Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

125Report
Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo.

Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il colletto di Bob. Il biglietto diceva di mettersi il colletto e andare a trovarlo, altrimenti sarei stato licenziato. Non sapevo cosa aspettarmi, ma avevo paura. Sono sicuro che sapeva di ieri sera. Non ero sicuro di come, ma lui lo sapeva, e mi aveva sopra un barile. Entrai dalla porta principale e fui accolta da Liz.

"Stephanie, Bob ti sta aspettando. Per favore seguimi e ti accompagnerò nel suo ufficio."

La seguii attraverso il maniero, completamente in soggezione davanti all'ampio edificio. Ha quasi sopraffatto il terrore che avevo di andare a vedere Bob. Mi condusse in una stanza a doppia porta, ne aprì una e mi fece cenno di entrare. Feci un respiro profondo, deglutii nervosamente ed entrai. La porta si è chiusa dietro di me ed ero solo con Bob nel suo ufficio.

"Ah, Stephanie," disse Bob, sorridendo dolcemente. Vieni qui e siediti».

Indica un divano in pelle a lato della scrivania. Mi avvicinai e mi sedetti, le mani incrociate in grembo.

"Allora, ieri sera..."

"Bob, posso spiegare."

"Non c'è bisogno. Ho tutto sulla fotocamera. Vedi, ogni cane ha un pedigree e vale circa tremila dollari. Otto cani, tremila dollari ciascuno, è un investimento considerevole. Quindi ogni allevamento ha la sua macchina fotografica, così come una telecamera a ciascuna estremità del percorso pedonale."

Prese un telecomando, lo puntò verso una tv dall'altra parte dell'ufficio e l'accese. Ero lì, con un bicchiere di vino in mano, in maglietta e mutandine, che camminavo lungo il corridoio, incontrando ciascuno dei cani. Poi sono entrata in canile.

La telecamera ha mostrato tutto quello che è successo e Bob mi ha fatto sedere e guardare mentre il cane mi annusava e poi mi buttava a terra. Bob mise in pausa il nastro.

"Ora, quello che succede per i prossimi 12 minuti o giù di lì, è ovviamente contro la tua volontà. Non mi illuderò pensando che lo volessi. Ma fammi andare avanti veloce, fino a qui, e alziamo il volume, possiamo ?"

Ha fatto avanzare il nastro di sicurezza e ha iniziato a riprodurlo con il volume alzato. Ed eccomi lì in alta definizione, chiaramente respingendo le spinte del cane, gemendo come una pornostar.

"Chiaramente, hai avuto un cambiamento. Ovviamente hai deciso che ti piaceva alla fine."

"Io... io... non so cosa sia successo," balbettai. "Ero terrorizzata, ma qualcosa in me è scattato, e all'improvviso, io...io...volevo solo venire."

"Quindi, ammetti di essere diventato consapevole della tua eccitazione?"

"Sì."

"Ora, rispondi onestamente. Che cosa ha fatto per te guardare il nastro?"

"Non ne sono sicuro. Sono imbarazzato, ma vedendomi così..." mi interruppi.

"È stato emozionante?" Bob ha offerto.

"Uhm, sì, non lo so," ho risposto, tremante. Sapevo solo che stava per peggiorare. "Non so perché, ma vedermi non essere in grado di avere il controllo mi ha eccitato".

Bob mi ha guardato e ha detto in tono piatto: "Togliti i vestiti".

"Co-" e fui interrotto con un forte ceffone in faccia.

"Questa è l'ultima volta che te lo dico. Togliti. Togliti i tuoi. Vestiti."

Mi stava fissando e non avevo scelta. Mi alzai e iniziai a togliermi i vestiti. Mi sono infilata la polo sopra la testa, ho allungato una mano dietro di me e ho slacciato il reggiseno, e l'ho tolto, liberando le mie coppe C. Mi sono tolto le scarpe e ho iniziato a togliermi i pantaloni color cachi. Dopo che mi ero ridotto al perizoma, Bob mi ha fermato.

"Va abbastanza bene. Siediti di nuovo e allarga le gambe."

Feci come mi era stato ordinato e Bob si mise in ginocchio davanti a me.

"Mio, mio. Sembra che la mia nuova cagna del canile sia accesa. Le tue mutandine si stanno bagnando abbastanza", ha detto con un sorrisetto. "Vai avanti, toglili e fammi vedere che la tua fica di puttana."

