Quid pro quo

500Report
Quid pro quo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

PARTE 1: L'intervista

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Luke si trova nell'ascensore e si dirige verso l'ultimo piano della Salesforce Tower. Ha il caffè in mano portando lo zaino su una spalla. Fissa il suo riflesso sulla porta dell'ascensore. Sta a 6'0 vestito nel suo solito look casual da lavoro. Ha pantaloni argentati su misura per la sua corporatura con una camicia blu abbottonata e un paio di scarpe nere. L'ascensore suona e la porta si apre. Si fa strada lungo un corridoio e si dirige verso la suite dell'azienda per cui lavora. Luke apre la porta e si dirige verso l'area della reception, salutando l'addetto alla reception.

“Buongiorno Amanda!”

“Buongiorno Luca! Bella giornata, eh?"

"Assolutamente!"

Si dirige verso il suo ufficio in una stanza chiusa. Prende un respiro profondo e guarda fuori dalle grandi finestre del suo ufficio. Ammira le splendide viste della Bay Area. È una limpida giornata di sole con cieli azzurri. È felice di non vedere nebbia, soprattutto nelle vicinanze del Golden Gate Bridge, dove è comune.

Luke beve un caffè prima di sistemare la sua scrivania. Ha una giornata impegnativa davanti a sé. Ha un colloquio programmato con un candidato, due incontri di lavoro e un progetto che deve aver completato prima della fine della giornata. Luke è un rappresentante delle risorse umane per un'azienda tecnologica. È specializzato in marketing, promuove la sua azienda online e si occupa dell'assunzione di nuovi dipendenti.

Luke apre il suo laptop, tirando su un file nella sua e-mail aziendale. Le informazioni del potenziale candidato per il colloquio che ha programmato. Dà un'occhiata al nome e lo annota su un taccuino che ha preparato con una serie di domande standard per l'intervista. Il nome della candidata è Samantha Myer che dovrebbe arrivare per il colloquio tra mezz'ora.

Il tempo vola. Alle 9:30 in punto, Amanda bussa alla porta di Luke nel suo ufficio.

“Luca. Ho la signora Myers qui per il suo colloquio. dice Amanda.

"Portala dentro!" Luke risponde, sedendosi alla sua scrivania.

La porta si apre lentamente. Entra una donna alta e attraente. È caucasica, circa 6 piedi e 2 piedi con i capelli corti e castani che le sfiorano appena le spalle. Indossa una giacca scura completamente aperta con una camicia bianca rimboccata. Ha dei pantaloni attillati che si abbinano al suo vestito con i tacchi. Porta una piccola borsa a mano e un fascicolo con il suo curriculum. Luke le sorride mentre si dirige verso il sedile di fronte a lui. Non può fare a meno di sentirsi come se riconoscesse la donna.

"SM. Samantha Myers?" chiede Luca al richiedente.

"Si signore."

"Ciao, piacere di conoscerti . Mi chiamo Luca Smith. Sono il rappresentante delle risorse umane e il Lead Manager per il team di marketing qui".

"Piacere di conoscerla, signor Smith." dice Samantha con un sorriso nervoso.

Luke inizia la sua intervista rivedendo il suo curriculum in archivio. Il lavoro per cui Samantha si candida è nella gestione del marketing, essendo responsabile delle pagine dei social media dell'azienda. Ha l'esperienza necessaria per soddisfare i requisiti inclusi due stage retribuiti con altre aziende. Luke improvvisamente sa chi è Samantha Myers dopo aver esaminato il suo background educativo. Andarono insieme al liceo. Luke lancia un'occhiata a Samantha, riconoscendola. O chi era lei. Più di quindici anni fa, andarono insieme al liceo. L'unica cosa era che Samantha si chiamava "Sam". Era un ragazzo. Samantha ai giorni nostri è un'attraente donna transgender.

Luke si distrae dal suo stato d'animo scioccato ponendo a Samantha alcune domande usando il metodo STAR, altrimenti noto come Risultato dell'azione del compito della situazione. Il metodo viene utilizzato nella maggior parte dei colloqui di lavoro per chiedere ai potenziali candidati le situazioni in cui hanno avuto un problema e come l'hanno risolto. Luke fa a Samantha tre domande STAR ma riesce a malapena a concentrarsi. Sorride, scuote la testa e annota gli appunti sul taccuino mentre lei risponde alle sue domande.

Al liceo, Luke era un secchione. Aveva un piccolo gruppo di amici e per lo più si teneva per sé. Per la maggior parte si occupava degli affari suoi e amava la matematica e la scienza. Durante il suo anno da junior e da senior, ha tenuto molte lezioni con Sam, un atleta popolare. Sam giocava a basket e correva cross country. Luke e Sam erano compagni di chimica durante il loro primo anno. Sam prendeva in giro Luke ogni volta che poteva e cercava di costringerlo a fare i compiti. Sam avrebbe anche provato a imbrogliare Luke su test e quiz. Luke era calmo e pacato ai tempi. Sam avrebbe approfittato del fatto che Luke sapesse che non si sarebbe difeso, facendogli costantemente battute durante la lezione. Altri si univano a volte e ridevano di Luke. È rimasto in silenzio e ha cercato di concentrarsi sul suo corso. Dopo essersi diplomato al liceo, Luke non ha mai più sentito parlare di Sam. Almeno fino ai giorni nostri, dove ora "Sam" siede di fronte a lui.

