The Devil's Pact Side-Story: Mark torna a scuola

116Report
The Devil's Pact Side-Story: Mark torna a scuola

Il patto del diavolo
di mypenname3000
Copyright 2013

Storia secondaria del patto del diavolo: Mark visita il liceo.

Nota: questo avviene durante il capitolo 18 mentre Mark è a caccia delle vergini alla Rogers High School. Melody del capitolo 4 e i Cunningham Twins del capitolo 6 fanno la loro comparsa.

Ho parcheggiato la mia macchina nel parcheggio affollato della Rogers High School. Era un insieme sconclusionato di edifici in mattoni rossi e portatili grigi. La lezione era già iniziata e l'esterno della scuola era deserto. Mi sono diretto verso l'ufficio della scuola, il cartello davanti diceva che i visitatori dovevano fare il check-in. L'ufficio era al primo piano dell'edificio principale, un edificio a due piani i cui corridoi erano fiancheggiati da armadietti dipinti di un brutto grigio-verde.

L'ufficio era piccolo, una reception disordinata, un breve corridoio che riportava agli uffici del preside e del vice, alcune sedie su cui le persone potevano sedersi. L'addetto alla reception era una donna indiana bassa e robusta di nome, secondo una targhetta d'ottone, Archana Korrapti. I suoi capelli neri stavano diventando brizzolati e tagliati corti alla mamma del calcio.

"Ciao", salutò piacevolmente. "Come posso aiutarla, signore."

ho sorriso. "Sono qui alla ricerca di un po' di figa."

Sbatté le palpebre. "Mi scusi, cosa ha detto, signore", chiese con un po' di calore.

“Rilassati, va tutto bene. Io sono Mark, e per me va benissimo scopare con una qualsiasi delle ragazze qui".

"Oh, sì, certo", disse arrossendo. “Starai... con le nostre ragazze. Sì, è perfettamente a posto." Ha rovesciato il barattolo della penna. “Oh, tesoro. Sì, mi dispiace, sono un po' agitato".

Le sorrido, rassicurante. "Certo certo." Chi non sarebbe agitato quando entra un uomo che vuole scopare i tuoi studenti.

Tirò fuori da un cassetto un raccoglitore con l'etichetta "Distintivi dei visitatori". Ha scavato tra le penne versate e ha trovato un pennarello permanente e ha scritto "Mark, Pussy Scout" sul badge e lo staccò dalla pagina. "Questo deve essere indossato sempre, Mark."

"Grazie", dissi, attaccando il distintivo sul davanti.

La porta che dava nell'ufficio si aprì ed entrò una graziosa sedicenne con un viso a forma di cuore incorniciato da boccoli neri. Aveva piccole labbra rosse e imbronciate e occhi marroni che scintillavano di energia. La sua pelle aveva una bella carnagione olivastra. Una t-shirt bianca attillata con un arcobaleno sul seno, metteva in risalto il suo bel paio di tette. Una gonna di jeans corta su leggings bianchi le aderiva al culo vivace.

"Non sei una bella cosa", ringhiai, incombendo su di lei. Si ritrasse, sbattendo contro la porta. Oscillava verso l'interno, così lei era intrappolata tra me e la porta.

"Sig.ra. Korrapti», disse la ragazza.

"Oh, va tutto bene, Jerri", disse l'addetto alla reception. "Mark sta esplorando la figa."

"E non sei una bella figa." Le accarezzai il viso tremante. "Sei vergine, Jerri?"

“No,” mormorò, distogliendo lo sguardo da me. Beh, non pensavo di trovare la mia vergine sulla prima ragazza.

"Beh, lascia cadere i leggings e le mutandine", le ho detto, il mio cazzo duro nei pantaloni implorando un po' di sollievo.

Jerri si tolse le scarpe e infilò una mano sotto la gonna e le tirò giù i leggings bianchi e le mutandine blu in un unico movimento, scoprendo le sue cosce cremose e olivastre. Ha usato la sua impresa per togliersi i leggings, il piede sinistro spingeva giù i leggins dalla gamba destra, fissando il tessuto al pavimento in modo che potesse uscire, poi ripeté con l'altra gamba.

Allungai la mano e le accarezzai la coscia, sentendo la sua gamba liscia. "Slacciami i pantaloni e tira fuori il mio cazzo."

La sua mano, tremante, allungò la mano e armeggiò con il bottone dei miei pantaloni. Alla fine mi ha slacciato e poi ha tirato giù la cerniera. I miei jeans mi sono caduti sulle ginocchia quando ha raggiunto il mio boxer, la sua mano fresca sul mio cazzo. Mi ha tirato fuori, il mio cazzo duro.

"Rilassati", le ho detto, "non ho intenzione di farti del male, solo scopare la tua piccola figa stretta. La tua fica è bagnata per il mio cazzo, giusto." Deglutì e poi annuì.

Le sue gambe si aprirono per me mentre la sollevavo, le sue braccia avvolte intorno al mio collo. Le ho afferrato il culo, guidando il suo corpo in modo che il mio cazzo potesse trovare la sua figa. Ci sono voluti un paio di tentativi per far entrare il mio cazzo nella sua apertura. Il mio cazzo scivolò intorno alle labbra della sua figa e le urtò il clitoride. E poi l'ho fondato, le sue labbra setose che si aprivano per il mio cazzo, mentre scivolavo nella sua calda e stretta apertura. Jerri gemette mentre mi tuffavo nella sua apertura stretta. La sua figa morbida e bagnata cedeva mentre scivolavo nella sua fica fino in fondo.

"Oh, wow, non ti piacerebbe un po' di privacy?" chiese la receptionist agitata.

"No, come un pubblico", ho risposto, fottendo Jerri con scopate lente e brevi mentre le sue gambe si avvolgevano attorno ai miei fianchi. Era leggera, forse un centinaio di sterline, e la tenni facilmente, afferrandole il culo e massaggiandole le guance vivaci attraverso le sue gonne di jeans. "Qualcuno ti ha mai visto mentre facevi sesso, Jerri?"

"No", ansimò, poi balbettò, "Umm, il tuo... um... cazzo, mi... mi fa sentire bene".

"E' eccitante essere osservati, non è vero?" Il respiro di Jerri era caldo sul mio orecchio quando ha risposto: "Sì".

L'ho scopata un po' più velocemente, un po' più forte, la sua fica era così bella sul mio cazzo, bagnata, stretta e calda. Le sue gambe erano morse intorno alla mia vita e stava dimenando i fianchi, sollevandosi per incontrare la mia spinta, schiacciando il suo clitoride contro il mio osso pubico. Dietro di lei la porta dell'ufficio sbatteva contro i cardini ogni volta che mi spingevo dentro di lei, sferragliando rumorosamente attraverso l'ufficio.

"Che cazzo sta succedendo!" una voce maschile ruggì dietro di me. Mi voltai per vedere un uomo alto e in forma sulla cinquantina. I suoi capelli biondi erano tagliati corti e diventavano bianchi con l'età. Feroci occhi azzurri mi fissarono.

"Va tutto bene", dissi. "Io sono Mark e va bene che mi scopi i tuoi studenti."

La rabbia svanì dall'uomo, sgonfiandosi. "Io... sì, certo, Mark."

