tuo tempo, ho tutto il giorno."
"Prendi tutto il suo cazzo in bocca e succhialo."

Georgia annuì e lo fece. Quasi immediatamente quasi si soffocò, a causa delle dimensioni, e perse di nuovo il controllo a causa del suo improvviso orgasmo.
"Non posso farlo, signore", disse Georgia, spostandosi dal suo cazzo. "Il mio orgasmo è troppo forte, riesco a malapena a pensare mentre lo faccio."
"Molly, vieni ad aiutare tua figlia", ordinò Gareth. Molly scese dal letto e prese tra le mani la testa di sua figlia.
"Lascia che ti guidi", disse. Georgia riprese il cazzo di Gareth in bocca, il suo orgasmo ricominciò, e gemette nella sua virilità mentre sua madre l'aiutava a guidare la sua testa su e giù, per portarla al ritmo del succhiare il cazzo.
"Brava ragazza, penso che abbia capito", gemette Gareth, pompandole sperma caldo in gola. “Molly, vai a prepararmi un panino, mi sta venendo fame. Poi torna indietro e dagli da mangiare a me."
"Sì, Signore."

-------------------------------------------

I gemiti si intensificarono e Michael sorrise mentre guardava i gemelli raggiungere l'orgasmo insieme. Si sedette di nuovo e aspettò il proprio piacere.
"Sapete, voi ragazze sembrate piuttosto stanche dopo tutto quel mangiare la fica," disse, prima di mettersi a coppa le palle. «Forse vorresti bere qualcosa. Sono sempre aperto agli affari.”
"Dio, sembri uno del porno più scadente del mondo", ha detto Becky.
"Ho voglia di pizza, ora che me lo dici", ha detto Michael.
"Più tardi, quando saremo con Dylan", disse Olivia, mentre le ragazze si inginocchiavano. "In questo momento ho voglia di qualcosa... di carne."
"Ora chi c'è nel porno scadente?" chiese Michael. Entrambe le ragazze si limitarono a sorridere, prima di prendere un cazzo ciascuna in bocca. “Ooo sì, questo è il punto. Ehi ragazze, quali sono i vostri frutti preferiti?"
"Lampone", rispose Olivia.
"Uva", rispose Becky.
"Un momento allora..." disse Michael, digitando sul suo telefono. Premette Invio e ben presto le ragazze gemettero soddisfatte. “Aspetta solo finché non vengo. Un’esplosione di gusto.”

-------------------------------------------

Georgia Maddson si sdraiò sul letto di sua madre e aveva detto che la madre allargò le gambe in preparazione al suo dio. Gareth si è posizionato sopra di lei, il suo cazzo puntato per spruzzare altro sperma senza fine sul suo stomaco e sulle sue tette, prima di puntarlo verso la sua figa. In realtà non aveva mai tolto la verginità a nessuno prima, quindi questo sarebbe stato un territorio nuovo per lui. L'aveva modificata per non sentire alcun dolore, ma non aveva fatto nient'altro per preparare la sua vagina alla sua enorme virilità.

"Non vedi l'ora?" Le chiese.
"Sì, Signore, desidero solo servire", ha detto, assicurandosi che lo facesse con la sua programmazione. "Sono solo nervoso."
"Prometto che questa sarà la cosa migliore di sempre", ha detto Gareth.
"Dovresti essere grato", disse Molly, accarezzando i capelli di sua figlia. "Ho perso l'opportunità che Dio si prendesse la mia verginità."

Gareth ha stuzzicato l'ingresso di Georgia con la testa del suo cazzo, provocandole convulsioni in shock orgasmici. Alla fine Gareth mostrò pietà e ci provò, tuffandosi in un solo colpo finché non fu profondo. Gli occhi di Georgia si spalancarono e un lungo e forte gemito uscì dalla sua bocca quando iniziò l'orgasmo. Gareth si è divertito per qualche minuto, la sensazione della sua figa che si contraeva intorno a lui, un misto del suo orgasmo e della sua vagina che cercava di adattarsi all'invasione di un pene gigante.

"Congratulazioni tesoro, non sei più vergine", disse Molly. "Come ti fa sentire?"
"Incredibile... davvero incredibile..." gemette Georgia, con una lacrima che le scorreva lungo il viso. "Grazie…"
"Prego." Gareth si chinò e intrecciò le sue labbra, dandole il suo primo bacio in assoluto con un ragazzo. Poi tirò indietro i fianchi e cominciò a spingere, colpendo l'ex vergine con tutta la sua forza. “Ti scoperò in ogni posizione a cui riesco a pensare. E poi ti farò anche il culo. Non mi fermerò finché non sarai più sperma che ragazza.
"Lode al Signore..." gemette Georgia.