Samantha si siede di fronte all'uomo che la intervista. È entrata nell'edificio sentendosi sicura e pronta ad affrontare la sua intervista. I suoi anni di esperienza nel marketing, la laurea con una laurea quadriennale e gli stage l'hanno preparata per questo momento. Ha fatto domanda per la posizione dei suoi sogni in una delle migliori aziende tecnologiche della Bay Area. Tutti gli anni in cui ha fatto sacrifici, lavorare sodo e studiare stava per dare i suoi frutti. È entrata nell'ufficio del suo reclutatore per incontrare il suo datore di lavoro. In qualche modo, è rimasta calma e ha mantenuto la calma quando si è presentato come Lucas Smith. Samantha lo riconosce dal liceo quasi istantaneamente. Non aveva iniziato la sua transizione di genere ed era conosciuta solo come "Sam" all'epoca. Sam era un atleta presuntuoso e popolare. Aveva una vasta gamma di amici e prendeva sempre in giro chiunque ritenesse inferiore a lui. Samantha ricorda quanto male "Sam" trattasse Luke quando tenevano le lezioni insieme. Ed eccola ai giorni nostri. Gli hanno chiesto un lavoro dopo averlo maltrattato più di quindici anni fa al liceo di Danville, dove vivevano.

Luke continua con le sue domande, chiedendo a Samantha dei suoi precedenti lavori e stage. Fa del suo meglio per ottenere una buona lettura su di lei. Ha fatto molta strada e ha una personalità polare opposta rispetto a quella che era. Non ci sono tratti caratteriali in Samantha che condivide con "Sam" di allora. Ha fiducia, risponde a ciascuna delle sue domande senza esitazione e sembra essere sinceramente gentile e sincera. Luke nota come sembra essere quasi troppo amichevole. Quasi come se stesse lavorando sodo per dimostrare che non è più quella che era. L'intervista dura circa quarantacinque minuti. Luke giunge alla conclusione che non è pronto per assumere Samantha e vuole prendere in considerazione l'assunzione di un altro candidato qualificato per la posizione.

“Beh, grazie Samantha per essere venuta oggi e per il tuo interesse a lavorare per questa azienda. Hai fatto davvero un ottimo lavoro nel rispondere a tutte le domande e hai sicuramente l'esperienza. Tuttavia, devo farti sapere che non andrò avanti con te nel processo di assunzione. Ho un paio di altri candidati che sono più qualificati e sembrano adattarsi meglio a questa posizione”. Luca la informa.

Il cuore di Samantha cade sul sedile. Cerca di deglutire ma sente un groppo in gola. Ha fatto molta strada per arrivare dove è in questo momento e Luke l'ha rifiutata. Sente che questo è personale per lui. È più che sicura di essere qualificata quanto gli altri candidati che hanno presentato domanda. È rimasto colpito dal suo curriculum. Non potrebbe esserci altra spiegazione del motivo per cui le è stato negato il lavoro dei suoi sogni se non una vendetta per il modo in cui "Sam" lo ha trattato al liceo.

"Sig. Smith, signore...

“Per favore, chiamami Luke,” dice interrompendola.

“Luca, signore. Vorrei gentilmente chiedervi di riconsiderare. Questa posizione è ciò per cui ho lavorato duramente per molti anni. Hai visto il mio curriculum. Mi hai detto che ho i requisiti. Mi sono guadagnato la strada per arrivare dove sono adesso. Ti sto chiedendo di dare una possibilità a me e mostrarti che sono altrettanto eccezionale o addirittura migliore degli altri tuoi candidati per questa posizione. dice Samantha, la sua voce che comincia a tremare alla fine.

Luke pensa a quello che ha da dire. Sa che sarebbe perfetta per la compagnia. Quando gli sono venuti in mente i flashback di tutte le cose cattive e cattive che Sam gli diceva in passato, ha deciso che non voleva che Samantha lavorasse per lui. Il karma è una cagna e questo è il suo modo di giustizia egoistica.

“Apprezzo la tua determinazione Samantha. Tuttavia, ho preso la mia decisione. Se desideri un'altra opportunità per riprovare per questa posizione, ti preghiamo di candidarti di nuovo e di essere alla ricerca sul nostro sito Web e su LinkedIn per futuri annunci di lavoro. " dice Luca con fermezza.

“Luca, mi dispiace. Mi dispiace così tanto per tutto quello che ti ho fatto al liceo", dice Samantha, cercando di mantenere la calma e di non scoppiare a piangere.

Luke la fissa con uno sguardo confuso, scioccato nel sentirla riconoscere che lo ha riconosciuto ai tempi.

“Ero un completo stronzo. A te. A così tante persone. Mi dispiace per come ti ho trattato. Ero una persona diversa allora, ma non è una scusa. Non è più quello che sono. "Sam" se n'è andato e ora sono una donna, lavoro duro per dimostrare che non sono quella persona mentre lavoro ancora più duramente per creare qualcosa di me stessa e stabilire la mia carriera".

“Samantha, non porto rancore. Quello era allora, questo è ora. Ho lasciato andare il passato. Questo è un ambiente professionale. Lascia che ti rassicuri che la mia decisione di oggi è stata basata esclusivamente da una prospettiva professionale e nulla di personale". dice Luke, non credendo alla propria bugia.

Samantha rimane in silenzio, preparandosi a rinunciare ai suoi sforzi per perorare il lavoro. Lei lo fissa, vedendo quanto è serio. Sa che non la assumerà. Indipendentemente dal fatto che lui dica o meno che non è personale, sa che merita il risultato. Se fosse stata nei suoi panni, probabilmente cercherebbe vendetta contro il suo bullo. Samantha si alza, preparandosi ad affrontare la porta ed uscire dall'ufficio.

“È davvero questo il tuo sogno? Lavorare per questa azienda?" chiede Luke da dietro.

Samantha si gira verso di lui, i suoi occhi brillano di speranza.

"Assolutamente. Questo è il mio sogno."

Luke la indica il sedile dove era seduta. Samantha torna indietro e si siede.

"Forse posso riconsiderare..." dice Luke, fissandola.

"Sarebbe fantastico! Lavorerò sodo e ti dimostrerò che appartengo a qui! dice Samantha, riguadagnando la sua fiducia.