Ho continuato a scopare la troia adolescente e ho chiesto all'uomo: "Sei il preside?" Lui annuì, "sì".

"Scommetto che hai sempre voluto scopare uno studente", ho chiesto. La fica di Jerri mi stava portando sempre più vicino al mio orgasmo.

"L'ho sempre fatto", rispose, ma poi aggiunse rapidamente: "Ma non ne toccherei mai uno!"

“Oggi è il tuo giorno fortunato, Jerri qui andrà nel tuo ufficio, si piegherà sulla tua scrivania e ti lascerà passare qualche secondo sciatto. Voglio che tu ti diverta."

"Merda!" ha maledetto. "Io... cazzo." Deglutì. "Sì, ok." Poi sorrise, una specie di sorriso affamato.

Non sarebbe passato molto tempo, la fica di Jerri era fantastica sul mio cazzo. L'ho picchiata più forte. La porta sbatté forte dietro di noi. Ansimava nel mio orecchio mentre il piacere scorreva attraverso il suo corpo. Le ho stretto il culo e ho gemuto a denti stretti mentre inondavo di sperma la sua fica adolescente. Ansimando, mi staccai da lei e lei scivolò a terra.

"I presidi in attesa", le ho detto e lei si è alzata.

Con un sorriso eccitato e il cavallo gonfio, il preside la prese per mano e la condusse nel suo ufficio. Li ho visti scomparire e ho visto il mio sperma gocciolare lungo le sue cosce. Pochi istanti dopo, dall'ufficio del preside giunsero un basso gemito gutturale e uno schiaffo di carne.

"Oh Dio", gemette il preside. “La fica adolescente è stretta come pensavo! Oh, sei una brutta sgualdrina, Jerri!”

Ho lasciato l'addetto alla reception che si masturbava al suono del preside che inchiodava il piccolo Jerri, e ho iniziato a camminare per i corridoi fino a quando sono arrivato alla prima classe e sono entrato. "Scusa se ti interrompo".

"Chi sei?" chiese l'insegnante, alzandosi dalla cattedra. "Sono nel bel mezzo di una lezione!"

"Mark Glassner, Pussy Scout", mi presentai. "Sto cercando delle belle fiche vergini." L'insegnante ha sputacchiato indignato e ho appena parlato su di lui, "Insegnanti e studenti, sedetevi in ​​silenzio finché non vi dico il contrario o finché non me ne vado", ho ordinato. L'insegnante si sedette di nuovo, sbattendo le palpebre per la sorpresa. "Allora, alzati se sei vergine."

Cinque ragazzi e sette ragazze si alzarono. Non volevo che i ragazzi si alzassero, poi ci ho pensato. Ero vergine al liceo e non era giusto che tutte quelle ragazze non si fossero tirate fuori per me. Forse potrei aiutare un altro ragazzo timido o impopolare. C'era un sacco di figa nella scuola andare in giro.

"Eh, ragazze, quanti di voi hanno ancora l'imene, allora?" chiesi, volendo togliere di mezzo le cose importanti.

"Ho usato una spazzola per capelli", una rossa arrossì mentre una ragazza di colore borbottava: "Ginnastica". Una mora e una latina hanno perso entrambe le loro passeggiate a cavallo. Gli altri tre si limitarono ad arrossire, non ammettendo di aver fatto scoppiare le loro ciliegie.

"Beh, quale ragazza qui dentro è la più troia?" Ho chiesto. La maggior parte della classe indicò una ragazza un po' paffuta nella parte posteriore con un viso carino, di nome Addison. "Beh, troia, piegati sulla scrivania e lascia che questi ragazzi rompano il loro primo dado."

"Certo", ha risposto Addison allegramente, e ho sbattuto le palpebre. La ragazza sembrava eccitata e si è tirata giù le mutandine e ha alzato la gonna esponendo un bel culo grassoccio e una fica rasata grondante di liquidi.

Il primo adolescente vergine, nervosamente, si avvicinò alla ragazza, tirando fuori il suo cazzo duro. "Io... uh..." balbettò.

"Ohh, fallo scivolare nella mia fica", gemette Addison, dimenando i fianchi. "Puoi farlo. non mordo!” Lei ridacchiò e il ragazzo le strofinò il cazzo sulla figa e le trovò il buco. "Umm, è un bel cazzo!" Addison gemette mentre scivolava dentro.

Poi, il giovane ha iniziato a pompare su di lei, deliziandosi con la sua prima sensazione della calda fica di una donna. Le altre quattro vergini guardavano, eccitate di poter finalmente scopare la figa di una ragazza e gelose del loro compagno di classe che le ha picchiate.

Addison gemette arbitrariamente. “Ohh, che bel cazzo! Adoro un cazzo nella mia passera birichina! Umm, più forte, più forte, stallone!”

I suoi gemiti mi seguirono nel corridoio. Quelli erano dei ragazzi fortunati, Addison era decisamente troia. Nel corridoio ho visto una ragazza asiatica sparire in bagno. Ieri sera avevo promesso ai miei amici di prendere loro i loro schiavi e Tom era l'ultimo che dovevo prendere. Tom mi ha chiesto di trovargli un piccolo adolescente asiatico con un cespuglio peloso come schiava del sesso. Questa ragazza era piccola e asiatica. Si spera che avesse un cespuglio peloso.

Ho seguito la ragazza in bagno e lei ha fatto un salto per la sorpresa quando mi ha visto, esclamando in una lingua asiatica. Era bassa, i suoi seni piccoli, appena rigonfiati sotto la camicetta viola, i capelli blu-neri lunghi e lisci. La sua pelle era pallida come qualsiasi caucasica, ma con un aspetto leggermente olivastro e cremoso che la trasformava in una creatura esotica.

"Sei vergine?" Le ho chiesto.

"Hai", rispose lei, annuendo con la testa.

"Hai il tuo imene, allora?" Lei si accigliò. “La tua ciliegia? La tua nubile?"

"Scusa, non capisco", disse con un forte accento melodico.

"Di dove sei?" ho chiesto, curioso.

"Shishibone, Giappone", rispose. "Sono uno studente di scambio".

"Spogliati."

Guardando abbattuta, si tirò la camicetta viola sopra la testa, scoprendo un semplice reggiseno bianco. Si chinò, si slacciò le scarpe e se le tolse, seguite dai calzini. Poi i suoi blue jeans si sono staccati. Era magra, con fianchi da ragazzo e un culo piatto. È arrossita quando ho visto le sue mutandine, mentre continuava a guardare il pavimento. Si allungò dietro di lei, armeggiando con il fermaglio del reggiseno, e i suoi seni furono scoperti mentre si toglieva il reggiseno dalla spalla. I suoi seni erano piccoli sbuffi di carne, con capezzoli scuri e duri. Alla fine, si tolse le mutandine, esponendo una foresta nera di peli pubici, così folti che non riuscivo nemmeno a vedere la sua fica.