-------------------------------------------

"Mmmm, delizioso", gemette Olivia mentre lei e sua sorella ingoiavano lo sperma di Michael dai suoi cazzi gemelli.
"Te l'avevo detto", sorrise orgoglioso. "E allora, credo che possiamo qui per scopare?"
"Dritto al punto, bene", sorrise Becky.
"Mettiti sulle mani e sulle ginocchia uno accanto all'altro", ordinò Michael. Lo fecero, inginocchiandosi sulla scrivania con il sedere puntato verso Michael.
“La domanda è: cosa scopo prima, i tuoi sederi o le tue fighe? Entrambi sembrano così allettanti…” ha detto. "Bene, allora dovrò scoparmeli entrambi!" Prese di nuovo il telefono e digitò ancora qualcosa. Pochi secondi dopo, aveva 2 cazzi in più rispetto ai due precedenti, completi di altre 4 palle sopra quei cazzi.
"Porca miseria", gemette Becky.

"Facciamolo", ha detto Michael. Ha posizionato tutti e 4 i peni e poi è scivolato dentro le ragazze.
"Santo cazzo!" Olivia gemette.
"Pensi che sia bello, sto facendo sesso quadruplo in questo momento", ha detto Michael. "Vivendo il sogno." Michael iniziò a pompare e i tre ragazzi gemettero per l'estremo piacere che provavano.
"Oh cavolo... sono contento che abbiamo saltato l'educazione fisica?" Michael gemette. Le ragazze si limitarono a gemere ad alta voce in risposta e Michael sorrise. “A proposito, ragazze, riesco a controllare i miei orgasmi. Quindi, per iniziare, ecco 4 carichi di sperma.

Michael appoggiò la testa all'indietro, pompando i suoi 4 carichi nelle ragazze.
"Cazzo, avere 4 orgasmi contemporaneamente è bello", ha detto, sculacciando le ragazze.
"Va bene, ti sei divertito", disse Becky. “Adesso vaffanculo. Difficile."
"Il tuo desiderio è il mio comando, padrona."

-------------------------------------------

Messaggio dell'autore: Buon Natale. Mentre scrivo è circa mezzanotte e un quarto, quindi è ufficialmente Natale. Questo è il tuo regalo.

Quindi sì, ciao a tutti. Sono DragoTime. Potresti ricordarti di me per storie come questa. L'ultima volta che ho pubblicato un capitolo è stato il 27 agosto. Nell'ultimo capitolo ho detto che speravo di poter accelerare. Quello che è successo in realtà è l'intervallo più lungo tra i capitoli che abbia mai avuto. La settimana scorsa mi ero posto l'obiettivo di pubblicare un capitolo in tempo per Natale, e ci sono riuscito.

Da settembre ho trascorso il mio anno all'estero, vivendo in Austria, insegnando inglese, anche se ora sono a casa per Natale. Ciò significa che sono stato molto impegnato e ho avuto pochissima motivazione per scrivere qualcosa. Il lato positivo è che la mia vita è molto migliore rispetto a qualche mese fa e sono più felice. Il mio entusiasmo nello scrivere però era scarso e, se ho scritto, ho scritto soprattutto altre cose. (In realtà ho iniziato tipo 3 storie mentre rimandavo questa).

Finirò questa storia. So dove sta andando la trama e nei prossimi 2 o 3 capitoli finirà. Una volta finito, mi concentrerò per un po' sui one-shot, così non dovrai mai aspettare molto tra un capitolo e l'altro. Mi addolora che questa storia sia il punto in cui il mio entusiasmo sta morendo, considerando che è stata, dal punto di vista degli ascolti, la mia storia di maggior successo dai tempi di Un ragazzo e il suo genio (anche se quasi nessun commento. Sul serio, gente, adoro leggere i vostri commenti! In molti modi in cui significano più delle valutazioni!)

Non posso promettere quando uscirà il prossimo capitolo. Tutto quello che posso promettere è che non lascerò che questa storia muoia. Conosco il dolore di leggere una storia solo per scoprire che l'autore l'ha abbandonata dieci anni fa. Ciò non accadrà con questo. Tutto quello che posso dire è che mi dispiace per quanto tempo ci è voluto. Ti ho deluso e ho deluso me stesso. Mi mancano i giorni in cui potevo scrivere un'intera storia di 15 capitoli in un mese.

Storie simili

Harry Potter Adventures: Capitolo 5 - Doppio problema

Questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 5 Novembre scese su Hogwarts e con esso arrivò anche la pioggia e perfino qualche fiocco di neve. Era l'ultima settimana di novembre e mancavano solo due settimane all'inizio delle vacanze di Natale. Ron cominciò a sentire tornare di nuovo il suo malumore. Era passato un mese dal suo divertimento con Lavanda e da allora si frequentavano. Sebbene il sesso fosse incredibile, non avevano molto in comune e Ron aveva iniziato a desiderare il suo vero amore; Hermione ancora una volta...

361 I più visti

Likes 0

Mia mamma e la mia ragazza dei sogni

Introduzione Mi chiamo Will Chapman. Sono uno studente universitario di 19 anni, 5'8 e 160 libbre con capelli castani corti e occhi castano scuro. Ho sempre avuto problemi con le ragazze della mia età. Non è che non fossi di bell'aspetto; era perché, nonostante avessi 19 anni, sembrava che ne avessi 14. Ogni volta che uscivo con i miei amici, le persone che incontravamo spesso mi chiedevano se ero il fratellino di qualcuno. Le ragazze dicevano sempre che ero carino, il che mi farebbe assolutamente impazzire. Inutile dire che ho avuto problemi a soddisfare i miei bisogni sessuali. Stavo andando in...

