Riunione arrapata (parte 5)

745Report
Riunione arrapata (parte 5)

(Ecco l'ultima parte scritta finora, posterò il resto quando ci arriverò.)

Le mie braccia la avvolsero intorno, tenni il suo corpo vicino al mio mentre entrambi i nostri orgasmi si placavano. Potevo sentire il suo cuore battere lentamente contro il mio petto e il suo respiro contro il mio collo prendere gradualmente un ritmo normale. Si strofinò contro l'incavo del mio collo e mi baciò sulla spalla. Con un braccio che le teneva ancora il corpo, mi pettinai con le dita, gettai i suoi lunghi capelli e le baciai la sommità della testa. Poi ha alzato la testa, baciandomi il collo e io le ho baciato la fronte. Entrambi i nostri movimenti sono continuati fino a quando le nostre labbra si sono finalmente incontrate. Il bacio era profondo e appassionato eppure così pacifico. Le nostre labbra non si separarono mai quando sentii il mio albero ammorbidirsi, scivolando via gradualmente da lei come faceva. Il nostro bacio è stato interrotto solo quando la testa del mio cazzo è finalmente saltata fuori, facendola sussultare per quanto fosse ancora sensibile.

Inspirò, cercando di ritrovare la calma e io mi limitai a guardarla sorridendo. Ha risposto con un sorriso raggiante, archiviato fino all'orlo con soddisfazione. Rimanemmo così per un po', godendoci il calore l'uno dell'altro mentre il sudore asciugava i nostri corpi. Potevo sentire il mix di entrambi i nostri succhi che venivano lentamente spinti fuori dalla sua fessura mentre gocciolava sulla mia gamba. Avremmo sicuramente bisogno di una doccia dopo questo. Essendo di nuovo il suo solito io nervoso, il suo viso arrossì mentre spostava la gamba sulla mia, sentendo tutti i fluidi che la coprivano. Cercò debolmente di alzarsi da me e andò alla sua scrivania per prendere i fazzoletti, le gambe che tremavano lungo la strada e un simpatico strillo che usciva dalle sue labbra mentre sentiva che iniziava a gocciolarle lungo la gamba. Tornò al letto con la scatola dei fazzoletti, ancora lottando per mantenere l'equilibrio, la sua figa ancora sensibile la faceva rabbrividire a quasi ogni passo.

Inginocchiandosi sopra di me ha cominciato a pulire i succhi dalla mia gamba, poi dal mio cazzo ammorbidente, dandole carezze dolci che erano un po' più stimolanti del necessario, facendomi rabbrividire. Mi sono semplicemente sdraiato lì mentre poi procedeva a pulirsi, prima togliendosi la gamba e poi la figa, i suoi muscoli cercavano di spingere fuori quello che poteva mentre faceva e il tocco la faceva gemere dolcemente. Guardandola finire mi sono seduto sul suo letto e l'ho baciata dolcemente che l'ha fatta sorridere di nuovo. Poi si è alzata, girando spudoratamente per la sua stanza nuda alla ricerca dei pantaloni del pigiama e della canotta che poi si è messa. Si è chinata un paio di volte durante il processo, dandomi un'ottima occhiata del suo fantastico sedere, che poteva essere stato solo apposta. Sapeva benissimo che avrei potuto fissarlo per ore.

" Mi farò una doccia. "

"Aspettami allora."

La notai sorridere mentre rispondevo, il rossore dell'eccitazione che le ricresceva sulle guance. Senza nemmeno guardarla negli occhi, potevo facilmente dire che le parole "sesso sotto la doccia" lampeggiavano nelle luci al neon nel suo cervello. Aveva programmato di attirarmi dentro? Mi sono alzata con calma e sono andata a prendere la pila dei miei vestiti che avevamo gettato in un angolo ieri sera e poi mi sono messa le mutande ei jeans, visto che non avevo proprio pensato di portare dei pezzi di ricambio puliti. Poi mi condusse in bagno, agitando il culo da un lato all'altro a ogni passo, un chiaro fattore che era molto ansiosa di ciò che entrambi sapevamo sarebbe seguito. Potevo facilmente credere che non fosse stata con un uomo per molto tempo, desiderarlo così tanto non era affatto da lei. Non ci vedevamo da così tanto tempo, c'era un sacco di lussuria repressa con cui recuperare.

