Stordimento scolastico capitolo 3

212Report
Stordimento scolastico capitolo 3

Stordimento scolastico capitolo 3

Dopo sono andati a girare per i vari negozi di Laguna Beach. Le trovarono delle cose molto carine da indossare quella sera e un set di vestiti per il loro viaggio a San Diego di domenica. Le ha comprato tre paia di scarpe che calzavano perfette. Lei lo avvertì di non spendere troppi soldi, ma lui la respinse con una brusca contorsione del viso, poi con un sorriso.

Dopo aver trascorso gran parte della giornata a fare shopping, scesero in spiaggia e si sedettero sulla sabbia a piedi nudi; guardando le onde che si infrangono sulla riva. Non poteva credere alla dimensione dei suoi piedi rispetto ai suoi.

Erano ormai le tre del pomeriggio ed era ora di andare. Tornarono alla macchina, mano nella mano, e iniziarono il viaggio di quarantacinque miglia per tornare al suo condominio. Giunto a casa, scaricò tutti i pacchi e li portò dentro.

"A che ora dobbiamo andare a cena?" chiese Linda.

"Hai fame?"

"No, non proprio... pensavo che prima sarebbe stata una bella doccia."

"Una doccia sarebbe carina," disse imitando la sua voce.

Entrarono nel suo bagno e cominciarono a togliersi i vestiti. Quando rimase in mutandine, Richard cominciò a diventare duro. I suoi seni erano molto ben arrotondati con capezzoli che si sollevavano come gomme da matita Ticonderoga numero due. Richard la circondò con le braccia, premendole le tette contro il petto. Poteva sentire il suo cazzo premere contro la sua pancia ed era meraviglioso.

Richard inserì i pollici nella parte superiore delle sue mutandine rosa con volant, e poi si inginocchiò davanti a lei mentre le tirava giù sul pavimento. Gli mise le mani sulla testa, mentre se ne liberava. Era in ginocchio come; Parigi avrebbe potuto inginocchiarsi davanti a Elena di Troia, implorando il suo amore. Poi la baciò sullo stomaco e lei gemette e gli tenne la testa più stretta.

Richard si spostò poi sul suo triangolo sacro e la baciò tra le sue splendide gambe, che avrebbero potuto essere scolpite dallo stesso Michelangelo. Quando la sua lingua entrò in contatto con il suo clitoride, lei gli tenne i capelli con entrambe le mani e allargò ancora un po' le gambe.

Al tocco della sua lingua, la sua figa divenne umida di liquido. Lui leccò tutto il suo succo e cominciò a succhiarle le labbra. Le sue ginocchia iniziarono a indebolirsi e lei cadde a terra. Cominciarono a baciarsi e lei si sentì per la prima volta sulle sue labbra.

Era passato del tempo quando lui la aiutò ad alzarsi e a entrare nella doccia. L'acqua calda li investì entrambi come una piccola cascata. Non riusciva a togliergli le mani di dosso e cominciò a stringergli le palle, poi spostò la mano sul suo cazzo. Mentre lei cominciava a giocarci, lui fece scivolare un dito solitario nella sua vagina. Quando lei gemette, lui la fece girare e le disse di chinarsi. Quando il suo enorme pene cominciò a scivolare nella sua figa, lei gemette,

"Oh Richard... per favore... fallo a me... davvero forte."

Il cazzo di Richard la stava riempiendo e lei ne amava ogni centimetro. Il suo pene la faceva sentire come se uno stallone la stesse scopando. Pensò al famoso Centauro metà uomo metà cavallo della mitologia greca, e sapeva che non avrebbero potuto avere cazzi più grossi di quelli di Richard. Lui le afferrò forte i fianchi e cominciò a penetrarla in profondità. Il brivido della sua lussuria era incredibile e per qualche secondo pensò che sarebbe svenuta.

Mentre i suoi fianchi si muovevano in avanti, i suoi grandi testicoli colpirono il centro del suo sedere, quasi come se fosse stata sculacciata... amorevolmente. Allargò ancora un po' le gambe e si infilò in mezzo a loro afferrandogli le palle, stringendole leggermente. Sentì il dolore meraviglioso dell'orgasmo che cresceva e sapeva che anche lui sarebbe venuto. Mentre le sue mani le afferravano i fianchi come artigli gemelli, lei spruzzava come un gatto che segna il suo territorio. Adesso le apparteneva, e nessuna donna avrebbe fatto meglio a cercare di portarglielo via.