Luke vede un'opportunità per approfittare di lei. Può vedere quanto sia disperata per questo lavoro e sa che è l'unico che può darglielo. Non si è mai approfittato di nessuno prima d'ora. Questa sarà la prima volta per lui, ma è disposto a correre il rischio e ad accettare le conseguenze solo per essere in grado di ripagare il modo in cui Sam lo ha trattato in passato.

"Forse c'è un modo in cui posso chiudere un occhio sugli altri miei candidati per questa posizione e assumere te invece. Suona bene?"

"Sì! Assolutamente!" dice Samanta.

"Buona. Mi fa piacere sentirlo. Diciamo che facciamo un….commercio.” le dice Luca.

"Come una tangente?" chiede Samanta.

"Più come...quid pro quo." dice Luca.

Samantha ha bisogno di rispolverare il suo latino ma sembra cogliere l'allusione che Luke le sta lanciando. L'ha sentito arrivare dopo che lui l'ha richiamata, ma le sembra chiaro che vorrà un favore sessuale da lei in cambio del posto di lavoro.

"Cos'hai in mente?" Lei chiede.

“Ho un incontro di lavoro domani a San Jose. Ho una prenotazione d'albergo organizzata. Stavo pensando che verrai a trovarmi là fuori la sera dopo il mio incontro. Vorrei passare una notte con te. Faccio... tutto quello che voglio. Tutta la notte."

Samantha pensa per un momento alla sua offerta.

"Una notte con te... e mi assumerai?"

"Ti farò assumere già la prossima settimana." dice Luke, sedendosi allo schienale della sua sedia con le braccia incrociate.

"Affare." dice Samanta.

«Ho il tuo numero di telefono qui in archivio. Ti mando l'indirizzo e l'ora dell'incontro. Essere nella zona di San Jose dopo le 18:00. Luca le dice.

"Ci sarò", dice, alzandosi e lasciando l'ufficio.

Samantha non riesce a credere a quello in cui si è cacciata. All'inizio ha esitato quando Luke ha fatto la sua offerta, ma alla fine ha deciso che una notte con lui sarebbe stata gratificante a lungo termine. Cerca di vederlo da una prospettiva diversa, sentendosi in colpa per come lo ha trattato al liceo prima del suo passaggio da maschio a femmina. In un certo senso, sente che questa è la sua opportunità per rimediare a tutti quegli anni fa e sistemare le cose.

Luke è seduto nel suo ufficio con un grande sorriso stampato in faccia. Non riesce a credere a quanto sia stato facile approfittare di Samantha, ottenendo ciò che vuole. Era attratto da lei nel momento in cui è entrata nel suo ufficio. Ha avuto un feticcio con le donne transgender per un po' di tempo. Luke ricorda il suo primo incontro con una bellissima donna transgender che ha incontrato su un'app di appuntamenti. Era una donna tailandese bassa, con la pelle abbronzata e il culo grosso. Si siede nel suo ufficio con un'erezione che si forma nei pantaloni a pensarci. Ricorda quanto sia stato soddisfacente scoparla, accarezzare il suo cazzo fino all'orgasmo prima di versare il suo seme dentro di lei. Luke ha visto Samantha, un'attraente donna trans con un trucco naturale, ciglia lunghe, un anello al naso e un rossetto rosso sulle sue labbra grosse e succose. Fu immediatamente attratto da lei, quasi dimenticandosi del loro passato insieme e di chi era una volta.

Luke riprende la concentrazione e torna al lavoro. Ha ancora un programma fitto davanti a sé e si prepara per il resto della sua giornata. Non vede l'ora che arrivi la sua serata il giorno dopo.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

PARTE 2: Guadagnare il lavoro

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il giorno successivo, Luke partecipa al suo incontro a San Jose. È un venerdì e ha deciso di prenotare una notte in hotel dove si è tenuto il suo incontro in una sala conferenze per iniziare il suo fine settimana. L'incontro è durato dalle 12:00 alle 17:00. Successivamente, Luke si dirige verso la sua stanza all'ultimo piano, con una splendida vista della città. Invia un messaggio a Samantha con i dettagli.

“Si prega di presentarsi all'Hilton sulla 2nd Street entro e non oltre le 19:00. Il parcheggio è disponibile. Rm 1504 con l'ascensore.»

Samantha risponde brevemente con a

“Sto andando lì. Sarò lì alle 18:30".

Luke va nella sua stanza e si prepara. Apre una bottiglia di whisky che ha portato con sé e ne versa un bicchiere, bevendo un sorso alla volta. Guarda fuori dalla finestra guardando il panorama, vedendo l'autostrada e l'aeroporto nelle vicinanze. Si spoglia e va in bagno a farsi una doccia. Esce dal bagno e si guarda allo specchio. Ha spalle larghe, braccia muscolose e un grande petto. Ha un regime di fitness religioso ogni mattina prima di andare al lavoro. Ha avuto una bassa autostima per tutta la vita, soprattutto a scuola. Era sempre magro e aveva grandi occhiali da nerd, costantemente preso in giro da altri come Sam. Si è diplomato al liceo e ha iniziato ad allenarsi ogni giorno durante gli anni del college. Ora è alto e ha fiducia. Allenarsi e creare fiducia lo ha portato dove è ora. Avere una posizione dirigenziale in un'azienda tecnologica con uno stipendio fenomenale e bonus annuali.

Luke indossa un paio di pantaloni comodi con una maglietta attillata. Non passa molto tempo prima che Samantha bussi alla porta del suo hotel. Apre la porta e la fa entrare, riducendo al minimo le chiacchiere.

"Ciao." dice Samantha, entrando nella sua stanza.

Luke la osserva bene in piedi davanti a lui. Samantha è solo un po' più alta, a 6'2. Indossa jeans attillati con un paio di scarpe da ginnastica bianche e un top corto rosa, che mostra il suo ombelico trafitto. La sua pelle è liscia e pallida. Ha una borsetta in mano.