Chiudendo la porta dietro di me, mi avvicinai a lei mentre si chinava per aprire la doccia. Si è presa il tempo per controllare se era la temperatura giusta e l'ho preso come spunto. Mi sono tolto i vestiti prima di mettermi dietro di lei. Le mie dita scivolarono sui suoi fianchi e dentro i suoi pantaloni del pigiama, poi li tirai giù, sfiorando con fermezza le mie dita contro la sua carne come facevo. La vista del suo culo nudo da così vicino mi ha fatto indurire di nuovo subito e mentre alzava i piedi per permettermi di togliermeli, ho notato che un flusso fresco dei suoi succhi ricominciava a coprire la sua fessura. Poi ho spostato le dita lungo il suo corpo, facendo salire un brivido lungo la sua spina dorsale mentre si raddrizzava ancora una volta. Salendo ho iniziato a toglierle la canottiera, le mie dita si sono spostate sul suo petto e poi saldamente contro il suo seno, ogni dito scorreva sui suoi capezzoli irrigiditi nel processo. Gemette dolcemente, strofinando il culo contro il mio cazzo duro mentre alzava le braccia per farmi togliere l'ultimo capo di abbigliamento.

Si voltò a guardarmi, con la pura lussuria negli occhi, le labbra imbronciate in un gemito e il respiro che gradualmente accelerava. Mi sono chinato e l'ho baciata, la sua lingua si è mossa avidamente dentro, girando intorno alla mia prima che tirasse indietro la testa, succhiandomi le labbra inferiori come faceva lei. L'ho guardata e mi sono morso il labbro, la lussuria sicuramente riempiva il mio stesso sguardo. Rispondendo con un sorriso eccitato, mi afferrò il polso e mi condusse velocemente sotto la doccia. Non lasciandomi il tempo di fare nulla, afferrò subito una lozione detergente e uno scrub, preparandosi a lavarmi il corpo.

Sembra che fosse dell'umore giusto per prendere in giro. La sua mano libera mi accarezzò delicatamente il petto con appena la punta delle dita, apparentemente cercando di resistere all'impulso di afferrare il mio cazzo. L'altra sua mano iniziò prima a strofinarmi le braccia e su per le spalle, apparentemente prendendo il suo tempo su ciascuna delle mie spalle, poi iniziò a strofinarmi il petto con lenti movimenti circolari. Semplicemente stando lì e lasciandola divertire, potevo vedere i suoi occhi sobbalzare sul mio corpo fermandosi ogni volta sulle mie spalle e sul mio cazzo, che era abbastanza lungo da colpire il suo ombelico una volta ogni tanto. Si è mossa sempre più in basso, fino a quando ha iniziato a strofinare il mio cazzo, prendendosi il suo tempo per pulirlo a fondo, muovendosi su e giù ad ogni movimento e poi tra le mie gambe, strofinandomi delicatamente le palle, cosa che sono sicura che ha notato mi ha fatto sussultare.

Il rossore del suo viso si fece più intenso, si avvicinò a me, i suoi seni premono contro il mio petto e la sua mano spinse il mio cazzo tra le gambe per avvicinarsi. Anche se era un po' bassa e doveva stare sulla punta dei piedi, così premette ancora di più i suoi seni contro di me, la sua mano libera si teneva sulla mia spalla per aiutarla a mantenere l'equilibrio. Si è davvero presa il suo tempo per strofinarmi la schiena. La sua figa ora digrigna il mio cazzo ad ogni movimento, doveva smettere di lavarmi ogni volta che un gemito le sfuggiva dalle labbra. Il sapone rendeva troppo facile scivolare tra le sue gambe e potevo sentire i suoi fianchi che si muovevano da soli, cercando di assorbire quante più sensazioni possibili.

Finendo la mia parte bassa della schiena, si è tolta con riluttanza dal mio cazzo duro, ansimando rumorosamente mentre la testa si strofinava contro il suo clitoride rigido. Afferrò il soffione della doccia e iniziò a sciacquarmi la parte superiore del corpo, la sua mano libera accarezzò il mio petto come faceva, poi sopra la mia spalla mentre mi sciacquava la schiena. La parte superiore del mio corpo ora è pulita a suo piacimento, ha afferrato il mio cazzo in modo che non colpisse contro di lei e ha iniziato a baciarmi il collo. Poi si è spostata sulle mie spalle, rimanendo lì per un po' e ho potuto sentire le sue dita sottili che accarezzavano delicatamente il mio cazzo. Si spostò sul mio petto, baciando un punto qua e là mentre si inginocchiava lentamente davanti a me.