2K I più visti

Likes 0

LA DIGA

Oh mio Dio, è bello, gemette Lauren, mentre Alexandra affondava la bocca nella sua figa calda e bianca, lo fai così bene, ti amo così tanto!!! Mmmmmmm, rispose Alex, non volendo distogliere la bocca dal muffy bagnato del suo amante!!! Lauren e Alexandra, amanti da un anno e coinquiline da sei mesi sei mesi, entrambe a ventidue anni, innamorate per la prima volta nella loro vita e affamate l'una dell'altra come solo i giovani amanti sanno essere! Lauren ha inarcato la schiena mentre spingeva forte il suo inguine nella bocca del suo amante, godendosi l'incredibile sensazione di farsi succhiare la vagina...

893 I più visti

Likes 0

Solo a Tokyo con due cuccioli

Mi chiamo Junjio. Ho 34 anni e vivo da solo in un piccolo appartamento di Tokyo. Molte giornate passano veloci, lavorative, e poi le serate lente e noiose. Sono stato solo per molto tempo, senza una vera famiglia nelle vicinanze, o contatti con amici o un ragazzo da un paio d'anni. È così per molti abitanti delle città nel Giappone moderno. È andato così male per me, che mi sono ritrovato a impazzire, a pensare ogni sorta di strani pensieri, a perdermi nel mio spazio per anni, e alla fine ho comprato un animale domestico. Non mi piacevano molto gli animali...

866 I più visti

Likes 0

L'inizio della fine_(0)

Fece un respiro lento e profondo e si morse le sue deliziose labbra rosso ciliegia. Come sono finito in questo? lei ha pensato. I suoi morbidi capelli biondo sporco pendevano sui suoi angelici occhi verdi. Julia prese il telefono e lo aprì. Ha letto il messaggio più e più volte. Incontriamoci al parco a meno che tu non voglia essere conosciuto come la puttana della città - Chris Adesso il suo cuore batteva forte. Proprio in quel momento arrivò un altro messaggio. Julia, se non esci di casa entro cinque minuti, mamma e papà si arrabbieranno molto con te... ovviamente sono...

775 I più visti

Likes 0

Lezioni dall'aia, parte IV

Bobby entrò per primo nella doccia con il suo nuovo marito proprio dietro di lei. Junior si rannicchiò accanto a lei da dietro e le mise le braccia intorno alle spalle, abbracciandola nel modo più amorevole. Si erano sposati da meno di un giorno e lui le aveva dichiarato il suo amore tante volte e in tanti modi. Adorava assolutamente la sua giovane moglie e ora più che mai si sarebbe assicurato che non le accadesse mai nulla perché, dopo tutto, stava aspettando suo figlio. Si sono sposati quella mattina a casa sua in modo che il loro bambino avesse il...

399 I più visti

Likes 0

Lascia che piova - 4

Per la prima volta in una settimana, quando mi sono svegliato, mi sembrava di avere avuto la stessa sensazione delle donne a letto della sera prima. Quando li ho scossi leggermente, si sono accoccolati un po’ più vicini e non si sono svegliati. Ho pensato che finché avessero voluto premere la loro calda carne da ragazza contro di me avrei potuto anche godermelo e ho chiuso gli occhi. Quando mi sono svegliato di nuovo è stato con un paio di labbra sul mio cazzo e un altro paio sui miei testicoli. Stavano facendo un ottimo lavoro e in pochi minuti ho...

423 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta - Prefazione

La mia vita segreta PREFAZIONE Ho cominciato queste memorie quando avevo circa venticinque anni, avendo tenuto fin da giovane una specie di diario, che forse per abitudine mi ha fatto pensare di registrare la mia vita interiore e segreta. Quando lo cominciai, non avevo quasi letto un libro osceno, nessuno dei quali, eccetto Fanny Hill, mi sembrava veritiero: così era, e lo è ancora; gli altri che raccontavano di erotismo ricercato o di smisurate potenze copulative, di strane svolte, trucchi e fantasie di voluttà matura e lascivia filosofica, sembravano alla mia relativa ignoranza come immaginazioni oscene o invenzioni bugiarde, non degne...

348 I più visti

Likes 0

Il mio primo fidanzato 3

Tornato di sotto, Sam ha messo un po' di musica sullo stereo in soggiorno e mi ha detto di ballare per lui. Si sedette sul divano con le gambe divaricate e le mani sull'inguine mentre io barcollavo, cercando di ballare. Non è stato facile sui tacchi a spillo, sulla moquette e più volte ho quasi perso l’equilibrio e sono caduta. Ogni volta che stavo per inciampare, il sorriso del mio fratellastro si alzava leggermente. Ogni tanto mi diceva di fare qualcosa del tipo: Strofinati le tette e fammi vedere che puttana sei oppure Girati e piegati, così posso dare un'occhiata a...

322 I più visti

Likes 0

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

2K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.