"Benvenuto. Mettiti comodo. Ho del whisky e dell'acqua sul tavolo.

Samantha entra nella stanza, osservando la suite con vista sulla città. È nervosa, non sa cosa aspettarsi. Luke non è stato specifico su cosa vuole fare. Prende un bicchiere e si versa del whisky. Vuole intorpidirsi un po' per qualunque cosa accada. Beve qualche sorso, sentendo l'alcol bruciarle la gola mentre ingoia il whisky.

Luke posa gli occhi su Samantha che sorseggia nervosamente il suo drink. Si siede sul divano nella sua suite con una gamba irrequieta. Decide di rompere il ghiaccio e iniziare la loro notte.

“Fammi vedere che ti spogli. Spogliati per me. dice Luke sorseggiando il suo drink.

Samantha si alza dal divano con un'espressione nervosa sul viso. Vuole disperatamente il lavoro e soccombe al comportamento autorevole di Luke. Si toglie le scarpe da ginnastica e si slaccia i pantaloni.

"Vuoi una vista della mia parte anteriore o posteriore mentre mi spoglio?" chiede Samanta.

“Facciamo vedere quel tuo culo. Devo vedere con cosa sto lavorando. Luke risponde, sedendosi sulla sedia accanto a lui.

Samantha fa un respiro profondo e si gira per dare a Luke una visuale del suo sedere. Si tira giù i jeans attillati lentamente con le ginocchia piegate. Una volta che i suoi jeans le affondano sotto le ginocchia, si ferma brevemente per permettergli di fissarle il culo. Si tiene ai lati delle sue mutandine rosa, aspettando che Luke le dica di andare avanti lasciando cadere i suoi indumenti intimi.

Luke guarda Samantha in piedi di fronte a lui. Ha il corpo piegato con il culo in alto. Può vedere il suo scroto esposto, che fa capolino dalle sue mutandine. È completamente depilata e non ha peli sul sedere, sul perineo o sull'area pubica. Luke sente crescere il suo pene dentro i pantaloni. Vuole vedere di più di lei.

"Ora togliti la maglietta e perdi le mutandine, lentamente." dice Luca.

"Si signore." dice Samantha obbediente.

Samantha si toglie il top rosa e lo getta sul pavimento. Non ha il reggiseno, quindi Luke ha la schiena nuda visibile davanti a lui. Si allunga fino alla vita e inizia a strapparsi le mutandine, lasciandole scivolare lungo le sue gambe lisce e pallide. Ora sta davanti a Luke completamente nuda con i pantaloni e le mutandine fino alle caviglie. Si toglie i vestiti e si mette in piedi nella direzione opposta. Samantha è nervosa ma lentamente si gira per affrontare l'uomo che tiene la sua carriera nel palmo della sua mano.

Luke fissa il suo corpo magro con un sedere grassoccio. Ha un seno ben arrotondato con grandi areole e capezzoli spessi. Ha una pancia piatta con un piercing all'ombelico e un pene eretto. Luke fissa la sua femminilità vedendo quanto è piccola. È meno di tre pollici con un'asta sottile. Luke si chiede se è in grado di versare generose quantità di sperma dalle dimensioni del suo cazzo. Alza lo sguardo verso gli occhi di Samantha che lo fissa con uno sguardo di fragilità.

Samantha vuole sapere se Luke la approva. È brutta per lui? Gli piace quello che vede? Non vede l'ora che lui le dica qualcosa sulle sue qualità femminili o su una grande transizione. Luke si alza dalla sedia e si avvicina alla finestra con vista sulla città.

"Vieni qui. E mettiti in ginocchio. Ho qualcosa per te." Dice con l'espressione più platonica sulla faccia.

Samantha si avvicina alla finestra per incontrare Luke e si mette in ginocchio davanti a lui. Con un rapido movimento, Luke si tira giù i pantaloni facendo scattare il suo pene completamente eretto davanti al suo viso. Samantha sussulta, fissando la sua verga. È di circa sei pollici buoni con uno spessore pesante all'asta. È benedetto nel reparto circonferenza. Samantha immagina la sua bocca che lotta per aprirsi e accettare l'intera lunghezza in gola.

Luke si erge alto con orgoglio. Vide la reazione di Samantha al suo grosso cazzo esposto in faccia. Le concede qualche istante per accettare il suo momento presente prima di darle ulteriori istruzioni. Luke pensa se sta pensando che non avrebbe mai affrontato l'uomo che una volta ha maltrattato al liceo. Luke è passato dall'essere una vittima a scuola a un maschio dominante che si preparava a infilare la sua verga nella bocca del suo prepotente.

"Inizia dal basso e fatti strada verso l'alto." Luca le dice.

Samantha le prende la mano e afferra l'asta di Luke, sentendo la sua virilità avvolta nella sua mano. Si spinge più vicino tra le sue gambe e accetta i suoi testicoli nella sua bocca. Lo sente respirare pesantemente mentre succhia il suo sacco, ingerendo i suoi sapori appena fatti la doccia. Samantha accarezza lentamente la sua asta su e giù e poi inizia a leccarlo dal sacco fino in fondo al suo palo. Quando arriva al suo casco, gli lecca velocemente la punta prima di inghiottire il suo pene nella sua bocca calda.

Luke grugnisce, godendosi felicemente la stimolazione orale. Tiene delicatamente i capelli di Samantha dalla nuca, aspettando il momento giusto per spingerla dentro di sé. Non vede l'ora di sentirla soffocare e lottare sul suo grosso cazzo. Non solo è bello sentire la parte posteriore della sua gola essere tutt'uno con la testa del suo cazzo. C'è una sensazione soddisfacente in Luke quando ascolta i suoni soffocati, sapendo di avere il pieno controllo dell'intera situazione. Guarda il viso di Samantha che fa oscillare la testa avanti e indietro, succhiandogli il cazzo. I suoi occhi incontrano i suoi a volte per cercare il suo contributo alle sue capacità orali. È incredibilmente bella. Il suo trucco è perfetto con il suo rossetto rosso brillante che diventa disordinato con la sua carne in bocca. Con un sorriso sul volto, Luke guarda il soffitto e chiude gli occhi. Si spinge più vicino a Samantha e gli spinge il viso contro l'inguine.