Fissando il mio cazzo, potevo sentire il suo respiro contro la testa, facendolo tremare per l'eccitazione. Dando un bacio bagnato al mio cazzo, si staccò delicatamente il prepuzio e iniziò a baciarlo sempre più a fondo finché non iniziò a prenderlo tra le labbra. All'inizio era solo un po', la sua lingua si agitava e si attorcigliava all'interno del foro sulla punta, poi spinse un po' di più dentro la sua bocca, la sua lingua ora scorreva scherzosamente sul mio punto più sensibile, proprio alla base della mia testa del cazzo . Alla fine iniziò a prendere tutta la testa in bocca, apparentemente incapace di prenderne di più dato che ero abbastanza grande laggiù, la sua mano accarezzava saldamente la base della mia asta, l'altra mi sfiorava la gamba e il culo per stuzzicarmi.

Le sue labbra si muovevano su e giù per la mia testa del cazzo, succhiandolo ogni volta che tirava indietro la testa. Ogni volta che lo spingeva dentro, la sua lingua sembrava muoversi ancora più avidamente. Quello che era un primo film solo provocatorio, si stava gradualmente trasformando in una danza irregolare di leccate su tutta la mia testa, insistendo spesso sul mio punto debole. La sua testa oscillava sempre più veloce, il piacere mi fece sussultare rumorosamente, intorpidindo il mio cervello fino a non poterne più. Prendendole la testa tra le mani, l'ho spostata delicatamente dal mio cazzo, non volendo venire così in fretta. Con riluttanza afferrò di nuovo lo scrubber e finì di pulirmi le gambe, i suoi occhi non lasciavano mai il mio cazzo. Mi ero quasi dimenticato del suo feticismo dello sperma. Si alzò lentamente mentre finiva con le mie gambe, le sue stesse tremavano per quanto fosse sensibile la sua figa ormai.

" Tocca a te. "

La guardai negli occhi, un sorrisetto eccitato sulle mie labbra e le presi il braccio, facendola girare in modo che la sua schiena fosse di fronte a me. Rimettendo il soffione al suo posto, il getto d'acqua cadde direttamente sui suoi seni, facendo tremare il suo corpo mentre gemiti silenziosi le sfuggivano dalle labbra. Non volendo affrettare le cose, ho iniziato con la schiena. Sono stato attento a prendermi il mio tempo, su e giù per la sua schiena, poi intorno alle sue spalle e giù per le sue braccia, lasciando che l'attesa crescesse ancora di più dentro di lei mentre l'acqua le stuzzicava i capezzoli duri per me. Evitando le sue aree più sensibili, sono saltato giù fino alle sue gambe. Prima i suoi piedi, poi lentamente su i polpacci, strofinando di più il sapone mentre le massaggiavo le gambe con la mano libera.

Sapere che la mia faccia era così vicina al suo culo sembrava solo renderla ancora più eccitata. Cominciò ad agitare i fianchi proprio davanti a me proprio mentre le raggiungevo la parte superiore delle gambe, sicuramente aveva fretta che la toccassi laggiù. Anche se ero oltremodo eccitato da entrambe le cose e mi stavo avvicinando così tanto a sparare il mio carico nella sua bocca solo un momento fa, ho comunque scelto di seguire i miei modi di prendere in giro. Mentre si chinava quasi istintivamente, le ho dato un bacio gentile sul culo, proprio accanto alla sua figa, facendola gemere un po' più forte. Strofinandole le chiappe e i fianchi, la sua danza eccitata è diventata un po' più selvaggia, ma ancora una volta ho evitato le aree sensibili. Invece, ho iniziato a strofinarle lentamente lo stomaco, allargando gradualmente i cerchi, avvicinandomi sempre di più al suo seno.

Avvicinandola ancora di più a me e lontano dal flusso d'acqua, il mio cazzo ora premeva con tutta la sua durezza contro la sua schiena, l'ondeggiare irregolare dei suoi fianchi faceva sfregare la testa contro di lei. Ho avvolto il mio braccio intorno alla sua vita, tenendola saldamente contro di me in modo che non potesse stuzzicarmi troppo e farmi perdere la concentrazione. Ho spostato con decisione lo scrubber riempito di sapone su ogni seno, facendo strofinare le fibre contro i suoi capezzoli. Ad ogni carezza gemeva, il piacere di giocare con i suoi seni le faceva tremare il corpo e le gambe minacciavano di cedere. Ho giocato con i suoi seni per un po', godendomi la musica dei suoi gemiti, ma potevo dire che il nostro desiderio era costruito abbastanza. I suoi seni belli e puliti, sono sceso lentamente sul suo stomaco, dove sapevo che aspettava con impazienza le mie mani, tra le altre cose.