Era Afrodite per il suo Efesto ed Elena per la sua Parigi. Era un Cocker Spaniel per il suo alano. Non appena la secrezione si rilasciò, le sue mani le afferrarono i fianchi ancora più forte e gemette, spruzzando il suo sperma in profondità nella sua vagina. Successivamente, si voltò e mise le braccia attorno al suo meraviglioso corpo nudo e bagnato, tenendolo stretto, proteggendolo dal mondo. Le apparteneva completamente.

"Richard... dobbiamo alzarci presto per andare a San Diego... non voglio andare a cena... non possiamo semplicemente andare a letto?"

"Come vuoi, tesoro."

"Richard, mi stavo giusto chiedendo, quando facciamo sesso non indossi il preservativo. Contavi su di me per prendere la pillola?"

"No tesoro. Sia io che mio fratello abbiamo quello che è noto come un basso tasso di motilità. I ​​nostri ragazzi non nuotano. Stanno semplicemente sdraiati lì come un gruppo di barboni da spiaggia. Per mettere incinta qualcuno, dovrebbero infilami le palle con un ago piuttosto grande ed estrai lo sperma in questo modo.

Quindi avrebbero dovuto inserirlo nell'utero di una femmina e iniettarlo nell'uovo per fecondarlo. È un processo davvero brutto. La prima moglie di mio fratello lo lasciò perché voleva dei figli e lui non riuscì a metterla incinta. Se un ragazzo normale indossasse un preservativo, avresti comunque il 3% di possibilità di rimanere incinta. Con me c'è solo un decimo dell'uno per cento di possibilità. Il che non è praticamente nulla.

Quando l'analisi dello sperma di mio fratello ha dato risultati molto scarsi, sono stati presi in considerazione più test e trattamenti. Purtroppo in alcuni casi, come me e mio fratello, anche con i tentativi di aspirare lo sperma direttamente dai testicoli, il trattamento non sempre ha successo."

"Ok... grazie. Semplicemente non volevo rimanere incinta, almeno finché non avrò finito la scuola."

"Non preoccuparti, tesoro. È come se stessi sparando a salve. Ti sentiresti meglio se parlassi con il mio medico?"

"No Richard, va bene; ti credo. Andiamo a letto."

Gli prese la mano, come una sorella maggiore con un fratello minore, e lo condusse in camera da letto. Erano nudi mentre strisciavano nel letto king size. Non poteva credere alla sua fortuna nel prenderlo. Era bello, ben fatto e soprattutto intelligente. Per non parlare del fatto che aveva un cazzo grosso quanto il suo polso. Era più felice adesso di quanto non fosse stata da molto tempo. Adesso era preoccupata che le cose andassero troppo bene. Decise di non iniziare nulla di veramente sessuale, almeno per un po'.

Lei giaceva lì accanto a lui, studiando il suo viso e il suo corpo. Questo era il tipo di lezione che poteva superare senza problemi. Pensò che avrebbe facilmente guadagnato una "A" solo con i pompini. Quel pensiero la fece sentire un po' in colpa, dato che le piaceva tanto quanto lui, anzi quasi quanto lui. Quando iniziò a far scorrere la mano sul suo petto massiccio, trovò una piccola cicatrice rotonda.

"Cos'è questo?" chiese come una bambina che ha appena trovato una moneta sul tappeto di sua madre.

"Una cicatrice." Disse in un rapido tentativo di sorvolare sull'argomento.

"Come è arrivato lì?"

"Mi hanno sparato", ha detto senza tante cerimonie, come se forse si fosse appena sbucciato un ginocchio.

"Cosa intendi con... sparato?" chiese Linda con una voce che cominciava a vacillare.

"Come nei film sui cowboy. Un ragazzo punta una pistola contro un altro ragazzo e preme il grilletto. Il proiettile si sposta dalla pistola all'altro cowboy. Non è stato un grosso problema."

"Qualcuno ti ha sparato, e non è stato un grosso problema?"

"Era la seconda settimana della prima guerra del Golfo. Quasi tutti venivano uccisi."

"Dove ti hanno sparato?" chiese quasi in preda al panico.

"Proprio qui", disse indicando la cicatrice.

"Non dove ti hanno sparato sul tuo corpo. Quale posizione?"

"Kuwait. Facevo parte di una squadra di Navy Seal che è andata a controllare la situazione prima che entrassero le forze regolari. Anche altri quattro della mia squadra sono stati uccisi; uno è morto."