“GLUCK GLUCK GLUCK…”

È musica per le orecchie di Luke che sente le lotte del suo ex prepotente che soffoca con la sua grossa verga. Con la testa alta, si spinge dentro e fuori dalla porta orale di Samantha. A volte si ferma con tutta la sua asta nella sua gola per fissare i suoi occhi spalancati che si riempiono di lacrime. Sente il suo naso premuto contro il suo inguine che inspira ed espira, alla disperata ricerca d'aria. Sorride mentre lei soffoca con tutta la sua lunghezza in bocca. Si tira indietro lentamente togliendo il cazzo dalla sua bocca. Samantha è un pasticcio sciatto, la bocca e il naso coperti di saliva.

“Cosa pensavi che sarebbe stato bello e facile? Succhialo!” Luca le dice affermativamente.

Samantha ingoia la sua punta intera, afferrando il suo scroto. La sua testa oscilla avanti e indietro, assaporando la sua carne in bocca. Non lo ammetterà con lui, ma è felice di recitare in fellacio sul suo potenziale datore di lavoro. Luke ha un pacchetto ben dotato che ha tenuto d'occhio nel momento in cui i suoi pantaloni sono caduti. Che bel cazzo carnoso! Anche lui ha un sapore così buono. Grugnisce con la sua verga in bocca mentre lui tiene la sua mano dietro la nuca per avere il controllo. Vuole che lui spinga la testa in avanti nel suo inguine. Samantha si gode la sua carne che colpisce la parte posteriore della gola con la faccia premuta contro il suo inguine. Alza lo sguardo su Luke e lo fissa mentre lui si infila dentro e fuori dalla sua bocca.

"Ti piace questo eh?" Chiede con una risatina.

Samantha annuisce con la testa con l'asta conficcata profondamente nella sua bocca. Luke si allontana da lei, afferrando la sua verga. Comincia a schiaffeggiarle la faccia, schiaffeggiandole sulla fronte e sul naso.

“Alzati e spostati sul divano. Piegati per me.

Samantha si alza e si dirige verso il divano. Non sa che vuole aspettarsi ora, ma non vede l'ora che Luke le ficchi il cazzo nel culo. Riesce quasi a sentire la sua punta premere contro il suo ingresso stretto. Il suo corpo si chiude a pensarci.

Luke si dirige verso Samantha con una bottiglia di lubrificante in mano. Lo posa e si avvicina dietro di lei e le sussurra seducente all'orecchio di leccarsi le dita. Samantha apre la bocca e accetta due delle sue dita, succhiandole dolcemente. Luke quindi rimuove le sue dita bagnate dalla sua bocca e le porta sul suo sedere. Con una mano le apre le natiche. Samantha allarga le gambe per lui mentre lui preme le dita contro il suo ano e le spinge su per il suo buco del culo. Samantha salta, non abituata a essere portata di fretta nel gioco anale. Luke le sculaccia la guancia sinistra, dicendole di stare ferma.

Luke non è dell'umore giusto per costruire l'attesa sessuale e farsi strada fino alla fottuta Samantha. Questa non è una storia d'amore o un collegamento appassionato. La tiene proprio dove la vuole. Può farle quello che vuole a sue spese. Se vuole il lavoro, dovrà guadagnarselo. Prende la bottiglia di lubrificante e ne versa un po' tra le sue natiche, strofinando un po' sulla sua fessura e sul suo buco stretto. Si toglie la maglietta e resta nudo. Versa un po' di lubrificante sul suo fusto carnoso e lo strofina su e giù, facendo brillare il suo cazzo.

"Uhm... Penso che sia meglio se ti metti un preservativo." dice Samantha nervosamente.

"Sei pulito?" chiede Luca.

Samantha risponde con un cenno del capo.

"Grande! Anche io sono pulito. Fanculo la gomma. Vado crudo. Hai un problema con quello?" le chiede Luke, allargando rudemente le guance posteriori.

"No signore."

Luke afferra la sua spessa bacchetta, spingendola con decisione nel perineo di Samantha. Strofina il suo fungo lungo la sua pelle liscia tra lo scroto e l'ano, quindi si infila nel suo buco stretto. All'inizio Luke pensa di entrare gentilmente in Samantha. Un veloce flashback di tutte le volte in cui "Sam", il capitano della squadra, lo umiliava ogni giorno durante le lezioni di ginnastica, scegliendolo per ultimo per tutte le attività sportive lo convinceva del contrario. Luke spinge il suo cazzo contro il suo sfintere e si fa strada nel buco del culo. Sente il suo corpo tremare mentre sussulta per il dolore.

Samantha inizia a guaire, cercando di rimanere in silenzio. Può sentire le lacrime formarsi nei suoi occhi con Luke in piedi dietro di lei. Grugnisce rumorosamente con ogni centimetro del suo cazzo che scivola lungo il suo stretto passaggio. Non riesce a credere a quanto sia grosso il suo pene. Durante gli anni in cui giocava con se stessa, si masturbava e giocava con un piccolo ***********ione di giocattoli. Nessuno dei suoi dildo era grosso come il cazzo di Luke. Non ha mai avuto il coraggio di allenare il suo buco del culo per oggetti di grandi dimensioni. Ora che presto diventerà capo ed ex compagna di classe è nel profondo del suo culo, allungandola. Samantha fa respiri profondi e inizia a rilassarsi. Un'ondata di nirvana inonda il suo corpo una volta che il suo corpo si adatta al mostro dentro di lei. Quando Luke fa lunghi passi avanti e indietro, Samantha emette un profondo grugnito, cercando disperatamente di nascondere la mascolinità della sua voce. Quando Luke sente come si diverte a scoparla, sente una mano di lui afferrarle il collo con aggressività.