Con la mia mano libera ho afferrato la sua gamba, comprendendo il mio intento, ha appoggiato di più il suo peso sul mio petto e ha avvolto le braccia intorno al mio collo prima di aiutarmi a sollevare la gamba. Sussultò rumorosamente mentre mi muovevo tra le sue gambe, strofinando saldamente lo scrubber contro la sua figa tremante. Ho strofinato sempre più a fondo, lasciando che la fibra la facesse impazzire mentre sollevavo gradualmente la sua gamba più in alto fino a poterle strofinare anche il buco del culo. Era molto più flessibile di quanto pensassi. Le sue cosce si sono ripulite, ho buttato via lo scrubber. I suoi fianchi erano fuori controllo, sicuramente per il desiderio di sborrare così tanto ormai, ma non avevo ancora finito con lei.

"Dobbiamo pulire anche dentro."

Le mie dita scivolarono lentamente dentro la sua fessura, facendola gemere il mio nome. Con movimenti attenti li ho spinti dentro e ho fatto del mio meglio per allargare le dita dentro di lei, aiutando a far uscire lo sperma che era ancora dentro di prima e di ieri sera. Gocce di densa sostanza appiccicosa bianca iniziarono a scorrere sulle mie dita insieme ai suoi succhi, anche se l'acqua la lavava via era un vero fiume laggiù. Ho mosso le dita dentro e fuori alcune volte, usando il battito dei suoi muscoli per spingere fuori ciò che era rimasto finché la sua gamba sollevata non è scivolata dalla mia mano. Ormai riusciva a malapena a stare su due gambe anche con il mio aiuto. Sembra che ora fosse il momento.

"Vuoi che lo metta?"

" Sì! "

Lei rispose debolmente tra i suoi respiri selvaggi. L'ho spostata contro il muro, i suoi seni ora premono saldamente contro le piastrelle fredde, la sua figa mi invitava a entrare a ogni sventolare dei suoi fianchi. Non volendo farla aspettare oltre, ho afferrato la bottiglia di sapone e ne ho versato un po' sul mio cazzo e l'ho strofinato. Volevo che le sue viscere fossero belle e pulite per oggi, questo di certo non sarebbe stato l'ultimo round. Il mio cazzo ora lubrificato con sapone, ho avvolto di nuovo il mio braccio intorno alla sua vita e ho guidato il mio cazzo verso la sua figa bagnata con la mia mano libera. Lentamente l'ho spinto dentro, ovviamente le sue viscere non erano ancora abituate alla mia taglia, fino a quando non ero profondo 8 pollici, devo ammettere ancora stupito che la sua figa stretta potesse sopportare tutto dopo così tanto tempo.

Avrei voluto prendermi il mio tempo, ma i suoi fianchi si muovevano selvaggiamente da soli, spingendo il mio cazzo dentro e fuori profondamente mentre un flusso di gemiti usciva dalle sue labbra, più che abbastanza forti da essere uditi oltre il suono della doccia. Ho iniziato a seguire i suoi movimenti, facendo del mio meglio per controllarmi e continuare a darle spinte fluide. Avevo avuto un sacco di tempo per calmarmi dal suo pompino un momento fa, ma volevo disperatamente farla venire, non potevo ancora lasciarmi sprofondare nel piacere. Facendo attenzione ad aumentare gradualmente la mia velocità dentro di lei, mi chinai su di lei. Appoggiando una mano al muro, proprio accanto al suo viso per aiutarmi a mantenere l'equilibrio, facendole sentire chiaramente ogni mio sussulto e respiro.

I suoni della mia stessa estasi sembravano spingerla rapidamente oltre il limite, mentre i suoi gemiti diventavano ancora più forti tra i guaiti di puro piacere. I suoi fianchi si muovevano selvaggiamente sul mio cazzo, completamente fuori controllo mentre si avvicinava all'orgasmo. Gemendo proprio nel suo orecchio, ho iniziato a martellare il mio cazzo dentro di lei. Tutto il suo corpo si tese e si coprì la bocca con una mano, avendo bisogno dell'altra per mantenere l'equilibrio. L'intenso piacere scosse il suo intero corpo quando finalmente raggiunse l'orgasmo, stando in piedi sulla punta dei piedi ed emettendo un grido soffocato nella sua mano.