"Beh, tu sei quello che Tom voleva", sussurrai tra me e me, e allungai la mano per prenderle la figa. Ha fatto marcia indietro e io ho scattato: "Non resistere!" Si fermò e feci scivolare la mano tra i suoi peli pubici morbidi e setosi e trovai la fessura stretta della sua fica. Ho fatto scivolare il mio dito dentro, affondando nella mia prima nocca, poi nella mia seconda nocca, e poi ero completamente dentro di lei, senza provare resistenza. Sospirai, vabbè le era già scoppiato l'imene.

"Come ti chiami?"

"Hikaru", sussurrò mentre iniziavo a toccarla. Il mio pollice trovò il suo clitoride duro, strofinandolo in lenti cerchi. La sua fica iniziò a inumidirsi e il suo respiro accelerò.

"Hikaru, diventerai la schiava sessuale di Tom", le dissi. “Quando la scuola uscirà, aspetterai fuori nella zona di consegna che ti venga a prendere. Guida un pick-up Toyota rosso. Farai qualunque cosa brutta e sporca voglia. Lo ami e sarai suo finché lui ti vorrà. Capisci?"

Lei annuì, la sua testa chinò sottomessa. "Sì. Sarò un buon schiavo per Tom."

"Piegati sul bancone", ordinai. "Ti interrompo per Tom."

Hikaru si chinò sul bancone. Da dietro sembrava quasi una bambina finché non hai visto quella folta foresta nera tra le sue gambe. Ho tirato fuori il mio cazzo e il mio telefono e ho chiamato Tom. Quando il telefono ha iniziato a squillare, ho fatto scivolare il mio cazzo nella sua fica bagnata. Si tese quando il mio cazzo iniziò a spingersi dentro di lei e il suo viso si contorse in un misto di dolore e piacere.

"Ehi", ringhiò una voce assonnata nel telefono.

Ho iniziato a scoparla con spinte lente e lei ha sospirato dolcemente. "Ho trovato il tuo schiavo."

"Davvero", disse Tom, eccitato.

"Sì, è una graziosa studentessa di scambio giapponese", gli ho detto. "Bella, fica stretta."

"L'hai scopata?"

"Fottimela adesso", gli ho detto. “Mi sta guardando da sopra la spalla e ha un bellissimo sorriso sul viso. Ti mando una foto."

"Grazie", rispose Tom, la voce piena di eccitazione

Ho riattaccato e ho scattato una foto di Hikaru, il suo viso da bambola incorniciato dai suoi capelli blu-neri, e l'ho inviata a Tom. Ho rimesso il telefono in tasca, l'ho afferrata per i fianchi e ho iniziato a scopare con forza Hikaru. Sospirò semplicemente, mordendosi il labbro. Era stranamente silenziosa e mi piaceva che le mie donne facessero rumore quando le scopo. Potrei ordinarle di lamentarsi, ma preferirei che lo facesse da sola. Quindi, ho fatto scivolare una mano lungo il suo fianco, raggiungendo il suo inguine e ho iniziato a pizzicarle il clitoride con le dita. La sua fica si strinse mentre le accarezzavo il clitoride.

Il suo respiro accelerò mentre giocavo con il suo clitoride. Un gemito basso e gutturale sfuggì dalle sue labbra e poi sua madre si ruppe e lei ansimò: "Oh, il tuo strumento mi sta eccitando! Mescolando il mio calderone!” Lei gemette, gutturale. “Scuotimi! Risvegliami! Il mio calderone sta bollendo!” La sua fica si contrasse sul mio cazzo mentre veniva. “Sì, sto bollendo! Iku! Iku!"

Le porte del bagno si aprirono. "Oh mio Dio, il signor Beck è un tale stronzo", si lamentò un'adolescente di colore mentre entrava.

"Giusto, la domenica del diploma, perché è lui... che cazzo!" la sua amica sussultò, vedendomi arare Hikaru da dietro.

L'adolescente nera era una bella ragazza con un naso carino. La sua pelle era color cioccolato, i suoi capelli neri erano intrecciati in file sul cuoio capelluto che terminavano con trecce di perline alla base del collo che scattavano mentre la sua testa si muoveva. Indossava jeans attillati e una maglietta nera da concerto di Lady Gaga. La sua amica era di carnagione chiara, con un viso tondo, occhi nocciola e lunghi capelli castani. Indossava una gonna nera a righe rosse e un top rosso all'americana.

«Non andartene», ordinai in fretta, «e non gridare. Tutto a posto. Mi è permesso scopare ragazze adolescenti. Sono una Pussy Scout, qui per controllare il talento di tutte voi ragazze troie!

"Oh", la ragazza nera deglutì, i suoi occhi si spalancarono mentre beveva alla vista di un maschio adulto che scopava un piccolo adolescente asiatico.

"Nessuno di voi ragazze vergini?" Ho chiesto. La fica di Hikaru si sentiva più stretta mentre guardava con vergogna le persone che la guardavano scopare, senza più lamentarsi del suo piacere. Smise di gemere quando le ragazze entrarono, mordendosi il labbro e distogliendo lo sguardo per la vergogna.

"No", ammise la ragazza nera mentre la sua amica bianca annuiva con la testa.

"Hai il tuo imene?"

“No,” sussurrò, mortificata. La sua amica nera rise: "Ha fatto scoppiare la sua ciliegia con una carota". La ragazza arrossì ancora di più.

"Scommetto che voi ragazze dovete pisciare?" chiesi, sorridendo al pensiero che avevo appena avuto. Entrambe le ragazze annuirono. "Bene, ragazza nera, abbassa i pantaloni e le mutandine e ragazza bianca, scendi e lascia che la tua amica ti faccia la pipì in bocca."

"Dannazione!" esclamò la ragazza Nera. "Sei un brutto cracker." Si stava sbottonando i pantaloni e li fece scivolare lungo le sue gambe color cioccolato, seguiti dal perizoma rosso, scoprendo un cespuglio peloso e nero. La sua amica si inginocchiò e posò le labbra sulla fica dell'adolescente nera. "Maledizione, mi lascerai fare pipì in bocca, Petrina?"

«Sì», mormorò Petrina incredula.

"Petrina, dovresti essere felice, diventerai una graziosa porca pipì", le ho detto. "Niente ti rende più felice che bere la pipì di qualcuno."

«Oh, Fernie, lascia che ti beva la pipì», implorò Petrina, mentre i miei comandi trasformavano i suoi pensieri. Fernie si strinse nelle spalle e l'urina gialla schizzò nella bocca di Petrina. Petrina chiuse le labbra sulla fica della sua amica, deglutendo il più velocemente possibile.

"Accidenti, è così brutto", fece le fusa Fernie. "Cristo, la mia figa si sta bagnando."

"Immagino che dovrai mangiare la sua figa, Petrina", ho ordinato.

Petrina ha iniziato a leccare la fica nera di Fernie, si poteva vedere uno scorcio di figa rosa in mezzo alla foresta di capelli neri mentre Petrina mangiava la sua amica. Ho picchiato forte Hikaru e ho sentito quel momento di rilascio venire mentre guardavo la pipì leccare la figa dei suoi amici. Gemetti e spinsi il mio cazzo in profondità nella fica stretta di Hikaru e sparai forte il mio carico nella sua figa. Ho tirato fuori dalla sua fica stretta e le sue labbra erano così strette, il mio sperma non è fuoriuscito. Hikaru ansimò, con aria abbattuta.