“Sembra che qualcuno si stia divertendo. Vediamo quanto sei tosta puttana!!” dice Luke con una punta di rabbia nella voce.

Afferra la nuca di Samantha con la mano destra, stringendola saldamente a lei. Sente la sua mano tremare mentre la soffoca in modo aggressivo, prendendo profondi colpi dentro e fuori dal suo sedere. Samantha cerca di respirare mentre Luke la scopa. Con l'altra mano le sculaccia le natiche. Luke passa da una guancia all'altra, sculacciandola con forza violenta. Il volume delle sculacciate ha un'eco. Samantha emette un grido soffocato ogni volta che la colpisce. Luke inizia a calmarsi e si concentra sulla penetrazione. Allarga le guance mature di Samantha, spingendosi dentro di lei più che può e tornando indietro. Si tira fuori da lei quel tanto che basta perché la sua punta rimanga conficcata nel suo culo e si fa strada sbattendo dentro il suo retto, abbastanza lontano da dove i suoi testicoli si scontrano con il suo sedere. Luke grugnisce piano, pensando a quanto sia stretta questa cagna transgender. Prende la decisione di consentire a lei di prendere il sopravvento.

"Chinarsi. Voglio che tu faccia il lavoro e ti spingi su e giù sul mio cazzo mentre sono dietro di te. Capisci?"

"Sì, certamente." dice Samantha sottovoce.

Luke gli prende entrambe le mani e le afferra il collo mettendola in una stretta al collo.

"Sì cosa??" Dice con autorità.

"Si signore!" Samantha piange.

"Buona."

Luke spinge la parte superiore del suo corpo verso il basso sull'imbottitura inferiore del divano. Appoggia un ginocchio sul bordo del divano e appoggia la gamba opposta sul cuscino per sostenersi. Appoggia la parte superiore del corpo verso il basso mentre Samantha allunga le gambe dietro di lei sul pavimento. Con il suo cazzo su per il culo, lei inizia a muovere la parte inferiore del corpo su e giù. La faccia di Samantha è premuta contro il divano mentre scuote il culo con una danza, scopando Luke. Le permette di aumentare il ritmo mentre sta fermo. Rimangono in silenzio mentre lei fa il lavoro.

Samantha vuole urlare ad alta voce di gioia. Vuole disperatamente girarsi e baciare Luke. Sta diventando sempre più difficile per lei mantenere la calma. Vuole fargli sapere che si sta divertendo. Vuole implorarlo di scoparla più forte. Samantha alla fine sceglie di rimanere in silenzio e continuare a guadagnarsi il lavoro. Il suo corpo rimbalza su e giù, assorbendo la maggior parte della lunghezza di Luke lungo il suo canale anale, allungandola. Lei fa del suo meglio per aumentare il suo ritmo mentre lui le sta sopra, rilassato contro il divano. È quasi bizzarro per lei che stia fermo e non sia rude. Si rallenta per vedere se reagirà. Quasi immediatamente, la sculaccia dietro, ordinandole di continuare.

“Non ho detto basta Cagna!! Continuare! Scuoti quel culo su e giù sul mio cazzo!

"SI SIGNORE!!" dice Samanta.

Sorride con il viso premuto contro il cuscino del divano. Muove il culo avanti e indietro. Quando indietreggia nella sua spessa verga, geme tranquillamente godendosi la sensazione della sua carne che allunga il suo buco stretto, premuta contro ogni nervo del suo retto. Quindi fa oscillare il culo da un lato all'altro ogni volta che si allontanava dal suo cazzo. La parte inferiore del suo corpo ruota in un movimento orbicolare, andando avanti e indietro e da un lato all'altro. Luke grugnisce udibilmente mentre lei continua a prendere il controllo e fare il lavoro per lui. Samantha prova un senso di fiducia, orgogliosa di placarlo.

"Vuoi questo lavoro eh?" Le chiede a bassa voce.

"Si signore! Voglio questo lavoro più di quanto tu possa mai immaginare!!” dice Samantha con respiri profondi.

Luke si allontana dal suo ex prepotente. Sa che un orgasmo è dietro l'angolo e vuole passare a una nuova posizione. Afferra Samantha per i suoi capelli e la tira indietro verso di lui, facendola guaire per la sorpresa.

"Sdraiati sul bordo del letto e allarga le gambe per me."

Samantha segue le sue istruzioni, sdraiata supina sul bordo del materasso matrimoniale. Il letto è ad un'altezza per Luke per stare in piedi con le gambe dritte e il suo inguine per essere al suo livello. Samantha allarga le gambe per il suo capo. Il suo piccolo pene è eretto. Sente la sua asta sdraiarsi verso l'ombelico trafitto. Il suo pene si contrae per l'eccitazione quando sente Luke premere il suo fungo contro il suo sfintere. Samantha spinge fuori il suo buco stretto per permettergli di scivolare di nuovo dentro di lei con facilità. Gemono simultaneamente mentre la sua carne si perde dentro di lei. Samantha quasi eiacula al tocco della sua mano che gioca con il suo cazzo. Riesce a sentire i calli sulla sua mano che si strofinano su e giù per il suo palo.

Luke grugnisce, facendosi strada dentro e fuori dal culo di Samantha. Fissa i suoi seni per un po' prima di iniziare ad accarezzarli. Riesce a vedere le piccole cicatrici chirurgiche sottostanti che sono quasi scomparse. Tocca ciascuno di loro e sposta la mano sui suoi grandi capezzoli. Samantha geme forte mentre lui le tocca i capezzoli eretti. Chiaramente sono molto sensibili a lei. Ecco perché comincia a spremerli e pizzicarli con fermezza, continuando a spingere avanti e indietro sul bordo del letto.