Alla fine le sue gambe cedettero e cadde sul pavimento della doccia, il flusso d'acqua lavava lentamente via il sapone e spremeva il mio cazzo ancora duro. Chinandomi un po' le accarezzai la guancia, sorridendole mentre il suo potente orgasmo si placava, il suo respiro rallentava gradualmente. Prendendomi la mano, si strofinò un po' contro di essa e mi fece un debole sorriso, pieno di piacere e soddisfazione. Anche se non sopportava, si avvicinò un po' a me, continuando a sorridere. Si morse il labbro inferiore e fissò il mio cazzo duro.

Prendendolo in bocca, potrei dire che desiderava assaporarlo di nuovo mentre iniziava a muovere la testa con entusiasmo su di esso. Mi accarezzò con fermezza l'asta mentre si concentrava sul mio punto debole, la sua lingua che guizzava avidamente e girava su di esso, prima di usare il movimento oscillante per dargli delle forti leccate. Voleva che le sborrassi in bocca presto. È passato appena un minuto ed ero già al limite. Ho sentito le mie palle contrarsi e il mio cazzo diventare ancora più duro nella sua bocca. Mentre le sparavo una densa sborra in bocca, lei si trattenne il più possibile, continuando a stuzzicare il mio punto debole con la lingua mentre lo succhiava, ingoiando ogni goccia.

Storie simili

In famiglia (parte 5)_(1)

Vuoi un po' di compagnia? Cam fece capolino nella doccia. La guardai con gli occhi socchiusi mentre mi tiravo indietro i capelli bagnati dagli occhi. La bella addormentata è finalmente in piedi. ho preso in giro. Fece una risatina e aprì la porta a vetri. Devi sciogliere l'asciugamano, lo sai. dissi, guardando l'asciugamano che stringeva così forte al suo corpo. Entrò e gettò l'asciugamano per terra. Era tutto pieno di vapore nella doccia, quindi non potevo vederla chiaramente, ma potevo vederla. Mamma e papà non si sono ancora alzati? Non credo. Disse e prese una bottiglia di shampoo. Perché non ti...

1.1K I più visti

Likes 0

Tocca - Capitolo 2

Tocca - Capitolo 2 Le cose sono diventate imbarazzanti rapidamente, Kelly e io avevamo appena fatto del sesso bollente insieme senza sapere davvero perché l'avessimo fatto. È stato perché sono venuto su di lei e lei non voleva fermarmi? Ma poi stava partecipando altrettanto... non riuscivo a metterlo insieme. Abbiamo provato a parlarci subito dopo, ma entrambi ci sentivamo strani l'uno con l'altro, ecco perché non ci ho mai provato prima, sapevo che questo avrebbe rovinato la nostra amicizia. Ho cercato di uscire da lì il più velocemente possibile senza cercare di sembrare un completo idiota. Non ero il tipo da...

1K I più visti

Likes 0

Prima volta_(3)

Era la primavera del '99 e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, avevo appena compiuto diciotto anni. Ero nella squadra di pallavolo, fisicamente in forma e pronto a sfidare il mondo. Avevamo appena vinto la nostra prima partita e dopo un discorso di incoraggiamento di coach Azzerelli, ci ha mandato alle docce. Mi ero spesso eccitato quando ero sotto la doccia dopo l'allenamento mentre guardavo gli altri fare la doccia. Li fissavo mentre tenevo la testa sotto il getto d'acqua, quindi non era ovvio. O così ho pensato. Uno degli chic della mia squadra era piuttosto figo, ma non sembrava mai avere...

649 I più visti

Likes 0

LA RAGAZZA VAMPIRO 2

Angelina corse con tutte le sue forze dopo essere atterrata a terra. Erano le 3:30 del mattino. Il sole sorgerà alle 5 e lei dovrà raggiungere la sua casa il più velocemente possibile. Guardò Michelle. Aveva desiderato questa ragazza sin da quando l'aveva vista sbirciare su Abilene. L'odore della sua dolce fica fluttuava insieme a lei, facendola arrapare da morire. Dopo mezz'ora di schivate tra edifici, incroci e viuzze, Angelina ha finalmente raggiunto la sua casa. Si avvicinò in fretta al cancello, che si aprì da solo, sapendo che era arrivata la padrona di casa. Ha tenuto Michelle sul suo letto...