Ho visto Fernie contorcersi sulle labbra di Petrina, ansimando rumorosamente. Ho sentito una pressione nella vescica e stavo per entrare in uno stallo, quando mi sono fermato. C'era una bella porca pipì qui. Perché sprecare la mia pipì nel cesso quando a Petrina piacerebbe fare pipì. E poi un pensiero ancora più sgradevole è entrato nella mia mente.

“Hikaru, prendi il posto di Petrina leccando Fernie,” ordinai. "Petrina, togliti le mutandine e vieni a succhiarmi il cazzo."

Petrina si alzò, allungando una mano sotto la gonna per sfilarsi un perizoma blu, la sua faccia era disordinata di piscio e succhi di fica. Hikaru si inginocchiò con grazia sotto Fernie e iniziò a leccare delicatamente la fica di Fernie. La ragazza nera ringhiò, afferrò la testa di Hikaru e spinse la testa nella sua fica.

"Mangiami meglio, ape-atch!" abbaiò Fernie. “Sì, è così, ficca quella tua lingua cattiva nella mia fica. Mhh, potresti essere solo un mangiatore di fiche di grado A. "

Petrina si inginocchiò davanti a me e succhiò il mio cazzo bagnato nella sua bocca. Era in ginocchio e le ho ordinato: "Apri le gambe e inizia a fare pipì, cagna".

La ragazza allargò le gambe. Ha succhiato più forte il mio cazzo e poi la sua urina è schizzata sul pavimento, formando una pozzanghera gialla che si è diffusa sulle piastrelle. L'urina si è accumulata finché non si è inginocchiata nella sua stessa pipì. Le tenni stretta la testa e iniziai a pisciarle in bocca, sospirando mentre la pressione nella mia vescica si allentava. Era quasi come venire, non proprio intenso, ma quella stessa sensazione di eiaculazione scorreva attraverso il mio cazzo, inviando un piacevole formicolio attraverso il mio corpo, reso ancora più eccitante pisciando nella bocca di una ragazza carina. Quando la mia vescica era vuota l'ho tirata fuori dalla sua bocca e lei ha tossito, altra urina le scorreva lungo il viso, il collo, per macchiare la sua parte superiore.

"Hai sporcato il pavimento, pipì troia", ho gridato. "Piegati e lecca quel piscio come una brava puttanella."

L'adolescente strisciò indietro e piegò la mano, facendo una smorfia mentre leccava l'urina dai pavimenti sporchi di piastrelle. Cazzo che era brutto e ho sentito il mio cazzo indurirsi mentre l'adolescente si degradava. Mi spostai dietro di lei, sollevandole la gonna. Alzò lo sguardo allarmata e abbaiò: "Continua a leccare, troia, non fermarti solo perché stai per prendere il tuo primo cazzo nella figa!"

La sua figa era coperta da un tappeto di capelli castani, bagnata di urina. Mi sono inginocchiato sul pavimento, fortunatamente la pozza di pipì non è arrivata così lontano, e ho strofinato la testa del mio cazzo sulla sua figa e lentamente l'ho spinta dentro. Ha gemuto mentre leccava la sua pipì sporca, la sua schiena si inarcava mentre la sua fica lasciava il posto al mio cazzo. Dio, è stato bello scopare una fica stretta e adolescente, ho sviluppato un ritmo costante.

"Cattiveria!" Fernie gemette. A Hikaru piaceva davvero leccarle la fica, adesso. Le braccia della ragazza giapponese erano avvolte intorno alla vita della ragazza nera, abbracciandole il culo. Hikaru aveva un assaggio della febbre della giungla e stava divorando la figa delle ragazze nere come se fosse la cosa più gustosa del mondo. Probabilmente lo era. Niente aveva un sapore migliore dei succhi di fica di una donna.

La porta del bagno si aprì ed entrò una ragazza che stava scrivendo sul suo smartphone, così concentrata sul suo telefono che raggiunse il primo box prima di rendersi conto di cosa stava succedendo. I suoi occhi azzurri, incorniciati da occhiali dalla montatura rossa, si spalancarono per la sorpresa, portandosi la mano alla bocca. Indossava una lunga gonna nera e una camicetta bianca conservatrice infilata nella gonna. I suoi capelli erano neri, tagliati corti, con una sola ciocca rossa in basso che lasciava una frangia che era in contrasto con il suo vestito tradizionale.

"Oh, accidenti", ansimò e poi arrossì, chiudendo gli occhi.

"Sei vergine?" Ho chiesto, una ragazza vestita così conservatrice deve essere ma ha scosso la testa di no. "Beh, se devi fare pipì, Petrina qui vuole berla, vero troia?" Ho schiaffeggiato il culo di Petrina e lei ha sussultato: "Sì!" e tornò a leccarle il piscio.

"Io... cosa", balbettò la nuova ragazza. "Vuoi che pisci... è la pipì che sta leccando?"

"È una troia pipì", ho riso, fottendo lentamente nella figa di Petrina. "Quindi alzati la gonna e abbassa le mutandine e lascia che lei beva la tua pipì e mangi la tua piccola fica."

Un paio di mutandine rosa con volant uscì da sotto la nuova gonna delle ragazze e si avvicinò a Petrina. Petrina si alzò, avvolgendo le braccia intorno ai fianchi della ragazza mentre la sua testa scompariva sotto la gonna della ragazza. La fica di Petrina mi strinse il cazzo mentre la nuova ragazza si rilassava, con la bocca aperta in soggezione, mentre pisciava nella bocca di Petrina. Ho continuato a scopare la troia pipì e poi è venuta mentre ingoiava il piscio delle nuove ragazze, la sua fica che pulsava intorno al mio cazzo.

Ho continuato a scoparla e la nuova ragazza si è lamentata, "Oh wow, la sua lingua si riempie bene", ha sussultato. "Umm, è brava quasi quanto mia cugina!" Un delizioso brivido percorse la nuova ragazza: “La sua lingua è agile. Scommetto che ha già succhiato la fica di una ragazza".

"Oh, l'ha fatto", gemette Fernie. “Lezziamo fuori tutto il tempo! È così che so che ha fatto scoppiare la sua ciliegia con una carota. L'ho guardata mentre lo faceva!" Fernie fece le fusa. “E questa piccola troia asiatica sta imparando a fare un buon lavoro. Ti coprirò la faccia con i miei succhi, zucchero. Continua a succhiarmi il clitoride, piccola troia lesbica! Oh, merda, sto arrivando! Questa sgualdrina lesbica mi sta facendo venire!”

La nuova ragazza ansimò: "Sì, proprio lì, pipì troia. Lecca la mia figa sporca pulita. Oh sì, oh cazzo sì, è fantastico! Oh, oh, eccolo qui, piccola, eccolo qui. Bevi la sborra della mia ragazza come hai bevuto la mia pipì!”

La nuova ragazza sbatté contro la faccia di Petrina e inciampò all'indietro, scivolò sulla pipì e cadde sul sedere. "Oh spara!" sussultò e si alzò velocemente, guardandosi il culo. È atterrata proprio nella pozzanghera e aveva un enorme punto bagnato sul culo.