"Perché non me lo hai detto?"

"Avevi solo circa cinque anni quando è successo."

"Non allora. Avresti dovuto dirmelo, ieri."

"Perché?"

"Beh... solo perché... ci tengo davvero a te."

"È successo quindici anni fa. Cosa volevi che facessi, che mi alzassi di fronte alla classe, mi togliessi la maglietta e dicessi? Guardate tutti, è qui che mi hanno sparato."

"Beh, devi stare più... attento."

"Ok... beh posso cominciare col non fare più guerre. Che ne dici?"

Appoggiò la testa sulla sua spalla e continuò a massaggiargli il petto. La sua mano era calda e morbida al tatto. Si sentiva meravigliosamente sdraiata accanto a lui nuda. Era una sensazione confortevole e la faceva sentire molto vicina a lui in un modo diverso. Iniziò a baciargli il petto, poi la spalla e poi il braccio, fino alla mano.

Linda allora aprì il palmo della sua mano e cominciò a leccarlo, baciando e succhiando ciascuna delle sue dita. Quando la sua mano fu bagnata della sua saliva, se la strofinò sulla tetta, facendo fuoriuscire il capezzolo come un minuscolo periscopio sottomarino.

La sensazione della sua mano sul suo seno le fece venire i brividi in tutto il corpo. Pensò alle molte volte in cui si era divertita allo stesso modo. Linda poi fece scivolare la mano sulla sua figa e in quel momento non dovette fare altro. Fece scivolare un dito, ancora bagnato dalla sua bocca sul clitoride e ne toccò la piccola protuberanza. Era emozionata, consapevole di ciò che stava per accadere. Il dito di Richard scivolò poi sulle labbra umide della sua figa facendola gemere. Lei disse,

"Per favore ..."

"Che bambino? Cosa vuoi che faccia?"

"Fai esattamente quello che stai facendo... ma fallo con la lingua."

"Vieni qui."

"Che cosa?" lei chiese.

"Vieni su, tesoro, e siediti sul mio petto."

"Ma sono troppo pesante."

"Vieni qui... adesso." Disse accigliato.

Si mosse come un'atleta, si issò sul letto, poi si sedette sulla sua pancia. Le fece cenno, piegando l'indice per segnalarle di salire sul suo petto. Quando esitò, Richard la afferrò per i fianchi e la aiutò a salire per il resto della strada.

Adesso lei era seduta sul suo petto, con la figa bagnata a poca distanza dal suo viso. Quando la sua lingua uscì dalla bocca ed entrò in contatto con il suo inguine, la sensazione fu così fantastica che lei succhiò l'aria attraverso i denti. Linda afferrò la testiera con entrambe le mani e cominciò a tirare. La sua figa si muoveva su tutto il suo viso; i suoi succhi si formano sulle labbra. Era in paradiso, un paradiso dove la lussuria è Dio. Si chiese per quanto tempo avrebbe continuato a desiderare sesso ogni giorno.

Le stava succhiando la figa e i suoi baffi e la sua barba aggiungevano riflessi molto ruvidi al suo piacere. Non era sicura se si sentisse bene o le causasse dolore. Tirò con più forza la testiera di ottone, spingendo i fianchi avanti e indietro, il suo succo ora gocciolava sul mento di Richard. Non riusciva a superare il fatto che quest'uomo fosse l'amante più meraviglioso che avesse mai avuto. Tutto ciò che faceva e tutto ciò che diceva era meraviglioso e sapeva sempre cosa fare e cosa dire. Oh Dio, stava venendo di nuovo.

Linda si allungò dietro di lei e afferrò "hulk". Duro come una roccia e grosso come la colonna del letto, il "hulk" era pronto a infilarsi nella sua figa e scoparla per diverse ore. Anche Linda era pronta e scivolò dal petto di Richard fino al suo stomaco. Lei si sporse in avanti con una mano, afferrando il suo pene e guidandolo nella sua figa.

Poi si sistemò sul grosso cazzo di Richard. Scivolò dentro lentamente ed entrambi gemettero contemporaneamente. Iniziò ad avvicinarsi a questo bellissimo uomo, lentamente, come se fosse una ragazzina su un cavallo di legno. Ma non era più una ragazzina. Era un'adulta a cui era permesso di trarre piacere dal suo insegnante e di dargli in cambio il miglior piacere possibile.