Non ero mai stato così umiliato, o eccitato. Sicuramente al mio ragazzo piaceva parlare sporco a letto, ma non è mai stato così esigente o dispotico. E contro tutti i miei buoni ragionamenti, mi stava solo rendendo più eccitante. Ho tirato fuori la mia piccola cosa e ho mostrato a Bob cosa voleva vedere. Era piuttosto preso dalla mia figa, e ha iniziato a strofinarmi le labbra e a far scorrere il pollice attraverso la piccola pista di atterraggio sopra la mia fessura.

"La tua figa sembra essere in buona forma dopo quella piccola scopata con il mio cane la scorsa notte", rifletté. Ha inserito due dita nel mio tunnel bagnato e ha iniziato a scoparmi brutalmente con le dita. "E tu sei ancora stretto! La tua figa mi farà una fortuna."

Cosa mi stava succedendo? Mi contorcevo di piacere sul divano mentre mi scopava con le dita la fica, usandomi come un giocattolo del cazzo. Poi ha tirato fuori le sue dita dalla mia figa e ha iniziato a giocherellare con il mio anello anale raggrinzito. Mentre ci infilava la punta di un dito dentro, gemevo. Non mi ero mai fatto sditalinare il culo, tanto meno mai provato il sesso anale. Sono rimasto stupito da come mi sono sentito mentre prendeva il controllo del mio corpo.

"Ora questa è una sorpresa. Il tuo culo è così stretto. Dimmi, cagna, hai mai fatto sesso anale?" chiese.

"Noo," gemetti, spingendo i miei fianchi al suo dito.

Mentre continuava a toccarmi il culo, l'altra mano è andata ai suoi pantaloni e ha tirato fuori il suo cazzo. Era seduto dove se guardavo il mio corpo, non potevo vedere il suo uccello se ci provavo. Ho afferrato le mie tette e ho iniziato a massaggiarle e a pizzicarmi i capezzoli mentre inseriva un secondo dito nel mio buco vergine.

Ha tirato fuori rapidamente le sue dita dal mio culo allentato. Poi ha spinto brutalmente il suo cazzo nel mio culo.

"Aargh!" Ho urlato mentre mi penetrava. Non mi ha lasciato il tempo di adattarmi a lui. Ha subito iniziato a sbattere il suo cazzo nel mio culo. Mentre mi scopava con rancore, si è alzato e ha afferrato le mie tette come se stesse cercando di spremere tutto da loro.

"Il tuo culo è mio ora, puttana", ringhiò mentre mi arava brutalmente.

Presto il dolore fu sostituito dal piacere e iniziai a spingermi indietro per incontrarlo. Mi stava martellando forte come il cane mi ha scopato la figa la scorsa notte, ma senza la velocità. Non importava, perché stavo già costruendo verso il mio orgasmo. Mentre gemevo per il mio piacere con lui, ha iniziato a scoparmi più velocemente e più forte. Presto ero al culmine del mio rilascio quando si fermò e tirò fuori il suo cazzo da me.

Salì sul divano e per la prima volta vidi il suo cazzo. Era enorme! Facilmente fintanto che il cazzo che mi ha violentata la scorsa notte, e me l'ha infilato prontamente in bocca.

"Succhialo, puttana!" lui gridò. "Pulisci il tuo culo dal mio cazzo!"

Ho succhiato avidamente la sua carne, succhiando il suo cazzo in testa fino a quando non ho più potuto assaggiare il mio culo su di lui. Ha afferrato la mia coda di cavallo e mi ha tirato indietro la testa e ha iniziato a provare a spingermi tutti gli 11 pollici della sua virilità in gola. Ogni volta che mi colpiva in fondo alla gola, mi strozzavo e mi strozzavo con il suo cazzo mentre mi scopava in faccia.

"Sto per venire", grugnì, atterrando che inghiottirai ogni goccia."

Proprio in quel momento, ha spruzzato la parte posteriore della mia bocca e della mia gola con il suo seme caldo e appiccicoso. C'era così tanto che non pensavo che la mia bocca avrebbe resistito tutto. Alla fine ha pompato il suo ultimo getto di sperma e ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia bocca.

"Ingoialo", ordinò.