Arrossata dall'imbarazzo, si avvicinò al lavandino e si tolse la gonna, lavandola nel rubinetto. Il suo cespuglio era nero, ben rifinito e intriso di succhi di fica. Ho guardato il suo bel culo mentre scopavo Petrina. La campanella suonò, chiudendo il ciclo, mentre sparavo il mio carico di sperma nella fica di Petrina. Lei ansimò e ansimò mentre mi tiravo fuori. Fernie si stava tirando su i pantaloni, un sorriso soddisfatto sulle labbra.

"Hikaru, vestiti e ricordati di aspettare davanti", ordinai, tirandomi su i pantaloni e urtando un paio di ragazze che guardavano a bocca aperta un uomo che usciva dal bagno. Li ho interrogati e nessuna delle ragazze era vergine, o così carina, quindi mi sono emozionata nel corridoio affollato.

Era il caos nel corridoio. Se passava una ragazza la prendevo, le chiedevo se era vergine, urlando sopra il rumore di tutti gli studenti. Mentre interrogavo quella ragazza, sarebbero passate altre tre ragazze che non potevo chiedere. Poi il corridoio si assottigliò, improvvisamente, e suonò un'altra campana, iniziando il periodo successivo. Entrai nella classe successiva e trovai un insegnante molto attraente, giovane, probabilmente appena uscito dal college.

L'insegnante, la signorina Blythe, secondo la targa sulla sua cattedra, era una bomba dai capelli rossi infuocati con un paio di grandi tette che tiravano una camicetta senza maniche e marrone chiaro. Tutti i ragazzi della classe si sono lanciati con lussuria verso l'insegnante mentre scriveva sulla lavagna, i suoi seni che tremolavano sotto la camicetta. Il suo bel culo era coperto da una gonna a tubino attillata al ginocchio, della stessa abbronzatura della camicetta.

La classe della signorina Blythe comprendeva tre ragazzi e cinque ragazze vergini. Purtroppo, tutti avevano rotto l'imene, uno in bicicletta, due con le matite e due facendo sport. Ho deciso di fare un regalo ai ragazzi vergini e la signorina Blythe è stata più che felice di chinarsi sulla sua scrivania. Si è alzata la gonna e si è tirata giù il perizoma nero, esponendo la fica senza peli. Tutti i ragazzi delle classi gemevano di lussuria, e alcune ragazze, notai.

Mi sono divertito con una latina lussuriosa con un bel paio di seni mentre i ragazzi si alternavano con l'insegnante. La ragazza latina aveva una fica stretta, l'unica cosa che si era infilata nella fica era una matita. Mi sono divertito con la sua figa mentre guardavo Miss Blythe farsi montare dal primo ragazzo adolescente, un sedicenne alto e foruncoloso.

Dura a malapena trenta secondi. Quando ha infilato il suo cazzo nella fica del suo insegnante, ha pompato cinque volte e ha sparato il suo carico. Inciampò all'indietro, mormorando: "Grazie, signorina Blythe", e la prossima vergine prese il suo posto, un ragazzo sovrappeso che ansimava mentre scopava il suo insegnante. Aveva un po' di resistenza, però, che durò ben tre minuti prima di sparare il suo carico al suo insegnante.

Alcuni degli altri ragazzi delle classi avevano tirato fuori i loro cazzi e si stavano masturbando guardando il loro insegnante farsi scopare dal terzo ragazzo. Uno dei ragazzi che si sega indossava una giacca di Letterman e alcune ragazze stavano guardando il suo cazzo con interesse. Fece cenno a una ragazza carina dai capelli blu e lei arrossì e si inginocchiò e gli succhiò il cazzo in bocca.

Era come se la diga si fosse rotta quando quella ragazza aveva succhiato il cazzo dell'atleta nella sua bocca e gli studenti si stavano accoppiando, apparentemente senza preoccuparsi di chi fossero. Le ragazze scopavano e succhiavano in tutta la classe. Una ragazza nera è stata piegata su una scrivania e scopata da dietro da un ragazzo asiatico. Una rossa dall'aspetto semplice ha sollevato la gonna e ha spinto la sua figa in faccia alla ragazza nera e lei ha iniziato a leccare il clitoride della ragazza semplice.

Una seconda ragazza si è unita alla ragazza dai capelli blu succhiando il cazzo degli atleti. La terza vergine ha scremato la fica di Miss Blythe e un adolescente nero alto e allampanato ha preso il suo posto e Miss Blythe ha gemuto il suo apprezzamento mentre veniva sul cazzo del ragazzo nero. Due ragazze hanno pomiciato mentre un paio di ragazzi si masturbavano guardandole. La camicetta di una ragazza era aperta e un carico di sperma schizzato sulle sue tette e l'altra ragazza si è chinata, leccando sperma dalle tette della sua amica mentre l'altro ragazzo le ha sparato la sborra sui capelli e sulla guancia.

Ho gemuto e ho scremato la fica della mia lussuriosa latina. Quando ho tirato fuori il primo ragazzo a scopare, la signorina Blthye ha infilato il suo cazzo nella figa della ragazza latina e ha iniziato a pompare via. Forse sarebbe durato più a lungo alla sua seconda volta. Mentre mi avviavo verso la porta ho sentito un'esclamazione e mi sono girato per vedere il ragazzo uscire con un grande sorriso stampato in faccia. Credo di no, ho pensato mentre lasciavo l'orgia.

La classe successiva aveva alcuni volti familiari, tra cui Hikaru e la ragazza vestita in modo conservatore che ha pisciato nella bocca di Petrina. Solo una ragazza in questa classe era ancora vergine. Si chiamava Felicity ed era una ragazza dai capelli neri, alta e allampanata, con i capelli neri raccolti in una lunga treccia francese. Non solo era vergine, ha detto che aveva ancora un imene intatto.

C'erano due ragazzi vergini in classe, e ho lasciato che Hikaru e la ragazza vestita in modo conservativo, Maya che si chiamava si rivelò essere, ne facessero degli uomini mentre sbottonavo i jeans di Felicity. Feci scivolare la mano lungo le sue mutandine e lei trattenne il respiro, tremando mentre le invadevo le mutandine. I suoi peli pubici sembravano setosi sulla mia mano e ho sondato delicatamente la sua fica e ho sentito una sottile membrana che mi impediva di andare troppo in profondità.

"Beh, è ​​il tuo giorno fortunato, Felicity", le ho detto. "Ci vediamo all'asta della bandiera dopo la scuola e ti porto a casa e ti fanno scoppiare la ciliegia."

“Io… oh, okay,” balbettò Felicity, agitata. Dietro di lei, Maya ansimava per l'orgasmo. Maya originale vergine aveva finito in fretta, ma uno degli atleti era saltato dentro e ha iniziato a scoparla e l'ha portata a un orgasmo urlante.

Tornai nel corridoio sono andato, una vergine giù, uno per andare. E, come bonus, avevo trovato la schiava del sesso per Tom. Stavo sorridendo, sul punto di svoltare l'angolo del corridoio, quando una ragazza magra, con i capelli biondo miele raccolti in una treccia sulla schiena, è passata e l'ho afferrata per un braccio.

"Vergine?" Ho chiesto.

"No", rispose lei.