Ricordava una volta che cavalcava un toro meccanico, in un bar country e western. L'unica differenza era che questo toro aveva un grosso cazzo, che si era adattato perfettamente alla sua vagina. Avrebbe voluto urlare "yippy-ki-yay" ma il suono più forte che riusciva a emettere era quello di un gemito basso, che sembrava più un motore elettrico sovraccarico. Linda iniziò a muovere il sedere più velocemente, mentre la punta del suo cazzo era completamente dentro di lei, massaggiandole la cervice. Il sesso era la cosa migliore mai inventata e lei desiderava avere i diritti di brevetto.

Lo stava scopando più forte e più velocemente e poteva sentirsi pronta a venire. La sensazione era complessa nel design e bella nell'esecuzione. Sentiva che non c'era niente al mondo come l'esperienza sessuale. A Linda sarebbe piaciuto continuare a farlo fino a quando non fosse svenuta, e segretamente sperava che sarebbe stata l'ultima cosa che avrebbe fatto prima di morire. Stava per succedere, quando l'area sotto il collo e sopra le tette cominciò a brillare di un rosso brillante. Le sue cosce divennero calde e piccole scosse elettriche le facevano contrarre.

Linda poteva sentire un piccolo dolore al collo e alla schiena, come se avesse sollevato qualcosa di pesante. Eccola lì, la meravigliosa sensazione che provava sempre quando iniziava a venire; i suoi succhi saturano il pene e le palle di Richard. Respirando affannosamente, si sdraiò sul suo uomo, baciandogli i muscoli del petto, mentre lui continuava a lanciarsi verso l'alto infilando il suo immenso cazzo nella sua vagina. Accelerando la velocità e tenendo strette le guance del suo culo nudo; il suo attacco amoroso divenne quasi fanatico. Non era più Richard, il professore di psicologia; era un signore della guerra vichingo che la violentava. Amava il suo abbandono selvaggio e la contaminazione senza controllo della sua figa indifesa.

Lo sentì flettere tutto il corpo, mentre cominciava a venire profondamente dentro di lei, aiutandola a raffreddare il calore bruciante della sua vagina. Quando lui venne, il suo sistema si scatenò e lei ricominciò a venire, sapendo che questo era solo il preludio ad una notte di squisito desiderio sessuale e lussuria.

Richard tuttavia si rilassò, la tenne stretta senza muoversi. Poiché Linda voleva rimanere in questa posizione e non rompere il legame fisico tra loro, cominciò a flettere i muscoli attorno alla sua figa, tenendo il pene di lui dentro di sé, succhiandolo con la sua vagina.

Richard si rese conto che questa giovane ragazza, nata più o meno nel periodo in cui lui aveva l'età legale per bere, aveva il controllo completo del suo corpo e della gratificazione sessuale. Non volendo ammetterlo, Richard sapeva che Linda era la risposta al suo desiderio segreto di stare con una donna che amasse la vita e il sesso nella stessa maniera e frequenza di lui. Il loro futuro sarebbe meraviglioso se lui riuscisse a tenere il passo con la sua esuberanza e i suoi desideri carnali.

Mentre il sudore le colava dalla fronte sul petto di lui, gli chiese:

"Vuoi qualcosa da bere? Ho bisogno di un po' d'acqua, sono disidratato."

"L'acqua andrebbe bene. Ci sono alcune bottiglie nel frigorifero."

Sebbene il suo pene fosse quasi flaccido, si udì un sonoro "pop" quando lei si allontanò da lui. Entrambi risero al suono. Linda attraversò il condominio, completamente nuda. Quando aprì il frigorifero, la luce si stagliò sulla sua pelle abbronzata e quando abbassò lo sguardo vide una miscela dei loro succhi che le scorreva lungo l'interno della coscia. Non c'è da stupirsi che avesse sete. Prese due bottiglie di acqua fredda e afferrò un paio di salviette di carta da un rotolo. Si asciugò velocemente la coscia per non lasciare una scia di sperma sul pavimento.

Linda non l'aveva notato prima, tuttavia la sua vagina ronzava, quasi ronzava, come se fosse felice. Non le importava, perché anche lei era felice. Quando tornò furtivamente in camera da letto, era mezza piegata come se stesse cercando di nascondere qualcosa. Richard rise e le chiese perché fosse piegata. Lei alzò leggermente le spalle e disse:

"Timido?"

"Sei timido?" Rise di nuovo e scosse la testa. "Conosci almeno il significato della parola?"

"Credo di si."