Ho chiuso la bocca e ho assaggiato la salsedine del suo carico, e con un udibile sorso l'ho inghiottito tutto.

"Ora, vestiti e mettiti al lavoro. Verrò giù al canile e discuteremo dei tuoi nuovi doveri come mia cagna del canile."

Detto questo, è sceso da me e ha riposto il suo cazzo sgonfio nei pantaloni e si è avvicinato alla sua scrivania. Mi sono rimesso i miei vestiti, lanciando un'occhiata alle mie spalle, e lui è stato sepolto in scartoffie. Non appena ebbi i miei vestiti in mano, mi ritirai nel mio ufficio al canile.

Tornato al canile, sono entrato nel mio appartamento e mi sono guardato allo specchio. Il mio trucco era rovinato da stamattina e quel dannato colletto stava quasi ridendo di me. Come ho potuto entrare in questa situazione? Tutto perché ho deciso di entrare in quel canile? E perché il mio corpo doveva dirmi che gli piaceva essere usato da quel cane?

Un altro milione di domande mi sono passate per la testa. Mi sono lavata la faccia, ho riapplicato il trucco e ho deciso che dovevo solo farcela durante la giornata. Così sono tornato in ufficio e mi sono messo al lavoro. C'era un bel computer in ufficio, l'ho esaminato e ho visto che non c'erano registrazioni lì. Ho deciso che ora sarebbe stato il momento giusto per iniziare a digitalizzare il maggior numero possibile di record. Ho passato l'intera giornata a compilare elenchi di clienti, appuntamenti, registrazioni delle riprese e quando erano dovuti. Alla fine della giornata, avevo praticamente messo da parte gli eventi della mattinata.

Verso le sette bussarono alla porta dell'ufficio.

"Entra", urlai dal mio appartamento. Ho sentito la porta aprirsi e chiudersi, e ho pensato che fosse Bob che veniva a discutere dei nuovi "doveri" di cui parlava stamattina. All'inizio tutto era strettamente il business, come ero arrivato a organizzare tutto. Gli ho detto di dare un senso a tutti i file e poi gli ho mostrato i fogli di calcolo che avevo inserito nel computer. Sembrava essere molto impressionato da tutto quello che avevo fatto nei due giorni che ci avevo dedicato.

"Molto bene. Ora passiamo alle altre faccende. Innanzitutto, il nostro accordo originale è ancora valido. Avrai ancora il tuo normale stipendio, più vitto e alloggio, e questo fine settimana avrai l'opportunità di finire il trasloco e cancella l'affitto dell'altro tuo posto. Ma i tuoi nuovi doveri iniziano ora. Sarai la mia nuova cagna del canile. E come tale, il tuo codice di abbigliamento per il dopo orario sarà il colletto. Quindi vai avanti ... "

Agitò le dita per dirmi di andare avanti e spogliarmi. Non appena mi sono tolto i vestiti, ha continuato.

"Ogni giorno 'servirai' un cane diverso. E ricorda, ho telecamere di sicurezza, quindi saprò se non lo sei. Inoltre, se ti chiamo durante il giorno per venire nel mio ufficio, lo farai immediatamente. Vieni entra e chiudi a chiave la porta, poi mettiti l'abito da cuccia. Quando avrò finito con te, tornerai subito al lavoro. Ti farò anche intrattenere alle funzioni. Avrai lasciato l'abito e indosserai quello . Nient'altro, quindi se ci sono le mutandine, indosserai quelle, altrimenti non ne indosserai nessuna. Inoltre, per i tuoi servizi, ti darò un bonus. Sotto il tavolo ovviamente. " Raggiunse una cartella che aveva portato con sé e tirò fuori un documento.

"Questo è un accordo di non divulgazione. Qualsiasi e tutte le attività a cui partecipi, sono per noi e per chiunque tu stia intrattenendo solo a saperlo. Si afferma inoltre che nel caso in cui decidi di smettere e di smettere di lavorare per me senza il dovuto avviso, i video e le immagini di te verranno inviati a tutti i luoghi per cui ti candidi al posto di una lettera di raccomandazione. E se scegli di non firmare, interromperò il tuo impiego, e lo stesso vale come prima. Sottomarinerò qualsiasi tentativo di impiego altrove. Capito?"