L'ho spinta nell'armadio delle provviste del custode, le ho tolto i collant, le ho sollevato la gonna rossa e ho iniziato ad arare la sua figa. Si lamentava e si sgroppava su di me, avvolgendo le gambe intorno ai miei fianchi, mentre la scopavo nello scaffale delle provviste. Una bottiglia di candeggina è caduta, rimbalzando sul pavimento, insieme a rotoli di carta igienica. Quando il custode ci ha trovato, mi sono girato, appoggiandomi allo scaffale e le ho alzato la gonna, scoprendo il suo culo impertinente.

"Perché non le scopi il culo stretto", dissi al custode.

La ragazza gemette di dolore quando il cazzo del custode scivolò nel suo buco del culo. La sua figa è diventata molto stretta mentre il custode le ha alesato il culo e io ho arato la sua figa. Presto, la ragazza stava ansimando e gemendo di piacere, stringendomi forte mentre entrambi i suoi buchi venivano scopati. Il bidello venne per primo, probabilmente il primo assaggio di culo da adolescente che avesse mai avuto. Le ho scremato la fica quando l'orgasmo l'ha attraversata. Quando sono uscito, il custode stava provando la sua fica, godendosi alcuni secondi sciatti.

Proprio mentre entravo nell'aula successiva, la campanella suonò e l'ora era finita e gli studenti si precipitavano fuori dalla classe, trascinandosi per la scuola. Ho visto una ragazza carina scomparire fuori e le sono corso dietro. Aveva i capelli ramati raccolti in una coda di cavallo e sembrava simile a Mary da dietro. Quando l'ho raggiunta, aveva già attraversato il cortile ed era entrata nell'edificio della palestra/caffetteria e stava per entrare negli spogliatoi.

Ho sempre voluto entrare nello spogliatoio delle ragazze, godermi gli occhi su un'intera stanza piena di carne nuda e adolescente e giocare con loro. Quindi ho seguito l'adolescente biondo miele nello spogliatoio. Non sono rimasto deluso e il mio cazzo è diventato duro in un istante. Ovunque guardassi, c'erano ragazze mezze svestite, che indossavano reggiseni sportivi, pantaloncini da ginnastica e magliette. Una ragazza strillò e tutti si bloccarono, coprendosi la carne nuda con qualunque cosa fosse a portata di mano.

Un'insegnante di ginnastica si è alzata dal suo ufficio e si è precipitata fuori. "Che diavolo stai facendo?" lei ha chiesto. Era una donna da bulldog, il viso arrossato dalla rabbia, e sembrava che potesse semplicemente strapparmi la testa a mani nude se avesse voluto.

"Tu, oggi vai a insegnare ai ragazzi e non dire a nessuno cosa sta succedendo qui dentro!" ho abbaiato. "Ragazze, mettetevi in ​​fila, nude".

L'insegnante uscì sbalordita e le circa quindici ragazze adolescenti iniziarono a spogliarsi nude. Un ronzio confuso che echeggiava nello spogliatoio mentre le ragazze si interrogavano, chiedendosi cosa stesse succedendo. Il mio cazzo infuriava forte mentre mi toglievo i vestiti, e le ragazze arrossirono, alcune guardavano audacemente il mio cazzo, altre distoglievano lo sguardo imbarazzate. E alcuni che distoglievano lo sguardo si stavano avvicinando furtivamente a vette curiose.

Alla fine, tutte nude, davanti a me si sono messe in fila quindici adolescenti stupende. Erano basse e alte, formose e magre. Alcuni avevano grandi seni, altri piccoli. All their breasts were perky with youth, nipples pointing upward and bouncing as they walked. Most had pubic hair, only a few were shaved bare. Some had hairy, thick bushes, while others were neatly trimmed for bikini season. Some were skinny, some were pleasantly plump.

Sadly, none had their hymens. Three had broken theirs during gym class this year, a few others with dildos, various phallic vegetables, horseback riding, and doing the splits. I walked down the line, eying each girl up, hefting a breast, feeling a nipple, or sliding my hand across a shaved cunt, my cock jutting hard in front of me, bouncing as I walked.

“Okay, girls, for gym class we're going to have ourselves a nice little orgy,” I ordered. “So grab a partner and discover how great it is to pleasure another woman.”

Friends paired up with friends and the locker room was filled with feminine sighs and moans and giggles. Addison, the slightly plump, in a kinda sexy way, red-headed I met earlier, was bent over a bench while a Black girl ate her cunt. An Asian girl and a White girl were sixty-nining on the floor. Two blondes were making out, playing with each other's breasts.

I grabbed a busty brunette and sat down next to Addison and enjoyed a nice titty fuck. The plump red-headed moaned and gasped next to me as I enjoyed the brunette's rubbed my cock with her tits. The brunette's name was Daffodil, and her tits were soft and pillowy as she fucked them up and down on my cock. Her pink tongue would lick my cock head on the down stroke, sending a delightful shudder every time. Addison moaned as she came on the Black girl's face and I moaned as I shot my load all over Daffodil's big tits.

Addison and the Black girl started licking my cum off Daffodil's titties, and sucking her brown nipples. My cock hardened at the sight. Addison kissed down Daffodil's body and found her sopping wet cunt and ate her out as the Black girl sucked one Daffodil's big tits.

I stood up and noticed Latina girl and a Black girl taking a shower, rubbing their bodies together and I went and joined them. I fucked the Black girl, pushing her against the shower stall, while I had the Latina girl eat my ass out. The Black girl's cunt was tight and she moaned like a bitch in heat as I reamed her. The Latina girl's tongue felt amazing as she licked my ass, shoving her tongue inside my tight hole. And then the saucy Latina teen slipped a finger in and I felt that incredible feeling of having my prostate massaged and shot a huge load into her friend. When I pulled out of the Latina girl wasted no time diving into the Black girl's sloppy cunt.

Some of the girls had changed partners, Addison was tribbing with an Asian girl on the floor. Daffodil was eating a Black girl's cunt while the auburn-haired girl I followed into the shower ate Daffodil’s cunt. I found another Asian girl and fucked her ass while another girl sucked on her cunt. Her ass was tight and hot and I fucked her hard while she panted in pleasure. When I creamed her ass, the girl eating her pussy sucked my cum out of the Asian girl's ass.

In the shower, a daisy chain of five girls formed, and I watched while two girls took turns sucking on my cock. The girls in the daisy chain formed a circle, each girl sucked on someone's cunt while another girl sucked on her pussy. They all were moaning and every few minutes one would cum, bucking and shouting her pleasure. Was anything more beautiful than young women pleasuring each other? Mary, of course, but nothing else could compare. I came all over the faces of the two girls sucking on my cock and watched as they licked my cum off their faces, then kissed each other passionately, sharing the bounty of my sperm.

Before the period ended, I bent a the auburn-haired girl I initially followed into the locker room, over a bench. She had been getting her cunt eaten out by Addison. Addison giggled, her face sticky, and found another girl who was free and the pair slipped into a sixty-nine. I spread the auburn-haired girl's ass open and buggered her good and hard. Her ass was tight and hot on my cock as I reamed her ass, pulling on her auburn ponytail, and I shuddered when I came inside her.