Samantha sussulta per l'agonia mentre Luke le stringe e pizzica le areole. Le fa male ma si gode il dolore, fa una smorfia e digrigna i denti. Nessuno l'ha mai trattata così duramente. Sono passati cinque anni dal suo intervento al seno in Messico. Adora i suoi seni finti. Entrambi i suoi tumuli con coppa a D le davano molta fiducia come donna. Now the man that she teased and harassed back when she was a different person treats her boobs like they’re nothing. And she loves it! Luke plays with her small penis in one hand while roughing up her boobs with the other. All the while increasing his rhythm fucking her on the edge of the bed.

“You like that?? You like it while I fuck you and play with your micro penis?!?” Luke grunts out.

“Yes sir!! Please fuck me! Harder!!” Samantha says in desperate plea.

Luke continues to fuck her and shame her for her small penis. It’s not even three inches and is incredibly skinny with little to no girth. He wonders if all the years of “Sam’s” harassment back in high school had anything to do with compensation for something else.

“Look at this micro cock! This MUST have been why Sam was such a cocksucking asshole to me and others!! This why you decided to become a lady?? Eh?? Couldn’t get any ladies so you decided to become one??” Luke shouts, increasing his violent thrusts with each word spitting out of his mouth.

Samantha lies down, completely stunned. She knew that Luke is treating her like dirt and is still angry about the past. She felt like she deserved it. Tutto. But the words coming out of his mouth stung, slicing her like a dagger to the heart. She fights back tears, trying not to cry. She doesn’t want to show him that his words hurt. Samantha has felt like a woman for a very long time. While she knew “Sam” had a low self esteem back in the day, especially for being a guy with a below average penis, that was never a reason for her transition. She swallows the lump in her throat and lets out a deep sigh, wanting to satisfy her next boss.

“Yes sir! I was a complete jerk to you back in the day because of my small penis. Please keep fucking me and treat me like the whore I am!!” Samantha says softly.

Luke knows he’s being a complete piece of shit to Samantha. He feels guilty deep down inside for being incredibly offensive to her. He knows she’s not only changed on the outside but on the inside too. He takes advantage of her, letting go of all the years of anger he had in him. For the way “Sam” and others treated him back in school. He places his hands on her lower thighs and thrusts his hips in and out of her. Luke looks down at his cock and feels his orgasm approaching. He watched as his meat slides deep into Samantha’s tight asshole. He stares at her small cock, dripping with precum. He wants her to cum at the same time as him.

“Cum with me!” Luke says, taking her cock into his hand and jerking it.

Samantha groans as he strokes her small shaft. Her entire penis fit snug in his hand. With a couple minutes of deep, slow strides into her ass, Luke’s hand is hit with a burst of her cum. He takes his hand off her cock as she begins to spill her seed up toward her stomach.

“OH FUCK!!!!” Samantha cries, covering her face with her hands.

Luke counts five gooey ropes of cum spill out of her cock. His legs begin to buckle and he leans down onto her upper body with a deep grunt. Luke feels his loins sing with joy as his cock spits his milk up into Samantha’s asshole. He takes soft thrusts into her each time his rod shakes, spewing white lava out of his volcano.

Samantha lies in orgasmic ecstasy. The hurt and sadness from Luke’s earlier remarks faded away the moment her cock erupted. Though she’s had past orgasms with more cum spitting out of her, the intensity of her arrival was like no other before. Her body tingles with pleasure from head to toe. No orgasm in the past has ever done what Luke just did to her. No masturbation, random hook ups, or previous relationships has ever made her feel sexually liberated as the moment she’s in. Lying down on an upscale hotel bed with her soon to be boss’s cock lodged inside of her ass spilling his seed deep into her. Samantha can’t even explain why she feels the way she is.

Luke pulls himself out of Samantha’s ass. His creampie flows out of her asshole and spills onto the edge of the bed. He takes two fingers and slides them from the bottom of her butt cheeks to the entrance of her ass. He takes his fingers and shoves them up into her back door. Samantha lets a moan escape from her lips. He pulls his fingers out, soaked in his arrival and puts them close to her face.

“Lick it up!” Luke says sternly.

Samantha opens her mouth and accepts his fingers, swallowing them whole. She tastes his seed and her ass. She sucks on his fingers onto he’s satisfied that they’re licked clean.

“Good girl!” Luke says to Samantha with a smile.

Samantha sits up onto the bed. She wants to know if she’s earned her job now that she’s completed her task.

“So….am I hired?” Samantha asks.

Luke gives her a big grin. He’s been itching for this moment since the day before at her interview.

“You’ve been hired. The job was always yours. I lied about other qualified candidates for the position. You’ll start Tuesday if you get all the initial paperwork done by Monday in my office.”

Samantha’s jaw drops when she hears the news. Not only she’d been taken advantage of to get her dream job, she’d been played! How could Luke do such a thing??

“Are you serious?? You fucking played me!!! I can….I SHOULD file a complaint against you asshole!!! You took complete advantage of me!!” Samantha says angrily.

With a smile, Luke reaches to her and caresses her face with his hand.

“Yes I did. And I enjoyed it! I think you did too! Look on the bright side! You have your dream career AND had fun earning your job! I mean, you can’t lie to my face and tell me you didn’t enjoy what we did.”

Samantha’s angered facial expression fades into one of deep thought.

"Credo che tu abbia ragione. Guess I kinda deserved it too. I was serious when I apologized to you yesterday. All those years ago back in high school. If I could turn back time, believe me I would. It’s one of my deepest regrets. Treating you and a bunch of other people like shit for no reason.” Samantha says quietly.

“Water under the bridge. I didn’t deserve the way you treated me. You didn’t deserve the way I treated you. Lets move forward. When you start work, you can expect to be treated with nothing but respect in a professional environment.” Luke says.