Mi sono seduto lì, stordito. Mi ha preso su un dannato barile. Non potevo smettere, perché sarei tornato strisciando nell'unico posto in cui potevo lavorare, e chissà se sarei stato anche pagato. E prima di poter cercare lavoro, dovrei farglielo sapere. Gli stavo cedendo il controllo totale.

Visto che non avevo altra scelta, ho firmato il foglio.

"Bene, ora andiamo a vedere per cosa ti pagherò di più."

Si alzò e mi condusse per mano al canile. Mi accompagnò in uno dei canili, aprì il cancello e mi spinse dentro. Ero ancora sotto shock per quello che mi stava succedendo e rimasi immobile.

"Parte dell'essere la cagna di questi cani significa che ti comporti come una cagna in calore. Ciò significa che ti abbassi, mani e ginocchia, e ti presenti per essere fottuto. Non costringermi a licenziarti il ​​primo giorno."

Tremante, mi misi in ginocchio, abbassai la parte superiore del corpo e allargai le ginocchia. Questo cane era facilmente più grande di quello che mi aveva violentata la notte prima. Ha camminato intorno a me e ha annusato la mia figa. L'umiliazione per quello che mi stava succedendo mi stava facendo iniziare a bagnarmi. Il cane ha potuto percepire la mia eccitazione crescente e ha iniziato a leccarmi la fica per farla bella e bagnata. Questa volta, senza che le mie mutandine fossero d'intralcio, ha iniziato a leccarmi il buco, spingendo la lingua in profondità dentro, prendendo tutto il succo che si stava accumulando dentro di me.

Stanotte, ora che sapevo che sarebbe successo, ho tolto dalla mente tutte le umiliazioni e la vergogna. Ho deciso che se questo era ciò che sarei stato, mi sarei divertito il più possibile. Ho iniziato a spingere i miei fianchi indietro verso la faccia del cane, costringendo la sua lunga lingua ulteriormente nella mia presa. Ho iniziato a gemere mentre mi leccava la figa. La notte prima ero così terrorizzato che non apprezzavo cosa potesse fare la lunga lingua di un cane, ma ora ero affascinato. Gemetti più forte mentre il mio orgasmo si avvicinava.

"Così", ho incoraggiato. "Continua a leccarmi, sono così vicino a venire, Bob. Vuoi guardare la tua cagna venire su questa lingua da cagnolino?"

Ho guardato oltre la mia spalla e Bob ha tirato fuori il suo cazzo impressionante accarezzandolo lentamente. Mi stavo eccitando così tanto, non avevo la mia volontà. Ero lì per essere un giocattolo del cazzo, un cassonetto di sborra per il mio capo e i suoi cani. E la realizzazione mi ha reso così eccitato che sono venuto.

"Oh Dio! Sto venendo!" Ho strillato, mentre un'ondata dopo l'altra di piacere scorreva attraverso la mia figa spasmodica.

Il cane, dopo avermi lubrificato la figa con la lingua, mi montò. Aveva circa 40 libbre sul primo cane, e il suo peso che atterra sulla mia schiena ha mandato un lampo di dolore quando i miei gomiti e le mie ginocchia sono stati trovati nel pavimento di cemento. Potevo sentire il suo cazzo caldo e viscido che mi sfregava il monticello e lo stomaco mentre si avvicinava a me, cercando il suo obiettivo. Ho cercato di allungare la mano indietro e guidarlo nella mia tana, ma non riuscivo a trattenermi sotto il suo immenso peso.

Lentamente sentii il suo cazzo avvicinarsi al bersaglio. Il suo uccello colpiva ripetutamente il mio clitoride, inviandomi sussulti di piacere. Più arrapata che mai, e volendo quel cazzo enorme dentro di me, ho ruotato i fianchi e ho sentito la sua punta trovare il segno.

Con una spinta enorme, seppellì metà della sua carne in me, e io fui in paradiso. Il suo cazzo era più grasso dell'altro e io gemevo come una puttana mentre mi allungava il suo sottopancia. Mentre mi pompava come un martello pneumatico, si spingeva sempre più dentro.

"Bob, è così grande!" gemevo. "Mi sta allungando la figa. È così bello." Stavo gemendo in modo incontrollabile mentre il mastino mi inveiva. Presto, ho potuto sentire la sua punta contro la mia cervice, allungandomi più a fondo mentre mi spingeva dentro il resto del suo cazzo. Poi l'ho sentito, il suo nodo stava schiaffeggiando contro le mie labbra oscenamente socchiuse.