Sadly, the period was over too soon and I had my virgin to find. The girls, reluctantly, got dressed, and a few were talking about having a slumber party tonight to continue. I wish I could be there, but Mary's family was coming over for dinner and I was hoping to fuck both her sisters tonight.

I was starving, and the cafeteria was just up the hall from the locker room. It was the first lunch period, I learned, from a saucy girl with brunette hair while waiting to get some food. Her name was Whitney and she wasn't a virgin. Whitney complained about having first lunch.

“It's just too early in the day, I get hungry again around last period,” Whitney bitched. “I signed up for second lunch for my senior year.” Whitney explained that Rogers had too many students to fit them in the cafeteria at once, so they had three lunch periods. “I had third lunch my last semester and it sucked. I was so hungry by the time it came around. Second period is where its at.”

The food was sloppy joes and a salad, neither of which were any good. But I was starving, so I ate two sloppy joes and finished off the soggy salad, sitting at a cafeteria table while Whitney sucked my cock beneath the table. She's have to finish quickly, her food was getting cold and I be that wouldn’t improve its taste any.

Rumor was going around the school if you wanted to lose your virginity, find me, and a group of nerdy boys and one jock did exactly that. I found them each a girl, and sent them off to find an empty classroom and lose their virginities. When I shot my load down Whitney's mouth, I hoped the extra protein I gave her would tide her over until after school.

I continued my search for the second virgin and I was striking out. Three classrooms later, and I'll had accomplished was a few more lads losing their virginities. Between periods, I grabbed a nerdy girl with glasses and bushy, brown hair.

“Virgin?” I asked, rotely.

“Yes,” the girl blushed prettily.

“Do you still have your hymen?” I asked and here would come her no and how she lost it.

“Yes,” she whispered and I almost didn't make out her word.

I blinked in surprise, and lifted her green skirt. She stood frozen in fear as I slid my hand down her panties, feeling her silky pubic hair. Her eyes searched the crowd of students, but no one seemed to notice. I slipped a finger up her wet cunt and she jumped.

“Don't scream,” I ordered, “Just relax.” I slid in a little ways into her warm, sucking cunt and felt a thin membrane and relief surged through me. Finally, I found the last virgin I needed. “What's your name?”

“April Lovel,” she whispered.

“Good, meet me at the flagpole after school,” I told her. “Today, you're getting your cherry popped.

There were still two periods left and just because I found my virgins, didn't mean I was ready to go. There were plenty more girls to fuck, I thought with a smile. I saw my pee slut heading into the bathroom, followed by Maya, the conservatively dressed girl. I check in on them and found Petrina happily drinking her pee in a bathroom stall and Maya happily getting her sloppy cunt eaten out by Petrina.

“She's the best,” Maya moaned. “We're going to have a lot of fun this summer!”

I slipped into an English class. A thin, bony woman, who looked like all the fluids had been sucked out of her body, leaving a withered old hag behind, was reading from Shakespeare. Macbeth, I think. Not caring about virgins anymore, just looking for a girl to fuck. I noticed this cute, Asian girl, Cinnamon skinned, maybe from the Indian Subcontinent, or maybe from Malaysia. She sat in the back, her black hair cut short and streaked with red.

“Everyone, just listen to the teacher read for Macbeth,” I ordered, walking back to the class.

Her name was Jessamine and I bent her over her desk, flipped up her red and green tartan skirt and pulled down a pair of frilly, yellow panties. I rubbed her bushy cunt a few times, feeling her moistening then I slid into her and she groaned loudly.

“Oh man!” she gasped. “Umm, that feels nice.”

Sitting next to Jessamine, was a coffee-skinned, Black girl who watched with fascination as I fucked Jessamine. Jessamine was moaning loudly, urging me to fuck her harder and faster. Her cunt was tight and wet on my cock and my balls slapping against her clit as I fucked her.

“Take off your panties,” I told the Black girl and she pulled off a red panties from beneath her skirt. I smelled them, enjoying the spicy musk of her arousal then shoved the panties into Jessamine's mouth. “Your disrupting class, young lady!”

I fucked her hard, enjoying her muffled moans through her classmate's panties. Jessamine gripped the edge of her desk as I fucked her. The desk rasping on the linoleum floor of the classroom and was slowly inching its way forward. Jessamine cunt was a vice on my cock when she came and I thought the desk might collapse as she spasmed atop it.

When I was about to cum, I pulled out of her cunt, pulled the Black girls panties out of her mouth and jerked off into the sodden panties' gusset, leaving ropes of creamy cum plastering the crotch. “Here's your panties back,” I said. “You should put those on right away.”

The Black girl, flushing darkly, stood up and pulled the panties soaked in spit and cum up her creamy legs. She squirmed as she sat down, the creamy mess in her panties cool on her pussy. Jessamine pulled her panties back up and moved her desk back and sat down, pulling open her book to read along with the rest of the class.

In a computer lab, a Black girl sucked me off while I check my Hotmail account. Chris, one of my D&D buddies, emailed me a pic of Velvet, cum covering her enormous, G Cup breasts. Velvet was a bikini barista I turned into a sex slave for Chris this morning. There was another email from Quatch, another D&D buddy, thanking me for turning his little sister into his sex slave. “Little cocktease got what was cumming to her,” the email red and a pic of a girl's asshole leaking cum was attached.

In the Chemistry lab, I bumped into the Cunningham twins Mary and I had enjoyed at Loews last week. Both were looking great, their hair was blonde, Rose's long and braided and Daisy's short. They both hugged me and kissed me, excited to see me and my cock was excited to see them. Their clothes came off as the rest of the class were doing some sort of experiment. The twins had large breasts topped with dark nipples, Daisy's cunt shaved bare and Rose's covered by a blonde bush.

“We fuck mom and dad every night,” Daisy panted as she bounced on my cock. Her sister, Rose, sat behind her, cradling her sister's boobs as she rode me cowgirl style, and kissing her neck. “We sleep in their king sized bed and everyone just enjoys each other.”

“We've become quite close,” Rose giggled, licking her sister's neck. “Mom's even lezzed out with a few of our girlfriends. And last night, dad fucked Maya good and hard while Maya ate out mom's cunt. It was so wicked. Daisy and I rubbed our cunnies together as we watched.”

When I came in Daisy's cunt, Rose ate her out while I fucked her from behind. It was hot, watching one twin sister eat the other's cunt out. Rose's pussy was tight on my cock as I fucked her, hard and fast, and she moaned loudly into her sister's cunt. Daisy moaned just as loud, encouraging her sister to eat her.

“Yes, yes!” Daisy moaned. “You naughty slut, eat my cunny! Ohh, you know just how to lez on me! Yes, oh yes, my sweet Rosie is making me cum!”

Rose drank her sister's cum as it flooded her lips. It wasn't long after that, as I fucked her hard, that Rose came on my cock, her little cunt spasming deliciously. I groaned and shot my load into her hot little cunt. The two sisters lay on the floor, panting and cuddling, cum oozing out of Rose's cunt. They kissed, like reflections coming together and merging where their lips met.