"Significa che sei ritirato dal contatto o dalla familiarità con gli altri; riservato o riservato. Non sei nessuna di queste cose. Almeno non sei con me."

"A dire il vero credo di essere solo bagnato e un po' infreddolito."

"Vieni qui e mettiti a letto. Ti scalderò io."

Linda gli passò una bottiglia d'acqua e mentre abbassava lo sguardo vide che il suo pene stava diventando di nuovo duro. Lei era stupita, dato che lui era venuto appena dieci minuti prima. Mentre beveva un lungo sorso dell'acqua dal sapore dolce di Arrowhead, chiese:

"Richard, il tuo cazzo è di nuovo duro. Non ti ho fatto venire?"

"Sì tesoro, ma hai avuto questo effetto su di me. Ho avuto difficoltà a trattenerlo. Immagino che sia l'opposto dell'impotenza. Penso che tu mi renda "potente". Di sicuro mi fai arrapare. Nessuno , "donna o bestia" ha mai avuto un effetto su di me come te."

"BESTIA?"

"È un'espressione. In realtà è 'Uomo né Bestia', ma non ho detto 'uomo' perché non volevo che pensassi che forse ero gay."

"Beh, non avrei mai pensato che fossi gay," disse Linda, "a meno che tu non fossi lesbica, con un clitoride gigantesco e ovaie che pendevano sotto."

"Sapevi che nel mondo della botanica, la parte inferiore del pistillo di una pianta, che contiene l'ovulo, matura in un frutto. Ciò significa che quando qualcuno mangia frutto, sta mangiando la figa delle piante."

"A volte sei così strano. Comunque questo mi dà un'idea."

Linda bevve un altro sorso d'acqua, sapendo; sperando che presto si disidratasse di nuovo. Richard si mosse con cautela, tra le sue gambe, poi con la precisione e la dedizione di un neurochirurgo, la bocca a solo un centimetro dalla sua figa aperta e temporaneamente trascurata, le sollevò le gambe sulle spalle e fece scivolare le mani con i palmi verso l'alto, sotto le sue natiche.

Linda e Richard erano entrambi pronti e anticipavano ciò che stava per accadere. Mentre la sua lingua scivolava dall'ano attraverso il centro dei genitali esterni, fino al clitoride, i suoi succhi cominciavano di nuovo a fluire. Questo era incredibile e sentiva che avrebbe dovuto ricevere una "Stella d'argento" per l'azione al di là del dovere.

Il piacere-dolore era così estremo; gli prese i capelli e li accarezzò, facendoli scorrere amorevolmente le dita. Sarebbe stata una notte lunga e meravigliosa.

Continua ...

Storie simili

Agenzia per l'adozione inviata dal cielo

~~Introduzione~~ Questa storia inizia con quattro ragazzi molto belli. Erano intelligenti oltre il loro tempo. Il primo si chiama Michele. Michael proveniva da una famiglia di altissimo livello. Suo padre possiede più della metà delle banche negli Stati Uniti, quindi il suo background era perfetto. Non ha mai avuto nessun tipo di problema per tutta la sua giovane vita, la famiglia sempre in giro (tanto amore), ed è un figlio molto educato. Stava compiendo 25 anni ed era al secondo anno al college (non nominerò il college, per altri motivi, ma era qualcosa come la fascia alta, come Yale), aveva una...

1.5K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 1

Diventare Omega, parte 1 Era in piedi davanti a uno specchio nell'atrio di un hotel, il cuore che batteva, il respiro corto. Presto, tutto sarebbe diverso. Lei sarebbe diversa. Non ne aveva idea. Ma anche allora, lì, sapeva che stava cambiando. Certo, era sempre stata una puttana. Era anche sempre stata un po' remissiva. Adorava scopare, ovviamente. Ma era proprio così: adorava scopare, e così si è fatta scopare. Non amava ancora il fatto che le persone adorassero scoparla. Il fatto che stesse rendendo felici gli altri non si registrava del tutto. Non fino a quel giorno. Era stata invitata qui...

1.1K I più visti

Likes 0

Le cronache della casalinga

Le cronache della casalinga Il ragazzo della fantasia Si chiamava Xavier, ci siamo conosciuti su una chat line e abbiamo parlato così per un po'. Abbiamo discusso di molte cose... cosa volevamo fare, i nostri piani futuri e cose del genere. Le cose sembrano semplicemente fare clic tra lui e me. Era più giovane di me di circa sette anni, ma era quello che mi attraeva in primo luogo. Non credo che nemmeno la mia età avesse importanza per lui; qualcosa in me era cambiato negli ultimi mesi. Ho avuto una relazione seria da un po' di tempo, ma le cose...