"Mmm... fottimi... annodami. Fammi la tua cagna. Legami con la tua nuova cagna," supplicai il cane. Rivolgendomi a Bob, ho chiesto "Al padrone piace guardare la sua cagna farsi scopare?"

"Maestro?" Bob ridacchiò. "Sì. 'Maestro' si diverte," rispose mentre accarezzava furiosamente il suo arnese da undici pollici.

Presto i cani sapevano che stava spingendo dentro, poi tirando fuori dalle mie labbra. Ogni volta che entrava, entrava premeva sul mio punto g, facendomi impazzire. Stavo spingendo i miei fianchi dentro di lui, cercando di farmi legare. Stavo morendo per un orgasmo come la notte precedente, e volevo sentire il suo sperma spruzzarmi dentro come una manichetta antincendio. Alla fine, ho sentito il suo rigonfiamento appena fuori dalla mia figa, dove era più grande di quello che stavo aprendo. Allargai un po' di più le ginocchia e mi gettai sulla sua spada carnosa, e forzai la sua conoscenza nella mia figa. Il suo nodo continuò a gonfiarsi, allungandomi ulteriormente e spingendo contro il mio punto g.

"Maestro, è legato con me!" gemevo. "Premendo... punto g... Dio, sto venendo!"

Questo orgasmo era persino più grande dell'ultimo. La mia figa ha stretto il cazzo del cane, mungendolo dal nodo alla punta. Il mio orgasmo ha portato il cane al picco e ho sentito un rombo dentro di me quando ha iniziato a venire.

"Mi sta venendo dentro! Lo sento! Sta spruzzando le mie pareti... Mi sta riempiendo."

Dopo circa due minuti, ho sentito il suo cazzo smettere di sussultare e spruzzare dentro di me.

"Ha finito, puttana?" chiese Bob.

"Sì, ha finito," ansimai...

"Scusami?"

"Sì, ha finito, Maestro."

Bob è entrato nel canile e si è inginocchiato davanti a me con il cazzo fuori. Mi prese per i capelli e mi sollevò il viso. Ho aperto la bocca per succhiargli il cazzo, ma lui mi ha tenuto lì, accarezzandogli il cazzo.

"Non dimenticare mai di chiamarmi 'Padrone' di nuovo, sgualdrina," ringhiò, e mi sparò il suo carico in faccia. Corda dopo corda del suo seme appiccicoso mi colpì ovunque sul viso tranne che sulla bocca. La mia faccia è rimasta coperta e lui ha lasciato cadere la mia testa.

Sono andato ad asciugare lo sperma, con l'intento di ingoiarlo, ma lui mi ha schiaffeggiato via la mano.

"No. Ti pulirai quando te lo dico. Se vuoi mangiare lo sperma, aspetta qualche minuto."

Dopo una ventina di minuti, ho sentito il nodo gonfio scendere abbastanza e il cane ha iniziato ad allontanarsi.

"Ora, troia, prima che tiri fuori, prepara la tua mano. Mentre si tira fuori, ti coprirai la fica per trattenere lo sperma. Poi ti metterai indietro, le gambe aperte, e poi potrai mangiare il sperma che si esaurisce. Capito?"

"Sì maestro."

Ho messo la mano a coppa intorno al cazzo del cane, facendolo scorrere tra le mie dita. Quando si è tirato fuori, ho fatto del mio meglio per bloccare lo sperma con la mano e ho serrato le cosce per tenerlo tutto dentro. Mi sono seduto sul sedere e ho allargato le gambe, fissando Bob negli occhi. Ho messo l'altra mano sotto la mia fica e ho lasciato che si riempisse di sborra di cane mentre la lasciavo fuoriuscire dalla mia figa. L'ho portato così alla mia bocca, e l'ho trangugiato rumorosamente. Sono rimasto sorpreso dal gusto. Era simile allo sperma di un uomo nel sapore, ma più sottile, più acquoso. Dovevo essere proprio la scena: faccia ricoperta di sperma umano, sperma di cane che luccicava sulle mie labbra e mi gocciolava sul mento, e le mie gambe si aprivano lascivamente e una pozza di sperma di cane si raccoglieva sotto la mia figa.

"Che sapore ha?" chiese Bob.