I enjoyed a few more hot cunts before the school day ended. In a health class, the girls got a very detailed lesson on male anatomy and every girl in the class got to suck on my cock for a minute and then I finished up in the cutest girl's cunt. The boys got to enjoy the other girls, and the entire classroom was filled with naked, panting teenagers. There were two more girls than boys, and so they learned all about tribbing and how sweet it was to cum on another girls cunt. Their old teacher, Mr. Ward, jerked his cock quietly at his desk.

In a civics class, I bumped into Addison again and enjoyed her sloppy cunt as she blew three different guys, swallowing their cum like a pro, before I added my cum to her slutty cunt. When I left, their teacher was taking my place, giving Addison a very spirited lesson as the class cheered him on.

I bumped into Melody, who, along with her mother, I fucked at the Old Navy store last week. It had been Melody's sixteenth birthday, and her and her mom were playing hooky to celebrate. It had been hot watching mother and daughter eating each other's cunts, so I pulled Melody into the same janitor's closet I fucked another girl earlier today.

“How's your mom?” I asked as my cock slid into her wet cunt.

“Oh, things are just fine,” Melody moaned. “Last night, with her help, I seduced my step-dad. He was so scared at first, but then he really got into it. He really loved watching mom and me make out and then nearly had a heart-attack when mom ate his cum out of my pussy!”

“God that sounds hot,” I panted as I plowed into her cunt.

No janitor interrupted this time and I fucked Melody to a screaming orgasm and then left a load of cum in her body as the final bell tolled, ending the school day. “I bet your mom will love eating my cum out of your slutty pussy.”

“I bet she will,” Melody answered with a saucy smile.

As I left the janitor's closet, I felt like had I accomplished a lot today. I fucked more cunts then I ever thought I could, putting my sexual stamina wish to the test and it did not let me down. I wondered how many of those girls were on birth control. Maybe I knocked a few up, I thought with a smile. I found my two virgins, Alice and Felicity, waiting for me and led them to my car, wondering if they were on birth control. Maybe I could plant a pair of babies in their cunts.

We passed Hikaru as she patiently waited for her new master to come and take her away to her life as a sex slave. A slight smile graced her lips and she squeezed her thighs in excitement. I led the virgins to my car, and put them in the backseat of my silver Mustang and climbed in the front, starting the car.

“Okay, girls, let's go get those cherries popped,” I said, glancing in my mirror.

April looked nervous and Felicity wrapped an arm around her, hugging her and smiling excitedly. I backed out of the parking space and sped home, eager to transform these girls into women.

Storie simili

Il miglior giro in quad di sempre

Avevo 14 anni quando ho avuto la mia prima esperienza. Non ero interessato alle ragazze fino a quando non sono entrato in terza media. Ho avuto alcuni amici che qui ragazze ma nessuno serio. La mia migliore amica era una ragazza di nome Emily con la quale ero amico da molto tempo. Più crescevo, più mi interessavo alle ragazze e più pensavo che Emily fosse la ragazza più bella che avessi mai incontrato. Con i suoi lunghi capelli biondi e morbidi e i suoi splendidi occhi azzurri luminosi. Ogni volta che mi parlava dimenticavo tutto e la mia bocca si seccava...

6 I più visti

Likes 0

Ragazzone 1

BigBoy 1 modifica 2 ​Alla fine degli anni settanta, dopo aver divorziato dalla mia seconda moglie, ho iniziato a picchiare di nuovo la scena della festa.. Ho incontrato questa donna in un bar una notte, mi sono fatta abbastanza ubriaca e arrapata, quindi noi deciso di andare a casa mia.. Lungo la strada passammo davanti a un negozio di libri per adulti, Mi ha chiesto se ero mai stato lì e ovviamente ho detto di sì perché il il proprietario era un cliente e un amico.. Ha detto che non era mai stata perché era troppo timida per andare da sola...

248 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

195 I più visti

Likes 0

I sogni di Ashley

Tutti i nomi e la posizione sono stati modificati Fatemi sapere come vi piace la storia. Questa è la mia prima storia qui. ================================= Quando ho posato gli occhi su Ashley per la prima volta ero in seconda media. Eravamo giovani. I miei primi veri sentimenti sono iniziati in prima media. Il suo compleanno è stato 2 settimane prima del mio. Quando ho compiuto 16 anni ho organizzato una grande festa. E, naturalmente, Ashley era lì. Negli anni in cui sono stata una delle sue migliori amiche, lei non era della nostra città, si è trasferita dalla Florida al suo settimo...

260 I più visti

Likes 0

Adoratore di cazzi - Parte 8

Adoratore di cazzi – Parte 8 Così, nell'estate del 1994, decisi di trasferirmi in una piccola città chiamata Alcolu, nella Carolina del Sud, dove viveva un uomo sulla quarantina e sembrava tutto ciò che avrei mai potuto desiderare. Ha detto che aveva un lavoro in programma per me, il che era fantastico. Era molto romantico nelle sue lettere e nelle conversazioni telefoniche e il mio cuore era in subbuglio. I miei genitori erano preoccupati se fosse stata la decisione giusta, ma nonostante ciò, mi hanno organizzato una festa d'addio con tutta la mia famiglia e i miei amici per celebrare la...

166 I più visti

Likes 0

GIURATO al SEGRETO

GIURATO AL SEGRETO Sfogliò le carte di potenziali uomini. Non mi stai seriamente incastonando, con nessuno di questi uomini. Ha detto dispiaciuta. Seduta sulla sua sedia con uno sguardo disgustato sul viso. “Madison! Sii reale, hai 35 anni e sei ancora single! So di essere tua sorella minore. Ma devi fare uno sforzo se non vuoi stare da solo per il resto della tua vita” Melanie parlò sinceramente. Madison si sporse in avanti e continuò a sfogliare i lunghi fogli bianchi. Fino a quando non ha tirato fuori un foglio, con una carta fotografica ritagliata a lato. 'Dean Radcliffe' Uno scapolo...

227 I più visti

Likes 0

Così com'è - Parte 3

La mattina dopo Stuie si svegliò dal rumore di sua madre che si preparava per la giornata. Stava ancora pensando a cosa indossare per attirare l'attenzione di una sorella di cui non era ancora sicuro. Ha scelto di indossare la sua canotta aderente rosso vivo e un paio di pantaloncini triathalon aderenti, spesso indossati per gli allenamenti di wrestling, che avrebbero accentuato il suo pacco e i panini. Non riusciva a trovare un paio completo di sandali o infradito prontamente disponibili, quindi i piedi nudi sarebbero andati benissimo. Passò tra le stanze della casa in cucina per aiutare sua sorella a...

310 I più visti

Likes 0

Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna...

269 I più visti

Likes 1

Lussuria 3

Ancora una volta, stavo terminando la notte masturbandomi dopo essere stato estremamente eccitato a causa delle avventure di mia figlia. Oggi è stata una giornata pazzesca e non potevo credere a quello che era successo dopo aver calmato i miei pensieri arrapati con un orgasmo. Mi sono addormentato come un angelo dopo. Al mattino mi sono svegliato presto e ho preparato la colazione. Quando i bambini sono scesi, ho servito loro dei cereali e ho preso la banana che mia figlia aveva messo nel culo la sera prima e l'ho data a mio figlio. Ho guardato il viso di mia figlia...

301 I più visti

Likes 0

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

272 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.