Luke extends his hand to Samantha as an olive branch. They shake hands, making peace with each other. They can finally move forward with their lives.

"Così quello che ora?" Samantha asks.

“You can leave if you’d like. Come back to the office on Monday to get started on your paperwork.” Luke says, taking a sip from his glass of liquor.

Samantha doesn’t want to leave. She doesn’t know how to build up the courage to tell him that she enjoyed everything she endured. And that her orgasm was one of the best she’s ever had. She doesn’t know why she enjoyed being humiliated and degraded but all of it turned her on and opened her eyes to a whole new sexual experience she had no idea she was looking for.

“Is it ok if I stay? I’m a bit tired and don’t want to drive all the way back to SanFran.” Samantha says.

“You’re more than welcomed to stay. The couch has a pull-out bed. I’ll take it and you can take the queen.” Luke says, sipping his whiskey.

“You don’t have to do that. We can sleep together…if you don’t mind.” Samantha replies.

Luke stares trying to study her. He doesn’t know what’s running through her mind. Samantha looks at him with a smile.

“I don’t mind at all.” Lui rispose.

Samantha gets off the bed and makes her way over to Luke, seated on the couch. She sits down next to him and begins to touch his chest, building the confidence to speak what’s on her mind.

“The night is still young….”

Luke puts his glass down onto the side table. Samantha gets closer to him and leans forward to his face. Foreheads colliding, they share a kiss for the first time with their naked bodies pressed together.

END.

Storie simili

Divertimento con Steve II

A casa da solo Sono passati circa quattro mesi da quando io e Mark ci divertivamo negli spogliatoi, e abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se nessuno avesse scoperto le nostre attività, quindi eccoci qui, a cogliere ogni occasione possibile per stare insieme. Questo fine settimana in particolare mia madre e mio padre saranno fuori per tutto il sabato, quindi ho chiesto a Mark di venire, i miei genitori non hanno problemi con Mark che viene a trovarci ma ci controllano sempre ogni dieci minuti, quindi è impossibile diventiamo un po 'selvaggi con lui, normalmente ci sediamo sul mio letto di...

843 I più visti

Likes 0

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

771 I più visti

Likes 0

Risveglio eterno: capitolo sei

***Disclaimer*** Come al solito, questa non è la mia storia. Non ho creato, modificato o modificato nessuna parte di questa storia. È opera di Captius. __________________________________________________________________________________ Come sempre non dimenticare di votare e commentare. E grazie a chi ha commentato l'ultimo capitolo che questo era meglio della sfida. Ciò rendeva Mishikail insopportabile e quasi impossibile da affrontare ahah. No, ma davvero, l'hai fatta per tutto l'anno finora (anche se pensavamo che ci fossero trascorse un paio di settimane). Capitolo sei: Retribuzione e coinvolgimento Nel corso delle quattro settimane successive le cose sono andate abbastanza lisce, il più lisce possibile considerando tutto...

722 I più visti

Likes 0

GIURATO al SEGRETO

GIURATO AL SEGRETO Sfogliò le carte di potenziali uomini. Non mi stai seriamente incastonando, con nessuno di questi uomini. Ha detto dispiaciuta. Seduta sulla sua sedia con uno sguardo disgustato sul viso. “Madison! Sii reale, hai 35 anni e sei ancora single! So di essere tua sorella minore. Ma devi fare uno sforzo se non vuoi stare da solo per il resto della tua vita” Melanie parlò sinceramente. Madison si sporse in avanti e continuò a sfogliare i lunghi fogli bianchi. Fino a quando non ha tirato fuori un foglio, con una carta fotografica ritagliata a lato. 'Dean Radcliffe' Uno scapolo...

861 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

797 I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

765 I più visti

Likes 0

Skyrim: Le avventure di Carthalo Parte 1

Carthalo le accarezzò la guancia, sentendo la sua pelle liscia e fredda e scostandole i capelli nerissimi dagli occhi. Lydia, disse, la sua voce roca si trasformò in un sussurro nel suo orecchio rilassati. Questo non è un altro fardello per te da portare. le slacciò la maglietta e lei rabbrividì leggermente al tocco. Questo non è un comando del tuo Thane. le sue mani forti la presero per la vita e la portò al letto. Le assi del pavimento scricchiolarono mentre la trasportava su per le scale di Breezehome. La adagiò dolcemente sul letto e cominciò a baciarle il collo...

736 I più visti

Likes 0

The Devil's Pact Side-Story: Mark torna a scuola

Il patto del diavolo di mypenname3000 Copyright 2013 Storia secondaria del patto del diavolo: Mark visita il liceo. Nota: questo avviene durante il capitolo 18 mentre Mark è a caccia delle vergini alla Rogers High School. Melody del capitolo 4 e i Cunningham Twins del capitolo 6 fanno la loro comparsa. Ho parcheggiato la mia macchina nel parcheggio affollato della Rogers High School. Era un insieme sconclusionato di edifici in mattoni rossi e portatili grigi. La lezione era già iniziata e l'esterno della scuola era deserto. Mi sono diretto verso l'ufficio della scuola, il cartello davanti diceva che i visitatori dovevano...

757 I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

724 I più visti

Likes 0

Ragazzi vicini Capitolo 2

Ragazzi vicini capitolo 2 Parte 1 Quella sera ha cambiato la mia vita e tutta la mia prospettiva sulla sessualità. All'inizio, ho cercato di dimenticare quello che è successo, all'inizio è stato terribile pensare di essere così imbarazzato e soggetto a essere nudo e umiliato di fronte a una donna adulta per non parlare di essere leccato da un grosso cane fino al punto in cui sono venuto dappertutto e poi farmi guardare e soffrire facendomi leccare per bene. Sono passati giorni prima che potessi diventare duro e masturbarmi davvero .. beh, almeno provaci, tutti i miei soliti pensieri non funzionavano...

374 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.