"Incredibile, Maestro. Buono quasi quanto i gusti del Maestro."

"Allora pulisciti, abbiamo finito per stasera", disse Bob mentre si voltava per uscire. Si fermò sulla porta e disse: "Un'altra cosa: tu mi chiami Maestro solo quando siamo qui o se ti faccio intrattenere. Durante la giornata di lavoro, mi chiamerai Robert, sia qui che se ti chiamo al ufficio. Capito?"

"Sì maestro."

Con ciò, se ne andò. Mi alzai in piedi e uscii velocemente dal canile. Non volevo metterci troppo tempo, perché non sapevo se la mia figa completamente fottuta potesse sopportare il secondo round. Ho camminato attraverso l'ufficio e al mio appartamento. Mi avvicinai allo specchio a figura intera nel soggiorno e valutai ciò che vedevo.

La mia faccia era ancora grondante di sperma da Bob e il cane. Le mie ginocchia e i miei gomiti erano graffiati e crudi per essere stato scopato così forte sul pavimento di cemento, e l'ultima sborra del cane mi gocciolava lungo l'interno delle cosce.

"Ho perso la testa?" mi sono chiesto. Dovevo ammetterlo, chiamarlo padrone all'inizio era più che altro un gioco sul rapporto cane/padrone, e io ero la cagna del canile. Poi è scattato: mi stavo sottomettendo a lui, e ci stavo riuscendo. Sicuramente lo era, perché non appena l'ho detto, ha davvero accelerato il ritmo nel colpire il suo cazzo. Più ci pensavo, più mi faceva caldo.

Quindi, avevo una decisione da prendere. Abbraccio questo nuovo lato di me e mi godo i piaceri che mi vengono offerti? O faccio semplicemente i movimenti, a causa del piano di ricatto che Bob aveva messo in atto?





Grazie per i commenti sulla prima parte e, come sempre, i commenti sono sempre i benvenuti. Con abbastanza, potrebbe esserci una Stephanie 3.

Morg

Storie simili

Il compagno del campione 12

La tarda estate al Menthino è stata un periodo intenso. Kaarthen si ritrovò nella gigantesca stanza della mappa del palazzo. L'intero piano era un'immagine in movimento in tempo reale di Menthino, scale su rulli e tavoli cartografici su ruote erano lungo le pareti. Marcos era vestito in modo quasi casual con una camicia di seta verde scuro e pantaloni neri Safi. La regina e due principesse, Saliss la più anziana e Ruegin, ascoltavano con lei i piani annuali di migrazione dalle vaste pianure alluvionali a Cardin. Tre Hjordis in nero Safi con i capelli raccolti in chignon stretti stavano lungo il...

314 I più visti

Likes 0

Il papà del mio amico 8

Il giorno dopo era normale come al solito. Sono andato a scuola con Jeanette e abbiamo studiato nella sua stanza dopo i reparti, ma ovviamente entrambi avevamo qualcos'altro in mente che sarebbe stato archiviato sotto Cattivo se capisci cosa intendo. Ti sei davvero masturbato mentre ci guardavi? Ho chiesto. Sì, era davvero fottutamente caldo. Voglio dire, ti stava arando come un matto. Sono sorpreso che i vicini non si stiano lamentando con noi in questo momento. Voglio dire, guardandoti, non avrei idea che ti lamentassi così molto quando hai fatto sesso. Voglio dire, dannazione mia signora, se non ti conoscessi meglio...

304 I più visti

Likes 0

Nutrire i giovani

Norm aveva la sensazione che sapesse che la stava perseguitando e questo lo rendeva cauto. Voleva essere violentata? Non sembrava la tipica esca della polizia per il modo in cui era vestita. La cagna si è vestita in modo strano in realtà; un trench ampio, ampio cappello floscio e occhiali da sole oversize. No, non un poliziotto ma... beh, Norm sperava che non fosse una travestita. L'uomo di mezza età sarebbe dovuto tornare in ufficio per un incontro importante e non voleva arrivare in ritardo. Ma a volte questi impulsi prendevano il controllo e lui doveva agire di conseguenza. La cagna...