213 I più visti

Likes 0

Mother's Submission - Capitolo 12

Alex Morgan si guardò intorno nella sua stanza del dormitorio, la stanza in cui aveva trascorso gli ultimi anni. Aveva alcuni bei ricordi qui, ma ce n'era uno eccezionale. Quando il suo amico, George, lo aveva spinto a creare un profilo per l'app di appuntamenti. Era lì che aveva incontrato la donna che ora amava, che per caso era sua madre. Quando si era presentato oggi, George era stato felice di vederlo. George è stato molto meno felice di scoprire che Alex si sarebbe trasferito a casa e avrebbe completato i suoi studi online. Chi mi aiuterà quando avrò problemi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt. 2

Mentre mi avvicinavo al maniero, la scorsa notte continuava a rimuginare nella mia mente. Volevo solo incontrare il cane, e così sono entrato nel canile. Poi, prima che me ne rendessi conto, mi aveva buttato a terra e mi stava annusando. Poi mi ha strappato le mutandine e ha iniziato a leccarmi la figa, portandomi all'orgasmo contro la mia volontà. Quando pensavo che avesse finito, mi è saltato sulla schiena e mi ha violentata. Ma la parte peggiore è stata quando mi sono lasciato andare e ho iniziato a godermelo. Mi sono svegliato stamattina e ho trovato questo biglietto e il...

1K I più visti

Likes 0

Scoprire che sono gay parte 3

Quindi pochi giorni dopo, dopo aver rotto con Lizzy, mi stavo abituando all'idea di essere di nuovo single. Quando ero al college a lezione con McKenzie, ha iniziato a sedersi accanto a me e ha detto Tu e Lizzy vi siete lasciati perché vi ho baciato? Ho guardato McKenzie e ho detto No, il motivo per cui io e Lizzy ci siamo lasciati è perché mi piaceva baciarti. Dopo aver detto che mi sono alzato dal mio posto, ho preso la borsa e sono andato a uscire dalla lezione mentre camminavo, il mio insegnante mi ha detto E dove pensi di...

982 I più visti

Likes 0

Caduta celeste - Capitolo 5-6

Capitolo Cinque Estratti dal passato Immortalità: idea abbagliante! Chi ti ha immaginato per primo! Era forse qualche allegro borghese di Norimberga, che con il berretto da notte in testa e la pipa di terracotta in bocca, sedeva in una piacevole sera d'estate davanti alla sua porta, e rifletteva in tutta la sua comodità che sarebbe stato piacevole se, con pipa inestinguibile, e respiro infinito, poteva così vegetare innanzi per una beata eternità? O era un amante, che tra le braccia della sua amata, pensava il pensiero dell'immortalità, e questo perché non poteva pensare e sentire nulla accanto!... Amore! Immortalità! Heinrich Heine...

715 I più visti

Likes 0

Giorni di appuntamenti

È stata una bella giornata alla Woodrow Wilson High, situata nel nord della California. (Che posto strano per nominare quella scuola lì). Mi chiamo James Carten. Sono un atleta regolare, ho giocato in quasi tutte le squadre. Ho iniziato il mio primo anno di liceo, gli ormoni al loro apice. Sfortunatamente, non ero il massimo con le donne. Potrei parlare con loro, essere d'accordo con loro, ma non potrei mai chiedere loro di uscire. Ho provato a cambiarlo presto. Sono entrato nel primo ciclo, stanco da morire, ma il lavoro lo faccio lo stesso. Guardo questa ragazza, Chelsy, mentre è seduta...

609 I più visti

Likes 0

Erotismo vampiro

Sono solo e impotente, mentre torno a casa dall'allenamento di softball una sera tardi. Sento dei passi che mi seguono, ma quando mi giro non c'è niente. Spaventato comincio a muovermi più velocemente. Sentendo ancora dei passi prendo una scorciatoia, percorrendo una strada laterale. Questa strada laterale non ha lampioni, è molto buia. Sento i passi avvicinarsi. Sono così spaventato. comincio a correre. Mi sento come se ci fosse qualcuno che mi segue. Mi sento come se si stessero avvicinando a me. Sono così spaventato, e dato che è così buio inciampo nella radice di un albero. A terra, sento qualcuno...

99 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.