786 I più visti

Likes 0

Le Cronache di Craigslist: Capitolo 1:

Disclaimer: In questa serie non troverai incesto, stupro, droga, coercizione, violenza grave, fantascienza, fantasia, bestialità, scat, necrofilia o qualsiasi cosa di natura molto offensiva, incluso il sesso minorile. Il focus di questa serie è sui personaggi, le trame, l'umorismo e sembra essere ambientato in un ambiente sessuale. Per favore goditelo in questo contesto. Se hai familiarità con il mio lavoro precedente, sei pronto per più o meno lo stesso. Nota sul formato: questi capitoli saranno interconnessi, ma ci saranno molti personaggi diversi, alcuni potrebbero riapparire. All'inizio di ogni capitolo ci sarà una breve introduzione e descrizione del personaggio, e poi salterà...

762 I più visti

Likes 0

Trappola nella grotta, parte 1

Trappola nella grotta, parte 1 Il viaggio d’affari di Jack Simon a Manila era andato bene. Il nuovo ufficio della sua azienda disponeva di personale adeguato per amministrare gli aspetti di sottoscrizione e riscossione della sua grande compagnia assicurativa. Si ricompensò prendendo un idrovolante per Okinawa per incontrare un vecchio amico della Marina. Craig era un ergastolano che era riuscito a rimanere a Okinawa per tre anni e conosceva bene la zona. Ha portato Jack a fare immersioni in posti che i turisti non hanno mai visto; sistemi di grotte su piccole isole che erano per lo più incontaminate dal mondo...

446 I più visti

Likes 0

Clarissa Morgen - Parte 1

Clarissa Morgen era a caccia. La sua carriera giornalistica è in crisi da quasi 3 mesi e i suoi redattori la infastidiscono senza sosta affinché scriva una storia rivoluzionaria. Dopo molte estenuanti notti intere, ha trovato una storia che ha attirato la sua attenzione. Nelle ultime settimane sono state fatte irruzioni in diverse case della città. Secondo le sue fonti, all'interno di ogni casa rotta c'era un dipinto di un galeone strappato. Incuriosita da questi schemi, ha fatto alcune indagini nella speranza di scoprire qualcosa. Riusciva quasi a capire lo schema, ma manca sempre qualcosa. 5 case sono state svaligiate. 5...

440 I più visti

Likes 0

Casa stregata: parte III

Kelly era andata a trovare sua madre per la settimana, lasciandomi a preparare la casa per i nostri primi ospiti paganti. Per fortuna, la locanda sarebbe stata piena questo fine settimana. Una prenotazione last minute di tutte e cinque le camere da letto al secondo piano garantita da una riunione di famiglia. Mercoledì sera ero riuscito a pulire a fondo la casa, ricordando qualcosa che Kelly e io avevamo lasciato in soffitta. Entrando nella stanza verso il tramonto, ho sentito quel formicolio fin troppo familiare nei miei lombi. Guardando in basso, ho visto il mio pene sollevarsi e irrigidirsi nei boxer...

290 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse parte 2

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota dell'autore: grazie a tutte le persone che hanno letto il primo capitolo. Questo capitolo è stato molto più lungo di quanto mi aspettassi. Divertiti! –––––––– 'Caro Nicola, È tua sorella, Julian! Ho inviato questa lettera di Taillow perché era più veloce e per congratularmi con te per aver superato l'Accademia Pokemon! Papà dice che hai fatto degli esami orribili...' “Non ho fatto così male. Almeno sono passato..” borbotta Nicholas, continuando a leggere la lettera che gli era stata...

2K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1.8K I più visti

Likes 0

L'intera faccenda con Jackie

L'INTERA AFFARE CON JACKIE Avevo appena litigato con Arlene, la mia fidanzata di tanto in tanto da un paio d'anni, tranne per il fatto che non sapevo che ci fosse stata una lite finché non ho bussato alla sua porta per portarla alla festa quella sera. A un certo punto tra il momento in cui sono uscito di casa quel pomeriggio, che era un po' prima che andassi a casa sua, aveva ricevuto una telefonata da Bill Blackstone, che le aveva chiesto cosa stesse facendo quella notte. Bill aveva provato a fare delle mosse con lei per un po' e non...

961 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.