275 I più visti

Likes 1

Broken Birds, Parte 37, Uno spazio nel tempo / Epilogo

Parte 37 Uno spazio nel tempo Epilogo L'elicottero di emergenza ha urlato per tutta la notte. Michael, Jennifer, Beth e Kat erano a bordo. Il dottore che Jennifer aveva di guardia non era potuto venire. Era ubriaco. La consegna è iniziata normalmente. Poi Kat ha cominciato a sanguinare gravemente. Barbara l'aveva già visto. Ha dato suggerimenti che Jennifer ha immediatamente implementato, scoprendo quanto preziosa fosse diventata l'esperienza ginecologica e neonatale di Barbara. Barbara è rimasta indietro a causa delle condizioni e dello stress di Jan. Il terrore attanagliò l'harem. Si sedettero intorno all'enorme soggiorno principale. Cercavano in Barbara consolazione e informazioni...

356 I più visti

Likes 1

Famiglia adottiva Capitolo 9

Ehi ragazzi, scusate per quanto tempo è passato. Spero vi piaccia ^_^ Si applicano le stesse note. Questo è un lavoro di FICTION qualsiasi parvenza di eventi reali è del tutto una coincidenza. Se hai meno di 18 anni (o 21 a seconda di dove ti trovi) o se è illegale per te leggere questo per qualsiasi motivo, o se il sesso tra ragazzi/uomini ti offende comunque, per favore non leggere. altrimenti buon divertimento! ________________________________________________________________________________ Capitolo 9 Positivo. Quell'unica parola rimase nella testa dei ragazzi per il resto della notte. Nessuno dei due ragazzi riuscì a dormire quella notte, con loro...

316 I più visti

Likes 0

DOLCE SOFIA!!

Sophie è la figlia unica dei miei vicini, è una dolce ragazzina di 13 anni, ma c'è sempre stato qualcosa in lei che mi ha fatto guardare in modo diverso dalle altre bambine. Forse sono i capelli biondi ricci, il suo bel visino, le sue gambe lisce o il fatto che ha un bel paio di tette in erba. Bene, tutto è iniziato un sabato, mi sono seduto nel mio giardino a godermi il sole e anche i miei vicini erano fuori. Non ho l'abitudine di ascoltare le conversazioni di altre persone, ma non ho potuto fare a meno di sentire...

120 I più visti

Likes 0

L'amore è tutto ciò che conta pt2 - Nuovo dipendente, vecchie abitudini

Ero a casa ad aprire la porta, entrando nel mio appartamento quando il mio cellulare ha ronzato, mi infilo in tasca per prenderlo e controllare chi fosse a quest'ora, Jessy. Il messaggio diceva: Scusa :( te lo devo, la prossima volta puoi scegliere un film. Forse scegline uno con più azione, così non mi addormento Ho sorriso al messaggio e mi sono spogliato preparandomi per andare a letto, mi sono lavato i denti e sono andato in toillete tirando fuori il mio cazzo e mirando con i miei occhi assonnati, una mano che scriveva a Jess l'altra che mi teneva il...

306 I più visti

Likes 0

diario di una casalinga. prima parte.

Sposarsi ha causato molto stress nelle nostre vite. Rick si rifiuta di lasciarmi lavorare, e anche con una nuova casa in città (in una zona a basso reddito) e le bollette che accumulano si rifiuta di muoversi. Smorza la nostra relazione e ci mette a dura prova emotivamente e sessualmente. È costantemente al lavoro. Lo stress gli rende difficile essere affettuoso. Vedi dove sta andando. Sono una brava ragazza. E una buona moglie. Ho cercato per settimane di soddisfarlo. Ogni mattina lo succhiavo a secco. Quando è tornato a casa tardi, ho messo da parte i miei bisogni e l'ho succhiato...

314 I più visti

Likes 1

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che faceva la mamma in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un brivido nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

245 I più visti

Likes 0

Mamma torna in forma

Possiamo parlare un secondo? mi chiese mia madre mentre guardavo la partita di football. Ho bisogno di un favore da te. I miei occhi erano ancora incollati alla TV. Certo, ma può aspettare fino a tardi? Questo gioco è quasi finito. Prese il telecomando e spense la tv. Ehi! Lo stavo guardando! Puoi leggere i risultati online o vedere il replay al telegiornale, comunque non vedo davvero quale sia la differenza, ha risposto severamente. Bene, cosa posso fare per te mamma? Sollevò il fondo della sua maglietta per rivelare uno stomaco morbido e sinuoso. Aveva partorito un anno prima che l'aveva...

150 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.